Android World

Condividi su:

Condividi su:



MANUALINUX


Subscribe to Android World feed
Tutte le news dal mondo Android in italiano, ogni giorno per te.
Updated: 16 min 46 sec ago

I JVC Gummy mini costano così poco che meritano un'occhiata

Tue, 01/19/2038 - 04:14

All'interno della confezione di vendita troviamo la solita dotazione: due gommini aggiuntivi (taglie S ed L) e un cavetto USB/USB-C per la ricarica.

Gli auricolari sono in-ear e si incastrano ben a fondo nel canale uditivo: sono piccoli, leggeri e con una forma affusolata, se siete abituati agli in-ear non avrete troppi problemi. Al contrario, se siete tra gli utenti che non amano avere auricolari incastrati nell'orecchio, vi suggerisco di guardare oltre.

Nel complesso, però, i JVC Gummy mini rimangono ben incastrati e isolano molto dal rumore esterno, con i gommini in silicone che fungono un po' da tappi.

Il case è relativamente grosso, soprattutto considerando che offre solo 9 ore di autonomia in più. Pur non essendo particolarmente lungo, è molto spesso, il che lo rende più scomodo di altri in tasca.

La qualità audio non è elevatissima (parliamo sempre di un auricolari molto economici), ma l'ascolto è divertente: JVC scommette sui bassi e lo fa bene, con un un suono caldo e avvolgente. L'isolamento acustico garantito dalla forma degli auricolari migliora ulteriormente la resa dei bassi.

Il Bluetooth è in versione 5.1 e la connessione è sempre stabile, i codec supportati sono AAC e SBC e non c'è nessun problema di ritardo nell'audio guardando un film.

I controlli sono basati su tasti fisici, nascosti dietro la plastica degli auricolari. I pulsanti danno un bel feedback chiaro, ma sono duri da premere e fastidiosi, perché ti costringono a spingere l'auricolare dentro l'orecchio, soprattutto per doppio clic e triplo clic. Un workaround è tenere fermo l'auricolare tra pollice e medio, cliccando con l'indice, ma ovviamente non è il massimo della comodità. 

I comandi funzionano così:

  • Auricolare SX:
    • Clic: Play/Pausa
    • Doppio clic: Volume -
    • Triplo clic: Volume+
  • Auricolare DX:
    • Clic: Play/Pausa
    • Doppio clic: Traccia successiva
    • Triplo clic: Traccia precedente

L'autonomia è di 6 ore con una singola ricarica: sufficiente, ma non eccelsa, considerando che non troviamo ANC o altre funzioni smart. Il case offre solo 9 ore aggiuntive (per un totale di 15 ore complessive), un po' poco, considerando le alternative sul mercato.

I microfoni sono sufficienti per chiamate in casa, in silenzio, ma subiscono molto il rumore di fondo e diventano praticamente inutilizzabili se ci si trova in contesti rumorosi.

Il prezzo è il punto forte di questi auricolari: 35€, un costo assolutamente accessibile, che ne giustifica (almeno in parte) le carenze.

L'articolo I JVC Gummy mini costano così poco che meritano un'occhiata sembra essere il primo su Mobileworld.

Il widget dei Pixel permette di controllare anche i timer dei Nest

5 hours 35 min ago

Google ha sempre dedicato un certo grado di attenzione alla personalizzazione grafica di Android, e questo passa anche i widget, elementi grafici presenti da sempre sul robottino verde.

BLACK FRIDAY AMAZON

Nelle ultime ore sono emersi degli interessanti dettagli sulla prossima novità attesa sul widget denominato At a Glance, quello che troviamo di default su tutti i Pixel di casa Google con il Pixel Launcher. Gli screenshot in galleria vi forniranno un'anteprima dettagliata.

Stiamo parlando della nuova informazione relativa ai timer avviati su altri dispositivi Nest connessi dal widget At a Glance. In sostanza, si tratta della possibilità di consultare e gestire lo stato del timer avviato su altri dispositivi domotici Nest, connessi allo stesso account Google presente sul Pixel. L'opzione sarebbe attivabile tramite le impostazioni del widget stesso.

Quindi la novità non solo permette di visualizzare lo stato del timer ma anche di interagirvi direttamente attraverso lo smartphone.

La nuova funzionalità che abbiamo appena visto è stata avvistata da alcuni utenti possessori di Pixel 7. Dalle nostre parti ancora non è arrivata. Non sappiamo se si tratta di una distribuzione su larga scala o di una prima fase di test pubblico.

L'articolo Il widget dei Pixel permette di controllare anche i timer dei Nest sembra essere il primo su Androidworld.

Google introduce ufficialmente l'archiviazione delle app tramite il Play Store

7 hours 7 min ago

Ogni volta gli aggiornamenti di Sistema Google comprendono vari miglioramenti al Play Store. Ad esempio, l'ultimo update introduce un'importante novità: la possibilità di reinstallare le applicazioni sui nostri smartphone evitando di completare tutte le volte il processo di configurazione.

Questa funzionalità, presentata da Google a marzo, consente agli utenti di disinstallare le applicazioni ma con un'importante differenza rispetto al passato: il Play Store, infatti, conserva i dati locali del software. In pratica, sarà come se l'app non fosse stata mai rimossa dal dispositivo (si parla appunto di "archiviazione"). Si tratta di un importante passo in avanti: pensiamo agli appassionati di giochi oppure ai possessori di telefoni con una limitata capacità di archiviazione. Questo aggiornamento è disponibile con la versione 33.4 del Google Play Store.

Dunque, Google continua ad arricchire l'esperienza degli utenti con il Play Store che, tra l'altro, nel 2023 dovrebbe finalmente essere più adatto a chi lo utilizza con un tablet. Difatti, recenti indiscrezioni hanno rivelato che il colosso di Mountain View sarebbe intenzionata a riprogettare l'app in modo tale da risultare più funzionale sui grandi schermi. Tra le novità, una rivisitazione totale della sezione "Giochi", che dovrebbe includere anche le descrizioni delle app e gli screenshot visualizzabili sulla schermata principale. Infine, l'azienda ha anche annunciato che gli sviluppatori potranno aggiungere fino ad otto screenshot in formato 16:9 sul Play Store per Chromebook.

L'articolo Google introduce ufficialmente l'archiviazione delle app tramite il Play Store sembra essere il primo su Androidworld.

OnePlus 11 avrà gli stessi colori di OnePlus 10?

Sat, 11/26/2022 - 12:16

Sul prossimo OnePlus 11 non sono mancate di certo voci ed indiscrezioni, che quasi quotidianamente hanno permesso di fare luce sulle specifiche del prossimo top di gamma dell'azienda. L'ultima anticipazione ha interessato i colori del dispositivo, che dovrebbero essere gli stessi visti sulla serie 10. A dare questo annuncio ci ha pensato Max Jambor su Twitter, una fonte ritenuta piuttosto affidabile. Jambor, nello specifico, ha dichiarato che il nuovo telefono sarà disponibile nei colori nero e verde, con il primo che avrà una finitura opaca mentre l'altro sarebbe lucido.

Questa notizia, se venisse confermata, rappresenterebbe una piccola sorpresa visto che OnePlus, in passato, ha sempre rinnovato le tonalità dei suoi smartphone. Ad esempio, la serie 8 si caratterizzò per i colori blu e verde vivace, mentre quella successiva includeva colori come argento, viola, blu e verde. Al di là di questo particolare, però, il dispositivo dovrebbe essere equipaggiato con importanti aggiornamenti dal punto di vista tecnico, a partire dalla presenza del nuovo chip di Qualcomm, ovvero lo Snapdragon 8 Gen 2. Non dovrebbero mancare all'appello anche l'ultimo tipo di memoria UFS 4.0.

Anche il design, infine, presenterebbe delle piccole modifiche rispetto al passato. Innanzitutto il modulo che ospiterà i sensori delle fotocamere sarà circolare, mentre il corpo del dispositivo dovrebbe essere realizzato in ceramica su di un telaio metallico. Insomma, l'azienda avrebbe lavorato con l'obiettivo di dare agli utenti un prodotto premium, sia sul piano del design che su quello delle componenti interne.

L'articolo OnePlus 11 avrà gli stessi colori di OnePlus 10? sembra essere il primo su Androidworld.

Galaxy Watch 5 si aggiorna: arriva la watchface per i Mondiali di calcio

Fri, 11/25/2022 - 16:47

Samsung si conferma uno dei protagonisti non solo per il settore smartphone ma anche per quello degli smartwatch, rilasciando un nuovo aggiornamento software per il suo dispositivo più recente.

BLACK FRIDAY AMAZON

Stiamo parlando ovviamente di Galaxy Watch 5, lo smartwatch del produttore sudcoreano arrivato quest'anno con base software Wear OS. Il nuovo firmware fa riferimento alla build AVK7 e ha un peso di circa 500 MB.

Con questo aggiornamento è stata introdotta un'interessante novità che riguarda la personalizzazione grafica, con la nuova watchface denominata Ball Watch Face. Come vedete dagli screenshot che trovate alla fine di questo articolo, la nuova watchface è a tema dei Mondiali di calcio attualmente in corso.

Infatti, la nuova watchface permette la personalizzazione secondo i colori delle varie squadre che partecipano al torneo. Oltre a questo, sono stati introdotti dei miglioramenti per la sicurezza software, con le patch di sicurezza aggiornate a novembre 2022.

L'aggiornamento appena descritto è attualmente in fase di distribuzione automatica per gli utenti in Corea del Sud, ci aspettiamo che nel breve arrivi anche in Europa. I modelli coinvolti nell'aggiornamento sono Galaxy Watch 5 e Watch 5 Pro.

L'articolo Galaxy Watch 5 si aggiorna: arriva la watchface per i Mondiali di calcio sembra essere il primo su Androidworld.

Le impostazioni di Android Auto diventano finalmente al passo col 2022

Fri, 11/25/2022 - 15:32

La nuova interfaccia Coolwalk è finalmente approdata su Android Auto (ecco le migliori app da installare), e anche se purtroppo non tutti gli utenti interessati sono riusciti a partecipare al programma beta, si spera che a breve ci sarà un rilascio generale.

C'era un problema però. Nonostante il nuovo Android Auto sia molto più moderno e funzionale, le impostazioni (accessibili dal telefono) erano rimaste le stesse di prima. Fino ad oggi, perché il canale Telegram Google News ha infatti individuato delle nuove impostazioni nella versione 8.5 dell'app. 

BLACK FRIDAY AMAZON

In realtà in quella versione c'erano solo delle indicazioni non funzionanti che Google stesse aggiornando l'interfaccia, e solo con la versione 8.6 di Android Auto Beta il nuovo design è diventato pienamente funzionale. La riprogettazione porta finalmente il design Material You e una serie di novità:

  • pulsanti a forma di pillola
  • intestazioni più grandi
  • pulsante arrotondato per connettersi all'auto
  • tema scuro
  • finestre arrotondate

Come si può vedere dall'immagine sotto (le prime due sono screenshot delle nuove impostazioni, l'ultima a destra quella attuale), anche l'immagine di intestazione è sparita.

Nell'insieme, la nuova grafica è sicuramente più omogenea con il resto dell'interfaccia, e le opzioni sono più chiare e semplici da raggiungere. Qui sotto potete vedere un'altra parte dell'interfaccia, con le finestre di scelta che ora presentano angoli arrotondati.

Per quanto riguarda la distribuzione, le nuove impostazioni non sembrano disponibili per tutti gli utenti. Al momento non è chiaro se Google News abbia abilitato le nuove impostazioni da linea di codice dopo aver decompilato l'app o se semplicemente la nuova interfaccia non è ancora stata rilasciata per tutti gli utenti che partecipano alla beta di Android Auto

Qualunque sia la spiegazione, è comunque confortante sapere che Google sia al lavoro su questo aspetto dell'interfaccia, che ha ricevuto un dovuto e apprezzato aggiornamento. Se siete curiosi di vedere com'è la nuova Android Auto, vi lasciamo al nostro video dedicato.

L'articolo Le impostazioni di Android Auto diventano finalmente al passo col 2022 sembra essere il primo su Androidworld.

Google Keep dice addio alle vecchie versioni di Wear OS

Fri, 11/25/2022 - 14:50

È un periodo di cambiamenti, per Google Keep. L'app di Google che permette di gestire e personalizzare le note, infatti, ha da poco ricevuto una riprogettazione su tablet e pieghevoli, e anche un nuovo tile, esclusivamente per smartwatch con Wear OS 3.

E proprio questo punto sembra essere stato l'inizio di un cambiamento radicale, in quanto da qualche giorno, silenziosamente, Google ha abbandonato il supporto dell'app ai dispositivi con Wear OS 2.

Offerte Amazon

Il primo a notare questa novità è stato un utente di Reddit, che ha pubblicato un post in cui si chiedeva come mai non potesse trovare Keep dal suo orologio con Wear OS 2, notizia poi rimbalzata su tutti i siti di settore.

In questo momento, infatti, se cercate Google Keep nel Play Store utilizzando un orologio Wear OS 2 non la troverete, e se invece la cercate da dispositivo mobile o da Web, sotto la sezione "Compatibilità con i dispositivi attivi", troverete la voce "Non funziona sul tuo dispositivo".

La versione 5.22.452.00.97 dell'app indica solo "Android 11 e versioni successive" come requisito.

Cosa sta succedendo? Ricordiamo che se avete Keep già installata, non avrete problemi, ma non potete installarla in caso di ripristino o per qualunque altro motivo.

Google non ha detto niente, ma il cambiamento potrebbe essere avvenuto con la riprogettazione dell'app successiva all'introduzione del nuovo tile di cui parlavamo in apertura. Da allora infatti l'app ha perso l'iconico colore giallo per gli accenti e ha ricevuto una grafica molto più moderna e in stile Material (immagine sotto: in alto la vecchia interfaccia, in basso la nuova).

Certo la scelta di Google di rimuovere il supporto per Keep agli smartwatch più vecchi è piuttosto drastica. Ora in commercio ci sono indubbiamente una serie di dispositivi con Wear OS 3, come Pixel Watch (non in Italia, cough, cough), Galaxy Watch 4/5 e Fossil Gen 6, ma molti utenti stanno sicuramente usando orologi con Wear OS 2, e magari stanno solo aspettando l'aggiornamento.

E le altre app di Google? Al momento Google, Gboard, Fit, Wallet, Messaggi, Fotocamera, Orologio, Wear OS e YouTube Music sono tutt'ora disponibili da un orologio con Wear OS 2, ma a questo punto è difficile prevedere per quanto. Sappiamo bene quanto Google sia inesorabile nelle sue decisioni.

L'articolo Google Keep dice addio alle vecchie versioni di Wear OS sembra essere il primo su Androidworld.

Samsung Galaxy A34, emergono render e primi dettagli

Fri, 11/25/2022 - 12:23

Tutti aspettano notizie sui nuovi Galaxy S23, se avranno la connettività satellitare, una fotocamera da 200 MP o il nuovo Snapdragon 8 Gen2, ma Samsung non produce solo top di gamma

Ecco quindi che, probabilmente per farsi perdonare il non eccelso Galaxy A33, il gigante coreano starebbe preparando il prossimo telefono della serie A, il Galaxy A34

BLACK FRIDAY AMAZON

Grazie a OnLeaks e Giznext, siamo riusciti ad entrare in possesso dei primi render e di alcune specifiche del nuovo medio gamma della casa di Seul.

Galaxy A34: design

Dal punto di vista del design, possiamo notare una maggiore cura e un miglioramento rispetto a quanto visto nei modelli precedenti. Il dispositivo infatti si presenta con cornici leggermente curve, bordi curvi e uno schermo piatto. Come il Galaxy A14 visto a ottobre, il telefono presenta un notch a goccia per la fotocamera frontale, cornici sottili per ospitare il pannello Infinity-U e una porzione inferiore (il "mento"), leggermente più spesso degli altri lati, ma non come nei modelli della precedente generazione.

Sul lato destro troviamo sia il bilanciere del volume che il tasto di accensione, in cui è integrato il sensore di impronte digitali. Nella parte inferiore, invece, possiamo osservare la porta USB-C, un microfono e, finalmente, il jack per le cuffie da 3,5 mm. Il carrellino per la SIM è posizionato invece sul bordo superiore.

Galaxy A34: caratteristiche tecniche

Per quanto riguarda invece le caratteristiche tecniche, siamo riusciti a ottenere questi dati:

  • Schermo: Infinity U da 6,5 ​​pollici
  • Fotocamere posteriori: tre, con flash LED
  • Dimensioni: 161,3 x 77,7 x 8,2 mm

Per quanto riguarda tipo e risoluzione del pannello non ci sono informazioni, ma è lecito attendersi lo stesso pannello sAMOLED del predecessore Galaxy A33 5G.

Per quanto riguarda la presenza di connettività 5G, non è certa, ma è sicuramente molto probabile, mentre la presenza di tre fotocamere posteriori con flash LED è confermata sia dai rendering che da una fonte interna.

Prezzo e disponibilità 

Secondo Giznext, Samsung ha appena inviato il dispositivo in produzione, ed è quindi difficile che venga presentato entro l'anno. Tutto lascia supporre un lancio nella prima metà del 2023. Anche il prezzo è ignoto, ma dovrebbe essere in linea con il Galaxy A33 5G (389 euro al lancio), se non peggio visto il trend del momento, anche se forse una limata potrebbe favorirne la diffusione. Continuate a seguirci per scoprire ulteriori dettagli, e intanto vi lasciamo al video in cui potete ammirare il nuovo dispositivo da tutti i lati. 

L'articolo Samsung Galaxy A34, emergono render e primi dettagli sembra essere il primo su Androidworld.

Anche AA Wireless festeggia compleanno e Black Friday con uno sconto

Fri, 11/25/2022 - 08:08

Chi ci segue da qualche tempo conoscerà senz'altro AA Wireless (qui trovate la nostra recensione), l'adattatore che, come suggerisce il nome, permette di usare Android Auto Wireless anche su auto che non lo supportano.

Il progetto era nato su Indiegogo nel 2020, e dopo sei mesi di gestazione era evoluto, limando i problemi e trasformandosi in un vero e proprio gioiello, che a distanza di due anni ci permette di apprezzare il meglio dell'interfaccia per veicoli di Google.

Offerte Amazon

Il concetto di AA Wireless è molto semplice. Avete un'auto che permette di usare Android Auto solo via cavo? Accendete l'auto, collegate il dispositivo, di dimensioni estremamente ridotte (5 cm per lato), alla porta USB a cui normalmente attacchereste il telefono e avviate l'app gratuita, che in un attimo assocerà AA Wireless al vostro smartphone.

Da quel momento in poi non dovrete più tirare fuori il cellulare dallo zaino per far partire Android Auto, ma tutto avverrà automaticamente.

AA Wireless, i cui punti di forza sono il prezzo piuttosto contenuto (se rapportato con il mercato), l'estrema facilità di utilizzo e la stabilità della connessione, ha continuato a evolvere. Se all'inizio auto e telefoni compatibili non erano moltissimi, ora il supporto è molto più ampio, e anche l'app è stata completamente rinnovata, oltre al fatto che per comprarlo non dovete più passare da Indiegogo ma c'è uno store ufficiale.

In questi giorni l'adattatore celebra il suo secondo compleanno e il Black Friday con un'offerta che lo rende ancora più appetibile.

Lo sconto, del 10%, porta il prezzo da 89,99 euro a 81 euro. Non certo da urlare al miracolo o all'affare del secolo, ma sufficiente per tentare chi è stufo di armeggiare con il cavo del proprio veicolo e invidia gli amici che posseggono un'auto con Android Auto Wireless

L'articolo Anche AA Wireless festeggia compleanno e Black Friday con uno sconto sembra essere il primo su Androidworld.

Avvistato Xiaomi 13 su Geekbench: confermati Snapdragon 8 Gen 2 e 12 GB di RAM

Fri, 11/25/2022 - 07:07

Xiaomi dovrebbe lanciare la sua nuova serie "Xiaomi 13" nelle prossime settimane. Almeno in un primo momento, i dispositivi dovrebbero essere due: Xiaomi 13 e 13 Pro. Il primo, con il numero di modello 2211133C, è stato già individuato prima sul sito di certificazione "3C" e dopo nel database di benchmark di "Geekbench 5". Lo smartphone ha ottenuto 1497 punti nel round single-core e circa 5809 punti in quello multi-core. Il sito, tra l'altro, ha rivelato la presenza di un processore octa-core con configurazione dei core "1+3+4".

Nello specifico, si tratta del nuovo chip di Qualcomm, lo Snapdragon 8 Gen 2, che verrà affiancato da 12 GB di RAM (ma dovrebbe esserci anche una versione con 8 GB). Sul piano del software, il nuovo Xiaomi debutterà con Android 13 (ovviamente a farla da padrone ci sarà la MIUI). Il design, invece, presenta qualche sorpresa: i nuovi modelli, infatti, avranno un display dai bordi piatti, mentre il modulo fotografico ricorda quello già visto sugli iPhone 14 e su alcuni modelli di OPPO. Non mancherà, poi, il supporto alla ricarica rapida da 67 W (con la batteria che dovrebbe avere una capacità di 5.000 mAh).

La nuova serie, che dovrebbe debuttare a dicembre in Cina (e all'inizio del 2023 in Europa), potrebbe riservare qualche sorpresa anche sul nome. Difatti, recenti indiscrezioni hanno rilanciato l'ipotesi che i nuovi modelli potrebbero appartenere alla serie "14", saltando dunque il numero "13". A riguardo, non sono arrivate ancora conferme ufficiali. Dunque, occorrerà attendere la presentazione ufficiale.

L'articolo Avvistato Xiaomi 13 su Geekbench: confermati Snapdragon 8 Gen 2 e 12 GB di RAM sembra essere il primo su Androidworld.

La famiglia OPPO Reno 9 ufficiale: un tripudio di eleganza

Thu, 11/24/2022 - 17:01

OPPO si conferma uno degli attori principali nel contesto smartphone e lancia la nuova serie di dispositivi di gamma alta. Parliamo della famiglia OPPO Reno 9, che arriva ufficialmente in Cina nel bel mezzo del Black Friday e che probabilmente vedremo in Europa all'inizio del prossimo anno.

BLACK FRIDAY AMAZON

La famiglia OPPO Reno 9 è composta da tre modelli: la variante base, OPPO Reno 9 Pro e Reno 9 Pro+. Tutti sono accomunati da un design molto elegante, come vedete dalle immagini in galleria, caratterizzato da un modulo fotografico posteriore originale. Andiamo a vedere le schede tecniche complete dei tre nuovi dispositivi di OPPO.

  • Display: 6,7" FHD+ (1.080 x 2.412 pixel) OLED con refresh rate fino a 120Hz, 240Hz touch sampling rate, 2160Hz ultra-high frequency PWM dimming, fino a 950 nits
  • Processore: fino a 3GHz Octa Core Snapdragon 8 Gen 1+ 4nm
  • GPU: Adreno 730
  • RAM: 16GB LPDDR5 RAM
  • Storage interno: 256GB / 512GB UFS 3.1
  • Sistema operativo: Android 13 con ColorOS 13
  • Fotocamera posteriore:
    • Principale: 50 megapixel, 1/1.56" Sony IMX890, f/1.8, OIS, LED flash
    • Grandangolo: 8 megapixel 4cm macro, f/2.2
    • Profondità: 2 megapixel f/2.4, MariSilicon X NPU
  • Fotocamera anteriore: 32 megapixel RGBW con autofocus
  • Sicurezza: sensore d'impronte nel display
  • Dimensioni: 161,5 × 73,6 × 7,99mm
  • Peso: 192g
  • Connettività: 5G SA/NSA, Wi-Fi 6 802.11 ax (2.4GHz + 5GHz), Bluetooth 5.2, USB Type-C, NFC
  • Batteria: 4.700mAh con ricarica rapida a 80W SuperVOOC
  • Display: 6,7" FHD+ (1.080 x 2.412 pixel) OLED con refresh rate fino a 120Hz, 240Hz touch sampling rate, 2160Hz ultra-high frequency PWM dimming, fino a 950 nits
  • Reno 9
    • Processore: Octa Core (4 x 2.4GHz + 4 x 1.8GHz Kryo 670 CPUs) Snapdragon 778G 6nm
    • GPU: Adreno 642L
  • Reno 9 Pro
    • Processore: MediaTek Dimensity 8100-Max (5 nm)
    • GPU: Mali-G610 MC6
  • Reno 9
    • RAM e storage interno: 12GB / 8GB LPDDR4x con 256GB UFS2.2, 12GB LPDDR5 con 512GB UFS3.1
  • Reno 9 Pro
    • RAM e storage interno: 16GB LPDDR5 con 256GB / 512GB UFS 3.1
  • Sistema operativo: Android 13 con ColorOS 13
  • Reno 9
    • Fotocamera posteriore principale: 64 megapixel, f/1.7, LED flash
    • Profondità: 2 megapixel, f/2.4
  • Reno 9 Pro
    • Fotocamera posteriore principale: 50 megapixel, f/1.8, LED flash
    • Grandangolo: 8 megapixel, f/2.2, MariSilicon X NPU
  • Fotocamera anteriore: 32 megapixel con autofocus, f/2.4
  • Sicurezza: sensore d'impronte integrato nel display
  • Dimensioni: 162,3 × 74,2 × 7,19mm
  • Peso: 174g
  • Connettività: 5G SA/NSA, Wi-Fi 802.11 ac (2.4GHz + 5GHz), Bluetooth 5.2, USB Type-C, NFC
  • Batteria: 4.500mAh con ricarica rapida a 67W SuperVOOC

Il nuovo OPPO Reno 9 arriva nelle colorazioni Red, Black, Gold e Gradient e ha un prezzo che parte da circa 350€ per il modello da 8GB +256GB, e arriva a circa 420€ per quello con 12GB +512GB.

OPPO Reno 9 Pro arriva nelle colorazioni Black, Gold e Gradient e ha un prezzo che parte dall'equivalente di circa 500€ per il modello da 16GB +256GB e arriva a circa 530€ per il modello con 16GB +512GB.

Infine, OPPO Reno 9 Pro+ arriva nelle colorazioni Black, Gold e Green e ha un prezzo che parte dall'equivalente di circa 560€ per il modello da 16GB +256GB e arriva all'equivalente di circa 620€ per il modello con 16GB +512GB. Questi nuovi smartphone sono stati annunciati esclusivamente per il mercato cinese al momento, dove arriveranno a partire da inizio dicembre.

L'articolo La famiglia OPPO Reno 9 ufficiale: un tripudio di eleganza sembra essere il primo su Androidworld.

Gli smartphone Samsung con processore Exynos e GPU Mali minacciati da problemi di sicurezza

Thu, 11/24/2022 - 16:53

Non arrivano buone notizie per gli utenti Samsung. Milioni di dispositivi equipaggiati con chip Exynos – per la precisione quelli dotati di GPU Mali – risultano attualmente vulnerabili a diversi rischi. Tra questi, uno può causare danni alla memoria del kernel, un altro, invece, potrebbe condurre alla divulgazione di indirizzi di memoria fisica mentre altre tre vulnerabilità provocherebbero ulteriori criticità.

L'aspetto più preoccupante di questa vicenda è che le citate vulnerabilità potrebbero favorire da parte di un malintenzionato l'accesso completo al sistema e raggirare, così, tutte le autorizzazioni di Android. Questi difetti, scoperti da "Project Zero", sono stati già portati all'attenzione di ARM a giugno e luglio. L'azienda ha risolto queste criticità nel mese successivo, ma al momento nessun fornitori di smartphone avrebbe rilasciato le specifiche patch di sicurezza.

Questo tipo di GPU si può trovare in dispositivi Samsung, Xiaomi e OPPO. Tra l'altro, lo stesso tipo di pericolo sarebbe stato avvistato anche su un Pixel 6: nonostante ciò, però, Google non avrebbe rilasciato nessun aggiornamento a riguardo. Non correrebbero nessun rischio, invece, gli smartphone Samsung dotati di processori Snapdragon oppure la serie Galaxy S22. Difatti, i dispositivi appartenenti a questa linea possiedono un chip grafico Xclipse 920 anziché una GPU Mali.

L'articolo Gli smartphone Samsung con processore Exynos e GPU Mali minacciati da problemi di sicurezza sembra essere il primo su Androidworld.

Google Messaggi riceve le reaction con qualsiasi emoji

Thu, 11/24/2022 - 10:50

Negli ultimi anni abbiamo visto Google apporre particolare attenzione al supporto e allo sviluppo software delle sue app per smartphone e tablet Android. Tra quelle più curate ultimamente troviamo sicuramente Google Messaggi.

BLACK FRIDAY AMAZON

Recentemente l'app Google Messaggi ha ricevuto una nuova icona, coerente con il nuovo Material You e con le icone delle app Contatti e Telefono. Nelle ultime ore la stessa Google Messaggi ha ricevuto un'ulteriore novità.

Gli screenshot che trovate nella galleria in basso mostrano di cosa si tratta. In sostanza si parla della possibilità di reagire ai messaggi nelle chat di Google Messaggi con qualsiasi emoji a disposizione. Questo prima non era possibile perché l'app permetteva delle reaction confinate alle più popolari sette emoji, in grado di essere mnostrate su una singola riga.

Con questa nuova funzionalità sarà invece possibile apporre reaction con qualsiasi emoji a disposizione: come mostrato dagli screenshot in basso, basterà tappare sul pulsante contrassegnato dal "+" per aprire il pannello completo delle emoji e scegliere quella che si preferisce.

La novità che abbiamo appena visto è stata avvistata da diversi utenti che hanno aderito al programma di beta testing dell'app. Ancora non sappiamo se è in fase di distribuzione anche per coloro che hanno la versione stabile dell'app. A questo indirizzo potete aderire anche voi alla beta di Google Messaggi.

L'articolo Google Messaggi riceve le reaction con qualsiasi emoji sembra essere il primo su Androidworld.

Galaxy A72 si unisce alla famiglia di Android 13: parte il rollout

Thu, 11/24/2022 - 10:40

Torniamo a parlare di Samsung, il produttore sudcoreano che conferma con decisione la particolare attenzione nell'ambito del supporto software ai suoi smartphone, con particolare riguardo ai suoi top di gamma ma non solo.

Offerte Amazon

Dopo aver visto il rilascio dell'aggiornamento ufficiale ad Android 13 in versione stabile per il suo Galaxy Z Fold 4, Galaxy Note 10 Lite e S21 FE, è tempo di festeggiare anche per Galaxy A72.

Lo smartphone di gamma media lanciato la metà dello scorso anno anche in Italia ha infatti ricevuto il major update ad Android 13 nelle ultime ore. Si tratta ovviamente della One UI 5.0, la personalizzazione software di Samsung sviluppata su base Android 13. La build corrisponde alla versione A725FXXU4CVJB.

Tra le novità incluse troviamo tutte le nuove funzionalità che caratterizzano Android 13 stock oltre a quelle esclusive sviluppate da Samsung con la One UI 5.0, comprese le personalizzazioni apportate alle apop di sistema Samsung. Oltre a questo, troviamo anche le patch di sicurezza Android aggiornate a novembre 2022.

La distribuzione di Android 13 per Galaxy A72 è attualmente in corso via OTA in Russia e ci aspettiamo che entro i prossimi giorni il rollout verrà allargato anche all'Italia.

Nel frattempo, vi ricordiamo che il Black Friday è entrato nel vivo, soprattutto con le offerte di Amazon. Qui sotto trovate il link per seguire tutte le offerte da vicino.

BLACK FRIDAY AMAZON

L'articolo Galaxy A72 si unisce alla famiglia di Android 13: parte il rollout sembra essere il primo su Androidworld.

iPhone chi? Forse anche i Galaxy S23 avranno la connettività satellitare

Thu, 11/24/2022 - 10:39

Sappiamo bene come Samsung sia particolarmente attenta a rilanciare colpo su colpo nei confronti dei rivali, almeno per quanto riguarda il numero di funzioni dei propri dispositivi, e questo non poteva non comprendere anche la connettività satellitare

La modalità SOS emergenze satellitare (ecco come funziona), che consente di chiedere aiuto anche in assenza di connettività cellulare (non ancora disponibile in Italia), è infatti una delle caratteristiche più interessanti dei nuovi iPhone 14 e, solo per gli utenti cinesi, anche del nuovo Huawei Mate 50 Pro.

Ora dalla Corea arriva la notizia che la società di Seul sarebbe al lavoro da alcuni anni sulla tecnologia e, vista la situazione altamente competitiva del mercato, potrebbe accelerare i tempi e introdurla nei prossimi Galaxy S23.

BLACK FRIDAY AMAZON

A diffondere l'anticipazione è il sempre attentissimo Ice Universe su Twitter, che riporta un articolo a firma Park Ji-sung sul sito coreano etnews.

L'articolo, proprio di oggi, è la prima notizia del sito e si intitola "Samsung, il telefono Galaxy di nuova generazione sarà dotato di "comunicazione satellitare" di Iridium".

L'autore spiega che da due anni Samsung sta sviluppando la tecnologia satellitare insieme a Iridium, una società che fornisce servizi di comunicazione voce e dati nello spazio utilizzando 66 satelliti di comunicazione a orbita bassa (LEO).

Questa procedura è simile a quella di Apple, che ha riversato milioni di dollari nella partnership con Globalstar, e di Huawei, che si è invece appoggiata alla rete satellitare cinese Baidu. 

L'obiettivo di Samsung è trasmettere dati come messaggi di testo e immagini a bassa capacità a centinaia di kbps, ma si è scontrata con i limiti fisici dell'antenna (RF), che deve essere piuttosto grande per consentire comunicazioni voce e dati ad alta velocità.

La sfida maggiore consiste infatti nel ridurre le dimensioni dell'antenna satellitare tanto da poterla inserire in uno smartphone. Apple ha risolto limitando la comunicazione ai soli SMS, ma secondo l'articolo Samsung è già riuscita a portare a termine gran parte del processo, riuscendo a integrare il modem di comunicazione mobile esistente e il modem di comunicazione satellitare per l'elaborazione dei dati digitali (anche se non sappiamo se questi riguardano i soli messaggi di testo).

A questo punto, tutta l'attenzione è rivolta ai nuovi Galaxy S23, su cui continuano ad affiorare anticipazioni man mano che si avvicina il giorno del lancio. In Corea, nonostante giudichino la connettività satellitare piuttosto inutile viste le dimensioni del territorio, sono convinti che i nuovi top di Samsung riceveranno la funzione. Il gigante coreano, interrogato sulla questione, si è rifiutato di commentare con un laconico "Non divulghiamo in anticipo informazioni relative allo sviluppo del prodotto".

L'articolo iPhone chi? Forse anche i Galaxy S23 avranno la connettività satellitare sembra essere il primo su Androidworld.

Miglior smartphone fotocamera - Novembre / Black Friday 2022

Thu, 11/24/2022 - 10:02

La nostra lista delle miglior fotocamere su smartphone di novembre / black friday 2022. Se volete invece scoprire altre categorie di smartphone, potete farlo nella pagina dedicata a tutti i migliori smartphone.

Non è facile scegliere il miglior telefono per fare foto, che si questo un dispositivo Android o con altro sistema operativo. Genericamente la miglior fotocamera smartphone è quella che scatta le migliori foto, ma ci sono molti fattori da tenere in conto, che analizzeremo in seguito. Per semplificarvi la ricerca abbiamo quindi voluto realizzare una lista dei migliori smartphone per fare foto e che hanno quindi la migliore fotocamera. Si tratta di smartphone di ogni tipologia e prezzo, anche se ovviamente per avere una buona fotocamera su di uno smartphone il prezzo non potrà che essere abbastanza alto (ma proviamo a darvi opzioni per ogni categoria). Troverete comunque smartphone di fascia media, di fascia alta e anche dall'ottimo rapporto qualità prezzo.

Essendo spesso smartphone top di gamma quelli a scattare le migliori foto, spesso sono anche smartphone eccellenti anche sotto altri comparti, ma proveremo comunque a spiegarveli al meglio nella nostra guida all'acquisto (aggiornata a novembre / black friday 2022) affinché abbiate il miglior quadro della situazione. Se invece cercate le migliori app per fare foto trovate il link subito sotto.

Redmi Note 11

Come per tutti gli smartphone economici di questa selezione ovviamente non vi aspettate scatti da top di gamma, ma almeno per il suo sensore principale (da 50 megapixel) si difende egregiamente. Le foto sono nitide e con un buon bilanciamento del colore. Con poca luce bisogna usare la modalità notturna, che rende comunque le foto quantomeno utilizzabili.

Redmi Note 11 Pro+ 5G

Redmi Note 11 Pro+ 5G, pur essendo uno smartphone della fascia medio bassa è comunque un prodotto molto interessante dal punto di vista fotografico. Monta infatti un buon sensore da 108 megapixel che riesce a realizzare scatti, in varie condizioni di luce, con risolutati migliori dei suoi concorrenti.

Honor 70

Honor ha fatto un eccellente lavoro con Honor 70. Lo smartphone monta l'ultimo sensore da 54 megapixel capace di fare ottime foto anche con poca luce e in condizioni di illuminazione difficile e anche bei video. Bene anche la fotocamera grandangolare da ben 50 megapixel. Si difende anche la fotocamera frontale da 32 megapixel.

Xiaomi 12 Lite

Xiaomi ha fatto un ottimo lavoro su questo "piccolo" Xiaomi 12 Lite. È soprattutto la fotocamera principale ad aver goduto di questa attenzione, grazie al sensore da ben 108 megapixel. Questa fotocamera è una vera sorpresa per la fascia media e permette di realizzare ottimi scatti. Anche i video in 4K (a 30fps) ne hanno guadagnato. La grandangolare ha una risoluzione un po' bassa, bene la frontale da 32 megapixel.

Google Pixel 6A

Non avrà la fotocamera zoom di Pixel 6 Pro, ma si difende bene. Chi guarda molto le schede tecniche potrebbe un po' storcere il naso per la presenza del sensore fotografico dei vecchi Pixel, ma la verità è che il software Google riesce a spremere il massimo da questi sensori, rendendolo uno degli smartphone migliori della fascia media.

Motorola Edge 30

Motorola Edge 30 è indubbiamente un eccellente rapporto qualità prezzo per chi cerca uno smartphone con un buon comparto fotografico, senza spendere una fortuna. In questo Motorola Edge 30 abbiamo ben due fotocamere da 50 megapixel, di cui una ultra grandangolare. Buoni anche i video in 4K a 30fps dal sensore principale.

Realme 9 Pro+

Realme 9 Pro+ è uno smartphone valido sotto molti aspetti e si difende anche per quanto riguarda il comparto fotografico. La fotocamera che fa la differenza è sicuramente quella principale da 50 megapixel, che fa si che gli scatti risultanti da questo smartphone siano decisamente superiori alla media per gli altri smartphone nella stessa fascia di prezzo.

OnePlus Nord 2

OnePlus con questo Nord 2 ha fatto una scelta coraggiosa che le altre azienda non avevano mai fatto. Mettere una vera fotocamera da top di gamma in uno smartphone di fascia media. La 50 megapixel è la stessa di OnePlus 9 Pro ed è stabilizzata otticamente. La grandangolare non è eccezionale, ma le foto dalla principale saranno migliori di tutto il resto a questo prezzo.

Xiaomi 11T Pro

Lo smartphone Pro della famiglia "T" di Xiaomi è indubbiamente un prodotto rilevante. Non solo perchè garantisce performance da vero top di gamma, ma anche perché il prezzo si è mantenuto decisamente più ragionevole. E in più la fotocamera principale è la stessa da 108 megapixel dello smartphone premium dell'azienda con anche la sua ottima stabilizzazione ottica dell'immagine.

OPPO Reno 6 Pro

OPPO Reno 6 Pro è uno smartphone molto particolare all'interno del listino OPPO. È una sorta di top di gamma venduto a prezzo inferiore. E solitamente le fotocamere sono le prime ad essere "ridotte" in qualità. Ma così non è. Abbiamo un sensore principale da 50 megapixel con stabilizzazione ottica dell'immagine, accoppiato soprattuto ad una fotocamera grandangolare da 16 megapixel e anche da una fotocamera zoom 2x. Quasi sempre assente in questa fascia di prezzo.

Google Pixel 7

Non avrà la fotocamera zoom del modello Pro (che trovate un po' sotto in questa lista) ma Pixel 7 è comunque un piccolo camera phone. La fotocamera principale, insieme alla grandangolare, sono un'ottima accoppiata. Foto nitide, con ottimi colori e con una messa a fuoco precisa e veloce. Molto bene anche i filmati in 4K a 60fps.

Realme GT 2 Pro

Realme GT 2 Pro è uno smartphone top di gamma che appartiene a quella categoria di "economici" che offrono una scheda tecnica molto completa ad un prezzo comunque competitivo (ma non certo stracciato comunque). Lo smartphone è dotato di ben due fotocamere da 50 megapixel: la principale è anche una particolare grandangolare con un campo fino a 150°.

Google Pixel 7 Pro

Google Pixel 7 Pro è ancora una volta uno smartphone top di gamma anche nel comparto fotografico. In questo suo ultimo dispositivo Google ha portato avanti non solo il suo lavoro sul software, ma anche quello sull'hardware grazie al nuovo processore Google Tensor G2. La fotocamera zoom è una 5x e abbiamo ancora una volta ottimi video in 4K.

Samsung Galaxy S22 Ultra

Anche l'ultima generazione di smartphone premium di Samsung stupisce per il comparto fotografico. Ottimo sotto ogni fronte, anche grazie alla doppia fotocamera zoom (3x e 10x) che permette di avere massima flessibilità in ogni occasione. Bene anche per quanto riguarda la parte video e la fotocamera selfie.

OPPO Find X5 Pro

OPPO ha indubbiamente fatto un lavoro eccezionale per quanto riguarda le fotocamera anche in questo suo super Find X5 Pro della fascia premium. La fotocamera principale e quella grandangolare sono due sensori da 50 megapixel, il primo con stabilizzazione ottica dell'immagine e lenti in vetro. Il tutto realizzato e rifinito in collaborazione con Hasselblad.

Troverete a seguire tutti i migliori smartphone per fare foto e per capire meglio come li abbiamo scelti ecco una lista di fattori chiave:

  • Qualità sensore fotografico: ovviamente il primo punto da valutare è quanto buone vengono le foto del proprio smartphone e quindi il sensore scelto è fondamentale
  • Velocità di scatto: importante poi capire quanto velocemente scatta. Uno scatto lento può farvi perdere il momento desiderato
  • Precisione e velocità di messa a fuoco: molto importante poi valutare la messa a fuoco in ogni suoi aspetto. Come la velocità di scatto può rovinarvi una bella foto
  • Semplicità software: se un software della fotocamera non è semplice rischia di farvi perdere tempo nel trovare l'opzione più banale
  • Qualità software: essendo i sensori degli smartphone molto piccoli, molta della bontà degli scatti oggigiorno è data dal lavoro di postprocessing fatto dal software
  • Numero di funzioni: da non sottovalutare poi cosa ci si può fare con la fotocamera del proprio telefono
  • Tecnologie hardware: infine valutiamo anche le tecnologie a disposizione, come laser autofocus, stabilizzatore ottico e sensore spettro colore

Se cercate prodotti differenti dagli smartphone dual SIM, eccovi una selezione di altri ottimi dispositivi:

L'articolo Miglior smartphone fotocamera - Novembre / Black Friday 2022 sembra essere il primo su Androidworld.

Miglior smartphone Android - Novembre - Black Friday 2022

Thu, 11/24/2022 - 10:02

La nostra lista dei migliori smartphone Android di novembre / black friday 2022.

Infine lo spazio dei commenti alla fine di questa lunga lista di smartphone è ovviamente aperto ai vostri suggerimenti e consigli. Vi lasciamo quindi alla nostra lista dei migliori smartphone Android, divisi per fascia di prezzo. A questo link trovate invece la lista per i migliori smartphone in generale, quindi anche iPhone.

Può essere molto difficile scegliere il miglior smartphone Android qualità prezzo ed è per questo che abbiamo scelto di realizzare un'ampia selezione dei migliori prodotti in modo da facilitarvi la scelta. Non sarà certo facile selezionare ogni mese i migliori prodotti per voi, ma grazie a questa guida dettagliata potrete farvi un'idea di quale sia lo smartphone perfetto per voi, che sia di fascia bassa, fascia media o fascia alta. Se cercate smartphone di ogni genere e tipologia potete seguire il link sotto.

Vista la difficoltà nel delineare una lista dei migliori prodotti con sistema operativo Android, abbiamo scelto di selezionare quelli che nelle nostre recensioni hanno ottenuto i voti più alti (sopra 8) e di proporveli, fornendovi anche alcune delle migliori offerte al momento (novembre / black friday 2022) presenti sul mercato online, in modo da poter trovare anche lo smartphone più economico. Nella nostra guida avrete a disposizione quindi una completa lista di smartphone Android ordinati per prezzo crescente, di qualsiasi marca, purché forniti di garanzia.

Se gli smartphone di questa categoria non bastassero, prova con gli smartphone cinesi.

Redmi 9A

Questo smartphone Redmi è indubbiamente la migliore scelta sotto i 100€. A differenza degli altri smartphone di questa selezione NON lo abbiamo provato e non possiamo darvi il nostro parere, ma vogliamo comunque dirvi cosa pensiamo in base alla nostra esperienza, soprattutto visto che i prodotti della concorrenza sono quasi tutti di scarsa qualità e vogliamo invitarvi a non comprare "a caso".

Redmi Note 11

Redmi con questo Note 11 mette a segno un altro successo nella fascia economica del mercato. Lo smartphone garantisce non solo un'ottima autonomia, ma anche una ricarica molto rapida. In più abbiamo il supporto a due SIM e alla microSD, un buon display AMOLED e ha anche una fotocamera (che per la fascia di prezzo) è sopra la media.

POCO X4 Pro 5G

Anche con X4 Pro, il brand POCO (ormai indipendente da Xiaomi, benché rimanga sempre la casa madre) è riuscito a mettere a segno un ottimo dispositivo. Il design potrebbe non piacere a tutti, ma lo smartphone è molto concreto: prezzo contenuto, ottima autonomia, ricarica molto rapida e hardware completo.

POCO M3 Pro 5G

M3 Pro 5G è un altro punto a segno di POCO, brand di Xiaomi, che ha realizzato uno smartphone concreto e completo ad un prezzo estremamente competitivo. Abbiamo un display a 90 Hz, una grande batteria da 5.000 mAh, un processore potente, molta memoria e anche la connettività 5G, come fa intuire il nome. Non ci sono spunti particolari, ma nel complesso anche la fotocamera si difende, fattore spesso esageratamente trascurato in questa fascia di prezzo.

Motorola Edge 30 Neo  

Motorola Edge 30 Neo è uno smartphone di altri tempi, realizzato in policarbonato, leggero e molto tascabile. La fotocamera non sarà la migliore, ma per il resto è un dispositivo pensato per durare nel tempo, anche grazie ad un software pulito e una ricarica rapidissima, con una batteria comunque commisurata alla tipologia del prodotto.

Samsung Galaxy A53

Samsung Galaxy A53 è uno di quegli smartphone che è migliorato nel tempo. Con gli aggiornamenti ricevuto questo Galaxy A53 è sicuramente lo smartphone di fascia media da comprare per chi cerca un dispositivo Samsung. Lo smartphone fa belle foto, è impermeabile e ha uno schermo a 120 Hz decisamente superiore alla media. Anche il software è molto completo e si integra perfettamente nei vari servizi dell'azienda.

Redmi Note 11 Pro+ 5G

Nonostante il nome inutilmente complesso questo smartphone Redmi è uno dei prodotti più interessanti per chi vuole spendere il giusto e ottenere tanto. Buone fotocamere, schermo ottimo e velocità di ricarica istantanea. Viene lanciato con la versione precedente di Android ma se a voi questo dettaglio non importa è un ottimo affare per il rapporto qualità prezzo.

Realme 9 Pro+

Realme, costola di OPPO, ha realizzatto un altro smartphone eccezionale per la sua fascia di prezzo. È potente, offre un'esperienza fluida e scattante e è anche dotato di una buona fotocamera. Ottima poi la ricarica super rapida, che risolve ogni problema di batteria scarica.

Realme GT Neo 2

Uno dei pochi veri best buy degli ultimi periodi è sicuramente questo GT Neo 2 di Realme. Uno smartphone concreto sotto ogni aspetto: ottimo display, ricarica rapidissima, software veloce e completo. Il prezzo poi è molto aggressivo e anche la fotocamera non delude, cosa niente affatto scontata in questa fascia di prezzo.

OPPO Find X3 Lite

Il modello Lite della famiglia Find X3 di OPPO è sicuramente il prodotto più economico, ma non per questo meno interessante. Anzi: di fatto il termine "lite" gli sta sicuramente stretto. Buon display, software completissimo e fotocamere comunque di buon livello.

OnePlus Nord 2

OnePlus Nord 2 è un vero best buy. Lo smartphone infatti riesce a portare in una fascia di prezzo decisamente contenuta specifiche, prestazioni e (soprattutto) fotocamere da vero top di gamma. Un'esperienza completa, con un software pulito, ad un prezzo accessibile. In più abbiamo la ricarica super rapida a 65W e anche lo switch fisico della suoneria.

Motorola Moto G100

Motorola Moto G100 è il Moto G più potente di sempre. Ha un processore top di gamma (lo Snapdragon 870), memorie grandi e veloci e anche tante chicche che non si trovano solitamente in questa fascia di prezzo. Parliamo per esempio dell'uscita video tramite cavo USB-C che abilita anche la possibilità di utilizzare lo smartphone come se fosse un computer, se collegato ad un monitor. In più abbiamo un display HDR, una doppia fotocamera frontale a una fotocamera grandangolare che funge anche da macro, grazie all'anello luminoso che la circonda.

OnePlus 8T

OnePlus aveva "sparato" un po' in alto con OnePlus 8 e con questo 8T ha aggiustato il tiro. Si tratta di un dispositivo decisamente più ragionato, con uno schermo piatto e un prezzo decisamente più basso. Uno smartphone in perfetto stile OnePlus, che unisce eleganza, alla semplicità e alla velocità.

Motorola Edge 30

Motorola Edge 30 si conferma ancora una volta come uno fra gli smartphone più interessanti per rapporto qualità prezzo. Lo smartphone era stato lanciato ad un prezzo alto ma da subito scontato, rendendo subito onore alle sue peculiarità, come l'essere sottile e leggero o l'avere un software gradevole e velocissimo. In più abbiamo un buon processore e uno schermo a ben 144 Hz.

OnePlus Nord 2T

OnePlus Nord 2T è solo una lieve rivisitazione del modello dell'anno precedente. E questo comunque non è un male, visto che si trattava di un vero best buy. Migliora il processore e anche la velocità di ricarica, ora fra le più veloci del panorama smartphone. Rimane poi uno smartphone gradevole e con un software fluidissimo.

Honor 70

Honor 70 è stata una bella scoperta quando lo abbiamo recensito. Questo perché è sicuramente il miglior smartphone di fascia media del suo periodo. Soprattutto nel comparto fotografico dove Honor 70 davvero stupisce, fancedo meglio dei concorrenti soprattutto per quanto riguarda la registrazione video.

Xiaomi 12 Lite

Xiaomi 12 Lite è ancora una volta un eccellente smartphone di fascia media. Prima di tutto questo smartphone è indubbiamente una bellissima sorpresa dal punto di vista fotografico, ma non delude neanche sul fronte del display. La ricarica poi è rapidissima, andando a sostenere una batteria che garantisce comunque una buona autonomia grazie al processore Snapdragon 778G. 

POCO F4 GT

Pochi smartphone sono concreti come questo POCO (scusate il gioco di parole). F4 GT è uno smartphone dalla scheda tecnica invidiabile, venduto ad un prezzo tutto sommato accessibile. Ha l'ultimo processore Snapdragon 8 Gen 1 top di gamma, una ricarica velocissima, con ottimizzazioni specifiche per i videogiocatori e con un bellissimo schermo a 120 Hz.

Xiaomi 11T Pro

Come ogni anno la famiglia T di Xiaomi è quella più interessante per il grande pubblico. Questo perché porta con sé i fondamentali di un vero top di gamma ad un prezzo più accessibile. In questo caso parliamo di processore Snapdragon 888, fotocamera da 108 megapixel stabilizzata e addirittura la ricarica rapida a 120W (assente nel fratello maggiore).

Samsung Galaxy S21 FE

La versione Fan Edition di Samsung Galaxy S21 è ancora una volta uno smartphone estremamente completo, che farà felici praticamente tutti quelli che cercano un buon smartphone top di gamma senza dover spendere una fortuna. È dotato di un ottimo display, di un hardware completo e di un software ricco di funzionalità. La fotocamera poi è sempre la ottima presente anche sui suoi fratelli.

Google Pixel 7

Google ha lanciato anche in Italia uno dei top di gamma più interessanti degli ultimi anni, soprattutto per il suo rapporto qualità prezzo. Il nuovo Pixel 7 è infatti uno smartphone notevole. Ad un prezzo contenuto offre infatti una fotocamera davvero premium e un software sempre veloce, scattante e soprattutto aggiornato. Certo, non sarà perfetto per l'autonomia, ma le sue dimensioni contenute lo rendono comunque uno smartphone per tutti.

Motorola Edge 30 Ultra

Motorola ha lanciato anche una variante Ultra del suo smartphone di fascia alta. Questo dispositivo è il primo ad utilizzare una fotocamera da 200 megapixel e porta con sé comunque una scheda tecnica veramente completa, che include anche uno schermo a 144 Hz e una ricarica rapida a 125W. Presente anche la ricarica wireless a 50W!

Realme GT 2 Pro

Indubbiamente il prezzo di questo Realme GT 2 Pro potrebbe non essere quello che molti si sarebbero aspettati da uno smartphone di questo brand. Ma si tratta di un dispositivo top di gamma a tutti gli effetti e per quello che offre il prezzo è anche valido. Ricarica velocissima, tanta potenza e anche un buon display ad alto refresh rate.

Xiaomi 12X

Xiaomi 12X è identico a Xiaomi 12 per design e qualità costruttiva (eccellente) ma differisce leggermente per il suo hardware. Questo gli permette di essere più economico pur manenendo però prestazioni altissime. Si tratta di un "quasi" top di gamma. Il suo processore permette poi anche di risparmiare qualcosa sulla batteria, garantendo buoni risultati anche quel fronte.

Motorola Edge 30 Pro

Motorola torna a fare veri top di gamma con questo Motorola Edge 30 Pro. Si tratta di un vero smartphone premium, venduto però ad un prezzo più contenuto. Ha all'interno il processore Snapdragon 8 Gen 1, un'ottima autonomia e addirittura uno schermo a 144 Hz, solitamente presente solo negli smartphone gaming.

ASUS Zenfone 9

Zenfone 9 è uno smartphone che non c'era nel panorama Android. Un vero smartphone top di gamma in un corpo molto compatto. L'hardware non delude affatto, anche grazie al potentissimo processore Snapdragon 8+ Gen 1, alla velocissima memoria interna e all'ottimo display AMOLED a refresh rate aumentato. Abbiamo poi anche l'impermeabilità e il jack audio ancora presente. In tutto ciò il prezzo è inferiore a praticamente tutti i concorrenti.

Google Pixel 7 Pro

È ormai una rarità che uno smartphone top di gamma come Pixel 7 Pro possa uscire sul mercato ad un prezzo inferiore ai 900€. E così invece è stato. Questo smartphone è poi forse la miglior scelta per chi vuole una fotocamera bilanciata sotto ogni aspetto e al top in ogni condizione. Il design è poi particolare e riconoscibile: ottimo per chi cerca un'alternativa al "solito".

Xiaomi 12T Pro

Xiaomi 12T Pro è lo smartphone più bilanciato del 2022 lanciato dall'azienda. È dotato di una bella fotocamera da 200 megapixel, una batteria corposa con ricarica rapida e un software veloce e completo. In più l'azienda ha finalmente risolto il problema con i suoi sensori di prossimità mettendone uno fisico.

OPPO Reno6 Pro

Questo OPPO Reno6 Pro è a tutti gli effetti un vero smartphone top di gamma, con un vestito elegante e venduto ad un prezzo inferiore. Forse non basso come si sarebbe potuto aspettare, ma le varie offerte nei mesi lo rendono sicuramente un prodotto più interessante a cui approciarsi. Bel design, buone fotocamere e software molto completo.

OnePlus 9 Pro

OnePlus 9 Pro è il primo smartphone realizzato in collaborazione con Hasselblad e che porta quindi in dote una fotocamera rinnovata e che si può indubbiamente fregiare di avere una qualità decisamente superiore rispetto al passato. Lo smartphone è poi impermeabile e supporta non solo la ricarica rapida, ma anche quella rapida tramite ricarica wireless. Uno smartphone di pregio, impreziosito da un software estremamente fluido e ricco di funzionalità come la OxygenOS.

ASUS ROG Phone 6 Pro  

Anche ASUS ROG Phone 6 Pro non è solo un eccezionale smartphone gaming, ma è anche un eccellente smartphone. Il software è completo e ricco, il display è eccezionale e nessuno può batterlo nel campo dell'audio. Uno smartphone adatto per i giocatori e per chiunque voglia il meglio senza compromessi (se non in parte sulla fotocamera). Certo, il design è aggressivo e non proprio per tutti.

Samsung Galaxy S21+

Per chi non vuole uno smartphone dalle dimensioni eccessive (ma non cerca neanche un prodotto particolarmente compatto) questo Galaxy S21+ è una soluzione eccellente. bel design, qualità costruttiva curata, un nuovo ottimo processore Exynos 2100, tre ottime fotocamere, ricarica wireless e ancora una volta uno schermo al top con refresh rate adattivo fra 48 e 120 Hz.

Honor Magic 4 Pro

Magic 4 Pro è il primo vero smartphone premium dell'azienda cinese. Honor torna alla ribalta nel 2022 per prendere il posto lasciato dalla ex-parente Huawei. Ottima fotocamera, ottimo design e delle soluzioni che non si trovano altrove, come il lettore di impronte ultrasonico e lo sblocco del volto 3D.

OnePlus 10 Pro

OnePlus 10 Pro è uno smartphone completo, con molte caratteristiche da vero dispositivo premium. Ottimo schermo, velocità di ricarica fulminea e uno schermo QHD+ ad alto refresh rate. Uno smartphone che gode poi del nuovo software OxygenOS realizzato dal team in collaborazione con OPPO.

Xiaomi 12 Pro

La versione Pro di Xiaomi 12 è ovviamente il dispositivo più potente della famiglia di smartphone dell'azienda. Ottimo display, ricarica fulminea e delle buone fotocamere tutte da 50 megapixel: anche la grandangolare e lo zoom 2x. Il software è poi finalmente molto stabile e all'altezza di un prodotto simile.

Samsung Galaxy S22 Ultra

S22 Ultra non solo è il classico ottimo top di gamma di Samsung rinnovato, ma in più eredita anche la penna dalla famiglia Galaxy Note, permettendo quindi di eseguire operazioni più complesse. La fotocamera è la più completa in circolazione e offre anche due livelli di zoom ottico. Spettacolare il display e software fra i più completi (e aggiornati) in circolazione.

OPPO Find X5 Pro

OPPO con il suo Find X5 Pro ha voluto decisamente alzare l'asticella portando il tutto ad un livello superiore. Lo schermo QHD+ a 120 Hz è sempre al top, ma un fronte che ancora migliore è quello delle fotocamere, con un affinamento (dovuto anche alla collaborazione con Hasselblad) che alza ancora la resa dei singoli scatti. Ottima la qualità costruttiva, anche grazie alla scelta di realizzare la scocca in ceramica.

Nello specifico trovate una lista di dispositivi che hanno ricevuto almeno 8 come voto nelle nostre recensioni e che nel dettaglio sono risultati vincenti come:

  • Display: schermi luminosi, con buoni angoli di visione e ad una risoluzione ottimale per la diagonale dello schermo
  • Hardware: CPU, GPU e RAM in un quantitativo sufficiente a garantire ottime prestazioni
  • Autonomia: batterie abbastanza capienti o sistemi di risparmio energetico particolarmente efficienti
  • Fotocamera: fotocamere (in particolare quella principale) capace di realizzare scatti nitidi, luminosi e con app capaci di aprirsi e di mettere a fuoco velocemente
  • Software: i software possono essere delle tipologie più disparate ma devono mantenere un buon bilanciamento fra semplicità, fluidità e numero di funzioni
  • Aggiornamenti: teniamo anche conto di quanto un software venga aggiornato e se le novità siano o meno di rilievo

Gli smartphone dual SIM sono ormai una categoria estremamente richiesta, visto che permettono agli utenti di utilizzare due numeri di telefono differenti con un solo smartphone, sia per le telefonate e gli SMS, ma anche per gli account social come WhatsApp e Telegram, oppure per poter sfruttare le chiamate su di un numero e la connessione dati su di un altro.

La maggior parte degli smartphone sono ormai dual SIM, ma non tutti con le stesse specifiche. Alcuni per esempio offrono il 5G su entrambe le SIM, mentre altri offrono il supporto dual SIM solo o in alternativa tramite eSIM.

Qua sotto trovate una selezione di smartphone dual SIM, ma trovate tutti i migliori smartphone dual SIM nella nostra guida.

Di smartphone ottimi ce ne sono tanti, ma non tutti costano una cifra ragionevole. Ci sono ormai infatti smartphone oltre il "top di gamma" che sfociano nella fascia "premium", con prezzi anche ampiamente oltre i 1000€. Quali sono allora i migliori smartphone per rapporto qualità prezzo?

Rispondere a questa domanda è fondamentale per chi è disposto a spendere anche cifre consistenti, ma vuole il meglio che il mercato possa offrire. Qua sotto trovate una breve selezione di smartphone ottimi per qualità / prezzo.

Se cercate prodotti invece differenti dai classici smartphone Android eccovi qualche alternativa:

L'articolo Miglior smartphone Android - Novembre - Black Friday 2022 sembra essere il primo su Androidworld.

Samsung Galaxy S23 potrebbe avere un display più luminoso ed una protezione in vetro più forte

Thu, 11/24/2022 - 08:51

Samsung è famosa nel settore degli smartphone anche per aver spesso dotato i suoi dispositivi di display dall'eccelsa qualità. Ad esempio, all'inizio di quest'anno l'azienda ha lanciato il Galaxy S22+ e l'S22 Ultra che hanno un pannello capace di raggiungere un picco di luminosità fino a 1.750 nit (dotati, tra l'altro, anche della protezione Gorilla Glass Victus+). Nel 2023, però, il marchio sudcoreano potrebbe fare ancora meglio.

Difatti, si vocifera che il Galaxy S23 Ultra batterà questo record. Secondo alcune indiscrezioni, il prossimo smartphone presenterà un display E6 Super AMOLED LTPO 3.0 con una luminosità di picco di circa 2.200 nit, ovvero circa 200 nit più luminosi dell'attuale detentore del record, l'Apple iPhone 14 Pro Max. Inoltre, sembrerebbe che l'azienda abbia migliorato anche l'oscuramento PWM di quasi 2.000 Hz: ciò dovrebbe ridurre l'affaticamento degli occhi. Un'altra novità riguarderebbe la protezione dello schermo. A riguardo, si dice che i prossimi telefoni della serie Galaxy S potrebbero essere equipaggiati con una protezione in vetro all'avanguardia.

Infine, una copertura in vetro dovrebbe proteggere anche la fotocamera posteriore. Si tratta di un dettaglio che migliorerebbe anche le performance fotografiche dei dispositivi, soprattutto in condizione di scarsa luminosità. Insomma, l'azienda, senza grandi rivoluzioni, sta provando ad introdurre nuovi elementi sui suoi futuri dispositivi, con l'obiettivo di migliorare ulteriormente l'esperienza degli utenti.

L'articolo Samsung Galaxy S23 potrebbe avere un display più luminoso ed una protezione in vetro più forte sembra essere il primo su Androidworld.

Vivo Y35

Wed, 11/23/2022 - 15:41

Vivo Y35 è uno smartphone con sistema operativo Android che potremmo definire di fascia media.

È da 6,58 pollici lo schermo di questo dispositivo ed è realizzato in tecnologia IPS LCD. La sua densità di pixel è di 401 ppi e questo grazie alla risoluzione di FHD+ / 1080 x 2412 pixel.

La fotocamera, posta sul retro, ha una risoluzione di 50 megapixel. Sempre sul retro vi è anche un flash Singolo e questa fotocamera può registrare video a Full HD - 1920 x 1080 pixel. Frontalmente abbiamo una seconda fotocamera da 16 megapixel.

Abbiamo a che fare con un dispositivo dual SIM dalla connettività abbastanza semplice. Abbiamo la connettività di rete LTE, e la Wi-Fi a/b/g/n/ac. Non manca il GPS e il Bluetooth alla versione 5.0.

A muovere questo dispositivo troviamo un processore Qualcomm SM6225 Snapdragon 680 4G octa con supporto ai 64 bit che lavora alla frequenza di 2.4 GHz e ha un processore grafico Adreno 610. Abbiamo poi 6 GB di RAM e 64 GB di memoria, espandibile tramite una microSD.

All'interno del dispositivo troviamo una batteria non removibile da 5000 mAh.

L'articolo Vivo Y35 sembra essere il primo su Androidworld.

Vivo Y22s

Wed, 11/23/2022 - 15:33

Troviamo Android all'interno dello smartphone Vivo Y22s, prodotto di fascia media.

La tecnologia del display dello smartphone è IPS LCD. Ha una diagonale di 6,55 pollici ed una risoluzione di HD+ / 720 x 1600 pixel e quindi un ppi di 270 ppi.

Non manca la fotocamera frontale su questo dispositivo. Può scattare foto alla risoluzione massima di 8 megapixel, mentre quella principale è da 50 megapixel con flash Singolo e capace di registrare video fino a Full HD - 1920 x 1080 pixel.

Abbiamo a che fare con un dispositivo dual SIM dalla connettività abbastanza semplice. Abbiamo la connettività di rete LTE, e la Wi-Fi a/b/g/n/ac. Non manca il GPS e il Bluetooth alla versione 5.0.

La CPU è un Qualcomm SM6225 Snapdragon 680 4G octa a 64 bit da 2.4 GHz e GPU Adreno 610, il tutto supportato da 6 GB di RAM e 128 GB di memoria, espandibile tramite una microSD.

La batteria non removibile di questo dispositivo è da 5000 mAh.

L'articolo Vivo Y22s sembra essere il primo su Androidworld.

Pages