Tecnoandroid


MANUALINUX


Subscribe to Tecnoandroid feed
Il sito e il forum più completo in Italia su Android. News, guide, approfondimenti, app e giochi per Android e una grande community italiana.
Updated: 34 min 18 sec ago

Amazon Prime Video ha finalmente lanciato il teaser di Undone

Sun, 06/09/2019 - 19:30

Amazon Prime Video ha finalmente lanciato il teaser di Undone Tecnoandroid

La piattaforma di e-commerce Amazon, conosciuta soprattutto per la vastità di prodotti che offre nel proprio catalogo, ha finalmente rilasciato il teaser di Undone, la nuova serie TV che arriverà a breve su Prime Video.

Per chi ancora non lo conoscesse, Prime Video è un servizio che fa parte del pacchetto Prime, che offre un grande catalogo di serie TV, film e documentari. Per provarlo gratuitamente per 30 giorni non dovete fare altro che recarvi sul sito ufficiale della piattaforma.

 

Amazon Prime Video lancia il teaser di Undone

All’interno del comunicato ufficiale, la piattaforma dichiara che, ieri 8 giugno 2019 prima della presentazione all’ATX TV Festival di Austin sarebbero state mostrate in anteprima le prime due puntate. La serie TV Undone sarà però disponibile, per tutti gli abbonati al servizio Prime, più avanti nel 2019. Creata dai famosi creatori Kate Purdy e Raphael Bob-Waksberg di BoJack Horseman.

Ecco la sinossi ufficiale: “Alma Winograd-Diaz (Rosa Salazar, Alita: Battle Angel) vive una vita tranquilla fino a quando un incidente quasi fatale le provoca visioni del suo defunto padre, Jacob. Attraverso queste persistenti visioni il padre le fa scoprire un’abilità misteriosa che le consente di viaggiare nello spazio e nel tempo con la speranza di evitare la sua morte prematura. Questa situazione mette a dura prova le relazioni di Alma e le persone a lei più vicine cominciano a mettere in discussione il suo equilibrio mentale“.

La serie TV è stata realizzata utilizzando la tecnica di animazione del rotoscope, un processo che non è mai stato utilizzato fino ad ora all’interno di una serie. Undone vede come protagonisti Angelique Cabral, Constance Marie, Siddarth Dhananjay e Daveed Diggs. Vanta guest star come John Corbett, Jeanne Tripplehorn, Sheila Vand e Tyler Posey.

Amazon Prime Video ha finalmente lanciato il teaser di Undone Tecnoandroid

Ikea lancia una serie di prodotti per il gaming ed eSport

Sun, 06/09/2019 - 19:00

Ikea lancia una serie di prodotti per il gaming ed eSport Tecnoandroid

Ikea ha stretto una partnership con UNYQ, azienda specializzata in accessori e dispositivi medici, per lanciare sul mercato una serie di prodotti e supporti dedicati al gaming e incentrata su accessibilità ed eSport.

Per chi non lo sapesse, UNYQ realizza protesi e supporti personalizzati per aiutare le persone che soffrono di particolari handicap o patologie – come la scoliosi, per esempio – a partire dalla scansione del corpo del soggetto interessato e fornendo poi prodotti ad-hoc stampati in 3D.

Traendo ispirazione dalla linea adottata da UNYQ, Ikea ha creato una serie di prodotti per il gaming chiamata UPPKOPPLA e ne ha presentato i primi prodotti.

Ikea lancia una serie di prodotti per il gaming ed eSport

Dopo aver ricostruito, con i suoi prodotti d’arredo, i salotti di famose serie TV quali Stranger Things, Friends e The Simpson, Ikea presenta una ulteriore novità: UPPKOPPLA, la prima serie di prodotti dedicati al gaming.

Presentati all’annuale conferenza dedicata ai nuovi design tenutasi in Svezia, i prodotti della linea UPPKOPPLA sono stati accompagnati da un’applicazione volta a misurare varie informazioni biometriche.

UPPKOPPLA include già alcuni prodotti progettati tanto per chi compete ad alto livello negli eSports quanto per i videogiocatori tradizionali, considerato il basso prezzo a cui questi prodotti dovrebbero essere venduti.

Tra questi, una tastiera ricoperta di uno strato ruvido che impedisce lo scivolamento delle dita, agevolandone la digitazione; un mouse bungee ed un supporto biometrico per il polso che aiuta a mantenere una buona posizione prevenendo eventuali dolori e affaticamenti, offrendo così un maggiore comfort per chi lavora, gioca o utilizza il computer in generale.

Ikea lancia una serie di prodotti per il gaming ed eSport Tecnoandroid

Instagram: le mosse da evitare per non perdere followers

Sun, 06/09/2019 - 18:15

Instagram: le mosse da evitare per non perdere followers Tecnoandroid

Il social network Instagram, nonostante le varie scuole di pensiero, è pieno di utenti e fake influencer, che hanno l’unico obiettivo di aumentare i propri follower in poco tempo. Di questi tempi infatti, uno dei principali metodi per valutare il proprio valore sulla piattaforma, è il numero dei seguaci.

Questo perché, a differenza di Facebook, non è ancora possibile effettuare delle campagna di fan acquisition, di conseguenza è necessario un costante impegno degli utenti. Dall’altra parte però, ci sono utenti che i follower invece di guadagnarli li perdono. Scopriamo le mosse da evitare.

 

Instagram: le mosse da evitare per non perdere followers

Una delle principali motivazioni che spingono gli utenti a non seguire più altri utenti è l’over positing di contenuti promozionali. Un profilo troppo “promozionale” finisce per infastidire gli utenti, oltre a non dare alcun valore aggiunto rispetto ad un’altra pubblicità. La soluzione è una, pubblicare contenuti che possono interessare più utenti, per esempio molte persone sono solite pubblicare lo stesso tipo di foto, oppure con lo stesso filtro, insomma diversificare un po’ il vostro profilo.

Un altro problema è la tempistica delle sponsorizzazioni, questa infatti potrebbe avere un effetto contrario a quello che desiderate. Ovviamente non esiste una regola precisa che dice noi quanto tempo passare sulla piattaforma. L’unica cosa certa è che la soglia di attenzione dell’utente al singolo contenuto si riduce costantemente.

Un altro motivo che spinge l’utente a non seguire più una persona è la pubblicazione di contenuti inappropriati, per esempio un contenuto non in linea con la brand identity o la strategia di un determinato profilo. Ultima ma non meno importante ragione, sono l’utilizzo di applicazioni che permettono di guadagnare follower. Quest’ultime sono infatti in grado di dare per esempio 1000 followers in soli 10 minuti. Peccato però che tutti gli utenti smetteranno di seguirvi dopo poco tempo.

Instagram: le mosse da evitare per non perdere followers Tecnoandroid

Netflix rinnova Lucifer per la quinta ed ultima stagione, ecco i dettagli

Sun, 06/09/2019 - 18:00

Netflix rinnova Lucifer per la quinta ed ultima stagione, ecco i dettagli Tecnoandroid

La piattaforma di contenuti in streaming Netflix ha annunciato solo poche ore fa di aver rinnovato per una quinta ed ultima stagione la serie TV tanto amata Lucifer. Purtroppo non saranno necessarie altre petizioni per salvarne la produzione.

Pochi mesi fa migliaia di utenti hanno votato una petizione per fare in modo che la piattaforma producesse questa quinta stagione. Ormai però la storia si sta avviando alla sua naturale conclusione. Scopriamo tutti i dettagli.

 

Netflix annuncia la quinta ed ultima stagione di Lucifer

Durante la terza stagione la serie subì un calo non indifferente, che portò la FOX ad annunciarne la cancellazione. I fan di tutto il mondo si sono scatenai con petizioni e proteste via social. Questa dimostrazione d’affetto aveva portato la piattaforma Netflix ad acquistarne i diritti in modo che la serie TV potesse continuare sul proprio catalogo.

Ovviamente l’accoglienza del pubblico è stata fortissima anche in termini di visualizzazioni. Si vocifera che abbia raggiunto dei picchi stellari, complice sicuramente la libertà creativa che è riuscita a ritagliarsi. Ecco il motivo per cui la piattaforma, ad un mese dal lancio della quarta stagione, ha già annunciato il rinnovo dello show per una quinta, ed ultima, stagione.

Gli showrunner Ildy Modrovich e Joe Henderson hanno dichiarato: “Siamo incredibilmente grati a Netflix per averci concesso la possibilità di concludere la storia di Lucifer come abbiamo sempre desiderato. Ed un ringraziamento particolarmente sensito ai nostri fan per la loro incredibile passione e l’incondizionato sostegno che hanno accompagno la serie per tutti questi anni. Restate sintonizzati, perché il meglio deve ancora arrivare!”.

Netflix rinnova Lucifer per la quinta ed ultima stagione, ecco i dettagli Tecnoandroid

iOS 13 mostrerà la posizione in cui le app ti hanno tracciato

Sun, 06/09/2019 - 17:45

iOS 13 mostrerà la posizione in cui le app ti hanno tracciato Tecnoandroid

Apple ha continuato con la sua forte attenzione alla privacy con l’annuncio di iOS 13 questa settimana. L’aggiornamento include diverse nuove funzionalità per la privacy, tra cui una visione più dettagliata di come le app hanno utilizzato la tua posizione in background.

Come affermato da alcuni report, iOS 13 presenta notifiche popup quando un’app utilizza la tua posizione in background. La notifica mostra anche una mappa dei dati sulla posizione di un’app specifica.

iOS 13 include notevoli cambiamenti per la privacy

Oltre a mostrare la mappa, la notifica presenta anche il ragionamento dell’app che richiede l’accesso alla posizione in background. Questa è la spiegazione di Tesla: “Tesla usa la tua posizione per mostrare la tua vicinanza al tuo veicolo (mentre l’app è aperta) e per ottimizzare la chiave del telefono sui veicoli di supporto (mentre l’app è in background)”.

E la spiegazione dell’app per Apple Store: “Ti forniremo prodotti, funzionalità e servizi pertinenti a seconda di dove ti trovi”. Apple afferma che riceverai periodici pop-up come questo in iOS 13, dandoti la possibilità di continuare a fornire ad un app specifica l’ accesso in background alla tua posizione, o di cambiarla in “solo mentre stai usando”.

IOS 13 include anche un nuova opzione per consentire alle applicazioni di accedere alla posizione “solo una volta“, anziché dover fornire un accesso costante quando si utilizza un’app o un accesso in background continuo.

L’opzione “Consenti una volta” è considerata un’autorizzazione temporanea, con l’applicazione che richiede nuovamente l’autorizzazione la volta successiva che viene aperta. Idealmente, le nuove notifiche di promemoria popup con mappa renderanno gli utenti più consapevoli di quanto spesso le app le stiano monitorando in background.

In alcuni casi, consentire sempre l’accesso alla posizione ha più senso, ad esempio Tesla, ma le spiegazioni degli sviluppatori dovranno convincere gli utenti di ciò. Apple afferma anche che tvOS non supporta l’opzione “Sempre”, mentre non è nemmeno necessaria per watchOS.

iOS 13 mostrerà la posizione in cui le app ti hanno tracciato Tecnoandroid

Instagram: ecco come vedere le storie delle persone in anonimo

Sun, 06/09/2019 - 17:30

Instagram: ecco come vedere le storie delle persone in anonimo Tecnoandroid

Instagram è uno dei social network più utilizzati al mondo e grazie all’introduzione delle stories, gli utenti hanno iniziato a sfruttarlo sempre di più. Come ben noto, questa funzione è una delle più famose e utilizzate dagli utenti, i quali se ne servono per condividere la quotidianità con amici e seguaci.

Grazie alle mille possibilità che il team della piattaforma ha aggiunto, utilizzare le stories è diventato sempre più divertente anche per il loro tratto interattivo. Ovviamente è reso noto che quando un utente ne visualizza una, di rimando questo apparirà nella lista delle visualizzazioni al proprietario dello scatto. Sarebbe praticamente impossibile vederle in anonimo… ma oggi vi sveliamo un trucco!

Instagram Stories: ecco come vederle senza apparire nelle visualizzazioni

Il trucco che vi sveleremo tra pochi minuti potrà essere sfruttato sia dal proprio pc che dal proprio smartphone; in questo caso sarà necessario sfruttare la navigazione attraverso l’applicazione browser. 
Per poter guardare le storie di qualcuno in anonimo sarà sufficiente affidarsi al sito storiesig. Una volta aperto il link non si dovrà far altro che inserire l’username dell’utente nell’apposito spazio e premere invio. Così facendo si potrà accedere alla lista dei contenuti caricati e visualizzarli a proprio piacere.

Segnaliamo che con questo tool sarà possibile scaricarli anche. In ogni caso, ricordiamo ai nostri lettori che l’uso di questo sotterfugio è rilegato al tipo di privacy dell’account Instagram. Se questo è pubblico non vi sarà alcun tipo di problema, se invece l’account da spiare è impostato su privato non funzionerà.

Instagram: ecco come vedere le storie delle persone in anonimo Tecnoandroid

Facebook lancerà una nuova criptovaluta a giugno

Sun, 06/09/2019 - 17:15

Facebook lancerà una nuova criptovaluta a giugno Tecnoandroid

Facebook dovrebbe annunciare la sua moneta digitale questo mese. La società di social network ha trovato sostenitori esterni che contribuiranno a rafforzare la fiducia nella sua imminente criptovaluta.

Il rapporto cita il token digitale utilizzato da Facebook  e dice che funzionerà come una valuta senza confini senza commissioni di transazione. Apparentemente, i dipendenti della società che lavorano al progetto hanno la possibilità di essere pagati nel token criptovaluta anziché in denaro reale.

Facebook potrebbe pagare i dipendenti in criptovaluta

La nuova criptovaluta sarà disponibile tramite l’app di Facebook, tra cui WhatsApp e Messenger, e ha lo scopo di aiutare gli utenti nei paesi in via di sviluppo con valuta volatile. Inoltre, la società prevede di rendere disponibile la criptovaluta tramite terminali fisici ATM personalizzati.

Il progetto menziona anche bonus di iscrizione per i commercianti che permetteranno ai clienti di pagare con i token digitali di Facebook. Sebbene il report contenga dettagli abbastanza approfonditi sulla criptovaluta, manca un aspetto importante: la data di rilascio. Almeno, i tempi sono ristretti a giugno, quindi non dovremo aspettare troppo a lungo.

Aggiornamento al News Feed

Nel frattempo, Facebook sta armeggiando ancora una volta con il Feed. Dovrebbe essere sorprendente considerando il feedback che riceve ogni volta che cambia qualcosa. Uno degli aspetti più importanti del social network, il News Feed, è pensato per connettere le persone con i post che ritengono più rilevanti.

Anche se Facebook ha affermato numerose volte in passato che non importa quanto tempo le persone trascorrono su Facebook, ma piuttosto la qualità del tempo trascorso. In base a questo principio, Facebook ha annunciato un nuovo round di tweaks per la funzionalità News Feed.

Dopo aver eseguito una serie di sondaggi lo scorso anno per chiedere alle persone quali post pensavano valesse la pena, Facebook ha deciso di aggiornare il feed di notizie di conseguenza. Quindi, il feed delle notizie aggiornato dovrebbe fornirti i collegamenti che secondo Facebook ritieni possano essere utili.

Facebook lancerà una nuova criptovaluta a giugno Tecnoandroid

Xiaomi, come funziona la nuova fotocamera sotto al display?

Sun, 06/09/2019 - 17:00

Xiaomi, come funziona la nuova fotocamera sotto al display? Tecnoandroid

Xiaomi ha presentato il primo prototipo di smartphone dotato di una under-display camera, una fotocamera integrata sotto lo schermo.

Già qualche giorno fa è stato diffuso online un diagramma di un brevetto Xiaomi depositato a Novembre dell’anno scorso e in cui veniva mostrato un dispositivo con una fotocamera posizionata sotto lo schermo.

Questa volta, è stata la stessa azienda cinese ad aver spiegato come funziona la nuova tecnologia da molti già considerata essere la tendenza che caratterizzerà il design degli smartphone del futuro.

Xiaomi, come funziona la nuova fotocamera sotto al display?

Insomma, Xiaomi starebbe sperimentando un nuovo display a tutto schermo ma che integri allo stesso tempo una fotocamera per scattare selfie che viene, di fatto, nascosta sotto al display.

Quando la selfie-camera da 20MP viene attivata, l’area del display che copre la fotocamera diventa trasparente, grazie all’implementazione di un vetro con bassa riflettività ed alta trasmittanza che consente alla luce di colpire il sensore fotografico. Secondo Xiaomi, la under-display camera garantisce risultati perfetti, permettendo all’utente di realizzare degli scatti più chiari e nitidi rispetto a quanto ottenuto con una camera a foto stenopeico.

Quando la selfie-camera non è in funzione, invece, questa viene, per così dire, oscurata per poi risultare in una superficie nera priva di qualsiasi tipo di interruzione.

Conseguentemente, quando il display dello smartphone non è in camera-mode, i contenuti verranno mostrati a schermo intero e la loro visualizzazione non sarà interrotta da alcun elemento.

Al momento ancora non sappiamo quando saranno disponibili i primi smartphone che implementeranno l’under-display camera, ma secondo molti, quella inaugurata da Xiaomi sarà la tecnologia del futuro.

 

Xiaomi, come funziona la nuova fotocamera sotto al display? Tecnoandroid

Amazon consegna in 30 minuti: ecco il nuovo servizio Prime Air

Sun, 06/09/2019 - 16:30

Amazon consegna in 30 minuti: ecco il nuovo servizio Prime Air Tecnoandroid

La celebre compagnia di Jeff Bezos ha presentato il servizio Amazon Prime Air per la consegna in 30 minuti tramite drone. Si punta ad una drastica riduzione dei tempi di processing degli ordini per un modello di consegna mai visto fino ad oggi. Scopriamo insieme in cosa consiste ed eventuali limiti di utilizzo.

 

Amazon Prime Air

Il colosso internazionale dell’e-commerce ha in servo parecchie novità per questo nuovo anno. Dopo l’annuncio di Amazon come operatore telefonico arriva la notizia di un nuovo metodo di spedizione che rivoluzionerà le transazioni online per gli acquisti.

Il drone Prime Air sarà il centro della rivoluzione e-commerce, grazie ad un sistema a propulsione in grado di consegnare pacchi fino a 2,2 chilogrammi in meno di mezz’ora. La distanza di percorrenza massima sarà inizialmente di 24 chilometri via aerea, in attesa di future revisioni che non pongano limiti allo spazio percorribile.

Si tratta di un modello unico nel suo genere. Ad esso si corrisponde un design ibrido che funziona in maniera efficiente sulla base si un algoritmo di volo che alterna la modalità aereo a quelle elicottero. Può decollare ed atterrare e passare agevolmente da un sistema all’altro. Dispone di sei livelli di movimento (avanti/indietro, su/giu, destra/sinistra, imbardata, beccheggio, rollio). Le sue caratteristiche maccatroniche lo rendono particolarmente stabile e perfettamente in grado di affrontare le intemperie ambientali.

Ad ottimizzare questa nuova tecnologia anche un sistema ad Intelligenza Artificiale che interviene tramite computer vision e machine learning allo scopo di evitare ostacoli statici e dinamici lungo il percorso.

Ogni emissione nociva è ridotta al minimo, sia per quel che riguarda il sistema di propulsione che per il livello acustico. Le eliche, difatti, sono realizzate per ridurre le emissioni acustiche al minimo per le alte frequenze.

Al momento le indicazioni sulla messa in opera del sistema sono vaghe e limitate per le tempistiche ed i mercati di destinazione. Gli esperimenti vengono portati avanti negli USA e nel Regno Unito. Nel corso dei mesi il design è stato affinato e personalmente non vediamo l’ora di vederlo all’opera. Voi che ne pensate?

Amazon consegna in 30 minuti: ecco il nuovo servizio Prime Air Tecnoandroid

Apex Legends, la seconda stagione inizierà con un nuovo personaggio

Sun, 06/09/2019 - 16:15

Apex Legends, la seconda stagione inizierà con un nuovo personaggio Tecnoandroid

È arrivato qualche dettaglio concreto sulla seconda stagione di Apex Legends, ed è una notizia incoraggiante se sei un giocatore difensivo o particolarmente competitivo. La prossima fase del gioco aggiungerà Wattson, un personaggio ingegnere che prospera sul gioco difensivo.

Può creare recinti energetici per proteggere il territorio e scatenare un’abilità suprema che spara proiettili nell’aria come bombardamenti e stelle d’arco.

Apex introduce Natalie Wattson, ingegnere

Natalie “Wattson” Paquette è un volto familiare nei giochi Apex. “Guidò l’ingegnere elettrico, studiò i suoi manuali per stargli vicino e scoprì la sua vocazione in giovane età. Sebbene potesse essere completamente distratta per un momento e iperfocalizzata il giorno dopo, la passione la colpì. Il suo flusso ordinato e prevedibile aveva senso in un modo che il resto del mondo non aveva.” Questo è quanto si legge sulla descrizione del personaggio.

Altre aggiunte? Il fucile L-STAR di Titanfall 2 sta facendo il suo ritorno, e puoi aspettarti il ​​progresso accelerato menzionato in precedenza per eliminare parte della rettifica dei mesi precedenti. Vedrai le modifiche alla mappa, una nuova modalità di gioco e le modifiche al bilanciamento di alcune armi. Respawn ha suggerito durante EA Play che potrebbe rivelarsi utile per l’nefficacia della pistola Mozambico. Si parla anche di game classificati che ti daranno un altro motivo per giocare.

La nuova stagione debutterà il 2 luglio. Potrebbe essere un aggiornamento particolarmente cruciale quando arriverà. Apex non cresce in modo così vivace come in passato, e le persone vogliono sapere se Respawn può dargli nuova vita (specialmente con il continuo successo di Fortnite) e affrontare problemi a lungo bollenti che frustrano alcuni giocatori.

Apex Legends, la seconda stagione inizierà con un nuovo personaggio Tecnoandroid

Google finalmente difende Huawei e si scaglia contro il ban

Sun, 06/09/2019 - 16:00

Google finalmente difende Huawei e si scaglia contro il ban Tecnoandroid

Il governo degli Stati Uniti nella sua guerra commerciale con la Cina ha reso Huawei il suo obiettivo a causa del potenziale di spionaggio che l’azienda potrebbe avere secondo gli USA. Google, tuttavia, nega che il colosso cinese abbia ripercussioni sulla sicurezza del Paese.

Huawei non avrà più accesso ai servizi offerti da Google proprio a causa di questo ban indetto dal governo di Trump. Tuttavia, senza l’accesso a Google Play, i dispositivi Huawei non hanno accesso a Google Play Protect. Play Protect è una funzionalità incorporata a Google Play che analizza ogni app per rilevare malware prima del download. Di conseguenza, senza l’accesso a Google Play, gli smartphone Huawei non vengono sottoposti alla scansione di malware. Se qualcuno con, ad esempio, un dispositivo Google Pixel invia informazioni sensibili a un telefono Huawei privo di protezione da malware, tali informazioni verranno compromesse indipendentemente dalla crittografia end-to-end.

Google si dissocia dalle ultime dichiarazioni del ban statunitense contro Huawei

Il ban degli USA per Huawei ha persino portato Google a revocare la licenza Android, rimuovendo Huawei dalle ammiraglie Android e dal programma Android Q Beta. Tali cambiamenti sono fortunatamente duranti solo pochi giorni. Ad esempio, Huawei Mate 20 Pro è tornato nella lista del programma Beta di Android Q. Ciò solo per 90 giorni (a causa della sospensione di tre mesi del governo degli Stati Uniti). Il 19 agosto, Mate 20 Pro verrà rimosso dal programma Android Q Beta ancora una volta.

Altre aziende hanno seguito l’esempio, come Microsoft, Intel, Qualcomm, ARM e così via. Le società americane che fanno affari con Huawei fanno soldi grazie alla grande popolarità dell’azienda in Cina. Quindi, questo ban è anche controproducente. Huawei ha dichiarato in risposta al Ban e alla sua revoca della licenza Android che firmerebbe un accordo di “non spionaggio” con gli Stati Uniti e altri paesi. Ciò nel caso in cui tali paesi continuino a fare affari finanziari con l’OEM cinese. Ma gli accordi di spionaggio potrebbero rivelarsi nient’altro che un cerotto politico temporaneo.

Google finalmente difende Huawei e si scaglia contro il ban Tecnoandroid

FIFA 20 uscirà a settembre con molte novità sulle micro abilità

Sun, 06/09/2019 - 15:45

FIFA 20 uscirà a settembre con molte novità sulle micro abilità Tecnoandroid

La data di rilascio di FIFA 20 è il 27 settembre. In un’intervista all’evento E3 2019 di EA abbiamo appreso ciò che la squadra ha modificato da FIFA 19. Sembra che i giocatori che amano il controllo manuale e le mosse abilità avranno più funzionalità con cui giocare.

EA Sports sta riducendo i difensori IA. Offriranno meno aiuto e ti incoraggeranno a impegnarti con i sistemi difensivi manuali di FIFA. Per aiutarti, affrontare il problema sarà più efficace se utilizzi l’attrezzatura appropriata nel giusto contesto.

Fifa 20 introdurrà nuove abilità

Nel ruolo offensivo, EA Sports vuole dare più tempo e spazio al palleggiatore e creare più occasioni one-to-one. Se ti piace abbagliare gli avversari, ci sono più mosse di abilità e concatenare più mosse di abilità avrà “un risultato più realistico”.

I giocatori dovrebbero sentirsi un po’ più diversi a giocare anche loro. Le caratteristiche del giocatore come la velocità e la forza avranno un impatto leggermente maggiore sulle loro prestazioni.

Penalità e calci di punizione sono stati revisionati. Ora hai un’idea più chiara della traiettoria che stai mirando, ma lo spin deve essere applicato con abilità usando la levetta destra. Speriamo che il requisito delle abilità analogiche impedisca i classici obiettivi sweet spot garantiti che a volte si insinuano nei giochi FIFA.

Oltre a tutto questo c’è una nuova modalità FIFA Street chiamata Volta. EA Sports non ne ha ancora mostrato granché, ma sembra che offrirà cinque configurazioni laterali e 3v3 e un’opzione custode / non custode. Potrebbe essere fantastico. Per aggiornamenti di sistema più dettagliati e notizie Volta, tieni d’occhio la pagina di Pitch Note di FIFA.

FIFA 20 uscirà a settembre con molte novità sulle micro abilità Tecnoandroid

Xbox Scarlett, il debutto potrebbe avvenire a E3 2019

Sun, 06/09/2019 - 15:30

Xbox Scarlett, il debutto potrebbe avvenire a E3 2019 Tecnoandroid

La fiera dedicata al mondo dei videogiochi Electronic Entertainment Expo 2019, conosciuta meglio con il nome E3 2019 è pronta ad iniziare. I cancelli del Los Angeles Convention Center si apriranno a partire dall’11 giugno e fino al 14 si potrà ammirare l’imminente futuro del mondo videoludico.

Tra i vari protagonisti dell’E3 2019, ci sarà anche Microsoft con la conferenza intitolata Xbox E3 2019 Briefing. L’evento dell’azienda di Redmond si terrà il 9 giugno alle 22 ora italiana. Saranno mostrati nuovi titoli sia multipiattaforma che in esclusiva e soprattutto verranno svelate nuove informazioni riguardo la console next-gen.

Tra le prime conferme, sembra esserci il nome della nuova piattaforma da gioco. Microsoft potrebbe lanciare Xbox Scarlett come nome ufficiale. Questa notizia non è stata rilasciata ufficialmente da Redmind, ma si è ricorsi ad un curioso ma affascinante easter-egg.

We’re kicking off the #XboxE3 briefing tomorrow with:

Dal 2020 si pagherà con Facebook Coin: la criptovaluta di Zuckerberg

Sun, 06/09/2019 - 15:15

Dal 2020 si pagherà con Facebook Coin: la criptovaluta di Zuckerberg Tecnoandroid

no

Mark Zuckerberg vuole farci dire addio alle banconote, alle monete e anche alle carte di credito. Il CEO di Facebook, Instagram e Whatsapp vuole creare la sua personale moneta virtuale da usare sui suddetti social (inizialmente). Soltanto in seguito la vorrebbe applicare a tutti i servizi quotidiani.

Il Financial Times afferma che la società di Zuckerberg stia lavorando con le autorità che si occupano della pecunia a Washington per ottenere il “lasciapassare” per la creazione della Facebook Coin, ovvero la cripto-valuta del gruppo del fondatore dei Social.

Altri nomi ipotetici sono: GlobalCoin e Libra. Sarà una moneta virtuale che si interfaccerà con una reale, come i dollari oppure l’Euro. Inizialmente sarà impiegata per effettuare pagamenti sulle piattaforme Social come Facebook o Instagram, con account associati a veri e propri conti correnti.

La data di arrivo nel mercato globale è fissata al 2020 e si ipotizza che provocherà un effetto baraonda nel “fintech“: già soltanto nel 2018 i pagamenti avvenuti digitalmente o su Internet hanno raggiunto i 2,8 miliardi di dollari.

Quali sono i vantaggi di Facebook Coin?

Il vero vantaggio di questa idea sta nei numeri. Parliamo di oltre 2,4 miliardi di utenti su Facebook, un miliardo su Instagram, più tutte le persone che chattano su Whatsapp o Messenger. L’effetto ipotetico che si potrebbe avere, sarebbe simile a quello avvenuto con PayPal.

Considerando che Facebook è il social degli over 30, Instagram invece la piattaforma per i più giovani, oltre che per le aziende, il 22% della pubblicità digitale passa dalle due piattaforme. Basta pensare a tutte le offerte e promozioni che Zuckerberg potrebbe fare con le aziende, qualora decidessero di usare la Facebook Coin.

In molte zone del mondo infine, ci sono milioni di persone che non possiedono un bancomat oppure una carta di credito, senza le quali non possono pagare senza i contanti, non possono effettuare acquisti online o are abbonamenti virtuali. In India si contano più di 190 milioni di persone e in Cina altrettante e poco più.

Se entrasse in vigore la criptovaluta di Facebook sarebbe l’ulteriore conferma dello strapotere di Zuckerberg e dei suoi social, ma assicurerebbe al fondatore un’ulteriore sicurezza in più occupando un fetta di mercato importante e avendo così una porta aperta nel settore economico qualora un domani i social sparissero dalla circolazione.

L’unico vero pericolo per la futura bitcoin del colosso americano sono gli utenti, che dopo i recenti scandali in tema di sicurezza e di affidabilità, non saranno facile da convincere per utilizzare la nuova valuta.

Dal 2020 si pagherà con Facebook Coin: la criptovaluta di Zuckerberg Tecnoandroid

Visto USA, obbligatorio indicare i profili di Facebook, Instagram e Twitter

Sun, 06/09/2019 - 15:00

Visto USA, obbligatorio indicare i profili di Facebook, Instagram e Twitter Tecnoandroid

A partire dallo scorso venerdì, chiunque richieda un visto per gli USA è tenuto ad indicare i propri profili aperti su Facebook, Twitter, Flickr, Instagram ed altri Social Network nell’ultimo quinquennio.

La nuova politica adottata dal Dipartimento di Stato degli Stati Uniti risulta dal “Protecting the Nation from Foreign Terrorist Entry into the United States” approvata nel Marzo di due anni fa da Donald Trump, per una più attenta analisi dell’attività in Rete dei visitatori.

Foto, post, video ed ogni altro tipo di informazione presente sui profili social sarà dunque analizzato dalle autorità statunitensi al fine di stabilire se concedere o meno il permesso di entrata negli USA e rimanerci per un certo periodo.

Visto USA, obbligatorio indicare i profili di Facebook, Instagram e Twitter

La richiesta di indicare i propri account registrati presso le diverse piattaforme di Social Network è obbligatoria per tutti, mentre le autorizzazioni Esta per entrare negli USA destinate ai cittadini dei Paesi che hanno aderito al Visa Waiver Program, tra cui l’Italia, sono escluse dall’obbligo.

In particolare, la richiesta degli account riguarderà chi, a partire dallo scorso venerdì, compilerà i moduli DS-160 per non immigranti, la sua versione cartacea (DS-156) e il modulo online per gli immigranti (DS-260).

Ovviamente, c’è anche la possibilità di dichiarare di non posseder alcun account social, ma se si dovesse mentire, come lo stesso Dipartimento avverte, sono previste conseguenze assai severe dal punto di vista di provvedimenti migratori.

Fra le piattaforme da elencare rientrano: Facebook, Instagram, Twitter, LinkedIn, YouTube, Ask.fm, Reddit, Pinterest, MySpace, Youku, Vine e Google Plus.

Visto USA, obbligatorio indicare i profili di Facebook, Instagram e Twitter Tecnoandroid

Apple ha richiamato più di 800 mila adattatori da viaggio per un problema

Sun, 06/09/2019 - 14:45

Apple ha richiamato più di 800 mila adattatori da viaggio per un problema Tecnoandroid

Apple nelle ultime ore ha comunicato di richiamare circa 810 mila adattatori da viaggio con un problema molto serio. Quest’ultimi infatti sono stati richiamati con il sospetto di shock hazard.

Shock hazard significa letteralmente un incidente elettrico, che potrebbe coinvolgere tutti gli utenti che lo stanno adoperando. Più precisamente l’azienda di Cupertino sta richiamando tutti i dispositivi venduti prima di febbraio 2015. Ecco tutti i dettagli.

 

Apple richiama 810 mila adattatori da viaggio

Il kit in questione contiene adattatori per prese CA a tre poli e due poli, che si adattano a diverse prese elettriche in tutto il mondo, essendo da viaggio. Gli adattatori in questione sono stati creati principalmente per l’uso nel Regno Unito, Singapore e Hong Kong. Alcuni di essi sono stati venduti anche per computer Mac e ovviamente per dispositivi iOS.

Gli adattatori per prese di corrente CA a tre poli richiamati, quelli che solitamente si utilizzano per le prese americane, sono di colore bianco e senza alcuna lettera sulla fessura interna in cui si collega ad un adattatore di alimentazione Apple. Tutti gli adattatori sono stati venduti all’interno di negozi ufficiali dell’azienda e online nel periodo tra gennaio 2003 a gennaio 2015 al costo di 30 dollari.

Se pensate di possedere l’accessorio citato precedentemente, non vi resta che contattare l’assistenza di Apple per scoprire come procedere nel reso. Potete anche recarvi presso un qualsiasi Apple store e chiedere come dovete comportarvi. Per il momento queste sono le uniche informazioni che abbiamo in possesso. Nel caso dovessimo averne delle altre, non esiteremo a comunicarvele.

Apple ha richiamato più di 800 mila adattatori da viaggio per un problema Tecnoandroid

Xiaomi Mi Band 4, la presentazione italiana il 12 giugno

Sun, 06/09/2019 - 14:30

Xiaomi Mi Band 4, la presentazione italiana il 12 giugno Tecnoandroid

Xiaomi Mi Band 4, la nuova generazione della smart band del produttore cinese, è pronta per essere svelata. Gli appassionati del marchio sapranno benissimo che la presentazione internazionale è fissata per martedì 11 giugno in Cina mentre nel nostro Paese la presentazione si terrà 24 ore dopo, esattamente il 12 giugno.

Per l’occasione i dirigenti Xiaomi hanno organizzato un piccolo evento che si terrà a Milano e durante il quale verranno svelati tutti i segreti della Xiaomi Mi Band 4. Un prodotto di cui comunque conosciamo già abbastanza e che nelle ultime ore è addirittura diventato disponibile all’acquisto su AliExpress; a questo indirizzo.

 

Xiaomi Mi Band 4, prezzo di vendita e caratteristiche ufficiose

La smartband è prezzata su AliExpress a 45 euro, una cifra al momento indicativa che nel caso specifico dello store cinese comprende la spedizione nel nostro Paese. In attesa di capire se questo sarà o meno il prezzo ufficiale, la Xiaomi Mi Band 4 dovrebbe presentarsi con il classico design semplice ma funzionale.

Un prodotto che dovrebbe comprendere uno schermo LCD da 16.000 colori e 240 x 120 pixel di risoluzione, esattamente il 39.9% più ampio rispetto a quello della precedente generazione. Un pannello incastonato nel modo che tutti conosciamo ormai, nei cinturini ufficiali.

Cinturini che secondo quanto emerso in rete, non dovranno essere più rimossi quando si vorrà mettere in carica la smartband e la sua batteria da 135 mAh. Il resto della scheda tecnica comprenderebbe un sensore per il battito cardiaco, la connettività Bluetooth 5.0 ma soprattutto un chip NFC probabilmente per i pagamenti contactless.

Tuttavia, abbiamo buoni motivi per credere che verranno annunciate almeno due varianti di questa Xiaomi Mi Band 4, una senza chip NFC ed una invece dotata di questo sistema di comunicazione bidirezionale a corto raggio.

Xiaomi Mi Band 4, la presentazione italiana il 12 giugno Tecnoandroid

TIM e l’accordo per la cessione della partecipazione in Persidera S.p.A

Sun, 06/09/2019 - 14:15

TIM e l’accordo per la cessione della partecipazione in Persidera S.p.A Tecnoandroid

TIM S.p.A. e GEDI Gruppo Editoriale S.p.A. hanno raggiunto un accordo vincolante con F2i e EI Towers S.p.A. per la cessione delle partecipazioni detenute in Persidera S.p.A. – pari rispettivamente al 70% e al 30% del capitale – sulla base di un Enterprise Value pari esattamente a 240 milioni di euro.

L’operazione, soggetta all’autorizzazione delle autorità competenti, prevede che entro il closing stimabile indicativamente nell’ultimo trimestre 2019, naturalmente in funzione della tempistica dei processi autorizzativi, venga effettuata la scissione di Persidera in due separate entità.

 

TIM raggiunge l’accordo per la cessione della partecipazione in Persidera S.p.A.: tutti i dettagli dell’operazione

Una prima entità che rimarrà titolare delle 5 frequenze del digitale terrestre, relativi contratti attivi e personale e la seconda nella quale confluirà l’intera infrastruttura di rete ed il relativo personale. F2i acquisirà l’intero capitale della nuova Persidera mentre EI Towers acquisirà il 100% della nuova società di infrastruttura di rete.

L’impatto complessivo atteso sulla riduzione della PFN del Gruppo nel 2019 è pari a circa 160 milioni di euro, importo che comprende il corrispettivo da incassare al closing per la partecipazione del 70%, i dividendi distribuiti dalla società e l’effetto del deconsolidamento del debito Persidera.

Tale operazione, che segue quanto comunicato lo scorso 21 febbraio in occasione della presentazione del Piano industriale TIM, si inquadra in un contesto di razionalizzazione del portafoglio e di focus sulle attività core ed è coerente con il progetto di valorizzazione della società perseguito da TIM e GEDI sin dalla creazione della partnership.

Un accordo che per chi non lo sapesse è stato realizzato nel 2015 tramite l’integrazione delle rispettive frequenze televisive e relative attività.

TIM e l’accordo per la cessione della partecipazione in Persidera S.p.A Tecnoandroid

Google e Huawei hanno accettato di rimborsare i consumatori

Sun, 06/09/2019 - 14:00

Google e Huawei hanno accettato di rimborsare i consumatori Tecnoandroid

A distanza di quasi 4 anni dal disastro legato ai Nexus 6P, l’ultimo membro di un progetto ambizioso, ma che non sempre ha dato i frutti sperati. Proprio in questo il dispositivo progettato/prodotto dai due colossi Google e Huawei è risultato fallimentare sotto tutti i punti di vista tanto che negli Stati Uniti è stata firmata una class action che ha portato ad una sentenza definitiva. A causa dei bootloop che hanno reso inutilizzabili molte delle unità in circolazione le due compagnie adesso sono costrette a rimborsare i consumatori e finalmente hanno accettato di farlo.

Lo smartphone arrivato sul mercato nel 2015 in realtà soffriva di due pesanti problemi e mentre uno era il bootloop l’altro era l’eccessivo drenaggio della batteria. Entrambe le compagnie hanno sostanzialmente il riconosciuto questi due problemi anche se non si sono presi la responsabilità, ma questo non è il problema. Adesso i consumatori che hanno avuto tra le mani un modello difettoso hanno la possibilità di richiede una compensazione che può raggiungere i 400 dollari; il costo totale sarà di 9,75 milioni di dollari quindi non una grossa cifra in proporzione ai profitti dei due colossi.

 

Google, Huawei e i Nexus 6P

Già nel 2017 Google aveva offerto la possibilità di rimborsare l’utente offrendogli la possibilità di scambiare lo smartphone con un Pixel XL; quest’ultimi non potranno chiedere il rimborso in denaro. Per quanto riguarda chi non aveva accettato questa offerta potrà ricevere un somma in base al tipo di problema riscontrato. Se si ha solo avuto problemi di riavvio allora il rimborso sarà di minimo 10 dollari, ma che può salire fino a 75 dollari anche senza prova di questo. Se si hanno prove il risarcimento sale fino a 325 dollari mentre se si avevano problemi con la batteria il rimborso sarà di 45 dollari senza prove e 150 con; con entrambi i problemi e con le prove si raggiungono i 400 dollari.

Google e Huawei hanno accettato di rimborsare i consumatori Tecnoandroid

Apple e iOS 13: verrà mostrato dove un’app ha tracciato la posizione

Sun, 06/09/2019 - 13:45

Apple e iOS 13: verrà mostrato dove un’app ha tracciato la posizione Tecnoandroid

Apple ha sempre puntato sul salvaguardare la privacy dei propri utenti e non ha mancato di farcelo sapere all’inizio di quest’anno prima del CES di Las Vegas; se vi ricordare ha fatto una compagnia pubblicitaria per prendere in giro Google sottolineando come le cose che succedono sugli iPhone rimangono sugli iPhone. Un po’ ipocrita da parte della compagnia con sede a Cupertino considerando che poco dopo si è scoperta una falla su iOS che permetteva a chiunque di aver accesso alla rubrica di un iPhone.

Detto questo questo sistema operativo risulta effettivamente più sicuro rispetto ad Android per via dello stretto controllo da parte di Apple. Con il prossimo aggiornamento ci saranno delle novità e tra queste ce n’è una che mira proprio a migliorare ancora di più la protezione della privacy. I beta tester hanno scoperto che con iOS 13 il sistema avvertirà l’utente di dove un’applicazione avrà tenuto della posizione del dispositivo in uso.

 

Apple e iOS 13

Questo sistema permetterà anche all’utente di esprimersi su questo tracciamento e nel qual caso si sentisse a disagio potrebbe richiedere una riduzione di questo tracciamento. La novità, almeno da quanto trapelato dai tester, sarà presente anche sull’imminente iPadOS e basta mentre per macOS, tvOS e watchOS no in quanto non ce n’è bisogno in quanto non richiedono un tracciamento della località. Ormai è difficile trovare un’app che non tenga conto della nostro posizione, ma questo non dovrebbe essere una scusa per essere costantemente tracciati; Apple sta solo venendo incontro ai consumatori più attenti a queste cose, forse con un po’ troppo ritardo.

Apple e iOS 13: verrà mostrato dove un’app ha tracciato la posizione Tecnoandroid

Pages



Condividi: