Feed aggregator

Condividi su:

Condividi su:



MANUALINUX


Very 4,99: torna l’offerta con minuti ed sms illimitati più 30 giga

Androidiani - Tue, 06/21/2022 - 14:00
Very 4,99 è la sorprendente offerta che, durante il mese di giugno, l’operatore sta di nuovo mettendo al servizio dei consumatori.(...)Continua a leggere Very 4,99: torna l’offerta con minuti ed sms illimitati più 30 giga su Androidiani.Com © nicopetilli for Androidiani.com, 2022. | Permalink | Tags del post: offerte, very

ChromeOS ora può aprire nuovi formati di archivio, come 7z, iso e tar

Tecnoandroid - Tue, 06/21/2022 - 13:45

ChromeOS ora può aprire nuovi formati di archivio, come 7z, iso e tar Tecnoandroid

A luglio dello scorso anno, Google stava lavorando a un nuovo modo per l’app File in ChromeOS di sfogliare ed estrarre file in una varietà di formati. Quella funzione ha ora iniziato ad essere aggiornata quasi un anno dopo, con l’aggiornamento di maggio a ChromeOS 101.

Allo stato attuale, il tuo Chromebook ora può aprire tre formati di archivio aggiuntivi. Per cominciare, ChromeOS ora supporta il formato 7z, che è un formato di archivio derivato dall’applicazione 7-Zip. Alcune persone preferiscono i file 7z ai normali archivi zip per creare file più piccoli da condividere e archiviare. I file 7z protetti da password, in particolare, non sono attualmente supportati.

ChromeOS supporta nuovi formati di archivio

Chiunque abbia mai creato un’estensione di Chrome dovrebbe avere familiarità con il formato crx. Sebbene il Chrome Web Store intenda semplificare l’installazione di nuove estensioni, in realtà fornisce file crx contenenti il ​​codice dell’estensione. Ora è possibile accedere facilmente a questi file su ChromeOS, il che probabilmente non è stato difficile perché sono semplicemente rinominati archivi zip.

ChromeOS ora può montare correttamente i file ISO, che rappresentano i dati registrati su un disco come un CD, DVD o Blu-Ray. Questi file sono stati spesso utilizzati come base per la creazione di un nuovo disco contenente lo stesso materiale. Sebbene le unità disco siano cadute in disgrazia negli ultimi anni, il formato è ancora utilizzato per scopi di conservazione e sistema operativo.

Infine, per gli utenti Linux, ChromeOS ora supporta i file tar, che stanno per “archivio nastro”, un formato che risale al 1979. I file Tar sono ancora utilizzati su Linux oggi, in particolare durante la distribuzione di software. Tuttavia, nella maggior parte dei casi, quei file tar verranno ulteriormente compressi in un formato come “.tar.gz” o “.tar.xz”, nessuno dei quali è attualmente supportato da ChromeOS.

ChromeOS ora può aprire nuovi formati di archivio, come 7z, iso e tar Tecnoandroid

Apple: in uno Store americano nasce il primo sindacato della Mela

Tecnoandroid - Tue, 06/21/2022 - 13:30

Apple: in uno Store americano nasce il primo sindacato della Mela Tecnoandroid

I lavoratori dell’Apple Store di Towson, in Maryland, hanno realizzato un passo in ogni caso storico all’interno dell’azienda di Cupertino.

I dipendenti infatti sono stati i primi a votare a favore dell’adesione a una sigla sindacale in uno scrutinio tenuto lo scorso 15 giugno. Scopriamo insieme tutti i dettagli.

 

Apple: nasce il primo sindacato all’interno di uno Store americano

65 voti favorevoli e 33 contrari sulla possibilità di farsi rappresentare dalla Apple Coalition of Organized Retail Employees. La CORE entrerà a far parte della più ampia International Association of Machinists and Aerospace Workers che rappresenta all’incirca 300 mila lavoratori in tutti gli Usa. “Mi congratulo per il coraggio dimostrato dai membri di CORE dell’Apple Store di Towson nell’ottenere una vittoria storica“, ha sottolineato il presidente della IAM International Robert Martinez Jr.

Una vittoria storica non solamente perché la prima in assoluto all’interno della Mela, ma anche perché arrivata dopo settimane in cui le pressioni e le mosse dell’azienda di Cupertino avevano provato a far desistere i lavoratori. In un audio fatto circolare tra i dipendenti del settore retail, la vicepresidente delle vendite al dettaglio e del personale di Apple, Deirdre O’Brien, si era schierata apertamente contro il processo di sindacalizzazione da parte dei lavoratori sostenendo che avrebbe solo deteriorato i rapporti con l’azienda.

Ma la battaglia sindacale è in realtà in corso all’interno di molte delle aziende del settore tech americano, seppure con fortune alterne. A inizio aprile i lavoratori di un magazzino di Amazon a Staten Island avevano votato a favore della rappresentanza sindacale. Anche i dipendenti Google all’inizio dell’anno hanno dato vita alla coalizione Alpha Global, che aveva poi aderito alla Uni Global Union.

Apple: in uno Store americano nasce il primo sindacato della Mela Tecnoandroid

Diablo Immortal è stato posticipato a tempo indeterminato in Cina

Tecnoandroid - Tue, 06/21/2022 - 13:15

Diablo Immortal è stato posticipato a tempo indeterminato in Cina Tecnoandroid

Diablo Immortal doveva essere rilasciato in Cina il 23 giugno, ma i fan che hanno anticipato il gioco dovranno aspettare ancora un po’. La data di uscita del gioco è stata posticipata a tempo indeterminato da NetEase, che lo ha sviluppato in collaborazione con Blizzard. “Il team di sviluppo sta apportando una serie di modifiche all’ottimizzazione”, ha osservato in un post sul blog.

Secondo il Financial Times, NetEase ha avuto problemi con la censura cinese a causa di un post sul suo servizio di social media Weibo che sembrava menzionare Winnie the Pooh. Il personaggio dei cartoni animati prende in giro il presidente cinese Xi Jinping.

Diablo Immortal non verrà rilasciato in Cina molto presto

All’account ufficiale di Diablo Immortal Weibo è stato vietato pubblicare qualsiasi cosa quando uno screenshot del post ha guadagnato popolarità. Anche le discussioni sul post sono state rimosse dal servizio. Diablo Immortal non ha ancora una data di uscita in Cina, ma NetEase prevede ancora di rilasciare il gioco nel paese. Come compensazione per il ritardo, ha promesso ai giocatori uno “speciale pacchetto di ringraziamento contenente oggetti leggendari”.

Questo mese la società ha rilasciato il titolo per PC e dispositivi mobile in altre regioni. Secondo i rapporti, ha guadagnato 24 milioni di dollari in due settimane grazie alla sua strategia di monetizzazione aggressiva. La Cina è il mercato di gioco più grande del mondo e non essere in grado di vendere Diablo Immortal lì avrebbe molto probabilmente un’influenza significativa sui ricavi stimati del gioco.

Non è la prima volta che un creatore di giochi si scontra con le autorità cinesi per un riferimento a Winnie the Pooh.

Diablo Immortal è stato posticipato a tempo indeterminato in Cina Tecnoandroid

Renault Zoe: ufficiale il Model Year 2022

Tecnoandroid - Tue, 06/21/2022 - 13:00

Renault Zoe: ufficiale il Model Year 2022 Tecnoandroid

La casa automobilistica Renault ha da poco svelato in veste ufficiale il Model Year 2022 della sua Renault Zoe. Questa vettura è infatti molto importante per l’azienda ed ha raggiunto ben 380 mila unità vendute dal suo debutto. Vediamo qui di seguito le novità di questo modello.

 

 

Renault Zoe: annunciato ufficialmente il Model Year 2022

La casa automobilistica Renault ha da poco annunciato il Model Year 2022 della sua Renault Zoe. Questo nuovo modello presenta alcuni piccoli cambiamenti estetici rispetto alla versione classica. Tra questi, troviamo ad esempio tre nuovi allestimenti denominati R110 Equilibre, R110 Evolution e R135 Iconic.

Tutti questi allestimenti presentano diverse dotazioni tecniche. L’allestimento R110 Equilibre può contare sulla presenza di uno schermo da 7 pollici per il sistema di infotainment e su uno schermo da 10 pollici per la strumentazione digitale e dispone anche della frenata automatica di emergenza. L’allestimento R110 Evolution invece, presenta delle feature maggiori, come i sensori di parcheggio posteriori e il sistema di riconoscimento dei segnali stradali.

#tdi_1 .td-doubleSlider-2 .td-item1 { background: url(https://www.tecnoandroid.it/wp-content/uploads/2022/06/Renault-Zoe-Model-Year-2022-2-160x120.jpg) 0 0 no-repeat; } #tdi_1 .td-doubleSlider-2 .td-item2 { background: url(https://www.tecnoandroid.it/wp-content/uploads/2022/06/Renault-Zoe-Model-Year-2022-1-160x120.jpg) 0 0 no-repeat; } #tdi_1 .td-doubleSlider-2 .td-item3 { background: url(https://www.tecnoandroid.it/wp-content/uploads/2022/06/Renault-Zoe-Model-Year-2022-3-160x120.jpg) 0 0 no-repeat; } 1 su 3

L’ultimo allestimento R135 Iconic dispone di un ampio schermo da 9.3 pollici per il sistema di infotainment e presenta inoltre dei cerchi in lega da 17 pollici e troviamo degli inserti in oro nelle cornici dei fendinebbia. Non troviamo invece grosse novità dal punto di vista delle motorizzazioni. Sono disponibili versioni da 110 e 135 CV con una autonomia di circa 400 km.

La nuova Renault Zoe Model Year 2022 parte da un prezzo di 33.700 euro per l’allestimento Equilibre, 34.900 euro per l’allestimento Evolution e 36.900 euro per l’allestimento Ionic. Vi ricordiamo che ha inoltre debuttato la nuova colorazione per la carrozzeria denominata Shadow Grey.

Renault Zoe: ufficiale il Model Year 2022 Tecnoandroid

Google Password Manager ora ha un collegamento alla schermata iniziale di Android

Tecnoandroid - Tue, 06/21/2022 - 12:45

Google Password Manager ora ha un collegamento alla schermata iniziale di Android Tecnoandroid

Google ha uno strumento utile per Android e Chrome in grado di conservare tutte le numerose password necessarie per app, servizi e siti Web, salvaguardandole con il tuo account Google. Google Password Manager può generare nuove password per ciascun account e persino verificare se una delle tue vecchie password è stata compromessa per preservare la sicurezza tra questi account.

Google Password Manager è facilmente disponibile sia sul Web che nel menu delle impostazioni di Chrome in “Riempimento automatico”. Su Android, Google Play Services ha reso disponibile un’applet completa per Password Manager. Questa esperienza di Password Manager nativa per Android è superiore all’app Web poiché ti consente di sbloccare le password salvate utilizzando i dati biometrici del tuo dispositivo o il blocco dello schermo. L’app web, d’altra parte, richiede spesso di fornire la password del tuo account Google.

Google Password Manager, ecco come utilizzarlo

Tuttavia, arrivare alla versione Android di Password Manager non è facile. La tua prima reazione potrebbe essere semplicemente cercare “password manager” o chiedere all’Assistente Google, ma entrambi ti porteranno all’app online. Apri invece l’app Impostazioni e accedi alla sezione Privacy per accedere a Password Manager su Android. Quindi, seleziona il servizio di Compilazione automatica di Google, seguito da Password.

Ora c’è un modo molto più semplice per accedere a Password Manager sul tuo dispositivo Android, secondo il più recente “aggiornamento del sistema di Google Play”. Il primo passaggio è assicurarsi che Google Play Services sia aggiornato sul telefono, cosa che puoi ottenere facendo clic su un collegamento diretto alla sua scheda Play Store dal tuo dispositivo. Secondo il sito Web di supporto, devi avere la versione 22.18 o successiva.

Successivamente, riapri Password Manager come descritto sopra, quindi premi l’icona a forma di ingranaggio nell’angolo in alto a destra dell’applet per accedere alle impostazioni. Dovresti notare una nuova opzione per “Aggiungi collegamento alla schermata iniziale” in questa pagina. Toccandolo verrà visualizzato un menu a portata di mano contenente il collegamento, che puoi quindi trascinare nel punto corretto della schermata iniziale.

Google Password Manager ora ha un collegamento alla schermata iniziale di Android Tecnoandroid

Iliad: ecco come funziona il cambio offerta per i già clienti

Tecnoandroid - Tue, 06/21/2022 - 12:30

Iliad: ecco come funziona il cambio offerta per i già clienti Tecnoandroid

L’operatore francese Iliad, dopo il lancio delle nuove offerte mobile Dati 300 e Flash 100, permette ai suoi già clienti di aver più scelta per utilizzare la funzionalità del cambio offerta.

Normalmente, l’upgrade gratuito è richiedibile solo verso l’offerta da 9,99 euro al mese, che attualmente è la Giga 120. Scopriamo insieme tutti i dettagli.

 

Iliad: ecco come fare il cambio offerta

Solitamente i già clienti mobile Iliad che vogliono cambiare la propria offerta hanno a disposizione soltanto la Giga 120, disponibile fino a nuova comunicazione con minuti, SMS e 120 Giga 5G a 9,99 euro al mese. Dallo scorso 9 giugno 2022 invece Iliad ha reso nuovamente disponibile l’offerta Dati 300 che, rispetto alla precedente versione, è sottoscrivibile anche da tutti i già clienti Iliad. L’offerta in questione è al momento disponibile fino al 12 Luglio 2022. 

I già clienti Iliad possono scegliere di richiedere l’upgrade verso Flash 100, Giga 120 o Dati 300, comunque in base all’attuale offerta attiva. Ci teniamo a sottolineare che sia Dati 300 che Flash 100 sono offerte a tempo, per cui se dovessero essere chiuse dopo le rispettive scadenze previste, per la procedura di cambio offerta per i già clienti potrebbe nuovamente esserci soltanto la Giga 120.

Nello specifico, l’offerta Flash 100 a 7,99 euro al mese è attivabile dai già clienti Iliad con un’offerta con costo minore o uguale a 7,99 euro al mese. Iliad Giga 120 a 9,99 euro al mese è attivabile da tutti i già clienti esclusi soltanto coloro che hanno attivato Flash 150 e Dati 300. Visitate il sito ufficiale dell’operatore per maggiori dettagli.

Iliad: ecco come funziona il cambio offerta per i già clienti Tecnoandroid

Samsung Galaxy Z Fold 4 migliorerà una caratteristica apprezzata dagli utenti

Tecnoandroid - Tue, 06/21/2022 - 12:15

Samsung Galaxy Z Fold 4 migliorerà una caratteristica apprezzata dagli utenti Tecnoandroid

Gli smartphone pieghevoli, come il Galaxy Z Fold 3 di Samsung, presentano una piega al centro del dispositivo. A causa del fatto che il display è pieghevole, c’è da aspettarselo; tuttavia, secondo le speculazioni, Samsung starebbe lavorando per ridurre la visibilità della piega del display.

Ora, a seguito di fotografie pubblicate accidentalmente su Twitter da Ice Universe, abbiamo un’idea di come sarebbe la piega nel display. Nell’immagine che si vede su Twitter, a sinistra è visibile la piega di Z Fold 3, mentre a destra è visibile la piega di Z Fold 4; queste due pieghe sono molto distinte l’una dall’altra. Anche se la piega sul Fold 4 è ancora presente, rispetto al Fold 3, è molto meno evidente.

Galaxy Z Fold 4 potrebbe essere presentato ad agosto

La piega in Fold 3 e Flip 3 non è così orribile, soprattutto se hai una grafica sullo schermo in cui smette di essere così evidente. Dunque non siamo sicuri di come apparirà la piega quando il nuovo pieghevole sarà effettivamente sul mercato. In un mondo ideale, non ci sarebbero affatto pieghe, ma presumiamo che questo sia ancora uno dei vincoli della tecnologia dei display pieghevoli oggi disponibile.

I rapporti suggeriscono che sia il Fold 4 che il Flip 4 saranno alimentati dal Qualcomm Snapdragon 8+ Gen 1 che è stato introdotto non molto tempo fa. Questo sviluppo è stato recentemente oggetto di speculazioni e si dice anche che entrambi i telefoni verranno lanciati in un evento nel mese di agosto, che è lo stesso mese e ora in cui Samsung ha introdotto Fold 3 e Flip 3 nell’anno 2021.

Samsung Galaxy Z Fold 4 migliorerà una caratteristica apprezzata dagli utenti Tecnoandroid

<p>{{unknown}}</p>

Linux Today - Tue, 06/21/2022 - 12:12

{{unknown}}

The post appeared first on Linux Today.

<p>{{unknown}}</p>

Linux Today - Tue, 06/21/2022 - 12:03

{{unknown}}

The post appeared first on Linux Today.

<p>{{unknown}}</p>

Linux Today - Tue, 06/21/2022 - 12:03

{{unknown}}

The post appeared first on Linux Today.

<p>{{unknown}}</p>

Linux Today - Tue, 06/21/2022 - 12:03

{{unknown}}

The post appeared first on Linux Today.

Very Mobile lancia nei negozi la Very 5.99

Tecnoandroid - Tue, 06/21/2022 - 12:00

Very Mobile lancia nei negozi la Very 5.99 Tecnoandroid

L’operatore virtuale Very Mobile ha recentemente lanciato nei propri negozi fisici l’offerta denominata Very 5.99 70 Giga BTL.

Vi ricordo che stiamo parlando di un operatore del gruppo CK Hutchison Holdings Ltd. Scopriamo insieme cosa prevede questa offerta.

 

Very Mobile ha lanciato la Very 5.99 nei negozi fisici

L’offerta denominata Very 5,99 70 Giga BTL prevede ogni mese minuti illimitati verso tutti i numeri di rete fissa e mobile nazionali, SMS illimitati verso tutti i numeri nazionali e 70 Giga di traffico internet mobile in 4G con velocità fino a 30 Mbps in download e fino a 30 Mbps in upload a 5,99 euro al mese.

Troviamo anche la Very 4.99 con minuti illimitati verso tutti i numeri di rete fissa e mobile nazionali, SMS illimitati verso tutti i numeri nazionali e 30 Giga di traffico internet mobile in 4G con velocità fino a 30 Mbps in download e fino a 30 Mbps in upload a 4,99 euro al mese.

Dal 20 giugno all’11 luglio 2022, nei punti vendita fisici, ritorna anche la promo cashback che permette di avere un mese di ricarica omaggio. La ricarica omaggio verrà erogata come credito da utilizzare esclusivamente per il rinnovo dell’offerta sottoscritto entro l’11 luglio 2022.

Very Mobile lancia nei negozi la Very 5.99 Tecnoandroid

iOS 16 ti permetterà di bypassare i CAPTCHA su diversi siti web

Tecnoandroid - Tue, 06/21/2022 - 11:45

iOS 16 ti permetterà di bypassare i CAPTCHA su diversi siti web Tecnoandroid

È possibile che iOS 16 ti consenta di aggirare le tecnologie anti-bot CAPTCHA che attualmente ti impediscono di accedere a determinati siti Web. Come sottolineato da MacRumors, Apple ha utilizzato il WWDC 2022 per fornire ulteriori informazioni sul sistema di token di accesso privato che sarebbe stato incluso in iOS 16, iPadOS 16 e macOS Ventura.

Questa tecnologia consente agli utenti di ignorare completamente i CAPTCHA per alcune applicazioni e siti Web. Se abiliti una funzione chiamata Verifica automatica, i siti Web di supporto utilizzeranno iCloud per convalidare sia il tuo ID Apple che il tuo dispositivo, quindi presenteranno un token che dimostra che ti puoi fidare. È possibile che non sia necessario inserire un testo incomprensibile o toccare le immagini dei semafori solo per dimostrare che sei una persona reale.

iOS 16 arriverà presto sui device Apple

Apple ha dichiarato che gli account e i dispositivi associati non si scambieranno informazioni sensibili (come l’indirizzo e-mail o il numero di telefono). Poiché l’azienda non sa chi sta richiedendo la verifica, non sarà nemmeno in grado di collegare questi controlli a particolari fornitori di servizi. Poiché non registra il tuo indirizzo IP, il sistema di token viene promosso come più attento alle informazioni personali degli utenti. L’accessibilità potrebbe potenzialmente essere migliorata se più persone con disabilità fossero in grado di utilizzare siti Web che richiedono la verifica CAPTCHA.

È importante notare che la tecnologia ha il potenziale per ottenere facilmente l’accettazione globale, che potrebbe anche espandersi al di fuori dei dispositivi Apple. La società ha collaborato con le diverse società e con Google per aprire lo standard dei token di accesso privato. Anche se non esiste ancora una controparte esatta per Android, la tecnologia inclusa in iOS 16 offre uno sguardo su un possibile futuro in cui pochissime persone dovranno completare manualmente i CAPTCHA.

iOS 16 ti permetterà di bypassare i CAPTCHA su diversi siti web Tecnoandroid

Spunta su Ebay Aste un taccuino segreto del processo di Depp contro Heard venduto per 14k

Tecnoandroid - Tue, 06/21/2022 - 11:30

Spunta su Ebay Aste un taccuino segreto del processo di Depp contro Heard venduto per 14k Tecnoandroid

Dopo sei settimane, il processo per diffamazione tra Johnny Depp e Amber Heard si è concluso il 1 giugno. E subito dopo, sembra che un taccuino con i dettagli del processo sia stato messo all’asta online.

Al di là del procedimento tenutosi presso il tribunale della Virginia, l’interesse delle persone per il caso è ancora vivido. Questo taccuino è stato messo su eBay con un prezzo di oltre 14.000 dollari.

Secondo le informazioni del venditore sulla piattaforma, la descrizione recita: “NOTE TOP SECRET: note del processo della giuria di Johnny Depp sulle reazioni del giurato al dottor Hughes e ad Amber Heard

Il venditore ha affermato che il taccuino contiene dettaglimai visti prima al mondo“.

Larry Foreman, che ha viaggiato dal Kentucky alla contea di Fairfax per il processo, ha detto a TMZ che ha deciso di annotare i suoi pensieri e le sue osservazioni “solo per i suoi ricordi personali”. Foreman ha detto che mentre doveva essere una “cosa una tantum“, ma gli amici lo hanno convinto a continuare e a scrivere più note. Il taccuino ha circa 20 pagine al giorno e copre i giorni 23-26 del processo.

Tutto il ricavato in beneficenza

Con 142 offerte, l’asta è arrivata a $ 14.969,00. Secondo eBay Aste, il venditore ha detto che non vuole tenere i soldi per sé, piuttosto donerebbe l’offerta più alta al Children’s Hospital di Los Angeles.

Durante il processo, Heard aveva ammesso in tribunale di non aver mai finito di donare tutti i 7 milioni di dollari che aveva ricevuto nell’accordo di divorzio.

Nel tratto finale del processo Johnny Depp-Amber Heard, centinaia di fan si erano accalcati in aula per assistere al procedimento dal vivo, sperando a loro volta di ottenere un braccialetto per entrare all’interno. Ben presto, i braccialetti indossati dai visitatori iniziarono a spuntare su vari siti di aste, essendo uno degli oggetti più ambiti al momento. Con un range compreso tra 350 e 850 dollari, alle persone online non è importato spendere soldi per i prodotti usati.

Spunta su Ebay Aste un taccuino segreto del processo di Depp contro Heard venduto per 14k Tecnoandroid

Telegram Premium su Android: come abbonarsi a prezzo ridotto con l'apk (legale!)

Android World - Tue, 06/21/2022 - 11:07

Telegram Premium è realtà da pochi giorni: tante funzioni in più, al costo di 5,99€ al mese. E se vi dicessimo che su Android c'è un modo, perfettamente legale e senza "accrocchi", per pagare l'abbonamento solo 3,99€/mese?

Forse non tutti i lettori ne sono a conoscenza, ma Telegram per Android non è distribuito solo tramite il Google Play Store, bensì anche sul sito ufficiale dell'app di messaggistica.

Vi basta recarvi su https://telegram.org/android, meglio se direttamente dal browser del vostro smartphone, e premere su "Scarica Telegram" per scaricare l'apk ufficiale dell'app. Come specificato anche sul sito, questa versione di Telegram ha meno restrizioni e riceve aggiornamenti automatici direttamente da telegram.org. Si tratta di un passaggio molto importante, ma ci torneremo sopra a breve.

Una volta scaricato l'apk di Telegram sul vostro telefono, lo dovrete installare (nel caso aveste la versione di Telegram del Play Store è meglio disinstallarla prima). È sufficiente cliccare sulla notifica di download, oppure aprirlo tramite un file manager di vostra scelta, ma in entrambi i casi dovrete dare all'app utilizzata per aprirlo i permessi per installare app sconosciute.

Nessun problema: sarà l'app stessa a chiederveli, e voi dovrete solo abilitarli. In caso di problemi basta tenere premuto il dito sull'icona dell'app, selezionare le informazioni app, scorrere in basso fino a Installa app sconosciute, cliccarci sopra, e abilitare consenti da questa origine. Qui sotto trovate tutti i passaggi illustrati, completi con una breve animazione, ed in giornata arriverà anche un video dedicato.

Alla fine insomma avrete una "nuova" app di Telegram installata, identica a quella del Play Store, ma con la particolarità di non avere alcun vincolo con lo store di Android, e quindi con Google, cosa vitale per ridurre il prezzo di Telegram Premium.

Benissimo, avete una "nuova" app di Telegram installata sul vostro smartphone. Dopo aver effettuato il login ad essa, apritela e andate nel menu laterale, scegliendo poi la voce Impostazioni.

Scorrendo un po' in basso dovreste vedere una opzione chiamata proprio Telegram Premium, tramite la quale potrete abbonarvi. Se così non fosse, significa che la versione di Telegram che avete scaricato è inferiore alla 8.8.2, necessaria per potersi abbonare.

Niente panico: Telegram si aggiorna automaticamente. Dovrete solo pazientare qualche ora (o anche meno) e sarà l'app stessa a segnalarvi che c'è un aggiornamento pronto da installare. Non appena disponibile, effettuate l'update, riavviate Telegram, e al termine avrete l'agognata voce Telegram Premium nel menu delle Impostazioni.

Cliccateci sopra e sarete davanti ad una schermata come quella qui sotto, con il prezzo per abbonarsi a Telegram Premium di 3,99€ contro i 5,99€ convenzionali.

Com'è possibile tutto ciò? Semplice: in questo modo, non essendo passati dal Play Store, Telegram non dovrà pagare alcuna commissione a Google, e quindi può permettersi di ridurre il prezzo. La transazione sarà infatti processata direttamente da Telegram.

Ci possiamo fidare? È sicuro questo metodo? Indubbiamente passare per Google Play rappresenterebbe senz'altro una garanzia ulteriore, ma è comunque di Telegram che parliamo, un'app di messaggistica famosa e usata da milioni di persone al mondo; fatto sta che in caso di problemi è a lei che dovrete rivolgervi.

Il metodo appena descritto ha quindi per l'utente degli indubbi vantaggi economici, ma di certo non sarà visto di buon occhio da Google. Finora Telegram non offriva acquisti in-app, quindi il problema non si poneva, ma non è detto che adesso BigG non possa prendere provvedimenti

Il problema dei pagamenti al di fuori degli store di Google ed Apple è quantomai dibattuto, e le prime rotture sono già in atto; pare comunque che piano piano si stia arrivando ad un'apertura (celebre quella con Spotify), ma non è ancora il momento in cui chiunque possa offire le proprie alternative di pagamento, e questa di Telegram, essendo un novità, è ancora tutta da valutare.

A tal proposito ricordiamo infatti che non c'è una simile opzione su iPhone, perché Apple non permette di installare applicazioni da fonti sconosciute. Solo gli utenti Android possono beneficiarne, per adesso, fino a prova contraria.

L'articolo Telegram Premium su Android: come abbonarsi a prezzo ridotto con l'apk (legale!) sembra essere il primo su Androidworld.

Scoperto un buco nero che la massa di tre miliardi di Soli, non ne esiste un altro così

Tecnoandroid - Tue, 06/21/2022 - 11:00

Scoperto un buco nero che la massa di tre miliardi di Soli, non ne esiste un altro così Tecnoandroid

Un buco nero che ingloba una massa equivalente a una Terra ogni secondo è stato individuato dagli astronomi. Questo è il buco nero più grande mai scoperto degli ultimi 9 miliardi di anni. La scoperta è stata recentemente effettuata da un team internazionale guidato da astronomi dell’Australian National University (ANU).

Il buco nero assorbe 7.000 volte in più tutta la luce della nostra galassia, questa caratteristica lo ha reso visibile agli astronomi Christopher Onken e il coautore Christian Wolf, che ha guidato il team.

Entrambi gli astronomi lo hanno descritto come un “ago molto grande e inaspettato nel pagliaio”.

Secondo Onken, gli astronomi hanno cercato oggetti come questo per più di 50 anni, periodo in cui è rimasto inosservato sotto gli occhi di tutti.

Ciò che ha incuriosito i ricercatori è che il buco nero ha la massa di tre miliardi di soli, mentre altri di dimensioni comparabili hanno smesso di crescere così rapidamente miliardi di anni fa.

Il più grande dell’universo

Ora vogliamo sapere perché questo è diverso: è successo qualcosa di catastrofico? Forse due grandi galassie si sono schiantate l’una contro l’altra, incanalando un sacco di materiale per alimentarlo“, ha detto Onken.

Secondo il co-autore Christian Wolf, assistente professore presso l’ANU, è così anomalo che non crede che ne verrà trovato un altro come questo.

Il buco nero è facilmente visibile a chiunque abbia un buon telescopio in un cortile molto buio poiché ha una magnitudine visiva di 14,5. La magnitudine visiva è la misura per scoprire quanto luminoso appare un oggetto nello spazio a un osservatore sulla Terra.

È 500 volte più grande del buco nero nella nostra stessa Galassia“, ha detto il coautore e ricercatore del PhD ANU Samuel Lai.

Scoperto un buco nero che la massa di tre miliardi di Soli, non ne esiste un altro così Tecnoandroid

TIM offre Netflix a tutti i clienti: questa la promozione per l’estate

Tecnoandroid - Tue, 06/21/2022 - 10:55

TIM offre Netflix a tutti i clienti: questa la promozione per l’estate Tecnoandroid

TIM guarda con estremo interesse anche al settore della streaming tv. Nel corso di queste settimane gli abbonati del gestore italiano non solo avranno accesso ad alcune interessanti promozioni per la telefonia fissa e mobile ma potranno anche attivare un piano di visione per TIMvision. 

 

TIM, la ricca offerta con Netflix nel mese di maggio

I clienti che scelgono il servizio di TIMvision avranno accesso ad una serie di importanti extra. Gli abbonati in primo luogo, in prospettiva per il ritorno della Serie A nel mese di agosto, avranno la possibilità di attivare un piano di visione a DAZN, incluso nel prezzo.

I clienti che decidono di attivare un piano per TIMvision avranno inoltre anche la possibilità di accedere a tutte le partire della prossima edizione della Champions League. Insieme all’accordo con DAZN, il gestore italiano ha messo in campo anche una partnership con Mediaset e con il suo servizio Mediaset Infinity+. 

I clienti che optano per TIMvision, con inclusi i ticket di DAZN e di Mediaset Infiniy si troveranno a pagare una quota mensile dal valore di 29,99 euro ogni trenta giorni. Gli abbonati che scelgono questa tariffa avranno altresì la piattaforma TIMvision Box completamente a costo zero.

La sorpresa ulteriore per gli abbonati di TIM in queste ultime settimane è quella di Netflix. I clienti infatti sempre nel pacchetto di TIMvision dal costo unico di 29,99 euro, potranno anche accedere a tutta la galleria di Netflix con la presenza di film e serie tv in esclusiva tra produzioni nazionali ed internazionali.

TIM offre Netflix a tutti i clienti: questa la promozione per l’estate Tecnoandroid

Crisi degli approvvigionamenti: è un’opportunità per l’Europa?

Tecnoandroid - Tue, 06/21/2022 - 10:50

Crisi degli approvvigionamenti: è un’opportunità per l’Europa? Tecnoandroid

La crisi degli approvvigionamenti è il pericolo principale venuto subito dopo la crisi pandemica e pare che interessi più settori di quanto si pensi. Un tempo, determinate cose venivano alla luce solamente grazie ai giornali che mostravano gli scaffali vuoti dei supermercati, oggi invece, col web, tutto è messo in luce. Parliamo di una situazione destinata ad essere duratura, poiché l’abbondanza durerà.

Sicuramente c’è qualcosa di positivo, poiché si carpisce che gli sprechi o le pressioni sui prezzi sono qualcosa di superato e la qualità torna ad essere valorizzata. Di conseguenza, non c’è una grande abbondanza di prodotti scadenti da acquistare.

Anche per l’ambiente, quindi, questa crisi è positiva. Tuttavia, la vita di tutti i giorni diventerà più impegnativa e la brutta notizia non è solo per l’Italia, anzi. I Paesi in stato di crisi prolungato, però, riescono a gestire la situazione in maniera più flessibile rispetto a noi.

 

 

Crisi degli approvvigionamenti: quali settori verranno colpiti di più e cosa accadrà

Per varie ragioni, la crisi degli approvvigionamenti sarà difficile per tutti i settori a lungo termine, tra merci che rischiano di non essere consegnate o neanche prodotte. In più, anche i trasporti saranno un problema, per via del caos che si è creato sui porti dopo le chiusure dovute alla pandemia.

Di fatti, è già da tempo che ci sono meno navi per via della conversione dal petrolio pesante a quello leggero, sulle strade europee mancano tantissimi camionisti ucraini e la linea ferroviaria dalla Cina è in pericolo perché passa vicino all’Ucraina e attraverso la Bielorussia.

Anche la produzione non scherza: stallo ovunque. Fabbriche di chip in crisi che non riescono ad approvvigionarsi le materie prime, dove in tutto il mondo scarseggia la presenza di acciaio e rame. L’Ucraina, nonostante la guerra, si sta mostrando il principale fornitore di beni prima d’ora nascosto: ora è il più importante produttore di gas neon, miele, grano, senape e olio di girasole.

Può essere vista come un’opportunità questa situazione? L’Europa può sfruttare la crisi incominciano a riflettere sui propri valori e producendo alta qualità a prezzi giusti. Al contempo, l’industria deve stare attenta a tutto ciò, la quale deve obbligatoriamente lavorare per ottimizzare i costi e non aumentarli troppo. In questo modo, si rinuncerebbe all’abbondanza e potremmo trarre il meglio da questo periodo buio.

Crisi degli approvvigionamenti: è un’opportunità per l’Europa? Tecnoandroid

Non si vedono più i canali RAI: ecco come risolvere questo fastidioso problema

Tecnoandroid - Tue, 06/21/2022 - 10:45

Non si vedono più i canali RAI: ecco come risolvere questo fastidioso problema Tecnoandroid

Il passaggio a MPEG-4 ha causato non pochi problemi alla visione dei canali Rai, che in alcune zone sarebbero del tutto scomparsi, impedendo agli utenti di accedere ad alcune frequenze, in particolare i canali Rai 1, Rai 2 e Rai 3.

I problemi potrebbero essere di vario genere. Innanzitutto, bisognerebbe controllare se la tua TV o decoder è compatibile con il formato MPEG-4. Se è così, l’unico modo per aggirare questo problema è con una riorganizzazione (su molti dispositivi viene chiamata sintonizzazione automatica o manuale) dei canali e una nuova ricerca: il nostro consiglio è di sintonizzare manualmente il decoder o la TV.

Come risolvere il problema dei canali che scompaiono

Se la risposta è no, allora è normale vedere una schermata nera con la scritta “nessun segnale” quando si prova a connettersi alle frequenze di Rai 1, 2 o 3.

Anche in questo caso, però, le soluzioni non mancano. Innanzitutto, va segnalato che fino al 31 dicembre 2022 avrete ancora la possibilità di vedere i canali Rai (e anche le altre emittenti) nelle versioni MPEG-2: cambia solo la numerazione.

Con l’attivazione del nuovo standard, infatti, i canali con il formatoSD” sono stati spostati dopo la posizione 500, motivo per cui Rai 1 SD è presente alla numerazione 501, Rai 2 al 502 e Rai 3 al canale 503.

In casi come questi vi consigliamo di procedere con un manuale riordino della numerazione, andando quindi nelle impostazioni del vostro dispositivo/Smart TV cercando la voce “Sintonizzazione Automatica“.

In questo caso basterà seguire la procedura guidata a schermo per poter riorganizzare la lista dei canali presenti nella TV per far tornare al loro posto i canali 1, 2 e 3.

Non si vedono più i canali RAI: ecco come risolvere questo fastidioso problema Tecnoandroid

Pages