Android World


MANUALINUX


Subscribe to Android World feed
Tutte le news dal mondo Android in italiano, ogni giorno per te.
Updated: 5 hours 16 min ago

OnePlus 7 Pro viene messo totalmente a nudo e mostra la sua fotocamera frontale motorizzata (aggiornato: seconda parte)

Fri, 05/24/2019 - 23:30

Il buon vecchio Zack del canale JerryRigEverything ha una voce ammaliante, ma dei gusti decisamente discutibili: pur gradendo la colorazione blu Nebula del retro del nuovo OnePlus 7 Pro ha deciso di provare a farne una versione trasparente che ne mostri il contenuto tecnologico. Con l’occasione possiamo quindi scoprire com’è fatta la fotocamera anteriore motorizzata che appare per la prima volta in un dispositivo OnePlus.

Durante il suo solito teardown vediamo confermate le parole di Pete Lau sulla tenuta dell’impermeabilità del telefono. Anche se non ha una certificazione IP infatti separare il retro in vetro dal corpo costa una certa fatica a Zack. Scopriamo poi che la cornice che racchiude le lenti fotografiche è separata dal resto del dispositivo e che la batteria ancora una volta non è rossa (i primi modelli OnePlus erano caratterizzati da una batteria rossa molto stilosa, ndr).

LEGGI ANCHE: La nostra anteprima di OnePlus 7, non chiamatelo OnePlus 6T!

Arrivando finalmente alla fotocamera frontale possiamo vedere come lavora il meccanismo motorizzato srotolando il connettore. OnePlus dichiara che è in grado di resistere a circa 300.000 aperture/chiusure, ma se si prova a giocarci con insistenza appare un avviso di protezione sul display, forse a causa del surriscaldamento elettrico delle componenti. In maniera analoga il meccanismo è dotato di un sistema di protezione che riporta il sensore dentro il corpo se questo subisce una certa pressione.

Il video finisce con la rimozione del modulo NFC e il rimontaggio del retro in vetro satinato epurato della pellicola colorata. Se volete ammirare i vari passaggi lo trovate integralmente qui sotto.

Aggiornamento24/05/2019 ore 23:30

Chi di voi avrà visto il primo video saprà che Zack si interrompe a metà, promettendo di portare avanti il teardown successivamente. A distanza di una settimana eccoci qua: riprendendo da dove aveva lasciato vediamo Zack smontare la scheda madre, speaker, batteria e fotocamera posteriore (così composta: grandangolare da 16 MP senza OIS e capacità di ripresa video, secondo sensore da 48 MP con OIS, infine teleobiettivo 3x da 8 MP).

Scopriamo poi che tutti i componenti a contatto con l’esterno, fotocamera pop-up compresa – di cui possiamo ammirare il meccanismo scorrevole – sono dotati di soluzioni in grado di garantire l’impermeabilità. Possiamo ammirare la fotocamera al di sotto del display per il riconoscimento ottico delle impronte digitali e il display AMOLED, che curiosamente non è incollato al vetro e risulta estremamente flessibile.

Nota a margine per il motore tattile per la vibrazione è identico a quello usato da Apple sugli iPhone e per il sistema di raffreddamento che sembra essere più semplice rispetto a quanto dichiarato da OnePlus.

L'articolo OnePlus 7 Pro viene messo totalmente a nudo e mostra la sua fotocamera frontale motorizzata (aggiornato: seconda parte) sembra essere il primo su AndroidWorld.

Le SIM dati a consumo di Vodafone dal 14 luglio avranno un costo mensile di 5€ (foto)

Fri, 05/24/2019 - 21:32

Se siete un cliente Vodafone privato e possedete una SIM dati a consumo della stessa azienda, presto riceverete (o avete già ricevuto) una comunicazione dall’operatore rosso riguardante una modifica unilaterale del vostro contratto.

A partire dal prossimo 14 luglio 2019, la vostra SIM non sarà “gratuita” (nel senso che pagherete solo al consumo effettivo della connessione internet) ma avrà un costo fisso mensile di 5€. Per farsi “perdonare”, Vodafone vi regala 5 GB al mese che dovete attivare manualmente a questo link entro il 15 ottobre.

Per consentirci di continuare a investire sulla rete e offrire sempre la massima qualità dei nostri servizi, a partire dalla prima fattura emessa dopo il 14 Luglio 2019, cambiano le condizioni economiche del piano Internet Abbonamento che avrà un costo di 5 euro al mese.

Andando nel dettaglio, il piano che verrà fatto pagare è Internet Abbonamento: se doveste riscontrare che sulla vostra SIM è attivo questo piano allora andrete incontro alla rimodulazione.

LEGGI ANCHE: Rimodulazioni degli operatori: cosa aspettarsi nei prossimi mesi per reti fisse e mobili

Conti alla mano, dipende dal vostro utilizzo se continuare a pagare i 5€/mese o recedere dal contratto: purtroppo si tratta di una opzione non facoltativa.

2 vai alla fotogallery

L'articolo Le SIM dati a consumo di Vodafone dal 14 luglio avranno un costo mensile di 5€ (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.

L’ultima versione di Messaggi eredita una caratteristica rimasta orfana di Google Allo (foto e APK download)

Fri, 05/24/2019 - 19:58

Con la chiusura ufficiale di Google Allo, gli utenti hanno perso la possibilità di richiamare l’assistente di BigG nelle loro chat. A sopperire parzialmente per la mancanza arriva oggi una funzionalità simile su Messaggi. La cosa in effetti era stata annunciata da Mountain View già all’epoca, ma si sta concretizzando solo ora. Alcuni utenti stanno segnalando l’apparizione di suggerimenti in base al testo digitato durante lo scambio di SMS.

La nuova funzionalità non prevede la presenza di Google Assistant direttamente all’interno della chat come terzo membro della discussione, ma invece lavora in background fornendo suggerimenti quando possibile. Per esempio se si parla di un determinato film, comparirà il simbolo dell’assistente, se tappato farà apparire una scheda con tutte le informazioni del caso. Queste possono poi essere condivise nella chat oppure scartate.

LEGGI ANCHE: Iscrivetevi al nostro nuovo canale Telegram per le offerte tech

A ben vedere quindi ora quello che appare è più che altro una scorciatoia che suggerisce all’utente la possibilità di effettuare una ricerca. Se non volete “intrusioni” indesiderate nelle vostre conversazioni potete comunque disabilitare la funzione nelle impostazioni. La novità è legata a uno switch lato server anche se necessita dell’ultima versione dell’app Messaggi che potete scaricare qui sotto via Play Store o direttamente da APKMirror.

Qui sotto potete ammirare un video che illustra sinteticamente la nuova funzionalità. Tenete presente che potrebbe ancora non essere disponibile per l’italiano, anche se una delle due pagine di assistenza di Google al riguardo sono già tradotte nella nostra lingua. Fateci sapere nei commenti se l’avete ricevuta.

Scarica Messaggi 4.4.070 gratis – APKMirror

New in Messages v4.4, get suggestions from the Google Assistant, using on-device AI. Suggestions are currently available for movies, restaurants and weather. More info: https://t.co/A25f4kfRZg pic.twitter.com/oUrcmliPDk

— Justin Uberti (@juberti) May 22, 2019

7 vai alla fotogallery

L'articolo L’ultima versione di Messaggi eredita una caratteristica rimasta orfana di Google Allo (foto e APK download) sembra essere il primo su AndroidWorld.

Vodafone & ESL: insieme per il primo torneo e-sports su mobile con il 5G

Fri, 05/24/2019 - 19:37

ESL, acronimo che sta per Electronic Sports League, è la più grande (e longeva) società di e-sports al mondo, e con Vodafone sta per lanciare una competizione mai vista prima d’ora, che terminerà con una finale live sulla rete 5G dell’operatore rosso.

Inizierà il 31 maggio e proseguirà fino al 29 settembre e sarà aperto a tutti i cittadini dei 17 paesi su cui Vodafone è presente (Italia compresa). I giochi della competizione sono due – Asphalt 9: Legends e PUGB MOBILE.

LEGGI ANCHE: Le dichiarazioni di Trump sullo Huawei-gate

La prima fase di qualificazione si terrà solo ed esclusivamente online, e sarà disputabile su qualsiasi dispositivo, Android e iOS, e su qualsiasi connessione. La finale, per entrambi i giochi, sarà disputata live su rete 5G a Milano (28-29 settembre) durante la Milan Games Week, la più importante manifestazione italiana sul tema.

Per maggiori informazioni e per rimanere aggiornati sulla copertura dell’evento potete consultare il sito ufficiale, dove saranno man mano aggiunte statistiche, classifiche e highlights. Fateci sapere se qualcuno di voi ha intenzione di partecipare, la finale in casa potrebbe essere un ulteriore motivo di soddisfazione.

Modalità di competizione

Asphalt 9: Legends

La modalità Asphalt 9: Legends prevede una serie di otto coppe separate, della durata di una settimana ciascuna, che si svolgeranno interamente online dal 10 giugno al 1 settembre 2019, durante le quali i partecipanti potranno sfidarsi tra loro e provare ad aggiudicarsi i premi messi in palio, consistenti in buoni da spendere su Amazon. Si aggiudicheranno il premio finale i partecipanti che avranno realizzato il tempo più veloce nel corso delle otto coppe di qualificazione aperte ai giocatori che utilizzano dispositivi iOS o Android.

Asphalt 9: Legends – Calendario delle coppe online

10 – 16 giugno 2019                       Coppa 1 – iOS
24 – 30 giugno 2019                       Coppa 2 – Android
8 – 14 luglio 2019                            Coppa 3 – iOS
22 – 28 luglio 2019                         Coppa 4 – Android
29 luglio – 4 agosto 2019              Coppa 5 – iOS
5 – 11 agosto 2019                         Coppa 6 – Android
12 – 18 agosto 2019                       Coppa 7 – iOS
26 agosto – 1 settembre 2019     Coppa 8 – Android

Modalità Last Chance Qualifier Asphalt

Il giorno 27 settembre 2019, tutti gli utenti già presenti all’evento fieristico Milan Games Week potranno prendere parte al “Last Chance Qualifier”, organizzato presso lo stand ESL, per provare a realizzare il miglior tempo e ricevere un “biglietto omaggio” per vivere le emozioni della finale in calendario il 28 settembre 2019.

Modalità Players Unknown Battlegrouds

La modalità Players Unknown Battlegrounds prevede una serie di 3 coppe mensili, che si svolgeranno interamente online, su ESL Play dal 1 giugno al 24 agosto 2019, durante le quali i partecipanti, divisi in team di 4 giocatori ciascuno, potranno sfidarsi tra loro e provare ad aggiudicarsi i premi messi in palio, consistenti in buoni da spendere su Amazon. Si aggiudicheranno il premio finale i componenti del team che avrà realizzato il miglior punteggio complessivo nell’ambito delle coppe mensili.

PUBG MOBILE – Calendario delle coppe online

1 giugno 2019                                  Coppa 1: Qualificazione 1 – cross-platform play
8 giugno 2019                                  Coppa 1: Qualificazione 2 – cross-platform play
15 giugno 2019                                Coppa 1: Qualificazione 3 – cross-platform play
22 giugno 2019                                Coppa 1: Qualificazione 4 – cross-platform play
29 giugno 2019                                Coppa 1: Qualificazione 5 – cross-platform play

6 luglio 2019                                     Coppa 2: Qualificazione 1 – cross-platform play
13 luglio 2019                                  Coppa 2: Qualificazione 2 – cross-platform play
20 luglio 2019                                  Coppa 2: Qualificazione 3 – cross-platform play
27 luglio 2019                                  Coppa 2: Qualificazione 4 – cross-platform play

3 agosto 2019                                  Coppa 3: Qualificazione 1 – cross-platform play
10 agosto 2019                                Coppa 3: Qualificazione 2 – cross-platform play
17 agosto 2019                                Coppa 3: Qualificazione 3 – cross-platform play
24 agosto 2019                                Coppa 3: Qualificazione 4 – cross-platform play

L'articolo Vodafone & ESL: insieme per il primo torneo e-sports su mobile con il 5G sembra essere il primo su AndroidWorld.

Samsung rilascia gli sfondi ufficiali Disney e Pixar per nascondere il foto su Galaxy S10 e S10e (foto)

Fri, 05/24/2019 - 18:47

Da quando sono stati presentati lo scorso febbraio, i nuovi Galaxy S10 hanno fatto parlare di sé per diversi aspetti, ma uno che ha colpito più di tutti l’immaginario collettivo è stato probabilmente il foro nel display. La soluzione adottata per massimizzare la superficie dello schermo ed evitare notch o più complicati escamotage per la fotocamera frontale è già stata oggetto di idee fantasiose. Sin da marzo infatti hanno iniziato a circolare sfondi ufficiali e non per camuffare il buco in alto a destra tipico dei display Infinity-O.

LEGGI ANCHE: La nostra recensione di Samsung Galaxy S10 e S10e

Oggi accanto agli altri set già presentati, Samsung aggiunge nuovi wallpaper a tema Disney e Pixar: in particolare possiamo trovare personaggi de Gli Incredibili, Frozen e Zootropolis. Sono tutti disponibili al download gratis per Galaxy S10 e S10e sul Galaxy Store. Stando a quanto dichiarato dall’azienda coreana, questa speciale collaborazione dovrebbe essere solo l’inizio di altri avvenimenti simili nel futuro prossimo.

2 vai alla fotogallery

L'articolo Samsung rilascia gli sfondi ufficiali Disney e Pixar per nascondere il foto su Galaxy S10 e S10e (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.

OnePlus 7 Pro: alcuni utenti hanno problemi di ghost touch (video)

Fri, 05/24/2019 - 18:33

Uno dei punti di forza del nuovo OnePlus 7 Pro è sicuramente il display con frequenza a 90Hz che consente una fluidità difficilmente paragonabile agli schermi classici. Ma a quanto pare questa tecnologia potrebbe aver causato alcuni effetti collaterali indesiderati.

Si rincorrono sul web (in particolare sul forum di OnePlus e su Reddit) segnalazioni di utenti che stanno riscontrando sullo smartphone problemi di ghost touch, che consistono in una serie di tocchi fantasma non causati dall’utente che smuovono l’interfaccia come se ci fosse qualcuno a controllarla.

LEGGI ANCHE: Zen Mode e Screen Recorder disponibile anche sugli altri smartphone OnePlus

Apparentemente, il modo migliore per testare se il proprio dispositivo è affetto è scaricare l’applicazione CPU-Z e aprirla. Molti hanno infatti notato che questa applicazione più di altre riesce a far emergere la problematica (anche se può verificarsi anche in altri contesti e con altre applicazioni).

Per capire bene come si manifesta il tutto, aggiungiamo qua sotto un video esplicativo, in cui il “fantasma” abbassa per due volte la tendina delle notifiche. Sebbene le segnalazioni siano ancora limitate nel numero, il problema non va sottovalutato perché non è chiaro, al momento, se sia risolvibile tramite aggiornamento software (come molti sperano). La palla passa ora a OnePlus, che nonostante le soddisfazioni di un lancio da urlo, ha subito qualche grana da gestire.

L'articolo OnePlus 7 Pro: alcuni utenti hanno problemi di ghost touch (video) sembra essere il primo su AndroidWorld.

Samsung Galaxy Fold potrebbe non essere tanto vicino e Best Buy decide di cancellare tutte le prenotazioni

Fri, 05/24/2019 - 18:20

Quando è stato presentato lo scorso febbraio chi pensava che la saga della gestazione del primo smartphone pieghevole Samsung fosse finita si sbagliava. A quanto pare potremmo essere ben lontani dal vedere terminati e risolti i vari problemi che lo affliggono e che finora hanno rimandato a data da destinarsi il lancio ufficiale. Al momento l’azienda dovrebbe essere al lavoro per sistemare i mali di Galaxy Fold, ma, considerato il silenzio che è calato sul tema nelle ultime settimane, c’è da pensare che il progetto potrebbe venire anche abortito.

Chi ha avuto la ventura di prenotarne un Galaxy Fold probabilmente già sa che il prossimo 31 maggio Samsung cancellerà tutti gli ordini ricevuti, a meno che l’utente non abbia manifestato l’espressa volontà di attendere. Situazione diversa invece per chi ha effettuato il pre-ordine tramite un rivenditore terzo. È notizia di oggi che la catena statunitense Best Buy ha deciso di optare per la cancellazione di tutti gli ordini ricevuti e, per ringraziare i clienti della pazienza, sta offrendo un coupon di 100$ da usare su qualsiasi altro acquisto, anche sullo stesso Galaxy Fold, se e quando tornerà ad essere ordinabile.

LEGGI ANCHE: Le migliori novità di Netflix a giugno

I clienti fiduciosi, possono seguire gli aggiornamenti dalla pagina appositamente creata da Best Buy per monitorare la questione. In ogni caso, mentre il gigante coreano bucherà molto probabilmente anche la data di commercializzazione fissata al 13 giugno, non vi consigliamo di trattenere il fiato. D’altra parte anche Huawei sta avendo problemi con Mate X e pensare di spendere cifre da capogiro per ritrovarsi con un dispositivo rotto nel giro di qualche giorno non è sicuramente una prospettiva allettante.

L'articolo Samsung Galaxy Fold potrebbe non essere tanto vicino e Best Buy decide di cancellare tutte le prenotazioni sembra essere il primo su AndroidWorld.

Videochiamate di gruppo con Google Duo: inizia il rollout in alcuni paesi (foto) (aggiornato: anche in Italia)

Fri, 05/24/2019 - 17:10

I primi test erano apparsi lo scorso dicembre. Dopo circa 4 mesi è arrivato il momento per le videochiamate di gruppo di fare il debutto nell’applicazione ufficiale di Google Duo, ma solo in alcuni “paesi selezionati”.

L’Indonesia è uno di questi paesi ed è da lì che arriva questa notizia, confermata dall’account Twitter di Google Indonesia. Nella nuova interfaccia compare un nuovo pulsante “Crea gruppo”, posizionato al di sotto della barra di ricerca. Cliccandoci, l’utente potrà selezionare fino a 3 contatti ed eventualmente far partire la videochiamata.

LEGGI ANCHE: Il prezzo di OnePlus 7 non vi piacerà

Sembrerebbe che, almeno temporaneamente, il limite di partecipanti sia quindi 4, e non 7 come inizialmente previsto da Android Police. In questa prima fase, la funzionalità sarà disponibile solo su dispositivi Android. Vi aggiorneremo nel caso dovesse raggiungere il suolo italico. Finalmente Duo si appresta ad andare oltre le conversazioni singole.

Aggiornamento24/05/19

Dopo un mese preciso dal nostro articolo, Google annuncia il rilascio globale delle videochiamate di gruppo su Duo, con un limite di ben 7 persone (diversamente da quanto prospettato nell’articolo qui sopra). Disponibili su Android e su iOS, le videochiamate di gruppo saranno protette da crittografia end-to-end.

All’interno dell’applicazione sarà anche possibile creare dei video messaggi quando non abbiamo tempo per una chiamata, aggiungendo testi, emoji o disegni personalizzati. Questa ulteriore funzione è già pronta per Android, ed arriverà su iOS molto presto. Ottima notizia!

3 vai alla fotogallery

L'articolo Videochiamate di gruppo con Google Duo: inizia il rollout in alcuni paesi (foto) (aggiornato: anche in Italia) sembra essere il primo su AndroidWorld.

Tribit colpisce ancora: MaxSound Plus è un best buy per la fascia media

Fri, 05/24/2019 - 16:39

Fino a qualche mese fa non avrei mai detto che avrei parlato con entusiasmo di un’azienda dal nome sconosciuto e con un sito internet che sembra uscito fuori dagli anni ’90 (amici di Tribit, rifate il sito, per favore!): eppure, ancora una volta dopo le cuffie XTune Free e lo speaker XSound Go, Tribit confeziona una prodotto audio che possiamo tranquillamente definire un best buy per la sua fascia di prezzo: Tribit MaxSound Plus.

LEGGI ANCHE: Miglior speaker Bluetooth Costruzione

Non si può dire che il design brilli per originalità: riprende molto le forme e l’aspetto di Tribit XSound Go, di cui questo MaxSound Plus si può considerare il “fratello maggiore”, essendo più grande, più potente e più costoso.

Tribit MaxSound Plus, quindi, ha un aspetto piuttosto canonico, ma è ben costruito, compatto e trasmette un’ottima sensazione di solidità. La griglia è in metallo e il resto della scocca è in plastica: stando alle improbabili traduzioni di Tribit, dovrebbe garantire una certa resistenza alle cadute. Inoltre, lo speaker è completamente impermeabile: come testimoniato dalla certificazione IPX7, può essere completamente immerso in acqua per 1 metro di profondità per un massimo di 30 minuti.

Nella confezione è presente un laccetto, che può essere applicato nell’apposito foro posteriore per appendere lo speaker. Sul retro troviamo anche lo sportellino per accedere ai connettori del dispositivo: jack audio e connttore microUSB per la ricarica. Considerando la qualità complessiva del prodotto, dispiace trovare un connettore microUSB, che, d’altra parte, è presente su tutti i dispositivi Tribit che ho provato finora: l’azienda dovrebbe adottare al più presto l’USB-C.

Infine, nella parte superiore troviamo sei pulsanti: accensione, Bluetooth, Play/pausa, Volume -, Volume + e XBass. I tasti sono un po’ duri da premere e non sono retroilluminati, ma niente di cui preoccuparsi troppo.

Funzioni e qualità audio

Probabilmente lo avrete già capito, ma questo speaker conferma l’ attenzione di Tribit per la qualità audio, specialmente in rapporto al prezzo a cui viene venduto. Tribit MaxSound Plus ha due driver da 12 W, per un totale di 24 W di potenza complessiva. Questi sono affiancati da due diffusori passivi, uno sulla parte frontale e l’altro sul retro, che migliorano la resa dei bassi. Di seguito qualche dettaglio in più sulle specifiche tecniche:

  • Risposta in frequenza: 80Hz – 20 KHz
  • Output: 24 W (12 W x 2)
  • Rapporto segnale/rumore: ≥80dB
  • Bluetooth: 4.2
  • Batteria: 2.200 mAh

I 24 W di potenza si fanno sentire: il volume massimo è veramente molto elevato e, in queste settimane di utilizzo, raramente ho alzato il volume sopra la metà.

La qualità del suono è complessivamente molto buona, specialmente in rapporto al prezzo: Tribit avrebbe potuto fare qualcosa di più sulle frequenze medie, ma per un costo di poco più di 50€ è veramente difficile chiedere di più. In linea di massima, infatti, il suono di questo MaxSound Plus può essere tranquillamente comparato a speaker che costano sensibilmente di più; inoltre, grazie alla modalità opzionale XBass, questa cassa è in grado di accontentare sia chi cerca un profilo più flat che chi preferisce bassi più intensi.

L’equalizzazione attiva di default è abbastanza equilibrata: i bassi sono chiari e presenti ma non particolarmente vibranti, le frequenze medie e medio-alte sono abbastanza definite e gli alti sufficientemente squillanti. D’altra parte, cliccando il tasto XBass, i bassi diventano molto più preponderanti: si perte qualcosa nelle altre frequenze e il suono si fa più “cupo”, ma anche i toni sono anche più caldi e coinvolgenti. Insomma, se attivare o meno la modalità XBass dipende unicamente dai vostri gusti personali.

L’autonomia è buona e, secondo le stime dell’azienda, lo speaker riesce a resistere ben 20 ore con una singola ricarcia: nei nostri test, a volume medio, mi sembra si sia fermato un po’ prima (sulle 18 ore circa) ma, al netto dei possibili errori di calcolo, siamo comunque molto vicini alle stimedichiarate. Lo speaker ci mette un po’ a ricaricarsi completamente: collegato ad un caricabatterie per iPad, ci ha messo circa 4 ore.

Il Bluetooth è piuttosto vecchiotto: versione 4.2, senza supporto ai codec aptX. Purtroppo, quindi, è sconsigliato utilizzare il MaxSound Plus collegato via Bluetooth per guardare film o serie TV, poiché possono verificarsi ritardi tra il segnale video e quello audio. In caso, vi suggeriamo di collegare lo speaker con il cavetto.

Purtroppo, nonostante venga riportato nella descrizione su Amazon, manca il microfono, quindi non potete utilizzare questo speaker per chiamate in vivavoce. Personalmente l’assenza del microfono è qualcosa di cui non sento troppo la mancanza, ma se voi siete soliti fare molte chiamate in vivavoce, dovrete rivolgervi ad altro.

Prezzo

Tribit MaxSound Plus ha un costo di listino di 55,99€: lo potete acquistare su Amazon, dove di tanto in tanto si trova anche in offerta lampo a circa 48€. Sicuramente un po’ di sconto non fa mai male, ma anche a prezzo pieno il Tribit MaxSound Plus è un acquisto che vale la pena.

4 vai alla fotogallery

L'articolo Tribit colpisce ancora: MaxSound Plus è un best buy per la fascia media sembra essere il primo su AndroidWorld.

Le migliori novità Netflix di giugno: Black Mirror, Designated Survivor, Neon Genesis Evangelion, La Pimpa

Fri, 05/24/2019 - 16:04

Novità Netflix Giugno 2019 – Come di consueto eccoci qui con l’appuntamento dedicato alle novità in arrivo su Netflix in Italia per il mese successivo a quello corrente. Non vi offenderete se stavolta abbiamo inserito anche dei titoli che verranno inseriti in catalogo il 31 maggio, ovvero proprio a ridosso del mese di giugno. E non offendetevi se abbiamo segnalato La Pimpa nel titolo: ci faceva semplicemente sorridere il suo arrivo in catalogo! Tornando a noi, il mese di giugno è particolarmente ricco per quanto riguarda le serie originali Netflix. Tornano Designated Survivor, una serie “recuperata” da Netflix, la serie sci-fi brasiliana 3%, la serie sci-fi tedesca Dark e, rullo di tamburi, anche la quinta stagione di Black Mirror, composta però da “soli” 3 episodi. Attenzione però: l’elenco che trovate qui di seguito non è completo, ed è basato in buona parte da quanto suggerito dalla stessa Netflix tramite la sua app, da quanto annunciato dalla società stessa nel corso delle ultime settimane e da un elenco parziale riportato da questa fonte. Aggiorneremo via via l’articolo con ulteriori novità.

Serie TV Originali Netflix
  • BAD BLOOD (Stagione 2) – 31/05/2019
  • COME VENDERE DROGA ONLINE (in fretta) (Stagione 1) – 31/05/2019
  • GOOD GIRLS (Stagione 2) – 31/05/2019
  • KILLER TV (Stagione 1) – 31/05/2019
  • ONE SPRING NIGHT (Stagione 1) – 01/06/2019
  • MALIBU RESCUE: LA SERIE (Stagione 1) – 03/06/2019
  • BLACK MIRROR (Stagione 5) – 05/06/2019
  • HAPPY! (Stagione 2) – 05/06/2019
  • 3% (Stagione 3) – 07/06/2019
  • TALES OF CITY (Mini-serie) – 07/06/2019
  • DESIGNATED SURVIVOR (Stagione 3) – 07/06/2019
  • LEILA (Stagione 1) – 14/06/2019
  • DARK (Stagione 2) – 21/06/2019
Film Originali Netflix
  • FINCHÉ FORSE NON VI SEPARI – 31/05/2019
  • OH, RAMONA! – 01/06/2019
  • VA TUTTO BENE – 06/06/2019
  • I AM MOTHER – 07/06/2019
  • ROCK MY HEART – 07/06/2019
  • MURDER MYSTERY – 14/06/2019
  • BEATS – 19/06/2019
Film
  • CHOPSTICK – 31/05/2019
  • UNA PROPOSTA PER DIRE SÌ – 31/05/2019
  • #SELFIE – 01/06/2019
  • ACRIMONY – 01/06/2019
  • AFTER SEX – 01/06/2019
  • AUSTIN POWERS IN GOLDMEMBER – 01/06/2019
  • BELIEVE – 01/06/2019
  • GOOOL! – 01/06/2019
  • IL CASTELLO – 01/06/2019
  • LOVE IS A STORY – 01/06/2019
  • RESIDENT EVIL – 01/06/2019
  • SUXBAD – TRE METRI SOPRA IL PELO – 01/06/2019
  • RUN ALL NIGHT – 04/06/2019
Documentari Originali
  • LIFE IN THE DOGHOUSE – 01/06/2019
  • THE BLACK GODFATHER – 07/06/2019
  • ROLLING THUNDER REVUE: A BOB DYLAN STORY BY MARTIN SCORSESE – 12/06/2019
Anime e animazione
  • NEON GENESIS EVANGELION – 21/06/2019
  • NEON GENESIS EVANGELION: DEATH & REBIRTH – 21/06/2019
  • 21 giugno – NEON GENESIS EVANGELION: THE END OF EVANGELION – 21/06/2019
  • SEEDS, Stagione 1 – 28/06/2019
Contenuti per bambini
  • CALIMERO (Stagione 1) – 01/06/2019
  • CUCCIOLI (Stagione 1) – 01/06/2019
  • HEIDI (Stagione 1) – 01/06/2019
  • PIMPA (Stagione 1) – 01/06/2019
  • PACHAMAMA – 07/06/2019

L'articolo Le migliori novità Netflix di giugno: Black Mirror, Designated Survivor, Neon Genesis Evangelion, La Pimpa sembra essere il primo su AndroidWorld.

OnePlus 7 Pro: disponibile sul sito ufficiale la factory image (download)

Fri, 05/24/2019 - 15:53

OnePlus 7 Pro è lo smartphone del momento, il più caro della breve storia del marchio cinese, ma anche il più ambizioso. Rispetto ai top di gamma rivali comunque, il prezzo rimane decisamente competitivo e sono tanti gli utenti che hanno deciso di dargli fiducia, stuzzicati dal display AMOLED a 90 Hz e dalla proverbiale ottimizzazione software degli smartphone OnePlus. E ora, il firmware ufficiale del dispositivo è anche disponibile al download sotto forma di factory image.

Visitando questa pagina infatti, potrete scaricare la factory image del software a bordo di OnePlus 7 Pro. In particolare, si tratta della versione 9.5.3GM21AA della OxygenOS, ossia l’essenziale e molto apprezzata personalizzazione di Android elaborata dal produttore cinese. Il peso del download è di circa 2 GB.

LEGGI ANCHE: Recensione OnePlus 7 Pro

Nella stessa pagina, trovate anche le caratteristiche salienti del firmware e sempre lì troverete le factory image delle future release software, da scaricare e installare manualmente nel caso non voleste attendere la ricezione degli OTA, che OnePlus è solita distribuire.

L'articolo OnePlus 7 Pro: disponibile sul sito ufficiale la factory image (download) sembra essere il primo su AndroidWorld.

L’app Family Link si aggiorna e si prepara al grande approdo di Google Stadia

Fri, 05/24/2019 - 15:33

Google ha rilasciato un nuovo aggiornamento per Family Link, la sua app dedicata alla gestione degli account Google dei minori, che contiene importanti suggerimenti sulle funzionalità collegate a Google Stadia in arrivo.

L’update fa riferimento alla versione 1.38 dell’app: i riferimenti più importanti alla piattaforma di gaming di Google si riferiscono alle notifiche che dovrebbero presentarsi quando un minore accede ad un gioco, ai permessi richiesti per accedere a determinati giochi da parte dei minori e ad altre opzioni generiche relative alla gestione degli account Stadia dei minori.

LEGGI ANCHE: ASUS ZenFone 6, la recensione

Ribadiamo che le funzionalità descritte ancora non sono state implementate pubblicamente in Family Link, anche perché non potrebbero essere utilizzate. Qui in basso trovate il badge di download relativo all’app.

L'articolo L’app Family Link si aggiorna e si prepara al grande approdo di Google Stadia sembra essere il primo su AndroidWorld.

Samsung taglia lo spazio di archiviazione gratis del suo servizio di cloud storage, ma senza retroattività

Fri, 05/24/2019 - 15:31

Samsung ha deciso di riorganizzare il suo servizio di cloud storage, pianificando novità non proprio lusinghiere, che scatteranno a partire dal 1° giugno 2019. Lo spazio di archiviazione di Samsung Cloud, a disposizione gratuitamente degli utenti, subirà infatti un taglio da 15 GB a soltanto 5 GB, ma se ne siete già utilizzatori, potrete continuare a dormire sonni tranquilli.

La novità infatti, toccherà soltanto i nuovi utenti, che creeranno un account Samsung dopo il 31 maggio 2019, mentre tutti coloro che l’hanno creato in precedenza, non subiranno conseguenze per quanto riguarda lo spazio d’archiviazione gratis a loro disposizione. A chi possedesse uno smartphone o tablet Samsung e ancora non avesse creato un account, converrebbe dunque farlo di qui a fine mese, per poter godere di un maggior spazio a disposizione sul cloud.

LEGGI ANCHE: Samsung Galaxy S10e, la recensione

Samsung Cloud è un servizio utile anche per effettuare un backup dei dati conservati all’interno del vostro dispositivo Samsung, come rubrica, calendario, foto, video e dati di alcune app, in modo da poterli ripristinare nel caso decideste di acquistare un nuovo smartphone o tablet del produttore coreano o riportare il vostro attuale dispositivo alle condizioni di fabbrica. 5 GB dovrebbero essere comunque sufficienti per la maggior parte degli utenti, ma poter averne a disposizione gratuitamente il triplo, sarebbe sicuramente meglio.

1 vai alla fotogallery

L'articolo Samsung taglia lo spazio di archiviazione gratis del suo servizio di cloud storage, ma senza retroattività sembra essere il primo su AndroidWorld.

Arriva la MIUI 10 Global Beta 9.5.23: ottimizzazioni per la modalità Non Disturbare e sensore d’impronte

Fri, 05/24/2019 - 14:47

Xiaomi ha appena rilasciato un nuovo aggiornamento software per il canale Global Beta della sua MIUI 10, la celebre personalizzazione di Android dell’azienda cinese.

L’update fa riferimento alla versione 9.5.23 del firmware ed è collegato ad un changelog abbastanza esiguo:

  • Rimozione di alcune notifiche audio non necessarie durante l’attivazione della modalità Non Disturbare.
  • Risoluzione dei problemi di inattività del sensore d’impronte a schermo spento.
LEGGI ANCHE: Xiaomi Mi9 SE, la recensione

Per ulteriori indicazioni sull’aggiornamento e sulle istruzioni per installarlo vi rimandiamo al thread dedicato sul forum ufficiale Xiaomi.

L'articolo Arriva la MIUI 10 Global Beta 9.5.23: ottimizzazioni per la modalità Non Disturbare e sensore d’impronte sembra essere il primo su AndroidWorld.

ASUS si concentrerà sempre più sulla fascia alta del mercato, ma senza perdere di vista il rapporto qualità/prezzo

Fri, 05/24/2019 - 14:45

A margine del lancio di ZenFone 6, abbiamo avuto il piacere di scambiare quattro chiacchiere con Jonney Shih, Presidente di ASUS, parlando non solo del nuovo top di gamma dell’azienda, ma un po’ più a tutto tondo del prossimo futuro.

ASUS è infatti impegnata da anni nel settore mobile, sebbene il suo core-business risieda altrove. Eppure, a differenza di altre multinazionali (no, le allusioni ad LG e Sony non sono casuali), l’azienda taiwanese è riuscita a ritagliarsi una sua solida e stabile nicchia, merito anche di un rapporto qualità/prezzo che proprio i più grandi player del settore faticano ad eguagliare. Abbiamo quindi chiesto a Mr. Shih quale fosse secondo lui il vero selling-point di ZenFone 6, e con nostra sorpresa non ha risposto il prezzo, focalizzandosi invece di più sulla qualità.

Cosa pensiamo del risultato ve lo abbiamo già detto nella nostra recensione, ma ci ha fatto piacere sentirlo dire dal Presidente dell’azienda stessa, segno di quanto ASUS abbia fiducia nei propri mezzi. Ed in effetti ZenFone 6 risulta davvero essere uno degli smartphone più equilibrati dell’anno, senza “eccessi” in nessun senso.

Proprio questo ci ha portati a parlare di tecnologie più “di frontiera”, come i dispositivi pieghevoli, o il 5G. Vi siete accorti che ASUS non ha praticamente mai detto la sua in merito? E non perché non abbia niente da dire: è ovvio che, come un po’ tutti, ci stia lavorando, ma semplicemente l’azienda taiwanese non ha fretta di rincorrere una tecnologia non ancora pronta per l’adozione di massa. Diamo tempo al tempo insomma, e ci saranno senz’altro dei pieghevoli a marchio ASUS. Quali pieghevoli è un altro discorso. Come il sottoscritto, anche il Jonney Shih non vede l’impiego di questo tipo di schermi come necessariamente limitato agli smartphone, e dato che ASUS produce tutto ciò che va dal telefono al PC, è facile immaginare che nel mezzo ci siano uno o più prodotti atti a diventare pieghevoli. E la stessa cosa vale per il 5G: al momento opportuno, ASUS sarà pronta. Gli annunci da primato, il “world’s first“, li faranno altri, ma sappiamo bene tutti quanti che i prodotti “pionieristici” difficilmente durano a lungo.

Pungolato poi sulla modalità desktop, che Samsung e Huawei già implementano, e che arriverà più in generale con Android Q, il Presidente di ASUS non ne ha negato l’importanza, ed un futuro in cui un unico dispositivo (lo smartphone) soddisferà tutte le nostre esigenze di computing, potrebbe essere più vicino del previsto. Come “potenza” ormai quasi ci siamo, manca il software adatto a farlo. Anche se questo logicamente non significa che uno smartphone basterà a fare qualsiasi cosa, ma ci sarà logicamente bisogno di altre periferiche per “estenderlo”.

ASUS è insomma in questo gioco per restarci, su questo punto Mr. Shih è stato molto chiaro. L’azienda taiwanese non sta aspettando la “prossima rivoluzione”, navigando a vista nel frattempo. ASUS ha in mente di essere presente oggi e domani su tutti i fronti, e per farlo, con particolare riferimento al settore mobile, si concentrerà di più sulla fascia alta del mercato. E finché “fascia alta” significa un prezzo pari a quello di ZenFone 6, non abbiamo in fondo che da rallegrarci. Peccato che, molto probabilmente, la concorrenza non la imiterà.

L'articolo ASUS si concentrerà sempre più sulla fascia alta del mercato, ma senza perdere di vista il rapporto qualità/prezzo sembra essere il primo su AndroidWorld.

MediaWorld “X Days” 24-30 maggio: prezzi scontati e consegna gratuita sul meglio dell’elettronica (foto)

Fri, 05/24/2019 - 14:41

Tornano oggi i nuovi sconti MediaWorld della serie “X Days”, validi solo online fino al prossimo 30 maggio 2019. Tra le offerte proposte sul sito ufficiale della catena di elettronica potrete trovare una vasta gamma di smartphone, notebook, monitor, TV 4K, fotocamere e altro ancora. Tutti i prodotti godono della consegna standard gratuita, dunque non sono previsti ulteriori costi per la spedizione.

Nelle liste in basso abbiamo selezionato i prodotti più interessanti tra quelli a prezzo scontato. Se però volete dare uno sguardo al catalogo completo, potete andare sul sito ufficiale di MediaWorld a questo indirizzo.

CANALE TELEGRAM OFFERTE

SmartphoneTabletNotebook 1 vai alla fotogallery DesktopTVFotocamere 2 vai alla fotogallery Console e gaming

L'articolo MediaWorld “X Days” 24-30 maggio: prezzi scontati e consegna gratuita sul meglio dell’elettronica (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.

Redmi K20: con questi colori, chi avrà il coraggio di comprare una cover? (foto) (aggiornato: nuova foto e possibile prezzo)

Fri, 05/24/2019 - 14:10

Il 28 maggio è il giorno che in molti state aspettando, lo sappiamo. I nuovi Redmi K20 hanno creato attorno a loro un’aspettativa molto alta, anche grazie alle campagne pubblicitarie di Xiaomi, e tanti sperano che possa davvero prendere la fascia di flagship killer 2.0.

Oltre alle specifiche top, Redmi pare non rinunciare al design. Quella che vedete qui sotto è una foto condivisa dall’account Weibo della società e raffigura il modello base – Redmi K20. Onestamente, facciamo fatica a descrivere a parole questo colore, che pur essendo primariamente rosso, presenta delle sfumature tendenti al blu/viola mai viste prima d’ora. Eppure sia OnePlus che Honor ci avevano abituato bene ultimamente.

LEGGI ANCHE: E se ti piace “spettegolare” sulla tecnologia, c’è Smartworld Family

La foto conferma indirettamente la presenza di tre fotocamere anche sul modello base, e viene accompagnata dall’immagine di una back cover che crediamo in pochi vorranno utilizzare (e non solo per il colore dello smartphone). Per le specifiche tecniche, vi rimandiamo al nostro vecchio articolo. Pronti per martedì?

Aggiornamento24/05/19

Abbiamo aggiunto alla galleria una nuova foto che aggiunge dettaglio alla colorazione rossa che sarà presente su Redmi K20, che secondo la fonte arriverà in altre due colorazioni: Carbon Fibre Black e Glacier Blue. Compare in rete anche una foto di un negozio cinese in cui viene venduto il dispositivo a 2599 yuan (336 euro al cambio attuale).

3 vai alla fotogallery

L'articolo Redmi K20: con questi colori, chi avrà il coraggio di comprare una cover? (foto) (aggiornato: nuova foto e possibile prezzo) sembra essere il primo su AndroidWorld.

Huawei ancora sotto le forche caudine di Google: Mate X e P30 Pro rimossi dal sito di Android (foto)

Fri, 05/24/2019 - 13:16

Continuano a manifestarsi sotto le più svariate forme le conseguenze della messa al bando di Huawei da parte del governo degli Stati Uniti, nonostante la proroga di 90 giorni concessa al produttore cinese. A Google in particolare, è spettato l’ingrato compito di sferzare l’antico partner, revocandone la licenza per Play Store e Play Services su Android. Ma non è finita qui.

A riprova del fatto che la situazione sia seria e molto intricata, Google ha deciso di rimuovere dal sito ufficiale di Android i riferimenti agli smartphone Huawei. Sul sito infatti, Big G è solita mettere in risalto quei dispositivi considerati fiore all’occhiello del robottino verde, capaci di distinguersi per portata innovativa e prestazioni. Mate X e P30 Pro rispondono perfettamente a questo identikit, ma da oggi non più.

LEGGI ANCHE: Google rimuove Huawei Mate 20 Pro dalla beta di Android Q

Se infatti fino a ieri Mate X e P30 Pro campeggiavano rispettivamente nella lista degli smartphone 5G e di quelli caratterizzati da qualità fotografiche sopra la media, oggi le loro sagome sono svanite nel nulla, ennesimo strascico del braccio di ferro fra USA e Cina, che vede proprio in Huawei la vittima più illustre. La speranza, soprattutto per i milioni di utenti Huawei sparsi nel mondo, è che un accordo possa essere alla fine trovato, scongiurando ripercussioni catastrofiche.

Immagini sito Android fino a ieri 2 vai alla fotogallery Immagini sito Android oggi 2 vai alla fotogallery

L'articolo Huawei ancora sotto le forche caudine di Google: Mate X e P30 Pro rimossi dal sito di Android (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.

Saltare la fila pagando con Google Pay sarà presto possibile, in alcune città estere (foto)

Fri, 05/24/2019 - 10:06

Google sta lavorando con molte società di trasporti per integrare Google Pay come metodo di pagamento per l’acquisto di un biglietto, ed è pronta a lanciare un primo esperimento pubblico in New York (dal 31 maggio), Londra, Melbourne, Singapore e Mosca (nelle settimane successive).

Nella città di New York, tutto funziona con OMNY, un sistema di pagamento contactless offerto dalla Metropolitan Transportation Authority (MTA), che non ha neanche bisogno che lo smartphone sia sbloccato per effettuare l’acquisto.

LEGGI ANCHE: Instagram TV ora anche in orizzontale

Inoltre, a partire da oggi (sempre nella grande mela), Google Assistant sarà in grado di dare informazioni in tempo reale sullo stato dei treni/bus disponibili, interfacciandosi nativamente con Google Maps e fornendo quindi le indicazioni per non perdere le coincidenze future. Lo stesso Google Maps sarà in grado di dire se la società di trasporti in questione supporta Google Pay come metodo di pagamento. Più sicuro (se vi fidate di quello che dice Google), più veloce, più comodo.

2 vai alla fotogallery

L'articolo Saltare la fila pagando con Google Pay sarà presto possibile, in alcune città estere (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.

Clienti TIM, occhio alla prossima ricarica del credito: anche il taglio da 10€ diventa Ricarica+

Fri, 05/24/2019 - 09:44

Nonostante le polemiche sollevate nelle settimane scorse, a causa della scarsa chiarezza dell’iniziativa – specialmente per chi non ricarica il credito online e non è informato sulle ultime novità – TIM continua a puntare forte su Ricarica+, estendendola anche al taglio di ricarica da 10€, dopo quelli da 5, 12, 17 e 22€.

La novità sarà effettiva dal 26 maggio, da quel giorno infatti se effettuerete una ricarica di 10€ online o presso le ricevitorie Lottomatica e Sisal, TIM non erogherà 10€ sul vostro credito residuo come vi aspettereste, bensì soltanto 9€. In cambio però, potrete chiamare e navigare illimitatamente fino alle 23:59 del giorno successivo all’attivazione, oltre a partecipare all’estrazione di ricchi premi – come Galaxy S9+, Galaxy Tab 10.5 32 GB LTE e bonus ricarica – nell’alveo dell’iniziativa Ricarica+ e Vinci 2019.

LEGGI ANCHE: Migliori Offerte TIM

Al momento non è chiaro se la novità interesserà l’acquisto di ricariche da 10€ anche presso tabaccherie, bar ed edicole, ma – visti i precedenti – è molto probabile che verrà estesa a tutti i punti vendita che erogano ricariche TIM. Se dunque siete clienti dell’operatore e avete in programma di effettuare una ricarica dopo il 26 maggio, tenete a mente questa novità, per evitare spiacevoli sorprese.

L'articolo Clienti TIM, occhio alla prossima ricarica del credito: anche il taglio da 10€ diventa Ricarica+ sembra essere il primo su AndroidWorld.

Pages



Condividi: