Tecnoandroid





MANUALINUX


Subscribe to Tecnoandroid feed
Il sito e il forum più completo in Italia su Android. News, guide, approfondimenti, app e giochi per Android e una grande community italiana.
Updated: 40 min 18 sec ago

Apple scippa un’app Android: l’app meteo Dark Sky diventa esclusiva di iOS

44 min 42 sec ago

Apple scippa un’app Android: l’app meteo Dark Sky diventa esclusiva di iOS Tecnoandroid

Con un colpo inaspettato Apple ha comprato in toto i diritti esclusivi di Dark Sky, l’app meteo che era balzata nei primi posti delle classifiche di categoria per numero di download. Il successo dell’app era dovuto all’accuratezza del design unita a una completezza di dati forniti e previsioni attendibili.

Su Android non la troveremo più navigando nel Play Store, e se anche la vedete comparire nelle ricerche non è più disponibile al download. Chi invece l’ha attualmente installata sul proprio smartphone, con tanto di abbonamento premium eventualmente acquistato per eliminare la fastidiosa pubblicità, potrà usarla solo fino al 30 giugno. Stessa sorte toccherà alla versione dell’app su Android Wear OS.

 

Apple scippa l’app meteo Dark Sky dal Play Store

Come sappiamo, Dark Sky su Android offriva un’API che permetteva alle app terze di usare i suoi dati, e sembra che questa feature sarà sarà chiusa ma almeno sarà a fine 2021. La funzione sull’app in versione iOS continuerà a rimanere disponibile, ma l’annuncio ufficiale ci aggiunge un “per ora” che non ispira il massimo della fiducia.

Non ci sono dettagli sulla motivazione che ha spinto Apple a questa mossa ma, insomma, sembra piuttosto ovvio prevedere che l’obiettivo sia migliorare in qualche modo l’app Meteo predefinita di iOS. Di solito è questo lo scopo dei colossi tech quando si interessano a piccole app indipendenti – ricordiamo per esempio Acompli e Wunderlist per Microsoft (anche se quest’ultima non è andata come si sperava) Rimaniamo in attesa di ulteriori informazioni.

Apple scippa un’app Android: l’app meteo Dark Sky diventa esclusiva di iOS Tecnoandroid

Bottiglietta nella ruota dell’auto: il nuovo trucchetto per rubare l’auto

49 min 17 sec ago

Bottiglietta nella ruota dell’auto: il nuovo trucchetto per rubare l’auto Tecnoandroid

Coloro in possesso di un’auto sono da qualche settimana agitati dall’ultimo trucchetto ideato da un gruppo di truffatori per rubare l’auto con estrema semplicità. Purtroppo i tranelli sono sempre dietro l’angolo, ma questo metodo si è diffuso con estrema rapidità a tal punto che la Polizia Stradale ha avvisato tutti i consumatori di prestare maggiore attenzione. Ecco qualche dettaglio in più.

Auto rubate: i truffatori utilizzano il trucco della bottiglietta di plastica

I truffatori mirano ad un’auto e con la massima cautela e attenzione inseriscono una semplice bottiglietta di plastica nella ruota dell’auto, abbastanza nascosta per non farla notare dal conducente. Inoltre, nella maggior parte dei casi la bottiglietta è nascosta nella ruota posteriore dalla parte del passeggero.

In questo modo, il proprietario dell’auto riscontra problemi quando l’auto è già in funzione visto i strani e inspiegabili rumori provenire dall’auto. Nella maggior parte dei casi, fermando l’auto per andare a controllare l’origine del problema il conducente lascia l’auto aperta e con la chiave inserita nel quadro visto. In questo modo l’obiettivo dei truffatori è finalmente raggiunto perché possono correre in auto, mettere la marcia, partire e il gioco è fatto.

Le segnalazioni inviate sono già numerose e i possessori di un’auto continuano a segnalare questo subdolo metodo. Si tratta di un trucchetto già visto negli anni passati, ma un gruppo di truffatori ha deciso di riutilizzarlo di nuovo vista la sua efficacia.

È molto importante, infatti, prima di entrare nella propria auto e partire controllare accuratamente tutte le ruote così da evitare spiacevoli inconvenienti.

Bottiglietta nella ruota dell’auto: il nuovo trucchetto per rubare l’auto Tecnoandroid

3G: addio Italia, ecco la possibile opzione di Tim, WindTre e Vodafone

1 hour 9 min ago

3G: addio Italia, ecco la possibile opzione di Tim, WindTre e Vodafone Tecnoandroid

Il 2020 non è iniziato nel migliore dei modi ma, sul fronte telefonia, quest’ultimo ha segnato un passo importante verso la diffusione globale della rete ultra veloce 5G. In Italia, quindi, i primi operatori ad aver lanciato questo nuovo standard sono stati Tim e Vodafone che, nel totale, hanno sborsato oltre 5 miliardi di euro. Una cifra esageratamente alta che, di fatto, va a sommarsi alla spesa totale sostenuta da tutti gli operatori che, ad oggi, ammonta a circa 6.5 miliardi di euro. E’ quindi di fondamentale importanza, in questo momento, recupera le cifre spese negli ultimi mesi e, per questo motivo, a quanto pare gli operatori telefonici Italiani sono intenzionati a spegnere definitivamente tutte le antenne 3G attualmente attive nel paese. Scopriamo quindi di seguito maggiori dettagli a riguardo.

Addio 3G: dal prossimo anno Tim, Wind Tre e Vodafone potrebbero spegnere le antenne

Con l’arrivo del 4G nel nostro paese, quindi, l’intera rete mobile 3G è diventata a tutti gli effetti un sostituto che, gli Italiani, tendono ad utilizzare solamente nei momenti in cui la connettività LTE è completamente assente. In seguito alla diffusione del 5G, quindi, potrebbe riproporsi la stessa situazione ma, questa volta, con la rete 4G. Di conseguenza la rete di terza generazione potrebbe diventare completamente inutilizzata e, per questo motivo, spegnere tutte le antenne potrebbe rivelarsi una soluzione per evitare costi extra.

Inoltre non bisogna dimenticarsi della questione legata alle radiazioni. Nel caso in cui gli operatori decidano di mantenere attiva la rete 3G in contemporanea con quella 4G e 5G, con molte probabilità l’Italia potrebbe superare la soglia massima di radiazioni che per legge possono essere emanate dalle antenne.

3G: addio Italia, ecco la possibile opzione di Tim, WindTre e Vodafone Tecnoandroid

Coronavirus: il canale Telegram per tutte le notizie del Covid-19

1 hour 14 min ago

Coronavirus: il canale Telegram per tutte le notizie del Covid-19 Tecnoandroid

Essere sempre aggiornati sulle notizie relative al Coronavirus, alias Covid-19, è fondamentale proprio per cercare di non perdere il filo con la realtà, sopratutto per non perdere nemmeno una autocertificazione o evitare le ormai diffusissime fake news presenti in rete.

Per aiutarvi nella cernita delle migliori news, ecco arrivare un canale Telegram interamente dedicato alla causa, dopo esservi iscritti gratuitamente avrete la possibilità di restare al passo con le novità e le notizie ufficiali dei rappresentati del nostro Governo, tutte in tema Covid-19, definito anche Coronavirus.

Non dimenticate di ISCRIVERVI al nostro canale Telegram interamente dedicato alle offerte Amazon, lo trovate a questo link.

 

Covid-19: ecco il canale Telegram per combattere il Coronavirus

All’interno potete trovare il resoconto della giornata, con nuovi contagi, decessi e guariti, pubblicato tutti i giorni alle 18 esattamente nel momento in cui la protezione civile lo rende noto.

In parallelo sono presenti i moduli di autocertificazione da scaricare direttamente sul vostro dispositivo, anch’essi aggiornati all’ultima versione attualmente disponibile. Per poi finire con tutte le notizie provenienti dai profili social dei rappresentanti del nostro Governo, passando anche per i principali organi di stampa e similari.

Il canale vuole essere un punto di riferimento per coloro che non vogliono perdersi nemmeno uno sviluppo, sempre nell’ottica di aborrare le fake news che purtroppo continuano ad impestare la rete creando disinformazione e portando gli utenti a perdere il filo della realtà, esattamente come è accaduto parlando della fantomatica Virus Tax. Ricordatevi sempre di verificare le fonti, prima di diffondere una notizia pubblicata su internet.

Coronavirus: il canale Telegram per tutte le notizie del Covid-19 Tecnoandroid

TIM, confermato anche ad aprile un bonus da 20 euro per i clienti

1 hour 19 min ago

TIM, confermato anche ad aprile un bonus da 20 euro per i clienti Tecnoandroid

La stagione primaverile sarà ricca di grandi offerte per gli abbonati di TIM. Già in questi giorni di inizio mese, il provider di telefonia ha promosso nuove iniziative per la telefonia mobile con ricaricabili che prevedono chiamate, messaggi ed internet. 

TIM oltre a cercare nuovi clienti ha anche interesse nel premiare tutti gli abbonati che sono rimasti fedeli nel corso del tempo. Per questa fascia di pubblico c’è la possibilità di riscattare alcuni regali tramite il portale TIMparty. 

 

TIM, confermato anche nel mese di aprile il bonus da 20 euro per CHILI

Una delle priorità per TIM è il settore strategico dell’intrattenimento. La compagnia telefonica – come dimostrato dall’accordo con Disney+ – sta investendo sempre di più sul suo portale streaming TIMvision. Oltre a questo servizio, gli utenti possono beneficiare anche di una particolare partnership con CHILI. 

Tutti gli abbonati da più di un anno, effettuando il login con le proprie credenziali su TIMparty, avranno diritto ad un codice sconto di 20 euro per vedere in modalità pay per view una selezione di film e serie tv proprio su CHILI.

Questa piattaforma streaming garantisce ai suoi clienti un numero molto elevato di contenuti con oltre 900 titoli, tra cui si alternano produzioni italiane e straniere.

Prevista sino allo scorso 31 Marzo, l’offerta di TIM è stata prorogata anche per il mese di Aprile. Ricordiamo che, in base alle condizioni dell’offerta, ogni cliente può riscattare solo un unico codice per CHILI. Dal momento della ricezione del buono sconto, ci sono 60 giorni di tempo per il regolare utilizzo.

TIM, confermato anche ad aprile un bonus da 20 euro per i clienti Tecnoandroid

Offerta ho Mobile: ecco chi può attivare l’offerta a meno di 6€ al mese

1 hour 39 min ago

Offerta ho Mobile: ecco chi può attivare l’offerta a meno di 6€ al mese Tecnoandroid

Una delle offerte dell’operatore virtuale di Vodafone, ho Mobile, può essere attivata sostenendo una spesa iniziale decisamente conveniente e andando incontro ad un costo di rinnovo inferiore ai 6,00 euro mensili. Non tutti, però, possono richiedere la tariffa in questione, in quanto il low cost ne rivolge l’attivazione esclusivamente ai clienti che procedono con il trasferimento del numero da determinati gestori. Scopriamo i dettagli dell’offerta ho. 5.99€, chi può ottenerla e come richiedere la nuova SIM ho Mobile.

Passa a ho Mobile: ecco chi può ottenere l’offerta ho. 5.99€ e come attivarla!

 

L’offerta ho. 5.99€ può essere attivata procedendo con l’acquisto della nuova SIM recandosi in uno dei 3000 punti vendita del gestore o utilizzando il suo sito ufficiale www.ho-mobile.it.

Effettuando l’acquisto online i nuovi clienti hanno la possibilità di ricevere la SIM tramite corriere, senza andare incontro ad alcun costo di spedizione; oppure, richiedere il ritiro presso una delle numerose edicole convenzionate.

La tariffa del low cost può essere attivata soltanto dai clienti che decidono di trasferire il loro numero da Iliad o da uno degli operatori virtuali indicati da ho Mobile. I clienti che attivano l’offerta ho. 5.99€ possono ricevere mensilmente:

  •  Minuti illimitati verso tutti i numeri

• SMS illimitati verso tutti i numeri

• 70 GB di traffico dati in 4G Basic

A soli 5,99 euro al mese, da sostenere per saldare il costo di rinnovo, inoltre, hanno a disposizione anche i servizi extra, quindi: l’sms ho. chiamato, l’avviso e trasferimento di chiamata; la navigazione hotspot, il numero 42121 per il credito residuo e l’app ufficiale ho. Mobile.

Offerta ho Mobile: ecco chi può attivare l’offerta a meno di 6€ al mese Tecnoandroid

Serie TV: le migliori su Amazon, Sky, Infinity, Netflix e Disney+

1 hour 44 min ago

Serie TV: le migliori su Amazon, Sky, Infinity, Netflix e Disney+ Tecnoandroid

Se il vostro passatempo migliore in questi giorni di quarantena forzata, risulta essere la lunga maratona di serie TV, sei nel posto giusto! Da alcune settimane si è aggiunta alla lista delle piattaforme streaming quali Amazon, Sky, Infinity e Netflix, una nuova alleata. Stiamo parlando di Disney+: il “paese dei balocchi” di adulti e bambini. Da quando è sbarcata questa (il 24 marzo del 2020) il mondo è impazzito.

Serie TV: alcune delle più belle da vedere sulle piattaforme streaming

Su quali piattaforme streaming dobbiamo cercare? Ecco una lista varia!

DISNEY+   

Torna un mega recipiente di serie tv della nostra età giovanile. In esso potete trovare dei grandi classici come “I simpson“, “Zack e Cody al Grand Hotel“, “Jessie“, “Raven“, “I maghi di Waverly“, “Hannah Montana” ma anche dei nuovi arrivi come “Il mondo secondo Jeff Goldblum“. Questo è una sorta di documentario in cui Jeff esplora vari mondi quali i videogiochi, i cosmetici, i gelati e le scarpe da ginnastica. Tra i nuovi arrivi vi è anche “The imagineering story”, la serie che scopre e ci narra come sono nati i parchi tematici Disney e le loro attrazioni.

AMAZON

La piattaforma offre una vasta scelta di serie tv. Tra le più belle vediamo “La fantastica signora Maisel” che narra le vicende di una casalinga ebrea che, venuta a sapere del tradimento del marito e cambia vita grazie alla stand-up comedy. Altra serie gioiello è “Homecoming” la quale ripercorre la vita di una donna ex assistente sociale che aiutava i veterani a reinserirsi nella società. Vi elenchiamo le altre successioni di episodi come “Undone“, “Fleabag“, “American Gods” e, per finire, “The Boys“.

SKY

Le serie da vedere sulla piattaforma di streaming non sono poche. Notiamo però “Westworld” ambientata in un mondo futuro, “Zero Zero Zero” ispirata al narcotraffico, “The New Pope“, “The Outsider” narrante l’omicidio di un bambino trovato nei boschi del Georgia, e “Yellowstone“.

INFINITY 

Tra le più celebri su Infinity vi sono: “Arrow“, “22-11-63“, “Supernatural“, “Batwoman“, “Mom“, “All American“, “The Vampire Diaries“, “American world“, “Bob hearts Abishola“, “Chicago Fires“, “Legacies“, “Prodigal son“. Queste vanno dal 2012 ai giorni d’oggi.

NETFLIX

Per ultimo, ma non per importanza, parliamo di Netflix. La piattaforma più utilizzata negli ultimi anni offre una varietà inimmaginabile di film e serie tv di ogni genere. Quelle che danno più all’occhio sono: “Stranger things“, “Riverdale“, “Suburra“, “Gomorra” e “Good Girls“. Come “Lucifer“, “Elite“, “La casa di carta“, “Baby“, “Vickings“, “Brews Brothers“, “Fauda” e “After life“.

Serie TV: le migliori su Amazon, Sky, Infinity, Netflix e Disney+ Tecnoandroid

Fastweb è impazzita: PlayStation Plus incluso a soli 25.95 euro al mese

1 hour 49 min ago

Fastweb è impazzita: PlayStation Plus incluso a soli 25.95 euro al mese Tecnoandroid

A partire dallo scorso 1° aprile 2020 l’operatore Fastweb ha iniziato a proporre una nuova offerta attivabile esclusivamente online. L’offerta include anche il servizio PlayStation Plus per 12 mesi.

La promozione è disponibile, per il momento, fino al prossimo 7 aprile 2020, salvo proroghe. Vi ricordo che il servizio PlayStation Plus offre 2 giochi PS4 da scaricare ogni mese, senza costi aggiuntivi. Scopriamo insieme tutti i dettagli.

 

Fastweb Casa con PlayStation Plus per 12 mesi a 25.95 euro al mese

La promozione in questione prevede, al prezzo di 25.95 euro al mese, uno sconto di 4 euro ogni mese a tempo indeterminato sul costo standard della promozione online, aggiuntivi rispetto ai 5 euro di sconto sull’offerta standard, a 34.95 euro al mese. Una volta attivata la promozione sul sito ufficiale dell’operatore, per attivare l’abbonamento al servizio PlayStation Plus di 12 mesi, sarà necessario attendere le credenziali di accesso all’area clienti MyFastweb.

In seguito sarà anche necessario recuperare il codice sconto di 12 cifre entro 30 giorni dall’attivazione del servizio ed accedere al PlayStation Store della propria PS4 o dal sito. A questo punto basterà selezionare la voce “riscatta codici” ed inserire il codice sconto recuperato in MyFastweb. L’offerta di rete fissa prevede internet illimitato in ADSL, Misto Fibra Rame FTTC o Fibra FTTH fino ad 1 Gbps, chiamate illimitate verso tutti i numeri mobili e fissi nazionali senza scatto alla risposta.

Le chiamate includono anche i servizi Chi Chiama, Avviso di Chiamata, Nascondi Numero, Disabilitazione Chiamate e Trasferimento di chiamate inclusi nel prezzo, e il modem Wi-Fi FASTGate senza costi aggiuntivi. I clienti che lo vorranno, potranno anche aggiungere 1000 minuti di chiamate verso oltre 60 destinazioni internazionali al prezzo di 5 euro in più al mese. Per scoprire tutti i dettagli o altre offerte, visitate il sito ufficiale dell’operatore.

Fastweb è impazzita: PlayStation Plus incluso a soli 25.95 euro al mese Tecnoandroid

SIM Top Number: numeri telefonici che valgono un capitale

1 hour 54 min ago

SIM Top Number: numeri telefonici che valgono un capitale Tecnoandroid

Esistono dei numeri telefonici molto particolari chiamati SIM Top Number. Si tratta di cifre con sequenze continuative di numeri punto possono essere coppie che si ripetono, un singolo numero sempre uguale e così via. Questi numeri così rari, sono ricercatissimi dai collezionisti, i quali sarebbero disposti ad acquistare queste SIM ad alte somme di denaro che possono superare anche di molto i 50.000 euro. Bizzarro, vero? Ma è successa una cosa molto positiva intorno alle SIM top number, e vorremmo raccontarvela.

Ecco per quale motivo è stato positivo portare all’attenzione di tutti l’esistenza di queste SIM

Un servizio de Le Iene andato in onda tempo fa, spiegava che questi numeri telefonici, che provengono da vari operatori quali Tim, Vodafone, Wind e altro, sono molto facili da digitare a fantasia. Questo significa che i possessori della SIM Top Number, hanno la sfortuna di ricevere martellanti telefonate pubblicitarie, pressoché è tutto il giorno.

Cioè non ha fatto desistere collezionisti, ed è qui che viene il bello: è stata indetta un’asta su eBay in cui sono stati messi in vendita 5 numeri Top Number. Lo scopo di questa asta è stato sin dall’inizio, quello di devolvere per intero il ricavato delle vendite alle casse dell’Istituto Nazionale Tumori. Ma ecco la lista dei numeri venduti e a quale prezzo:

  • 339 YYXXXXX, donato da TIM, è stato venduto per 2.210 euro;
  • 33Y XXXXXXX, anche questo donato da TIM, è stato battuto alla cifra di 8.600 euro;
  • 342 XXXXXYY, donato da Vodafone, è stato assegnato per la cifra di 1.920 €;
  • 320 XYZYZYZ, donato da Wind, è stato venduto a un collezionista per 856 euro;
  • 393 XY9XXY9, donato da H3G, ha raggiunto la cifra di 343 euro.

La splendida notizia è che a quest’asta hanno partecipato più di 600 persone, ottenendo una generosissima donazione a favore della lotta contro il cancro.

SIM Top Number: numeri telefonici che valgono un capitale Tecnoandroid

Carburante in caduta, prezzi di benzina e diesel calano: le cifre italiane

1 hour 59 min ago

Carburante in caduta, prezzi di benzina e diesel calano: le cifre italiane Tecnoandroid

La crisi sanitaria che sta coinvolgendo l’Italia e non solo sta iniziando a far risentire i suoi risvolti anche sui mercati, in particolar modo su quello del carburante che è strettamente collegato al petrolio; da diverse settimane ormai il prezzo di quello definito come l’oro nero è colato a picco facendo arrivare il costo di un singolo barile al di sotto dei trenta dollari e facendo precipitare l’economia in quella che sembra una preannunciata crisi. Come annunciato, dunque, anche i prezzi esposti alle pompe per il carburante suggeriscono quanto detto sopra sebbene, in Italia, non vi siano state variazioni di prezzo così drastiche.

Il prezzo del carburante è in calo: ecco quanto costano la benzina e il diesel al litro

Capire come mai il valore della benzina e del diesel non sia stato intaccato così fortemente in Italia è molto semplice: la soluzione, infatti, è fornita dalla composizione del prezzo finale per litro. Esaminando quest’ultima si può scoprire che esso è solo in piccola parte influenzato dai costi commerciali mentre, d’altra parte, altamente assoggettato dai costi finanziari (IVA e Accise).
Davanti a tale situazione, dunque, si può comprendere facilmente che neanche un vero e proprio crollo del mercato porterebbe a quel drastico risvolto auspicato da molti automobilisti.

In ogni caso, grazie ai dati forniti dall’Osservatorio del MiSE sappiamo che l’attuale prezzo del carburante si fraziona in:

  • 1,474 euro al litro (prezzo medio) per la benzina self service;
  • 1,627 euro per litro (prezzo medio) per la benzina servita;
  • 1,361 euro per litro (prezzo medio) per il diesel self service;
  • 1,516 euro per litro (prezzo medio) per il diesel servito.

NB: dati rilevati in data 29 marzo 2020.

Carburante in caduta, prezzi di benzina e diesel calano: le cifre italiane Tecnoandroid

Diesel batte elettrica: clienti delusi dalle batterie passano al motore H2

2 hours 4 min ago

Diesel batte elettrica: clienti delusi dalle batterie passano al motore H2 Tecnoandroid

C’è una grande confusione per quanto riguarda il mondo delle auto Diesel. Un’accesa demonizzazione convince i clienti italiani al passaggio verso l’auto elettrica. Governi ed ambientalisti promuovono il cosiddetto trend della eco-mobility sulla base (però) di considerazioni iniziali fortemente contrastanti.

C’è chi pensa che l’inquinamento generato dai propulsori elettrici non sia nemmeno lontanamente vicino a quello creato da una corrispettiva vettura a gasolio. Purtroppo si entra in un contesto in cui l’opinione personale non ha valore. Contano gli ultimi fatti, basati su analisi di laboratorio che confermano un comune timore generalizzato: niente addio diesel. A quanto pare queste auto sono migliori delle elettriche almeno da punto di vista dell’inquinamento.

In vista di una ottimizzazione dei processi spunta anche il motore H2, vero promotore di una annunciata rivoluzione che stravolgerà completamente il mondo delle automobili. Ma forse è ancora troppo presto per parlare di questo. Lo scopriremo più avanti nel corso di questo articolo.

 

Auto Diesel ingiustamente declassificate: il motore elettrico non è ancora al top ma arriva una nuova versione

Partiamo con una semplice constatazione dei fatti basata sul confronto fatto dal CES-IFO di Monaco di Baviera tra una Mercedes C220d ed una lussuosa e fiammeggiante Tesla Model 3. Al banco di prova sono stati questi i valori di CO2 uscenti:

  • Mercedes: 142 grammi di biossido per Km
  • Tesla: 165 grammi di CO2 per chilometro

Com’è possibile? Di per sé l’auto elettrica dell’americana Tesla produce effettivamente meno particelle nocive. Il fatto è che la fase di produzione della batteria impiega ancora combustibili fossili in fabbrica. Nel complesso (e considerando una vita media dei supporti pari a 10 anni), quindi, possiamo dire che il Diesel fa meglio dell’elettrico già a partire dalla messa in strada. Per il motore a combustibile si conferma dunque una schiacciante vittoria: Durerà poco perché arriva un motore misterioso.

La tipologia di propulsore H2 è in fase di studio presso i grandi costruttori come Toyota. La società sta mettendo a punto il cosiddetto motore ad idrogeno la cui rampa di lancio potrebbe essere il prossimo 2030. In effetti si sarebbe già pronti ad una distribuzione su scala globale ma occorre perfezionare alcuni parametri e provvedere all’installazione dei punti di ricarica.

Felix Gress di Continental descrive questo nuovo ritrovato dell’automotive come la soluzione a tutti i nostri problemi di autonomia ed inquinamento. Con una ricarica da appena 5 minuti si riempie il serbatoio e si percorrono migliaia di chilometri nel rispetto dell’ambiente. Una vera e propria rivoluzione che non tarderà ad arrivare in Italia come nel resto del mondo. Dovremo attendere ancora un pochino ma le prospettive sono decisamente esilaranti.

Diesel batte elettrica: clienti delusi dalle batterie passano al motore H2 Tecnoandroid

Virus Tax: il prelievo forzoso dal conto corrente non si farà

2 hours 9 min ago

Virus Tax: il prelievo forzoso dal conto corrente non si farà Tecnoandroid

La virus tax non si farà, uno degli spauracchi più in voga nell’ultimo periodo non verrà effettivamente applicato dal Governo Italiano nel corso del 2020 per fronteggiare all’incredibile crisi economica causata direttamente dal Coronavirus nel mondo.

Tutto ha avuto inizio con un semplice articolo su un sito internet molto noto, si parlava del possibile prelievo forzoso verso la fine dell’anno da tutti i conti correnti, proprio per andare a sanare i conti correnti di uno Stato profondamente colpito dalla crisi. L’ipotesi era apparsa plausibile, sopratutto in seguito a quanto accaduto con l’Eurotassa del Governo Prodi, applicata agli inizi del 2000 per finanziare l’ingresso nell’Euro.

L’idea, rileggendo da vicino l’articolo, parlava a tutti gli effetti di un pagamento obbligatorio direttamente proporzionato al reddito dei consumatori.

 

Virus Tax: la tassa non sarà da pagare

La paura si è diffusa a macchia d’olio sul territorio nazionale, arrivando addirittura a levare un moto di protesta da chi, come molti di noi purtroppo, non riesce quasi ad arrivare a fine mese.

Il Governo, fortunatamente, si è fatto subito sentire, ricordando e ufficializzando che quanto letto in rete era a tutti gli effetti una fake news creata ad hoc da alcuni utenti alla ricerca di un briciolo di popolarità. Nè oggi, né mai (stando almeno a quanto annunciato), verrà applicata una Virus Tax con prelievo forzoso dai conti correnti, ciò comunque non sta a significare che presto assisteremo ad un inasprimento delle imposte, proprio per superare il periodo difficile.

Per ora possiamo tirare un sospiro di sollievo, il pericolo è stato scampato.

Virus Tax: il prelievo forzoso dal conto corrente non si farà Tecnoandroid

Facebook, Instagram e WhatsApp down, scopriamo cosa è successo

2 hours 14 min ago

Facebook, Instagram e WhatsApp down, scopriamo cosa è successo Tecnoandroid

Nelle scorse ore, quasi tutte le applicazioni di proprietà di Facebook Inc. hanno avuto problemi di funzionamento. Stiamo ovviamente parlando di Instagram, WhatsApp e Messenger.

Quest’ultime, data la mole di messaggi, sono state messe ko. Metà della popolazione mondiale è in casa a causa della pandemia da nuovo coronavirus e la mole di dati da gestire è enorme anche per il colosso di Menlo Park. Scopriamo insieme tutti i dettagli.

 

Facebook, Instagram, WhatsApp e Messenger down per la troppa mole di connessioni

In questi giorni milioni di utenti stanno utilizzando le applicazioni di messaggistica istantanea come quelle menzionate precedentemente per sentire i propri cari, forzatamente lontani per evitare qualsiasi tipo di contagio. Anche negli scorsi giorni abbiamo parlato di come, applicazioni che permettono di effettuare videochiamate, hanno subito un aumento incredibile di connessioni.

Moltissimi utenti nelle scorse ore hanno segnalato sulla piattaforma Twitter malfunzionamenti riguardanti le applicazioni di Mark Zuckerberg. L’hashtag #whatsappdown ha evidenziato la portata globale del fenomeno. Sono molti giorni che Zuckerberg sottolinea lo stresso a sui sono sottoposti i propri server e, a quanto pare, ieri è stato il momento in cui qualcuno di essi ha ceduto, causando un blackout totale.

La mole di dati sta diventando sicuramente ingestibile, soprattutto durante la sera. Le preoccupazioni di Zuckerberg sono diventate ora realtà, quando tutte le applicazioni di messaggistica istantanea hanno smesso di funzionare durante la serata del 1° aprile 2020, speriamo solamente che non sia un pesce d’aprile di cattivo gusto, anche perché queste applicazioni sono uno dei pochi metodi con cui è possibile comunicare in questo momento. Speriamo in una dichiarazione nelle prossime ore o al massimo nei prossimi giorni.

Facebook, Instagram e WhatsApp down, scopriamo cosa è successo Tecnoandroid

Expert: volantino impressionante con le offerte più ricche di sempre

2 hours 19 min ago

Expert: volantino impressionante con le offerte più ricche di sempre Tecnoandroid

Expert è impressionante, in questi giorni ha lanciato un volantino davvero incredibilmente interessante, nonché ricchissimo di offerte e di prezzi bassi, tutti gli acquisti prevedono la consegna gratuita presso il vostro domicilio, indipendentemente dal valore dello scontrino finale.

In un periodo storico in cui a tutti i punti vendita è stata obbligata la chiusura a tempo indeterminato, le uniche possibilità di acquisto per gli utenti consistono nell’affidarsi ai siti internet ufficiali, ecco quindi arrivare ottime offerte da Expert con garanzia legale di 24 mesi (tutti i device sono no brand).

Per i codici sconto e le offerte Amazon, non scordatevi di confermare l’ISCRIZIONE gratuita al nostro canale Telegram.

 

Volantino Expert: tutti i prezzi migliori di oggi

Gli smartphone in promozione sono davvero tantissimi e tra i più disparati, gli utenti possono trovare soddisfazione nell’acquisto di device di fascia bassa, come Oppo A5 2020 179 euro, passando anche per il modello leggermente più costoso, come l’Oppo A9 2020 199 euro. Salendo qualitativamente non possiamo che elogiare la presenza dello Xiaomi Redmi Note 8 Pro 269 euro, uno dei migliori terminali attualmente in circolazione per il rapporto qualità/prezzo, finendo sugli incredibili Oppo Reno 2 449 euro Oppo Reno 2Z 349 euro (non dimenticatevi dello Huawei Nova 5T a 349 euro).

Chiaramente sono presenti anche i top di gamma, come Galaxy Note 10 699 euro, Galaxy S10 in vendita a 649 euro, per finire con Huawei P30 Pro 599 euro o tutti i nuovi Galaxy S20.

Per scoprire e conoscere da vicino una delle migliori campagne degli ultimi tempi, aprite le pagine, ricordando comunque che gli acquisti sono effettuabili solamente online.

Expert: volantino impressionante con le offerte più ricche di sempre Tecnoandroid

Il 4G può sostituire la fibra ottica grazie a Tim, WindTre e Vodafone

2 hours 23 min ago

Il 4G può sostituire la fibra ottica grazie a Tim, WindTre e Vodafone Tecnoandroid

Abitare in una zona non raggiunta dalla fibra ottica potrebbe rappresentare un disagio per molti utenti: in televisione, su internet e nei negozi sono sempre le offerte dedicate alla tecnologia FTTH e FTTC ad esser pubblicizzate e credere che non esistano alternative è del tutto normale. In realtà davanti a questo apparente disagio non bisogna demordere visto che gli operatori nazionali (TIM, Vodafone e WINDTRE) offrono delle alternative all’avanguardia e che consentono di trasformare una semplice rete mobile in 4G in una rete WiFi efficiente.

TIM, WINDTRE, Vodafone: ecco quali offerte attivare se non si può avere la fibra ottica

Iniziando da TIM Italia, possiamo subito vedere come l’assenza di fibra ottica non è un problema per questo operatore; con due offerte differenti, l’operatore nazionale mette a disposizione il suo personale router portatile all’interno di cui è possibile inserire la SIM (ha un costo di 79,99 euro, ma subisce uno sconto di 50 euro se acquistato in combo con un’offerta). Le offerte compatibili con questa soluzione sono:

  • Supergiga 50GB: garantisce 50 GB di internet in 4G ad costo mensile di 13,99 euro.
  • Internet 100 GB: garantisce 100 GB di internet in 4G ad un costo di 49,99 euro previsti come una tantum per un periodo di 6 mesi.

WINDTRE, invece, propone a tutti i suoi clienti in cerca di una soluzione rapida un’offerta comprendente il router. Nello specifico ci riferiamo a Cube Large che garantisce 100 GB di internet in 4G ad un costo mensile di 12,99 euro con incluso il router portatile WebCube 4G+. 

Vodafone, in conclusione, propone l’offerta Total Giga Digital che garantisce a tutti i clienti 30 GB al mese in 4G e al costo di 10 euro mensili. Incluso nell’offerta vi è il router portatile Mobile WiFi che consente la connessione di 10 dispositivi in contemporanea.

Il 4G può sostituire la fibra ottica grazie a Tim, WindTre e Vodafone Tecnoandroid

Euronics: volantino inaspettato strapazza MediaWorld (foto)

3 hours 44 min ago

Euronics: volantino inaspettato strapazza MediaWorld (foto) Tecnoandroid

Euronics, ecco il volantino inaspettato, ma purtroppo valido solamente oggi, tramite il quale l’utente riesce comunque a spendere pochissimo sotto ogni punto di vista, acquistando uno dei tantissimi smartphone in promozione, nonché prodotti di tecnologia generale.

Le compravendite potranno essere completate solamente sul sito ufficiale del rivenditore di elettronica, ma prestate attenzione, stiamo a tutti gli effetti parlando di un volantino legato esclusivamente al socio Euronics Nova, di conseguenza la consegna avverrà solamente nelle vicinanze del negozio, oppure sarà necessario prenotare il prodotto e recarsi personalmente (controllate quando sono aperti).

Non perdetevi nemmeno un’offerta Amazon o un codice sconto, li trovate tutti sul canale Telegram ufficiale di TecnoAndroid.

 

Volantino Euronics: le offerte sono decisamente interessanti

Il primo dispositivo di cui vogliamo consigliare l’acquisto è sicuramente la Xiaomi Mi Band 4, una smartband che davvero ha fatto sognare mezzo mondo per le ottime prestazioni generali, oggi acquistabile alla modica cifra di 29,90 euro.

Parlando di smartphone, invece, non possiamo che avvicinarci agli ottimi Huawei P30 P30 Pro, passando anche per soluzioni molto più economiche, come Xiaomi Redmi Note 8 Pro in vendita a 259 euro, uno dei terminali più incredibili degli ultimi anni per il rapporto qualità/prezzo. Nella fascia più bassa, infine, possiamo consigliare l’acquisto dell’Oppo A9 2020, un terminale da 199 euro, in grado comunque di garantire buone prestazioni complessive.

Il volantino Euronics è elencato nel dettaglio qui sotto, per maggiori informazioni aprite tutte le pagine, ricordando comunque che gli acquisti potranno essere effettuati solamente nelle vicinanze dei punti vendita Euronics Nova, non altrove.

Euronics: volantino inaspettato strapazza MediaWorld (foto) Tecnoandroid

Passa a WindTre: nuova incredibile promozione da 200 giga al mese

3 hours 49 min ago

Passa a WindTre: nuova incredibile promozione da 200 giga al mese Tecnoandroid

Passa a WindTre con una delle migliori promozioni in circolazione, ecco arrivare la Unlimited 200 Special Edition, una spettacolare soluzione da ben 200 giga di traffico dati attivabile da qualsiasi consumatore sul territorio nazionale, indistintamente dalla provenienza.

Avete capito bene, l’offerta in questione non è limitata esclusivamente ad una ristretta cerchia di utenti, come spesso accade in occasioni di questo tipo, ma risulta essere accessibile da parte di ogni cliente, sia con portabilità che già possessore di una SIM di WindTre. Il costo iniziale da sostenere equivale nello specifico a 9,99 euro per coloro che arriveranno da un operatore differente, mentre raggiungerà i 19,99 euro per chi è già cliente dell’azienda (a tutto questo andranno aggiunti 10 euro per l’acquisto della SIM ricaricabile).

 

Passa a WindTre: ecco la promozione che tutti desiderano

All’interno della promozione gli utenti possono davvero trovare tutto ciò che più desiderano, a partire da 200 giga di traffico dati da poter utilizzare in libertà sotto rete telefonica 4.5G, passando anche per illimitati SMS minuti per telefonare a chiunque sul territorio nazionale.

Il canone fisso purtroppo non è dei più bassi, parliamo a tutti gli effetti di 29,99 euro al mese da versare esclusivamente tramite credito residuo della SIM ricaricabile, ma è da considerarsi assente alcun tipo di vincolo contrattuale di durata. Allo stesso modo segnaliamo la presenza di un’offerta da tutto illimitato, la WindTre Unlimited, in versione Easy Pay sempre a 29,99 euro; l’accesso in questo caso sarà possibile con vincolo contrattuale di 24 mesi e tramite pagamento con conto corrente bancario strettamente obbligatorio.

Passa a WindTre: nuova incredibile promozione da 200 giga al mese Tecnoandroid

Apple pronta a lanciare un iPhone economico tra 12 giorni

3 hours 54 min ago

Apple pronta a lanciare un iPhone economico tra 12 giorni Tecnoandroid

Finalmente i rumor su un possibile iPhone 9 SE 2 stanno di nuovo prendendo corpo, dopo che era stato più volte al centro dell’attenzione per un fantomatico debutto a marzo 2020. Infatti, nuove informazioni diffuse dal sito specializzato molto vicino a Apple 9to5Mac sostengono che il nuovo smartphone economico di Apple non sia così distante dalla commercializzazione.

Sono stati divulgati in rete anche degli scatti di alcune custodie dedicate alla variante da 4,7″ di iPhone 9 SE 2, e le indiscrezioni vogliono che gli store più importanti al mondo stanno già ricevendo gli accessori del nuovo iPhone. La data di rilascio sembra davvero imminente, tanto che già questo weekend è indicato sul calendario come un momento caldo.

 

Apple pronta a lanciare iPhone 9 SE2 tra 12 giorni

Non è la prima volta che i produttori di custodie anticipano in qualche modo i grandi colossi della telefonia mobile, ma la custodia UAG riporta proprio che è disegnata apposta per il “Nuovo iPhone 2020”. Dunque, se volessimo fare delle inferenze sulle possibili date di rilascio del nuovo iPhone 9 SE2, le vendite potrebbero partire dal 22 aprile.

Ma non vi aspettate chissà quale annuncio da parte di Apple, perché come già avvenuto con gli iPad Pro 2020 non c’è molto da festeggiare vista la situazione. L’avvio della distribuzione partirà sicuramente dal canale dello store online, poiché in negozi sono ancora chiusi.

A prima vista, iPhone 9 SE 2 si presenterà esteriormente molto simile al precedente iPhone 8, ma all’interno si troverà allocato il chip A13 Bionic appena arrivato nella gamma iPhone 11. Lo schermo dovrebbe essere da 4,7”, ma recenti voci fanno riferimento ad una seconda variante con schermo da 5,5″.

Apple pronta a lanciare un iPhone economico tra 12 giorni Tecnoandroid

Conti Correnti: il trucco per risparmiare sull’imposta di bollo

3 hours 59 min ago

Conti Correnti: il trucco per risparmiare sull’imposta di bollo Tecnoandroid

L’imposta di bollo sul conto corrente, bancario o postale, è una tassa che i cittadini si vedono addebitare frequentemente e costituisce una di quelle patrimoniali “nascoste” di cui spesso si sa poco. Di fatto è un balzello fisso che si è obbligati a pagare solo per il semplice fatto di essere correntisti a prescindere da quanti e quali operazioni si effettuino sul conto nell’arco di un anno.

L’imposta di bolla inoltre, varia in base al tipo di conto che si detiene. Ad esempio le persone fisiche corrispondono 34,20 euro l’anno, mentre le imprese hanno un addebito pari a 100,00 euro. Una patrimoniale che contribuisce al gettito fiscale pubblico con milioni di euro e che, in vigore dal 1972 ( D.P.R n. 642), non è mai stata abolita nonostante le proteste dei correntisti.

Quando non si paga l’imposta di bollo?

Dal 2012, grazie al Decreto Salva Italia, l’imposta di bollo non è applicata ai conti correnti con una giacenza media inferiore ai 5.000 euro. Sino ad allora la tassa era applicata persino sui conti con saldo “zero”; oggi invece non è più dovuta in casi come questo e se il correntista riuscisse a rimanere sotto la soglia limite potrebbe non corrispondere mai quest’imposta.

Altra ragione che consente la deroga di questa tassa è data dalla situazione reddituale del correntista. Infatti con un Isee inferiore ai 7.500 euro annui si è esenti dall’imposta di bollo, con il solo onere di farsi rilasciare dall’Inps la certificazione che lo dimostra. Sono naturalmente esenti da questa patrimoniale sia i conti correnti delle pubbliche amministrazioni, sia quelli dei Confidi, associazioni senza scopo di lucro costituite da piccole e medie imprese.

Conti Correnti: il trucco per risparmiare sull’imposta di bollo Tecnoandroid

Smartphone e tablet per tracciare la popolazione, addio privacy

4 hours 4 min ago

Smartphone e tablet per tracciare la popolazione, addio privacy Tecnoandroid

Tutti noi stiamo seguendo gli sviluppi del Coronavirus dai nostri Personal Computer e dai nostri smartphone. Ma se fosse proprio la nuova causa contro il virus a seguire noi? La priorità assoluta resta il monitoraggio del contagio ma è bene che un’informativa sconsiderata non prenda mai il sopravvento sulle nostre vite.

I teorici della cospirazione pensano che l’uso dell’app per tracciare infetti possa diventare un pretesto bello e buono per scavare nei nostri dati e nelle nostre abitudini quotidiane. La Protezione Civile, in collaborazione con la Regione Lombardia, ha realizzato una nuova app. Sebbene utile a definire il limite delle persone infette potrebbe rappresentare (a detta di molti) un rischio per quella che dovrebbe essere la nostra privacy. Vediamo insieme quali sono i timori delle persone.

 

App che traccia lo smartphone: la situazione dopo la pubblicazione del questionario

Monitorare è senz’altro un bene dopo la ripresa dell’infezione in Cina, là dove tutto era iniziato. Il contagio si era bloccato ma con la ripresa delle attività e man forte per riportare tutto alla normalità per la popolazione si è assistito ad un timido restart dell’infezione. L’Italia non vuole ricadere nella medesima situazione dopo il picco di infezione degli ultimi giorni.

Allo scopo di tutelare il popolo è stata creata una piattaforma ex-novo per l’analisi dei cittadini. Accoglie un questionario informativo in cui si indicano generalità e si richiedono informazioni essenziali sui contatti intrattenuti con personale potenzialmente infetto. Una strategia preventiva guidata dalla necessità di limitare al minimo i rischi da esposizione al Covid-19.

Dopo un iniziale timore per l’uso sconsiderato delle informazioni personali si è ottenuto il via libera per l’uso dell’utility da parte del Garante della Privacy Antonello Soro che ha parlato di rischio zero circa una potenziale diffusione esterna dei dati sensibili.

Non si registra nessuna violazione per i diritti fondamentali dei cittadini. Il tutto a patto che tale rassegna informativa si limiti entro i tempi relativi all’emergenza sanitaria.

Smartphone e tablet per tracciare la popolazione, addio privacy Tecnoandroid

Pages