Android World

Condividi su:

Condividi su:


MANUALINUX


Subscribe to Android World feed
Tutte le news dal mondo Android in italiano, ogni giorno per te.
Updated: 5 hours 50 min ago

Facciamo la conoscenza con Galaxy Tab A7 Lite: design e specifiche tecniche (foto) (aggiornato)

Mon, 04/19/2021 - 00:15

Samsung non è solo smartphone e non è attiva solo nel settore dei top di gamma. Il produttore sudcoreano sta preparando anche una versione alleggerita dei nuovi tablet, un dispositivo che arriverà sul mercato come Galaxy Tab A7 Lite.

Nelle ultime ore sono trapelate interessanti novità sul tablet: le immagini che vedete nella galleria in basso ne mostrano il design, abbastanza ordinario, con un display da 8,4″, bordi abbastanza pronunciati e una singola fotocamera posteriore. Il dispositivo dovrebbe avere un scheda tecnica coerente con l’aggettivo Lite:

  • Processore: MediaTek Helio P22T
  • RAM: 3 GB
  • Fotocamera posteriore senza flash
  • Batteria da 5.100 mAh
LEGGI ANCHE: OnePlus 9 Pro, la recensione

Stando a quanto riferito dal leaker WalkingCat, questo nuovo tablet di Samsung dovrebbe arrivare sul mercato a partire da giugno 2021, insieme a Galaxy Tab S7 Lite. Torneremo ad aggiornarvi non appena avremo maggiori dettagli su prezzo e data di lancio.

Aggiornamento19/04/2021 ore 00:15

Dopo aver visto le sue probabili specifiche tecniche, abbiamo modo di vedere un’immagine più dettagliata di Galaxy Tab A7 Lite. Il dispositivo appare in colorazione grigia, con un modulo fotografico posteriore meno sporgente rispetto alle prime impressioni avute dall’immagine trapelata in precedenza, mentre i tasti volume e spegnimento sono sul consueto profilo laterale. Ancora non sappiamo quando Samsung lancerà ufficialmente questo nuovo tablet di gamma media.

2 vai alla fotogallery

pic.twitter.com/hdghYBG8OP

— WalkingCat (@_h0x0d_) February 18, 2021

L'articolo Facciamo la conoscenza con Galaxy Tab A7 Lite: design e specifiche tecniche (foto) (aggiornato) sembra essere il primo su AndroidWorld.

TIM regala 5€ ai suoi clienti con Satispay: come approfittare della promozione

Sun, 04/18/2021 - 23:46

TIM ha appena lanciato una nuova iniziativa promozionale dedicata a tutti i suoi clienti che hanno attiva un’offerta di rete mobile e che effettuano ricariche.

La promozione prevede che tutti i clienti TIM che effettueranno una ricarica da almeno 15€ usando Satispay come metodo di pagamento, riceveranno 5€ di ricarica omaggio. La promozione sarà accessibile per coloro che effettueranno una ricarica da 15€, 25€ o 50€ tramite l’app MyTIM, selezionando Satispay come metodo di pagamento.

LEGGI ANCHE: le migliori offerte telefoniche | aprile 2021

La promozione appena descritta sarà accessibile fino al prossimo 29 aprile per tutti i clienti TIM.

L'articolo TIM regala 5€ ai suoi clienti con Satispay: come approfittare della promozione sembra essere il primo su AndroidWorld.

Ban WhatsApp: tutti i motivi per cui si rischia, come proteggersi da ban “ingiusti”

Sun, 04/18/2021 - 23:39

WhatsApp è attualmente una delle piattaforme di messaggistica istantanea più usate al mondo, al punto che per tantissimi utenti costituisce anche un mezzo di comunicazione per lavoro e studio. Pertanto assume molta importanza conoscere i motivi per cui si può incorrere nel ban dell’account e come proteggersi da provvedimenti troppo drastici.

Ban temporaneo da WhatsApp

Andiamo a vedere quali sono le motivazione per cui WhatsApp potrebbe bannare temporaneamente gli account dalla sua piattaforma:

  • Utilizzo di una versione non ufficiale dell’app WhatsApp, comunemente note come mod di WhatsApp. Solitamente si tratta di app che permettono di accedere alla piattaforma di messaggistica con una serie di personalizzazioni aggiuntive rispetto a quelle disponibili nell’app ufficiale. Solitamente WhatsApp concede un certo tempo agli utenti bannati per adeguarsi e scaricare l’app ufficiale, se ciò non accade è previsto il ban permanente.
  • Creazione di un numero eccessivo di gruppi includendo utenti che non hanno salvato il contatto del creatore dei gruppi in rubrica.
  • Invio eccessivo di messaggi broadcast.
  • Quando l’utente inoltra con alta frequenza lo stesso messaggio a troppe persone, potrebbe incorrere in un ban temporaneo.
  • L’utente potrebbe incorrere nel ban temporaneo nel caso in cui venga bloccato da un alto numero di utenti.
Ban permanente da WhatsApp

Per azioni più gravi da parte degli utenti, WhatsApp prevede il ban permanente. Solitamente tale ban è irrevocabile, sebbene esista qualche eccezione. Andiamo a vedere le azioni che possono portare a un ban permanente:

  • In caso di azioni collettive e automatizzate è previsto il ban permanente. Si stima che WhatsApp banni per questa motivazione circa 2,5 milioni di account al mese.
  • Nel caso in cui il numero di telefono con il quale si effettua la registrazione a WhatsApp è stato segnalato per azioni sospette.
  • Nel caso in cui un contatto invia un numero eccessivo di messaggi in un ristretto intervallo di tempo. WhatsApp prevede un limite che è impossibile da raggiungere per un essere umano, quindi se viene superato significa che ad agire è un sistema automatico.
  • Nel caso in cui il contatto venga segnalato in modo rilevante da altri utenti.
  • Nel caso in cui la descrizione dei gruppi chat o il loro nome destino particolari sospetti. WhatsApp può accedere esclusivamente ai nomi e alle descrizione dei gruppi chat creati sulla sua piattaforma.

È bene considerare che WhatsApp solitamente non rilascia avvertimenti ai suoi utenti prima di applicare un ban. E a volte può anche sbagliarsi, come il caso portato alla luce da WABetaInfo nelle ultime settimane. Tale caso si riferisce a un gruppo chat in cui erano incluse una decina di persone, amici tra loro. Uno di loro ha subito il furto del proprio contatto WhatsApp e il ladro ha pensato bene di modificare le informazioni del gruppo chat di cui facevano parte. WhatsApp ha successivamente bannato permanentemente tutti gli utenti inclusi nel gruppo.

Tutti i ragazzi bannati hanno contattato per diversi mesi il supporto WhatsApp spiegando l’accaduto, provando a farsi ripristinare l’account senza successo. Per fortuna WABetaInfo ha scelto di parlare del caso e, forse per coincidenza, subito dopo aver pubblicizzato la vicenda gli utenti hanno visto i loro account tornati in vita.

Per non incorrere in casi del genere è importante gestire in modo più oculato le impostazioni dei gruppi chat in cui si è amministratori: ad esempio impostando per i soli amministratori la possibilità di modificare le informazioni del gruppo. Altra pratica molto importante da effettuare in ottica della sicurezza del proprio account consiste nell’attivare la verifica dell’accesso in due passaggi. Questa è disponibile nella sezione Account delle impostazioni dell’app WhatsApp.

L'articolo Ban WhatsApp: tutti i motivi per cui si rischia, come proteggersi da ban “ingiusti” sembra essere il primo su AndroidWorld.

Come saranno le nuove true wireless di OPPO? Non stupiranno per design (foto)

Sun, 04/18/2021 - 23:09

OPPO ha dimostrato negli ultimi anni di credere particolarmente nei mercati europei, facendo sentire con costanza la sua presenza nel settore smartphone e degli accessori smart come le cuffie true wireless.

Le immagini che vedete nella galleria in basso mostrano le prossime true wireless di casa OPPO: dovrebbero arrivare con il nome di OPPO Enco Buds e mostrano un look davvero molto simile ai tanti prodotti che hanno lanciato i competitor di OPPO; come Samsung, Google e OnePlus. Le nuove Buds di OPPO dovrebbero poter contare su un modulo Bluetooth 5.2.

LEGGI ANCHE: Huawei FreeBuds 4i, la recensione

Le nuove OPPO Enco Buds dovrebbero essere presentate ufficialmente entro fine aprile. Vi terremo aggiornati sui prossimi sviluppi, e in particolare sulla possibilità di vederle in Italia.

1 vai alla fotogallery

L'articolo Come saranno le nuove true wireless di OPPO? Non stupiranno per design (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.

Asphalt raggiunge un miliardo di download su ogni piattaforma

Sun, 04/18/2021 - 23:06

Asphalt ha raggiunto un miliardo di download su tutte le piattaforme. Ad annunciarlo è Gameloft, lo studio che sedici anni fa ha lanciato il primissimo titolo della serie e che ora fa sapere inoltre che Asphalt 9: Legends, già presente su App Store, Google Play, Microsoft Store, Nintendo Switch e macOS, sarà presto disponibile free-to-play su Xbox Series X | S e Xbox One con supporto cross-play e cross-save per i giocatori su Windows 10.

Inoltre, per festeggiare l’incredibile traguardo del miliardo di download, sono previsti eventi a tempo limitato su Asphalt 8: Airborne e Asphalt 9: Legends, in cui i giocatori avranno la possibilità di sbloccare fantastici premi e ricompense.

LEGGI ANCHE: Resident Evil 4 ritorna alla ribalta in versione VR su Oculus Quest 2

Thomas Aurick, VP of Creation at Gameloft, ha dichiarato per l’occasione:

“Per oltre 20 anni, Gameloft è sempre stata all’avanguardia in termini di esperienza ludica su dispositivi mobile e, poco più di 15 anni fa, abbiamo dato il via a un franchise che rimane tuttora uno dei nostri marchi principali, Asphalt. Negli anni successivi, abbiamo trasformato Asphalt nel franchise di corse più facilmente accessibile al mondo. Questo è solo l’inizio per Asphalt e, con l’imminente lancio di Asphalt 9: Legends sulla piattaforma Xbox, ci impegniamo ulteriormente a portare chiunque, su qualunque piattaforma di gioco un’esperienza racing oltre ogni immaginazione”.

L'articolo Asphalt raggiunge un miliardo di download su ogni piattaforma sembra essere il primo su AndroidWorld.

Rimpianti per l’addio di LG: il suo smartphone avvolgibile era quasi pronto (foto)

Sun, 04/18/2021 - 20:52

Sappiamo ormai con certezza che l’addio di LG al mercato degli smartphone è definitivo e permanente, e questo implica che anche uno dei suoi futuri prodotti più interessanti non arriverà mai.

Parliamo ovviamente di LG Rollable, lo smartphone con display avvolgibile che LG aveva mostrato in un concept e al quale stava lavorando fino a poco prima di dire addio al mercato degli smartphone. Nelle ultime ore è emersa online una nuova evidenza che il dispositivo fosse in sviluppo avanzato: l’immagine in galleria mostra che il dispositivo ha ricevuto la certificazione NFC lo scorso 5 gennaio, delle tempistiche che facevano presagire un lancio entro marzo.

LEGGI ANCHE: LG Tone Free FN7, la recensione

Difficile dire perché questo lancio poi non sia avvenuto: diverse evidenze trapelate in precedenza puntavano su un buon avanzamento del suo sviluppo, probabilmente ha pesato la decisione già presa da parte di LG in merito all’abbandono del mercato smartphone.

1 vai alla fotogallery

 

L'articolo Rimpianti per l’addio di LG: il suo smartphone avvolgibile era quasi pronto (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.

OnePlus 7/7 Pro e 7T/ 7T Pro si aggiornano ad Android 11 stabile (aggiornato: hotfix)

Sun, 04/18/2021 - 15:40

OnePlus è in vena di aggiornamenti in questi giorni: dopo la beta di ieri, l’intera famiglia OnePlus 7 riceve infatti la versione stabile di Android 11, anche se il rollout inizia da lontano.

L’aggiornamento, oltre alla nuova versione di Android, porta modifiche per il tema scuro, che può essere auto-impostato ad intervalli di tempo precisi, inoltre è ora possibile registrare video col codec HEVC, mentre Game Space introduce i quick reply ed una funzione per prevenire i tocchi accidentali.

Il changelog completo comunque è a fine articolo per chi abbia voglia di spulciarlo. Nota negativa: le patch di sicurezza sono ferme a febbraio 2021.

Il rollout della OxygenOS 11 è appena iniziato, e non ci aspettiamo che lo abbiate già ricevuto in molti. Abbiamo però i due link per il download per OnePlus 7T e 7T Pro, ma i primi utenti segnalano problemi con la fotocamera, quindi probabilmente è meglio attendere che l’aggiornamento vi arrivi tramite i canali ufficiali anziché installarlo manualmente.

Aggiornamento18/04/2021

Poco dopo il rilascio della OxygenOS 11, OnePlus aveva messo in pausa il rollout in seguito alla segnalazione da parte degli utenti di alcuni bug. È quindi arrivata ora la OxygenOS 11.0.0.2, che va a correggere detti bug, senza introdurre ulteriori novità (a parte le patch di marzo 2021).

L’aggiornamento pesa infatti 2,4 GB per chi provenga da Android 10, e solo 205MB per gli utenti già con Android 11. Il rollout è appena iniziato, e proseguirà nel corso dei prossimi giorni.

1 vai alla fotogallery Changelog OxygenOS 11 OnePlus 7 series

  • System
    • Update to OxygenOS 11 version
    • Fresh new UI visual design brings you a more comfortable experience with various optimizations of details
    • Optimize the stability of some third-party applications and improve the experience
    • Updated Android security patch to 2021.02
    • Updated GMS package to 2021.01
    • Since this is the upgrade of Android 11 version with many new features, the upgrade time may be longer. Please wait for the completion of the upgrade
  • Camera
    • Updated the camera UI and optimized some of the function paths to offer more convenient operation
    • Newly added the HEVC codec to reduce video storage size seamlessly, capture and shoot more without compromizing on quality
  • Dark mode
    • Added the shortcut key for Dark Mode, pull down the quick setting to enable
    • Supporting automatically turn on feature & customize time range (path: Settings – Display – Dark Mode – Turn on automatically – Automatically enable from sunset to sunrise/Custom time range)
  • Game Space
    • Newly added gaming tools box for convenient switches of Fnatic mode. You can now choose three ways of notifications: text-only, heads-up and block, just for your immersive gaming experience
    • Newly added quick reply feature in a small window for Instagram, Whatsapp and Telegram (Enable it by swiping down from upper right/left corners of the screen in gaming mode.
    • Newly added mis-touch prevention feature. Enable it, swipe down from the top of the screen, click and the notification bar will pop out.
  • Shelf
    • Newly shelf interface design, the interface is clearer
    • Added weather widget, animation effect smarter
  • Gallery
    • Supporting Story function, automatically form weekly videos with photos and video in storage.
    • Optimize the loading scren of the gallery, and the image preview is faster

L'articolo OnePlus 7/7 Pro e 7T/ 7T Pro si aggiornano ad Android 11 stabile (aggiornato: hotfix) sembra essere il primo su AndroidWorld.

La visualizzazione dei PDF migliorerà su OneDrive per Android

Sun, 04/18/2021 - 11:04

OneDrive per Android sta per guadagnare alcune nuove funzioni per la visualizzazione dei PDF che ne aumenteranno la comodità in fase di utilizzo. Secondo diverse voci della roadmap di Microsoft 365, OneDrive per Android supporterà presto una modalità di lettura notturna, tabelle di contenuti all’interno dei PDF e il salto a pagine specifiche dei PDF. Le caratteristiche sono tutte segnate come “in fase di sviluppo“, ma potrebbero arrivare già questo mese. Come sempre, le date di rilascio di qualsiasi caratteristica sulla roadmap di Microsoft 365 sono però soggette a modifiche.

LEGGI ANCHE: Google potrebbe permettere agli utenti di gestire il cestino

Ecco le funzioni riportate nella roadmap di Microsoft 365:

  • Gli utenti di OneDrive per Android saranno in grado di cambiare l’aspetto dei PDF in tre modalità di colore principali che sono la modalità giorno, notte e seppia per migliorare la visualizzazione.
  • Gli utenti di OneDrive per Android saranno in grado di visualizzare una tabella di contenuti che possono utilizzare per navigare.
  • Gli utenti di OneDrive per Android saranno in grado di muoversi attraverso il PDF digitando il numero di pagina.

Una volta che tutte queste caratteristiche saranno disponibili per OneDrive per Android, l’applicazione dovrebbe migliorare significativamente la visualizzazione dei PDF. Alcune di queste caratteristiche sembrano essere in arrivo anche su iOS.

L'articolo La visualizzazione dei PDF migliorerà su OneDrive per Android sembra essere il primo su AndroidWorld.

Google potrebbe permettere agli utenti di gestire il cestino nascosto con Android 12 (foto)

Sun, 04/18/2021 - 10:46

L’evento Google I/O 2021 è in programma per il 18 maggio, e l’attesa di tutti è rivolta verso l’annuncio di tutte le nuove caratteristiche che saranno presenti in Android 12. I membri di xda sono però riusciti a mettere le mani su una build non rilasciata di Android 12 e al suo interno hanno scovato molti piccoli cambiamenti funzionali e di design. Oltre a questo, sono anche riusciti ad individuare del codice che suggerisce che Google potrebbe far emergere la funzione nascosta del Cestino di Android nelle impostazioni di archiviazione.

LEGGI ANCHE: L’ultima beta di WhatsApp ha qualche bug

Le applicazioni che utilizzano l’API MediaStore possono infatti decidere di cestinare piuttosto che cancellare un file per dare agli utenti la possibilità di ripristinare il file in seguito, un po’ come avviene anche per i sistemi operativi desktop. La differenza sostanziale con Android 11 risiede però nel fatto che quest’ultimo non fornisce una cartella “Cestino” a livello di sistema che elenca tutti i file che sono stati cestinati anche dalle singole applicazioni.

Con Android 12, tuttavia, sembra che Google stia lavorando per aggiungere una nuova voce a Impostazioni > Archiviazione per mostrare quanto spazio di archiviazione occupano tutti gli elementi presenti nel cestino. Toccando questa voce verrà mostrato il numero di file che sono stati cestinati e permetterà anche all’utente di svuotare il cestino. Anche se gli utenti possono svuotare il cestino da qui, non sappiamo se gli utenti saranno anche in grado di ripristinarlo attraverso questo punto di ingresso. Nel frattempo, una nuova funzione “Cestino” sarà aggiunta nell’app Files by Google e permetterà agli utenti di visualizzare, ripristinare o eliminare definitivamente gli elementi cestinati tramite l’app stessa.

4 vai alla fotogallery

L'articolo Google potrebbe permettere agli utenti di gestire il cestino nascosto con Android 12 (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.

L’ultima beta di WhatsApp ha qualche bug: li avete notati anche voi? (foto)

Sun, 04/18/2021 - 09:02

WhatsApp ha rilasciato nelle ultime ore un nuovo aggiornamento per la versione beta della sua app Android. Peccato che tale update abbia apportato qualche bug.

La versione beta dell’app Android di WhatsApp alla quale ci riferiamo è la 2.21.8.12. Il primo dei bug segnalati dagli utenti consiste nell’attribuzione di una data errata ai documenti scambiati in chat. Il secondo si riferisce invece alla scomparsa dell’icona relativa ai messaggi durante la ricerca per parole chiave tra le chat e i messaggi all’interno di una chat.

LEGGI ANCHE: OPPO A94, la recensione

Il terzo problema con l’ultima beta di WhatsApp si verifica durante la visualizzazione delle anteprime video: come mostrato nella terza immagine in galleria, si tratta di alcuni piccoli artefatti bianchi visibili sull’anteprima del video.

I bug appena elencati fanno tutti riferimento all’app Android di WhatsApp Beta. Trattandosi di una beta, presumiamo che il prossimo aggiornamento con il fix arriverà nel breve termine. Fateci sapere se avete riscontrato anche voi i problemi descritti.

4 vai alla fotogallery

L'articolo L’ultima beta di WhatsApp ha qualche bug: li avete notati anche voi? (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.

I vecchi top di gamma Samsung finiscono in Asia per combattere la cecità (foto)

Sat, 04/17/2021 - 16:53

Sono passati più di tre anni dal lancio dell’iniziativa Galaxy Upcycling, ma questa va ancora forte e diventa sempre più affascinante di giorno in giorno. In Asia, Samsung ha infatti utilizzato i suoi vecchi top di gamma per combattere la cecità o altre malattie visive gravi.

LEGGI ANCHE: Samsung punta alla Generazione Z con la TikTok challenge #powerAwesome

La piattaforma che sono riusciti a sviluppare ha preso il nome di EYELIKE ed è già stata testata con successo in una molti luoghi rurali sparsi per tutta l’Asia, dalla Papua Nuova Guinea al Vietnam e all’India.

La piattaforma EYELIKE è uno dei primi grandi risultati di Samsung in questa ricerca per migliorare la qualità generale della vita nel 21° secolo. Questo specifico obiettivo è stato perseguito a causa del fatto che la menomazione della vista è una delle condizioni mediche attualmente più presenti e che sarebbero più facilmente prevenibili e curabili con i giusti strumenti.

2 vai alla fotogallery

L'articolo I vecchi top di gamma Samsung finiscono in Asia per combattere la cecità (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.

Recensione Nokia 5.4: bello, ma non abbastanza economico (foto)

Sat, 04/17/2021 - 13:12

Nokia ha di recente rinnovato la sua linea di prodotti della fascia media e medio bassa, introducendo anche delle nuove famiglie (come la serie G o la serie X). Oggi però rimaniamo sul “classico” e parliamo di Nokia 5.4.

LEGGI ANCHE: Recensioni Nokia

6.5

Confezione

Nella confezione piatta di questo Nokia 5.4, oltre allo smartphone troviamo l’alimentatore da 10W e il cavo USB/USB-C.

7.5

Costruzione ed Ergonomia

Nokia 5.4 è uno smartphone economico e come tale è realizzato in plastica. Ha un comunque un design molto gradevole e riconoscibilmente parte del linguaggio Nokia, con il retro leggermente curvo e le fotocamere incastonate in una modulo circolare, sopra al lettore di impronte digitali. La scocca trattiene un po’ le impronte, ma niente di anormale in questa fascia di prezzo.

Migliori Prezzi nokia 5.4


6.5

Hardware

Dal punto di vista hardware questo Nokia 5.4 è ovviamente uno smartphone abbastanza limitato, considerando ovviamente la fascia di prezzo. Abbiamo un processore Snapdragon 662 octa core da 2 GHz con GPU Adreno 610, 4 GB di RAM e 64 GB di memoria interna, espandibili tramite microSD. Sufficiente la connettività: abbiamo il Wi-Fi n (monobanda), il Bluetooth 4.2 e il supporto dual SIM. C’è il jack audio da 3,5 millimetri, c’è il chip NFC e c’è anche la radio FM. Il lettore di impronte sul retro funziona bene ed è abbastanza rapido. L’audio è mono e solo nella media per volume e potenza.

SCHEDA: Nokia 5.4

5.5

Fotocamera

Nokia 5.4 è dotato di ben quattro fotocamere: una da 48 megapixel ƒ/1.8, mentre le altre hanno una risoluzione decisamente più ridotta. Una è una macro da 2 megapixel, una è una 5 megapixel grandangolare e l’ultima è una 2 megapixel per fotografare in modalità ritratto. Le foto realizzate da questo smartphone in molti casi sono solo sufficienti. Le immagini sono discrete solo con condizioni di luce ottimali, ma non molto più di questo. Con meno luce i colori iniziano a diventare scarichi e con poca luce il rumore digitale la fa da padrone. La modalità notturna aiuta a migliorare la quantità di luce catturata e il risultato è nettamente migliore, seppur non arrivando ovviamente ai livelli di smartphone di fascia superiore. Discreta tutto sommato la fotocamera frontale da 16 megapixel ƒ/2.0. Male invece sia la fotocamera grandangolare e quella macro, anche quando la situazione di luce è ottimale. I video si registrano al massimo in Full HD a 60fps, ma sono di bassa qualità. Sia come definizione, che come stabilizzazione e anche come registrazione dell’audio.

19 vai alla fotogallery

7.0

Display

Lo schermo è un 6,39 pollici con una risoluzione HD+, ovvero 720 x 1560 pixel, non molto alta, ma più che corretta per la tipologia di prodotto. Il pannello è realizzato con tecnologia IPS di sufficiente qualità. La luminosità massima è comunque sufficiente e la regolazione della luminosità automatica è comunque discreta.

7.0

Software

Il software di questo smartphone è un po’ un controsenso. Abbiamo Android One e quindi un software pulito e costantemente aggiornato. Nonostante questo lo abbiamo potuto verificare anche noi (sono arrivate le patch di marzo 2021 durante la prova) quello che stupisce è che parliamo ancora di Android 10, ovvero il software Android del 2019. Non che l’esperienza d’uso ne sia particolarmente compromessa ma indubbiamente la scelta di uno smartphone Android è dettata proprio anche da considerazioni relative alla rapidità di ricevere nuove versioni di Android. Come detto però l’esperienza complessiva è più che buona, con un software pulito e personalizzabile dall’utente finale scegliendo di installare le sua app dal Play Store. Nokia aggiunge solo la comodità di poter attivare l’assistente vocale tramite un tasto fisico dedicato sul lato sinistro dello smartphone.

8 vai alla fotogallery

7.5

Autonomia

Nokia 5.4 è dotato di una batteria da 4.000 mAh, un quantitativo più che sufficiente per le sue dimensioni. Le prestazioni in termini di autonomia sono più che buone, garantendo praticamente sempre almeno una giornata piena di durata. Peccato per la ricarica a soli 10W, ormai anacronistica nel 2021.

6.0

Prezzo

Nokia 5.4 viene venduto a 199€, un prezzo in teoria corretto per quello che Nokia 5.4 vorrebbe essere, ma troppi per quello che poi nella pratica realmente è. Se foste interessati ad acquistarlo un prezzo corretto potrebbe essere inferiore ai 150€. Controllate il box a seguire per eventuali cali di prezzo. È disponibile per la vendita su Amazon.

Foto 8 vai alla fotogallery

L'articolo Recensione Nokia 5.4: bello, ma non abbastanza economico (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.

Samsung punta alla Generazione Z con la TikTok challenge #powerAwesome, dedicata ai nuovi smartphone Galaxy A

Sat, 04/17/2021 - 12:26

Sasmung vuole fare breccia tra i consumatori della Generazione Z, e per farlo ha pensato di lanciare l’iniziativa #powerAwesome che punta a promuovere le feature innovative dei nuovi Galaxy A52, Galaxy A52 5G e Galaxy A72 tramite TikTok. La campagna prevede delle sfide creative sul social network, e coinvolge 8 giovani creator italiani: Martina Socrate, Jennifer Preda, Giorgia Malerba, Federico Gardenghi, Alessandro Bedetti, Jash Gonzales, Valeria Vedovatti e Alessandro Montesi.

LEGGI ANCHE: Samsung potrebbe lanciare Galaxy Z Fold Tab nel Q1 2022

Si può partecipare alla nuova challenge creativa, iniziata il 16 aprile 2021, pubblicando i propri video con l’hashtag #powerAwesome. Il contenuto del video dovrà dimostrare in maniera ironica e innovativa come gli smartphone della serie Galaxy A siano i compagni perfetti per ogni giornata, per rendere speciali le attività quotidiane. La challenge è inoltre arricchita da un Branded Effect, un filtro realizzato ad hoc che invita gli utenti a ricaricare la batteria, realizzando un video pieno di energia.

“Con questa TikTok challenge abbiamo voluto puntare sulla creatività dei nostri Galaxy fan chiedendogli di esprimere su Tik Tok il loro stile unico e autentico, proprio come quello dei nuovi smartphone delle serie Galaxy A. Smartphone di ultima generazione che consentono a tutti, specialmente ai più giovani, di sfruttare al massimo le tecnologie all’avanguardia di Samsung. Siamo sicuri che questa nuova iniziativa sarà stimolo per tanti appassionati Galaxy, per esprimere appieno la loro personalità con prodotti affidabili e di eccellenza

Paolo Bagnoli - Head of Marketing della divisione telefonia di Samsung Italia

L'articolo Samsung punta alla Generazione Z con la TikTok challenge #powerAwesome, dedicata ai nuovi smartphone Galaxy A sembra essere il primo su AndroidWorld.

Spotify si aggiorna con una bella novità su Android Auto

Sat, 04/17/2021 - 12:25

Nel panorama delle piattaforme per lo streaming musicale, Spotify é senza dubbio una delle soluzioni più usate in assoluto e sono tante le novità che esso sta introducendo nelle ultime settimane: l’azienda svedese, infatti, sta apportando diverse modifiche alle sue app per migliorare l’esperienza d’uso sia su desktop che su mobile.

Durante gli anni Spotify ha anche posto particolare attenzione all’esperienza d’uso della propria app anche sui sistemi per auto e, a tal proposito, è stato forte l’impegno verso una migliore esperienza d’uso su Android Auto. Di fatto, Spotify è stata una delle prime app ad implementare, sul sistema di Google, un’interfaccia mista tra griglia e lista di elementi, il nuovo design a schede di Android Auto e, più di recente, la sessione di gruppo su Android Automotive

LEGGI ANCHE: Spotify presenta il suo primo dispositivo fisico: Car Thing, un “coso” che si mette in auto

Un recente aggiornamento dell’app Android ha finalmente introdotto una possibilità che per molto tempo è mancata agli utilizzatori frequenti di Spotify su Android Auto. Nello specifico, noi abbiamo trovato questa novità nella versione dell’app 8.6.12.986 e con questa versione abbiamo appurato che nel momento in cui si seleziona una playlist sullo schermo dell’automobile, essa non viene più riprodotta automaticamente non appena viene selezionata, bensì viene prima aperta la lista dei brani presenti nella playlist stessa, dando la possibilità di avviare una riproduzione casuale prima oppure di riprodurre un brano specifico.

Una funzione veramente molto banale ma che non è mai stata implementata su Android Auto. In precedenza, infatti, non solo non vi era la possibilità di riprodurre casualmente sin da subito una playlist, richiedendo un ulteriore step per poterlo fare, ma la selezione di un brano preciso era decisamente più difficile poiché occorreva sfogliare la lista della coda di esecuzione e ciò voleva dire avere a disposizione una lista non competa, nella quale non è possibile sfogliare per lettera iniziale e che, spesso e volentieri, non ha un caricamento molto veloce.

Insomma una novità molto piccola per migliorare la navigazione delle playlist e che farà contenti gli amanti della riproduzione casuale. È pur vero che da ora in poi la riproduzione richiederà sempre un passaggio in più, ma chi è che vuole riprodurre una playlist e ascoltare sempre e solo il primo brano in lista non appena essa viene selezionata?

Voi avete ricevuto questa novità? Siete degli utilizzatori frequenti di Spotify su Android Auto? Aspettavate una funzionalità come questa? Diteci la vostra nei commenti e nel nostro gruppo Facebook Android Auto Italia.

 

3 vai alla fotogallery

L'articolo Spotify si aggiorna con una bella novità su Android Auto sembra essere il primo su AndroidWorld.

Il Galaxy Z Fold 3 sarà dotato di un SoC non ancora annunciato, e potrebbe essere un Exynos con GPU AMD

Sat, 04/17/2021 - 11:09

I mesi passano, ma di conferme riguardanti il SoC del prossimo Samsung Galaxy Z Fold 3 non ne sono ancora arrivate, e questo ha alimentato diverse voci. La prima e più comune ipotesi è quella che vede il prossimo foldable di Samsung alimentato dal SoC Qualcomm Snapdragon 888, ma ora sembra che l’azienda sudcoreana abbia una sorpresa in serbo. Il leaker Ice Universe sostiene che il chipset della versione europea di Galaxy Z Fold 3 non sarà né lo Snapdragon 888 né l’Exynos 2100.

LEGGI ANCHE: Amazon Prime raggiunge un nuovo record di abbonati

A questo punto, un’opzione plausibile potrebbe essere quella di un Galaxy Z Fold 3 alimentato dall’Exynos 9925 basato su AMD o dallo Snapdragon 888+. Durante l’evento di presentazione dell’Exynos 2100, il presidente del System LSI Business di Samsung, Dr. Inyup Kang, ha infatti detto che “il prossimo prodotto di punta” sarà dotato di GPU AMD. I risultati dei benchmark trapelati suggeriscono che la GPU AMD di Samsung sarà un vero rivale della GPU Adreno, e potrebbe anche essere alla pari con le prestazioni grafiche del SoC Bionic di Apple.

Per quanto riguarda le altre specifiche del Galaxy Z Fold 3, si parla di un display ed una batteria più piccoli, compatibilità con la S-Pen ma ancora non si conosce nessun dettaglio riguardo alle fotocamere. Il telefono dovrebbe essere svelato tra luglio e agosto, insieme allo Z Flip 3 e al Galaxy S21 FE.

Among the various information of Galaxy Z Fold 3, the processor is called the Top secret. If it uses Snapdragon 888 or Exynos2100, I cannot understand that it will be called top secret. unless. . .

— Ice universe (@UniverseIce) April 16, 2021

L'articolo Il Galaxy Z Fold 3 sarà dotato di un SoC non ancora annunciato, e potrebbe essere un Exynos con GPU AMD sembra essere il primo su AndroidWorld.

Android 12 tradurrà automaticamente tutte le app nella lingua dell’utente: ecco come

Sat, 04/17/2021 - 09:33

Da poche settimane abbiamo potuto avere una prima anteprima di tutte le novità incluse in Android 12, compresa una carrellata di funzionalità non ancora integrate nella Developer Preview a disposizione di tutti.

Nelle ultime XDA ha effettuato un’ulteriore analisi della build di Android 12 che ha a disposizione, trovando interessanti riferimenti su una feature ancora in fase di sviluppo. Questa consisterebbe nella possibilità di tradurre automaticamente l’interfaccia utente di tutte le app installate nella lingua madre dell’utente. Al momento non è chiaro su cosa si baserà tale traduzione automatica, ma Google Traduttore e l’app Device Personalization sono i candidati più probabili.

LEGGI ANCHE: OPPO A94, la recensione

Una tale funzionalità per Android sarebbe di enorme aiuto non solo agli utenti finali, i quali saranno sempre in grado di comprendere il linguaggio delle app installate, comprese quelle di terze parti, ma anche agli sviluppatori. Una traduzione automatica da parte di Android 12 permetterebbe anche agli sviluppatori più piccoli di raggiungere un più ampio bacino di utenza con le loro app, riducendo gli ipotetici costi di traduzione.

Attualmente una feature simile è possibile con un modulo Magisk, dunque ricorrendo necessariamente all’acquisizione dei permessi di root. Al momento non si ha la certezza che la novità descritta arriverà in questa forma nella versione stabile di Android 12. Vi terremo aggiornati sui prossimi sviluppi.

L'articolo Android 12 tradurrà automaticamente tutte le app nella lingua dell’utente: ecco come sembra essere il primo su AndroidWorld.

Apple Music tenta gli artisti con ricavi per stream doppi rispetto Spotify

Fri, 04/16/2021 - 22:38

La “guerra” tra Apple Music e Spotify si combatte senza sosta: per tentare gli artisti a passare al suo servizio di streaming musicale, Apple ha pubblicato una lettera aperta in cui ha dichiarato quanto vengono pagati gli artisti della sua piattaforma.

LEGGI ANCHE: Amazon Prime raggiunge un nuovo record di abbonati

Apple Music ha dichiarato che i ricavi degli artisti per ogni singolo stream di un brano è di un centesimo di dollaro: questo è circa il doppio di quanto avviene con Spotify, che già in passato ha avuto diversi problemi riguardo i ricavi dei musicisti. Andrebbe però tenuto in considerazione il fatto che, anche sei i ricavi per singola riproduzione sono minori, Spotify ha un numero molto maggiore di utenti e di conseguenza il numero di volte che un brano viene riprodotto è tendenzialmente maggiore rispetto a quanto avviene su Apple Music.

Per entrambi i servizi bisogna inoltre ricordare che i ricavi per singola riproduzione non vanno direttamente nelle tasche degli artisti, ma vengono divisi tra le diverse figure che compongono la produzione musicale, come l’etichetta discografica o il publisher: il musicista infatti riceve solo una piccola parte del “centesimo” promesso.

L'articolo Apple Music tenta gli artisti con ricavi per stream doppi rispetto Spotify sembra essere il primo su AndroidWorld.

Amazon Prime raggiunge un nuovo record di abbonati

Fri, 04/16/2021 - 22:24

Arrivano positive notizie per Amazon e in particolare per i suoi azionisti. Il colosso di Jeff Bezos ha fatto sapere di aver tagliato un nuovo traguardo per il settore che riguarda Prime.

Il servizio premium di Amazon ha appena raggiunto quota 200 milioni di abbonati intorno al mondo. Questo è stato comunicato da una lettera agli azionisti da parte di Bezos, nella quale è stato evidenziato il balzo di ben 50 milioni di abbonati rispetto all’inizio del 2020, ovvero dall’inizio della pandemia.

LEGGI ANCHE: OPPO A94, la recensione

In termini di ricavi, Amazon ha fatto sapere di aver incassato la rilevante cifra di 21,3 miliardi di dollari di solo utile netto.

L'articolo Amazon Prime raggiunge un nuovo record di abbonati sembra essere il primo su AndroidWorld.

Tante novità per Genshin Impact 1.5: arrivano due personaggi e il supporto a PS5 (video)

Fri, 04/16/2021 - 22:07

Genshin Impact è sicuramente uno dei titoli più apprezzati degli ultimi tempi, grazie anche ai costanti aggiornamenti che questo riceve, che aggiungono spesso nuovi personaggi, armi o mappe, oltre agli immancabili bug fix e miglioramenti vari.

LEGGI ANCHE: Iliad si allarga sempre di più e apre un nuovo Store a Milano

Da poco è disponibile la versione 1.5 del gioco su tutte le piattaforme, che porta nuovi contenuti e il tanto atteso supporto a PS5, che sarà rilasciato a partire dal 28 aprile. Sono stati aggiunti due nuovi personaggi: Eula, capitano della Knights of Favonius Reconnaissance Company che utilizza il potere Cryo per infliggere danni e aumentare la sua resistenza, e Yanfei, metà “bestia” e metà umana che utilizza abilità Pyro.

L’aggiornamento porta anche una nuova storia legata alle missioni di Zhongli, nuovi set di Artefatti, modalità Hangout con i personaggi Barbara, Noelle, Chongyun e Bennett e i nuovi boss Azhdaha, Cryo Hypostasis e Abyss Lector. Durante la diretta streaming per l’annuncio dell’update, sono stati condivisi i seguenti codici da riscattare:

  • FS6SU367M279 (100 Primos, 10 Mystic Enhancement Ores)
  • 4BNSD3675J8D (100 Primos, 5 Hero’s Wits)
  • ATPTUJPP53QH (100 Primos, 50000 Mora)

Genshin Impact 1.5 è già disponibile per tutte le piattaforme, ovvero PC, Android, iOS, Nintendo Switch, PS4 e PS5.

L'articolo Tante novità per Genshin Impact 1.5: arrivano due personaggi e il supporto a PS5 (video) sembra essere il primo su AndroidWorld.

Un altro problema di sicurezza per WhatsApp: nascondere l’ultimo accesso è praticamente inutile

Fri, 04/16/2021 - 21:32

Solo qualche giorno fa vi avevamo parlato di una falla di sicurezza di WhatsApp, che permetterebbe di bloccare completamente l’account di qualsiasi utente semplicemente conoscendo il suo numero di telefono associato. Nella giornata di oggi è spuntato un report che parla di un altro problema di privacy presente sulla piattaforma.

LEGGI ANCHE: Whatsapp sempre più vicino a Messenger

Come descritto dai ricercatori di Traced, è possibile vedere lo stato di un profilo, ovvero se online o offline, semplicemente conoscendo il numero di telefono. Conseguenza di ciò è la possibilità di risalire all’ultimo accesso di un utente, anche se questo ha disabilitato l’opzione apposita dalle impostazioni di WhatsApp. Su App Store e Play Store esistono centinaia di app che si occupano proprio di tracciare lo stato di una persona, notificando anche i cambiamenti e creando grafici per avere un quadro generale della situazione.

Unica soluzione per l’azienda di Mark Zuckerberg sarebbe quella di consentire agli utenti di nascondere completamente il proprio stato, magari potendo scegliere se nasconderlo a tutti o solo ai numeri che non sono presenti in rubrica: al momento è infatti impossibile rendere del tutto privato lo stato, ma è possibile solo nascondere l’ora dell’ultimo accesso.

L'articolo Un altro problema di sicurezza per WhatsApp: nascondere l’ultimo accesso è praticamente inutile sembra essere il primo su AndroidWorld.

Pages