Tecnoandroid

Condividi su:

Condividi su:



MANUALINUX


Subscribe to Tecnoandroid feed
Il sito e il forum più completo in Italia su Android. News, guide, approfondimenti, app e giochi per Android e una grande community italiana.
Updated: 9 min 47 sec ago

Aumenti benzina e diesel in Europa: i prezzi continueranno a salire anche in futuro

Fri, 06/24/2022 - 06:40

Aumenti benzina e diesel in Europa: i prezzi continueranno a salire anche in futuro Tecnoandroid

I prezzi del carburante hanno stabilito un record assoluto per la terza settimana consecutiva e ancora una volta al di sopra della media europea. Il prezzo della benzina è salito di 2 cent la scorsa settimana a 2.141 euro al litro dopo aver registrato un aumento dell’1,13% rispetto ai mesi precedenti.

Questa media non riflette lo sconto di 20 centesimi al litro del governo in vigore dal 1 aprile dello scorso anno e alcune compagnie petrolifere scontano fino a dieci centesimi in più.

Il gasolio, che per la prima volta ha superato i due euro la scorsa settimana, si mantiene su un livello medio di 2.076 euro/litro, registrando un aumento di sette centesimi (3,64%) rispetto al prezzo precedente, fissato a 2003 euro.

Tenendo conto dello sconto, il diesel costerà in media 1.876 euro al litro e la benzina circa 1.941 euro al litro. Con questo sussidio il prezzo di un litro di benzina sarebbe quasi 12 cent in più rispetto all’ultima settimana di marzo, prima dell’inizio dello sconto. Nel caso del gasolio l’importo sarà di circa tre centesimi superiore al prezzo rilevato a fine marzo (1,837 euro al litro).

Continuerà a salire secondo gli esperti

Dall’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina, alla fine di febbraio dello scorso anno, i prezzi di entrambi i combustibili sono aumentati notevolmente: nel caso della benzina, l’aumento percentuale sale al 33% e il gasolio al 38%.

Nel caso del diesel, anche il prezzo è superiore alla media UE di 2.031 euro, sebbene inferiore a quello dell’area euro, con un prezzo di 2,08 euro.

Il prezzo rilevato include il prezzo medio registrato in oltre 11.400 stazioni di servizio dal 14 al 20 giugno. La scorsa settimana, il prezzo del petrolio è fortemente diminuito tra i timori di una possibile recessione e il suo impatto sulla domanda. Tuttavia, altri costi incidono anche sul prezzo finale del carburante (17-18% del prezzo finale). Tra questi ci sono il costo della raffinazione, che ha alimentato il divario tra petrolio e carburante dopo la guerra in Ucraina e la mancanza di investimenti negli ultimi anni.

Aumenti benzina e diesel in Europa: i prezzi continueranno a salire anche in futuro Tecnoandroid

Netflix cancella anche questa famosa serie TV: i fan saranno delusi da questa scelta

Fri, 06/24/2022 - 06:35

Netflix cancella anche questa famosa serie TV: i fan saranno delusi da questa scelta Tecnoandroid

È sempre molto triste quando Netflix decide di terminare o cancellare un’altra serie amata. Sembra infatti che un’altra serie sia stata cancellata dal principale servizio di streaming. Con questo in mente, la serie tornerà ancora per la settima e ultima stagione il prossimo anno.

La notizia della settima stagione di Workin’ Moms è stata rivelata dalla creatrice della serie, produttrice esecutiva e star Catherine Reitman su Twitter.

Il suo personaggio nella serie è Kate Foster,  è senza dubbio un annuncio agrodolce per i fan dello spettacolo.

L’addio di Reitman ai fan

“Per i nostri incredibili fan, realizzare questo spettacolo è stata la corsa della mia vita”, ha esordito Reitman. “Philip ed io siamo scesi a terra, il primo giorno della prima stagione, con un bambino di tre mesi e uno di due anni, da guardare mentre ci spingevamo avanti in una missione: raccontare le storie di quattro madri imperfette, che hanno osato essere qualcosa al di là dei loro asili nido. Andare a lavorare ogni giorno, sia in sala con i nostri brillanti sceneggiatori, sul set con il nostro cast straordinario o in post con il miglior team di produttori del settore.

Ha poi continuato a spiegare come questa sarà l’ultima stagione della serie Netflix prima che venga cancellata.

Il resto del cast di questa nuova stagione include Dani Kind come Anne, Jessalyn Wanlim come Jenny, Philip Sternberg come Nathan, Ryan Belleville come Lionel, Sarah McVie come Val, Sadie Munroe come Alice, Peter Keleghan come Richard, Nikki Duval come Rosie e Enuka Okuma nel ruolo di Sloane Mitchell e altri.

Quindi, anche se la serie viene cancellata, almeno i fan avranno un’ultima stagione da guardare in futuro. La settima stagione di Workin’ Moms uscirà l’anno prossimo nel 2023.

Netflix cancella anche questa famosa serie TV: i fan saranno delusi da questa scelta Tecnoandroid

Il ciclo solare è al picco massimo: bisogna stare attenti ad eventuali tempeste solari

Fri, 06/24/2022 - 06:30

Il ciclo solare è al picco massimo: bisogna stare attenti ad eventuali tempeste solari Tecnoandroid

Ci sono “macchie” che appartengono alle regioni superficiali del Sole che appaiono più scure dell’ambiente circostante e possono estendersi per centinaia di milioni di miglia. Sono causati da interruzioni magnetiche nella fotosfera  (lo strato più basso dell’atmosfera solare), e sono queste perturbazioni che espongono gli strati più freddi della stella.

L’attività solare tende a seguire cicli di 11 anni, con l’attività solare in ogni edificio fino a un picco, durante il quale i poli magnetici della stella si capovolgono. Questa inversione è quindi seguita da un periodo di decelerazione prima dell’inizio del ciclo successivo.

Gli astronomi iniziarono a numerare i cicli solari nel 1775, quando iniziò per la prima volta un ampio monitoraggio dell’attività solare. Attualmente siamo nel ciclo solare numero 25.

Il ciclo 25 non ha ancora raggiunto il suo picco, il che significa che è prevedibile un aumento dei livelli di attività solare nei prossimi due anni fino a quando i poli non si capovolgeranno alla fine del 2024 o all’inizio del 2025.

La massiccia macchia solare in questione al momento, soprannominata AR3038, è stata rilevata per la prima volta insieme ad altre sette macchie simili sul lato rivolto verso la Terra la scorsa settimana.

Bisognerà stare attenti in questi giorni

Tra domenica e lunedì, tuttavia, le dimensioni di AR3038 sono più che raddoppiate, per poi continuare a crescere nelle 48 ore successive.

Fino a domani è stato emesso un avviso per eventuali tempeste solari. AR3038 è stato rilevato per la prima volta insieme ad altre sette macchie solari sul disco solare la scorsa settimana.

Infatti, mercoledì, l’astronomo Dr Tony Phillips di spaceweather.com ha dichiarato: “La macchia solare in rapida crescita è raddoppiata di dimensioni in sole 24 ore“.

Il campo magnetico che circonda AR3038, ha aggiunto, ha il potenziale per far esplodere i cosiddetti brillamenti solari di classe M in direzione della Terra.

I bagliori sono raggruppati in cinque categorie:  A, B, C, M e poi X, il più forte.

I brillamenti solari sono innescati da un processo chiamato “riconnessione magnetica“, un fenomeno in cui la geometria del campo magnetico nel plasma solare viene alterata.

Il ciclo solare è al picco massimo: bisogna stare attenti ad eventuali tempeste solari Tecnoandroid

Brutte sorprese: Vodafone delude i clienti e aumenta le tariffe della 50 Special

Fri, 06/24/2022 - 06:10

Brutte sorprese: Vodafone delude i clienti e aumenta le tariffe della 50 Special Tecnoandroid

Un duro colpo per tanti clienti Vodafone: la compagnia telefonica non mantiene le aspettative e rischiando di perdere molti clienti.

La compagnia telefonica Vodafone da anni è una delle più utilizzate ed apprezzate dagli utenti italiani. Tante tipologie di offerte, telefonia mobile e fissa e promozioni di navigazione in internet la rendono una delle migliori sul mercato.

D’estate è sempre il momento per i vari operatori telefonici di lanciare offerte e promozioni per le festività d’estate. Molti abbonati Vodafone si aspettavano vere sorprese positive dall’azienda, ma non sembrano voler arrivare.

Vodafone infatti ha annunciato un inaspettato quanto clamoroso aumento dei prezzi e delle tariffe. L’inflazione, dovuta principalmente al conflitto russo-ucraino, non risparmia nemmeno il mondo della telefonia e gli extra sugli abbonamenti non mancano.

I clienti Vodafone soprattutto, vedranno l’aumento tariffario Special 50 Giga, uno dei più apprezzati per la tipologia di offerta del provider britannico.

Circa 2 euro in più per ogni abbonamento

Gli utenti possono scegliere questa tariffa in caso di portabilità da un altro provider. Molti abbonati che hanno sottoscritto nelle settimane precedenti la Speciale 50 Giga adesso dovranno pagare fino a 2 euro al mese in più per il rinnovo. Il nuovo costo della ricaricabile è di 9,99 euro in caso di precedente costo di 7,99 euro. Il prezzo sarà invece pari a 8,99 euro per chi fino a pochi mesi fa pagava 6,99 euro.

La soglia di consumo rimane intatta nonostante l’aumento dei prezzi. Gli abbonati che scelgono di continuare con la Vodafone ricaricabile avranno sempre chiamate e SMS illimitati verso chiunque, con 50 giga di navigazione internet inclusi.

L’aumento della tariffa Speciale 50 Giga di Vodafone riguarda solo i vecchi clienti, quelli che hanno già un abbonamento con questo provider da almeno diversi mesi. Più fortunati i nuovi clienti: chi in questi giorni passerà da un’altra azienda a Vodafone potrà beneficiare di un costo bloccato per i primi 6 mesi, quindi tariffe ancora low cost in durata semestrale per fidelizzare la clientela.

Brutte sorprese: Vodafone delude i clienti e aumenta le tariffe della 50 Special Tecnoandroid

È possibile che Netflix in futuro introdurrà la pubblicità sulla piattaforma, ecco perchè

Fri, 06/24/2022 - 06:05

È possibile che Netflix in futuro introdurrà la pubblicità sulla piattaforma, ecco perchè Tecnoandroid

Netflix sta pensando di portare gli annunci pubblicitari sulla piattaforma di streaming. Data la situazione (la società continua a perdere abbonati), sta anche esplorando la possibilità di introdurre un nuovo tipo di abbonamento supportato dalla pubblicità.

Come Deadline ha spiegato giovedì, il co-CEO di Netflix Ted Sarandos ha confermato che gli annunci stanno arrivando, ma la società non è ancora sicura di come li lancerà. C’è la possibilità di introdurre una società pubblicitaria interna, ovviamente, o collaborare con altre aziende per trasformare gli annunci in realtà.

Secondo quanto riferito, ha incontrato Google, NBCUniversal e Roku per discutere di potenziali partnership di vendita di annunci e marketing.

Il piano, ha rivelato, è quello di creare “un ingresso abbastanza facile nel mercato, su cui costruiremo e itereremo per rendere Netflix una destinazione sicura ed economica per gli utenti. Quello che faremo per primo non è rappresentativo di quello che sarà il prodotto alla fine.”

Ancora nulla di definito

La società è rimasta dubbiosa sul fatto di possedere la propria agenzia pubblicitaria. “Se diventerà così importante la pubblicità, è ovvio il fatto di voler avere il controllo“, ha detto.

In teoria, questo tipo di abbonamento supportato dalla pubblicità non avrebbe alcun impatto su nessuno degli abbonamento esistenti. Ma chiunque abbia utilizzato un servizio di streaming negli ultimi anni sa come funzionano gli annunci, è improbabile che vedano questa notizia come un qualcosa di positivo.

Ci sarebbe una piccola possibilità di crescita all’interno del mondo dello sport, come il baseball. Molti esperti infatti credono che ci sia un significativo “spazio per crescere” in questo settore.

Nel frattempo Netflix continua a ridurre il suo personale. Secondo quanto riferito, i 300 posti di lavoro tagliati seguono un round di licenziamento di circa la metà rispetto a maggio di quest’anno.

È possibile che Netflix in futuro introdurrà la pubblicità sulla piattaforma, ecco perchè Tecnoandroid

Geekmall: sconti sui prodotti sportivi e per le attività all’aria aperta

Thu, 06/23/2022 - 20:00

Geekmall: sconti sui prodotti sportivi e per le attività all’aria aperta Tecnoandroid

Geekmall, noto store di e-commerce di cui vi abbiamo già parlato in passato, ha recentemente attivato nuovi sconti speciali per festeggiare la bella stagione, o meglio il periodo dell’anno in cui molti di noi svolgono maggiori attività all’aria aperta.

Per l’occasione, l’azienda ha deciso di proporre codici che permettono di ridurre di molto la spesa finale da sostenere, superando i 100 euro di ordine, basterà inserire GEEKMALL100 per vedersi scontare 5 euro; la riduzione cresce a 15 euro su almeno 300 euro di spesa con il codice GEEKMALL300, per finire con 30 euro di sconto su un ordine del valore superiore agli 800 euro, mediante l’inserimento di GEEKMALL800. Ma quali sono i prodotti in offerta? a questo link potete trovare la pagina riassuntiva, poco sotto invece vi proponiamo i tre modelli di punta della campagna.

 

Geekmall: ecco tutti gli sconti
  • KUGOO KIRIN M4 PRO Monopattino Elettrico Pieghevole – Nero – PREZZO: 677 euroLINK.
  • ELEGLIDE M1 Bici Elettrica 250W 36V 7.5Ah Batteria 27.5in CST Pneumatici 25km/H MTB Mountain Bike – PREZZO: 645 euroLINK.
  • NAVEE N65 10″ Pneumatici Monopattino Elettrico Pieghevole – 65 Km Chilometraggio Massimo – PREZZO: 564 euroLINK.

Tutti gli acquisti sono effettuabili senza pensieri dal nostro paese, il magazzino che provvederà alla spedizione è sito in Europa, di conseguenza non sarà necessario pagare i dazi doganali, né si rischieranno problematiche di alcun tipo. Le tempistiche di consegna variano in relazione alla zona geografica, in genere non superano 5/7 giorni lavorativi. Il pagamento, infine, potrà essere effettuato con le principali carte di credito, con l’aggiunta di PayPal, ottimo per la protezione dell’acquirente garantita dalla stessa azienda.

Geekmall: sconti sui prodotti sportivi e per le attività all’aria aperta Tecnoandroid

Pagani: Per il momento non vediamo un futuro elettrico

Thu, 06/23/2022 - 19:30

Pagani: Per il momento non vediamo un futuro elettrico Tecnoandroid

La nota azienda automobilistica Pagani ha parlato del futuro e dei veicoli elettrici: “I nostri clienti non sembrano per nulla interessati alla mobilità elettrica”.

Pagani: “Al momento il 90% di energia si produce da fonti fossili”

Il noto imprenditore argentino Horacio Pagani titolare della prestigiosa azienda automobilistica Pagani ha rilasciato un intervista in occasione del MIMO 2022, il Milano Monza Motor Show.

Al tavolo hanno preso parte giornalisti di calibro internazionale e il tema principale si è focalizzato sui progetti futuri della casa e sulla mobilità elettrica.

Horacio Pagani ha parlato di quanto sia difficile la transizione elettrica per una azienda di auto ad alte prestazioni: “I nostri clienti non sembrano minimamente interessati all’acquisto di una Pagani elettrica, produrla andrebbe contro i nostri interessi”.

Nonostante questo la casa ha destinato un team al progetto e tanti fondi per la ricerca. Al momento le auto Pagani rispettano più alti standard di inquinamento degli Stati Uniti, principalmente legati alla legge Californiana, ma vende e omologa vetture in tutto il mondo.

La sfida full eletric di Pagani passa anche attraverso i feedback dei clienti, con interviste in merito per capire il reale interesse del mercato.

Auto elettriche ricaricate con corrente ottenuta dal fossile

In secondo luogo, il discorso si è incentrato sulla produzione di batterie, che debbono essere importate dall’Asia con conseguente inquinamento nel trasporto e sulla corrente da fonti rinnovabili: “Devo essere molto realista”.- Aggiunge Horacio-. “Il 90% dell’energia mondiale è prodotta al giorno d’oggi con petrolio, gas, fonti fossili. Secondo i dati nel 2050 potremmo ridurre questa cifra al 75%. Di conseguenza solo il 25% sarà energia green. Per questo motivo pensare che una nostra auto o una vettura costruita nella Motor Valley possa dare un contributo alla terra sarebbe una cosa demagogica, tuttavia noi ci stiamo lavorando sopra ma non è credibile che una Pagani elettrica possa dare un contributo tangibile. Immaginate che una ventina di navi cargo inquinano come 50 milioni di automobili. Queste navi non hanno sistemi antinquinamento sofisticati come le auto. Per citare un altro esempio un aereo consuma una quantità di carburante enorme, per questo se devo dare la mia opinione sulle auto elettriche come contributo contro l’inquinamento, penso che non facciano la differenza“.

Pagani: Per il momento non vediamo un futuro elettrico Tecnoandroid

Samsung Galaxy F13: ufficiale il re-branded di Galaxy M13

Thu, 06/23/2022 - 18:30

Samsung Galaxy F13: ufficiale il re-branded di Galaxy M13 Tecnoandroid

Un nuovo membro della famiglia Galaxy F di Samsung è stato presentato ufficialmente in queste ore per il mercato indiano. Si tratta in particolare del nuovo Samsung Galaxy F13, ma quest’ultimo sembra tuttavia essere sostanzialmente un re-branded di un altro device della serie Galaxy M, cioè del Samsung Galaxy M13. Ecco i dettagli.

 

 

Samsung ufficializza il nuovo Samsung Galaxy F13: un re-branded di Galaxy M13?

Nel corso delle ultime ore il colosso sudcoreano Samsung ha ufficializzato in India un nuovo dispositivo. Come già accennato, stiamo parlando del nuovo Samsung Galaxy F13, anche se proprio nuovo non sembra.

Osservando sia il design sia le specifiche tecniche, infatti, sembra che ci troviamo di fronte ad una versione re-branded di un altro device dell’azienda, ovvero del Samsung Galaxy M13. L’unica differenza di rilievo tra i due sembra però risiedere nella capacità della batteria. Sul nuovo Galaxy F13 la batteria ha una capienza di 6000 mAh, mentre sul Galaxy M13 la batteria è da 5000 mAh.

  • Infinity-V Display con una diagonale da 6.6 pollici in risoluzione FullHD+
  • Processore Exynos 850
  • Tagli di memoria con 4 GB di RAM e 64/128 GB di storage interno espandibile tramite microSD
  • Tripla fotocamera posteriore da 50, 2 e 2 MP
  • Fotocamera anteriore da 8 MP
  • Connettività: Wi-Fi 5, dual sim 4G, Bluetooth 5.0, chip NFC, jack audio
  • Batteria da 6000 mAh con ricarica rapida da 15W
Prezzi e disponibilità

Il nuovo Samsung Galaxy F13 sarà disponibile per il mercato indiano ad un prezzo di partenza di circa 144 euro al cambio. Per il momento non sappiamo se sarà distributo o meno anche in Europa.

Samsung Galaxy F13: ufficiale il re-branded di Galaxy M13 Tecnoandroid

Smishing: la nuova frontiera delle truffe SMS che non conoscevi

Thu, 06/23/2022 - 18:00

Smishing: la nuova frontiera delle truffe SMS che non conoscevi Tecnoandroid

L’aumento delle truffe via SMS è avvenuto in concomitanza dell’uso più vasto dei social. Si sta affermando nell’ultimo periodo un fenomeno chiamato smishing, il quale rischia di prendere seriamente piede nei prossimi mesi.

Parliamo del “fratello minore” del phishing, poiché il piano d’azione si basa sugli stessi criteri, cercando di sfruttare i più semplici sistemi d’invio e ricezione di SMS. Lo smishing si sta espandendo non solo via SMS ma anche sulle app di messaggistica, soprattutto su WhastApp.

Siamo dinnanzi alla nuova frontiera delle truffe telematiche, dove ormai i nostri dispositivi sono presi di mira quotidianamente. Scopriamo di seguito cos’è lo smishing nel dettaglio e come evitare di cadere nella trappola.

 

 

Smishing: il nuovo fenomeno delle truffe, ecco cos’è

Smishing deriva dall’unione di SMS e phishing. Come detto prima, le piattaforme e i dispositivi dove si agisce cambiano, ma lo scopo è sempre lo stesso: messaggi fraudolenti per rubare dati personali agli utenti e svuotare loro i conti correnti. Durante la pandemia, il fenomeno si è esteso in tutta Italia e ora debellarlo sta diventando complicato.

Si è parlato spesso di truffe del genere sul nostro sito, tra queste quelle che riguardano PosteInfo, spedizioni fermate alla dogana e lavori per guadagnare soldi facili. I metodi di persuasione sono tantissimi, ma il rischio è sempre uno: perdere i propri risparmi.

Migliaia di persone ricevono questi messaggi ogni singolo giorno, creando scompiglio e confusione soprattutto per i meno esperti. WhatsApp in questo caso non ci aiuta, essendo che le catene più diffuse circolano proprio su quest’app di messaggistica. Come possiamo cancellare definitivamente queste truffe?

 

Smishing, in cosa consiste la truffa

Conoscere il funzionamento dello smishing è uno dei primi modi per evitare la truffa. Come detto poc’anzi, è molto simile al phishing: classico link che vi reindirizza a una pagina malevola e così via.

La vittima, purtroppo, persuasa a dovere dal malfattore, inserisce i propri dati personali all’interno di appositi form che verranno trasmessi ai malfattori in tempo reale. Molto spesso, questi ultimi agiscono tramite uno short-link (ad esempio, bit.ly ecc), cosi che le vittime non possano capire su quale sito verranno reindirizzati.

Come accennato, la truffa avviene proprio nel momento in cui i dati vengono trasmessi ai truffatori. Una volta fatto quello che loro chiedono, lì c’è poco da fare.

 

Come difendersi in maniera definitiva

Ma il modo per difendersi esiste eccome. La miglior difesa è non agire: nel momento in cui si ricevono questi messaggi sospetti, è fondamentale che non si faccia nulla. Se proprio vogliamo accertarci della veridicità di quel tale messaggio, dovremo chiamare il servizio clienti di quella determinata azienda che ci ha inoltrato l’SMS.

Al contempo, ci teniamo a mettere in evidenza che è sempre meglio non cliccare su nessun link, poiché aziende come Poste Italiane ecc. non vi chiederanno mai di fare una cosa simile.

Smishing: la nuova frontiera delle truffe SMS che non conoscevi Tecnoandroid

Pirateria: la GdF setaccia studi professionali in tutta Italia, multati in 18

Thu, 06/23/2022 - 17:30

Pirateria: la GdF setaccia studi professionali in tutta Italia, multati in 18 Tecnoandroid

La lotta alla pirateria non va mai in vacanza, un po’ come la pirateria stessa, che negli anni ha sempre costituito uno dei maggiori problemi all’interno della nostra Nazione, problema a cui si oppone giornalmente la Guardia di Finanza, che con controlli serrati cerca di ridurre la circolazione di prodotti piratati, dalli IPTV fino ai Videogiochi.

Attraverso l’operazione Underlicensing 2022 il Nucleo Speciale Beni e Servizi della Guardia di Finanza ha messo sotto sequestro 110 programmi per la progettazione ingegneristica, architettonica, calcolo strutturale e certificazione energetica, il tutto è avvenuto su larga scala in territori che riguardano Milano, Roma e Napoli, portando alla denuncia di 18 persone.

 

Programmi ingegneristici piratati

Durante le verifiche la Guardia di Finanza ha potuto verificare che oltre sette studi su dieci non erano a norma con le licenze legati ai programmi adoperati, i quali ovviamente come facilmente intuibile rappresentavano uno strumento imprescindibile per portare avanti l’attività di impresa, i quali però per più del 70% dei casi erano stati ottenuti senza riconoscere alcun diritto per la proprietà intellettuale alla casa di sviluppo.

Le ricerche della GdF sono scattate soprattutto a causa del boom del Superbonus 110%, che ovviamente ha fatto esplodere le richieste di progetti, ecco dunque che le fiamme gialle hanno voluto vederci chiaro, 25 le sedi setacciate e 15 quelle in cui qualcosa non quadrava.

Ecco dunque che per 18 elementi sono scattate le denunce con una multa a dir poco salatissima, i colpevoli hanno infatti davanti da pagare una multa pari al doppio del valore della licenza del programma, per un totale che ammonta a ben 14 milioni di euro.

Pirateria: la GdF setaccia studi professionali in tutta Italia, multati in 18 Tecnoandroid

Samsung Galaxy S22, gli utenti proveranno Android 13 molto presto

Thu, 06/23/2022 - 17:15

Samsung Galaxy S22, gli utenti proveranno Android 13 molto presto Tecnoandroid

Quando si tratta di aggiornamenti software per smartphone, Samsung è al top del gioco. Non solo l’azienda si è recentemente impegnata in quattro anni di significativi aggiornamenti Android per i suoi telefoni, superando persino i telefoni Pixel di Google, ma ha anche svolto un lavoro ragionevolmente dignitoso nel fornire effettivamente quegli aggiornamenti nei tempi previsti.

Chiunque non veda l’ora di provare Android 13 sul proprio telefono Galaxy potrebbe essere sorpreso, poiché Samsung sembra lavorare sul software One UI 5 beta. TizenHelp ha scoperto prove di una build Android 13 pre-release per il Galaxy S22 in Corea del Sud, con il numero di versione del firmware S906NKSU2ZVF6.

Galaxy S22, Samsung sta lavorando a One UI 5 beta

Non abbiamo sentito nulla di ufficiale riguardo a un programma beta, né nel mercato interno di Samsung né in altre regioni, ma questa storia è coerente con le voci precedenti secondo cui Samsung potrebbe iniziare il beta test di One UI 5 a luglio. Supponendo che tutto vada come previsto, un programma beta pubblico per Galaxy S22, S22+ e S22 Ultra potrebbe iniziare già il prossimo mese, seguito da ulteriori flagship.

Se il programma beta inizia prima questa volta (la beta di One UI 4 l’anno scorso è iniziata a settembre), dovremmo ottenere versioni stabili prima del normale, anche se dovremo aspettare e vedere su questo. Android 13 è ancora in fase di sviluppo; la Beta 3 è stata appena rilasciata e dovremmo ottenerne almeno un altro il mese prossimo prima che la versione finale di Android 13 diventi stabile.

Siamo curiosi di vedere cosa ha in serbo Samsung per Android 13 e tutti i segnali indicano un’attesa più breve del solito.

Samsung Galaxy S22, gli utenti proveranno Android 13 molto presto Tecnoandroid

Poste Italiane: se ricevete questo avviso dovete attivarvi per salvare il vostro conto

Thu, 06/23/2022 - 17:00

Poste Italiane: se ricevete questo avviso dovete attivarvi per salvare il vostro conto Tecnoandroid

L’ente nazionale più famoso è conosciuto in tutto il nostro paese è senza alcun dubbio poste italiane, l’agenzia vestita di giallo vanta infatti una platea di clienti a dir poco assoluta conquistata negli anni grazie ai propri servizi sempre bene integrati con infrastruttura della nazione e con costi di gestione davvero competitivi, basti pensare alla famosa Postepay che ogni giorno serve milioni di clienti.

Questo contesto ha reso il nome di poste uno dei più autorevoli all’interno del panorama aziendale della penisola, tutto ciò nasconde però un lato oscuro fastidioso e a tratti ingombrante, spesso infatti il buon nome di poste viene sfruttato dai truffatori per avviare delle vere e proprie campagne fraudolente ai danni dei clienti dell’azienda stessa, quest’ultime prendono corpo in mail sms di phishing pensate per indurre il lettore a far trapelare i propri dati sensibili.

Generalmente queste comunicazioni truffaldine sono ben diversificate tra di loro però mantengono lo stesso tempo una struttura di base altamente conservata, infatti inducono il lettore a compiere azioni come effettuare accessi persone in che esterni o scaricare allegati malevoli.

 

Phishing poste italiane

Il nuovo sms di fishing che molti ci stanno segnalando ribadisce perfettamente tutti questi concetti, quest’ultimo avvisa di un anomalia riscontrata sul conto BancoPosta da risolvere effettuando l’accesso presso un apposito link citato più in basso, quest’ultimo rimanda però da una falsa area clienti ove non appena digitate le vostre credenziali verrebbero immediatamente copiate inviate al creatore della truffa permettendogli di svuotare il vostro conto BancoPosta con estrema facilità.

Poste Italiane: se ricevete questo avviso dovete attivarvi per salvare il vostro conto Tecnoandroid

Android, ora tutte le tue password possono essere conservare nella Home

Thu, 06/23/2022 - 16:45

Android, ora tutte le tue password possono essere conservare nella Home Tecnoandroid

Gli utenti di smartphone e tablet Android avranno presto un nuovo modo conveniente per tenere traccia di tutte le loro password critiche. Secondo 9to5Google, gli utenti Android possono ora aggiungere un collegamento alla funzione Google Password Manager nella schermata iniziale del proprio dispositivo.

Questo servizio di gestione delle password, come suggerisce il nome, può tenere traccia di tutte le tue credenziali di accesso in un’unica area sicura e protetta ed è ora accessibile immediatamente dalla schermata principale del tuo dispositivo.

Android, l’aggiornamento è ora disponibile

Google Password Manager è accessibile da alcuni anni per gli utenti Android ed è anche incluso nel browser Chrome e nell’account web Google di un utente. La nuova funzionalità consente agli utenti di accedere ai dati salvati utilizzando i dati biometrici correnti del dispositivo o la protezione di sicurezza del blocco schermo, anziché fornire una password come con la versione web.

Il gestore delle password può registrare e salvare tutte le tue informazioni, inclusi nomi utente e password, consentendoti di tenere traccia di eventuali problemi o minacce alla sicurezza e consentendo agli utenti di modificare qualsiasi informazione secondo necessità.

Il collegamento è disponibile dopo aver scaricato l’aggiornamento più recente di Google Play Services (versione 22.18 o successiva), che dovrebbe essere l’impostazione predefinita per gli utenti Android. Successivamente, vai su Impostazioni> Privacy> Servizio di riempimento automatico da Google> Password per accedere a Password Manager.

Questo sito Web ora ha un’opzione per aggiungere un collegamento alla schermata iniziale, che apre un menu con il collegamento, che può essere trascinato in qualsiasi punto della schermata iniziale. Google ha aggiunto la possibilità di conservare i commenti con le tue password, con una nuova area “Note” sotto i campi di accesso e password quando si aggiunge una nuova password o si modifica una password esistente.

Android, ora tutte le tue password possono essere conservare nella Home Tecnoandroid

Fissione Nucleare sulla Luna: la NASA finanzia il progetto del futuro

Thu, 06/23/2022 - 16:30

Fissione Nucleare sulla Luna: la NASA finanzia il progetto del futuro Tecnoandroid

Nell’ottica di arrivare ad una presenza stabile dell’Uomo sulla Luna, satellite naturale del nostro pianeta, la NASA sta mettendo al vaglio possibili soluzioni in merito la produzione di energia da avviare sulla sfera rocciosa, trovando nel nucleare la soluzione migliore.

In tal contesto dunque l’agenzia spaziale ha deciso studiare nuove tecnologie nucleari in grado appunto di operare nello spazio, per farlo la NASA e il Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti (DOE) hanno selezionato tre proposte di concept su sistemi di alimentazione superficiali di questa tipologia.

Nel dettaglio l’obbiettivo prefissato è quello di raggiungere un sistema in grado di offrire almeno 40 kilowatt di potenza e di funzionare per almeno un decennio senza necessitare di manutenzione complessa, il tutto ovviamente adatto all’ambiente lunare.

 

Le società e i progetti

Battelle Energy Alliance, l’appaltatore operativo dell’Idaho National Laboratory, è la società che si è occupata di analizzare i vari progetti offerti alla NASA per poi effettuare una scrematura che ha portato alla selezione di 3 candidati finali i quali riceveranno un contratto di 12 mesi per un totale di 5 milioni di dollari da poter investire appunto nel mettere a punto il loro sistema, ecco le tre aziende:

  • Lockheed Martin di Bethesda, Maryland –in collaborazione con BWXT e Creare.
  • Westinghouse di Cranberry Township, Pennsylvania – in collaborazione con Aerojet Rocketdyne.
  • IX di Houston, Texas, una joint venture di Intuitive Machines e X-Energy – in collaborazione con Maxar e Boeing.

Si tratta dunque di un primo tassello verso una fonte di energia stabile sulla Luna, ritenuta base imprescindibile per consentire la presenza stabile dell’uomo sul satellite.

Fissione Nucleare sulla Luna: la NASA finanzia il progetto del futuro Tecnoandroid

Google Recorder, il sito web ha una nuova funzione non disponibile per smartphone

Thu, 06/23/2022 - 16:15

Google Recorder, il sito web ha una nuova funzione non disponibile per smartphone Tecnoandroid

L’app Google Recorder è in grado di registrare l’audio e convertirlo in trascrizioni in tempo reale. L’ultimo aggiornamento di questa app solo per Pixel è stato a marzo, quando ha ricevuto miglioramenti Material You e una modalità orizzontale. Il sito Web del registratore, che ci consente di riprodurre l’audio dai nostri smartphone Pixel, ora ha la possibilità di modificare la velocità di riproduzione.

In precedenza, gli utenti potevano riprodurre o mettere in pausa una registrazione audio ed eseguire un riavvolgimento di 5 secondi o un salto in avanti di 10 secondi sul sito Web del registratore. Oltre a queste opzioni, 9to5Google ha confermato che gli utenti possono ora modificare la velocità di riproduzione tramite nuovi controlli audio in basso. Ora sono disponibili cinque opzioni per regolare la velocità di riproduzione: 0,5x, 1x, 2,0x, 2,5x e 3,0x.

Google Recorder si aggiorna per i suoi utenti

La velocità di riproduzione 3.0x non è comune nelle app di musica o registrazione, ma potrebbe essere utile per verificare la presenza di guasti gravi o per velocizzare la “lettura”. Inoltre, la velocità di riproduzione più lenta è fondamentale per gli editori che devono correggere i problemi in movimento e recuperare il ritardo in tempo reale.

Non è chiaro quando i controlli di riproduzione siano stati aggiunti alla versione web di Google Recorder, ma sono apparsi dopo l’aggiornamento di marzo all’app Pixel. Nel 2019, Google ha rilasciato la sua app Recorder insieme alla serie Pixel 4. Il sito Web del registratore ha debuttato in modo significativo più tardi, nel marzo 2021, come parte dell’aggiunta dei backup cloud dell’app Android.

L’app Recorder e il sito Web sono eccellenti strumenti di editing e ascolto dell’audio, tuttavia presentano alcuni difetti. Un’aggiunta che le persone hanno richiesto è una capacità di ricerca nella versione web. Google Recorder attualmente supporta solo l’audio in alcuni dialetti inglesi, nonché in alcune lingue aggiuntive come giapponese, tedesco, francese, italiano e spagnolo. Ovviamente, più lingue sono supportate dal software, più persone possono usarlo.

Google Recorder, il sito web ha una nuova funzione non disponibile per smartphone Tecnoandroid

Rifiuti e Intelligenza artificiale: ecco come verranno raccolti in futuro

Thu, 06/23/2022 - 16:00

Rifiuti e Intelligenza artificiale: ecco come verranno raccolti in futuro Tecnoandroid

Il miglioramento del recupero e del riciclo dei rifiuti differenziati è l’obiettivo prefissato per i prossimi anni e il tutto avverrà grazie all’intelligenza artificiale. Il Gruppo Hera, con Ibm Garage, ha avviato questo progetto con lo scopo di migliorare la qualità della raccolta differenziata.

Di fatto, data la grossa portata di rifiuti ogni anno (circa 6,3 milioni di tonnellate), si sta provando a dare un’accelerata alla soluzione che potrebbe potenzialmente valutare la qualità dei rifiuti ancora prima che faccia il suo accesso all’interno degli impianti, ossia stesso mentre i contenitori vengono svuotati dalla strada.

 

 

Rifiuti raccolti con l’intelligenza artificiale: vantaggi innumerevoli

Gli effetti benevoli da questa scelta sono due: il primo è quello di avere la possibilità di capire che tipo di lavorazione attuare, così da migliorare la fase di selezione; il secondo effetto è quello d’individuare zone in cui la qualità della raccolta è ancora scarsa, intervenendo con azioni mirate.

Il progetto del Gruppo Hera insieme a Ibm Garage è iniziato nel 2019. In sole otto settimane, è stato creato il primo prototipo capace di riconoscere le caratteristiche degli oggetti in plastica raccolti, così da capire come riciclarli.

Inizialmente, si parlava di un progetto sperimentale, ma potrebbe diventare ben presto un modello per tutto il mondo, essendo che gli impatti sull’operatività potranno essere estremamente positivi.

Il Beam IoT metterà a disposizione delle nuove funzionalità e altre tipologie d’informazioni multimediale che sono raccolte da un ampia gamma di device, tra cui i video mentre viene effettuata la raccolta mediante delle telecamere presenti sugli appositi furgoncini.

Rifiuti e Intelligenza artificiale: ecco come verranno raccolti in futuro Tecnoandroid

GitHub Copilot AI scrive il 40% del codice al posto tuo

Thu, 06/23/2022 - 15:45

GitHub Copilot AI scrive il 40% del codice al posto tuo Tecnoandroid

GitHub (che è di proprietà di Microsoft) ha presentato oggi lo strumento Copilot AI. Come suggerisce il nome, l’intelligenza artificiale aiuterà gli ingegneri proponendo righe di codice all’interno del loro editor di codice. Tuttavia, questo non è un fenomeno nuovo. Un anno fa, GitHub ha annunciato una collaborazione con OpenAI per lavorare su Copilot.

Copilot AI costa 10 dollari al mese o 100 dollari all’anno. Come detto in precedenza, proporrà la prossima riga di codice agli sviluppatori mentre digitano in un ambiente di programmazione integrato (IDE) come Visual Studio Code, Neovim o JetBrains. Non è il tipico consiglio che vedremmo in un editor di codice. Copilot, d’altra parte, può consigliare approcci completi e algoritmi complicati.

GitHub Copilot AI è disponibile in beta

Quando GitHub ha lanciato il precedente Copilot AI 12 mesi fa, il numero di sviluppatori registrati ha superato 1,2 milioni. Inoltre, non addebiterà agli studenti verificati o ai manutentori di progetti open source popolari. Sorprendentemente, Copilot scrive circa il 40% del codice negli editor in cui è abilitato.

“Riteniamo che la scrittura assistita dall’intelligenza artificiale, come l’ascesa dei compilatori e dell’open source, cambierà radicalmente la natura dello sviluppo del software, offrendo agli ingegneri un nuovo strumento per creare codice in modo più semplice e veloce in modo che possano essere più felici nella loro vita”, afferma il CEO di GitHub Thomas Dohmke.

Dovresti anche essere consapevole del fatto che è molto costoso da produrre. Microsoft ha già investito più di un miliardo di dollari in OpenAI. La base dello strumento Copilot AI è OpenAI Codex. È un precursore dell’algoritmo di generazione del linguaggio GPT-3 di OpenAI.

Tuttavia, non tutti sono contenti di ciò che fa GitHub Copilot. Ci sono state preoccupazioni immediate sulla legalità di Copilot dopo il rilascio dell’anteprima. In altre parole, le persone chiedevano se avesse accesso ai programmi GitHub. Anche ignorando i problemi di copyright, uno studio ha rilevato che circa il 40% dell’output di Copilot contiene vulnerabilità di sicurezza.

GitHub Copilot AI scrive il 40% del codice al posto tuo Tecnoandroid

Apple: le riparazioni di MacBook sono attualmente in stallo

Thu, 06/23/2022 - 15:30

Apple: le riparazioni di MacBook sono attualmente in stallo Tecnoandroid

La scarsità globale delle componenti per qualsiasi dispositivo elettronico non è solo un problema quando si acquista il nuovo: anche le riparazioni possono subire ritardi per via di pezzi mancanti.

Nel tentativo di rendere il problema meno incisivo, Apple permette adesso ai clienti di riportarsi a casa il MacBook nel caso in cui la riparazione tardi ad essere ultimata per assenza del pezzo da sostituire.

 

Apple MacBook: riparazioni in stallo

Una volta che la parte mancante arriva al centro assistenza, i clienti potranno riportare in negozio il dispositivo per completare la riparazione. Nel caso in cui un cliente riporti il proprio dispositivo a casa, verrà informato quando il prezzo di ricambio è disponibile e avrà così cinque giorni per restituire il dispositivo al centro assistenza, prima che la riparazione venga annullata.

La nuova politica è disponibile in alcune località e spetta al centro assistenza stabilire se un cliente è idoneo a riportare il proprio dispositivo a casa in attesa delle parti di riparazione, come segnala MacRumors. Logicamente, questo vale solo per i clienti con dispositivi funzionanti, o comunque utilizzabile. Sarebbe inutile, infatti, riportare a casa un Macbook che non può essere in alcun modo utilizzato.

Apple ha affrontato sfide importanti relative alla carenza di componenti della catena di approvvigionamento, che hanno avuto un impatto su iPhone e Mac negli ultimi mesi. Secondo fonti riportate dal sito web statunitense, le parti di riparazione per MacBook Pro, come il display MacBook Pro da 16 pollici, stanno attualmente impiegando fino a due mesi per arrivare in alcune regioni. Non ci resta che attendere e sperare che la situazioni migliori.

Apple: le riparazioni di MacBook sono attualmente in stallo Tecnoandroid

Galaxy Watch 5, nuove informazioni trapelate: ecco il costo del wearable

Thu, 06/23/2022 - 15:15

Galaxy Watch 5, nuove informazioni trapelate: ecco il costo del wearable Tecnoandroid

Nel complesso, il Galaxy Watch 4 di Samsung era un articolo fantastico che aveva anche un prezzo ragionevole. Ora abbiamo la nostra prima indicazione di quanto Samsung addebiterà per il Galaxy Watch 5 e mostra un modesto aumento.

Secondo Roland Quandt di WinFuture, Samsung potrebbe aumentare marginalmente il prezzo del suo prossimo Galaxy Watch 5. Questa conclusione si basa sui prezzi in Europa, dove Samsung sembra aggiungere circa 30 euro al prezzo del suo modello base. Secondo Quandt, il Galaxy Watch 5 base nella dimensione di 40 mm costerà circa 300 euro, con la variante da 44 mm che costa 350 euro. Intanto i modelli LTE costeranno 50 Euro in più, per un totale di 350 e 400 Euro.

Galaxy Watch 5 arriverà ad agosto

In confronto, Samsung ha iniziato a vendere la serie Galaxy Watch 4 in Germania a 269 Euro per la dimensione da 40 mm e 299 Euro per la variante da 44 mm. Non ci sarà alcun Galaxy Watch 5 Classic, come si diceva in precedenza e presente in una delle app di Samsung. Al suo posto, Samsung ha introdotto il Galaxy Watch 5 Pro, che sembra essere un’opzione costosa.

Secondo Quandt, il Galaxy Watch 5 Pro costerà circa 490 Euro per il dispositivo solo Bluetooth e 540 Euro per il modello LTE. Infine, questa perdita conferma le possibilità di colore che Samsung aveva pianificato. La variante da 40 mm sembra essere disponibile in oro rosa, grigio e argento, mentre la variante da 44 mm sarà disponibile in blu anziché in oro rosa. Secondo i rapporti, il Galaxy Watch 5 Pro sarà disponibile in nero e titanio.

Ciò corrisponde a un leak della scorsa settimana, che ha identificato i colori come Black Titanium, Grey Titanium, Graphite, Silver, Sapphire (Blue) e Pink Gold. La serie Galaxy Watch 5 dovrebbe essere rilasciata a metà agosto da Samsung.

Galaxy Watch 5, nuove informazioni trapelate: ecco il costo del wearable Tecnoandroid

Tempesta solare: l’osservazione ne rivela una gigantesca

Thu, 06/23/2022 - 15:00

Tempesta solare: l’osservazione ne rivela una gigantesca Tecnoandroid

Facendo un’accurata osservazione dello spazio, capita spesso agli esperti di carpire dei movimenti piuttosto strani. Ci sono delle volte in cui questi movimenti rappresentano degli spettacoli eccezionali, altre volte possono incutere una grossa paura. Il fotografo astronomico Chuck Ayoub ha catturato l’immagine di una tempesta solare che sarebbe capace di stravolgere il nostro Pianeta. Avrà effetti negativi?

 

 

Tempesta solare: ecco cosa ha scoperto Chuck Ayoub

Qualche giorno fa, Ayoub stava osservando con il suo telescopio il Sole. Durante questa lunga osservazione, ha scoperto una tempesta solare gigantesca: era quattro volte più grande della Terra. La documentazione è avvenuta con un video, caricato prima su Reddit e poi su Instagram.

All’interno di questo filmato, è possibile vedere una nuvola di plasma che si muove adagio per un’ora. Il video ha suscitato varie reazioni negli utenti, perlopiù entusiasmate, poiché non si tratta di un evento che metterebbe a rischio il nostro pianeta.

Ayoub, nella descrizione del suo post su Instagram, ha scritto: “Mentre osservavo il Sole non me l’aspettavo.” Ha poi descritto l’evento così:”Ieri ho puntato il mio telescopio verso questa tempesta solare dall’aspetto insolito. Era in corso una battaglia tra i campi magnetici del Sole, che ha causato questa tempesta di plasma, facendola apparire quasi bloccata sul posto, incapace di spostarsi.”

Non è raro per i fotografi come Ayoub imbattersi in questi spettacoli. Di fatto, gli esperti del settore riescono a fotografare delle immagini straordinarie del Sistema Solare o del Sole stesso, riuscendo a catturare l’attenzione di milioni di persone. A primo impatto la reazione suscita entusiasmo e gioia, poco dopo emerge anche la paura. Parliamo sempre però di un grandissimo spettacolo.

Tempesta solare: l’osservazione ne rivela una gigantesca Tecnoandroid

Pages