Tecnoandroid




MANUALINUX


Subscribe to Tecnoandroid feed
Il sito e il forum più completo in Italia su Android. News, guide, approfondimenti, app e giochi per Android e una grande community italiana.
Updated: 2 hours 57 min ago

Netflix: il 1° gennaio 2020 sbarcherà la serie TV Messiah

Thu, 12/05/2019 - 20:30

Netflix: il 1° gennaio 2020 sbarcherà la serie TV Messiah Tecnoandroid

La piattaforma di contenuti in streaming Netflix, nonostante sia al momento concentrata su tutti i nuovi prodotti che lancerà in questo dicembre 2019, ha annunciato l’arrivo di una nuova serie TV per l’anno prossimo.

Durante le festività natalizie saranno moltissimi i contenuti disponibili, come ogni anno, ma il 1° gennaio 2020 sbarcherà Messiah. Scopriamo insieme la trama di questa nuova serie TV.

 

Netflix: Messiah sbarcherà il 1° gennaio 2020

Secondo quanto riportato da Ansa, la serie TV in questione è un thriller ricco di suspense che esplora il potere dei social media durante la nostra era. Racconta la storia dell’agente della CIA Eva Geller, interpretata da Michelle Monaghan, che avvia un’indagine per scoprire l’identità dell’uomo che sta attirando l’attenzione di tutti i media internazionali a causa delle sue gesta sensazionali. L’uomo è interpretato da Mehdi Dehbi, che all’interno della serie avrà un numero sempre più elevato di seguaci, convinti che sia in grado di compiere miracoli.

Netflix ha rilasciato il trailer ufficiale e le prime immagini della nuova serie, che ricordo sarà disponibile a partire dal prossimo 1° gennaio 2020 in tutti i paesi in cui il servizio è attivo. Geller dovrà svelare il mistero che si cela dietro quest’uomo misterioso, si tratta davvero di una divinità o è solo un truffatore in grado di sovvertire l’ordine mondiale?. La storia è narrata da diverse prospettive, quella di un ufficiale dell’intelligence israeliana, di un predicatore del Texas e della giornalista che racconta la storia.

La serie è stata diretta da James Mc Teigue di V per Vendetta e Kate Woods di Recity, con i produttori esecutivi Petroni, McTeigue, Andrew Deane, Mark Burnett e Roma Downey. Non ci resta a questo punto che attendere il prossimo 1° gennaio 2020 e vedere con i nostri occhi il nuovo prodotto della piattaforma.

Netflix: il 1° gennaio 2020 sbarcherà la serie TV Messiah Tecnoandroid

Motorola One Hyper è ufficiale con la sua camera pop-up a comparsa

Thu, 12/05/2019 - 20:15

Motorola One Hyper è ufficiale con la sua camera pop-up a comparsa Tecnoandroid

Nonostante sia stato presentato soltanto da pochissimo tempo lo smartphone pieghevole Motorola Raz 2019, ecco che l’azienda ha deciso di svelare ufficialmente sul mercato anche il suo primo smartphone dotato di una camera pop-up a comparsa, cioè il nuovo Motorola One Hyper.

 

Motorola One Hyper ufficiale: design a tutto schermo e dual camera da 64 megapixel

Nel corso di questi ultimi mesi abbiamo avuto ampiamente modo di osservare il design di questo nuovo terminale, ma ora ne abbiamo la conferma ufficiale. Questo dispositivo è a tutti gli effetti il primo device con camera pop-up a comparsa a marchio Motorola. Questo meccanismo permette di avere un design pulito a tutto schermo. Nello specifico, abbiamo un display LCD con una diagonale da 6.5 pollici in risoluzione FullHD+. interessante notare come la fotocamera anteriore sia da 32 megapixel e che sia dotata della tecnologia Quad Pixel che permette di effettuare scatti di qualità da 8 megapixel.

Sul posteriore, il comparto fotografico è affidato a una dual camera posteriore posta verticalmente sulla scocca. Il sensore fotografico principale è da 64 megapixel e dispone anch’esso della tecnologia Quad Pixel con la quale è possibile effettuare scatti da 16 megapixel. Il secondo sensore fotografico è invece un grandangolo da 8 megapixel.

Le prestazioni del nuovo device a marchio Motorola sono affidate al processore Snapdragon 675 di Qualcomm, il quale è supportato da 4 GB di memoria RAM e 128 GB di storage interno (espandibile tramite microSD fino a 1 TB). La batteria è da 4000 mAh e supporta la ricarica rapida Hyper Charging da 45W, mentre il sistema operativo installato a bordo è Android 10.

 

Prezzi e disponibilità

Al momento il nuovo Motorola One Hyper è disponibile per il mercato statunitense nelle colorazioni Deepsea Blue, Dark AmberFresh Orchid ad un prezzo di circa 360€ al cambio. L’azienda ha inoltre rivelato che il nuovo device arriverà anche in Europa, ma al momento non conosciamo ancora le tempistiche.

Motorola One Hyper è ufficiale con la sua camera pop-up a comparsa Tecnoandroid

Recensione Motorola One Zoom

Thu, 12/05/2019 - 20:00

Recensione Motorola One Zoom Tecnoandroid

Motorola One Zoom lo abbiamo visto ad IFA a Berlino nello scorso Settembre e ci aveva colpito per via della sua back cover originale e del suo logo retroilluminato. Un prodotto di fascia media molto equilibrato ma che ha un grande difetto: si inserisce in una fascia di mercato super affollata, rischiando di passare in secondo piano rispetto alle numerose proposte di altri brand e agli “ex top di gamma” che compromettono la scelta.

Design ed estetica

Anteriormente si presenta banale e privo di personalità, con un notch a goccia che cela la selfie-cam, mentre sulla back cover si nasconde la magia. Siamo rimasti colpitissimi dal logo con il led sotto, che diventa un vero e proprio “faro nella notte”. La trama in vetro spazzolato che ricorda l’alluminio è assolutamente premium ed è quasi un peccato coprirla con una banale cover, che risulta però necessaria in quanto il device è scivoloso.

Le fotocamere sono incastonate in un rettangolo che sporge leggermente e che, quando poggiamo lo smartphone su un piano inclinato, ci complica non poco la vita. I frame laterali invece sono abbastanza puliti con i pulsanti al posto giusto e li raggiungiamo tutti senza particolari difficoltà (anche con le mani piccole). Il display da 6,4 pollici in risoluzione 1080×2340 pixel con 403 ppi OLED è ottimo ed è un piacere anche nelle condizioni più complicate di luce. Di notte il sensore per la luminosità funziona bene senza accecarci.

Connettività e batteria

Con una batteria da 4000 mAh potremmo essere in grado di compiere diverse azioni, e non scalda quasi mai nell’uso quotidiano, anche quando facciamo operazioni complicate per il processore come giocare ad Asphalt 9. La connettività è completa sotto tutti i punti di vista, ma gli sblocchi del device sono un po’ lenti nel rispondere. Quello con il volto 2D è veloce ma non sicuro, mentre lo sblocco con l’impronta sotto allo schermo è lento e impreciso.

#tdi_1_555 .td-doubleSlider-2 .td-item1 { background: url(https://www.tecnoandroid.it/wp-content/uploads/2019/12/OneZoom_-14-80x60.png) 0 0 no-repeat; } #tdi_1_555 .td-doubleSlider-2 .td-item2 { background: url(https://www.tecnoandroid.it/wp-content/uploads/2019/12/OneZoom_-13-80x60.png) 0 0 no-repeat; } #tdi_1_555 .td-doubleSlider-2 .td-item3 { background: url(https://www.tecnoandroid.it/wp-content/uploads/2019/12/OneZoom_-12-80x60.png) 0 0 no-repeat; } #tdi_1_555 .td-doubleSlider-2 .td-item4 { background: url(https://www.tecnoandroid.it/wp-content/uploads/2019/12/OneZoom_-11-80x60.png) 0 0 no-repeat; } #tdi_1_555 .td-doubleSlider-2 .td-item5 { background: url(https://www.tecnoandroid.it/wp-content/uploads/2019/12/OneZoom_-10-80x60.png) 0 0 no-repeat; } #tdi_1_555 .td-doubleSlider-2 .td-item6 { background: url(https://www.tecnoandroid.it/wp-content/uploads/2019/12/OneZoom_-9-80x60.png) 0 0 no-repeat; } #tdi_1_555 .td-doubleSlider-2 .td-item7 { background: url(https://www.tecnoandroid.it/wp-content/uploads/2019/12/OneZoom_-8-80x60.png) 0 0 no-repeat; } #tdi_1_555 .td-doubleSlider-2 .td-item8 { background: url(https://www.tecnoandroid.it/wp-content/uploads/2019/12/OneZoom_-7-80x60.png) 0 0 no-repeat; } #tdi_1_555 .td-doubleSlider-2 .td-item9 { background: url(https://www.tecnoandroid.it/wp-content/uploads/2019/12/OneZoom_-6-80x60.png) 0 0 no-repeat; } #tdi_1_555 .td-doubleSlider-2 .td-item10 { background: url(https://www.tecnoandroid.it/wp-content/uploads/2019/12/OneZoom_-5-80x60.png) 0 0 no-repeat; } #tdi_1_555 .td-doubleSlider-2 .td-item11 { background: url(https://www.tecnoandroid.it/wp-content/uploads/2019/12/OneZoom_-4-80x60.png) 0 0 no-repeat; } 1 su 11 Caratteristiche tecniche

Sotto al cofano c’è uno Snapdragon 675 con GPU Adreno 612, che assicura un buon compromesso nel gaming moderato. Peccato per i soli 4 GB di ram. Molto buoni i 128 GB espandibili mediante microsd fino a 1TB di archiviazione.

Fotocamere

I sensori per le fotocamere sono veramente ottimi: ci regalano scatti nitidi e con un ottimo bokeh in tutte le condizioni. Noi ci siamo divertiti – come potete vedere dalla nostra videorecensione – a realizzare diverse fotografie in ogni contesto. I video in 4K stabilizzati otticamente fino a 30 fps ci regalano video molto buoni, peccato per l’assenza dell’ultra grandangolare come il fratello G8 Plus. L’anteriore non è nulla di speciale, ma per un uso social abbastanza comune va bene. Parliamo di una 25 Mega con apertura f2 che chiude un po’ troppo i neri soprattutto nei video in notturna. Altro elemento che non ci è piaciuto però è il cambio di temperatura colore, troppo brusco e aggressivo per gli standard e per un device da oltre 399 €.

Conclusioni

Non capiamo come mai Motorola abbia abbandonato il design 21:9 che stava mantenendo con i prodotti della linea One, ma One Zoom è uno smartphone equilibrato e risulta piacevole; di giorno regala ottimi scatti e video egregi. Magari con il supporto alla GCam potrà cambiare totalmente faccia. Noi ci sentiamo di consigliarlo, anche se c’è qualche “neo” che non ci ha convinto più di tanto, e anche se esce con un prezzo di oltre 429 €. Con uno street price più aggressivo, sarà una scelta ideale per chi cerca un device particolare dall’estetica accattivante e giovanile.

Recensione Motorola One Zoom Tecnoandroid

Motorola: la promessa fatta sugli smartphone per il 2020

Thu, 12/05/2019 - 19:45

Motorola: la promessa fatta sugli smartphone per il 2020 Tecnoandroid

Motorola non ha prodotto uno smartphone Android con specifiche di punta e di alto livello negli ultimi due anni. Ma durante l’introduzione odierna degli ultimi processori Qualcomm, la società ha dichiarato che cambierà nel 2020. Motorola ha già rivelato il Razr modernizzato con uno schermo pieghevole, ma presenta un processore di fascia media rispetto ai migliori e più veloci telefoni del 2019. Tuttavia, il Razr è sicuramente un passo avanti nel design e nel concetto generale rispetto al tipico telefono della serie Moto G.

E i futuri dispositivi Motorola includeranno le piattaforme Snapdragon 865 e 765. “Grazie alle nuove tecnologie annunciate oggi, avremo nuovi prodotti premium da annunciare all’inizio del 2020“, ha affermato Sergio Buniac di Motorola sul palco del Summit Snapdragon alle Hawaii.

 

Motorola: le previsioni dell’azienda per il futuro

Motorola prevede di lanciare a livello globale prodotti con il processore 765 (che offre connettività 5G integrata) e ha promesso di rilasciare il “telefono più veloce sulla piattaforma di punta di Qualcomm”. In questo modo si avrà il processore 865. Motorola sta promettendo una velocità del 5G superiore a 5 Gbps, che è ben oltre quella che abbiamo visto nei test del mondo reale. Quindi è da prendere con le pinze.

Motorola ha anche osservato all’evento di oggi che la società è rimasta redditizia per cinque trimestri consecutivi, a riprova del fatto che la sua strategia attuale, offrendo telefoni competitivi a prezzi molto al di sotto del costo tipico delle navi ammiraglie, è in risonanza con i consumatori. Ma chiaramente vuole dimostrare di poter innovare in termini di prestazioni mantenendo la propria attività su una buona traiettoria. Non aspettarti che questi telefoni di fascia alta arrivino ai soliti prezzi compatibili con il portafoglio Motorola. I 1,499 dollari di Razr hanno già segnato una grande partenza.

Potremmo scoprire di più sulla gamma 2020 di Motorola al Mobile World Congress di fine febbraio, se non prima.

 

Motorola: la promessa fatta sugli smartphone per il 2020 Tecnoandroid

Google Maps, il nuovo aggiornamento renderà il tuo viaggio più sicuro

Thu, 12/05/2019 - 19:30

Google Maps, il nuovo aggiornamento renderà il tuo viaggio più sicuro Tecnoandroid

Google Maps è una tra le app di navigazione più popolari, con milioni di utenti che si affidano ad essa per i loro spostamenti quotidiani. L’app introduce di continuo nuovi aggiornamenti per offrire un servizio più completo. Di recente, ha reso possibile tradurre i nomi delle strade e dei luoghi più popolari di un paese per chi viaggia in un posto sconosciuto. Ha anche introdotto la possibilità di trovare caricatori compatibili per il tuo veicolo elettrico ed avvisi per itinerari in taxi.

Ora, Google si sta preparando a introdurre una nuova funzionalità in Google Maps chiamata “Illuminazione“. L’obiettivo della funzione è quella di evidenziare le strade ben illuminate.

Google Maps: il prossimo aggiornamento riguarda i viaggi sicuri

Gli sviluppatori di xda hanno “smontato” l’APK per vedere nel dettaglio cosa ci porterà la nuova versione di Maps. Tuttavia, potrebbe anche succedere che le funzionalità descritte di seguite non arrivino in un aggiornamento futuro. Google Maps v10.31.0 beta contiene stringhe che indicano che Google sta lavorando a una nuova funzione che contribuirà a rendere i tuoi viaggi notturni un po ‘più sicuri. 

Secondo le descrizioni delle stringhe, la funzione di illuminazione metterà in evidenza le strade che hanno una buona illuminazione con un colore giallo. Aiuterà gli utenti a evitare strade con scarsa o nessuna illuminazione. Non esistono ancora screenshot della funzionalità in fase di sviluppo.

Non vi è alcuna indicazione nelle stringhe che questa caratteristica arrivi in tutti i paesi. Di sicuro, l’aggiornamento potrebbe essere utile per gli individui che viaggiano di notte in un nuovo paese, poiché i turisti preferiscono sempre utilizzare una strada ben illuminata.  Non è ancora chiaro come Google raccoglierà i dati sull’illuminazione stradale e come li manterrà aggiornati in tempo reale.

Google Maps, il nuovo aggiornamento renderà il tuo viaggio più sicuro Tecnoandroid

Huawei Nova 6 SE: il mid-range della nuova serie è ufficiale

Thu, 12/05/2019 - 19:15

Huawei Nova 6 SE: il mid-range della nuova serie è ufficiale Tecnoandroid

Oltre ai device top di gamma della nuova serie Nova, l’azienda cinese Huawei ha svelato anche un nuovo smartphone appartenente alla fascia media del mercato, cioè il nuovo Huawei Nova 6 SE.

 

Huawei Nova 6 SE ufficiale: quad camera posteriore e display forato

Seguendo le linee estetiche dei fratelli maggiori, questo nuovo terminale dispone anch’esso di un display forato. Nello specifico, ci troviamo di fronte a un pannello IPS con una diagonale pari a 6.4 pollici in risoluzione FullHD+ e all’interno del foro è collocata una selfie camera da 16 megapixel.

Discorso leggermente diverso per quanto riguarda il design della backcover. Qui, infatti, il nuovo Huawei Nova 6 SE si discosta dai fratelli maggiori dato che troviamo una quad camera posteriore posta in una zona quadrata in stile Google Pixel 4 e iPhone 11 Pro. Nello specifico, abbiamo come sensore fotografico principale il Sony IMX586 da 48 megapixel accompagnato da un grandangolo da 8 megapixel e da altri due sensori da 2 megapixel.

A cambiare rispetto agli altri modelli è anche il processore. A bordo di questo nuovo dispositivo di casa Huawei batte infatti il SoC medio di gamma HiSilicon Kirin 810 supportato da 8 GB di memoria RAM e 128 GB di storage interno. In caso di necessità sarà possibile espandere la memoria interna, ma solo tramite la memory card proprietaria dell’azienda cinese. La batteria, infine, è da 4200 mAh e supporta la ricarica rapida da 40W.

 

Prezzi e disponibilità

Huawei Nova 6 SE sarà disponibile all’acquisto per il mercato cinese a partire dal prossimo 25 dicembre nelle colorazioni Pink, Black e Pink ad un prezzo di circa 280€ al cambio attuale.

Huawei Nova 6 SE: il mid-range della nuova serie è ufficiale Tecnoandroid

Personalizzalo.it: crea la tua cover senza porre freni alla fantasia

Thu, 12/05/2019 - 19:00

Personalizzalo.it: crea la tua cover senza porre freni alla fantasia Tecnoandroid

C’è chi usa il proprio smartphone senza custodia e chi invece preferisce usarla per proteggere il proprio dispositivo. Molte volte però risulta difficile trovare una cover che soddisfi le nostre esigenze o il nostro personale gusto estetico. Proprio per questo è nato Personalizzalo.it.

Il sito permette di creare una cover personalizzata scegliendo tra circa 700 modelli di smartphone e tablet delle migliori marche. Non avrete limiti alla vostra fantasia e con pochi semplici click potrete realizzare una custodia unica e che rispecchi a pieno il vostro mood e la vostra personalità.

Personalizzalo.it: crea la tua cover con semplicità

Che tu abbia un dispositivo Apple, Samsung, Huawei, HTC, Oneplus, LG a Personalizzalo.it non interessa, sarai trattato sempre con la massima qualità del servizio. Nulla è lasciato al caso e qualora il vostro dispositivo non fosse presente nella lista basterà contattarli per ricevere una risposta entro 24h.

La stampa è realizzata con la massima cura e garantirà colori brillanti, unitamente a una durata nel tempo maggiore rispetto alle cover presenti in commercio. I materiali utilizzati sono infatti di qualità e non vi lasceranno sicuramente delusi. Inoltre, qualora la foto da stampare sulla cover non sia delle dimensioni ottimali verrà stampata alla massima grandezza possibile, evitando quel fastidioso effetto sgranato.

Personalizzalo.it: i modelli di cover presenti e le opzioni di personalizzazione

Per soddisfare ogni tipo di richiesta le custodie di Personalizzalo.it non si limitano solo agli smartphone. Potremo trovare infatti un vasto assortimento relativo a Tablet e Notebook. Tra i modelli disponibili troviamo le cover morbide, a libro, 3D rigide opache, 3D rigide glossy e le smartcase per iPad o Tablet.

Mediante l’area del sito relativo agli oggetti personalizzati potremo poi effettuare stampe anche su altri supporti, quali: quaderni, agende, magliette e chi più ne ha più ne metta. Vediamo però quali sono i semplici passaggi per realizzare la nostra cover e quali sono le grafiche già disponibili.

Per cominciare ci basterà cliccare sul tasto “Crea” che potremo trovare nel menù principale dal sito. Qui avremo a disposizione la lista dei vari produttori di smartphone, selezioniamo il nostro e clicchiamolo. Questo ci permetterà di arrivare ad una lista di dispositivi disponibili per creare la nostra cover in maniera autonoma.

Una volta effettuata la scelta del dispositivo, potremmo visualizzare i tipi di cover disponibili tra quelli di cui vi abbiamo parlato prima. Nel caso del dispositivo che andremo a scegliere per la prova troveremo solo custodie morbide.

Ora entriamo nel vivo della nostra creazione e potremo liberare tutta la nostra creatività. Una volta cliccato il tipo di cover ci verrà infatti richiesto se vogliamo caricare una foto o scegliere uno dei modelli creati dagli artisti di Personalizzalo.it. Noi opteremo per questa opzione, non preoccupatevi però che il procedimento risulta del tutto analogo anche con una fotografia personale.

In alto alla pagina troverete tutti i vari “mood” disponibili per la scelta, evitando quindi di dover effettuare lo scroll per cercare quello più adatto a noi. Ce ne sono davvero per tutti i gusti e graficamente bellissimi da vedere. Una volta selezionato ci si aprirà un’anteprima del nostro smartphone, sulla quale potremo regolare alcuni parametri a nostro piacimento.

Conclusioni e Prezzo

Personalizzalo.it è senz’altro un servizio interessante che ci permetterà di realizzare qualcosa di unico ed affine al nostro modo di essere. Si avvicinano le vacanze natalizie e questo potrebbe effettivamente essere uno spunto interessante per un idea regalo particolare e dal prezzo contenuto. Si parte infatti da 19,90 euro pagabili anche tramite Paypal, con spedizione mediante corriere espresso GLS. Questo permetterà una rapida consegna entro 72h dalla stampa.

Potete raggiungere il sito cliccando qui: https://bit.ly/2LfQ2ZO

 

Personalizzalo.it: crea la tua cover senza porre freni alla fantasia Tecnoandroid

La nuova tastiera intelligente di Amazon confonde tutti

Thu, 12/05/2019 - 18:45

La nuova tastiera intelligente di Amazon confonde tutti Tecnoandroid

Amazon Web Services ha debuttato una tastiera chiamata DeepComposer questa settimana, sostenendo che è “la prima tastiera musicale al mondo alimentata dall’IA generativa”. Ha 32 tasti, costa 99 dollari e si collega a un’interfaccia software che utilizza l’apprendimento automatico e il cloud computing per generare musica basata su ciò che suoni.

Non è chiaro per chi sia questo, e molti hanno attaccato al fatto che la musica che crea suona semplicemente male. Sembra un prodotto di consumo e Amazon ha usato una presentazione esagerata per pubblicizzarlo, che includeva quella che AWS sosteneva essere “la prima collaborazione acustica di pop umano ibrido con intelligenza artificiale”.

 

Amazon: i grattacapi che stanno sorgendo intorno a questa nuova tastiera

Ma in realtà, la tastiera è pensata per essere uno strumento iniziale per gli sviluppatori che vogliono imparare la musica e l’apprendimento automatico. Il dispositivo è la più recente offerta di AWS per gli sviluppatori per familiarizzare con gli aspetti dell’apprendimento automatico, seguendo AWS DeepRacer (un’auto RC) e AWS DeepLens (una fotocamera).

DeepComposer non è pensato per creare musica a scopo di intrattenimento o per spingere lo stato dell’IA generativa. Non sarà mai commercializzato per aspiranti musicisti.

Anche se Amazon afferma che DeepComposer è per gli sviluppatori, molti sviluppatori non capiscono cosa farne. Secondo Amazon, poiché questo è per gli sviluppatori, “non è necessaria alcuna conoscenza musicale”. Ma usa ancora i termini della teoria musicale tradizionale ed è incentrato su una cosa che richiede moltissimo un minimo di conoscenza musicale: una tastiera.

La tastiera fisica non è nemmeno necessaria poiché il software DeepComposer ha una tastiera virtuale. E AWS non ha sviluppato o progettato la tastiera. È un controller MIDI della società taiwanese Midiplus che esiste da anni. Amazon la vende per 46 dollari. Sono uguali. La versione più costosa di Amazon non è “alimentata dall’intelligenza artificiale”, ma invia MIDI al software collegato al cloud. Qualsiasi tastiera MIDI funzionerebbe tecnicamente.

È interessante vedere un’azienda grande come Amazon entrare nel mondo della democratizzazione della creazione musicale, anche se questa prima iterazione ha in qualche modo mancato il segno. Chissà, forse è un gioco lungo per far conoscere più agli sviluppatori la piattaforma di apprendimento automatico di AWS, SageMaker.

La nuova tastiera intelligente di Amazon confonde tutti Tecnoandroid

TikTok accusata di discriminazione, ecco per quale motivo

Thu, 12/05/2019 - 18:30

TikTok accusata di discriminazione, ecco per quale motivo Tecnoandroid

Un recente rapporto di Netzpolitik.org denuncia le policy del tutto controverse della piattaforma TikTok, da ormai un miliardo di utenti, anche verso autistici e persone down. La piattaforma si è difesa dichiarando che si tratta di regole utilizzate per proteggere.

In occasione della giornata mondiale dedicata alla disabilità, questo rapporto ha svelato come TikTok, il social degli adolescenti, avrebbe discriminato gli utenti con disabilità. Scopriamo insieme tutti i dettagli.

 

TikTok accusato di discriminazione

La piattaforma TikTok avrebbe censurato i profili di tutte le persone presenti sulla piattaforma con delle disabilità. L’intento della piattaforma, secondo quando dichiarato da un suo portavoce, sarebbe stato quello di proteggerli dal cyberbullismo, che può svilupparsi sulla piattaforma, avendo oltre un miliardo di utenti. Il risultato però, a quanto pare, è stato una sorta di censura preventiva che ha condotto ad una ridotta diffusione dei post pubblicati da questi utenti e alla disattivazione di alcune funzionalità, attive solitamente di default.

Secondo il rapporto, che si basa su alcuni documenti interni dell’applicazione, TikTok avrebbe delle regole particolari per gli utenti con forme di disabilità o deformità fisiche. Secondo le policy si tratta di persone con “autismo, sindrome di Down, deformità facciali e disabili”. Queste persone, secondo i documenti ottenuti dalla piattaforma tedesca, “sono estremamente vulnerabili ad atti di cyberbullismo“. Di conseguenza la piattaforma ha deciso di limitarne la diffusione.

Un portavoce della piattaforma ha spiegato che quelle regole erano solo un modo iniziale ed imperfetto di sedare i conflitti sull’applicazione. Ha spiegato a Netzpolitik che “l’applicazione non ha mai inteso quelle procedure come una soluzione a lungo termine”. Si tratta quindi di due mesi fa, proprio mentre si lanciavano challenge o iniziative di sensibilizzazione dedicate al rispetto o all’inclusione.

TikTok accusata di discriminazione, ecco per quale motivo Tecnoandroid

Huawei Nova 6 e Huawei Nova 6 5G sono ufficiali: specifiche e prezzi

Thu, 12/05/2019 - 18:15

Huawei Nova 6 e Huawei Nova 6 5G sono ufficiali: specifiche e prezzi Tecnoandroid

Dopo svariati rumors e leaks trapelati nel corso di queste ultime settimane, quest’oggi Huawei ha finalmente svelato sul mercato la sua nuova serie di smartphone Nova. Tra questi, spiccano senza ombra di dubbio i due nuovi smartphone top di gamma, cioè Huawei Nova 6 e Huawei Nova 6 5G.

 

Huawei Nova 6 e Nova 6 5G: display con doppio foro e tripla fotocamera posteriore

Con la presentazione ufficiale da parte dell’azienda cinese Huawei, ecco che sono stati definitivamente confermate tutte le indiscrezioni trapelate finora. In ambito di design, infatti, troviamo su entrambi i modelli un display LCD con una diagonale da 6.57 pollici in risoluzione FullHD+ e un doppio foro al cui interno vengono ospitate due fotocamere rispettivamente da 32+8 (grandangolo) megapixel. Sul frame laterale è poi collocato un sensore biometrico per lo sblocco tramite impronta digitale.

Sul posteriore, trova posto una tripla fotocamera con un sensore fotografico principale da 40 megapixel con una apertura focale pari a f/1.8. Gli altri due sensori fotografici, invece, sono un grandangolo (con una apertura di 120°) e un teleobiettivo 3x stabilizzato otticamente da 8 megapixel.

In ambito prestazionale, sia Huawei Nova 6 sia Huawei Nova 6 5G sono alimentati dal processore top di gamma HiSilicon Kirin 990, mentre esclusiva del modello 5G è la presenza del modem Balong 5000. Come tagli di memoria abbiamo 8 GB di RAM accoppiati a 128 GB oppure 256 GB di storage interno. La batteria è rispettivamente da 4100 mAh per la versione 4G e da 4200 mAh per la versione 5G, entrambi con supporto alla ricarica rapida da 40W.

 

Prezzi e disponibilità

I nuovi smartphone di punta di casa Huawei saranno disponibili all’acquisto in Cina a partire dal prossimo 12 dicembre nelle colorazioni Black, Violet, Blue e Red. Il prezzo di vendità sarà di circa 408€ per la versione 4G e sarà di circa 485€ per la versione 5G.

Huawei Nova 6 e Huawei Nova 6 5G sono ufficiali: specifiche e prezzi Tecnoandroid

Pokemon Spada e Scudo: ecco un sistema per ottenere più EXP Candy nel gioco

Thu, 12/05/2019 - 17:45

Pokemon Spada e Scudo: ecco un sistema per ottenere più EXP Candy nel gioco Tecnoandroid

Pokémon Sword and Shield porta il fantastico sistema EXP Candy di Pokémon: Let’s Go, Eevee! e Pikachu ! nel gioco per facilitare l’evoluzione e il livellamento all’interno del gioco.

EXP Candy è come il cugino di Rare Candy. Da ai tuoi Pkm punti esperienza a seconda delle dimensioni della caramella che stai usando: con XS che da il minimo e XL che da il massimo. È molto più comune che trovare le Rare Candy, e questo lo strumento è infatti perfetto per macinare livelli in fretta.

Per ottenere un sacco di EXP Candy, peró, dovrai affrontare i cosidetti Raid Max. Maggiore è la difficoltà dell’incursione, maggiore è la ricompensa delle caramelle. Quindi, se gestisci un Max Raid a cinque stelle, otterrai caramelle L e XL. Eseguire un Raid Max a due stelle produrrà invece caramelle di bassa categoria, esattamente quelle S e M. Inoltre, vale la pena di fare quei tentativi anche con i Raid Max a quattro e cinque stelle ma con pkm che sembrano avere l’aspetto debole.

Utilizzare degli stratagemmi alternativi

Uno dei pkm piú deboli di questa categoria è Greedent, infatti anche se non vuoi catturarlo, eliminarlo ti darà delle buone caramelle avendo esso un ottimo rateo per il drop delle caramelle L e XL.

Puoi anche ottenere caramelle parlando con gli NPC trovati nell’area selvaggia che potrebbero dartene casualmente in cambio di pochi watt, ma utilizzare la  tecnica dei Raid Max è il modo migliore per guadagnare in modo affidabile e veloce le caramelle.

Ricordiamo inoltre che per altri aggiornamenti e approfondimenti a tema Pokemon consultare questa pagina.

Pokemon Spada e Scudo: ecco un sistema per ottenere più EXP Candy nel gioco Tecnoandroid

Amazon durante il Black Friday riceveva 37 ordini al secondo

Thu, 12/05/2019 - 16:30

Amazon durante il Black Friday riceveva 37 ordini al secondo Tecnoandroid

Lo scorso lunedì 2 dicembre 2019, giorno del Cyber Monday, si è conclusa la settimana del Black Friday. Ogni anno questo periodo è atteso da milioni di utenti, che possono trovare articoli molto scontati su moltissime piattaforme di e-commerce, tra cui Amazon.

Pensate che il colosso di Seattle, durante la scorsa settimana, riceveva più di 37 ordini al secondo. Questo ci fa capire anche da cosa sia dovuto l’errore di spedizione di cui abbiamo parlato pochi giorni fa. Scopriamo insieme i dettagli.

 

Amazon riceve 37 ordini al secondo durante il Black Friday

Durante la settimana del Black Friday, solamente gli utenti italiani hanno fatto in media circa 37 ordini al secondo sul sito della piattaforma di e-commerce Amazon. Tra i prodotti più gettonati troviamo i giochi di società, i gadget hi tech, di cui abbiamo parlato in un articolo di approfondimento, prodotti per la casa e la cucina e molto altro. A rendere noto questi dati è stata proprio la compagnia di Seattle al termine degli otto giorni di sconti conclusa qualche giorno fa con il Cyber Monday.

A livello globale, il Cyber Monday è stato ancora una volta, la giornata di shopping con maggiore successo nella storia dell’azienda di Jeff Bezos. Questo lo possiamo affermare in base al numero di articoli ordinati, a livello globale. Il record di vendita su scala globale lo ha ottenuto lo speaker Echo Dot e il dongle Fire Stick TV.

La compagnia di Seattle ha evidenziato nella propria nota, resa pubblica in seguito al Cyber Monday, di aver venuto, sempre a livello globale, quantità record di giocattoli e capi d’abbigliamento. Non possiamo ovviamente non nominare i 25 milioni di prodotti venduti per la casa durante la settimana del Black Friday ed il Cyber Monday, 4 sono stati i milioni di prodotti di bellezza registrati solamente lo scorso lunedì.

Amazon durante il Black Friday riceveva 37 ordini al secondo Tecnoandroid

NASA: i veicoli spaziali svelano i segreti del sole

Thu, 12/05/2019 - 16:30

NASA: i veicoli spaziali svelano i segreti del sole Tecnoandroid

Nell’agosto dello scorso anno, la NASA ha inviato un veicolo spaziale che sfrecciava verso il Sistema Solare interno, con l’obiettivo di ottenere alcune risposte sulla misteriosa stella al centro del nostro quartiere cosmico.

Ora più di un anno dopo, quel piccolo robot ha iniziato a decodificare alcuni dei misteri che circondano il comportamento del nostro Sole, dopo essersi avventurati più vicino alla nostra stella madre di qualsiasi altro oggetto creato dall’uomo prima.

NASA: il viaggio della sonda solare Parker

Quella navicella spaziale è la sonda solare Parker della NASA, un veicolo delle dimensioni di un’auto progettato per resistere a temperature superiori a 2.500 gradi Fahrenheit. I suoi vari strumenti sono protetti da uno scudo termico extra resistente, progettato per mantenere il veicolo spaziale relativamente fresco man mano che si avvicina alla nostra stella ospite mite. Già, la sonda solare Parker si è avvicinata al Sole, arrivando a meno di 15 milioni di miglia dalla stella – più vicina di Mercurio e di qualsiasi altro veicolo spaziale inviato al Sole prima.

Prima del lancio del veicolo spaziale, i ricercatori erano particolarmente interessati a saperne di più su ciò che sta uscendo dal sole. Le particelle energetiche e il plasma vengono continuamente trasmessi dal Sole in qualsiasi momento, un fenomeno che è stato soprannominato vento solare. Questo materiale altamente energizzato si dirige verso la Terra, provocando lo sfavillante spettacolo dell’aurora boreale. Se otteniamo troppa roba di questo tipo, a volte può mettere in disordine il nostro veicolo spaziale in orbita e persino rovinare la nostra rete elettrica. Ci sono ancora molte cose che non sappiamo del vento solare, come ciò che sta accelerando così tanto questo materiale che può liberarsi dal sole. Imparare le origini del vento potrebbe aiutarci a prevedere meglio come ci influenzerà qui sulla Terra.

Grazie al primo passaggio ravvicinato al sole della sonda solare Parker, i ricercatori stanno imparando alcune cose sorprendenti su come la stella si comporta più vicino alla sua superficie. Il primo lotto di risultati e teorie sono dettagliati oggi in quattro articoli pubblicati sulla rivista Nature.

 

NASA: i veicoli spaziali svelano i segreti del sole Tecnoandroid

Pewdiepie e Marzia derubati: gli Youtuber più famosi al mondo sotto shock

Thu, 12/05/2019 - 16:00

Pewdiepie e Marzia derubati: gli Youtuber più famosi al mondo sotto shock Tecnoandroid

Marzia Kjellberg, che è sposata con YouTuber PewDiePie, nel fine settimana ha scritto in una storia di Instagram che la casa della coppia era stata messa a soqquadro da alcuni ladri che sono riusciti a rubare una grossa refurtiva.

“Hanno preso il 90% dei miei oggetti di valore, dai miei gioielli, a beni di lusso e oggetti speciali”  ha scritto la moglie dello Youtuber in un post su Instagram. “È tutto finito”, ha detto. “So che è molto materialista, e dovrei essere contento di ciò che mi è stato dato. Ma non posso nascondere lo shock e la tristezza quando tutto viene portato via, proprio così.”

Questa è la storia completa di Instagram di Marzia Kjellberg tradotta, che spiega i fatti accaduti pochi giorni fa.

 

Una storia che si ripete

Lei e PewDiePie, il cui vero nome è Felix Kjellberg, vivono a Brighton, in Inghilterra, ma hanno recentemente acquistato una casa in Giappone. Secondo un recente video di PewDiePie, è stata questa casa in cui è stato fatto irruzione.

Questa non è la prima volta che la coppia afferma di aver avuto problemi con la privacy. Con oltre 100 milioni di iscritti su YouTube, PewDiePie è la più grande star della piattaforma e la sua crew di follower è riuscita più volte a capire dove vive la coppia.

Le persone che si sono presentate alla loro porta apparentemente sono diventate un tale problema che PewDiePie ha pubblicato un video nel 2016 intitolato “Non venire a casa mia”. Un problema che sembra comunque affliggere molti Youtuber e Influncer di successo in questo periodo.

Pewdiepie e Marzia derubati: gli Youtuber più famosi al mondo sotto shock Tecnoandroid

Anche Sony si aggiorna: Android 10 per Xperia 1 e Xperia 5

Thu, 12/05/2019 - 15:45

Anche Sony si aggiorna: Android 10 per Xperia 1 e Xperia 5 Tecnoandroid

Diverse settimane fa Sony ha rilasciato l’elenco ufficiale degli smartphone Xperia che avrebbe ricevuto il passaggio alla nuova versione del sistema operativo di Google. Ovviamente, tra queste c’era solo gli ultimi smartphone definibili top di gamma e premium. Adesso, i primi hanno iniziato a ricevere proprio la patch contenente Android 10 e si tratta, come da titolo dell’Xperia 1, ammiraglia del 2020, e l’Xperia 5, il modello premium.

 

Sony Xperia e Android 10

La conferma di questo rilascio nasce dal fatto che alcuni utenti hanno iniziato a riceverlo, senza nessun proclamo di sorta. Il numero di build è 55.1.A.0.748. Come sempre in questi casi è presente anche la patch di sicurezza e in questo caso è quella di novembre, non dicembre; è un piccolo upgrade visto che già presentavano quello di ottobre quindi è possibile che riceveranno a breve anche quella di dicembre.

Il peso di tutto questo è di 725 MB. Si tratta di un rilascio globale iniziato in Europa e negli Stati Uniti tramite il solito sistema OTA. Prima che raggiunga tutti i modelli compatibili, potrebbero passare diversi giorni. Le migliorie portate dalla patch sono diverse, come per esempio la tanto attesa Dark Mode o la navigazione gestuale.

Detto questo, le prime segnalazioni parlano anche di diverse problematiche fastidiose legate alla connettività. In questo caso sarebbe meglio disattivare gli aggiornamenti e aspettare una situazione migliore anche perché il downgrade non è possibile. Se si tratta di inconveniente leggeri, potrebbero venir sistemati in poco tempo e senza influenzare la tabella di marcia completa, quindi anche per gli altri sei smartphone in lista.

Anche Sony si aggiorna: Android 10 per Xperia 1 e Xperia 5 Tecnoandroid

WhatsApp, la Dark Mode potrebbe presto arrivare sul tuo smartphone!

Thu, 12/05/2019 - 15:30

WhatsApp, la Dark Mode potrebbe presto arrivare sul tuo smartphone! Tecnoandroid

WhatsApp per smartphone e tablet Android potrebbe presto introdurre la tanto attesa Dark Mode. I ragazzi di WABetaInfo hanno, infatti, comunicato che l’ultima versione Beta della nota app di messaggistica istantanea offre una serie di novità che lascerebbero intuire un imminente lancio della modalità scura, ormai in fase di test da diversi mesi, e che sembra adesso offrire la stabilità necessaria per debuttare ufficialmente.

Grazie alla Dark Mode, non solo si potrà prolungare l’autonomia dello smartphone, ma a trarne benefici è anche la nostra vista, dal momento in cui questa modalità consentirà una migliore leggibilità quando si usa il dispositivo nelle ore notturne. Quando attivata, la Dark Mode applicherà sull’intera applicazione un tema scuro, per cui tutte le pagine e le Chat di WhatsApp si tingeranno di nero.

WhatsApp, come attivare la Dark Mode su Android 9 Pie e Android 10

La modalità scura, che potrà essere attivata direttamente dalle Impostazioni di WhatsApp, potrà essere abilitata automaticamente quando si attiverà il risparmio energetico (cliccando sulla voce Set by Battery Saver), o in modo permanente sugli smartphone e tablet con sistema operativo Android 9 Pie o Android 10.

Nello specifico, le Impostazioni possibili sono tre: Set By Battery Saver, disponibile solo per i dispositivi con Android 9, e che consentirà di attivare la Dark Mode di WhatsApp solo quando viene attivato il Risparmio energetico. Questa funzione sarà sostituita con la possibilità di attivare la Dark Mode a livello di sistema sugli smartphone con Android 10. Segue, poi, il tema Light, che è quello chiaro, e quello Dark, che applica il tema Scuro.

WhatsApp, la Dark Mode potrebbe presto arrivare sul tuo smartphone! Tecnoandroid

OnePlus 6 e 6T: ripreso l’aggiornamento ad Android 10 e OxygenOS 10

Thu, 12/05/2019 - 15:15

OnePlus 6 e 6T: ripreso l’aggiornamento ad Android 10 e OxygenOS 10 Tecnoandroid

L’aggiornamento di Android 10 dedicato agli OnePlus 6 e OnePlus 6T è fermo da diverse settimane. Il rilasciato, iniziato all’inizio del mese scorso, è stato interrotto per via della presenza di fin troppe problematiche. Da allora si è saputo poco o nulla, ma finalmente il produttore cinese sembra aver risolto la situazione al meglio. Alcune unità selezionate hanno iniziato a ricevere nuovamente la patch di OxygenOS, versione 10.0.1, basata sulla build finale di Android.

Giusto per ricordare che la patch era destinata a molto tempo fa, al suo interno è presente anche la patch di sicurezza di ottobre di quest’anno, due mesi più indietro. In ogni caso, per fortuna, l’aggiornamento risolve il pesante inconveniente del riavvio automatico così come tutti i problemi legati all’identificazione delle impronte digitali.

 

OnePlus 6 e 6T: Androi d10

La lista dei cambiamenti ufficiali scritti sul forum di OnePlus:

Sistema

  • Sistema aggiornato ad Android 10
  • Nuova interfaccia utente per Android 10
  • Patch di sicurezza Android aggiornata al 2019.10
  • Risolto il problema di identificazione delle impronte digitali
  • Risolto il problema del ritardo dell’animazione per lo sblocco delle impronte digitali
  • Risolto il problema di riavvio automatico dopo l’aggiornamento

Camera e Connessione Wi-Fi

  • Miglioramento delle prestazioni e risoluzione dei problemi noti
  • Risolto il problema con la connessione WiFi a 5 Ghz

Come detto, il rilascio è iniziato solo su alcune unità. Sicuramente vogliono accertarsi che non siano altre problematiche, per lo meno quelle più gravi. È probabile che ci vorrà una settimana prima che inizi il rilascio globale e da allora ci vorranno altre due settimane per il completamento, a grandi linee.

OnePlus 6 e 6T: ripreso l’aggiornamento ad Android 10 e OxygenOS 10 Tecnoandroid

Pages