Tecnoandroid

Subscribe to Tecnoandroid feed
Il sito e il forum più completo in Italia su Android. News, guide, approfondimenti, app e giochi per Android e una grande community italiana.
Updated: 2 hours 48 min ago

OnePlus 6: verrà annunciato il 16 maggio, nel frattempo spunta un nuovo teaser ufficiale

Wed, 04/25/2018 - 22:00

OnePlus 6: verrà annunciato il 16 maggio, nel frattempo spunta un nuovo teaser ufficiale Tecnoandroid

Il OnePlus 6 sarà annunciato ufficialmente il 16 maggio, riferisce GSMArena, citando un’e-mail aziendale inviata ad uno dei suoi partecipanti a The Lab, scelti per scoprire il nuovo top di gamma Android.

Quasi contemporaneamente alle nuove informazioni emerse online, OnePlus tramite il suo profilo social Weibo ha deciso di condividere un altro rendering promozionale del dispositivo. Il teaser mostra una variante nera opaca dello smartphone che è già stata confermata con il retro in vetro mentre. La ricerca del design premium continua, anche se non è chiaro se quella scelta di materiale sia dovuta alla presenza della ricarica wireless.

Anche se il debutto del 16 maggio segnerà il primo lancio di un prodotto OnePlus nel primo semestre dell’anno, porrebbe fine alla serie infinita di rumor ed indiscrezioni. Finora, il produttore cinese ha lanciato una serie di indizi prima della loro presentazione ufficiale.

Il OnePlus 6 sta attualmente entrando nella sua quarta settimana di teaser, con il nuovo sviluppo che indica che il suo annuncio è distante ancora un mesetto. Di conseguenza, l’azienda ha già rivelato molti dettagli sul telefono in arrivo, che includerà il Qualcomm Snapdragon 845.

OnePlus è pronta a lanciare il suo nuovo top di gamma e nel frattempo stuzzica gli utenti

 

Il OnePlus 6 avrà anche un display che occuperà quasi tutta la superficie frontale e dovrebbe mantenere un rapporto schermo-corpo di circa 90 percento. Offrirà così il più grande pannello di visualizzazione presente su uno smartphone.

 

A bordo dovremmo trovare una configurazione dual-camera, insieme al supporto per lo sblocco facciale ed un lettore di impronte digitali montato posteriormente. Il portatile supporterà anche le gesture in stile iPhone X di Apple, secondo quanto riferito da OnePlus all’inizio di questo mese.

OnePlus 6: verrà annunciato il 16 maggio, nel frattempo spunta un nuovo teaser ufficiale Tecnoandroid

Google, trasformata l’emoji della pistola in qualcosa di più innocuo

Wed, 04/25/2018 - 21:50

Google, trasformata l’emoji della pistola in qualcosa di più innocuo Tecnoandroid

Google, rinnovata l’emoji delle pistola

Ogni tanto, quando aggiorno il proprio software, le compagnie come Google tendono anche a cambiare l’aspetto degli emoji. Sostanzialmente, con cadenza quasi annuale le aggiornano, un po’ per svecchiarle, un po’ per sbizzarrirsi. Un caso particolare, è quello di qualche mese quando si è quasi scatenata un rivolta per l’emoji dell’hamburger. La pessima scelta della compagnia nel mettere i vari ingrediente al posto giusto in mezzo alle fette di pane non era passata inosservata, costringendoli a correre al riparo. In ogni caso, a questo la modifica è arrivata alla pistola, che è stata soppiantata da qualcosa di decisamente più innocuo.

Per non confondere

L’aggiornamento sta arrivando agli utenti Android in questi giorni e segue quello fatto da Twitter e Samsung le quali hanno per l’appunto, approvato modifiche simili. La notizia arriva direttamente dal blog dedicato a questi pixel, l’Emojipedia. Quest’ultimo suggerisce che Google sta tentando di minimizzare la confusione tra le varie piattaforme attraverso l’aggiornamento.

Google, emoji pistola

Come da immagine, potete vedere che la nuova emoji della pistola è un pistola ad’acqua. Un evoluzione che è preceduta da due revolver, una pistola ad avancarica per arrivare alla prima che era tipo una colt. In ogni caso, tornando al discorso di creare meno confusione, anche Apple e Whatsapp erano passati ad uno stile uguale.

Comunque, quello della pistola ad’acqua è solo un esempio. Negli anni Google, ha sempre cercato di rendere le emoji meno specifiche e più alla portata di tutti, come nel caso delle tonalità di pelle. Può essere, che in questo cambiamento ci sia anche un motivo politico, più da ricercare nella società americana che in quella degli altri paesi.

Google, trasformata l’emoji della pistola in qualcosa di più innocuo Tecnoandroid

Google Chrome Canary: il browser alternativo è stato modificato con la versione 68

Wed, 04/25/2018 - 21:40

Google Chrome Canary: il browser alternativo è stato modificato con la versione 68 Tecnoandroid

Google ha aggiunto una nuova opzione per la progettazione nella versione 68 di Chrome Canary. Ciò potrebbe indicare quale direzione prenderà la società con Chrome in futuro.

Le funzioni sono ancora sperimentali. Innanzitutto ci sarà una riprogettazione dell’interfaccia utente. I cambiamenti sembrano essere in linea con una progressione naturale delle modifiche che sono state recentemente eseguite su Android. Ciò significa che non sono necessariamente rivoluzionarie tali modifiche, ma dovrebbero rendere l’interfaccia più pulita e più facile da usare.

Lo sfondo lungo la barra delle schede è stato oscurato, mentre le schede stesse hanno abbandonato l’aspetto inclinato per una forma più rettangolare. Gli angoli di questi sono più arrotondati rispetto alle versioni precedenti di Chrome. Ciò consente a quella parte dell’interfaccia di apparire più di quanto non facesse in precedenza. La barra degli URL, invece, ora ha un aspetto ovale.

Google Chrome Canary si aggiorna nella versione 68 introducendo modifiche sopratutto per l’interfaccia utenti

Sono in atto anche nuove linee guida per il modo in cui viene rappresentato il feedback per le interazioni. Si mira ad un’esperienza intuitiva indipendentemente dal tipo di dispositivo utilizzato. Le interazioni tattili sono accompagnate da un “ripple” più ovvio, mentre il passaggio del mouse e i clic continuano ad essere accompagnati da cambiamenti di colore. Anche l’avatar dell’utente è stato spostato nella barra degli strumenti insieme alle scorciatoie e alle app di Chrome per una distinzione tra le finestre.

Ottenere l’accesso alla nuova interfaccia non è semplice come l’aggiornamento alla versione più recente di Chrome Canary. Infatti, comporta la modifica delle impostazioni interne nel menu nascosto di Chrome. A ciò si accede navigando alla pagina “chrome: // flags” nella barra degli URL e una ricerca per “# top-chrome-md” dovrebbe far apparire l’opzione appropriata. Sono disponibili quattro opzioni, tra cui Normal, Hybrid, Touchable e Material Design. Una volta abilitato per il tipo di dispositivo appropriato, il browser dovrà essere riavviato e aggiornato per vedere le modifiche. Non si sa quando arriverà al resto degli utenti di Chrome o di altre piattaforme, ma la conferenza degli sviluppatori I / O di Google è dietro l’angolo. È probabile che queste modifiche in arrivo saranno uno degli argomenti. Nel frattempo, ecco alcuni screenshots reperiti online che mostrano alcuni dei cambiamenti:

#td_uid_1_5ae0f5e5f1fe5 .td-doubleSlider-2 .td-item1 { background: url(http://www.tecnoandroid.it/wp-content/uploads/2018/04/2-1-1-80x60.jpg) 0 0 no-repeat; } #td_uid_1_5ae0f5e5f1fe5 .td-doubleSlider-2 .td-item2 { background: url(http://www.tecnoandroid.it/wp-content/uploads/2018/04/3-2-80x60.jpg) 0 0 no-repeat; } #td_uid_1_5ae0f5e5f1fe5 .td-doubleSlider-2 .td-item3 { background: url(http://www.tecnoandroid.it/wp-content/uploads/2018/04/4-1-1-80x60.jpg) 0 0 no-repeat; } #td_uid_1_5ae0f5e5f1fe5 .td-doubleSlider-2 .td-item4 { background: url(http://www.tecnoandroid.it/wp-content/uploads/2018/04/5-1-1-80x60.jpg) 0 0 no-repeat; } #td_uid_1_5ae0f5e5f1fe5 .td-doubleSlider-2 .td-item5 { background: url(http://www.tecnoandroid.it/wp-content/uploads/2018/04/6-1-1-80x60.jpg) 0 0 no-repeat; } #td_uid_1_5ae0f5e5f1fe5 .td-doubleSlider-2 .td-item6 { background: url(http://www.tecnoandroid.it/wp-content/uploads/2018/04/7-1-1-80x60.jpg) 0 0 no-repeat; } 1 su 6

Google Chrome Canary: il browser alternativo è stato modificato con la versione 68 Tecnoandroid

Android Auto: fare una telefonata sarà più semplice con la nuova funzione introdotta da Google

Wed, 04/25/2018 - 21:30

Android Auto: fare una telefonata sarà più semplice con la nuova funzione introdotta da Google Tecnoandroid

Google ha annunciato una nuova funzione per gli utenti di Android Auto, tramite il gruppo di supporto della community ufficiale in Google Gruppi. La nuova funzione dovrebbe rivelarsi utile per coloro che devono fare una telefonata mentre si trovano nel proprio veicolo.

Gli utenti saranno in grado di sfogliare l’intero elenco di contatti tramite il menu in alto a sinistra nell’interfaccia dell’app. Da lì, gli utenti possono accedere alla funzione toccando l’opzione “Contatti”. Un elenco completo e consultabile dei loro contatti sarà quindi visibile. Naturalmente, per la sicurezza di tutti sulla strada, questa nuova funzione è stata costruita con la capacità di riconoscere quando il veicolo è in movimento. Quando il veicolo è in movimento, l’app disabiliterà parzialmente la funzione.

Android Auto faciliterà le telefonate con la nuova funzione introdotta da Google

L’accesso completo ai contatti non sarà necessariamente disponibile mentre gli utenti sono effettivamente alla guida, per evitare che diventino un pericolo sulla strada. Anziché disabilitarla completamente, gli utenti saranno in grado di eseguire un determinato numero di tap prima di interrompere la navigazione dei contatti. La chiamata tornerà a quel punto al metodo precedente che consente l’utilizzo di Google Assistant per effettuare chiamate o effettuare una selezione in base agli elenchi ordinati. Quelle funzioni non sono state alterate in alcun modo, quindi gli utenti avranno accesso ai loro preferiti e ai numeri chiamati di recente, sia che siano persi, ricevuti o in uscita. Si potrà inserire manualmente il numero se necessario.

Si tratta di un aggiornamento server, anche se non è stato specificato dal membro del team Android Auto responsabile per il post della community. Pertanto, gli utenti non dovrebbero aver bisogno di aggiornare alcuna app per accedere alla funzione. Ciò significa anche che dovrebbe essere lanciato abbastanza velocemente. Dal momento che l’aggiornamento stesso è stato avviato il 19 aprile, dovrebbe già essere disponibile per la maggior parte, se non tutti, gli utenti. Ovviamente, questo non è l’aggiornamento che alcuni utenti hanno atteso, dato il numero di problemi che alcuni hanno avuto con la piattaforma. Però, dovrebbe comunque dimostrarsi utile.

Android Auto: fare una telefonata sarà più semplice con la nuova funzione introdotta da Google Tecnoandroid

Cortana, l’assistente digitale più diffuso ma ritenuto inutile: report ufficiale

Wed, 04/25/2018 - 21:20

Cortana, l’assistente digitale più diffuso ma ritenuto inutile: report ufficiale Tecnoandroid

Secondo un nuovo report degli esperti IT di Spiceworks, Cortana di Microsoft è l’A.I. chatbot più utilizzato negli spazi di lavoro in Nord America e in Europa. Infatti, delle aziende intervistate – alcune delle quali utilizzano più di un assistente – quasi la metà utilizza Cortana.

Subito dopo c’è Siri di Apple, utilizzata dal 47% degli intervistati. Dopodiché troviamo Google Assistant al terzo posto con solo il 23%. Sorprendentemente, dato il grosso vantaggio che la società possiede nell’ambiente domestico, Alexa di Amazon vede solo un utilizzo del 13%. Tuttavia, le cifre probabilmente non dovrebbero essere troppo sorprendenti poiché la maggior parte dell’uso degli strumenti deriva da implementazioni a livello di OS. Cortana è una parte ragionevolmente grande del sistema operativo più comune, il sistema operativo Windows di Microsoft.

Analizzando le cifre, tuttavia, gli assistenti digitali non hanno ancora raggiunto la maggior parte delle imprese e il loro utilizzo è in realtà piuttosto limitato. Solo il 29 percento degli intervistati ha avuto qualsiasi tipo di assistente con I.A. utilizzato al lavoro in qualsiasi modo possibile. Le aziende più grandi sono più propense a utilizzare assistenti digitali. Il 24 % di esse ne impiega almeno uno e il 40% si aspetta di farlo nei successivi 12 mesi.

Cortana è tra gli assistenti digitali più utilizzati, o per lo meno più diffusi

La collaborazione tra i team e le attività di gestione si sono rivelate tra gli utilizzi più comuni, in seguito ci sono quello per la dattilografia vocale o la dettatura. Allo stesso modo, in un reparto IT di un dato business è usato circa il doppio rispetto agli assistenti di qualsiasi altro reparto. I reparti di assistenza clienti e amministrazione hanno ottenuto il secondo e il terzo rispettivamente con il 23% e il 20%.

Detto questo, le cifre potrebbero ancora crescere molto rapidamente, tenendo conto del numero di errori rilevati nel loro utilizzo. Ben il 59% ha riferito che i loro aiutanti digitali hanno frainteso sia il dialogo umano che le richieste. Qualsiasi limite all’uso di tali assistenti, nel frattempo, sembra essere per lo più legato al numero limitato di casi d’uso che le aziende tendono a trovare per la loro attuazione. La sicurezza e il costo sono altri importanti motivi elencati, ma non si avvicinano nemmeno al 50% che cita mancanza di scopo.

Cortana, l’assistente digitale più diffuso ma ritenuto inutile: report ufficiale Tecnoandroid

Instagram: il noto social ci mostra come vivere in un ambiente paradisiaco

Wed, 04/25/2018 - 21:10

Instagram: il noto social ci mostra come vivere in un ambiente paradisiaco Tecnoandroid

Siamo sempre indaffarati, la vita è troppo piena di impegni. Eppure, tramite alcuni post su Instagram potrete scoprire come creare il vostro paradiso, un posto dove fermarsi e godersi i momenti tranquilli della vita.

Tenendo in mente questo concetto appena spiegato, IKEA ha pubblicizzato una nuova gamma proprio su Instagram. Tale social è molto usato dagli utenti ed è fortemente di impatto visivo, quindi è sempre il prescelto in questi casi. L’intento di Ikea, ad esempio, è incoraggiare i propri clienti a prendersi una pausa dalle vite moderne e riconnettersi con la natura e se stessi. Usando materiali sostenibili come sughero, lino e rattan, il colosso svedese sta lanciando nuovi elementi di design che mirano anche a salvaguardare l’ambiente. “La gamma HJÄRTELIG è la prima gamma completa di IKEA che si concentra sull’aiutare le persone a migliorare il benessere emotivo e fisico“.

Molte aziende hanno sfruttato Instagram per mostrare come ricreare ambienti in cui prendersi una pausa dalla vita frenetica

Lo stesso vale per la nuova collezione calmante, blu, di Denby. Trattasi di una collaborazione con gli interior designer 2LG Studio. Si dice che i toni blu promuovano la tranquillità, la sensazione di essere più leggero e più dolce, aiutando la concentrazione. Gli smartphone, ad esempio, ci ricordano che lavoriamo sempre, siamo costantemente accessibili, sempre online. I colori pastello chiari come Pale Powder o Green Ground contribuiscono a creare uno spazio in cui ci si sente sereni, rilassati.

I fondatori di Patternity, Anna Murray e Grace Winteringham, rivelano l’ispirazione dietro la loro collezione di benessere. Il loro mantra, mentre stavano progettando questa collezione, è stato ‘sostenere il sé’ e esplorando rituali, abitudini e comportamenti che evocano la sostenibilità a livello di benessere per l’individuo e quindi la società. Infatti, i post su Instagram relativi a questa linea di prodotti mostrano come spezzare la modalità autopilota che spesso viviamo e trovare momenti di ‘essere’ in mezzo al costante ‘fare'”.

Instagram: il noto social ci mostra come vivere in un ambiente paradisiaco Tecnoandroid

Microsoft rilascia per Xbox One il nuovo aggiornamento di aprile

Wed, 04/25/2018 - 21:00

Microsoft rilascia per Xbox One il nuovo aggiornamento di aprile Tecnoandroid

Nuove funzionalità in arrivo su Xbox One

Mentre gli utenti Microsoft stanno aspettando lo “Spring Creators Update”, si lavora febbrilmente sugli altri prodotti dell’azienda. Non sorprende sapere che a Redmond stanno lavorando su una nuova versione di Windows 10 e nel frattempo è stato rilasciato l’aggiornamento di aprile per Xbox One.

Questo update è stato largamente anticipato da Microsoft negli scorsi mesi, ma a partire da queste ore è disponibile al download per tutti gli unte Xbox. Tra le principali novità possiamo citare alcune modifiche alle impostazioni video. Una delle feature introdotto è la Modalità Auto Low-Latency Mode (anche conosciuta come ALLM).

Si tratta di una modalità che permette di abilitare in automatico, sui dispositivi in uso, il profilo a bassa latenza . Questo profilo è presente sui display e TV moderni e spesso è indicata come “game mode”. È particolarmente indicata per ridurre le possibilità di lag tra video e comandi.

I dispositivi compatibili con la tecnologia AMD Radeon FreeSync e FreeSync 2 potranno godere anche del supporto variabile alla frequenza di aggiornamento. Anche questa tecnologia serve per ridurre la latenza e minimizzare gli scatti delle immagini.

È stata introdotto anche il supporto alla risoluzione 2560 x 1440 (1440p) sia per Xbox One X che per Xbox One S. Si tratta di una risoluzione intermedia tra il FullHD e il 4K per dare maggiore libertà di scelta agli utenti che utilizzano dei monitor PC.

Microsoft ha semplificato anche il processo di streaming delle partite online premendo semplicemente un tasto. Novità anche per quanto riguarda l’audio che viene separato un più canali modificabili indipendentemente con l’introduzione dell’audio dedicato al narratore nei giochi che lo prevedono.

 

Microsoft rilascia per Xbox One il nuovo aggiornamento di aprile Tecnoandroid

Android: disinstalla queste 6 applicazioni per avere uno smartphone in perfetta salute

Wed, 04/25/2018 - 20:40

Android: disinstalla queste 6 applicazioni per avere uno smartphone in perfetta salute Tecnoandroid

Uno smartphone Android in salute è uno smartphone affidabile, su questo non c’è alcun dubbio. E quale modo migliore per avere un telefono al top se non quello di velocizzare l’accesso alle funzioni senza avere lag e rallentamenti di ogni tipo? Per giungere a questa conclusione occorre disinstallare subito queste 6 applicazioni che causa un’estrema lentezza rendendo vano anche l’uso del miglior top di gamma in circolazione.

Smartphone Android al top se disinstalli queste 6 applicazioni

Android offre una serie di applicazioni che si distinguono in quanto facenti parte dell’eccellenza del panorama Google Play ed altre che per loro natura sono avide di risorse sia in termini di batteria che di memoria. Un fatto che causa un rallentamento apprezzabile del nostro smartphone. Ecco i 6 acerrimi nemici del tuo telefono.

Facebook

Impossibile non conoscerla. Altrettanto difficile è sbarazzarsene. Sempre più abituati al mondo social, di fatto, risulta quasi impensabili disfarsene. Ma abbiamo una soluzione per non rinunciarci e per avere comunque uno smartphone scattante.

  1. Lancia un browser web da smartphone ed apri la pagina del tuo profilo Facebook
  2. Accedi al Menu Impostazioni del tuo Browser
  3. Fai tap su Aggiungi a Schermata Home
  4. Dai un nome al collegamento e fai tap su Aggiungi
  5. Finito!

Per accedere al tuo profilo in un attimo fai tap sulla nuova icona in HomePage. Il vantaggio di questa soluzione? Non avremo appa perte in background in quanto la sessione rimane aperta soltanto quando il browser è in primo piano. Più memoria libera, meno consumo di batteria e smartphone al top. In alternativa usa Facebook Lite.

Facebook Lite (Free, Google Play) →

Clean Master

Prestazioni in discesa per l’utilizzo di soluzioni come Clean Master. Ultimamente è stato abbandonato perfino da Samsung per la sua suite di Manutenzione che ha visto il sopraggiungere di 360 Security. Il calo prestazionale è notevole. Meglio puntare sulle opzioni integrate Android per la pulizia della cache e della memoria non utilizzata.

App Meteo: aria di tempesta

Sono applicazioni che richiedono un continuo aggiornamento dalla rete. Cosa che causa inevitabilmente un rapido decadimento delle performance energetiche della batteria. Meglio optare per una semplice ricerca online o tramite assistente vocale integrato. Facile, veloce e non richiede risorse.

Instagram

Qui abbiamo il massimo sforzo di memoria e di energia. La CPU, la scheda grafica e la batteria risentono degli effetti negativi così come anche il piano dati che si riduce all’osso in luogo di utilizzo sfrenato della piattaforma. Come per Facebook in questo caso è meglio optare per l’accesso tramite browser web. Il tuo telefono ringrazierà senz’altro.

Spotify

Il team di sviluppo Spotify ha appena aggiornato la sua piattaforma introducendo gradite aggiunte per tutti gli utenti Free. Ciononostante le cose non cambiano dal punto di vista della gestione dei dati e delle risorse locali di memoria. La RAM satura sotto l’influsso delle playlist e dei brani in streaming. A meno di avere per le mani un vero top di gamma risentiremo pesantemente delle richieste dell’applicazione. Meglio optare per alternative light o per una fruizione in locale.

Antivirus

Paladini della sicurezza Android o incontenibili sfruttatori di sistema? Gli antivirus, insieme ai task killer, sono in assoluto le applicazioni più avide di risorse che esistano nell’intero ecosistema applicativo. L’OS di Google garantisce di per sé un ottimo layer di protezione grazie alle funzioni Play Protect, senza contare l’integrazione di funzionalità proprietarie che ampliano il raggio d’azione della security. Non occorre installare antivirus di terze parti, a meno di non volere uno smartphone – tartaruga.

Avete qualcos’altro da aggiungere alla lista delle peggiori applicazioni Android in assoluto? Fatecelo sapere attraverso un vostro commento.

Android: disinstalla queste 6 applicazioni per avere uno smartphone in perfetta salute Tecnoandroid

Vivaldi 1.15, arrivano nuove personalizzazioni e ottimizzazioni

Wed, 04/25/2018 - 20:30

Vivaldi 1.15, arrivano nuove personalizzazioni e ottimizzazioni Tecnoandroid

Vivaldi è un browser web freeware e multipiattaforma

Il team di sviluppo di Vivaldi in queste ore ha rilasciato la nuova versione 1.15 del proprio browser. Grazie a questo update, gli utenti potranno organizzare con maggiore libertà l’aspetto grafico e avere più autonomia decisionale su molti dettagli e impostazioni.

L’obiettivo di Vivaldi è quello di lasciare agli utenti la libertà di esprimere il proprio stile personale. La personalizzazione è un aspetto essenziale dell’esperienza utente e per questo bisogna essere liberi di scegliere il tema e la configurazione che più si adatta alle proprie esigenze.

Grazie al nuovo aggiornamento sarà possibile scegliere ed impostare una immagine di sfondo per il browser. Questa immagine potrà sostituire liberamente il disegno predefinito e renderà l’esperienza più personale. Basterà andare nelle impostazioni e modificare l’immagine grazie all’apposito comando.

Sono state introdotte modifiche anche per quanto riguarda i segnalibri. Il browser Vivaldi permette di accedere ai contenuti salvati in diversi modi, come per esempio il Bookmark Panel, Bookmark manager e la Bookmark Bar. Grazie al nuovo update sarà possibile organizzare maggiormente i segnalibri, dividendoli in base ad una categoria. Ecco quindi che sarà possibile raggruppare i siti preferiti smistandoli tra News, Tecnologia o Viaggi per una consultazione più veloce.

Tra le altre novità c’è la possibilità di effettuare screenshot della pagina web. Sono stati fatte anche alcune modifiche al codice per risolvere alcuni bug. Sono stati risolti i problemi audio con il codice HTML5 che causava ritardi tra l’audio e il video.

Il browser Vivaldi è nato da un idea di Jon Stephenson von Tetzchner, ex CEO di Opera Software. L’azienda Vivaldi Technologies si occupa di realizzare prodotti e servizi per il web. La proprietà dell’azienda è, per la maggior parte, nelle mani dei dipendenti. Per effettuare il download del browser aggiornato, è possibile visitare la pagina ufficiale.

Vivaldi 1.15, arrivano nuove personalizzazioni e ottimizzazioni Tecnoandroid

Samsung Galaxy S10: in rete trapela un nuovo video concept mostrando cornici davvero molto ridotte

Wed, 04/25/2018 - 20:20

Samsung Galaxy S10: in rete trapela un nuovo video concept mostrando cornici davvero molto ridotte Tecnoandroid

Il Samsung Galaxy S10 non dovrebbe essere lanciato prima dei prossimi 10 mesi. Nel frattempo, un nuovo video concept dello smartphone è trapelato online sul canale YouTube di “Concept Creator”.

Inutile dire che non si tratta di una perdita del dispositivo ma è solo frutto dell’immaginazione, come lo sono i vari concept. Tuttavia, è sempre interessante vederli. Nella maggior parte dei casi risultano davvero belli e lo stesso si può dire per questo design, anche se è più una preferenza personale.

Il dispositivo che potete vedere nel video è realizzato in metallo e vetro, mentre sul retro è presente una doppia fotocamera disposta verticalmente. Una porta USB Type-C è posizionata nella parte inferiore del telefono, insieme all’altoparlante del dispositivo e ad un jack per le cuffie da 3,5 mm.

Il pulsante fisico di accensione / blocco del telefono si trova sul lato destro del telefono, mentre i tasti volume su, volume giù e Bixby sono inclusi sul lato sinistro del dispositivo, mentre il tasto Bixby mostra persino una trama, in modo da poterlo facilmente distinguere dai tasti del volume del telefono.

In rete appare un nuovo concept video del prossimo Samsung Galaxy S10

 

Il display sfoggia degli angoli arrotondati, mentre le cornici su questo dispositivo sono estremamente sottili, sono sensibilmente più sottili rispetto al Galaxy S9. Sono presenti inoltre anche diversi sensori sopra al display. Il marchio Samsung si trova sul retro del dispositivo, mentre il designer ha immaginato questo smartphone in diverse varianti di colore: Rosso, Argento, Blu e Nero, che è possibile controllare nel video fornito.

Il display del dispositivo è curvo sui lati e quella curva sembra essere più pronunciata rispetto al Galaxy S9. Il progettista ha immaginato questo smartphone con due fotocamere da 12 megapixel sul retro, con sensori più grandi del 25% rispetto a quelli del Galaxy S9. Le fotocamere posteriori di questo device immaginario presentano un’apertura variabile, proprio come le fotocamere del Galaxy S9, anche se questa volta parliamo di un’apertura variabile f / 1.5 – f / 2.7.

Samsung Galaxy S10: in rete trapela un nuovo video concept mostrando cornici davvero molto ridotte Tecnoandroid

Google Play Awards 2018: nominate le migliori applicazioni dell’anno in 9 categorie

Wed, 04/25/2018 - 20:10

Google Play Awards 2018: nominate le migliori applicazioni dell’anno in 9 categorie Tecnoandroid

Google ha organizzato il consueto Play Awards, ovvero sia le premiazioni da assegnare alle applicazioni che si sono distinte sulla base di vari criteri di valutazione all’interno dello store. Criteri che tengono conto di parametri quali la qualità, l’interfaccia grafica, le performance e l’innovazione. Il team di Mountain View tiene conto però delle sole recensioni pubblicate dagli utenti e se le app hanno ricevuto major update da aprile 2017.

Google Play Awards 2018: le migliori app in assoluto

Ultimamente abbiamo conosciuto le migliori applicazioni dello store Android consigliate da Google per le app d’eccellenza. Oggi conosciamo anche i prodotti che rientrano nel contesto dei Play Awards di quest’anno in 9 categorie. Ecco cosa abbiamo.

Standout Well-Being – Salute e Benessere Best Accessibility Experience – Servizi per utenti con disabilità Best Social Impact – migliori community App Standout Indie – Giochi Best Community Building Game – Giochi Social Best AR or VR Experience – Giochi ottimizzati per realtà virtuale/aumentata Standout Build for Billions Experience – App e giochi di promozione culturale Standout Startup – Da nuovi sviluppatori Best Breakthrough Hit – App e giochi ottimizzati per design ed user-experience

I vincitori di ogni categoria saranno annunciati il prossimo 7 maggio 2018. Per voi chi si aggiudicherà i Google Play Awards 2018? Votate pure la migliore applicazione tra quelle candidate.

Google Play Awards 2018: nominate le migliori applicazioni dell’anno in 9 categorie Tecnoandroid

Huawei P20 Lite regala Huawei Band 2 Pro a tutti gli utenti che lo acquistano entro il 23 maggio

Wed, 04/25/2018 - 20:00

Huawei P20 Lite regala Huawei Band 2 Pro a tutti gli utenti che lo acquistano entro il 23 maggio Tecnoandroid

Huawei la lanciato una nuova iniziativa che permette di ricevere una Band 2 Pro gratis a tutti coloro che acquistano un Huawei P20 Lite. Lo smartphone è la versione miniaturizzata nel design e nelle caratteristiche dei più importanti Huawei P20, un prodotto bello esteticamente e valido sotto tutti i punti di vista.

LEGGI ANCHE: Huawei potrebbe abbandonare definitivamente il mercato degli Stati Uniti

Un piccolo top di gamma che, se acquistato dal 19 aprile al 23 maggio 2018, da diritto a ricevere l’indossabile Huawei nelle colorazioni nero (black) o rosso (red), del valore di 99 euro. Ogni Huawei P20 Lite acquistato darà diritto ad un premio. Huawei stima di assegnare complessivamente fino a 5.000 premi.

Partecipare è semplice ma a questo abbiamo dedicato il paragrafo più in basso mentre sono validi solo i Huawei P20 Lite con codice IMEI italiano acquistati nei punti vendita aderenti presenti nel territorio italiano e nella Repubblica di San Marino. Sono validi anche i prodotti acquistati online tramite gli appositi siti internet italiani delle insegne aderenti.

Huawei P20 Lite regala Huawei Band 2 Pro, come partecipare all’iniziativa

Una volta acquistato lo smartphone gli utenti dovranno partecipare compilando le informazioni presente in questa pagina del sito ufficiale Huawei entro e non oltre il 06 giugno 2018. Gli utenti potranno scegliere di partecipare registrando un account o senza registrarsi ma accentando sempre il regolamento e le varie informative.

Il modulo da compilare richiede, oltre a tutti i dati anagrafici dell’acquirente, il codice IMEI e il codice seriale dello smartphone, il modello e la data d’acquisto. È necessario caricare, nella sezione dedicata, la prova di acquisto che può essere lo scontrino fiscale, la ricevuta o la fattura con in chiaro la data di acquisto.

Entro 7 giorni dalla compilazione del modulo, l’utente riceverà un feedback tramite email. A questo punto si dovrà attendere solo la ricezione del premio che verrà spedito tramite corriere all’indirizzo indicato in fase di partecipazione. Maggiori informazioni e i termini completi sono disponibili a questo indirizzo.

Huawei P20 Lite, le nostre impressioni su uno smartphone che di Lite ha solo il nome

Huawei P20 Lite è uno smartphone completo, un prodotto che piace e che funziona molto bene. Potete guardare la nostra video recensione nel video che trovate qui sotto. Cliccando qui potete acquistarlo al prezzo migliore.

Huawei P20 Lite regala Huawei Band 2 Pro a tutti gli utenti che lo acquistano entro il 23 maggio Tecnoandroid

Android P, ecco tutti gli smartphone che dovrebbero ricevere l’aggiornamento

Wed, 04/25/2018 - 19:50

Android P, ecco tutti gli smartphone che dovrebbero ricevere l’aggiornamento Tecnoandroid


Il prossimo mese Google terrà l’evento dedicato a tutti i suoi prodotti e servizi software. Un evento che avrà per protagonista principale Android P, la prossima major release del robottino verde. Una nuova versione di Android che migliorerà l’esperienza di utilizzo attraverso ottimizzazioni e nuove funzionalità.

LEGGI ANCHE: Google ricattata dalla Russia, diversi servizi della compagnia bloccati

Un mix che gli utenti, nessuno escluso, vuole già provare nonostante in molti stiano aspettando ancora Android Oreo. È per questo che insieme ai possibili nomi di Android P, abbiamo pubblicato anche una lista con tutti gli smartphone che dovrebbero ricevere l’aggiornamento ufficiale.

Una lista che chiaramente non ha nulla di ufficiale ma che potrebbe rispecchiare seriamente la realtà dei fatti.

Android P, i possibili nomi al vaglio in quel di Mountain View

Android P potrebbe essere semplicemente Android Popsicle. Questo nome negli USA indica i ghiaccioli. Un nome che suona bene ed è facile da ricordare. Le altre possibilità sono Peppermint, Petit Four, Pound Cake, Pastille, Popsicle, Pancake, Profiterole, Puff Pastry e Pecan Pie.

ASUS, gli smartphone che riceveranno Android P
  • ASUS ZenFone 5 (ZE620KL), tra ottobre e dicembre 2018
  • ASUS ZenFone 5Z, tra ottobre e dicembre 2018
  • ASUS ZenFone 5 Lite, tra gennaio e marzo 2019
  • ASUS ZenFone Max (M1), tra gennaio e marzo 2019
  • ASUS Zenfone 4 Pro, tra gennaio e marzo 2019
  • ASUS Zenfone AR ZS571KL, tra aprile e giugno 2019
Google, gli smartphone che riceveranno Android P
  • Google Pixel, tra luglio e settembre 2018
  • Google Pixel XL, tra luglio e settembre 2018
  • Google Pixel 2, tra luglio e settembre 2018
  • Google Pixel 2XL, tra luglio e settembre 2018
HTC, gli smartphone che riceveranno Android P
  • HTC U Ultra, tra ottobre e dicembre 2018
  • HTC U11+, tra ottobre e dicembre 2018
  • HTC U11, tra gennaio e marzo 2019
  • HTC U Ultra, tra aprile e giugno 2019
Huawei e Honor, gli smartphone che riceveranno Android P
  • Huawei Mate 10 e Mate 10 Pro, tra ottobre e dicembre 2018
  • Huawei Mate 10 Pro Porsche Design, tra ottobre e dicembre 2018
  • Honor View 10, tra ottobre e dicembre 2018
  • Huawei Nova 2s, tra ottobre e dicembre 2018
  • Huawei P10 e P10 Plus, tra gennaio e marzo 2019
  • Huawei Mate 9 e Mate 9 Pro, tra gennaio e marzo 2019
  • Huawei Mate 9 Pro Porsche Design, tra gennaio e marzo 2019
  • Honor 9 e V9, tra gennaio e marzo 2019
  • Honor 9 Lite, tra gennaio e marzo 2019
  • Honor 8 Pro, tra gennaio e marzo 2019
LG, gli smartphone che riceveranno Android P
  • LG G6, tra ottobre e dicembre 2018
  • LG V30 e V30+, tra ottobre e dicembre 2018
  • LG V20, tra gennaio e marzo 2019
  • LG Q8, tra aprile e giugno 2019
Nokia, gli smartphone che riceveranno Android P
  • Nokia 8 e Nokia 8 Sirocco, tra luglio e settembre 2018
  • Nokia 7 e Nokia 7 Plus, tra ottobre e dicembre 2018
  • Nokia 6 2017 e 2018, tra ottobre e dicembre 2018
  • Nokia 5, tra gennaio e marzo 2019
  • Nokia 3, tra aprile e giugno 2019
  • Nokia 2, tra aprile e giugno 2019
  • Nokia 1, tra aprile e giugno 2019
OnePlus, gli smartphone che riceveranno Android P
  • OnePlus 5, tra ottobre e dicembre 2018
  • OnePlus 5T, tra ottobre e dicembre 2018
Samsung, gli smartphone che riceveranno Android P
  • Galaxy S9 e Galaxy S9+, tra gennaio e marzo 2019
  • Galaxy Note 8, tra aprile e giugno 2019
  • Galaxy S8 e Galaxy S8+, tra aprile e giugno 2019
  • Galaxy S8 Active, tra luglio e settembre 2019
  • Galaxy A8 e Galaxy A8+, tra aprile e giugno 2019
  • Galaxy Note FE, tra luglio e settembre 2019
Sony, gli smartphone che riceveranno Android P
  • Sony Xperia XZ2 e XZ2 Compact, tra ottobre e dicembre 2018
  • Sony Xperia XZ1 e XZ1 Compact, tra ottobre e dicembre 2018
  • Sony Xperia XA2 e XA2 Ultra, tra ottobre e dicembre 2018
  • Sony Xperia XZ Premium, tra gennaio e marzo 2019
  • Sony Xperia XZs, tra gennaio e marzo 2019
Xiaomi, gli smartphone che riceveranno Android P
  • Xiaomi Mi A1 (Android One), tra ottobre e dicembre 2018
  • Xiaomi Mi 6, tra aprile e giugno 2019
  • Xiaomi Mi MIX 2, tra aprile e giugno 2019

Android P, ecco tutti gli smartphone che dovrebbero ricevere l’aggiornamento Tecnoandroid

Wolfenstein 2: The New Colossus arriva in estate su Switch

Wed, 04/25/2018 - 19:40

Wolfenstein 2: The New Colossus arriva in estate su Switch Tecnoandroid

il wallpaper del famoso gioco Bethesda

Fu avvistato durante un evento Nintendo Direct nel 2017, ma ora sappiamo per certo che Wolfenstein 2: The New Colossus arriverà su Switch molto, molto presto. La data fissata per il rilascio da Bethesda è fissata al 29 giungo 2018. Dopo aver fatto impazzire il pubblico delle console PS4, Xbox One, e poi del PC a ottobre 2017, un videogame della serie Wolfenstein, sviluppato da MachineGames con l’aiuto Panic Button, sarà per la prima volta su una console Nintendo. Nel 2014, il predecessore Wolfenstein: The New Order fece il giro del mondo su su tutti i concorrenti di Nintendo, ma la Wii U fu un hardware totalmente ignorato dai produttori del franchise.

Dubbi tecnici per Wolfenstein 2 su Switch

Wolfenstein 2: The New Colossus segue le avventure del protagonista BJ Blazkowicz, alias “Terror-Billy”. La storia sarà come sempre ricca d’azione, accompagnata da personaggi straordinari a lato del protagonista. Ritroverete il manipolo di mercenari che combattono per la libertà contro la malefica Frau Engel alla testa della macchina bellica nazista.

Sarà molto interessante poter sfruttare a pieno gli speciali controlli di movimento di Nintendo Switch, magari scoprendo nuovi modi di attaccare in Wolfenstein 2. Le review sulle altre console furono quasi entusiastiche. Restano da vedere alcuni aspetti tecnici di Wolfenstein 2 trasportati sulla tecnologia di Nintendo Switch. In particolare, nei livelli ambientati in città come New Orleans sarà interessante capire come sarà il rendering finale, soprattutto se sarà all’altezza di quanto visto su PS4 e Xbox One.

Intanto che cerchiamo di trovare qualcosa da mettere sotto i denti per calmare l’attesa, potete gustarvi il trailer di annuncio qui in basso.

Wolfenstein 2: The New Colossus arriva in estate su Switch Tecnoandroid

Le nuove Samsung SSD 970 Pro ed Evo sbaragliano di nuovo i competitor

Wed, 04/25/2018 - 19:30

Le nuove Samsung SSD 970 Pro ed Evo sbaragliano di nuovo i competitor Tecnoandroid

le due velocissime SSD appena annunciate

Samsung deve essersi sentito sotto pressione, alla luce dei tanti competitor al lavoro per creare un solid-state drive (SSD) che avesse velocità di lettura/scrittura incredibili a un prezzo più contenuto delle 960 Pro e 960 Evo della casa coreana. Tanti, come Western Digital, sembrano esserci riusciti. La casa coerana però non è stata a guardare e, in gran segreto, ha appena rilasciato una nuova serie Samsung SSD 970 Pro e 970 Evo (niente di fantasioso nei nomi).

I test sulle nuove Samsung SSD

Il benchmark appena effettuato su queste due nuove memorie riporta Samsung in posizione di vantaggio rispetto ai competitor. La serie 970 Pro, nello specifico, ha fatto registrare un dato fino a 3.500 MB/s e 2.700 MB/s di velocità in lettura e scrittura sequenziale, cosa che rende le nuove SSD di Samsung più veloci di un 30% della precedente generazione.

Nel frattempo, la SSD serie 970 Evo ha raggiunto lo stesso risultato della Pro nella velocità di lettura sequenziale ma, tuttavia, la scrittura sequenziale va leggermente più lenta (2.500 MB/s). E comunque, è pur sempre più veloce del 65% rispetto alla precedente SSD 960 Pro.

Inoltre, Samsung ha aggiornato entrambe le SSD NVMe con il più recente 64-layer V-NAND e un nuovo controller Phoenix completamente ridisegnato. Le due nuove linee di SSD Pro ed Evo utilizzano anche la tecnologia Intelligent TurboWrite, sistema che supporta un buffer fino a 78GB per scritture sul drive nettamente più rapide.

Altre specifiche e prezzo di lancio

A lato di ben 5 anni di garanzia, le nuove Samsung SSD sono equipaggiate di un dissipatore di calore e un nuovo controller in nickel per tenere le temperature basse, mentre la tecnologia Dynamic Thermal Guard le mantiene a un valore di gradi tale da farle funzionare sempre al meglio. Disponibili dal 7 maggio, i prezzi delle SSD serie 970 variano in base alla capienza come segue:

Samsung 970 Pro 512GB – 270 euro
Samsung 970 Pro 1TB – 515 euro
Samsung 970 Evo 250GB – 97 euro
Samsung 970 Evo 500GB – 188 euro
Samsung 970 Evo 1TB – 367 euro
Samsung 970 Evo 2TB – 695 euro

Le nuove Samsung SSD 970 Pro ed Evo sbaragliano di nuovo i competitor Tecnoandroid

Nokia X6 confermato e sarà presentato il 27 aprile

Wed, 04/25/2018 - 19:20

Nokia X6 confermato e sarà presentato il 27 aprile Tecnoandroid

Dal rumor che avevamo ventilato ai fatti. Un nuovo smartphone Nokia X, dato in sviluppo da diversi siti specializzati oltre al nostro, sarà presto annunciato in pompa magna dalla compagnia finnica. I media cinesi rivelano che HMD Global presenterà il nuovo smartphone il 27 Aprile, e il device sarà chiamato Nokia X6.

Caratteristiche del nome e hardware del Nokia X6

Un nome che richiama il vecchio X6 motorizzato Symbian che fece il suo debutto circa dieci anni fa; il nuovo smartphone, come il vecchio, avrà specifiche tecniche da medio gamma. Sembra, inoltre, che saranno lanciati sul mercato due versioni di Nokia X6, che varieranno l’uno dall’altro in base al tipo di chipset di cui saranno dotati. La prima versione implementerà un processore Qualcomm Snapdragon 636, mentre l’altra opterà per un SoC MediaTek Helio P60. Le RAM dovrebbero essere rispettivamente 6GB e 4GB.

Una delle caratteristiche di punta dei nuovi smartphone sarà rappresentata dalla doppia fotocamera con a bordo delle lenti Zeiss. Il display del Nokia X6, invece, dovrebbe arrivare a ben 5,8” con un rapporto di aspetto 19:9.

Parlando di smartphone di medio gamma, il nuovo X6 può essere considerato come la perfetta cesura tra il Nokia 6.1 e il permomante Nokia 7 Plus. Il suo prezzo dovrebbe aggirarsi sui 210 euro per il modello da 4GB, e sui 233 euro per quello da 6GB. Al momento però, il rapporto prezz-modello è basato solo su una stima teorica, poiché Nokia X6 è disponibile solo in Cina. È opportuno ritenere che ci sarà un sovrapprezzo quando sarà commercializzato nel resto del mondo.

Nokia X6 confermato e sarà presentato il 27 aprile Tecnoandroid

Google vuole rivoluzionare la chat su Android e superare iMessage di Apple

Wed, 04/25/2018 - 19:10

Google vuole rivoluzionare la chat su Android e superare iMessage di Apple Tecnoandroid

Google sta pensando di rivoluzionare le chat Android

Gli utenti che utilizzano un iPhone hanno la possibilità di comunicare tra di loro attraverso il servizio offerto da Apple: iMessage. Su Android invece è un’altra storia perché Android Message non riesce a superare l’utilizzo di WhatsApp e altre applicazioni.

Google per questo motivo, ha sviluppato un sistema operativo che prova ad inserirsi da tempo tra queste applicazioni. Per il momento senza successo. Adesso però è arrivato il momento di una nuova mossa.

Google vuole rivoluzionare le chat di Android

Il colosso di Mountain View ha intenzione di eliminare in toto gli SMS e proporre a tutti i suoi utenti uno standard completamente nuovo per poter scambiare messaggi. La nuova funzionalità si chiamerà Chat. Si tratterà appunto di una funzionalità e non di un’applicazione da poter scaricare dal Play Store. Si tratta di un software preinstallato che andrà a sostituire Android Messages.

Il nuovo standard è chiamato “Rich Communication Services”, gli utenti potranno inviarsi non solo messaggi ma anche foto e video. Sarà possibile creare dei gruppi e vedere quando il destinatario sta scrivendo. La differenza principale con iMessage è che le comunicazioni scorrono via chat e non saranno criptate. Ovviamente se un utente che utilizza Android vorrà comunicare (senza whatsapp) con uno che utilizza iOS, verranno utilizzati gli SMS. Chat andrà a supportare anche Google Assistant.

Le previsioni di successo sono abbastanza positive, Google finalmente riuscirà a crearsi uno spazio come Apple ha fatto già da tempo. Il Washington Post ha raccontato che si stimano entro la fine dell’anno circa 350 milioni di utenti che la utilizzeranno. Non ci resta che attendere una comunicazione ufficiale da parte dell’azienda.

Google vuole rivoluzionare la chat su Android e superare iMessage di Apple Tecnoandroid

Galaxy Note 7 riceve con Oreo la certificazione Wi-Fi ma non aspettate un update

Wed, 04/25/2018 - 19:00

Galaxy Note 7 riceve con Oreo la certificazione Wi-Fi ma non aspettate un update Tecnoandroid

Certificazione Wi-Fi per Galaxy Note 7 ma non aspettatevi un update

Samsung Galaxy Note 7 è stato ritirato dal mercato, quindi che abbia ricevuto Android Oreo è abbastanza curioso. Infatti nemmeno Galaxy S7 ha ricevuto l’aggiornamento e sicuramente, lo merita di più di Note 7, smartphone dell’azienda sud coreana che ha registrato maggiori problemi.

Note 7 ha infatti ricevuto, grazie all’adozione di Android Oreo, la certificazione Wi-Fi. Probabilmente, anche se rimane un’ipotesi, Samsung sta lavorando all’aggiornamento Oreo per Galaxy Note 7 FE. La versione con la batteria depotenziata rilasciata in alcuni mercati.

Samsung Galaxy Note 7 riceve la certificazione Wi-Fi grazie ad Android Oreo ma non aspettatevi un update

Nonostante lo smartphone abbia ricevuto la certificazione Wi-Fi grazie ad Android Oreo, non aspettatevi alcun aggiornamento ufficiale ad Oreo, perché non ci sarà. Soprattutto se si considera il fatto che l’azienda spinge i suoi clienti a restituire lo smartphone.

Molte volte abbiamo parlato di una certificazione Wi-Fi che però non fosse collegata ad un imminente aggiornamento. In questo caso, come anticipato prima, potrebbero arrivare qualche novità per gli utenti che possiedono la versione FE dello smartphone, anche se non è ancora niente di ufficiale.

Galaxy Note 7 dispone di uno schermo da 5.7 pollici con risoluzione 1440×2560. Monta un processore Exynos octa core 8890 con 4 GB di memoria RAM e 64 GB di memoria interna espandibile con MicroSD. Fotocamera posteriore da 13 megapixel e frontale da 5 megapixel. Batteria da 3.500 mAh e sistema operativo Android 6.0 Marshmallow.

Galaxy Note 7 riceve con Oreo la certificazione Wi-Fi ma non aspettate un update Tecnoandroid

OnePlus 3 e 3T: Open Beta 35 e 26 in rilascio con una nuova inedita funzione di sblocco

Wed, 04/25/2018 - 18:50

OnePlus 3 e 3T: Open Beta 35 e 26 in rilascio con una nuova inedita funzione di sblocco Tecnoandroid

I device della linea OnePlus 3 e 3T stanno ricevendo i rispettivi nuovi update alle Open Beta release numerate 35 e 26 che introducono un changelog interessante che verte sulla possibilità di beneficiare di nuove funzionalità launcher e File Manager. Ecco di cosa si tratta.

OnePlus 3 e 3T: nuovo update Open Beta

Dopo aver preso in esame l’interessante recensione dell’ex top di gamma OnePlus 3T introduciamo un nuovo aggiornamento che prende le distanze dalle release inizialmente previste ed anche dagli ultimi update, che di certo non hanno concesso agli utenti la funzionalità di sblocco del display al doppio tocco (dual-tap unlock).

Una funzione che opera correttamente soltanto quando vi è in uso il launcher previsto di default dallo sviluppatore per i suoi smartphone. In particolare le release in rilascio presso il canale OTA del canale Beta introducono i seguenti cambiamenti:

Launcher
  • Supporto per il doppio tocco sul display per bloccare lo smartphone
  • Migliorata la cronologia di ricerca nell’app drawer
File manager
  • Nascosta la voce lock-box in modalità ospite
  • Ottimizzato lo scanning logic per file di grandi dimensioni

Si resta in attesa del rilascio della nuova build release ufficiale da concedersi all’attenzione di tutti gli utenti del ramo stable. Nel frattempo facciamo presente che è possibile trovare informazioni utili per procedere all’installazione di questa Beta all’indirizzo di fonte, sebbene la procedura sia sconsigliata ad un pubblico inesperto.

OnePlus 3 e 3T: Open Beta 35 e 26 in rilascio con una nuova inedita funzione di sblocco Tecnoandroid

Apple, in sviluppo una possibile unione dei sistemi operativi degli iPhone e dei mac.

Wed, 04/25/2018 - 18:40

Apple, in sviluppo una possibile unione dei sistemi operativi degli iPhone e dei mac. Tecnoandroid

Apple, possibile fusione dei sistemi operativi

Come tutti saprete, o almeno chi ha qualche dispositivi Apple, la compagnia ha diversi sistemi operativi, specifici per ogni tipo di prodotto. Gli iPhone e gli iPad hanno iOS, i MacBook hanno macOS, gli Apple Watch hanno watchOS e le TV hanno tvOS. Tra i piani dell’azienda potrebbe esserci quello della fusione dei primi due. Molti ingegneri però ritengono che gli utenti non lo gradirebbero quindi c’è una sorta di stallo. MacOS potrebbe guadagnarne molto, come la connettività LTE, ma per Tim Cook, una fusione del genere porterebbe a una serie di compromessi.

Qualcuno l’ha già fatto

Altre compagnie hanno già fatto, in un certo senso, un passaggio del genere. Google ha aggiunto un supporto per Android a Chrome OS. Anche Microsoft ha abbracciato il mondo del mobile computing, aggiungendo supporto LTE al suo Surface Pro proprio l’anno scorso.

Per quanto Apple non abbia ancora abbracciato completamente la fusione tra iOS e macOS, non ha mostrato contrarietà in dei piccoli passi nella stessa direzione. Sembrerebbe infatti che la compagnia sia al lavoro su un framework che potrebbe consentire alle applicazioni di iOS di funzionare su Mac. In sostanza, una mossa che assomiglia molto a quello fatto da Google con le applicazioni di Android su Chrome OS.

L’ostacolo principale, al momento, è la gestione diverse delle modalità d’uso. Gli iPhone si basano praticamente per interno su un touchscreen mentre i MacBook su mouse, o touchpad, e tastiera. In realtà non dovrebbe essere complicato visto che un qualunque emulatore di Android per PC fa la stessa cosa senza troppi problemi.

C’è sempre un’altra opzione, ovvero la creazione di un nuovo sistema operativo da zero, per così dire. Anche qui, potrebbe fare come Google e Fuchsia OS.

Apple, in sviluppo una possibile unione dei sistemi operativi degli iPhone e dei mac. Tecnoandroid

Pages