Android World






MANUALINUX


Subscribe to Android World feed
Tutte le news dal mondo Android in italiano, ogni giorno per te.
Updated: 1 hour 2 min ago

Scovare truffatori e molestatori rispettando la privacy degli utenti: il paradosso che gestisce Facebook (foto)

Fri, 05/22/2020 - 23:49

Facebook ha appena riferito importanti dettagli su uno dei suoi più recenti e sviluppati algoritmi di rilevazione delle truffe e degli abusi sul suo social network, in particolare per quelli che avvengono via chat.

L’argomento è tra i più spinosi: da una parte è sempre più chiara l’esigenza di un maggior controllo di queste piattaforme per proteggere gli utenti più deboli, come i minori o quelli meno esperti e più vulnerabili a truffe e fake news; dall’altra rimane fondamentale non perdere di vista la protezione della privacy e dei dati personali degli utenti. Facebook sembra essere riuscita nell’impossibile, ovvero nel far convivere questi due aspetti.

LEGGI ANCHE: miglior smartphone compatto del 2020, la nostra selezione

Un portavoce di Facebook ha riferito, in una lunga intervista a Wired, che l’azienda è riuscita a mettere a punto degli algoritmi di machine learning in grado di analizzare i metadati, attenzione non i dati personali, delle conversazioni chat su Facebook Messenger in modo da evidenziare situazioni potenzialmente pericolose: tra queste ci sono probabili truffe e molestie a minori. Il tutto senza accedere in alcun modo al contenuto della conversazione.

Facebook ha profuso tutti i suoi sforzi nel riuscire a rilevare queste situazioni potenzialmente pericolose non intaccando in alcun modo le procedure di crittografia end-to-end implementate sulla sua piattaforma di messaggistica: la crittografia fa sì che nemmeno la stessa Facebook possa accedere al contenuto delle conversazioni.

E allora come ci riesce? L’azienda ha fornito alcuni esempi, comprensibili anche visivamente attraverso le immagini presenti in galleria: considerando un ipotetico adulto che invia diverse richieste di amicizia a minori nello stesso arco di tempo e considerando che alcune di queste richieste hanno generato delle richieste di assistenza, come la segnalazione di spam o di account sospetti, il caso viene bollato come potenziale molestatore. Lo stesso accadrebbe se un utente richiedesse l’amicizia ad un altro usando nome e immagine del profilo di uno dei suoi amici: in tal caso Facebook avviserebbe il destinatario della richiesta della strana coincidenza.

Dunque, il risultato pratico degli algoritmi di riconoscimento di Facebook corrispondono a degli avvisi forniti ai destinatari di ipotetici casi di truffa e molestie. Questi avvisi sono essenzialmente degli avvertimenti, che gli utenti possono raccogliere o meno. Lo Stanford Internet Observatory ha suggerito a Facebook di sviluppare ulteriormente questi algoritmi, spingendosi a segnalare alle autorità di polizia probabili casi di abusi o truffe.

Il suggerimento non è isolato: attualmente negli Stati Uniti è in corso un forte dibattito attorno a un disegno di legge per introdurre delle eccezioni alle procedure di crittografia in casi particolari. Ricorderete i casi in cui Apple si rifiutò di sbloccare gli iPhone di terroristi nonostante le pressioni delle autorità statunitensi. Facebook ha comunque fatto sapere che al momento non intende prevaricare il limite che separa l’azienda dai contenuti personali che i suoi utenti si scambiano sulla sua piattaforma.

La novità consistente negli avvisi di potenziali abusi e truffe è in fase di introduzione sull’app Android e iOS di Facebook e di Messenger. Fateci sapere cosa ne pensate e se sareste a favore di un maggioreraggio d’azione” di questa feature.

2 vai alla fotogallery

L'articolo Scovare truffatori e molestatori rispettando la privacy degli utenti: il paradosso che gestisce Facebook (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.

Dormite male? Soffrite di insonnia? Benessere Digitale potrebbe aiutarvi a rendere più riposanti le vostre notti

Fri, 05/22/2020 - 20:04

Benessere Digitale è il nome italiano dell’app Digital Wellbeing, pensata da Google per tracciare il comportamento dell’utente e aiutarlo ad usare la tecnologia in maniera più sana. In particolare l’applicazione propone momenti di pausa dopo sessioni prolungate al telefono e ora pare che potrebbe occuparsi anche della qualità del sonno.

Stando a quanto scoperto nell’analisi del codice dell’ultima versione beta, Benessere Digitale potrebbe chiedervi l’accesso a una serie di dati e strumenti dello smartphone per poter misurare le vostre abitudini notturne. Al di là di una serie di riferimenti all’applicazione Orologio Google (che per il momento rimangono poco chiari), si intuisce la volontà di monitorare l’uso del telefono a letto in termini di tempo e di app utilizzate.

Da quel poco che si può vedere non sembra siano in preparazione specifici consigli per migliorare il sonno, ma è sensato ipotizzare che quello possa essere lo scopo finale, magari segnalando quali app è meglio utilizzare di meno o evitare di usare prima di chiudere gli occhi.

LEGGI ANCHE: I nuovi strumenti di accessibilità di Google

Un altro modo, emerso dall’analisi del codice, in cui Benessere Digitale potrebbe essere d’aiuto nel prendere sonno potrebbe essere la funzione “appunti notturni”. Quanti di voi infatti nel buio e nel silenzio della propria camera da letto non trovano pace tormentati dal pensiero degli impegni per il giorno dopo? Presto l’app potrebbe suggerire di appuntare questi pensieri per poi riproporli come promemoria al risveglio.

Come spiegato in apertura, le funzioni descritte finora non sono ancora presenti in Benessere Digitale e sono ancora in corso di sviluppo. Anche se potrebbero non essere mai realizzate, non possiamo che sperare di vederle arrivare presto, magari prima che il forte caldo renda ancora più complicate le notti di tutti noi. Nel frattempo per poter essere tra i primi a riceverle potete iscrivervi al canale beta da qui.

GRUPPO FACEBOOK DI SMARTWORLD

CANALE TELEGRAM OFFERTE

L'articolo Dormite male? Soffrite di insonnia? Benessere Digitale potrebbe aiutarvi a rendere più riposanti le vostre notti sembra essere il primo su AndroidWorld.

E se davvero mancasse meno di un mese all’arrivo di ASUS ZenFone 7 e ROG Phone III?

Fri, 05/22/2020 - 19:45

Quando alla fine dello scorso anno Qualcomm ha presentato il suo nuovo SoC per top di gamma, Snapdragon 865, ha anche elencato una serie di smartphone che l’avrebbero montato. Tra questi accanto a nomi attesi e già lanciati, come OnePlus 8, Oppo Find X2 Pro e Xiaomi Mi 10, c’erano anche due nomi meno scontati come Asus ROG Phone III e Asus ZenFone 7.

Finora infatti non ci sono state avvisaglie da parte del produttore taiwanese in merito ai due telefoni, ma stando a quanto riportato da una testata locale, potrebbero davvero essere pronti allo sbarco sui mercati. Per la precisione si parla di presentazione entro la fine di giugno, inizi di luglio. Asus avrebbe anche grandi aspettative per il successore di ROG Phone II e nelle specifico prevederebbe un aumento delle vendite nell’ordine del 30%/50%.

LEGGI ANCHE: I migliori smartphone compatti del 2020

Come dicevamo poco fa però, finora non è emersa praticamente nessuna informazione sui due dispositivi, se non la certificazione Wi-Fi e un benchmark. Se davvero il report fosse corretto notizie sul lancio dovrebbero iniziare ad arrivare a momenti. Nel settore della tecnologia tutto si muove molto velocemente, però è difficile non notare che solo all’inizio di aprile Asus ancora chiedeva agli utenti quali novità avrebbero voluto vedere sul nuovo ROG Phone III.

GRUPPO FACEBOOK DI SMARTWORLD

CANALE TELEGRAM OFFERTE

L'articolo E se davvero mancasse meno di un mese all’arrivo di ASUS ZenFone 7 e ROG Phone III? sembra essere il primo su AndroidWorld.

Honor X10 potrebbe essere l’ultimo smartphone Honor con processore Kirin?

Fri, 05/22/2020 - 19:30

Subito dopo la presentazione dell’ultimo smartphone Honor X10, il presidente dell’azienda, Zhao Ming, ha dichiarato che in futuro utilizzeranno processori MediaTek con supporto 5G per i prossimi dispositivi.

Nelle interviste post-lancio Ming ha parlato di ottime relazioni con MediaTek e della volontà di rafforzare il legame commerciale tra le due società nel prossimo futuro. Honor X10 quindi potrebbe essere l’ultimo telefono ad implementare SoC Kirin realizzati in casa da HiSilicon, anche se Ming ha soltanto parlato di espandere la collaborazione.

LEGGI ANCHE: I migliori smartphone compatti del 2020

La motivazione fornita da Ming è legata all’importanza del 5G e al vantaggio competitivo che può fornire. Tuttavia è davvero difficile non pensare che questa mossa non possa essere in qualche modo una delle conseguenze dell’ultimo allargamento del ban USA nei confronti di Huawei.

GRUPPO FACEBOOK DI SMARTWORLD

CANALE TELEGRAM OFFERTE

L'articolo Honor X10 potrebbe essere l’ultimo smartphone Honor con processore Kirin? sembra essere il primo su AndroidWorld.

YouTube Music sta introducendo nuove playlist dinamiche e suggerimenti basati sulle preferenze? (foto)

Fri, 05/22/2020 - 19:13

In queste ore diversi utenti in giro per il mondo stanno segnalando la comparsa di un paio di novità su YouTube Music. L’app già offriva una serie di playlist (simili a quelle presenti in Spotify) basate sulle preferenze musicali del singolo utente, ma ora pare che queste potrebbero essere ampliate. Finora ne sono state notate almeno quattro nuove: Focus Mix, Chill Mix, Workout Mix e Energy Mix. Curiosamente però le persone che hanno riportato la notizia hanno anche segnalato il fatto che se si prova ad aprirne una l’app dà errore.

A giudicare dalle copertine scelte sembra che Google si sia allineata al gusto estetico dei mix già presenti, ma, parafrasando il detto, non si giudica un disco dalla copertina. In altre parole non possiamo ancora dire se si tratta di playlist costruite dinamicamente dal sistema come quelle viste finora o meno.

LEGGI ANCHE: I migliori smartphone compatti del 2020

Su Reddit sono apparse anche le segnalazioni di chi ha osservato la comparsa di una nuova sezione chiamata “Related”. L’unica immagine-testimone in questo caso però proviene da un utente scandinavo per cui non è facile capire cosa contengano effettivamente le varie voci. Stando ai colleghi di Android Police la sezione dovrebbe presentar un carosello con “collegati”, “artisti simili” e forse anche uno spazio con “informazioni sull’artista” dove sono riportati dettagli biografici.

Tutte le segnalazioni sembrano legate alla versione 3.65 di YouTube Music, ma dal momento che le novità appaiono solo ad alcuni evidentemente sono abilitate da uno switch lato server. O forse si tratta solo di uno dei tanti test che Google effettua costantemente. Se volete tentare la sorte, potete scaricare l’app usando il badge di seguito. Nel caso doveste notare qualcosa di interessante non dimenticate di farcelo sapere attraverso il nostro apposito modulo di contatto.

4 vai alla fotogallery

GRUPPO FACEBOOK DI SMARTWORLD

CANALE TELEGRAM OFFERTE

L'articolo YouTube Music sta introducendo nuove playlist dinamiche e suggerimenti basati sulle preferenze? (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.

7 giorni con Blloc Ratio: launcher minimalista, all’insegna del benessere digitale (e dei bug)

Fri, 05/22/2020 - 19:07

Questa settimana ho provato uno dei launcher più originali che abbia mai installato: Blloc Ratio. Ratio mescola in modo sapiente il minimalismo con il benessere digitale, per darti al volo le app e le informazioni che ti servono di più, ma al contempo cercando di spingere l’utente a limitare l’uso dello smartphone, o quantomeno rendendolo consapevole del tempo che ci passa sopra.

Se il nome Blloc non dovesse suonarvi nuovo è perché avete buona memoria. Si tratta di un’azienda che un paio di anni fa lanciò uno smartphone minimale, chiamato Z18, ed il fatto che la maggior parte di voi non se lo ricordi (ammettetelo!) è già indice dello scarso successo che ha avuto. Dalle sue ceneri però arriva ora Ratio, un launcher che alcuni di voi mi hanno consigliato (allora qualcuno con una buona memoria c’è!), e che attualmente è in alpha con accesso ad invito e disponibile solo per una manciata di telefoni (OnePlus 7 / 7T / 7 Pro / 7T Pro, Pixel 3a /3a XL, Pixel 4 / 4 XL). Potete richiedere di provare Ratio compilando il form presente sul sito ufficiale, ma armatevi di pazienza, perché nel mio caso ci sono voluti quasi 20 giorni prima che il codice di invito arrivasse (no, non ho giocato la carta del “lei non sa chi sono io“, e non ho contattato gli sviluppatori).

E quello che vi arriverà nella casella di posta non è poi il launcher stesso, ma un programma per PC (Windows e macOS), che serve a sincronizzare i dati tra il vostro computer e lo smartphone con Ratio; Ratio che può essere installato solo collegando il telefono al PC con detta app installata, ed abilitando il debug USB nelle opzioni sviluppatore per poter effettuare il sideload dell’apk. Sembra complicato, ma in realtà è relativamente semplice; certo, non semplice come scaricare un’app dal Play Store o installare un APK. E per rendere le cose ancora più imbarazzanti, Ratio richiede un buon numero di permessi speciali, come accesso alle notifiche ed ai dati di utilizzo, per fornirvi tutti i suoi servizi. Per carità, è legittimo farlo, e se avessi scaricato l’app dal Play Store non ci penserei troppo, in ogni caso mi sono fidato di Blloc (e di Play Protect), anche perché sennò questa puntata di 7 giorni con sarebbe finita molto velocemente.

Ma com’è quindi Ratio? La pagina principale è organizzata in vari drawer, ovvero raccolte di app basate sul tempo di utilizzo delle stesse. Nella categoria Essentials abbiamo le impostazioni di sistema e quelle del launcher, e poi seguono gli altri “drawer”: favorites, most used, e other. Potete comunque anche crearne di vostri e spostare le app da uno all’altro. Il succo è che a fianco del titolo di ciascuno di questi è indicato il tempo totale di utilizzo delle app al suo interno, e dentro l’icona delle varie app potete leggere il tempo di utilizzo della stessa. Premendo a lungo su ciascuna app, avrete poi una schermata riassuntiva piuttosto originale. In essa troverete link allo store (anche tramite QR code), tempo di utilizzo, dimensioni e la possibilità di cambiare icona o personalizzarla un minimo.

L’aspetto più originale è la possibilità di decidere uno specifico livello di retroilluminazione per ciascuna app, indipendentemente da quella generale. Inoltre, volendo, potete anche forzare un’applicazione ad essere eseguita solo in bianco e nero, o impedirle di avviarsi a meno che non vi autentichiate con il metodo di sblocco scelto sul vostro smartphone. È possibile anche disattivare l’audio per ciascuna applicazione o nasconderla del tutto dal drawer.

In tutto questo non ci sono sfondi né widget; al massimo potete passare dallo sfondo scuro a quello chiaro, ma nulla più. E per evidenziare la presenza di notifiche non lette, le icone delle app possono adottare una barra (lampeggiante) in cima all’icona stessa, ma non aspettatevi numeri o launcher shortcut. Funzionalità e minimalismo sono le parole d’ordine, tanto che la barra di ricerca sempre presente in fondo alla pagina, serve solo e soltanto a cercare tra le app installate, non sul web.

E se fin qui Ratio vi sembrasse originale, ancor di più lo è la schermata a sinistra, chiamata The Root. Qui potete leggere le ultime notizie, controllare il meteo, effettuare ricerche (stavolta su internet) ed altro ancora. Ci sono 10 opzioni diverse, eventualmente disattivabili dalle impostazioni:

  • Meteo: immancabile
  • Songkick: vi dice gli eventi di una certa città o il calendario di un dato artista
  • Qwant: per la ricerca
  • Convertitore: di valuta, lunghezza, massa, volume, temperature, tempo, energia e molto altro
  • Timer
  • YouTube: in teoria servirebbe a mostrare un widget con contenuti video, ma non sono riuscito a farlo funzionare
  • News: le sole fonti sono TechCrunch, CNN, Der Taggesspiegel, Mashable e The Wall Street Journal
  • Notes: immancabili anche le note
  • Spotify: un widget che controlla la riproduzione musicale, ma prima dovete aver avviato qualcosa direttamente dall’app
  • Tickets: un raccoglitore di biglietti aerei, che potete aggiungere anche solo scannerizzandone il codice a barre

Questo è bene o male quello che offre Ratio; per ulteriori dettagli vi lasciamo al video qui sotto. Sul sito ufficiale si parla anche di Conversations, che sembra essere un raccoglitore di chat con i vostri contatti. Se cercate Mario nella scheda Conversations dovreste avere una raccolta delle ultime conversazioni scambiate con lui, indipendentemente dall’app utilizzata. O almeno è così che questo servizio sembra funzionare; peccato che non lo abbia trovato da nessuna parte in Ratio.

L’idea in generale ha molti buoni spunti ed anche altrettanti bug di gioventù (il menu multitasking che in pratica rimanda al launcher predefinito, vari impuntamenti/glitch ecc.), oltre ad un battery drain superiore alle aspettative. Di certo è un modo radicalmente diverso di vivere il proprio smartphone, adatto sia a chi voglia minimizzare i fronzoli che a chi voglia “disintossicarsi“. Ora come ora però mancano forse fin troppe cose e soprattutto quelle che ci sono non sono così impeccabili come dovrebbero essere. Del resto si tratta di una alpha, pertanto non ci resta che aspettare che venga sviluppata, lieti di essere smentiti dai futuri sviluppi.

9 vai alla fotogallery

L'articolo 7 giorni con Blloc Ratio: launcher minimalista, all’insegna del benessere digitale (e dei bug) sembra essere il primo su AndroidWorld.

Arrivano le patch di sicurezza di maggio per i top di gamma Sony di ieri e oggi (foto)

Fri, 05/22/2020 - 18:48

Quando si parla di smartphone Sony non è probailmente il primo produttore che viene in mente. Nonostante il settore dedicato alla telefonia mobile del gigante nipponico non se la passi poi tanto bene, l’azienda continua ad essere una delle più solerti quando si tratta di aggiornamenti, specialmente quelli relativi alle patch di sicurezza.

Sony sembra prendere sul serio il compito di mantenere i suoi dispositivi top di gamma di oggi e di ieri e cioè Sony Xperia 1, Xperia 5, XZ3 e tutta la famiglia XZ2 (Sony XZ2, XZ2 Compact e XZ2 Premium). Vi segnaliamo quindi che una serie di smartphone stanno ricevendo in queste ore un nuovo firmware che sembra contenere solamente le definizioni di sicurezza di maggio.

LEGGI ANCHE: I migliori smartphone compatti del 2020

Abbiamo usato il condizionale perché per qualche motivo Sony non sembra essere altrettanto diligente quando si tratta di compilare il changelog. Quindi visti alcuni episodi del recente passato, vi preghiamo di segnalarci se notate eventuali novità dopo aver installato l’ultimo aggiornamento.

2 vai alla fotogallery

GRUPPO FACEBOOK DI SMARTWORLD

CANALE TELEGRAM OFFERTE

L'articolo Arrivano le patch di sicurezza di maggio per i top di gamma Sony di ieri e oggi (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.

Ecco le novità di Google per le persone con disabilità: nuove app e opzioni per Maps e Trascrizione Istantanea (video e foto)

Fri, 05/22/2020 - 18:36

In alcuni Paesi del mondo (tra cui gli Stati Uniti) oggi si celebra la giornata per la sensibilizzazione verso l’accessibilità (Global Accessibility Awareness Day, GAAD). Google ha colto l’occasione per rilasciare una serie di strumenti che puntano a facilitare il rapporto con la tecnologia, e quindi con le sfide di tutti i giorni, da parte delle persone affette da disabilità.

Action Blocks

Si tratta di una specie di companion app per Google Assistant. In pratica permette di creare una sorta di widget per avviare alcune azioni immediatamente, con un solo tocco. Il video qui sotto mostra bene quale può essere la sua utilità quando non si possono usare le dita.

Per quanto semplice infatti, l’interfaccia degli smartphone prevede una serie di passaggi sia logico-cognitivi che proprio di movimenti con la mano, per poter effettuare qualsiasi operazione. Action Blocks invece aiuta a creare delle “routine”, permette di assegnare un’immagine e un’etichetta e la dimensione del pulsantone finale.

1 vai alla fotogallery Trascrizione Istantanea

Questa app è stata lanciata da Google lo scorso anno, ma oggi si arricchisce di alcune interessanti funzionalità. Se soffrite di sordità o ipoacusia ora potete impostare il telefono in modo che vibri quando viene fatto il vostro nome, aggiungere termini personali al dizionario per permettere all’applicazione di riconoscerli più facilmente e cercare nelle trascrizioni recenti (fino a 3 giorni).

Amplificatore

L’app in questione svolge un compito tanto semplice quanto essenziale per alcune persone: amplificare i suoni. Che si tratti della TV o di un video, un podcast o della musica in riproduzione sullo stesso smartphone ora potete aumentare il volume che arriva nelle cuffie Bluetooth collegate al telefono.

1 vai alla fotogallery Accessibilità in carrozzina – Google Maps

Sapere in anticipo se un locale è attrezzato per accogliere chi si trova in carrozzina può essere qualcosa di molto importante per chi si trova a non poter usare le proprie gambe, ma anche per chi ha difficoltà a salire le scale o chi semplicemente ha un passeggino. Proprio per questo Google ha messo a disposizione un’apposita opzione su Maps per mostrare i dettagli relativi all’accessibilità per entrata, parcheggio, bagno e tavoli.

Le informazioni fornite si basano sui contributi degli utenti e delle guide locali di Maps (qui ci sono delle indicazioni in inglese per chi vuole partecipare). La novità è in corso di diffusione in queste ore attraverso un aggiornamento sia per l’app Android sia per iOS, purtroppo però al momento sarà disponibile solo in Australia, Giappone, Regno Unito e USA.

1 vai alla fotogallery

GRUPPO FACEBOOK DI SMARTWORLD

CANALE TELEGRAM OFFERTE

L'articolo Ecco le novità di Google per le persone con disabilità: nuove app e opzioni per Maps e Trascrizione Istantanea (video e foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.

SmartWorld News Podcast – 22 maggio 2020

Fri, 05/22/2020 - 18:34

Anche oggi è pronta una nuova puntata di SmartWorld News, il nostro podcast giornaliero che vi racconta le notizie più importanti della giornata. Potete ascoltarlo su Apple Podcast, Google Podcast, Spreaker, Spotify o dal player integrato che trovate a seguire. Vi basta cliccare sul tasto play.

Ascolta “22/05 – Fleet, disattivazione automatica Netflix e Tenet su Fortnite” su Spreaker.
Gli argomenti del giorno:

L'articolo SmartWorld News Podcast – 22 maggio 2020 sembra essere il primo su AndroidWorld.

Occhio al “Flash Weekend”! Sconti per Galaxy, Smart TV e altro sul Samsung Shop

Fri, 05/22/2020 - 17:14

Samsung rilancia ancora una volta l’iniziativa “Flash Weekend”, un fine settimana pieno zeppo di offerte disponibili esclusivamente sul suo store. La promo, come appunto potete immaginare, vedrà la sua conclusione domenica.

Gli sconti colpiscono una marea di prodotti differenti, come smartphone, tablet e smartwatch, ma anche elettrodomestici e articoli di informatica. Qualche esempio? Galaxy A30s è disponibile ad un prezzo scontato di 189€, invece di 279,90€ dell’importo di listino. Galaxy Note invece è in offerta a 799€ al posto di 979€, mentre vi aspetta uno sconto di circa 100€ su Galaxy Tab S6.

LEGGI ANCHE: Galaxy Buds+ in regalo con smartphone e tablet: ecco i migliori da acquistare

Anche gli Smart TV non vengono accantonati: tra questi emerge il QLED 4K 65″ Q60R, disponibile in promo a 749€. Date un’occhiata anche agli elettrodomestici, perché potreste trovare qualcosa di vostro interesse.

Su tutti i prodotti, che vengono spediti a domicilio con corriere, è poi possibile attivare anche l’assicurazione Samsung Care+. Per maggiori dettagli sull’iniziativa, e per conoscere termini e condizioni, vi rimandiamo alla pagina dedicata ai Flash Weekend sul sito ufficiale Samsung.

Flash Weekend Samsung

Offerte Tecnologia @offertesmartworld Segui il canale su Telegram

L'articolo Occhio al “Flash Weekend”! Sconti per Galaxy, Smart TV e altro sul Samsung Shop sembra essere il primo su AndroidWorld.

Occhio al “Flash Weekend”! Sconti per Galaxy, Smart TV e altro sul Samsung Shop

Fri, 05/22/2020 - 17:14

Samsung rilancia ancora una volta l’iniziativa “Flash Weekend”, un fine settimana pieno zeppo di offerte disponibili esclusivamente sul suo store.

Gli sconti colpiscono una marea di prodotti differenti, come smartphone, tablet e smartwatch, ma anche elettrodomestici e articoli di informatica. Qualche esempio? Galaxy A30s è disponibile ad un prezzo scontato di 189€, invece di 279,90€ dell’importo di listino. Galaxy Note invece è in offerta a 799€ al posto di 979€, mentre vi aspetta uno sconto di circa 100€ su Galaxy Tab S6.

LEGGI ANCHE: Galaxy Buds+ in regalo con smartphone e tablet: ecco i migliori da acquistare

Anche gli Smart TV non vengono accantonati: tra questi emerge il QLED 4K 65″ Q60R, disponibile in promo a 749€. Date un’occhiata anche agli elettrodomestici, perché potreste trovare qualcosa di vostro interesse.

Su tutti i prodotti, che vengono spediti a domicilio con corriere, è poi possibile attivare anche l’assicurazione Samsung Care+. Per maggiori dettagli sull’iniziativa, e per conoscere termini e condizioni, vi rimandiamo alla pagina dedicata ai Flash Weekend sul sito ufficiale Samsung.

Flash Weekend Samsung

Offerte Tecnologia @offertesmartworld Segui il canale su Telegram

L'articolo Occhio al “Flash Weekend”! Sconti per Galaxy, Smart TV e altro sul Samsung Shop sembra essere il primo su AndroidWorld.

Quanta Xiaomi nelle offerte Gearbest! Redmi Note 8 Pro e Airdots 2 SE tra le migliori

Fri, 05/22/2020 - 16:14

Quali buone notizie porta GearBest nella giornata odierna? Vi attende una bella selezione di offerte mica male! Tra queste, vale la pena citare Redmi Note 8 Pro e Airdots 2 SE, ma non manca una cospicua manciata di tagli di prezzo sugli smartwatch a marchio Amazfit. Prendetevi del tempo per visualizzarle: le migliori sono tutte nelle liste a seguire.

LEGGI ANCHE: Xiaomi Mi Band 5 in Europa senza NFC!?

Vi ricordiamo che alcuni sconti hanno bisogno del relativo codice per essere sfruttati: di conseguenza, non dimenticate di inserire il coupon indicato sotto ciascuna offerta per attivare la promozione.

OFFERTE SU GEARBEST

Smartphone Smartwatch Auricolari

Tutti i prodotti descritti potrebbero subire variazioni di prezzo e disponibilità nel corso del tempo, dunque vi consigliamo sempre di verificare questi parametri prima dell’acquisto.

Offerte Tecnologia @offertesmartworld Segui il canale su Telegram

L'articolo Quanta Xiaomi nelle offerte Gearbest! Redmi Note 8 Pro e Airdots 2 SE tra le migliori sembra essere il primo su AndroidWorld.

TIM e Netflix nuovamente insieme: dal 27 maggio arriva il nuovo pacchetto esclusivo Mondo Netflix

Fri, 05/22/2020 - 15:33

L’operatore TIM rafforza la propria collaborazione con il gigante dello streaming Netflix, siglata lo scorso novembre. A partire dal prossimo 27 maggio infatti, sulla piattaforma TIMVision Plus arriverà Mondo Netflix, una nuova offerta dedicata che racchiuderà l’esperienza completa Netflix, TIMVision Plus ed il decoder TIMVision Box.

Tale iniziativa, come spiegato da TIM stessa, dà il via all’accordo siglato tra le due parti e conferma inoltra la strategia di alleanze che l’operatore sta attuando per assumere una posizione di rilievo nei confronti della concorrenza. Come dichiarato da Andrea Fabiano, responsabile multimedia di TIM, queste iniziative rispondono alla mission aziendale di abbinare connettività fissa-mobile e contenuti, sviluppando una convergenza virtuosa.

LEGGI ANCHE: Offerte TIM – Maggio 2020

L’offerta sarà disponibile per tutti i clienti di rete fissa TIM ad un prezzo di lancio promozionale di 12,99€ al mese (invece che di 19,99€), senza alcun vincolo di durata. Il piano Netflix abbinato sarà quello standard, che permette la visione dei contenuti in qualità HD su massimo due schermi in contemporanea. Ovviamente nel pacchetto saranno inclusi anche i contenuti del servizio TIMVision. Tutte le altre informazioni sull’offerta, sulle modalità e sui canali di acquisto sono disponibili sul sito ufficiale TIM.

L'articolo TIM e Netflix nuovamente insieme: dal 27 maggio arriva il nuovo pacchetto esclusivo Mondo Netflix sembra essere il primo su AndroidWorld.

Xiaomi Mi Band 5 in Europa senza NFC, vi consolerete con il supporto ad Alexa?

Fri, 05/22/2020 - 15:21

Il quadro attorno alla situazione di Xiaomi Mi Band 5, la prossima smartband che il colosso cinese dovrebbe lanciare a livello globale, si fa sempre più chiaro: nelle ultime ore sono trapelati ulteriori dettagli che confermano alcuni rumor e ne sconfessano altri.

Quello che probabilmente catturerà maggiore attenzione riguarda l’integrazione del modulo NFC: i precedenti rumor indicavano che finalmente Xiaomi avrebbe integrato questo tipo di connettività anche nella variante europea della sua smartband, invece dobbiamo ricrederci. Solo la variante cinese di Mi Band 5 potrà avvalersi del supporto NFC, e dunque essere compatibile con i pagamenti digitali. La versione internazionale non avrà, molto probabilmente, il modulo NFC.

LEGGI ANCHE: Xiaomi Mi Band 4, la recensione

Secondo quanto riferito da TizenHelp, la Mi Band 5 di Xiaomi sarà la prima smartband del colosso cinese a supportare nativamente un assistente vocale intelligente: parliamo del supporto ad Alexa, sebbene al momento non è chiaro se la smartband integrerà almeno un microfono per gestire gli input vocali oppure fungerà semplicemente da ponte tra l’utente e Alexa ospitato su un terzo dispositivo.

Gli ultimi dettagli emersi online confermano anche la capacità di Mi Band 5 nella valutazione del livello di ossigenazione del sangue, probabilmente a partire dallo stesso sensore PPG che valuta la frequenza cardiaca. Rimane ancora ignota la probabile data di lancio di Xiaomi Mi Band 5. Vi terremo aggiornati sulle prossime novità che emergeranno prima del suo lancio ufficiale.

L'articolo Xiaomi Mi Band 5 in Europa senza NFC, vi consolerete con il supporto ad Alexa? sembra essere il primo su AndroidWorld.

Riecco l’arma segreta di Kena Mobile: 100 Giga con minuti e SMS illimitati a 9,99€, ma solo per pochi giorni

Fri, 05/22/2020 - 15:01

L’indiscrezione circolata nei giorni scorsi si è rivelata fondata: dalle 10:00 di questa mattina, è nuovamente disponibile l’offerta Kena Mobile dal pacchetto più ricco di sempre. Ci riferiamo a Kena 9,99 Flash, che anche questa volta sarà attivabile per un periodo di tempo limitato, sebbene più lungo rispetto al passato. Ripassiamo intanto che cosa offre.

Kena Flash 9,99
  • Minuti di chiamate illimitati verso tutti
  • SMS illimitati
  • 100 GB di traffico dati in 4G (sotto rete TIM, velocità massima in download di 30 Mb/s)
  • Al costo di 9,99€ al mese
  • Contributo di attivazione: 0€
  • Costo nuova SIM: 0€
LEGGI ANCHE: Offerte Kena Mobile

Come già accaduto in passato, l’offerta non è disponibile per tutti, ma soltanto dagli attuali clienti  Iliad e virtuali (ad eccezione di ho. Mobile, Tiscali Mobile, CoopVoce, Very Mobile e Rabona Mobile) che effettuano la portabilità del loro numero in Kena.

Inoltre, come accennato, l’offerta è temporanea, in particolare sarà disponibile per 72 ore, fino alle 10:00 del 25 maggio 2020. Le due volte precedenti era rimasta attiva rispettivamente per 24 e 48 ore, dunque questa volta avrete un po’ di tempo più per acciuffarla, ma vi consigliamo di attivarla comunque il prima possibile, se vi facesse gola. Potete farlo online, dal sito ufficiale dell’operatore.

L'articolo Riecco l’arma segreta di Kena Mobile: 100 Giga con minuti e SMS illimitati a 9,99€, ma solo per pochi giorni sembra essere il primo su AndroidWorld.

Redmi 10X fa all-in sulla fotocamera: ecco un sample mozzafiato realizzato dalla versione Pro (foto)

Fri, 05/22/2020 - 14:35

Emergono nuove e importanti novità su Redmi 10X, quello che sembrava un medio-gamma su Play Console qualche settimana fa e che in realtà potrebbe rivelarsi qualcosa in più.

Secondo gli ultimi dettagli trapelati online dalla Cina, Redmi potrebbe svelare la serie Redmi 10X il prossimo 26 maggio: ci si aspettano tre modelli in questa serie di dispositivi, dei quali almeno uno dovrebbe offrire lo zoom 30x e la stabilizzazione ottica dell’immagine. Il Product Director di Redmi – Thomas Wang – ha anche mostrato le capacità fotografiche di Redmi 10X Pro: l’immagine mostra uno scatto realizzato in Star Track mode, senza l’ausilio di alcun accessorio e senza modificare manualmente alcun parametro di scatto.

LEGGI ANCHE: Redmi Note 9 Pro, la recensione

Al momento rimangono oscuri i dettagli sulle sue probabili caratteristiche tecniche, ma stando alle ultime novità ci aspettiamo una caratura più elevata rispetto alla gamma media, almeno per la versione Pro di Redmi 10X.

2 vai alla fotogallery

L'articolo Redmi 10X fa all-in sulla fotocamera: ecco un sample mozzafiato realizzato dalla versione Pro (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.

Parte la corsa per il 5G a prezzi popolari: chi arriverà per primo fra Qualcomm, MediaTek e Huawei?

Fri, 05/22/2020 - 14:33

Nel corso del 2019 abbiamo assistito al lancio dei primi smartphone capaci di supportare la nuova connettività 5G. Si trattava però di super top di gamma dai prezzi inaccessibili a buona parte della clientela. In questa prima metà del 2020, lo Snapdragon 765G ha reso possibile abbassare l’asticella dei prezzi degli smartphone pronti per le reti di nuova generazione. E la tendenza è destinata a proseguire, fino a rendere il 5G accessibile a tutti.

Se Qualcomm è stata la prima a lanciare un chip 5G di fascia media, battendo sul tempo MediaTek e Huawei, sarà interessante vedere quale produttore sarà più celere nel rendere 5G-ready anche la fascia medio-bassa. Secondo le ultime indiscrezioni infatti, tutti e tre sono al lavoro sulle rispettive proposte economiche.

LEGGI ANCHE: OPPO Find X2 Neo, la recensione

In particolare, sarebbero decisamente avanti i lavori del primo Snapdragon serie 600 pronto per il 5G: il nome in codice sarebbe SM6350 e vanterebbe un’architettura octa core, due con frequenze da 2,246 GHz destinati alle prestazioni, gli altri sei fino a 1,804 GHz per l’ordinaria amministrazione. La GPU sarebbe invece l’Adreno 615 con frequenza di 850 MHz. Il SoC 5G di fascia medio-bassa di MediaTek si chiamerebbe invece MT6853, mentre sul chip Huawei si sa solo che sia già in fase di sviluppo.

L'articolo Parte la corsa per il 5G a prezzi popolari: chi arriverà per primo fra Qualcomm, MediaTek e Huawei? sembra essere il primo su AndroidWorld.

Galaxy Buds+ in regalo con smartphone e tablet: ecco i migliori da acquistare

Fri, 05/22/2020 - 14:32

Come vi abbiamo già segnalato qualche giorno fa sulle nostre pagine, Samsung ha avviato una nuova promozione speciale che permette di ottenere un paio di Galaxy Buds+ in omaggio con l’acquisto o il noleggio di smartphone e tablet della serie Galaxy. La promo è valida fino al 7 giugno 2020, dunque oggi andiamo a vedere quali sono i migliori prodotti da acquistare per ricevere questo regalo!

Per quanto riguarda gli smartphone, tra i prodotti compatibili con la promozione ci sono tutti quelli delle serie Galaxy S20, Galaxy S10 e Galaxy Note 10, incluse le varianti Lite, Plus, 5G e Ultra. L’unica eccezione è Galaxy S10e, che non fa parte della lista.

Passando ai tablet troviamo molti modelli, a cominciare dai Galaxy Tab S5e, proseguendo coi Galaxy Tab S6 Lite e finendo coi più costosi Galaxy Tab S6 10.5. Tutte le varie configurazioni di questi dipositivi, sia quelle Wi-Fi che quelle con LTE, vi permettono di ottenere i Buds+ in regalo.

LEGGI ANCHE: Recensione Galaxy Buds+

A conti fatti, bastano circa 500€ per acquistare un Galaxy S10 e portarsi subito a casa anche un paio di Galaxy Buds+, dunque la promozione si fa molto interessante. A seguire trovate il link alla pagina ufficiale della promozione, dove potete leggere ulteriori informazioni e controllare la lista degli store aderenti sui quali acquistare. Più in basso vi lasciamo una selezione di dispositivi compatibili con l’offerta da acquistare subito su Amazon.

OFFERTA GALAXY BUDS+ IN REGALO

Tutti i prodotti descritti potrebbero subire variazioni di prezzo e disponibilità nel corso del tempo, dunque vi consigliamo sempre di verificare questi parametri prima dell’acquisto.

Offerte Tecnologia @offertesmartworld Segui il canale su Telegram

L'articolo Galaxy Buds+ in regalo con smartphone e tablet: ecco i migliori da acquistare sembra essere il primo su AndroidWorld.

Honor annuncia i dispositivi che riceveranno Magic UI 3.1 in patria

Fri, 05/22/2020 - 09:08

In occasione della presentazione di Honor 10X, uno smartphone di fascia media (ca. 250 euro al cambio) con supporto al 5G, schermo a 90 Hz e fotocamera anteriore pop-up, la società ha anche introdotto l’aggiornamento al proprio sistema operativo, Magic UI 3.1.

Come probabilmente saprete già, Magic UI non è altro che un diretto discendente di EMUI (in questo caso, EMUI 10.1): tra le due versioni differisce prevalentemente l’aspetto estetico, ma sotto al cofano le funzionalità software sono per lo più paragonabili.

LEGGI ANCHE: Honor annuncia un intero ecosistema di prodotti smart home

Ma quali smartphone Honor riceveranno quest’ultimo aggiornamento? La società non si è sottratta al dovere di pubblicare una lista di dispositivi compatibili:

  • Honor V30
  • V30 Pro
  • Honor V20
  • V20 Pro
  • Honor 20
  • 20S
  • 20 Lite
  • Honor Magic 2
  • Honor 9X
  • 9X Pro
  • 9A

Vi avvertiamo però che questa è la lista ufficiale per quanto riguarda il mercato cinese. Non è ancora chiaro se la stessa sorte toccherà alle controparti europee. Vi aggiorneremo non appena avremo più notizie.

L'articolo Honor annuncia i dispositivi che riceveranno Magic UI 3.1 in patria sembra essere il primo su AndroidWorld.

Non solo concerti, su Fortnite arriva in esclusiva il trailer di Tenet, l’ultimo film di Nolan (video)

Fri, 05/22/2020 - 08:30

Nell’ultimo periodo, in cui le persone sono state costrette a casa senza possibilità di partecipare ad eventi pubblici, Fortnite si è riscoperto in una nuova natura: non solo ring di combattimento, ma anche arena d’intrattenimento (tanto da aver lanciato una nuova modalità senza armi).

Il primo a cogliere l’opportunità, e a dimostrare l’enorme effetto scenico di un evento all’interno di Fortnite è stato Travis Scott, che ha deciso di convertire il suo concerto in digitale grazie al supporto tecnologico della piattaforma di Epic Games.

LEGGI ANCHE: Fortnite sarà aggiornato all’Unreal Engine 5

In seguito si sono accodati DJ del calibro di Dillon Francis, Steve Aoki e deadmau5. Ora è il turno di un nuovo tipo di intrattenimento: Fortnite si è infatti trasformato in una sorta di drive-in, dove le persone hanno potuto vedere in esclusiva l’ultimo trailer di Tenet.

Ve ne parliamo al passato perché l’evento si è verificato questa notte, ed il preavviso è stato talmente breve che non siamo riusciti a farvelo sapere prima. La prima proiezione è avvenuta alle 2 di questa notte (si dovrebbe comunque ripetere ogni ora).

Se però volete arrivare al sodo e vedere direttamente il trailer, ecco il video qui sotto. Per chi non ne fosse al corrente, Tenet è il nuovo attesissimo film di Nolan, che torna sui grandi schermi dopo Dunkirk (2017). L’uscita è fissata per il 15 luglio di quest’anno.

L'articolo Non solo concerti, su Fortnite arriva in esclusiva il trailer di Tenet, l’ultimo film di Nolan (video) sembra essere il primo su AndroidWorld.

Pages