Feed aggregator



LinuxDay 2016

Pocket Rush: il nuovo racing game sviluppato dal team italiano redBit Games

Tecnoandroid - 2 hours 4 min ago

Pocket Rush: il nuovo racing game sviluppato dal team italiano redBit Games
Tecnoandroid

Il gioco è disponibile anche su iOS.

Visto che i progetti e le app italiane pubblicate sugli store più importanti sono davvero una percentuale minima, ogniqualvolta si palesa un gioco o un servizio interessante creato nel nostro Paese, ci teniamo a presentarvelo. È questo il caso di Pocket Rush, un racing game free to play pubblicato da un paio di giorni su Play Store ed App Store. Scopriamolo insieme in questo articolo!

L’applicazione è scaricabile gratuitamente (con la possibilità di acquisti in-app fino a 121,99 euro, ndr), è disponibile sia per dispositivi Android che iOS e sembra essere molto divertente ed accattivante. Il gameplay è tanto semplice quanto immediato: il compito del giocatore sarà quello di guidare una delle tante auto, ognuna con caratteristiche diverse e peculiari, verso la vittoria. Dovrete soltanto accelerare e frenare tramite un semplice tap sullo schermo ma attenzione, non sottovalutate la sfida in quanto, l’App sarà comunque capace di riservarvi qualche problemuccio e difficoltà da superare in gara. Questo non è il primo gioco sviluppato dal team italiano chiamato redBit Games: tra gli altri segnaliamo i più recenti Cookie Clickers e Jelly Juice. L’app è attualmente disponibile in versione 1.0.0 e non richiede particolarità specifiche per essere eseguita se non Android in versione 4.0.3 o successiva e almeno 105 MegaByte di spazio disponibile sul vostro device.

Per altre informazioni sul gioco in questione, vi invitiamo a vedere il trailer ufficiale qua di seguito mentre come di consueto, in calce all’articolo, potete trovare il link per il download dal Google Play Store:

Pocket Rush (Playboard) | Pocket Rush (Play Store)

Pocket Rush: il nuovo racing game sviluppato dal team italiano redBit Games
Tecnoandroid

Apple: gli utenti preferiscono le nuove AirPods rispetto ad Apple Watch

Tecnoandroid - 3 hours 5 min ago

Apple: gli utenti preferiscono le nuove AirPods rispetto ad Apple Watch
Tecnoandroid

Eccoli, i nuovi auricolari AirPods.

Dopo la consueta, come ogni anno, sfida di resistenza tra il top di gamma Apple e quello Samsung (in questo caso iPhone 7 e Galaxy S7), torniamo a parlare di quanto presentato dalla società di Cupertino nell’ultimo keynote in particolare, ci concentriamo su un prodotto passato un po’ in sordina ovvero le nuove cuffie Bluetooth.

Complici gli altri device più importanti che hanno catalizzato l’attenzione dei media e del grande pubblico ed il fatto che Apple non abbia ancora mandato in onda alcuno spot sulle cuffie bluetooth, era facilmente immaginabile che l’interesse dei consumatori non fosse poi così alto invece, stando ad alcuni dati che vi riportiamo di seguito, pare proprio che le persone siano più intenzionate all’acquisto degli auricolari rispetto al nuovo modello di Apple Watch. Insomma, che Apple sia riuscita nell’intendo di far passare il messaggio che le nuove AirPods non sono semplici cuffie senza fili ma un vero e proprio concentrato di tecnologia grazie all’integrazione con Siri, ai sensori infrarossi ed alla superficie tattile?

Forse sì ma quello che sinceramente non ci aspettavamo è che, su un campione di utenti generici e quindi non necessariamente utenti possessori di iPhone, il 12% si dichiara intenzionato all’acquisto delle cuffie nonostante il prezzo particolarmente elevato (in Italia costano 179 euro, ndr) mentre, soltanto l’8% degli intervistati ha spiegato che acquisterà una delle nuove versioni dello smartwatch prodotto dall’azienda di Cupertino. Per cui, a questo punto, la domanda sorge spontanea: si tratta di un successo per le cuffie bluetooth AirPods o di un fallimento nella comunicazione o nella progettazione di Apple Watch 2?

Parlando dell’eterna lotta tra utenti Android e Apple ci chiediamo: perchè gli utenti Android odiano così tanto quelli Apple e soprattutto, chi odia di più chi?

#td_uid_1_57ee66cd56c99 .td-doubleSlider-2 .td-item1 { background: url( 0 0 no-repeat; } #td_uid_1_57ee66cd56c99 .td-doubleSlider-2 .td-item2 { background: url( 0 0 no-repeat; } Ecco i dati: 1 su 2

Apple: gli utenti preferiscono le nuove AirPods rispetto ad Apple Watch
Tecnoandroid

BlackBerry dice addio alla celebre tastiera QWERTY

Tecnoandroid - 3 hours 35 min ago

BlackBerry dice addio alla celebre tastiera QWERTY
Tecnoandroid

Diciamo addio alla divisione SmartPhone?

Dopo il cosiddetto fulmine a ciel sereno ovvero che BlackBerry potrebbe realmente cessare la produzione di smartphone, almeno secondo quanto dichiarato da Apple, torniamo a concentrarci su quelli che sono gli sviluppi della vicenda che riguarda il famoso produttore canadese.

Come vi abbiamo già detto, è abbastanza comprensibile che la società intenda tagliare i costi di produzione chiudendo definitivamente il reparto hardware pur cercando però di mantenere una certa importanza e prestigio nel mercato. Si parla infatti di una BlackBerry pronta a concentrarsi soltanto sullo sviluppo software ed in grado di creare device portando alcune fasi della produzione altrove. Un po’ come è avvenuto col DTEK50 ed il nuovo DTEK60, nome in codice Argon, di cui vi abbiamo parlato e mostrato alcuni render in questo nostro articolo. Nel corso di una conferenza, il CEO John Chen ha inoltre spiegato che l’iconica tastiera QWERTY fisica, che da sempre è segno peculiare dell’azienda, non sarà del tutto abbandonata ma verrà concessa in licenza ad altri produttori esterni affinché vengano realizzati nuovi terminali con l’ausilio di tale tecnologia. Ci è quindi abbastanza facile immaginare che la società sia al lavoro su un nuovo smartphone con nome e logo BlackBerry ma con al suo interno Android e caratterizzato da una tastiera fisica. Il tutto, ad eccezione del software, prodotto da terzi. Tale rumoreggiato device, nome in codice Mercury/Rome, dovrebbe avere un processore Qualcomm Snapdragon 625/650, 3GB di RAM, un display da 4.5 pollici Full HD ed una batteria con capacità pari a 3.400 mAh. Per quanto concerne il reparto fotografico e la data di uscita, si parla di una camera posteriore da 18 MegaPixel, una anteriore da 8 MegaPixel ed una pubblicazione sul mercato prevista per il Q1 2017. Insomma, che ve ne pare?

BlackBerry dice addio alla celebre tastiera QWERTY
Tecnoandroid

PI Guide/ Contenitori in GNU/Linux, come crearli e perche'

Punto Informatico - 4 hours 5 min ago
Systemd 231 e' un ambiente avanzato nel quale e' possibile confinare programmi e distribuzioni, ideale anche come container per testare applicazioni in fase di sviluppo

Android Wear 2.0 si fa attendere: arriverà nel 2017

Tecnoandroid - 4 hours 5 min ago

Android Wear 2.0 si fa attendere: arriverà nel 2017
Tecnoandroid

Android Wear 2.0 dovrebbe fare il suo ingresso in scena a partire dal prossimo anno

Android Wear 2.0 arriverà solamente ad inizio 2017 e non, come preannunciato, in questo tardo 2016. La notizia arriva direttamente da Google che, proponendo la sua terza versione beta agli sviluppatori, annuncia che la versione finale non sarà rilasciata prima dell’inizio dell’anno prossimo venturo.

Tanto per rinfrescare la memoria, Android Wear 2.0 è stato presentato da Big G durante la sua conferenza “Google I/O“, nella quale l’azienda californiana aveva indicato un aggiornamento piuttosto celere e previsto entro la fine di questo autunno. Un update, dunque, da rilasciare prima delle sospirate festività natalizie. Così però non è stato e, quindi, il colosso statunitense dovrà fare a meno delle sue intenzioni di rilanciare il comparto smartwatch a seguito delle vendite di quel periodo.

Android Wear 2.0, sarà presente il Google Play Store

Il colosso informatico sembra voler attendere ancora per il rilascio ufficiale, al fine di perfezionare e correggere tutti i vari bug presenti all’interno dello stesso OS. La nuova versione del sistema operativo per smartwatch di Big G, inoltre, porterà con sé una marea di interessantissime novità. Tra di esse, è possibile notare la presenza del Google Play Store che finalmente sarà direttamente consultabile attraverso il proprio smartwatch.

Tra le numerose ulteriori funzionalità aggiunte troviamo: download ed installazione di nuovi applicativi tramite lo store ufficiale (compresi quelli usufruibili tramite il programma beta), nuovi metodi per i pagamenti sicuri e, naturalmente, la gestione di più account contemporaneamente. Infine, finalmente sarà possibile utilizzare lo smartwatch in maniera completamente autonoma rispetto allo smartphone. Infatti, per la prima volta nella storia dell’OS saranno resi disponibili per gli utenti delle applicazioni espressamente progettate e sviluppate per Android Wear.

Se da un lato Google ed Android Wear arrancano, dall’altro Apple ed il suo Watch 2 hanno conquistato e fidelizzato il mercato, grazie alle loro performance ed allo stile elegante e raffinato. Con la speranza che Android e Google possano recuperare il gap che li distanzia dallo smartwatch di Apple, staremo a vedere come evolverà il mercato nei prossimi mesi. Per ulteriori informazioni e novità in merito alla vicenda, stay tuned su Tecnoandroid.it!

 

Android Wear 2.0 si fa attendere: arriverà nel 2017
Tecnoandroid

Spheres, il drone orbo che osserva e impara

Punto Informatico - 4 hours 6 min ago
Sulla Stazione Spaziale Internazionale vengono sperimentati nuovi paradigmi volti a rendere il comportamento automatico dei droni piu' affidabile nelle future missioni

G Suite e Google Cloud, nuovi brand da Mountain View

Punto Informatico - 4 hours 7 min ago
La corporation annuncia novita' per i suoi servizi cloud, ora categorizzati come parte di un'unica linea di prodotto omnicomprensiva. Il "rebranding" coinvolge anche i servizi per la produttivita', il target e' eminentemente enterprise

iPhone 8 sarà realizzato in vetro ed acciaio inossidabile

Tecnoandroid - 4 hours 36 min ago

iPhone 8 sarà realizzato in vetro ed acciaio inossidabile
Tecnoandroid

iPhone 8, secondo gli analisti, sarà realizzato in vetro (doppio) ed acciaio

iPhone 8, il melafonino del decennale, secondo le predizioni degli analisti del settore, ritornerà agli albori. Infatti, lo smartphone sarà realizzato completamente in vetro sia nella sua parte anteriore che in quella posteriore, con un sottile e robusto bordo in alluminio o, più probabilmente, acciaio inossidabile. Un vero e proprio ritorno al passato, insomma.

Come sempre, non appena un nuovo dispositivo appare sul mercato (vedi iPhone 7 ed iPhone 7 Plus), speculano le indiscrezioni, i rumors e le previsioni riguardo il modello successivo. In particolare, il futuro smartphone di casa Apple verrà presentato nel 2017 (presumibilmente durante il Keynote di settembre) e rappresenterà un dispositivo di estrema importanza per le sorti del gruppo, visto e considerato che si viene a trovare nel decennale dall’uscita del primo iPhone sul mercato.

iPhone 8, un device sempre più simile ad Apple Watch

Il noto analista, Ming-Chi Kuo, presso KGI Securities ha pubblicato recentemente una nota nella quale effettua una stima sul futuro design proposto da Apple sul suo prossimo melafonino. Secondo l’analista, il successo dell’attuale modello è stato decretato dall’ingresso della colorazione nera siderale (che rappresenta circa il 30/35% degli ordini a livello mondiale). Per questa ragione la società con sede a Cupertino, in California, potrebbe decidere di montare in futuro un vetro posteriore, capace di resistere alle micro-lesioni.

Per informazione, ricordiamo che il vetro posteriore era già presente su iPhone 4 ed iPhone 4S in passato; tuttavia, anche in quel caso si registravano lesioni per colpa di cadute accidentali. Ma Ming-Chi Kuo pare abbia trovato una soluzione a questa problematica: un vetro con tecnologia 2,5D invece che il classico 3D. Ciò permetterà una maggiore resistenza agli shock di qualsivoglia tipo.  Infine, iPhone 8 potrebbe essere dotato anche di una cornice in metallo e più precisamente in alluminio o acciaio inossidabile.

Staremo a vedere in futuro quale altre indiscrezioni trapeleranno dalla sede di progettazione del colosso californiano e se queste saranno o meno apprezzate dal grande pubblico. Per ulteriori informazioni e novità a riguardo, continua a seguirci su Tecnoandroid.it!

iPhone 8 sarà realizzato in vetro ed acciaio inossidabile
Tecnoandroid

UMi Plus, ecco cosa contiene la confezione di vendita

Tecnoandroid - 5 hours 5 min ago

UMi Plus, ecco cosa contiene la confezione di vendita
Tecnoandroid

UMi Plus è l’ultimo flagship killer dell’azienda cinese; in attesa delle prime recensioni ufficiali, l’azienda ha eseguito il primo unboxing ufficiale della confezione di vendita del terminale. Un video mostra quello che gli utenti riceveranno a casa, se decideranno di acquistare il terminale.

UMi Plus, tutto curato nei minimi dettagli a partire dal packaging

Il video mostra una confezione estremamente curata, ridotta in dimensione rispetto a quella dei predecessori. Totalmente in alluminio nero, il packaging è simile – a livello di dimensioni – a quello adottato per iPhone e Samsung. Al suo interno c’è tutta l’accessoristica di base: caricabatterie rapido PE+, cavo USB/USB Type-C, graffetta per il carrellino della SIM e manuale d’istruzioni.

Il terminale è posizionato in bella vista all’apertura della scatola, tutti gli altri accessori sono posizionati sotto l’alloggio protettivo. UMi Plus è un phablet destinato, come Super e Max, ad incuriosire gli utenti ed invadere il mercato. Un concentrato di potenza con Android stock (versione Marshmallow, ma entro Natale arriverà l’aggiornamento a Nougat) e prezzo super accattivante. Ecco le specifiche di base:

  • Display Sharp IPS LCD da 5,5″ con risoluzione FHD e vetro protettivo 2,5D;
  • Soc octa core Helio P10;
  • RAM: 4GB (targata Samsung);
  • Storage interno: 32GB;
  • Batteria da 4000 mAh con sistema di ricarica PE+ e USB type-C;
  • Camera principale con sensore Sony da 13MP corredato da doppio flash LED dual tone;
  • Camera frontale da 5MP;
  • Lettore d’impronte digitali ultra rapido.

Il corpo è un unibody in alluminio serie S6000, sottile e resistente. Al momento, le prevendite del phablet sono ancora aperte ed è possibile accaparrarselo a 179,99$ (circa 160€). A partire da domani, 1 ottobre, il prezzo di vendita diventerà quello ufficiale (ovvero 249,99$). Per potersi accaparrare UMi Plus con sconto di 70$, è sufficiente collegarsi questo indirizzo.

UMi Plus, ecco cosa contiene la confezione di vendita
Tecnoandroid

Google Drive scommette di indovinare quali file vi interessa aprire

Android World - 5 hours 14 min ago

Google Drive lancia Quick Access per Android, che promette di risparmiare il 50% del tempo che solitamente impiegate per arrivare al file giusto, semplicemente eliminando il bisogno di cercarlo. Quick Access infatti, indovinerà al poso vostro che file vi interessa aprire e ve li proporrà in un pratico carosello.

Tramite algoritmi di machine learning, basati sia sulla vostra attività passata su Google Drive, che sulle interazioni con i colleghi, oltre che sugli eventuali appuntamenti fissati, come riunioni periodiche con il capufficio, Quick Access promette di farvi avere a portata di mano il file giusto, al momento giusto. Ci riuscirà? Staremo a vedere. Da oggi però potrete vagliarne l’efficacia nella G Suite per Android.

L'articolo Google Drive scommette di indovinare quali file vi interessa aprire sembra essere il primo su AndroidWorld.

#ASKmeFRIDAY 30 settembre 2016, in diretta oggi alle 17 su Facebook

Android World - 5 hours 15 min ago

Torniamo puntuali come ogni settimana insieme per parlare di tecnologia, del nostro lavoro e di tutto quello che vi passa per la testa. L’appuntamento è come consuetudine alle ore 17:00 e il “luogo” di ritrovo è la piazza di Facebook. Inizieremo il live sulla nostra pagina alle ore 17:00 e continueremo la diretta per circa mezz’ora.

Le prime domande saranno quelle che più probabilità di essere lette e per questo vi suggeriamo di essere puntuali. Potrete poi comunque vedere la diretta in differita sempre su Facebook o sul nostro canale di YouTube.

L'articolo #ASKmeFRIDAY 30 settembre 2016, in diretta oggi alle 17 su Facebook sembra essere il primo su AndroidWorld.

Google si riorganizza con i nuovi Suite, Cloud, Team Drive e Docs aggiornato (video)

Android World - 5 hours 41 min ago

Google Suite, Team Drive, Cloud – Ricche novità per l’universo Google che nelle ultime ore non solo ha lanciato il suo nuovo blog, ma ha anche rivisto la struttura di alcune delle sue app, tra l’altro aggiornandone qualcuna, e servizi.

Una bella riorganizzazione è effettivamente necessaria tra i tantissimi prodotti che Google offre e dopo il lancio di un sito per le news unificato il cammino in questo senso viene intrapreso con le novità che vi illustriamo di seguito.

Google Suite, il nuovo Google App for Work

Partiamo con le soluzioni dedicate al settore aziendale, ovvero quelle che fino ad oggi si sono state chiamate Google Apps for Work (ancor prima Google Apps for Your Domain) e che da oggi si rinominano un più elegante G Suite. A tal proposito Google ha dichiarato che “il nome riflette meglio la missione dell’aiutare le persone ovunque siano a lavorare ed innovare insieme”.

LEGGI ANCHE: Google lancia The Keyword, un blog unificato per tutte le sue ultime news

Concetti astratti a parte, Ryan Tabone, direttore del product management per G Suite, ha spiegato che BigG voleva rendere chiaro all’utenza aziendale che questa è una collezione di strumenti integrata e non un raccolta di singoli prodotti.

Google Team Drive

Sempre dedicato al mondo aziendale arrivano le novità di Team Drive, che riguardano sia Drive, ovviamente, e anche Hangouts. Sul servizio di archiviazione online arriva la possibilità (per ora solo tramite un programma di beta) di avere uno spazio condiviso con controllo approfondito di permessi ed utenti.

Per quanto riguarda Hangouts adesso i meeting supportano fino a ben 50 partecipanti, che possono connettersi da ogni tipo di dispositivo, anche da web (senza alcun plug-in aggiuntivo). Anche questa novità è accessibile solo con un programma di anteprima.

Google Cloud

Le novità indicate nei paragrafi precedenti vengono incluse in questo round di novità in un unico grande contenitore: Google Cloud, che raccoglie anche Google Cloud Platform e tutti i servizi per il settore enterprise, compresi anche i Chromebook con licenza aziendale.

Novità per Google Drive, Calendar, Docs, Sheet

Come accennato in apertura Google ha aggiornato anche diversi dei suoi prodotti, tra l’altro alcuni di questi fanno parte proprio della G Suite. Su Google Drive arriva la funzione Quick Access, una funzione basata su algoritmi di machine learning (un’intelligenza artificiale) che promette di rendere l’uso della ricerca molto più sporadico.

Quick Access è infatti in grado di prevedere quali file, tra quelli presenti su Drive, l’utente vorrà aprire, magari perché appena condivisi o aperti in una certa fascia oraria. Si tratta dell’ennesima integrazione di questo tipo di soluzioni, vista su Google Foto o su Inbox con le Smart Replay; questa per Google Drive arriva per ora solo su Android e solo per G Suite.

Altra (non del tutto) novità riguarda Calendar ossia la finora rimasta appannaggio di Android funzione Smart Scheduling. Questa aiuta a scegliere l’ora migliore per, ad esempio, una conferenza di lavoro in base a vari fattori, come gli altri impegni dei partecipanti. Anche Smart Scheduling è gestita da un’IA ed è esclusiva di G Suite ma adesso arriva anche sull’app iOS di Google Calendar.

Passando alle web app per l’ufficio di Google qui troviamo un’interessante funzione, soprattutto perché non riguarda solo solo per l’universo G Suite. Su Fogli, Documenti e Presentazioni arriva la scheda Explore che permette di avere suggerimenti, analisi e strumenti di editing veloce basati sul contenuto del documento.

LEGGI ANCHE: Andromeda arriverà il 4 ottobre

Insomma da Google un sacco di novità a cui tra l’altro, lo saprete sicuramente già, si aggiungeranno tutte quelle del prossimo 4 ottobre, quando arriveranno anche i nuovi smartphone Pixel.

L'articolo Google si riorganizza con i nuovi Suite, Cloud, Team Drive e Docs aggiornato (video) sembra essere il primo su AndroidWorld.

Motorola vive ancora, almeno nella nuova boot animation dei Lenovo Moto (video)

Android World - 5 hours 43 min ago

L’impronta di Motorola sta sempre più sparendo: prima è stato solo un fatto di brand, con i nuovi Moto G4 e Moto Z commercializzati sotto il nome Lenovo, e poi di riassettamenti aziendali che dell’originale Motorola stanno lasciando sempre meno. Per fortuna qualcosa sopravvive…

Quella che trovate qui sotto è infatti la nuova boot animation che sarà sui “nuovi smartphone Moto”, ma non siamo sicuri se questo significhi necessariamente prodotti ancora non annunciati, o se anche gli attuali la riceveranno sotto forma di update, come successo più volte quando Motorola era di proprietà di Google.

LEGGI ANCHE: Le famiglie Moto Z e Moto G4 saranno aggiornate a Nougat nel Q4

Non illudetevi comunque: è vero che c’è un bel “hello Moto“, ma il video termina con il nome Lenovo in evidenza. I tempi di Motorola sono ormai passati.

L'articolo Motorola vive ancora, almeno nella nuova boot animation dei Lenovo Moto (video) sembra essere il primo su AndroidWorld.

C’è un’ampia gamma di prodotti Meizu nei negozi italiani, anche con M3 Max

Android World - 5 hours 52 min ago

Grazie alla partnership con Concorde S.p.A. sempre più smartphone dell’azienda cinese arrivano nei negozi italiani, tra cui anche i recenti Meizu U20 e Meizu M3 Max.

Sono coperte un po’ tutte le “famiglie” di Meizu, dalle serie M, desinata ai più giovani, alla MX, che combina materiali e prestazioni, passando per l’ultima arrivata, al serie U, che punta molto sul design, ed infine con i device Pro, che accolgono i modelli di punta.

LEGGI ANCHE: Meizu Pro 6s potrebbe essere quello che finora abbiamo chiamato Pro 7

Tra i modelli già disponibili, oltre ai due già citati, abbiamo infatti Meizu M3s, M3 Note, MX6, Pro 6, ed altri si aggiungeranno nei prossimi mesi. Dovreste già conoscerli piuttosto bene (nei link trovate le rispettive recensioni), ma qui sotto riportiamo anche il comunicato stampa in italiano, se foste curiosi. Meizu presenta la sua ampia gamma di prodotti

Nati per soddisfare tutte le esigenze: dal pubblico dei più giovani attenti alle ultime tecnologie, al target esigente che ricerca facilità di utilizzo ed eleganza. A ognuno il suo Meizu.

Milano, 27 settembre 2016 – Meizu, il nuovo brand che ha già conquistato le prime posizioni nel mercato asiatico e che si è affacciato da pochi mesi anche nei nostri negozi, presenta oggi la sua intera gamma di smartphone e le sue quattro famiglie di innovativi device.

La famiglia M è concepita appositamente per il target dei più giovani particolarmente attenti alle dotazioni tecniche, senza rinunciare ad un design accattivante e moderno.
la famiglia MX, combina un design dalle linee eleganti e raffinate, data dalla scelta accurata dei materiali e altissime prestazioni tecnologiche, il tutto a un posizionamento prezzo veramente accessibile.
I device PRO appartengono alla famiglia MEIZU che meglio esprime la ricerca della perfezione, mission del brand. Tecnologia touch innovativa, caratteristiche high-tech all’avanguardia ed eccezionale esperienza d’uso; autentici capolavori.
La famiglia U, la più recente in ordine di uscita, è caratterizzata da un design che fonde vetro di alta qualità con metallo anodizzato integrando il sensore mTouch 2.1, per un riconoscimento delle impronte digitali veloce e affidabile.

MEIZU M3s

L’eleganza e la delicatezza della sua anima in metallo, realizzata utilizzando sabbiature a 360°, rende Meizu M3s un dispositivo sofisticato e grintoso allo stesso tempo. Lo schermo ad alta definizione da 5 pollici e il caratteristico vetro 2.5D, regalano una gioia visiva e tattile percepibile fin dal primo tocco. Il processore octacore di cui è dotato garantisce in ogni momento, un ottimo equilibrio tra prestazioni e consumo di energia e la fotocamera principale da 13Mpx consente una rapidissima messa a fuoco per catturare facilmente ogni momento importante

MEIZU M3 Max

Per chi sogna in grande, Meizu M3 Max è dotato di un display da 6 pollici full HD a basso consumo, che offre una maxi esperienza sensoriale.
Con 3GB di RAM e 64GB di memoria interna mette a disposizione un enorme spazio di archiviazione che può essere ulteriormente esteso. La batteria da 4100 mAh a lunga durata, offre prestazioni eccezionali come ‘utilizzo del GPS fino a 9h o più di 10 ore di riproduzione video.

MEIZU M3 Note

M3 Note garantisce un’esperienza d’uso estremamente confortevole e semplice. Un prodotto dal design straordinario, perfettamente simmetrico grazie ad un corpo unibody in lega di allumino lavorato attraverso un processo di ossidazione anodica, per un risultato incredibile al tatto. Tra le sue caratteristiche principali una scheda madre altamente tecnologica,e realizzata in 10 stratie, per ridurre lo spazio precedentemente occupato, nonché le interferenze interne, garantendo al sistema una ancor maggiore stabilità. Straordinarie anche le prestazioni della batteria, che permette una durata di 2 giorni in condizioni di normale utilizzo, e del processore, Helio P10 che garantisce una fluidità senza

precedenti in condizioni di utilizzo intenso, caratteristica irrinunciabile per chi ama giocare ad alti livelli. Completano la dotazione un ampio schermo da 5.5 pollici Full HD e le tecnologie Flyme Assistive touch che offre agli utenti una nuovissima

MEIZU MX6

Il Modello M6X, da luglio sul mercato, è il primo smartphone della serie MX a utilizzare un processore decacore, che lo rende ancora più veloce nelle prestazioni. Si presenta con un corpo metallico liscio e raffinato, un design elegante e sobrio Questo prodotto integra uno schermo Sharp TDDI sottile, veloce e reattivo a ogni touch, adatto agli utenti multitasking: infatti le funzioni rimangono stabili e fluide passando da una app all’altra. La fotocamera di MX6 è supportata dal sensore Sony IMX386 CMOS per catturare immagini di elevata qualità. Il nuovo e migliorato elaboratore di algoritmi delle immagini assicura scatti dettagliati anche in condizioni di scarsa illuminazione. La nuova fotocamera frontale di MX6 da 5.0 megapixel è dotata di un’apertura focale ƒ/2.0, per ottimizzare le prestazioni in condizioni di scarsa illuminazione.

MEIZU PRO 6

La linea PRO simboleggia in maniera autentica la vision dell’azienda:realizzare prodotti che aspirino alla perfezione.
Meizu PRO 6 è un device leggero e potente: i migliori risultati di ricerca nel campo dell’innovazione tecnologica si fondono in un corpo interamente in metallo dal design elegante, ed estremamente sottile La fotocamera principale da oltre 21 Mpx, impreziosita da un anello di 10 flash, assicura scatti professionali. Tantissimi i punti di forza, dal 3D Press che registra la differente pressione delle dita sullo schermo in relazione alle diverse funzioni, alla più recente versione dell’mTouch, che integra l’algoritmo di sicurezza delle impronte digitali di nuova generazione, consentendo di trasformare le dita dell’utente in una chiave d’accesso per operazioni come i pagamenti on- line. Il top di gamma di Meizu è inoltre dotato di processore decacore, un display Amoled da 5,2 pollici e un chip dedicato per un suono pulito e potente.

MEIZU U20

Grazie alle elevate prestazioni del processore a octacore, esaudisce le esigenze degli utenti “multitasking” che vogliono passare velocemente da una app all’altra o a un gioco, senza soluzione di continuità. Basterà un primo sguardo o un primo touch, per percepire i materiali di altissima qualità con cui U20 è realizzato, o immergersi nello schermo FullHd che rende immagini e colori vividi e i dettagli nitidi. La fotocamera posteriore da 13megapixel cattura immagini di altissima qualità e l’autofocus ad alta velocità permette di immortalare in modo preciso momenti unici della vita. La fotocamera frontale invece è ottimizzata per far si che i selfie, siano sempre perfetti.

Flyme5

Tutti i device Meizu, sono dotati di Flyme, l’interfaccia proprietaria dell’azienda che funziona su sistema operativo Android.
Rilasciata per la prima volta nel 2012 e frutto di una continua ricerca e ottimizzazione, oggi Flyme5 è la combinazione perfetta di funzionalità e prestazioni, la naturale evoluzione delle sue versioni precedenti. Utilizza colori brillanti, luminosi per valorizzare le caratteristiche dei display AMOLED presenti nei modelli più recenti e integra una più ampia gamma di funzioni studiate per migliorare le esperienze d’uso degli utenti: la classificazione dei file per tipi comuni, le diverse modalità di fotocamera tra cui lo slowmotion e le GIF, per trasformare i momenti più belli in preziosi o divertenti ricordi, le note audio, testo o immagini per dare libero sfogo alla creatività e una gallery di immagini suddivisa anche per ora e luogo. Tra le prestazioni di Flyme 5 sono sicuramente da notare la maggiore velocità e stabilità e il basso consumo energetico, per offrire una migliore esperienza all’utente; è in grado di monitorare le operazioni instabili e riferire potenziali problemi del Cloud per evitare danni al sistema. Infine, grazie alla tecnologia brevettata Défense, risolve i problemi di utilizzo della memoria, migliorando la velocità del sistema.

Grazie a Concorde, la collezione Meizu sarà disponibile in tutti i migliori negozi di elettronica di consumo.
Impossibile resistere!

L'articolo C’è un’ampia gamma di prodotti Meizu nei negozi italiani, anche con M3 Max sembra essere il primo su AndroidWorld.

Wind All Inclusive Gold: 400 minuti e fino a 12 GB a soli 6€ fino al 3/10

Tecnoandroid - 6 hours 5 min ago

Wind All Inclusive Gold: 400 minuti e fino a 12 GB a soli 6€ fino al 3/10
Tecnoandroid

Wind permette di attivare All Inclusive Gold fino al 3 ottobre

Wind All Inclusive Gold è sicuramente una delle offerte più interessanti del momento. Secondo i nostri colleghi di Mondo Mobile Web, Wind starebbe riproponendo (per l’ennesima volta) questa offerta a condizioni davvero molto vantaggiose. Molti utenti potranno attivare All Inclusive Gold entro il prossimo 3 ottobre, e usufruiranno di ancora più Giga del solito ad un prezzo davvero contenuto.

Wind All Inclusive Gold: un’offerta ancora più vantaggiosa

Wind All Inclusive Gold offre 400 minuti di chiamate verso tutti i numeri fissi e mobili nazionali, 400 SMS verso tutti e fino a ben 12 GB di traffico Internet in 4G. La parte più interessante dell’offerta riguarda senz’altro l’elevato numero di Giga messi a disposizione e il costo piuttosto esiguo dell’offerta: soltanto 6 euro ogni 28 giorni.

Questa offerta, però, presenta un “difetto” (se così possiamo chiamarlo): appartiene alla categorie delle cosiddette offerte winback, ovvero quel tipo di offerte che vengono proposte quasi esclusivamente agli ex clienti. Ciò significa che non tutti potranno attivare questa offerta davvero super conveniente. Per attivare l’offerta, inoltre, non solo è necessario essere ex clienti Wind ma bisogna anche essere invitati dal gestore arancione ad attivare questa offerta.

Se non avete le condizioni giuste per poter attivare questa offerta non preoccupatevi e continuate a seguire la nostra seguitissima rubrica dedicata al mondo della Telefonia, probabilmente troverete l’offerta che fa più al caso vostro.

Wind All Inclusive Gold: 400 minuti e fino a 12 GB a soli 6€ fino al 3/10
Tecnoandroid

Svelato il nuovo Samsung Galaxy A8 (2016)

Androidiani - 6 hours 16 min ago
Finalmente Samsung ha svelato ufficialmente la versione 2016 del suo Galaxy A8, con specifiche che confermano in parte quelle trapelate qualche mese fa. (...)Continua a leggere Svelato il nuovo Samsung Galaxy A8 (2016) su Androidiani.Com © pasqualemarzocchella for Androidiani.com, 2016. | Permalink | Qui trovi la classifica del miglior smartphone android Tags del post: galaxy […]

Samsung Galaxy A8 (2016) è ufficiale, almeno in Corea del Sud (foto)

Android World - 6 hours 31 min ago

Samsung alza il velo su un nuovo membro della famiglia Galaxy A (2016), che però non siamo convinti vedremo anche in Italia. Andiamo comunque a conoscere meglio Galaxy A8 (2016).

Caratteristiche tecniche
  • Schermo: 5,7” full HD
  • CPU: Exynos 7420
  • RAM: 3 GB
  • Memoria interna: 32 GB
  • Fotocamera posteriore: 16 megapixel
  • Fotocamera frontale: 8 megapixel
  • Batteria: 3.500 mAh
  • OS: Android 6.0.1 Marshmallow

Lo smartphone disporrà della stesa Grace UX introdotta su Galaxy Note 7, con il quale condivide in pratica la stessa diagonale, ed avrà anche il display always on degli ultimi top di gamma Samsung. Dal punto di vista del design, come potete vedere dalle immagini a fine articolo, non ci sono particolari novità.

Uscita e prezzo

I pre ordini di Galaxy A8 (2016) partiranno il 1° ottobre in Corea del Sud, dove lo smartphone sarà disponibile solo ed esclusivamente nel colore blu, al prezzo di 649.000 won, circa 525€. Come già accennato all’inizio, ancora non abbiamo conferme per il nostro mercato.

7 vai alla fotogallery

L'articolo Samsung Galaxy A8 (2016) è ufficiale, almeno in Corea del Sud (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.

Spotify compra Soundcloud, le trattative sono in fase avanzata

Tecnoandroid - 6 hours 36 min ago

Spotify compra Soundcloud, le trattative sono in fase avanzata
Tecnoandroid

Spotify, il servizio di musica in streaming, è in trattative avanzate per acquisire SoundCloud, lo riporta una fonte autorevole come il Financial Times. Un cambiamento nel futuro della musica digitale che potrebbe far fare un balzo in avanti contro la concorrenza, quella di Apple Music in primis, e che porterebbe ad ampliare il catalogo dell’azienda svedese.

700 milioni di dollari è l’ultima valutazione fatta per Soundcloud, il servizio di musica in streaming definito lo “YouTube musicale” perché gli utenti possono caricare i propri brani musicali, di solito di genere EDM e mix. L’acquisto da parte di Spotify significa che l’azienda svedese di musica in streaming andrebbe ad ampliare, e non di poco, il proprio archivio musicale senza dover passare per le varie etichette a cui ogni mese, giustamente, paga gli oneri sui diritti.

Oltre ad una semplificazione e all’ampliamento del catalogo l’acquisto dell’azienda con sede a Berlino ha una base di utenti superiore a quella di Spotify. Soundcloud può contare su 175 milioni di utenti contro i 100 milioni di Spotify. Nonostante i 40 milioni di utenti paganti la casa svedese non versa in ottime condizioni economiche e poter accedere ad un bacino di utenza più che andrà più che a raddoppiare con l’acquisto della casa berlinese non è cosa da poco.

Dalla sua, Spotify, ha una migliore gestione dei rapporti con le case discografiche seppur non esenti da problematiche legate ai diritti d’autore e al pagamento delle royalty. SonundClound non ha saputo sfruttare le possibilità offerte da SoundCloud GO, il servizio in streaming a pagamento che è fallito ancor prima di iniziare. L’errore è quello di richiedere un abbonamento mensile dello stesso valore dei diretti concorrenti, per cui non ha minimamente stimolato il passaggio da un altro servizio al proprio.

Secondo le fonti del Financial Times i colloqui tra le due aziende sono in fase avanzata e l’annuncio del possibile acquisto da parte di Spotify potrebbe arrivare molto presto. Il servizio di musica in streaming svedese punta a migliorare la propria quotazione in Borsa e fa piani a lungo termine per assicurarsi un futuro, l’essere riuscita ad accedere al mercato Giapponese fa parte di questa strategia.

Spotify compra Soundcloud, le trattative sono in fase avanzata
Tecnoandroid

Euronics rilancia gli sconti online: tanti TV ma anche smartphone, notebook e wearable

Android World - 7 hours 1 min ago

Giusto ieri vi abbiamo segnalato il nuovo volantino Euronics, che si aggiunge alle tante offerte in corso, ma oggi gli sconti della catena di elettronica ripartono anche online. La promozione sarà valida fino al prossimo 6 ottobre e ha la classica modalità della selezione di articoli in sconto.

Infatti sulla sezione del sito di Euronics dedicata, titolata “A Tutto Sconto”, ci trovate un gran numero di dispositivi, tra fotocamere, TV, smartphone, console e tanto altro. Qui sotto vi riportiamo quelli più interessanti, mentre sul sito dell’azienda non mancano ovviamente anche gli elettrodomestici.

Fotocamere TV Cuffie e speaker Wearable Smartphone Console Notebook e Tablet

L'articolo Euronics rilancia gli sconti online: tanti TV ma anche smartphone, notebook e wearable sembra essere il primo su AndroidWorld.

Samsung: i nuovi Galaxy Note 7 sono già oltre un milione

Tecnoandroid - 7 hours 5 min ago

Samsung: i nuovi Galaxy Note 7 sono già oltre un milione
Tecnoandroid

La Federal Aviation Administration (FAA) chiede a tutti i possessori di Samsung Galaxy Note 7 di utilizzare il dispositivo con cautela a bordo degli aerei.

Secondo le recenti dichiarazioni da parte di Samsung, sembrerebbe che i “nuovi” Galaxy Note 7 siano già oltre il milione di unità. Per “nuovi”, si intendono quei dispositivi di nuova generazione che vanno a sostituire quello tristemente noti per i difetti delle batterie e delle esplosioni accidentali.

Secondo i dati raccolti dall’ente indipendente americano che garantisce la sicurezza dei consumatori, il Consumer Product Safety Commission, i casi di incidenti dovuti ad un Galaxy Note 7 sono 55 solo negli Stati Uniti, ma ricordiamo che a livello mondiale esistono anche tante false dichiarazioni e richieste di risarcimento.

Questi dispositivi Galaxy Note 7 apparterrebbero ad lotto di produzione successivo a quello incriminato, realizzato con componenti leggermente diversi tra cui una nuova batteria che dovrebbe risolvere del tutto i problemi legati al surriscaldamento. Tutti i dispositivi immessi sul mercato al momento del lancio, quindi prodotti prima del 1 Settembre sono a rischio, ma questi che sono stati prodotti in seguito non dovrebbero avere problemi.

Tuttavia sono giunte alcune segnalazioni riguardo alcuni utenti che avevano chiesto la sostituzione del dispositivo che hanno riscontrato problemi simili anche nel nuovo device ricevuto. Purtroppo non sappiamo se i device in questione appartengono a questo nuova ondata di produzione o se appartengono sempre al vecchio lotto, quindi la situazione non può ancora dichiararsi risolta per Samsung che di conseguenza rischia grosso dal punto di vista finanziario.

Ricordiamo che i nuovi Galaxy Note 7 immessi sul mercato avranno alcune piccole modifiche sulla confezione di vendita, come un piccolo quadratino nero e una lettera S nella zona dei codici a barre. Inoltre se siete tra coloro in possesso di un dispositivo acquistato nei giorni in cui è scoppiato il caso vi ricordiamo che Samsung ha avviato un programma di sostituzione volontaria del dispositivo anche in Italia.

Prima di tutto è consigliabile contattare il call center Samsung al numero 800.025.520. Una volta effettuati i controlli di rito è possibile chiedere la sostituzione del dispositivo o direttamente a Samsung o presso il rivenditore da cui si è acquistato il prodotto. In alternativa sarà possibile restituire il prodotto acquistato e chiedere il rimborso dell’intero importo necessario per l’acquisto.

Samsung: i nuovi Galaxy Note 7 sono già oltre un milione
Tecnoandroid

Pages