Android World

Condividi su:


MANUALINUX


Subscribe to Android World feed
Tutte le news dal mondo Android in italiano, ogni giorno per te.
Updated: 5 hours 41 min ago

I JVC Gummy mini costano così poco che meritano un'occhiata

Tue, 01/19/2038 - 04:14

All'interno della confezione di vendita troviamo la solita dotazione: due gommini aggiuntivi (taglie S ed L) e un cavetto USB/USB-C per la ricarica.

Gli auricolari sono in-ear e si incastrano ben a fondo nel canale uditivo: sono piccoli, leggeri e con una forma affusolata, se siete abituati agli in-ear non avrete troppi problemi. Al contrario, se siete tra gli utenti che non amano avere auricolari incastrati nell'orecchio, vi suggerisco di guardare oltre.

Nel complesso, però, i JVC Gummy mini rimangono ben incastrati e isolano molto dal rumore esterno, con i gommini in silicone che fungono un po' da tappi.

Il case è relativamente grosso, soprattutto considerando che offre solo 9 ore di autonomia in più. Pur non essendo particolarmente lungo, è molto spesso, il che lo rende più scomodo di altri in tasca.

La qualità audio non è elevatissima (parliamo sempre di un auricolari molto economici), ma l'ascolto è divertente: JVC scommette sui bassi e lo fa bene, con un un suono caldo e avvolgente. L'isolamento acustico garantito dalla forma degli auricolari migliora ulteriormente la resa dei bassi.

Il Bluetooth è in versione 5.1 e la connessione è sempre stabile, i codec supportati sono AAC e SBC e non c'è nessun problema di ritardo nell'audio guardando un film.

I controlli sono basati su tasti fisici, nascosti dietro la plastica degli auricolari. I pulsanti danno un bel feedback chiaro, ma sono duri da premere e fastidiosi, perché ti costringono a spingere l'auricolare dentro l'orecchio, soprattutto per doppio clic e triplo clic. Un workaround è tenere fermo l'auricolare tra pollice e medio, cliccando con l'indice, ma ovviamente non è il massimo della comodità. 

I comandi funzionano così:

  • Auricolare SX:
    • Clic: Play/Pausa
    • Doppio clic: Volume -
    • Triplo clic: Volume+
  • Auricolare DX:
    • Clic: Play/Pausa
    • Doppio clic: Traccia successiva
    • Triplo clic: Traccia precedente

L'autonomia è di 6 ore con una singola ricarica: sufficiente, ma non eccelsa, considerando che non troviamo ANC o altre funzioni smart. Il case offre solo 9 ore aggiuntive (per un totale di 15 ore complessive), un po' poco, considerando le alternative sul mercato.

I microfoni sono sufficienti per chiamate in casa, in silenzio, ma subiscono molto il rumore di fondo e diventano praticamente inutilizzabili se ci si trova in contesti rumorosi.

Il prezzo è il punto forte di questi auricolari: 35€, un costo assolutamente accessibile, che ne giustifica (almeno in parte) le carenze.

L'articolo I JVC Gummy mini costano così poco che meritano un'occhiata sembra essere il primo su Mobileworld.

Non dovrete preoccuparvi di perdere Galaxy Ring

Wed, 05/29/2024 - 23:50

L'attenzione verso Galaxy Ring è sempre più in crescita. Il primo smart ring di casa Samsung si avvicina al lancio, e con questo emergono sempre più leak che ne delineano i contorni.

Nelle ultime ore sono emersi dei dettagli che riguardano una delle funzionalità di sicurezza cardine che caratterizzano l'anello smart di casa Samsung. Si tratta della Lost Mode, la modalità Smarrito, che dovrebbe aiutare gli utenti a ritrovare il dispositivo in caso di smarrimento.

La funzionalità è stata scovata da Android Authority nell'ultima versione dell'app Samsung Find, quella sviluppata da Samsung che ha la funzione di permettere agli utenti di localizzare i dispositivi Samsung eventualmente smarriti. Al momento, l'app prevede la compatibilità con una vasta gamma di dispositivi, come smartphone, tablet, smartwatch, cuffie, S Pen.

Dunque, appare naturale che Samsung intende allargare tale funzionalità anche per Galaxy Ring. All'interno del codice dell'app sono stati appunto trovati degli espliciti riferimenti alla compatibilità della funzionalità di localizzazione per lo smart ring di Samsung.

Questa funzionalità ha ancora più senso di esistere su Galaxy Ring rispetto agli altri dispositivi, visto che si tratta di un anello dalle dimensioni ridotte e che potrebbe essere facilmente smarrito accidentalmente, soprattutto quando viene rimosso dal dito per essere ricaricato.

La funzionalità per la localizzazione dell'anello, come vedete anche dagli screenshot in basso, potrà essere attivata tramite l'app Samsung Find e prevede la possibilità di aiutare la localizzazione del dispositivo per mezzo di un LED lampeggiante sull'anello. Inoltre, la modalità Smarrito permetterà anche di bloccare l'accesso al dispositivo, per evitare che i dati personali del proprietario cadano nelle mani di qualcun altro.

Chiaramente la funzionalità che abbiamo appena descritto non è ancora disponibile nell'app Samsung Find, e rimarrà tale almeno fino al lancio di Galaxy Ring. Vi ricordiamo che, al momento, Samsung non ha ancora annunciato una data ufficiale per la presentazione, la quale dovrebbe comunque cadere nella prima metà di luglio.

L'articolo Non dovrete preoccuparvi di perdere Galaxy Ring sembra essere il primo su Smartworld.

Svelata la Special Edition di Nothing Phone (2a)

Wed, 05/29/2024 - 23:42

Nothing ha annunciato una Special Edition del suo smartphone Nothing Phone (2a). In particolare, Phone (2a) Special Edition celebra i colori primari dell'azienda nata da poco. Difatti, per la prima volta, in questo modello vengono utilizzati tutti e tre i colori che caratterizzano Nothing. Possiamo notare il rosso, utilizzato nell'auricolare destro di tutti i prodotti audio Nothing, il giallo, visto nei nuovi Ear (a) ed il blu, presente nel Phone (2a) Blue.

"Siamo felici di presentare Phone (2a) Special Edition. È il primo prodotto che esplora la nostra tavolozza di colori primari: rosso, blu e giallo. La sua estetica complessiva fa riferimento ad alcuni dei nostri eroi del design del passato, creando al contempo una nuova espressione per uno smartphone elevando un dispositivo funzionale in un'opera d'arte di grande impatto", ha dichiarato Adam Bates, Design Director di Nothing.

Fino ad ora, Nothing Phone (2a) sta riscuotendo un buon successo, vendendo 100.000 unità in poche ore. Inoltre, dal lancio, Nothing ha rilasciato 13 aggiornamenti al fine di perfezionare le prestazioni del dispositivo, in particolare della fotocamera. Nel dettaglio, gli update si sono concentrati sull'ottimizzazione della coerenza dei colori nel sensore grandangolare principale, il miglioramento della luminosità dei ritratti nelle scene HDR e il miglioramento delle prestazioni di apertura delle app della fotocamera.

Phone (2a) Special Edition è venduto al prezzo di 379 euro nella variante da 12 GB di RAM e 256 GB di memoria interna. Lo smartphone è disponibile in quantità limitate su nothing.tech a partire da mercoledì 29 maggio 2024. 

Inoltre, se state a Londra potreste essere tra i primi ad avere lo smartphone. Difatti, dal 1° giugno saranno disponibili quantità limitate di Phone (2a) Special Edition presso il negozio Nothing di Soho (4 Peter St., Londra W1F 0AD).

L'articolo Svelata la Special Edition di Nothing Phone (2a) sembra essere il primo su Smartworld.

Finalmente tra qualche ora sapremo qualcosa sul futuro di PS5

Wed, 05/29/2024 - 23:31

Sony ha annunciato un nuovo appuntamento ufficiale che potrebbe rivelarsi particolarmente importante per tutti coloro che sono in attesa di conoscere il futuro di PS5.

La console di nuova generazione di casa Sony è ormai un punto fermo e di riferimento nel mercato videoludico. E con il prossimo appuntamento State of Play potrebbero arrivare delle interessanti novità sul suo futuro.

Il 2024 che stiamo vivendo sembra essere l'anno in cui non ci saranno esclusive PS5, e da qualche tempo non assistiamo a particolari annunci di rilevanza da parte di Sony per questo settore. Unendo questi due aspetti, possiamo aspettarci che durante il prossimo appuntamento con State of Play potrebbero arrivare delle novità interessanti.

Nell'annuncio dell'evento, Sony non ha rilasciato particolari dettagli per prevedere gli esatti contenuti. Nell'annuncio vengono menzionati aggiornamenti su 14 titoli PS5 e PS VR2, e anche sui giochi PlayStation Studios in arrivo quest'anno. Ma null'altro.

L'appuntamento è stato fissato alla mezzanotte del 30 maggio, quando Sony avvierà il nuovo State of Play sui suoi principali canali ufficiali.

Dunque, non ci resta molto da attendere. Tra poco più di 24 ore conosceremo nel dettaglio cosa ha in mente Sony, e magari anche come intende dipingere il futuro del suo gioiello PS5. Potrete seguire l'evento a partire dalla mezzanotte del 30 maggio, o dalle ore 00:00 del 31 maggio per capirsi.

L'evento sarà trasmesso in diretta streaming su YouTubeTwitch e TikTok. Seguiteci per avere aggiornamenti rapidissimi sulle novità che verranno presentate.

L'articolo Finalmente tra qualche ora sapremo qualcosa sul futuro di PS5 sembra essere il primo su Smartworld.

Aggiornamento Pocket Casts: piccoli cambiamenti nell'interfaccia principale e nuovi widget

Wed, 05/29/2024 - 23:24

Ci sono novità per Pocket Casts: una delle applicazioni di terze parti più affidabili e popolari per quanto riguarda gestione, ricerca e ascolto di podcast (ecco qualche consiglio all'ascolto e la nostra guida su come fare un podcast). Dopo una fase iniziale di test, è arrivato l'aggiornamento ufficiale per Android che introduce dei nuovi widget (disegnati in stile Material You) e qualche modifica nella homescreen. Andiamo a vedere tutto nello specifico.

Adesso l'utente può scegliere tra i seguenti widget:

  • Player piccolo 1 x 1 - mostra la grafica del podcast in riproduzione e contiene semplicemente il pulsante play/pausa
  • Player medio 4 x 1 - oltre all'immagine di copertina e al pulsante play/pausa, guadagna anche i due pulsanti per skippare avanti e indietro nella riproduzione. Questo widget può essere ridimensionato anche in 3x1 e 5x1 ed'è simile al Lettore multimediale (classico) che resta disponibile in 5x1 (di default) e può essere riadattato in 4x1.
  • Player grande 5 x 3 - mostra il nome dell'episodio in riproduzione e i minuti rimanenti al di sopra della sezione con i controlli. In basso vengono mostrati gli episodi in coda della sezione ''Prossimo''. Questo widget può essere ridimensionato per ''occupare'' tutta la schermata

Pocket Casts usa i colori dinamici per i wideget ma è possibile disabilitare questa scelta e utilizzare il semplice tema chiaro/scuro andando su: Profilo > Impostazioni > Aspetto e scorrere fino alla voce ''Widget'' per disattivare la spunta.

Parlando invece delle modifiche alla homescreen, adesso la scheda ''Prossimo'' finisce nella barra in basso e si va ad aggiungere a "Podcast", "Filtri", "Scopri" e "Profilo" per gestire la navigazione principale. Il miniplayer inoltre non è più ''incollato'' alla barra inferiore e presenta degli angoli arrotondati (come l'immagine di copertina). Infine, anche la griglia della scheda Podcast è stata aggiornata. Le grafiche dei vari podcast seguiti, adesso hanno gli angoli arrotondati e sono staccate fra loro.

Tutti gli aggiornamenti di cui abbiamo parlato arrivano con la versione 7.64 di Pocket Casts, già attualmente disponibile sul Play Store. A seguire il link diretto.

Scarica da Play Store

L'articolo Aggiornamento Pocket Casts: piccoli cambiamenti nell'interfaccia principale e nuovi widget sembra essere il primo su Smartworld.

Fitbit Ace LTE ufficiale: lo smartwatch per bambini che ha anche i giochi, ma a una condizione

Wed, 05/29/2024 - 23:19

Fitbit è un punto di riferimento nel settore dei dispositivi indossabili, con i suoi smartwatch e smartband sempre in primo piano negli ultimi anni, anche dopo l'acquisizione dell'azienda da parte di Google. E questo vale anche per il contesto che riguarda i dispositivi per bambini.

Proprio in questi termini, Fitbit ha appena annunciato un nuovo smartwatch per bambini. Parliamo di Fitbit Ace LTE, un dispositivo della serie Ace storicamente dedicata agli utenti più piccoli. Si tratta di uno smartwatch unico nel suo genere per certi versi. Andiamo a vedere le sue caratteristiche principali.

Fitbit Ace LTE: Caratteristiche

Una delle peculiarità di questo nuovo Fitbit Ace LTE consiste nell'integrazione di giochi per bambini. Il software personalizzato infatti include diversi giochi pensati per bambini, e ottimizzati per lo schermo piccolo del dispositivo.

Tali giochi però saranno accessibili a una condizione: più l'utente si muoverà e più sarà possibile giocare. Ogni gioco è realizzato appositamente per il dispositivo, utilizzando aspetti tattili, suoni, accelerometro e altro ancora. Questo permette di usare i sensori dello smartwatch per capire quanto il piccolo utente sta facendo attività fisica, stimolandola con la possibilità di giocare.

Grande attenzione è stata posta all'aspetto della sicurezza e della privacy. Solo ai genitori verrà mostrata la posizione o i dati sull'attività del bambino nella loro app, i dati sulla posizione verranno eliminati dopo 24 ore e i dati sull'attività verranno eliminati dopo un massimo di 35 giorni. Non ci sono annunci o app di terze parti e solo i contatti aggiunti da un genitore potranno chiamare o inviare messaggi al dispositivo.

Nel nuovo smartwatch di Fitbit un ruolo importante lo giocheranno i cosiddetti eejie. Gli eejie sono creature personalizzabili che si nutrono dell'attività quotidiana: più i bambini raggiungono i loro obiettivi di movimento, più sano e felice diventerà il loro eejie. Completando le attività quotidiane e avanzando attraverso ogni gioco, i bambini potranno guadagnarsi maggiori possibilità di personalizzare l'aspetto del loro eejie. Insomma, una sorta di Tamagotchi interattivo dei tempi attuali.

Ci saranno anche funzionalità dedicate ai genitori: con Fitbit Ace Pass e la nuova app Fitbit Ace, disponibile sia per Android che per iOS, i genitori potranno vedere la posizione in tempo reale dei propri figli, chiamare, inviare e ricevere messaggi di testo e vocali, aggiungere contatti di cui si fidano e gestire impostazioni come Orario scolastico per eliminare le distrazioni durante la lezione. In arrivo c'è anche la funzione Tap to Pay per gestire al meglio la paghetta.

Dal punto di vista tecnico, Fitbit Ace LTE è resistente all'acqua fino a 50 metri e ha una batteria che promette un'autonomia di più di 16 ore. Il display ad alta risoluzione è resistente ai graffi e alla polvere con la protezione Corning Gorilla Glass 3.

Google ha annunciato che il nuovo Fitbit Ace LTE è preordinabile nel mercato USA, su Google Store e su Amazon, al prezzo di 229,95 dollari. Al momento non abbiamo notizie di un lancio per il mercato italiano.

Torneremo ad aggiornarvi non appena ne sapremo di più su questo aspetto.

L'articolo Fitbit Ace LTE ufficiale: lo smartwatch per bambini che ha anche i giochi, ma a una condizione sembra essere il primo su Smartworld.

I sensori di impronte ultrasonici potrebbero essere impiegati su tantissimi smartphone

Wed, 05/29/2024 - 20:28

I sensori di impronte ultrasonici sono stati sempre appannaggio della fascia premium del mercato degli smartphone, perché sono il tipo di lettore di impronte più costoso e qualitativamente superiore rispetto agli altri tipi (ottico e capacitivo).

I lettori di impronte ultrasonici che si trovano sotto i display AMOLED vengono prodotti da Qualcomm, che è l'unica azienda in grado di produrli. Eppure questo monopolio sta per svanire, perché, come riportato da Mishaal Rahman su X, Goodix ha realizzato il suo primo sensore di impronte ultrasonico, che ha debuttato sul Vivo X100 Ultra.

Trovare questo tipo di sensori non è semplice, perché sono pochi i brand che hanno fatto ricorso a questo tipo di tecnologia: per questo vi consigliamo di consultare la nostra selezione di migliori smartphone.

Goodix è un'azienda cinese in attività da oltre 20 anni e in passato si è già occupata di sensori di impronte digitali: realizzando questo sensore per Vivo, si è posta come obiettivo quello di commercializzare su larga scala i sensori ultrasonici per diffonderli anche su altre fasce del mercato, intervenendo sulla produzione e sulla catena del valore e riducendone il costo.

I sensori di impronte digitali ottici sotto al display di Goodix sono stabilmente utilizzati da molti brand nel panorama degli smartphone, il cui successo è stato garantito da dei prezzi accessibili e una buona qualità. Perciò, l'aspirazione della società asiatica è quella di replicare il lavoro fatto in passato, ma con la differenza che adesso può offrire ai suoi clienti una offerta completa garantendo soluzioni diverse in base alle esigenze.

Dunque, Goodix può essere la seconda azienda a fornire sensori di impronte digitali ultrasonici e il suo inserimento nel mercato può avere due effetti: il primo è che gli smartphone al di sotto della fascia premium possono ottenere questo tipo di tecnologia, mentre il secondo è che si può creare una concorrenza nella fascia elevata andando a contrastare il dominio di Qualcomm.

L'articolo I sensori di impronte ultrasonici potrebbero essere impiegati su tantissimi smartphone sembra essere il primo su Smartworld.

Mahindra KUV100, la tecnologia sigla per sigla

Wed, 05/29/2024 - 19:53

La Mahindra KUV100 è una piccola SUV low-cost indiana rivolta a chi cerca una crossover e vuole spendere il meno possibile. Un mezzo carente di aiuti alla guida e con poca tecnologia.

Di seguito troverete un glossario per capire cosa significano meglio le sigle che identificano tutti gli accessori tecnologici di questo modello.

ABS

L'ABS è il sistema anti bloccaggio dei freni.

DAB

La sigla DAB (acronimo di Digital Audio Broadcasting) indica la radio digitale.

DRL

La sigla DRL (acronimo di Daytime Running Lights) identifica le luci diurne.

Easy Parking

La sigla Easy Parking identifica i sensori di parcheggio della Mahindra KUV100

EBD

L'EBD è il ripartitore elettronico di frenata.

ESP

L'ESP è il controllo di stabilità.

Follow-Me Home System

Il Follow-Me Home System mantiene accesi gli anabbaglianti per il tempo necessario a raggiungere l'abitazione o il box.

Hill Descent Control

Il sistema Hill Descent Control mantiene costante la velocità del veicolo in discesa.

Hill Hold Control

L'Hill Hold Control interviene nelle partenze in salita, mantenendo per qualche secondo l'azione frenante anche quando il piede si stacca dal pedale.

Isofix

Isofix è uno standard relativo ai sistemi di fissaggio per i seggiolini dei bambini.

M-Bifuel

La sigla M-Bifuel identifica le Mahindra KUV100 a GPL.

MPFI

La sigla MPFI (acronimo di Multi Point Fuel Injection) identifica l'iniezione multipoint.

TCS

Il TCS è il controllo della trazione.

TPMS

Il TPMS (acronimo di Tire Pressure Monitoring System) è il sistema di monitoraggio della pressione degli pneumatici.

VVT

La sigla VVT (acronimo di Variable Valve Timing) identifica la fasatura di distribuzione variabile.

L'articolo Mahindra KUV100, la tecnologia sigla per sigla sembra essere il primo su Smartworld.

Queste sono le offerte Iliad con il VoLTE incluso (spoiler: non è per tutti)

Wed, 05/29/2024 - 18:17

Sono ormai passate alcune settimane da quando Iliad ha iniziato a distribuire ai suoi clienti la funzione VoLTE, ma finora non era ben chiaro a chi fosse diretta questa opzione. Grazie al lancio delle nuove offerte FLASH, avvenuto poche ore fa, abbiamo finalmente qualche informazione in più, che ci permette di capire a quali piani tariffari Iliad è rivolta questa tecnologia.

 

Il VoLTE (Voice over LTE) è quella funzione che consente di effettuare chiamate audio su rete 4G / LTE. Questo si traduce non solo in una migliore qualità della chiamata in sé, ma dà anche la possibilità all'utente di navigare in LTE durante la conversazione stessa, cosa che magari è inutile nella maggior parte dei casi, ma se pensate che l'alternativa è navigare solo nelle più lente reti 2G/3G, capirete che può fare una grande differenza in caso di bisogno.

Detto questo, delle attuali offerte Iliad che prevedono traffico dati e voce, il VoLTE è disponibile solo su:

Come potete vedere, nelle rispettive pagine di ciascuna di queste offerte è chiaramente specificato "Tecnologia VoLTE". Questo significa che la FLASH 150 è esclusa dal VoLTE, che infatti non è menzionato da nessuna parte nella sua pagina.

E per quanto riguarda le precedenti GIGA 120 e GIGA 180? A rigor di logica, essendo la FLASH 150 una "evoluzione" della GIGA 120, e la FLASH 200 una "evoluzione" della GIGA 180, quest'ultima dovrebbe avere il VoLTE e la prima no. Non essendo però attualmente disponibili le pagine delle offerte GIGA, in quanto sostituite dalle FLASH, non ne abbiamo conferma assoluto.

Rimane poi un piccolo dubbio residuo, cioè se il VoLTE arriverà o meno anche ai già clienti, o se sia solo diretto ai nuovi. La ragione di questa perplessità risiede in una frase presente nell'ultimo comunicato Iliad.

Il VoLTE è incluso per tutte le nuove attivazioni della offerta FLASH 250 e anche in upgrade per i già utenti che desiderano aumentare la propria disponibilità di giga passando alla nuova FLASH 250.

Solo nella FLASH 250 è chiaramente specificato che anche i già clienti riceveranno il VoLTE, mentre riguardo la FLASH 200 Iliad dice che "con questa offerta il VoLTE è incluso", senza aggiungere altro. Pensiamo comunque che si tratti solo di un eccesso di zelo, e che se un'offerta include il VoLTE, questo sia rivolto a tutti, vecchi o nuovi utenti che siano.

Alla domanda "Cosa serve per utilizzare il VoLTE?", Iliad risponde infatti con un generico "devi avere attiva un'offerta con il VoLTE incluso", senza ulteriori requisiti.

Prima di chiudere non possiamo quindi che lasciarvi la nostra guida su come attivare il VoLTE, valida sia per iPhone che per Android, utile a tutti i clienti Iliad che lo possono già sfruttare.

L'articolo Queste sono le offerte Iliad con il VoLTE incluso (spoiler: non è per tutti) sembra essere il primo su Smartworld.

I veri fan di D&D non vorranno lasciarsi sfuggire questo nuovo tomo celebrativo

Wed, 05/29/2024 - 18:00

Dungeons & Dragons: Vecna Eve of Ruin non è l'unico libro che in qualche modo celebra i 50 anni del gioco di ruolo cartaceo più famoso e giocato di sempre. Tra poco più di un paio di settimane arriva anche in Italia un tomo a dir poco speciale, pensato non solo per celebrare appunto l'importante anniversario di D&D, ma anche per permettere ai veri fan di dare una sbirciata a quello che potremmo chiamare un "enorme dietro le quinte" della realizzazione del gioco e dei suoi primi anni di vita.

Segui SmartWorld su News

Il nome è lungo e altisonante, ma ci sta tutto. Si chiama Dungeons & Dragons The Making of Original 1970-1977 D&D, ed è un vero e proprio tomo di oltre 500 pagine dedicato appunto al "making of" del gioco di ruolo cartaceo creato da Gary Gygax e Dave Arneson. La prima edizione venne pubblicata nel gennaio del 1974, ma il libro si concentra in realtà su un lasso di tempo che accoglie anni precedenti e successivi al traguardo in questione. Vediamo come prima cosa l'indice con i vari capitoli e i temi affrontati.

Il saggio in questione raccoglie una selezione di documenti rari e mai visti prima incentrati appunto sulle origini di D&D. La prima parte, come avrete visto dall'indice, è dedicato a tutto ciò che ha influenzato Gary Gigax. Tra i documenti ci sono anche le lettere mai pubblicate e che si scambiavano Gigax e Arneson prima del lancio della primissima versione.

Si tratta di materiale originale a cui non è stato messo mano in alcun modo, e ogni documento riportato sul libro è accompagnato dal commento di una persona che viene considerata tra i più importanti storici del gioco, Jon Peterson. Molti dei documenti riportati sono di fatto scansioni del materiale battuto a macchina all'epoca dai due autori!

Ovviamente c'è anche tantissimo materiale sulla prima versione del gioco, Original D&D, comprese le primissime bozze, i fac simile di tutte le prime stampe, i confronti con ciò che poi è stato davvero pubblicato e anche tanti approfondimenti relativi a ciò che caratterizzava il gioco all'epoca. Come si nota dall'indice, nella parte 2 del libro da pagina 84 a pagina 181 ci sono appunto le scansioni della prima bozza di D&D, un qualcosa che non troverete altrove se non in questo saggio.

Ecco alcune pagine in anteprima, oltre a quelle già mostrate da Wizards of the Coast negli scorsi mesi:

Dungeons & Dragons The Making of Original 1970-1977 D&D arriva anche in Italia (non era affatto scontato!) al suo prezzo di listino, 99,95€. Può sembrare tanto, ma come accennato sono oltre 500 pagine di contenuti indeiti, fra cui tutta la prima bozza di D&D. Il saggio è disponibile solo in lingua originale, come d'altronde praticamente tutti questi libri alternativi dedicati all'universo di D&D. Ecco le foto della copertina rigida del libro.

A seguire tutti i nostri approfondimenti dedicati ai manuali:

L'articolo I veri fan di D&D non vorranno lasciarsi sfuggire questo nuovo tomo celebrativo sembra essere il primo su Smartworld.

Recensione NuPhy Halo75 V2: è ancora una delle migliori pre assemblate che possiate acquistare

Wed, 05/29/2024 - 17:30

Le confezioni delle nuove NuPhy Halo V2 si sono fatte decisamente più eleganti. Al suo interno, oltre alla tastiera protetta da un copri-tasti in plastica trasparente, troviamo la classica scatolina che raccoglie tutti gli accessori. Qui troviamo una selezione di keycap per rendere più Windows Friendly il tutto, 3 switch diversi fra loro (sono i NuPhy x Gateron di nuova generazione), strumento unico per rimozione di switch e copritasto, un cavo USB-C a USB-A da 1,5 metri e il ricevitore Wi-Fi 2.4 GHz USB. C'è ovviamente anche il manuale con tutte le scorciatoie già programmate e una selezione di adesivi in stile anime.

NuPhy Halo75 V2 è una tastiera meccanica hot-swappable NKRO formato 75% composta da 83 tasti. Si tratta di un setup compatto, che sacrifica non solo il tastierino numerico ma anche alcuni tasti che si trovano nell'isola sopra le frecce direzionali. Troviamo comunque il tasto per gli screenshot, Ins, Del, Home, End, PgUp e PgDn, ovvero quelli più usati. I pulsanti formano un'isola unica se non per una piccola interruzione fra FN e la freccia direzionale di sinistra.

Il layout è ANSI con tasti USA, diverso quindi dal nostro (ISO), e anche per questo non adatto a tutti. Il tasto Invio è più piccolo, e la u accentata, se si utilizza il layout ITA sul sistema operativo in utilizzo, è il tasto leggermente allungato posto subito sopra invio. Anche lo Shift di destra è un po' più corto del solito, in modo da lasciare sufficiente spazio alle frecce direzionali, mentre lo Shift di sinistra è più ampio, e al suo fianco non c'è il tasto per le parentesi angolate. Purtroppo NuPhy produce le sue tastiere solo con questo layout, per il semplice motivo che è il più internazionale e usato al mondo.

Se già conoscevate le tastiere NuPhy, avrete notato che ci sono tanti nuovi colori, compreso quello protagonista di questa recensione. Cambiando di conseguenza anche i set di tasti. I keycap sono comunque in PBT (polibutilentereftalato) dye-sub, pensati per resistere nel tempo e per trattenere quanto meno possibile sudore e impronte. Ci sono anche 4 tasti che integrano le così dette Homing Bars, delle piccole sezioni che lasciano passare la retro-illuminazione in modo da avere dei punti di riferimento quando si è al buio. Molto classico e ordinato il font, mentre per quanto riguarda i colori dipende da quello che scegliete fra i 5 disponibili in fase di acquisto. Il blu è molto bello, e le lettere sono comunque ben leggibili.

L'anno scorso NuPhy si era inventata un profilo dei tasti tutto suo. Anche quest'anno fa qualcosa di simile, modificando SA e nSA per creare il profilo mSA. È stato progettato per essere più ergonomico e simmetrico dei suoi parenti.

Ecco quello della NuPhy Halo75 V2 nella seguente foto.

Cambiano i tasti e cambiano anche gli switch. La scelta principale quest'anno ricade su tre modelli, realizzati sempre in collaborazione con Gateron: i NuPhy Mint lineari, i NuPhy Raspberry lineari e i NuPhy Lemon tattili.

Gli switch che ho avuto modo di provare con mano sono i NuPhy Mint. Sono switch meccanici di tipo MX a 5 pin di tipo lineare. Sono dotati di una forza di attuazione di 37 ± 15 gf, di una distanza di attuazione di 2 ± 0,5 mm e di una corsa totale di 3,6 ± 0,2 mm. Lo stelo a croce classico è realizzato in plastica POM. La parte superiore della scocca è in policarbonato traslucido, pensato per far passare al meglio la retroilluminazione. Il fondo invece è in PA66. La molla a singolo stadio è lunga 21 mm. Sono, fra quelli tra cui scegliere, i più adatti al gaming. Si possono sfruttare anche per uso misto, ma la poca forza richiesta per premerli rende un po' più facile la pressione per errore di tasti limitrofi. NuPhy li consiglia per chi di solito preme con vigore. Ogni switch è già lubrificato con un prodotto di nuova generazione a marchio Gateron. E in effetti le sonorità sono ottime, anche se qui entra in gioco la qualità di tutta la struttura. A seguire test audio in digitazione della NuPhy Halo75 V2 con switch NuPhy Mint.

Test audio in digitazione NuPhy Halo75 V2

C'è una quarta scelta: gli switch Silent Red Clear-Top realizzati in collaborazione niente meno che con CHERRY. Sono ovviamente pensati per essere quanto più silenziosi possibile.

Ottimi gli stabilizzatori, probabilmente sempre a marchio Gateron vista la collaborazione. Sono un modello a piastra piuttosto classico, dotato di paratie anti-polvere utili anche a stabilizzare ulteriormente il tasto. Quello della barra spaziatrice, nel mio caso specifico, ha iniziato a produrre un leggero ping metallico dopo qualche giorno di utilizzo, ma scommetto che  si tratta di una sfiga tutta mia. Uso ancora la NuPhy Halo96 dell'anno scorso e non ha mai avuto problemi, anche grazie alla presenza della GhostBar. Anche sul modello 2024 c'è la particolare barra spaziatrice di Nuphy dotata di uno speciale giunto centrale con silicone e connettore in policarbonato e collegamenti a croce in PBT di lato. Il tutto è coadiuvato da due cuscinetti in silicone nelle fessure della piastra. In ogni caso, nulla vieta di cambiare gli stabilizzatori con altri modelli a piastra.

Vediamo lo schema costruttivo di questa tastiera. L'immagine è rappresentativa più che schematica, ma ci permette di farci un'idea dei tanti strati fonoassorbenti presenti all'interno.

NuPhy etichetta l'insieme delle sue soluzioni con il nome Hi-Fi Halo. Si notano, a partire dal fondo, uno strato in silicone che riempie la scocca inferiore, strati in schiuma sia sotto la PCB che sopra, pad dedicati sopra la PCB, la piastra in plastica POM flessibile. Non solo: la Halo75 V2 è di fatto una tastiera gasket mount (montaggio a guarnizione), solo che è diversa dal solito. Nelle gasket mount la piastra è dotata in apposite sporgenze di cuscinetti in silicone o in PORON. Questi cuscinetti sono chiusi a sandwich tra le due sezioni che compongono la scocca, donando alla piastra una ulteriore ammortizzazione. La Halo75 V2 è PCB Gasket Mount: è il circuito stampato ad avere le guarnizioni in silicone e a risultare chiuso a sandwich. Si tratta di una soluzione che sta prendendo piede negli ultimi mesi. Insomma, NuPhy non ha lasciato nulla al caso. Le sonorità sono meravigliose, anche grazie a tutte queste accortezze. Visto che l'abbiamo nominata, la PCB vanta socket hot-swappable, ognuno con il suo LED RGB orientato verso sud. 

Ci sono ovviamente novità anche all'esterno. La parte superiore della scocca è sempre in alluminio, un materiale che aggiunge pregio a tutto il dispositivo. In alto a destra il logo Halo è in realtà un piccolo badge magnetico retroilluminato. Potete staccarlo, ma a meno di non produrne uno personalizzato in autonomia, non ci sono alternative da poterci mettere. La scocca inferiore è stata ridisegnata. Il modello dell'anno scorso aveva il sistema Halolight, quello che dava il nome alla tastiera, che lasciava passare una sottile linea di retroilluminazione. L'edizione 2024 sposa il sistema Halolight 2.0: tutta la scocca inferiore, realizzata in plastica ABS traslucida, lascia passare la luce di vari LED RGB sparsi lungo la cornice. L'effetto è decisamente più sorprendente, e l'utente può personalizzare al massimo quali LED di tutta la tastiera lasciare accesi e quale spegnere. Le dimensioni ammontano a 320 x 135 x 32,9 mm, anche se l'altezza passa dal massimo indicato fino a un minimo di 21,3 mm frontalmente. Il peso ammonta a 1.020 grammi.

Lato connettività NuPhy Halo75 V2 può essere utilizzata in tre diversi modi: cablata, grazie al cavo USB-C in dotazione (o qualsiasi altro cavo), via Bluetooth 5.0 o via Wi-Fi 2.4 GHz grazie all'apposito ricevitore. Sul bordo posteriore c'è uno slot per poter inserire il dongle quando non lo usate. Si possono collegare fino a 5 dispositivi contemporaneamente: 3 in Bluetooth, 1 in Wi-Fi e uno via cavo. Vicino alla porta USB-C, che tra l'altro è compatibile con praticamente ogni cavo USB-C, c'è anche uno switch fisico per passare fra le varie modalità d'uso (cablato, senza fili) e un altro interruttore per passare dalle modalità Windows a quella macOS. Usando quest'ultimo variano le scorciatoie da tastiera. Per quanto riguarda la compatibilità, anche il modello di quest'anno funziona un po' con tutto: Android, Windows, iOS, iPadOS, macOS, distro Linux e così via. La batteria che alimenta LED e modalità d'uso senza fili è da 4.000 mAh.

NuPhy quest'anno ha lavorato anche sulla qualità della connettività. In Wi-Fi o in modalità cablata la tastiera vanta un polling rate di 1.000 Hz. In Bluetooth si cala a 125 Hz (come tutte le tastiere, non solo le NuPhy). Più che altro gli ingegneri NuPhy si sono assicurati di far sì che la latenza in Wi-Fi sia la stessa identica che via cavo, riuscendo a ottenere risultati decisamente migliori rispetto a quelli della precedente Halo.

L'estetica delle 5 varianti cambia molto proprio per via del colore. Non cambiano solo i tasti, ma tutta la scocca, e di conseguenza l'eleganza della tastiera è un fattore più che mai soggettivo. Il sistema Halolight 2.0, che grazie ai LED lungo tutti bordi e alla scocca inferiore traslucida illumina tutta la parte sotto della tastiera, la rende anche più vistosa. Impossibile comunque non notare l'attenzione al dettaglio che gli ha impresso NuPhy. Tutto è curato nei minimi particolari, e il risultato finale, come già detto, difficilmente passerà inosservato. I colori base, Obsidian Black e Ionic White, sono senza dubbio i più indicati per eventuali ambienti professionali.

Da un punto di vista costruttivo, Halo75 V2 è sempre al top, esattamente come i modelli precedenti. Nonostante il retro in plastica, si ha la sensazione di tenere per le mani un prodotto pregiato, complice anche la cornice in metallo e la sensazione di solidità che trasmette il tutto. La tastiera resiste bene anche alle torsioni, dimostrando giusto un po' di flessibilità proprio per via della scocca inferiore in ABS e della piastra in plastica POM. Gli interni sono stati completamente riorganizzati, arrivando a un totale di 6 strati fonoassorbenti, senza contare la nuova PCB con guarnizioni. NuPhy l'ha testata per temperature comprese fra -10 e 50°C. Promossa a pieni voti da questo punto di vista.

I tasti in plastica PBT non hanno lettere, numeri e simboli retro-illuminati, anche se, come già accennato, c'è una selezione di tasti con una leggera sezione illuminata. In ogni caso, i LED della Halo75 V2 sono belli potenti, e anche grazie alla scocca traslucida, l'effetto finale è molto più vistoso e luminoso di altri modelli.

Sul retro troviamo 4 piedini in gomma che assicurano grip su più o meno su tutte le superfici, anche grazie al peso complessivo di oltre un chilo. Ci sono anche i supporti per alzare la struttura e variare l'angolo di digitazione. Di base è inclinata a 5°, alternativamente potete metterla a 8,5° o 12°.

Più dell'hardware e delle novità a livello costruttivo conta l'esperienza di utilizzo. Fortunatamente anche quest'anno la Halo75 V2 è una bomba da usare. Ora, come accennato questi switch sono, almeno a mio avviso, più indicati per uno uso misto gaming / lavoro, vista la poca forza di attuazione e la corsa limitata. Per digitazione nuda e cruda meglio puntare ai tattili, che comunque possono tranquillamente essere usati anche per giocare. I NuPhy Mint in questione sono appunto rapidi e con il giusto allenamento possono permettervi di mantenere una velocità di digitazione altissima, a patto di scendere a compromessi con qualche errore di battitura. In ogni caso, scrivere è un vero piacere, sia per le sonorità attenuate sia per il feeling generale. Il fatto di poter inclinare fino a oltre 12° la struttura non è affatto male, e non sono da sottovalutare i tasti con profilo personalizzato pensati per essere più ergonomici. Se avete budget aggiuntivo in fase di acquisto vi consiglio il poggiapolsi ufficiale di NuPhy. Ve ne parlai l'anno scorso qui. Ottimo, lato gaming, il polling rate di 1.000 Hz anche in Wi-Fi. Non è una tastiera gaming pura, ma se la cava alla grande anche in questo contesto. Occhio ovviamente al layout ANSI USA: se è la vostra prima tastiera con questo layout vi serviranno un po' di ore di pratica prima di padroneggiarla al massimo.

Non so se NuPhy ha letto la nostra recensione dell'anno scorso, ma sta di fatto che ha deciso di abbandonare NuPhy Console, il software "ufficiale" per il remapping delle tastiere, per sposare una via decisamente più popolare: VIA, appunto. Le nuove Halo V2 supportano VIA, il software open source più usato al mondo per riprogrammare le tastiere! VIA non vanta tantissime funzioni come altri software proprietari, ma vanta comunque un'interfaccia semplice accessibile anche tramite web che, per il mero remapping dei tasti, è potentissimo. Avete a disposizione vari layer da programmare, funzioni a più non posso, macro, controlli multimediali e tanto altro. Sempre da VIA avete un tester per i tasti, utile ad esempio quando cambiate switch, funzioni per la gestione della retro-illuminazione e poco altro per la verità. Ripeto, è molto semplice, ma alla stragrande maggioranza degli utenti interessa prevalentemente riprogrammare la tastiera, e con VIA ci riuscite alla grande.

Come di consueto poi, NuPhy Halo75 V2 è già programmata con la classica serie di scorciatoie. Sono tutte indicate sulla manualistica, e potete vederle (e cambiarle) anche da VIA. I tasti da F1 a F12 presentano simboli aggiuntivi che lasciano intuire qual è la funzione secondaria (attivabile con FN) a essi legati. Il tasto PrintScreen è sostituito da un tasto con un logo che dovrebbe appunto ricordare gli screenshot. Ci sono poi combinazioni per regolare tutti i parametri di retroilluminazione: quelli dei tasti classici e quelli della cornice LED.

L'autonomia della NuPhy Halo75 V2 non è miracolosa, ma con qualche accortezza va decisamente meglio del previsto. Con tutto acceso al massimo della luminosità in Wi-Fi si arriva giusto a 14 ore. Poche, ma vista la brillantezza dei LED e vista tutta la corona LED intorno alla cornice c'era da aspettarselo. Spegnendo i tasti, a eccezione di quelli con la Homing Bar, si sale a 140 ore. Dipende insomma da dove la usate e da quanto ci tenete ai LED.  Premendo FN e il tasto sopra Invio potete vedere lo stato dell'autonomia dalla piccola striscia LED in alto a sinistra. Se si colora di verde è carica al massimo, si passa poi all'arancione fino al rosso e al rosso lampeggiante.

Halo75 V2 è disponibile esclusivamente sul sito di NuPhy. In fase di acquisto si possono scegliere 5 diversi colori, Matte Black, Ionic White, Mojito, Blue Lagoon, Sakura Fizz e 4 diverse tipologie di switch meccanici. Dalla scelta dello switch dipende il prezzo finale: scegliendo quelli realizzati in collaborazione con CHERRY il prezzo sale 10$.

Il modello protagonista di questa recensione, Blue Lagoon con switch NuPhy Mint, viene a costare 129,95$, a cui ci dovete aggiungere circa 26 dollari di tasse e spedizione. Il totale, 156$, al cambio attuale ammonta a circa 143€. Un prezzo in linea con il tipo di prodotto. Potete pagare con PayPal o carta. Se in fase di checkout usate il coupon "SmartWorld" avrete però il 10% di sconto sul prezzo della tastiera (non è inclusa la spedizione quindi).

Coupon "SmartWorld"

C'è anche il modello Halo96 V2 dotato di tastierino numerico. In tal caso il prezzo, comprensivo di tasse e spedizioni, sale a un totale di 170$, circa 156€ al cambio.

Occhio che in fase di acquisto potete aggiungere un bel po' di accessori, fra cui poggiapolsi, tappetini, tanti nuovi set di tasti e switch alternativi.

Se cercate alternative ISO (anche ITA) potete valutare i modelli di EPOMAKER, considerando però che sono in plastica e che non sono programmabili tramite VIA.

Il sample per la recensione per questa recensione è stato fornito da NuPhy che non ha avuto un'anteprima di questa recensione testuale e non ha fornito alcun tipo di compenso.

L'articolo Recensione NuPhy Halo75 V2: è ancora una delle migliori pre assemblate che possiate acquistare sembra essere il primo su Smartworld.

Iliad festeggia il compleanno con nuove offerte Flash imperdibili: si parte da 7,99 euro

Wed, 05/29/2024 - 16:06

Buon compleanno Iliad. L'operatore spegne la sua sesta candelina in Italia, visto che sono passati appunto 6 anni dal debutto dell'operatore del gruppo francese Free Mobile nel mercato italiano. E per festeggiare il traguardo, arrivano delle nuove offerte.

Le nuove offerte mobile Iliad

Andiamo a vedere le nuove offerte mobile che Iliad ha rinnovato per il mercato italiano.

Iliad Flash 250
  • Minuti illimitati di chiamate verso tutti i numeri nazionali.
  • SMS illimitati verso tutti i numeri nazionali.
  • 250 GB di traffico dati fino alla velocità del 5G.
  • Tariffa mensile pari a 11,99 euro.
  • Contributo di attivazione pari a 9,99 euro.
  • Offerta attivabile fino al 31 luglio 2024. Questo è il link per attivare Iliad Flash 250.
Iliad Flash 200
  • Minuti illimitati di chiamate verso tutti i numeri nazionali.
  • SMS illimitati verso tutti i numeri nazionali.
  • 200 GB di traffico dati fino alla velocità del 5G.
  • Tariffa mensile pari a 9,99 euro.
  • Contributo di attivazione pari a 9,99 euro.
  • Offerta attivabile fino al 27 giugno 2024. Questo è il link per attivare Iliad Flash 200.
Iliad Flash 150
  • Minuti illimitati di chiamate verso tutti i numeri nazionali.
  • SMS illimitati verso tutti i numeri nazionali.
  • 150 GB di traffico dati fino alla velocità del 5G.
  • Tariffa mensile pari a 7,99 euro.
  • Contributo di attivazione pari a 9,99 euro.
  • Offerta attivabile fino al 27 giugno 2024. Questo è il link per attivare Iliad Flash 150.
Iliad Voce
  • Minuti illimitati di chiamate verso tutti i numeri nazionali.
  • SMS illimitati verso tutti i numeri nazionali.
  • 40 MB di traffico dati fino alla velocità del 4G.
  • Tariffa mensile pari a 4,99 euro.
  • Contributo di attivazione pari a 9,99 euro.
  • Questo è il link per attivare Iliad Voce.
Iliad Dati 350
  • 350 GB di traffico dati fino alla velocità del 4G.
  • Tariffa mensile pari a 14,99 euro.
  • Contributo di attivazione pari a 9,99 euro.
  • Questo è il link per attivare Iliad Dati 350.
Iliad Domotica
  • 50 minuti di chiamate verso tutti i numeri nazionali.
  • 100 SMS verso tutti i numeri nazionali.
  • 200 MB di traffico dati fino alla velocità del 4G.
  • Tariffa mensile pari a 1,99 euro.
  • Contributo di attivazione pari a 9,99 euro.
  • Questo è il link per attivare Iliad Domotica.
Offerte Iliad Business e Fibra Iliad Business Giga 300
  • Minuti illimitati di chiamate verso tutti i numeri nazionali.
  • SMS illimitati verso tutti i numeri nazionali.
  • 300 GB di traffico dati fino alla velocità del 5G. 16GB per l'Europa e 5GB in oltre 30 Paesi Extra UE, inclusi gli Stati Uniti.
  • Tariffa mensile pari a 11,99 euro + IVA.
  • Contributo di attivazione pari a 9,99 euro.
  • Assistenza dedicata attiva tutti i giorni e 24 ore al giorno, chiamando il numero 176
  • Opzione per tenere attive le SIM solo quando effettivamente utile, come nel caso di attività stagionali, e quindi sospendere temporaneamente – fino a 24 mesi – una o più SIM.
  • Offerta attivabile fino al 29 giugno 2024. Questo è il link per attivare Iliad Business Giga 300.

Oltre alle offerte mobile, Iliad ci fa anche sapere che attivando le offerte Flash 250 e Flash 200 sarà possibile attivare l'offerta fibra Iliad con tecnologia Wi-Fi 7 a soli 19,99 euro invece di 24,99 euro al mese utilizzando metodo di pagamento automatico. L'offerta fibra è attivabile fino al 31 luglio ore 17:00. Questo è il link per l'attivazione di Iliad Fibra.

Nel lanciare queste nuove offerte, Iliad ha sottolineato i traguardi raggiunti in questi 6 anni nel mercato italiano. Si parla di più di 11 milioni di clienti, con l'approccio da sempre condiviso dall'operatore centrato sulla volontà di chiarezza, trasparenza, e prezzi bloccati per sempre.

Di seguito trovate la dichiarazione rilasciata da Benedetto Levi, AD di Iliad:

L'articolo Iliad festeggia il compleanno con nuove offerte Flash imperdibili: si parte da 7,99 euro sembra essere il primo su Smartworld.

Galaxy AI arriva sui Galaxy Watch: nuove funzioni e dati più precisi

Wed, 05/29/2024 - 16:00

Samsung, quest'anno, ha impresso un'accelerazione importante all'intelligenza artificiale con il lancio della serie Galaxy S24, introducendo gli strumenti di Galaxy AI su sempre più dispositivi. A questo proposito, l'IA sta arrivando sui Galaxy Watch, in particolare potenziando le funzioni di salute e di benessere.

Grazie alla combinazione di Galaxy AI con Samsung Health, le nuove funzionalità per salute potranno fornire informazioni più complete e consigli motivazionali a favore degli utenti. Ad esempio, con Energy Score sarà possibile ottenere una migliore comprensione delle proprie abitudini quotidiane tramite l'analisi combinata di parametri di salute personali, la durata media del sonno, l'omogeneità della qualità del sonno, l'uniformità dell'orario di sonno/veglia, la durata del sonno, l'attività svolta nel giorno precedente, la frequenza cardiaca a riposo e la variabilità della frequenza cardiaca.

Wellness Tips, invece, proporrà consigli motivazionali ed indicazioni a seconda dell'obiettivo specifico che l'utente intende raggiungere. 

Samsung si è concentrata anche sul miglioramento dell'algoritmo di intelligenza artificiale del sonno. Difatti, i nuovi indicatori del sonno che sono stati integrati in Sleep Insights offrono un'analisi più dettagliata e accurata della qualità del sonno, in modo da comprendere maggiormente i propri ritmi di sonno veglia e creare abitudini migliori.

Per quanto riguarda il fitness, le nuove funzioni garantiscono misurazioni intelligenti ed immediate delle capacità fisiche. In questo modo, gli allenamenti saranno più personalizzati. 

Oltre ai cinque livelli di intensità di corsa offerti dalla Zona di frequenza cardiaca personalizzata, le nuove metriche dettagliate della Soglia Aerobica (AT) / Soglia Anaerobica (AnT) della Zona di frequenza cardiaca contribuiscono a una gestione efficiente della corsa e a un'analisi rapida delle prestazioni.  

Inoltre, con Workout Routine sarà possibile combinare vari esercizi per un allenamento personalizzato e passare senza alcuna interruzione all'esercizio successivo. Infine, per tenere traccia dei progressi nella corsa o nel ciclismo, basterà utilizzare Race, che mette a confronto le prestazioni attuali e quelle passate sugli stessi percorsi.

Queste funzioni saranno disponibili sulla futura linea di Galaxy Watch tramite One UI 6 Watch, che debutterà quest'anno. Da giugno, poi, alcuni utenti avranno accesso alla versione beta. Questa versione beta di One UI 6 Watch sarà disponibile per gli utenti di Galaxy Watch4, Galaxy Watch4 Classic, Galaxy Watch5, Galaxy Watch5 Pro, Galaxy Watch6 e Galaxy Watch6 Classic negli Stati Uniti e in Corea tramite l'app Samsung Members.

L'articolo Galaxy AI arriva sui Galaxy Watch: nuove funzioni e dati più precisi sembra essere il primo su Smartworld.

Volkswagen conferma il lancio di una EV da 20.000€ (ma occorrerà attendere)

Wed, 05/29/2024 - 15:39

Il noto marchio automobilistico Volkswagen ha deciso di puntare sulle auto elettriche, studiando anche delle soluzioni per proporre dei modelli ad un prezzo di vendita piuttosto accessibile. In tal senso, così come riportato su Autocar, è arrivata la conferma che il produttore tedesco sta sviluppando un'auto che proporrà al costo di circa 20.000 euro, tuttavia occorrerà attendere fino al 2027.

L'amministratore delegato di Volkswagen, Thomas Schäfer, ha dichiarato: "Per diffondere la mobilità elettrica occorre lanciare veicoli attraenti, in particolare nella fascia entry-level. Le nostre auto che avranno un prezzo competitivo saranno caratterizzate dai più alti standard di questa fascia, sia sotto l'aspetto tecnologico che di design".

Questo modello economico dovrebbe essere noto come ID.1, anche considerando le indiscrezioni trapelate negli scorsi mesi. Inoltre, Kai Grünitz, responsabile dello sviluppo tecnico, ha rivelato che i primi schizzi di progettazione sono stati completati e che lo sviluppo è in corso, aggiungendo che: "L'ID 1 sarà vicino all'Up per quanto riguarda l'uso di quell'auto. Non ci sono così tante possibilità di progettare un piccolo veicolo per le città in termini di aspetto. Sarà un'auto che si adatta al DNA di progettazione e funzionalità del marchio Volkswagen, ma ad un prezzo inferiore".

Nel frattempo, entro la fine del 2025 potrebbero essere lanciati due auto sempre economiche, ovvero nella fascia dei 25.000 euro: i modelli potrebbero essere ID.2 e ID.2X. Contestualmente, anche Cupra e Skoda dovrebbero proporre le loro proposte di auto economiche. In particolare, Cupra farà debuttare la Raval, mentre Skoda punterà su Epiq, un piccolo SUV di segmento B.

L'articolo Volkswagen conferma il lancio di una EV da 20.000€ (ma occorrerà attendere) sembra essere il primo su Smartworld.

Un curioso bug sulle GIF sta colpendo Google Messaggi e gli utenti iPhone

Wed, 05/29/2024 - 14:55

Negli ultimi giorni, alcuni utenti Android che utilizzano Google Messaggi stanno segnalando dei problemi relativamente alla ricezione di GIF inviate da iPhone. Le GIF, infatti, sembrerebbero statiche e distorte, con i pixel che mancherebbero quasi del tutto. La criticità si starebbe verificando su dispositivi appartenenti a vari marchi, tra cui Pixel e Samsung. Tra l'altro, altri utenti hanno evidenziato che all'interno di una chat di gruppo, solo alcuni membri visualizzano GIF distorte.

Visto che la criticità starebbe coinvolgendo un pò vari marchi, il bug potrebbe partire da iOS. A riguardo, l'errore sarebbe emerso dopo il rilascio di iOS 17.5 e proprio mentre Apple sta lavorando sull'implementazione del supporto RCS sugli iPhone, allo scopo di migliorare lo scambio dei messaggi di testo tra Android e dispositivi Apple.

A questo proposito, il supporto RCS potrebbe essere implementato con il rilascio di iOS 18. La versione beta del nuovo sistema operativo di Apple dovrebbe arrivare il prossimo mese durante la WWDC 2024. Ritornando al bug delle GIF, al momento non sembrano esserci soluzioni efficaci. Occorrerà attendere probabili aggiornamenti da parte di Google e della società di Cupertino.

Restando in tema di Google Messaggi, il colosso di Mountain View, qualche settimana fa, ha iniziato ad implementare la funzionalità che permette di modificare i messaggi inviati. Questa novità è in fase di distribuzione automatica via server sulla versione beta dell'app Messaggi. 

L'articolo Un curioso bug sulle GIF sta colpendo Google Messaggi e gli utenti iPhone sembra essere il primo su Smartworld.

Anche Galaxy S20 FE può godersi Android 14, grazie alla LineageOS

Wed, 05/29/2024 - 13:00

Abbiamo sempre lodato Android per la sua compatibilità con versioni del software non ufficiali, le cosiddette custom ROM che permettono di provare versioni personalizzate di Android. E questo beneficia a molti modelli di smartphone, tra i quali troviamo Galaxy S20 FE.

Il modello di Samsung infatti non dovrebbe ricevere nuovi major update ufficiali da parte di Samsung, ovvero degli aggiornamenti che incrementano la versione di Android. In altre parole, Galaxy S20 FE non dovrebbe ricevere ufficialmente Android 14. E a questo rimedia la LineageOS.

La LineageOS è una delle custom ROM più in voga negli ultimi tempi, soprattutto per il suo largo supporto e per la frequenza degli aggiornamenti che riceve. Proprio in questo contesto, gli utenti con Galaxy S20 FE saranno felici di apprendere del supporto della LineageOS 21 al loro modello.

Questa versione della LineageOS è quella basata su Android 14. Chiaramente non sono incluse le funzionalità che Samsung ha introdotto con la One UI 6, ma sono incluse tutte quelle introdotte da Google con Android 14.

Si tratta ovviamente di un ottimo sviluppo per gli utenti con Galaxy S20 FE, i quali si ritrovano con un dispositivo fermo ad Android 13 con la One UI 5.1. Sul sito LineageOS non troviamo particolari menzioni a bug critici nella build dedicata a Galaxy S20 FE, e questo ci porta a pensare che sia pronta per un utilizzo quotidiano senza troppi fastidi.

Se siete curiosi di provarla, allora potete fare riferimento alla pagina dedicata a Galaxy S20 FE sul sito della LineageOS, dove troverete le istruzioni per l'installazione per il modello 4G e per il modello 5G del dispositivo. Assicuratevi che il codice modello sia corrispondente a quello del vostro dispositivo prima di procedere, lo trovate in fondo al menù laterale a sinistra che elenca le specifiche tecniche.

L'articolo Anche Galaxy S20 FE può godersi Android 14, grazie alla LineageOS sembra essere il primo su Smartworld.

Squad Busters è finalmente disponibile con tutti i personaggi di Supercell: quale sceglierete?

Wed, 05/29/2024 - 12:54

Squad Busters è finalmente disponibile per Android e iPhone: siete pronti alla sfida?

Dai creatori di Clash of Clans, Brawl Stars, Boom Beach, Clash Royale e Hay Day, un gioco che porta lo squad building action game a un nuovo livello, con nuove meccaniche, modificatori e soprattutto puntando maggiormente sulla cooperazione e le funzionalità social. Andiamo a scoprirlo, ricordandovi la nostra selezione dei migliori giochi Android gratuiti.

Squad Busters è il nuovo gioco di Supercell, in cui i personaggi più iconici provenienti dai suoi cinque titoli precedenti fanno squadra per confrontarsi in partite con 10 giocatori in scontri senza esclusione di colpi.

Ogni personaggio porterà in battaglia il suo stile di combattimento unico, quindi scegliete quelli più adatti a voi. All'inizio avrete un solo personaggio in modalità baby, ma dovrete farlo evolvere fino a quella adulta. Inoltre esplorando la mappa e sconfiggendo gli avversari che troverete lungo la strada potrete accumulare monete e aprire i bauli che permetteranno di espandere la squadra.

Tra i personaggi disponibili, potete trovare Penny, Heavy e Tank, oltre ai Megapersonaggi El Tigre, Dragon Chicken, e due novità come Shelly eroina magica e la strega Kitsune!

Il vostro obiettivo è quello di creare la squadra più forte possibile e usarla per annientare le altre squadre e accumulare le gemme. Queste sibi oggetti verdi e luccicanti che troverete nella mappa e dopo aver annientato una squadra, abbattuto gli alberi e sconfitto alcuni mostri.

Gli attacchi in Squad Busters avvengono automaticamente, perciò dovrete solo fermarvi per permettere alla squadra di attaccare i nemici nel suo raggio d'azione, ma stando allerta per attivare incantesimi e abilità. 

La squadra con il maggior numero di gemme a fine scontro vincerà. 

Supercell promette che grazie ai modificatori, le partite non saranno mai simili, anche perché dovrete scegliere in maniera strategica quali personaggi aggiungere durante la partita, con un numero enorme di combinazioni possibile. 

Volendo, potrete anche sfidare amici e parenti nella modalità party.  

Squad Busters è disponibile da oggi gratuitamente su App Store e Play Store. Per chi si è preregistrato sul sito (l'obiettivo era di 20 milioni di preregistrazioni e sono stati superati i 30 milioni), sono disponibili ricompense come 10.000 monete, bonus e il personaggio El Tigre. 

Qui sotto potete trovare tre video condivisi nei giorni scorsi, un trailer e un gameplay del gioco, oltre a un divertente video promozionale con Chris Hemsworth, Christina Ricci e Ken Jeong! Insomma, Squad Busters si preannuncia come un enorme successo. 

L'articolo Squad Busters è finalmente disponibile con tutti i personaggi di Supercell: quale sceglierete? sembra essere il primo su Smartworld.

Tap to Pay arriva in Italia: ecco come usare l'iPhone al posto del POS

Wed, 05/29/2024 - 12:00

Ora c'è un nuovo modo per accettare i pagamenti in negozio: il vostro iPhone! Annunciato nel 2022 ma disponibile finora solo negli Stati Uniti, Tap to Pay è infatti ora arrivato anche in Italia: andiamo a vedere cos'è e come usarlo, ma non prima di ricordarvi il nostro approfondimento su cosa sono e come funzionano i pagamenti digitali

Tap to Pay è una funzione di iOS lanciata nel 2022 negli Stati Uniti e che consente agli esercenti, dalle piccole attività commerciali ai grandi retailer, di accettare pagamenti tramite carte di credito, debito e prepagate contactless, senza bisogno di ulteriori dispositivi.

Le carte accettate sono quelle dei principali circuiti di pagamento, come American Express, Discover Global Network, Diners, Mastercard e Visa.

La funzionalità è ora disponibile anche per chi fornisce piattaforme e sviluppa app di pagamento in Italia. Le prime a integrarlo nelle proprie soluzioni iOS sono Adyen, myPOS, Nexi, Revolut, Stripe, SumUp e Viva, che da oggi rendono disponibile Tap to Pay su iPhone agli esercenti italiani loro clienti, e sarà presto disponibile anche con Fabrick, Numia, e Sella.

A partire da oggi, Tap to Pay su iPhone è disponibile anche in tutti gli Apple Store italiani.

Tra i partner dell'iniziativa che integrano Tap to Pay nelle loro soluzioni, ci sono Nexi, SumUp e Revolut. Nexi ha già annunciato il supporto della funzione sull'app iOS Nexi SoftPOS, e anche SumUp ha dichiarato di essere già pronta per le sue di soluzioni di pagamento tramite app iOS SumUp.

Per quanto riguarda Revolut, ha annunciato l'abilitazione di Tap to Pay su iPhone in Italia per tutti i clienti Revolut Business e per i freelance che utilizzano Revolut Pro tramite app retail. 

Apple ha dichiarato che la privacy è fondamentale nella progettazione e nello sviluppo di tutte le funzioni di pagamento di Apple. Con Tap to Pay su iPhone, i dati di pagamento dei clienti sono protetti dalla stessa tecnologia usata per garantire la sicurezza e la privacy di Apple Pay.

Tutte le transazioni effettuate tramite Tap to Pay su iPhone sono criptate e processate usando il Secure Element, e, come con Apple Pay, Apple non sa cosa viene acquistato né chi lo sta acquistando. Quando viene elaborato un pagamento, Apple non memorizza i numeri della carta o le informazioni sulla transazione sul dispositivo o sui suoi server.

Usare Tap to Pay è semplicissimo. L'esercente deve essere dotato di un iPhone compatibile, iPhone XS e dispositivi più recenti inclusi iPhone SE 2a e 3a generazione, e di un'app iOS compatibile per accettare i pagamenti (come abbiamo visto sopra, Revolut, Nexi, SumUp o altre). 

Al momento del pagamento, l'esercente deve chiedere al cliente di avvicinare la carta di credito (o anche prepagata, iPhone, Apple Watch o altro smartphone / smartwatch abilitato ai pagamenti contactless) al suo iPhone. 

A questo punto la transazione verrà completata in tutta sicurezza attraverso la tecnologia NFC.

L'articolo Tap to Pay arriva in Italia: ecco come usare l'iPhone al posto del POS sembra essere il primo su Smartworld.

Recensione Oclean X Ultra S: lo spazzolino smart parla e si connette al Wi-Fi

Wed, 05/29/2024 - 12:00

Oggi vi parliamo della punta di diamante di Oclean, il nuovissimo X Ultra S lanciato da pochi giorni sul mercato. È il prodotto più avanzato dell'azienda e uno dei più avanzati in assoluto nel mondo della pulizia dei denti.

Si tratta di uno spazzolino a tecnologia sonica con un nuovo motore Maglev 3.0 sviluppato da Oclean. Questo motore può garantire 84.000 movimenti al minuto, uno dei valori più alti della categoria. In confezione troviamo tre testine diverse perfette per denti e gengive dalle diverse sensibilità.

Lo spazzolino si presenta con un rivestimento nanometrico satinato molto piacevole e che garantisce un'ottima presa durante l'utilizzo. È anche abbastanza "pregiato" al tatto e alla vista da trasmettere la sensazione di star usando un prodotto sicuramente di fascia superiore a quelli a cui si era in precedenza abituati, pur mantenendo una notevole leggerezza rispetto a molti dei suoi concorrenti.

Ci sono altri elementi di design a impreziosire il prodotto. Fra tutti il led inferiore che segue la forma della base leggermente squadrata. È una luce morbida e soffusa molto piacevole. La stessa luce si replica sulla base, anche questa leggermente squadrata, di ricarica. Questa base ha anche un led aggiuntivo frontale per indicare la ricarica. Segnaliamo solo come lo spazzolino entri forse troppo poco all'interno della base e che quindi un urto involontario potrebbe farlo cadere più facilmente rispetto ad altri prodotti. La base può essere anche fissata al muro con l'accessorio in dotazione se preferite una soluzione ancora più elegante o non avete un piano dove poggiarlo. Lo spazzolino infatti ha anche un magnete per fermarlo in questo modo. Il tutto sempre nell'ottica di un prodotto che trasmette qualità.

Oclean X Ultra S ha sul frontale un piccolo display touch da 0,96" a colori. Ha una densità di pixel molto alta e il contenuto è sempre molto leggibile. Si tratta di uno schermo touch, anche se in realtà la superficie da cui lo si può controllare è solo quella ai lati, probabilmente per evitare tocchi accidentali durante l'utilizzo. Subito sotto c'è l'unico tasto fisico.

Da questo schermo è possibile scegliere una delle 5 modalità di utilizzo a cui si aggiunge una personalizzabile nella potenza. Tra queste modalità ci sono quelle specifiche pensate per la mattina e la sera e lo spazzolino le proporrà in automatico come predefinita in base all'orario in cui lo si utilizza. Lo spazzolino ha la classica (ottima) modalità di breve pausa per informarvi di cambiare quadrante della bocca da pulire. La novità è che questa informazione ora viene anche passata attraverso una voce che vi avvisa di cambiare quadrante. Lo stesso succede se muovete lo spazzolino troppo velocemente o se premete troppo. In questo caso si accende di rosso il led inferiore in modo da darvi un ulteriore feedback visivo. In tutta sincerità non crediamo che la voce sia un valore aggiunto nella maggior parte dei casi rispetto ad una semplice vibrazione o un suono più semplice.

Molto più utile sicuramente il feedback di pulizia subito sul display dello spazzolino al termine del lavaggio. In questo modo avrete subito chiaro se vi siete lavati correttamente i denti. Questo è possibile grazie ai sensori dello spazzolino che capiscono quanto avete indugiato su ogni zona della vostra bocca e vi dirà di conseguenza dove dovreste concentrarvi meglio.

Tutti questi dati vengono poi mostrati all'interno dell'applicazione gratuita per smartphone, che vi servirà anche per configurare lo spazzolino la prima volta.

Da qui potrete riguardare tutti i dati delle pulizie nel tempo, avendo anche un feedback aggregato giornaliero in base e non solo quella appena conclusa. L'app vi mostrerà per ogni pulizia se avete pulito con uniformità tutta la bocca e vi darà anche un punteggio, basato ovviamente anche sul tempo di lavaggio. Ci sono poi anche dei consigli che nascono dalla qualità della pulizia e dalle eventuali volte in cui avete premuto troppo sui denti con lo spazzolino.

Se avrete la pazienza ogni tanto di consultare questi dati potrete davvero migliorare l'efficacia della vostra igiene orale.

A tutto questo aggiungiamo che Oclean X Ultra S è straordinariamente silenzioso (meno di 45 dB) e non rischierete quindi di svegliare qualcuno che magari è già andato a letto. L'autonomia è di circa 30 giorni dai nostri test con due lavaggi al giorno. In confezione c'è anche un pratico case di trasporto che funziona anche da powerbank ricaricabile tramite connettore USB-C. Purtroppo manca un alimentatore che quindi dovrà essere acquistato a parte (se non ne avete già uno).

Lo spazzolino è poi dotato di Wi-Fi, al contrario del suo predecessore e di molti altri concorrenti. In questo modo la sincronizzazione dei dati avviene indipendentemente dalla presenza nelle vicinanze del vostro smartphone. Segnaliamo solo come sia successo più volte di trovarsi sloggati dall'app su smartphone, dovendo di nuovo fare l'accesso (ma ovviamente senza mai perdere nessun dato).

L'unico vero limite di questo prodotto è che non è pensato per più utenti e qualsiasi utilizzo verrà sincronizzato nell'app sempre come se fosse fatto dalla stessa persona. Se non si vive da soli e si vuole utilizzare tutti questo spazzolino ci si vedrebbe costretti a comprarne due (o più) diversi.

Il suo prezzo è di 129€, molto buono se si considera il prezzo degli spazzolini di pari specifiche (o simili) dei brand più blasonati. Lo si può acquistare sul sito ufficiale dove si può ricevere in omaggio l'igienizzante Oclean S1 (basta aggiungerlo al carrello).

Il sample per la recensione per questa recensione è stato fornito da Oclean che non ha avuto un'anteprima di questo contenuto e non ha fornito compenso monetario.

L'articolo Recensione Oclean X Ultra S: lo spazzolino smart parla e si connette al Wi-Fi sembra essere il primo su Smartworld.

Il pieghevole più economico di sempre presto in promo: unboxing di Blackview Hero 10

Wed, 05/29/2024 - 11:54

Negli ultimi anni abbiamo visto un notevole incremento dell'interesse nei confronti degli smartphone pieghevoli, con i principali attori del mercato che hanno lanciato i loro primi modelli. A questi sta per aggiungersi Blackview.

Il produttore cinese ha infatti presentato il suo Hero 10, un pieghevole che ci ricorda Galaxy Z Flip 5 per la sua struttura e che presto arriverà in Italia a un prezzo davvero incredibile.

Canale Telegram Offerte

Parliamo di pieghevole più economico di sempre, almeno finora, perché il dispositivo è atteso nel mercato italiano a meno di 400 euro grazie a un'interessante promo di lancio.

Riguardo le sue specifiche tecniche, già sappiamo che il nuovo Blackview Hero 10 arriverà con un processore Mediatek Helio G99, un display interno da 6,9" FullHD+ in tecnologia AMOLED e un più piccolo display esterno circolare da 1,19" con risoluzione di 390 pixel di diametro.

Ci saranno 12 GB di RAM e 256 GB di memoria interna. La fotocamera principale è da 108 megapixel, accompagnata da una megapixel da 8 megapixel e da una 32 megapixel frontale nel foro. La batteria sarà da 4.000 mAh e ci sarà la ricarica è rapida a 45W. Il software sarà su base Android 13, personalizzato con l'interfaccia DokeOS 4.0 di BlackView.

Dunque, non ci resta che attendere il debutto ufficiale di Blackview Hero 10 in Italia, il che dovrebbe avvenire nei prossimi giorni. Proprio in occasione del lancio arriverà una promozione per prenderlo subito a prezzo scontato, tramite un codice che condivideremo sul nostro canale Telegram dedicato: ecco il link per iscrivervi e non perdervelo.

Qui sotto vi lasciamo intanto il nostro unboxing del dispositivo per averne subito un'anteprima.

L'articolo Il pieghevole più economico di sempre presto in promo: unboxing di Blackview Hero 10 sembra essere il primo su Smartworld.

Pages