Tecnoandroid

Condividi su:


MANUALINUX


Subscribe to Tecnoandroid feed
Smartphone, smartwatch, tablet e Automobili - le notizie in tempo reale sul mondo della tecnologia e quattroruote
Updated: 1 hour 47 min ago

Problema truffa, arriva un messaggio che prosciuga il CONTO

2 hours 56 sec ago

Purtroppo le truffe non smettono mai di girare e infatti in queste ore ne stanno arrivando tante altre. Una truffa in particolare si sarebbe manifestata con un messaggio e a cascarci sarebbero stati centinaia di utenti in Italia proprio tra lunedì scorso e oggi.

Proprio in basso potete avere l’occasione di leggere un messaggio truffa che sta girando ultimamente, così da capire di cosa si tratta.

La truffa che prosciuga il conto è arrivata: ecco il messaggio in questione

Buon pomeriggio,

mi scuso per la lettera improvvisa e spero di non aver sbagliato l’indirizzo di posta.
Vorrei iniziare dicendo che questo è un indirizzo insolito per me.
Mi chiamo Scarlette e un’amica mi ha dato una mail dicendo che dobbiamo essere nella stessa città.
Oggi nella mia anima ci sono molti misteri e il desiderio di conoscere un uomo che li risolva.
È una decisione inaspettata, ma voglio correre il rischio. Spero di fare una piacevole sorpresa
Vado subito al sodo:

Sono una donna sposata e voglio diversificare un po’ la mia vita.
Perché sono disposta a fare una cosa del genere? Ho un coniuge e non abbiamo intimità.
E ora lui è lontano e la sua assenza non fa che intensificare i miei desideri. Ti senti pronto ad affrontare questa nuova avventura con me? Basta che ti colleghi al link che ti ho lasciato qui in basso e nel sito di incontri potrai trovare tutto il materiale con foto e contatti miei. Ciao amore, a presto.

Purtroppo i toni di questo messaggio sono talmente amichevoli che qualcuno di più inesperto potrebbe cascarci facilmente. Gli utenti infatti di fronte a questa truffa sono rimasti inermi in più occasioni, perdendo più volte i loro risparmi. Fate molta attenzione e soprattutto evitate in ogni modo di cliccare sui link che sono presenti i messaggi di questo tipo.

L'articolo Problema truffa, arriva un messaggio che prosciuga il CONTO proviene da TecnoAndroid.

Un incidente tragico solleva dubbi sulla sicurezza dei veicoli Tesla

2 hours 5 min ago

Nella tranquilla città di Oslo, un evento sconvolgente ha scosso una famiglia e sollevato interrogativi sulla sicurezza dei veicoli elettrici, in particolare delle Tesla. Una madre, Mallory Harcourt, si è trovata nel bel mezzo di un incubo quando suo figlio di due anni ha involontariamente messo in moto la loro Model X, investendola nel garage di casa. L’incidente ha lasciato la donna con gravi ferite e ha innescato un acceso dibattito su chi sia effettivamente responsabile di tali tragedie.

Secondo la testimonianza di Harcourt, il tragico episodio è stato innescato dalla sua momentanea distrazione mentre preparava il fasciatoio per il suo bambino. Avendo dimenticato le chiavi della macchina nella clinica chiropratica del marito, ha lasciato l’auto aperta nel garage, dando involontariamente al piccolo l’opportunità di avvicinarsi ad esso. In un disastroso susseguirsi di eventi, il bimbo avrebbe premuto accidentalmente il pedale del freno, messo la vettura in movimento e infine accelerato, causando danni irreparabili alla madre e ad altri membri della famiglia.

Tesla, vi è davvero un problema di salvaguardia personale?

Tale incidente ha sollevato dubbi sulla sicurezza dei dispositivi di avvio e del design stesso delle Tesla Model X, con gli avvocati di Harcourt che affermano che la casa automobilistica deve assumersi la responsabilità per il presunto difetto che ha permesso al figlioletto di attivare il veicolo.

D’altro canto però, la rinomata azienda ha respinto categoricamente le accuse, sostenendo che la tragedia sia stata il risultato diretto della negligenza della donna nel vigilare sul proprio figlio. Il dibattito legale è in corso, con entrambe le parti che cercano di dimostrare la propria versione dei fatti davanti a una giuria. Ad ogni modo, questo caso solleva comunque una serie di domande più ampie sulla progettazione e la sicurezza delle automobili elettriche. Specialmente quando si tratta di proteggere i più piccoli da ?hl=de"> The app was not found in the store. :-( ?hl=de">Go to store +chromewebstore">Google websearch .

In un’epoca in cui la tecnologia automobilistica è in costante evoluzione, è essenziale che i costruttori tengano conto anche di ipotesi del genere e lavorino per implementare misure di sicurezza sempre più avanzate.

L'articolo Un incidente tragico solleva dubbi sulla sicurezza dei veicoli Tesla proviene da TecnoAndroid.

Instagram, aggiornamento: protezione contro le immagini di nudo in DM

2 hours 11 min ago

I social network si sono evoluti estremamente negli ultimi anni, fino a diventare dei veri e propri compagni di viaggio per gli utenti. Ogni giornata è scandita al ritmo di piattaforme come Instagram, fondamentale per chi ama le foto e condividere esperienze con i suoi amici virtuali. Ad oggi la famosissima applicazione sta introducendo delle nuove misure per la protezione del suo pubblico, in modo da contrastare eventi abbastanza dannosi e particolari.

Più in particolare Instagram si sta occupando di introdurre delle contromisure utili per contrastare l’invio non richiesto delle fotografie di nudo mediante i messaggi in Direct. Questo serve soprattutto a proteggere i minori che sono presenti sulla piattaforma, in modo da non favorire truffe e abusi sessuali.

Instagram: le immagini di nudo in chat verranno sfocate automaticamente

Esattamente la settimana scorsa, Meta ha annunciato questa nuova funzionalità che si occuperà di sfocare le immagini che vengono rilevate dal sistema. Ovviamente l’azione riguarderà i contenuti che presentano nudità. L’impostazione sarà abilitata in via predefinita, soprattutto per gli utenti minorenni che sono presenti su Instagram.

Per quanto riguarda gli adulti, ci sarà una notifica che li incoraggerà ad attivare tale funzione. Sono state tante le critiche che sono state mosse a piattaforme come Instagram e appunto Facebook in merito ai danni causati agli utenti più giovani da queste pratiche. Proprio in virtù di ciò dunque Instagram vuole scongiurare ogni problematica mettendo a disposizione del suo pubblico i migliori mezzi possibili.

Nelle prossime settimane avverranno i test su questa nuova funzionalità, con il lancio globale che avverrà presumibilmente nei prossimi mesi. Questa iniziativa punta dunque a rafforzare le protezioni per i minori sulle piattaforme di Meta. Già nel 2023 era stato lanciato uno strumento utile alla rimozione delle immagini sessualmente esplicite di minori. In questo modo tutto diventa più sicuro e ideale sul celebre social.

L'articolo Instagram, aggiornamento: protezione contro le immagini di nudo in DM proviene da TecnoAndroid.

Xiaomi SU7: tra sfide e ambizioni nell’industria automobilistica

2 hours 15 min ago

Nel settore automobilistico, l’arrivo di Xiaomi SU7 ha suscitato un notevole interesse, alimentato dalle sue promesse di potenza ed efficienza. Ma, dietro il velo dell’entusiasmo, si nascondono sfide significative che l’azienda cinese deve affrontare.

Uno dei principali ostacoli è rappresentato dai ritardi nelle consegne. Un problema che ha infiammato le aspettative dei clienti. Anche se la domanda è piuttosto elevata, i lunghi tempi di attesa per la versione top di gamma, l’SU7 Max, hanno creato disagi e frustrazioni tra gli acquirenti. In un’epoca in cui l’attesa è spesso considerata un lusso non conveniente, il rinomato brand si trova ad affrontare una sfida importante. Il suo obiettivo è quello di cercare di mantenere alta la fiducia dei consumatori mentre cerca di soddisfare le loro richieste.

Xiaomi SU7, alcune problematiche da affrontare

Ma non è solo la logistica a rappresentare un ostacolo per Xiaomi. Gli incidenti stradali tra i primi acquirenti hanno gettato un’ombra sul lancio del SU7. Sollevando preoccupazioni sulla sicurezza e richiedendo un’attenzione immediata da parte dell’azienda. Questi incidenti non solo mettono in discussione la robustezza del veicolo, ma minano anche la reputazione del marchio nel settore automobilistico. Ponendo domande cruciali sulla qualità e l’affidabilità dei suoi prodotti. La sicurezza stradale è un aspetto fondamentale che non può essere trascurato, ed è necessario agire prontamente per ristabilire la fiducia delle persone e garantire la sicurezza delle loro vetture.

Ad ogni modo, nonostante le sfide incontrate, Xiaomi resta determinata nel perseguire le sue ambizioni in questo nuovo mercato. La sua efficiente capacità produttiva è stata evidenziata dalla velocità con cui la SU 7 viene assemblata nella mega fabbrica di Pechino. Un exploit che ha addirittura attirato l’attenzione di Tesla. Con un obiettivo di vendita ambizioso di 100.000 unità nel primo anno e una proiezione di 900.000 nei successivi tre, la società si pone come un concorrente degno di nota. Non ci resta che scoprire se riuscirà a raggiungere il suo scopo. Anche se le prospettive a riguardo sono molto positive.

L'articolo Xiaomi SU7: tra sfide e ambizioni nell’industria automobilistica proviene da TecnoAndroid.

Antivirus: ecco i casi in cui è utile disattivarlo

2 hours 21 min ago

Quando si usa un computer è fondamentale installare un antivirus. Software di questo tipo sono essenziali per rivelare, isolare e poi eliminare virus, spyware, ransomware e malware che possono compromettere la sicurezza dei computer e dei dati che contengono. Il software antivirus è sempre attivo in background ed esaminano file ed applicazioni per prevenire danni irreparabili.

L’antivirus ha un’utilità è indiscussa, ma ci sono delle situazioni in cui può essere necessario disattivarlo temporaneamente. Comprendere quando e come farlo è importante per gestire al meglio la situazione e non compromettere la funzionalità del proprio computer.

Quando disattivare il proprio antivirus?

Gli antivirus hanno un forte impatto sulle prestazioni del sistema del computer su cui sono installati. Scansionando l’ambiente digitale il software consuma una quantità elevata di risorse di CPU e memoria. Questo rallenta le altre operazioni che si compiono sul PC. In determinate situazioni, quando è necessario massimizzare le prestazioni del dispositivo potrebbe essere utile disattivare temporaneamente l’antivirus. Questi casi sono, ad esempio, durante l’editing video o anche l’esecuzione di software per la modellazione 3D.

Un ulteriore caso avviene quando si procede con l’installazione di software legittimi. In questo caso specifico gli antivirus possono agire bloccando il processo se rivelano file sconosciuti o anche componenti atipici. Per questi motivi può essere utile arrestare temporaneamente l’antivirus, per facilitare l’installazione di programmi sicuri.

Per disattivare l’antivirus basta seguire alcuni semplici passaggi. Questi possono differire sulla base del software specifico che viene usato, ma in generale sono molto simili. Il primo passo consiste nell’aprire il software e cliccare sulla sezione “Impostazioni”. In questa finestra è possibile individuare l’opzione che permette di disabilitare la protezione. È anche possibile scegliere l’arco temporale in cui si vuole bloccare l’attività dell’antivirus.

È importante ricordare di attivare nuovamente l’antivirus non appena si è completata l’attività per cui si è arrestato il software per evitare di lasciare il proprio computer esposto ai continui rischi del web.

L'articolo Antivirus: ecco i casi in cui è utile disattivarlo proviene da TecnoAndroid.

WhatsApp e la sua funzionalità dei “contatti suggeriti”

2 hours 25 min ago

In un’epoca in cui la tecnologia continua a plasmare e ridefinire le nostre interazioni sociali, WhatsApp emerge come un faro di innovazione tra la moltitudine di app di messaggistica. L’introduzione della funzione “Contatti Suggeriti” è un passo avanti verso il futuro delle comunicazioni digitali. Poiché offre agli utenti una nuova via per esplorare connessioni oltre i confini dei loro numeri esistenti.

Non si tratta solo di un aggiornamento tecnico, ma di un’affermazione della visione della rinomata applicazione che si propone di essere come una sorta di ponte che collega le persone di tutto il mondo.

Whatsapp, cosa cambia per noi

La nuova opzione aggiunta di WhatsApp è stata progettata con cura per offrire un’esperienza senza soluzione di continuità. Inserendosi in modo discreto all’interno dell’interfaccia della piattaforma. Ma senza interrompere le conversazioni esistenti. Ma ciò che la rende veramente rivoluzionaria è il suo potenziale per ampliare le nostre cerchie sociali e favorire nuove connessioni significative. Ora, gli utenti possono esplorare nuove amicizie, riconnettersi con vecchi amici o collegarsi con chi condivide interessi simili. Il tutto con un semplice tocco sullo schermo.

L’ innovazione tecnologica però non dovrebbe mai perdere di vista l’impatto umano che può avere. Mentre abbracciamo il potenziale di tale funzione per arricchire le nostre vite digitali, è importante considerare anche le implicazioni sociali e psicologiche che essa susciterebbe. Per esempio potrebbe aiutare a combattere la solitudine e l’isolamento sociale. Fornendo un nuovo mezzo per stabilire connessioni significative e sentirsi parte di una comunità più ampia. Ma potrebbe anche sollevare domande sulla privacy e sull’equilibrio tra la connettività digitale e il benessere mentale. È quindi essenziale che WhatsApp e altre app simili adottino un approccio responsabile e attento, garantendo sempre il rispetto dei diritti e la tutela dei suoi utilizzatori. Ma siamo sicuri che questo avverrà senza troppe problematiche, in quanto da sempre la rinomata piattaforma si preoccupa di mettere in primo piano le esigenze dei suoi consumatori, tenendo particolarmente conto delle loro richieste e feedback quotidiani.

L'articolo WhatsApp e la sua funzionalità dei “contatti suggeriti” proviene da TecnoAndroid.

Poco Pad, in arrivo il primo tablet a marchio Poco

2 hours 30 min ago

Fra non molte settimane vedremo arrivare in veste ufficiale sul mercato i nuovi smartphone di punta del sotto brand di Xiaomi, cioè Poco. Tuttavia, il brand sembra essere interessato non solo a questa tipologia di prodotti, ma anche ad altro. L’azienda starebbe infatti preparando l’arrivo ufficiale di un nuovo tablet. Si tratta del prossimo Poco Pad e quest’ultimo sembra aver da poco ricevuto la certificazione europea EEC. Vediamo qui di seguito i dettagli.

 

 

Poco sta per annunciare il nuovo tablet di fascia media Poco Pad, ecco le presunte specifiche

Nel corso delle ultime ore, il primo tablet a marchio Poco, ovvero il nuovo Poco Pad, ha ricevuto l’importante certificazione EEC. Questo significa che il suo debutto sul mercato non sarà molto lontano. A rivelare ulteriori informazioni, poi, è stato il leaker Skrzypek tramite un post sul social network X. Secondo quanto rivelato da quest’ultimo, il nuovo tablet di Poco potrebbe essere in realtà una versione re-branded di un altro dispositivo a marchio Redmi.

Si dovrebbe trattare dello scorso Redmi Pad Pro. A detta del leaker, i due tablet condivideranno infatti numerose specifiche tecniche. Come il cugino di casa Realme, il nuovo Poco Pad dovrebbe essere animato da uno dei nuovi soc di fascia media di casa Qualcomm. Si tratterebbe del soc Snapdragon 7s Gen 2. A supportare le performance, dovrebbero poi essere disponibili diversi tagli di memoria con fino a 8 GB di RAM e con fino a 256 GB di storage interno.

Sul fronte il nuovo tablet di Poco dovrebbe avere un ampio display con tecnologia IPS LCD con una diagonale da 12.1 pollici. La risoluzione dovrebbe essere pari a 2.5K, mentre la frequenza di aggiornamento dovrebbe assestarsi sui 120Hz. Dal punto di vista dell’autonomia, dovrebbe poi esserci una batteria da 10000 mah e con anche il supporto alla ricarica rapida da 33W. Pochi dubbi poi sul software, che dovrebbe essere l’ultima release di Google, ovvero Android 14. Immaginiamo che l’azienda personalizzerà l’interfaccia utente per un uso tipicamente adatto ad un tablet. A chiudere la scheda tecnica, dovrebbero esserci infine una fotocamera anteriore da 8 MP e una fotocamera posteriore sempre da 8 MP.

L'articolo Poco Pad, in arrivo il primo tablet a marchio Poco proviene da TecnoAndroid.

Dalla teoria del “Grande Filtro” al Paradosso di Fermi, e gli alieni?

2 hours 35 min ago
Si cerca ancora la risposta al Paradosso di Fermi, ora con la nuova teoria del “Grande Filtro”

L’intelligenza artificiale (IA) è ormai una costante in molti ambienti scientifici o tecnologici, con applicazioni che spaziano dalla robotica all’esplorazione spaziale. E mentre cerchiamo ancora di raggiungere i pianeti e i satelliti del nostro più immediato cosmo una domanda non ci lascia mai: perché non abbiamo ancora trovato alcuna traccia di civiltà aliene?

 

Il perché di tanto silenzio cosmico

Secondo un nuovo e interessante studio, pubblicato sulla rivista Acta Astronautica, gli scienziati hanno sviluppato una nuova teoria: quella del “Grande Filtro”. Si tratta di una teoria che suggerisce che le specie intelligenti potrebbero essere bloccate volontariamente dal viaggiare nello spazio e dal contattare altre civiltà interplanetarie. A fare in modo che questo avvenga ci sarebbe una Super Intelligenza Artificiale (ASI). Lo scopo di questa IA potrebbe effettivamente essere quello di prevenire conflitti tra le civiltà interponendosi tra esse, garantendo così la loro sopravvivenza a lungo termine.

A differenza della teoria della “Foresta Oscura“, popolare nella saga letteraria “Il Problema dei Tre Corpi” ora anche diventato una serie streaming di successo, che suggerisce che le civiltà aliene si nascondano per timore di essere scoperte da altre più avanzate, lo studio suggerisce che sia un’ASI a impedire attivamente il contatto tra le civiltà per preservare la sopravvivenza delle società interplanetarie.

Secondo questa teoria, il “Grande Filtro” rappresenta un ostacolo allo sviluppo di civiltà multiplanetarie, mantenendo le società sotto il controllo di un’intelligenza artificiale superiore. Questa, analizzerebbe i dati necessari e lascerebbe comunque il tempo alle proprie popolazioni di abbandonare il pianeta nel momento in cui la civiltà stessa fosse vicina al collasso, dandogli quindi modo di salvarsi.

 

Il Paradosso di Fermi

Anche se può suonare una idea piuttosto stramba, e forse un po’ troppo forzata, la teoria del “Grande Filtro” è stata considerata plausibile anche dalle stesse IA, quando sottoposte a domanda.

Questo nuovo modo di pensare getta una luce diversa sulla domanda posta da Fermi negli anni ’50. Il grande fisico italiano si era chiesto: “Dove sono tutti?” Se l’universo è così vasto e antico, perché non abbiamo ancora fatto contatto con altre civiltà? La sua domanda, poi conosciuta con l’appellativo di Paradosso di Fermi, ha risuonato nelle menti degli scienziati fin da allora.

L'articolo Dalla teoria del “Grande Filtro” al Paradosso di Fermi, e gli alieni? proviene da TecnoAndroid.

TikTok cerca consensi con una nuova app di ricompense

2 hours 41 min ago
Il successo di TIkTok in Europa non decolla, e il colosso cinese tenta di raggirare l’ostacolo con una nuova app

Sembra che i boss di Bytedance, l’azienda dietro a TikTok, non stiano esattamente saltando di gioia ultimamente. Da fenomeno sui social in grado di far tremare tutti, TikTok ora si trova in una situazione meno florida, con una crescita rallentata in Europa e la minaccia di un bando negli Stati Uniti.

Per far fronte a questa situazione, almeno qui in Europa, sembra che l’azienda stia per lanciare una nuova app (per ora si chiama TikTok Lite, ma potrebbe cambiare nome) che adotterà lo stesso trucco che ha reso famose app come Shein e Temu: pagare gli utenti per usarla. Ma andiamo a vedere di che si tratta.

 

Un successo che non decolla

Secondo quanto riportato da The Information, questa nuova app, internamente chiamata Coin App ma attualmente conosciuta come TikTok Lite, permetterà agli utenti di ricevere ricompense per guardare contenuti o per invitare altri a scaricarla.

L’obiettivo di TikTok è ampliare il proprio pubblico, andando oltre la Generazione Z, visto che l’uso dell’app da parte di persone sopra i 18 anni qui in Europa sembra essere piuttosto fermo.

Anche se TikTok ha oltre 1 miliardo di utenti attivi, e questo può sembrare tantissimo, l’app è installata solo sul 13% dei dispositivi Android in Europa, a differenza di Instagram, che è presente sul 37% dei telefoni, e Facebook, che spopola con un impressionante 59%.

 

TikTok e la sua espansione mondiale

TikTok ha già lanciato questa nuova app in Corea e Giappone nel 2023 e sembra che i risultati iniziali siano stati piuttosto incoraggianti. Pare che la nuova app di ricompense abbia effettivamente aiutato a far crescere il numero di utenti in Giappone di oltre 2,5 milioni dal suo lancio. Un successo quindi degno di nota.

Sembrerebbe che questa nuova app funzionerà in modo molto simile a TikTok, con un feed di video che gli utenti potranno guardare, commentare, condividere o anche caricare loro stessi. Le ricompense arriveranno sotto forma di carte regalo o donazioni digitali, che gli utenti potranno utilizzare per accedere ai contenuti a pagamento dei loro creatori preferiti e forse per personalizzazioni particolari del proprio account.

The Information dichiara inoltre che ci si aspetta che questa nuova app arrivi in Francia, Spagna, Germania e in altri paesi entro il secondo trimestre del 2024, anche se non si è ancora deciso il nome definitivo e probabilmente sarà diverso da TikTok Lite, che già esiste.

L'articolo TikTok cerca consensi con una nuova app di ricompense proviene da TecnoAndroid.

Facebook: disattivare questa funzione per proteggere la privacy

2 hours 45 min ago

I social media sono ormai una parte fondamentale nella vita di tutti noi e per questo ognuno di noi crea diversi i profili che si decide di aprire su diverse piattaforme. Mentre fino a qualche anno fa a prevalere era solo Facebook, ora sono tante le piattaforme che permettono agli utenti di creare un proprio universo dove poter condividere informazioni personali, video e foto.

Proprio a causa della diffusione di nuovi social, tra cui Instagram e TikTok, il network di Meta ha finito per perdere parte della sua popolarità. Infatti, anche se per tanto tempo Facebook è stato il social network più famoso della storia, recentemente ha perso attrattiva.

Interventi di sicurezza per tutelare il proprio profilo Facebook

Indipendentemente dal tipo di piattaforma o dalla sua popolarità, è importante continuare a tutelare le proprie informazioni personali e la propria privacy. A tal proposito, bisogna essere consapevoli delle funzioni che vengono attivate sui propri profili ed evitare in questo modo qualsiasi tipo di intromissione. Ad esempio, è utile controllare, quando si apre un nuovo profilo, cosa viene attivato nelle impostazioni del proprio profilo social. Potrebbe essere utile evitare che i contatti che non compaiono sulla lista degli amici/follower possano visualizzare il nostro profilo.

In realtà sono tante le precauzioni che possono essere prese per mettere in sicurezza i propri account. A tal proposito, c’è una funzione che è utile disattivare dal proprio profilo Facebook. Questa riguarda le foto pubblicate che potrebbero essere scansionate in qualsiasi momento. Infatti, ci sono alcune impostazioni attive di default che è importante controllare.

Per disattivare questa opzione bisogna recarsi nella sezione “Impostazione e privacy” del proprio account e poi cliccare su “Impostazioni”. Nella pagina che si apre bisogna cliccare sulla lente di ricerca “Uso di dati aggiuntivi” ed eliminare la spunta relativa alla voce “Consenti ai motori di ricerca esterni di reindirizzare il tuo profilo”.

Dopo aver effettuato questo passaggio verrà impedito qualsiasi utilizzo, contro il proprio volere, delle foto che vengono pubblicate.

L'articolo Facebook: disattivare questa funzione per proteggere la privacy proviene da TecnoAndroid.

Euro 7: nuovi standard ambientali per le auto su strada

2 hours 51 min ago

L’Unione Europea ce la sta mettendo tutta per raggiungere l’obiettivo di una maggiore riduzione dell’inquinamento e di un cambiamento positivo della qualità dell’aria. Grazie all’approvazione del regolamento Euro 7, l’UE stabilisce ora norme più rigide sui limiti di emissione per le auto su strada ed introduce anche delle regole riguardanti la durata delle batterie dei veicoli elettrici.

Quando entreranno in atto le nuove leggi? Seguendo quanto comunicato dallo stesso  Consiglio Europeo, l’Euro 7 verrà presto pubblicato nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea e poi entrerà in vigore il ventesimo giorno dopo la suddetta data. Da quell’attimo tutte le auto e vetture su territorio europeo dovranno adeguarsi per rispettare la normativa e circolare liberamente. Le principali novità riportate dalle leggi riguardano le regolamentazioni per le emissioni delle auto e per altri tipi di emissioni non connesse agli scarichi. Per queste ultime si intende l’abrasione degli pneumatici e le emissioni di particelle generate dai freni.

Cosa comporterà il nuovo regolamento per le auto e tutte le altre vetture?

Sono stati introdotti requisiti minimi sulla durata degli accumulatori per i veicoli elettrici. Per quanto concerne auto e furgoni, la nuova normativa mantiene gli attuali limiti di emissione allo scarico impostati con l’Euro 6. Al contempo, introduce però limiti più rigorosi per le emissioni prodotte durante la frenata, con particolare attenzione ai veicoli elettrici. Gli autobus e gli autocarri pesanti dovranno rispettare limiti più severi per vari inquinanti, inclusi alcuni finora non considerati come il protossido di azoto.

L’Euro 7 prevede inoltre restrizioni maggiori relative alla vita per tutti i veicoli, sia in termini di chilometraggio che di durata complessiva. Ogni vettura sarà ora dotata di una specie di “passaporto“. Al suo interno  dovranno essere descritte dettagliatamente tutte le informazioni sulle prestazioni ambientali riferenti al momento in cui il veicolo è stato immatricolato. L’Unione Europea cerca di lottare con sempre più forza contro il cambiamento climatico e l’inquinamento atmosferico, promuovendo l’adozione di veicoli sostenibili e spingendo verso l’obiettivo posto per il 2035 della sostituzione della auto a combustione.

L'articolo Euro 7: nuovi standard ambientali per le auto su strada proviene da TecnoAndroid.

Beamforming: il metodo che non conosci per ottimizzare il tuo WiFi

2 hours 55 min ago

Il nostro mondo ruota intorno alla connessione, non possiamo negarlo. Le tecnologie come l’LTE e il 5G, che stanno divenendo sempre più diffuse per quanto riguarda la rete mobile, ci permettono di usufruire della rete internet ovunque siamo con molta più facilità rispetto al passato. Parlando però di linea di casa, quando siamo seduti sul divano o lavoriamo in smart, il Wifi resta il prediletto. A causa dell’aumento crescente del numero di dispositivi connessi alle reti, l’ottimizzazione della distribuzione del segnale è diventata ancora più importante se si vuole usufruire di una connessione veloce e stabile del WiFi. Una delle tecnologie che ha cambiato questo sistema implementandolo, che forse non tutti ancora conoscono, è il beamforming.

Prima della sua introduzione, le reti WiFi utilizzavano metodi omnidirezionali per scambiare dati, diffondendo il segnale uniformemente sia in emissione, che in ricezione. Per quanto avesse senso e funzionasse, questo sistema comportava uno spreco di energia e una dispersione del segnale, riducendo la potenza della rete. Il beamforming interviene proprio su questo fronte, modificando l’ampiezza dell’onda per indirizzare il flusso del segnale direttamente verso i dispositivi connessi. Tale tecnologia consente alla rete di “attraversare” meglio qualsiasi parete e di dare una copertura più uniforme dell’ambiente, riducendo in contemporanea il livello di consumo energetico per il WiFi.

Il beamforming cambia il nostro modo di sfruttare il WiFi

I dispositivi che utilizzano il beamforming solitamente adoperano antenne di tipo MiMo e supportano i protocolli IEEE 802.11ac o quelli successivi. Questi standard, stabiliti dalla Wifi Alliance, garantiscono il funzionamento e la compatibilità dei device che usano tale tecnologia.  Negli ultimi anni si sta anche diffondendo sempre più l’uso della banda a 6 GHz per le reti, portando ad altri vantaggi per le prestazioni e le capacità di trasmissione dei dati. L’evoluzione, insieme al beamforming, è riuscita a trasformare del tutto la connessione Wifi, garantendo una connettività migliorata in tutti gli aspetti possibili.

Grazie al continuo sviluppo di queste tecnologie e l’adozione di standard più avanzati, ci si aspetta che fra non molto le prestazioni e la diffusione del WiFi divengano straordinarie. I caricamenti dei contenuti saranno più veloci e le nostre maratone di Netflix non subiranno mai più interruzioni.

L'articolo Beamforming: il metodo che non conosci per ottimizzare il tuo WiFi proviene da TecnoAndroid.

OPPO e OnePlus: l’intelligenza artificiale arriva nei loro smartphone

3 hours 33 sec ago

Questi sono gli anni dell’intelligenza artificiale. La troviamo sempre più spesso e pian piano sta entrando in ogni aspetto delle nostre vite che abbia a che fare con un minimo di tecnologia. L’IA sta continuando a cambiare anche l’interazione con gli smartphone e sempre più società puntano nella sua integrazione nei propri device. Questa volta tacca alla OPPO e OnePlus che hanno finalmente annunciato l’ingresso delle funzioni IA Gemini Model nei loro dispositivi.

Attraverso un stampa diffuso ad aprile 2024, OPPO e OnePlus hanno dichiarato di aver collaborato assiduamente con Google per inserire sia Gemini che Google AI Cloud negli smartphone, in linea con le nuove soluzioni annunciate al Google Cloud Next ’24. Il loro scopo è quello di arrivare tra i primi brand che hanno implementato soluzioni IA nei dispositivi mobili, ampliando la scelta di milioni di utenti.

Da 0 a 100 funzionalità IA per OPPO e OnePlus in 3-5 anni

Nicole Zhang, General Manager dei device AI per OPPO e OnePlus, si è mostrata estremamente entusiasta riguardo questa partnership e alle nuove opportunità che si aprono grazie alle funzionalità IA integrate nei dispositivi. La collaborazione con Google permetterà non soltanto l’arrivo di Gemini, ma anche l’accesso ad una serie di differenti prodotti AI Cloud.

Tra le tante funzioni aggiunte, forse quella che gli utenti aspettano più di testare con mano è l’AI Eraser di OnePlus, annunciata da diverso tempo e progettata appositamente per migliorare la qualità delle immagini rimuovendo da esse elementi indesiderati. Sia OPPO che OnePlus, che fa sempre parte della prima società, vogliono dare alla propria utenza la possibilità di riassumere i testi, organizzare i file audio in tempo reale e generare contenuti creativi per i social media.

L’ambizione di OPPO e OnePlus è addirittura quella di sviluppare oltre 100 nuove funzionalità IA nei prossimi 3-5 anni. Il loro grande impegno nel progetto testimonia quanto i brand di smartphone stiano investendo sull’IA e quanto sia ora essenziale per le società del settore cambiare le proprie strategie in modo da potersi ricavare il loro posto nel mercato.

L'articolo OPPO e OnePlus: l’intelligenza artificiale arriva nei loro smartphone proviene da TecnoAndroid.

Utenti Microsoft in allerta: Windows 10 sta per sparire

3 hours 6 min ago

Annunciata da Microsoft la data in cui terminerà il supporto per il suo sistema operativo Windows 10. L’azienda di Redmond ha deciso di anticiparsi e ha già iniziato ad inviare avvisi ai suoi utenti. In questa comunicazione Microsoft invita tutti a passare alla nuova versione del suo sistema operativo: Windows 11. L’avviso si presenta come un prompt a schermo intero.

Microsoft invita gli utenti a passare alla nuova versione di Windows

Un esempio dell’annuncio è stato pubblicato da un utente su Reddit. Nel post, con lo screenshot del pop up l’utente in questione ha raccontato che questo è apparso improvvisamente interrompendo il suo lavoro. All’interno del messaggio, Microsoft procede ringraziando i suoi utenti per la fedeltà a Windows 10, ma evidenzia l’avvicinarsi della data in cui verrà interrotto il suo supporto. Come detto, l’azienda si è anticipata un bel po’ visto che in realtà mancano ancora 18 mesi.

L’avviso agli utenti si presenta con due pulsanti. Il primo permette di ottenere maggiori informazioni e delucidazioni sull’arrivo del nuovo supporto. Con l’altro è invece possibile chiudere la finestra, anche se solo momentaneamente. Infatti, non è possibile eliminarla per sempre, riapparirà in futuro, probabilmente a cicli regolari. Quindi non c’è un modo per evitare che l’annuncio appaia sul proprio schermo.

Per i dispositivi che non supportano Windows 11, l’alternativa migliore sembrerebbe quella di cambiare il proprio computer e acquistarne uno di nuova generazione. In realtà, ci sono anche diversi metodi per installare il nuovo supporto su hardware non supportato, ma gli utenti continuano a preferire Windows 10. Infatti, quest’ultimo risulta essere ancora il sistema operativo più popolare, con il 69,04% di fruitori che lo preferiscono ad Windows 11 che è invece ancora fermo al 26,72%. Forse, la decisione di Microsoft di inviare questi annunci potrebbe essere una tattica per poter sbloccare questa situazione e portare gli utenti al passaggio alla nuova versione. Passaggio che risulterà comunque inevitabile a partire dal 14 ottobre 2025.

L'articolo Utenti Microsoft in allerta: Windows 10 sta per sparire proviene da TecnoAndroid.

Apple, il nuovo processore M4 sarà totalmente incentrato sulla’AI

3 hours 11 min ago

L’arrivo della prima generazione dei chip di Apple meglio conosciuta come M-Series, è stata un crocevia importante nel mondo dei computer e non solo. Introdotti per la prima volta a bordo dei MacBook Pro con l’M1, i processori ad oggi tra i più potenti al mondo si evolvono di continuo. Negli ultimi anni infatti il colosso di Cupertino ne ha lanciati alcuni, soprattutto in diverse varianti. Sembra che ora tutto sia in procinto di migliorare ulteriormente, con una nuova versione che dovrebbe arrivare durante i primi mesi del 2025.

Si tratterebbe della quarta generazione del chip Apple Silicon M, il nuovo M4. Con tutte le sue caratteristiche principali, dovrebbe riuscire questa volta ad avere prestazioni incentrate totalmente sull’intelligenza artificiale. Secondo le fonti più accreditate, l’azienda starebbe lavorando già alla produzione in serie dei nuovi M4.

A quanto pare il suo apporto sarà fondamentale, soprattutto in virtù della ripresa e estremamente decisa da parte del settore dei PC. Il periodo della pandemia è quello direttamente successivo, hanno portato tale ambito a crollare in una decadenza senza fine ma ora sembra tutto alle spalle.

Arriva il nuovo M4 ma solo nel 2025: sarà incentrato da Apple sull’AI

È passato poco tempo dal lancio dei primi computer con a bordo il processore M3 di Apple. Nel frattempo i nuovi M4 sembrano già in dirittura d’arrivo, anche se ci vorrà un po’ di tempo.

Nelle ultime ore si sta parlando delle tre varianti, denominate al momento con i seguenti nomi: Donan, Brava e Hidra. Questi dovrebbero rappresentare i chip M4, M4 Pro ed M4 Max. L’impatto con l’intelligenza artificiale dovrebbe essere elevato, soprattutto sui dispositivi che andranno ad implementare. Apple sembra aver designato per la ricezione di questi nuovi processori I MacBook Pro, i MacBook Air, i Mac mini e anche il Mac Studio. Seguiranno nuovi aggiornamenti nelle prossime settimane.

L'articolo Apple, il nuovo processore M4 sarà totalmente incentrato sulla’AI proviene da TecnoAndroid.

Iliad sfida TUTTI, le offerte fino a 180 GIGA e con il 5G

3 hours 15 min ago

Senza ombra di dubbio il provider del momento è Iliad, anche se questa leadership dura ormai da diversi anni. L’azienda che proviene dalla Francia ma che si è stabilizzata come gestore italiano ormai da qualche tempo, vuole dare una prova di forza anche in questo quarto mese del 2024.

Sebbene già durante la fine del 2023 sia stato asserito che Iliad fosse il miglior gestore in assoluto, la sua ascesa non accenna a fermarsi. Il provider infatti ha bisogno di reagire prima ancora che le altre aziende provino a soffiargli qualche utente ed è per questo che è stata lanciata una nuova offerta attualmente disponibile sul sito ufficiale. Il nome dell’offerta è Giga 180, soluzione mobile che garantisce anche la presenza del 5G al suo interno. Chi la desidera, può averla per un prezzo davvero competitivo questo mese.  

Iliad lancia la sua nuova offerta con 180 giga in 5G e con tutto senza limiti ogni mese

Sono arrivate tantissime offerte che hanno messo in difficoltà Iliad, ma senza mai abbatterlo. Il famoso provider mobile è diventato grande negli ultimi tempi ancor di più rispetto a prima, grazie soprattutto al suo pubblico che ha raggiunto i 10 milioni.

Non era semplice fare meglio di quanto visto in questi anni ma a quanto pare l’azienda ci sta riuscendo e lo dimostra anche con la sua ultima promozione mobile che prende il nome di Giga 180.

Stando a quanto riportato, al suo interno gli utenti possono trovare tutti i mesi quello che gli serve, per un prezzo di 9,99 € mensili. Oltre a durare per sempre con questo costo, l’offerta di Iliad garantisce anche minuti e messaggi senza limiti verso ogni numerazione e 180 giga in 5G per navigare in internet.

Proprio la rete alla massima velocità è un regalo gratuito di Iliad, che rispetto agli altri gestori lo propone senza pagamenti postumi.

L'articolo Iliad sfida TUTTI, le offerte fino a 180 GIGA e con il 5G proviene da TecnoAndroid.

Apple: non tutti conoscono questa utilissima funzione per iPhone

3 hours 20 min ago

Gli smartphone di Apple sono ricchi di funzioni utili, ma ci sono tante opportunità che molti utenti non conoscono. Solo una parte dei clienti, infatti, riesce a beneficiare al meglio degli iPhone che acquistano. Probabilmente, dipende dal fatto che alcuni utenti acquistano i propri dispositivi seguendo la moda e senza essere effettivamente interessati a quel determinato modello all’avanguardia.

Un iPhone di ultima generazione può essere considerato un vero e proprio computer portatile e potrebbe essere più complicato da gestire per i meno esperti che finirebbero dunque ad utilizzarne solo il 4060%.

Come sfruttare a pieno un iPhone Apple

Sia che si utilizzi lo smartphone per motivi personali, che per lavoro o studio, un iPhone di ultima generazione rappresenta un valido alleato per diversi motivi. Oltre alla ottima risoluzione nelle foto ci sono anche molte applicazioni estremamente interessanti.

Ci sono anche alcuni trucchi, poco utilizzati, ma molto utili. Sono tante le funzioni offerte dagli iPhone che non tutti gli utenti conoscono. Una di queste riguarda l’uso della tastiera. È un semplice accorgimento che però può far guadagnare tanto tempo e può fare la differenza quando si scrive un SMS agli amici o una mail di lavoro.

Utilizzare la tastiera in modo “elementare” può rappresentare una perdita di tempo. Con questo trucco invece è possibile velocizzare il tuto soprattutto per quanto riguarda l’uso di lettere e numeri. Quando scriviamo dei messaggi, per alternare lettere e numeri, spesso bisogna passare da una “sezione” all’altra, cliccando sul tasto “123”. Questo continuo passaggio può essere fastidioso e può portare ad una perdita di tempo.

Non molti sanno che, per velocizzare il processo, basta tener premuto il tasto numerico del proprio iPhone così da risparmiare un tocco e in automatico si passa alla sezione delle lettere senza dover cambiare manualmente di volta in volta. Si tratta di un piccolo accorgimento, ma potrebbe rivelarsi particolarmente utile per inserire delle cifre nei testi.

L'articolo Apple: non tutti conoscono questa utilissima funzione per iPhone proviene da TecnoAndroid.

Meta: dopo WhatsApp in arrivo le foto HD su un’altra piattaforma

3 hours 26 min ago

Un nuovo aggiornamento rilasciato da Meta potrebbe migliorare l’intera esperienza degli utenti. In particolare, la novità riguarda Facebook Messenger che ha ricevuto una significativa funzionalità.

Le modifiche in arrivo riguardano la possibilità di caricare e condividere foto in alta definizione. Dettaglio che elimina la tanto odiata compressione dei file che ne compromette la risoluzione.

Nuovi aggiornamenti di Meta per Facebook Messenger

Grazie alla nuova funzione, quando si invieranno delle immagini su Facebook Messenger gli utenti potranno decidere in autonomia se caricare le foto in HD. In questo modo sarà possibile garantire una maggiore qualità e nitidezza rispetto a quella riservata alle immagini standard.

È importante tenere a mente che è comunque presente un leggero processo di compressione, ma sarà visibilmente ridotto e le immagini appariranno molto più chiare e nitide rispetto a quanto non lo erano in passato.

Oltre alla funzione che permette di inviare foto in HD, Meta sta per introdurre un’ulteriore novità. In questo modo gli utenti possono creare album con cui raggruppare foto e video da condividere con amici e parenti. I partecipanti avranno la possibilità di contribuire attivamente alla raccolta, aggiungendo o eliminando contenuti, oltre che scaricarli sul proprio dispositivo.

È prevista anche un’altra aggiunta che può essere molto utile per gli utenti dell’app di messaggistica Meta. Con questa funzione gli utenti possono condividere file di grandi dimensioni (fino a 100 MB) direttamente sull’app Facebook Messenger. Il nuovo supporto elimina la necessità di utilizzare altre piattaforme e servizi di terze parti per poter inviare documenti di dimensioni più grandi.

Infine, Meta ha introdotto anche un codice QR associato al profilo su Messenger dei singoli utenti. in questo modo la connessione tra gli utenti viene resa molto più veloce e pratica.

Grazie a queste nuove funzioni Meta sta provando a rendere Facebook Messenger sempre più versatile e completo, avvicinando la piattaforma a tutti i sistemi di messaggistica attualmente diffusi.

L'articolo Meta: dopo WhatsApp in arrivo le foto HD su un’altra piattaforma proviene da TecnoAndroid.

Xiaomi, offerta SHOCK, questo prodotto a 24 euro su AMAZON

3 hours 30 min ago

Xiaomi è da sempre la realtà su cui tantissimi utenti vogliono fare affidamento, nell’ottica di riuscire ad avere i migliori prodotti al prezzo più basso, tra i tantissimi dispositivi che la suddetta realtà mette a disposizione del pubblico, troviamo senza dubbio anche modelli pensati per il benessere, o meglio definito beauty care.

In promozione su Amazon è possibile trovare lo Xiaomi Hair Clipper, o meglio definito un rasoio elettrico con il quale gli utenti possono tranquillamente tagliarsi i capelli, scegliendo ed impostando anche la lunghezza di taglio desiderata, data la possibilità di regolazione tra 0,7 e 21 millimetri, mediante la sola pressione di un pulsante. Sono inoltre presenti due velocità, da utilizzare più che altro in relazione al quantitativo di peli/capelli che l’utente dovrà necessariamente tagliare.

Ricevete le offerte Amazon con i codici sconto gratis sul vostro smartphone, andandovi subito ad iscrivere al nostro canale Telegram ufficiale.

 

Xiaomi, l’offerta su questo prodotto è folle

Uno sconto così interessante era davvero da tanto tempo che non lo vedevamo, infatti gli utenti oggi possono pagare solamente 24,99 euro lo Xiaomi Hair Clipper, dimostrando ancora una volta quanto l’azienda cinese sia perfettamente in grado di mettere sul mercato buoni prodotti, al giusto prezzo finale di vendita. L’acquisto può essere completato direttamente qui.

A differenza di ciò che si potrebbe pensare, il modello corrente risulta essere caratterizzato dalla presenza di una batteria integrata, ciò spinge l’utilizzatore a poterne sfruttare tutte le funzionalità, anche fino a 180 minuti consecutivi, senza essere minimamente collegato ad una presa a muro. Le dimensioni sono estremamente portatili, raggiungendo 13,3 x 0,8 x 4,2 centimetri di spessore, con un peso di 226 grammi, atto a facilitare non di poco l’utilizzo anche con una sola mano, senza andare ad affaticare in modo eccessivo il braccio. La spedizione viene gestita direttamente da Amazon, con consegna entro pochi giorni dall’effettivo ordine sul sito.

L'articolo Xiaomi, offerta SHOCK, questo prodotto a 24 euro su AMAZON proviene da TecnoAndroid.

OnePlus Pad 2: possibile periodo di lancio ufficiale

3 hours 36 min ago

Nel mondo dei tablet uno dei grandi attesi di quest’anno dopo la nuova famiglia di iPad di Apple è senza alcun dubbio il OnePlus Pad 2, tablet il cui predecessore ha colpito positivamente tutta l’utenza media ma che secondo il giornalista Max Jambor nella sua seconda versione non vedrà la luce nello stesso periodo durante il quale venne lanciato il suo predecessore, ovvero il 7 febbraio dello scorso anno.

 

Il predecessore promette bene

Ricordiamo che OnePlus Pad ha un design caratterizzato da un grande modulo fotografico posteriore, con un form factor da 7:5 con bordi sottili che fanno da cornice a un display da 11,61” basato su tecnologia IP S e con re fresh rete a 144 Hz, il processore per chi non lo ricordasse era il Dimensity 9000 di Mediatek.

In più vogliamo sottolineare che tale tablet era dotato di audio con supporto a Dolby Vision e Dolby Atmos, il vero pezzo forte era però la sua batteria da 9510mAh, che può essere ricaricata rapidamente grazie alla tecnologia di super ricarica rapida fino a 67 W che garantiva un passaggio da zero a 100% in appena 80 minuti, con un’autonomia dichiarata di un mese in stand-by.

Ad oggi restando forti le certezze in merito a un lancio nel secondo semestre dell’anno non sono ancora trapelate novità sulle possibili specifiche tecniche della seconda versione, ciò che è certo è che sicuramente il primo modello sarà il punto di partenza dal quale andremo incontro a un’evoluzione non indifferente che dunque garantirà di base delle prestazioni e delle caratteristiche di tutto rispetto.

Non rimane dunque che attendere la presentazione ufficiale che di conseguenza arriverà solo nei prossimi mesi dell’anno, ricordiamo che al momento OnePlus pad essenzialmente una versione globale di Oppo Pad 2 venduto nel mercato cinese, se dovessero arrivare ulteriori informazioni sulle specifiche tecniche online non tarderemo a farvele sapere il prima possibile.

L'articolo OnePlus Pad 2: possibile periodo di lancio ufficiale proviene da TecnoAndroid.

Pages