Tecnoandroid

Condividi su:


MANUALINUX


Subscribe to Tecnoandroid feed
Il sito e il forum più completo in Italia su Android. News, guide, approfondimenti, app e giochi per Android e una grande community italiana.
Updated: 2 hours 41 min ago

Contagi oggi 25/11/2020: sono 25’853 i nuovi casi con 722 decessi

2 hours 45 min ago

Contagi oggi 25/11/2020: sono 25’853 i nuovi casi con 722 decessi Tecnoandroid

I contagi in Italia non crescono, restano in linea con quanto osservato nelle scorse settimane, un segnale importante che può solamente fare piacere a tutti coloro che sperano in un’attenuazione delle misure in prossimità delle feste. I casi odierni sono 25’853, con oltre 230’007 tamponi processati in 24 ore.

I numeri sono finalmente positivi, almeno in parte, i guariti sono ben 31’819 (contro 20’837 di ieri), con 722 decessi (ieri erano 853), livelli altissimi ma complessivamente attesi. Al giorno d’oggi in Italia abbiamo 791’697 contagiati, di cui 34’313 ricoverati in ospedale, mentre 3’848 sono in terapia intensiva, tutti gli altri in isolamento domiciliare.

Dall’inizio della pandemia sono 1’480’874 i casi di Coronavirus verificatisi sul territorio nazionale, con 637’149 guariti 52’028 decessi.

 

Contagi oggi 25/11/2020: cosa succede nelle regioni

 

Nelle regioni i numeri sono in fase calante, come in tutta Italia del resto, la Lombardia si ferma a soli 5’173 casi in 24 ore, seguita dal Piemonte con una crescita di 2’878 e dalla Campania con 2815.

Le altre realtà maggiormente colpite sono Veneto +2660, Emilia Romagna +2130, Lazio +2102, Sicilia +1317 e Puglia +1511. Tutte le restanti regioni sono sotto le 1000 unità, parliamo di Toscana +986, Liguria +460, Marche +448, Abruzzo +623, Friuli Venezia Giulia +696, Umbria +386, provincia autonoma di Bolzano +341, Sardegna +351, provincia autonoma di Trento +179, Calabria +335 Basilicata +339.

Le meno colpite sono le solite, Molise con 105 casi e Valle d’Aosta con soli 27 contagi in 24 ore. I numeri, come ampiamente discusso nell’articolo, stanno finalmente calando, non è ancora arrivato il momento di abbassare la guardia, salvaguardiamo il Natale mantenendo attive tutte le restrizioni del Governo, in questo modo potremo vivere nel miglior modo possibile i prossimi giorni di festa che ci attendono.

Contagi oggi 25/11/2020: sono 25’853 i nuovi casi con 722 decessi Tecnoandroid

Recensione Logitech Pro X Wireless: tanta qualità in una scocca raffinata

2 hours 55 min ago

Recensione Logitech Pro X Wireless: tanta qualità in una scocca raffinata Tecnoandroid

Le Logitech Pro X Wireless sono un headset da gaming senza fili, che rappresenta la fascia più alta dell’offerta proposta dall’azienda. Ma come vedremo nella recensione, sono delle cuffie da gaming un po’ inusuali, con una cura per il dettaglio incredibile e un design che di gaming ha poco e niente. Ma l’importante è la loro qualità sonora, e sotto questo punto di vista non deludono affatto. Indubbiamente il loro lato forte è il fatto di essere wireless, eliminando del tutto l’ingombro del filo e soprattutto il limite di utilizzo per chi è lontano dalla propria postazione, anche se le limitazioni di piattaforma sono forse un problema per la loro diffusione.

 

Unboxing

all’interno della confezione, ben curata, troviamo le cuffie, un sacchetto in stoffa imbottita dalle finiture ottime per portare in giro l’headset, il microfono, un paio di padiglioni di ricambio in stoffa e memory foam e infine il cavo per la ricarica. Come dicevo la confezione è ben curata e soprattutto si presenta elegante e il prodotto al suo interno è facilmente estraibile. Una scatola con molti accessori che non delude le aspettative e che garantisce all’acquirente una buona longevità delle cuffie.

 

Design

L’aspetto estetico e i materiali delle Logitech Pro X Wireless sono uno degli aspetti che mi è piaciuto di più di questo prodotto. Delle rifiniture incredibili, curate fin nel minimo dettaglio che rendono queste cuffie estremamente eleganti. Il corpo dei padiglioni è realizzato in plastica opaca e gommata dal buon feeling tattile, mentre i forcellini che legano i padiglioni all’archetto superiore sono in alluminio. L’archetto superiore è realizzato in simil pelle, con il logo Logitech sulla parte superiore, e nasconde una struttura in acciaio, molto flessibile e soprattutto resistente.

Un design che non ricorda affatto delle cuffie da gaming e che stupisce nella sua eleganza e nella sua semplicità. I dettagli delle cuciture sulla pelle dell’archetto, le placche in metallo zigrinato poste sui lati dei padiglioni, sono un aspetto distintivo da apprezzare, soprattutto per chi non ama delle cuffie orientate verso il gaming ma piene di led, colori e forme strane. L’assenza totale di illuminazione rgb è un plus (n.b. secondo le mie preferenze) che ben si concilia con il design complessivo. Anche i materiali estremamente ricercati contribuiscono a dare un feeling molto positivo e soprattutto estremamente solido del prodotto.

 

Sound e prestazioni

Anche sul lato sonoro presentano delle caratteristiche tali da poter arrivare a deludere il gamer abituato ad una certa tipologia di sound. E non lo dico in senso negativo. Solitamente le cuffie da gaming propendono per un sound più cupo, chiuso e orientato ai bassi. Queste Logitech propongono invece un sound molto flat, quasi cristallino, nel quale gli alti sono perfetti, i medi ben bilanciati e i bassi sembrano quasi mancare, anche se in realtà ci sono, ma in un modo che non ci si aspetta. Nella configurazione classica il sound è ottimo anche per l’ascolto musicale ad un buon livello, grazie a dei driver in neodimio da 50mm, che restituiscono un suono pulito e incisivo. Nella configurazione surround invece, i bassi risultano leggermente sottodimensionati rispetto ad altre cuffie da gaming testate, mentre l’audio spaziale è veramente ottimo e ben ottimizzato. Insomma, una cuffia che mira ad un pubblico più ampio, soprattutto per chi non disdegna anche un ascolto musicale avanzato (non dico da audiofilo perché direi un’eresia, ma superiore alla classica cuffia da gaming top di gamma).

 

Microfono

Il microfono fornito in dotazione presenta delle ottime caratteristiche, con registrazione da 100Hz a 10.000Hz. Ma quello che fa veramente la differenza è proprio il software che, grazie alla modalità BlueVoice vi permetterà di modificare il sound della vostra voce in live streaming. una possibilità di modifica e di impostazione pressoché illimitata, che riesce a migliorare di molto la voce percepita dai vostri amici o durante i vostri streaming. Nelle mie prove, smanettando a destra e sinistra e soprattutto provando le varie modalità preimpostate, ho rilevato delle ottime impostazioni per la modalità Trasmissione 2 e anche Voce Alta, che donano alla voce un ottimo sound. Anche sul lato fisico il microfono presenta un braccetto snodabile in metallo di buona fattura e che non dà fastidio in nessun caso.

 

Batteria

Ma veniamo ad uno dei lati solitamente dolenti di questo tipo di prodotto, che queste Logitech riescono invece a gestire in maniera ottima. La batteria di questo headset dura veramente tanto, con una durata dichiarata di ben 24 ore, che a seconda del vostro utilizzo, durerà poco di più o poco di meno. Durante le mie prove ho consumato il 10% di batteria ogni 2 ore e mezza/3 ore di utilizzo. Ma ripeto, molto dipende dalle vostre impostazioni, dall’utilizzo o meno del microfono, e soprattutto dell’impostazione surround.

Ottima la possibilità di ricaricare la batteria durante l’utilizzo, in modo tale da non lasciarvi mai a piedi nemmeno nei momenti più delicati. La batteria si ricarica da 0 a 70% in circa 50 minuti, ma per raggiungere il 100% impiegherete circa 2 ore.

 

 Wireless e DAC

L’aspetto che rende questo headset così costoso e soprattutto così allettante è proprio la loro funzione wireless. Niente più fili, niente più cavi tra i piedi: libertà assoluta in ogni frangente e in ogni situazione. Anche se pensate che non vi possa piacere, in realtà dovete provare questa sensazione e questa comodità. Inoltre, grazie al connettore usb per la recezione del segnale scompare anche il problema dell’input lag del suono: il tutto viene gestito in maniera istantanea senza alcun tipo di ritardo. L’unico problema relativo a questa funzionalità è la limitazione del loro utilizzo, esclusivamente legato al mondo del pc e al software Logitech.

Non potrete usarle su smartphone, console e su nessun altro dispositivo che non sia un computer. Peccato, ma d’altronde il DAC integrato nel ricevitore gestisce in maniera perfetta il segnale e necessita di un software adeguato per farla funzionare.

 

Considerazioni finali e prezzo

Il prezzo di listino e di 209€, ma è possibile trovarle in offerta già intorno ai 170€. Un prezzo consono per la qualità di un prodotto audio veramente ben realizzato e che strizza l’occhio ad un pubblico molto ampio e soprattutto appassionato di una qualità sonora superiore. Mancano molte funzioni presenti su altri headset, come ad esempio il tracciamento della testa, o ancora l’eliminazione del rumore: sono in ogni caso funzioni secondarie e aggiuntive, che non limitano il suo utilizzo e che magari saranno utili solo a poche persone nella realtà.

Una qualità audio sonora eccellente in una scocca elegante e raffinata, che non deluderà di certo i giocatori più esperti. Ma occhio, se pensate di usarla a tutto tondo per i dispositivi di tutta casa vi ricordo che si collega solo al pc!

Recensione Logitech Pro X Wireless: tanta qualità in una scocca raffinata Tecnoandroid

Tesla potrebbe realizzare un veicolo elettrico esclusivo per l’Europa

3 hours 10 min ago

Tesla potrebbe realizzare un veicolo elettrico esclusivo per l’Europa Tecnoandroid

Per essere più vicino ad un mercato estremamente importante come quello Europeo, Tesla ha avviato la costruzione di uno stabilimento produttivo in Germania. La factory si chiamerà Giga Berlin e la data di completamento dei lavori è prevista per l’estate 2021.

Secondo i piani di Elon Musk, lo stabilimento Giga Berlin diventerà centrale per il futuro di Tesla. In Germania verrà prodotta la nuova Model Y che sarà venduta sul suolo Europeo e permetterà di evitare l’importazione dalle fabbriche Asiatiche o Americane.

Inoltre, Tesla utilizzerà lo stabilimento per portare avanti la Ricerca e Sviluppo di nuove soluzioni tecniche. Tra queste spiccano la continua ricerca sulle batterie e su nuovi materiali sempre più resistenti e leggeri.

Tesla vuole puntare sull’Europa con un veicolo elettrico esclusivo

Tuttavia, in una recente intervista, Elon Musk ha annunciato una notizia estremamente interessante. Il CEO di Tesla ha confermato che a Giga Berlin nascerà anche un nuovo modello esclusivo per il mercato Europeo. Secondo le prime indiscrezioni, la nuova vettura elettrica del brand sarà una berlina a due volumi compatta.

Questa decisione è nata in seguito ad una constatazione effettuata da Elon Musk direttamente a Berlino. Nella sua recente visita in Germania per controllare i lavori del nuovo stabilimento produttivo, ha girato per la città con una Model X. Si tratta di un veicolo veramente imponente e difficile da guidare in città oltre che quasi impossibile da parcheggiare.

Ecco quindi che realizzare una vettura compatta pensata per la città diventa fondamentale per Tesla. I canoni di design e funzionalità Europei sono diversi da quelli delle altre nazioni, per questo la vettura sarà realizzata dal nuovo Design Center che verrà realizzato a Berlino.

 

Tesla potrebbe realizzare un veicolo elettrico esclusivo per l’Europa Tecnoandroid

Queste batterie potrebbero avere un’autonomia infinita

3 hours 25 min ago

Queste batterie potrebbero avere un’autonomia infinita Tecnoandroid

Tra qualche anno, l’autonomia degli smartphone potrebbe non essere più un problema. Infatti, la soluzione a tutti i problemi potrebbero essere le batterie ai nano-diamanti. La società californiana NDB prevede di farle debuttare tra meno di due anni, e il loro segreto principale è usare le scorie nucleari riciclate per creare una batteria che non ha bisogno di ricarica alcuna. La suddetta può raggiungere i 28mila anni con sensori o dispositivi di minuscole dimensioni, per scendere intorno ai 90 anni per i veicoli elettrici e 9 per gli smartphone. Questi sono numeri importanti che potrebbero segnare un punto di svolta.

 

 

Le batterie del futuro stanno per arrivare

Queste rivoluzionarie batterie si basano in particolar modo sul riciclo di scorie nucleari come le barre di grafite, usate nei reattori nucleari come moderatori delle reazioni del nucleo, diventate dunque radioattive. Queste ultime, dopo essere state purificate, sono poi impiegate per creare in laboratorio diamanti artificiali al carbonio-14, rivestiti poi in carbonio-12. Non solo non è radioattivo ma è anche altamente resistente e utile quindi a prevenire perdite di radiazioni. La loro radioattività, inoltre, è inferiore a quella generata dal corpo umano.

L’energia viene prodotta semplicemente attraverso il normale processo di decadimento radioattivo del carbonio-14 che avrebbe come prodotto gli elettroni. Secondo NDB, la potenza è superiore a quella delle batterie a litio, e sarebbero anche più economiche. Inoltre, tutto ciò risolverebbe, almeno parzialmente, il problema dello smaltimento dei rifiuti nucleari.

Secondo NDB questo è un sogno che potrebbe diventare presto realtà. Tuttavia, spiega, che a causa della pandemia, lo sviluppo di questo sogno è decisamente rallentato. I piani prevedono di realizzare il primissimo prototipo dopo circa 6-9 mesi dall’apertura dei laboratori, per poi successivamente portare sul mercato le prime batterie ai nano diamanti in meno di due anni.

Queste batterie potrebbero avere un’autonomia infinita Tecnoandroid

Snapchat Spotlight: l’app affronta Tik Tok introducendo una nuova sezione

3 hours 40 min ago

Snapchat Spotlight: l’app affronta Tik Tok introducendo una nuova sezione Tecnoandroid

L’ultima mossa compiuta da Snapchat si propone di affrontare uno dei principali rivali: Tik Tok. In quest’ottica va letta l’introduzione della nuova sezione Snapchat Spotlight, una sezione dedicata agli utenti, i quali potranno sfruttarla per visualizzare i contenuti ritenuti più popolari. Ma questa non è l’unica novità annunciata dalla nota app.

Snapchat introduce Spotlight e attira l’attenzione degli utenti investendo un milione di dollari!

 

Lo scopo della nota piattaforma è quella di tenere testa alla concorrenza invogliando i suoi iscritti a sfruttare le funzioni proposte. A tal fine Snapchat introduce Spotlight una sezione dedicata esclusivamente alla visualizzazione dei contenuti più popolari, i quali saranno selezionati in maniera appropriata da moderatori che proporranno soltanto i video ritenuti opportuni che rispettano i termini dettati dalla piattaforma.

Attraverso Spotlight la Snapchat si propone di tornare in voga, ma non solo. L’intento sembra essere anche quello di far emergere gli utenti. Snapchat ha infatti annunciato di essere pronta a investire un milione di dollari al giorno da spartire tra gli utenti che riceveranno una determinata visibilità. Non sarà necessario avere già un pubblico consistente per emergere poiché Snapchat si pone l’obiettivo di favorire tutti gli utenti.

Nel tempo, l’app sarà in grado di apprendere le preferenze dei suoi iscritti e quindi proporre i contenuti più adeguati, pur nel rispetto della privacy.

Al momento la novità non è disponibile in Italia, anche se l’arrivo dovrebbe avvenire a breve. Snapchat ha comunque già lanciato Spotligh in vari paesi, tra i quali: Stati Uniti, Regno Unito, Francia, Germania, Norvegia e Nuova Zelanda.

 

Snapchat Spotlight: l’app affronta Tik Tok introducendo una nuova sezione Tecnoandroid

Redmi presenterà un nuovo smartwatch il 26 novembre

3 hours 55 min ago

Redmi presenterà un nuovo smartwatch il 26 novembre Tecnoandroid

Nel corso delle prossime settimane il produttore cinese Xiaomi dovrebbe presentare sul mercato il suo nuovo Xiaomi Mi Watch Lite. Nel frattempo, però, il suo sotto brand Redmi sembra che nella giornata di domani 26 novembre annuncerà un nuovo smartwatch. Quest’ultimo, secondo le ultime indiscrezioni, potrebbe essere una versione re-branded del dispositivo di Xiaomi.

 

In arrivo sul mercato un nuovo smartwatch targato Redmi

Nel corso delle ultime ore Lu Weibing, ovvero il CEO dell’azienda cinese, ha postato sul noto social Weibo una immagine teaser ufficiale in cui è stato svelato l’arrivo di un nuovo smartwatch. Dal teaser appena trapelato in rete, purtroppo, non è possibile carpire nessun dettaglio utile riguardante sia il design che le specifiche tecniche. L’unico particolare che è possibile notare dall’immagine è la presenza di un display con quadrante quadrato.

Come già accennato, però, sembra che questo nuovo dispositivo a marchio Redmi sarà in realtà una versione re-branded del futuro smartwatch a marchio Xiaomi, cioè lo Xiaomi Mi Watch Lite. Questo wereable, in particolare, ha ricevuto in questi ultimi giorni la certificazione dell’ente FCC. Vi riassumiamo di seguito le sue specifiche tecniche.

  • Display touchscreen con quadrante quadrato con una diagonale pari a 1.41 pollici e con sensore di luminosità automatica
  • Supporto di diverse attività sportive, tra le quali anche il nuovo
  • Resistenza all’acqua fino a 50 metri
  • Chip GPS
  • Sensore per la misurazione del battito cardiaco
  • Batteria da 230 mAh

Ovviamente per il momento non sappiamo con esattezza se il nuovo smartwatch di casa Redmi sarà effettivamente una versione re-branded del device di Xiaomi. Dovremo attender la presentazione ufficiale di domani per avere delle conferme.

Redmi presenterà un nuovo smartwatch il 26 novembre Tecnoandroid

Fortnite lancia il suo nuovo piano d’abbonamento, arriva Crew!

4 hours 10 min ago

Fortnite lancia il suo nuovo piano d’abbonamento, arriva Crew! Tecnoandroid

Nonostante molti streamer e giocatori professionisti abbiano scelto di dedicarsi a nuovi titoli competitivi come Call of Duty: WarzoneValorant ed Apex Legends, Fortnite continua ad essere uno dei battle royale più popolari di sempre.

Per distinguere la propria proposta da quella dei suoi competitor e per offrire ai giocatori qualcosa di nuovo che permetta loro di continuare a divertirsi e a giocare a Fortnite, Epic Games ha deciso di lanciare un abbonamento mensile che offre diversi vantaggi.

Fortnite lancia il suo nuovo piano d’abbonamento, arriva Crew!

Si chiama Fortnite Crew ed è il nuovo abbonamento mensile che offre l’accesso a tutti i Battle Pass stagionali, 1.000 V-Bucks da spendere nell’Item Shop del gioco ed un pacchetto speciale che contiene skin e accessori esclusivi della crew. Fortnite Crew verrà lanciato il 2 dicembre, lo stesso giorno in cui dovrebbe verrà rilasciata la quinta stagione del capitolo due del celebre battle royale e avrà un costo di 11,99 euro al mese. L’abbonamento può essere annullato in qualsiasi momento e ciò non comporta la perdita degli oggetti sbloccati e accumulati mentre il piano era attivo.

Lo sviluppatore di Fortnite ha sottolineato che gli oggetti Crew sono esclusivi per i giocatori iscritti al programma e non verranno mai resi disponibili per l’utenza base. E risulta chiaro, a questo punto, che con questo abbonamento la Epic Games punta a conquistare i giocatori con i suoi cosmetici esclusivi. Il primo pacchetto include la skin Galaxia, così come il piccone di lamacorno cosmico.

C’è da chiedersi, Fortnite Crew vale davvero quei soldi? Un Battle Pass attualmente costa 950 V-Bucks, poco meno di 7,90 euro. Un abbonamento a Fortnite Crew ha senso, quindi, nei mesi in cui viene rilasciato un Battle Pass, perché ricevi anche un bonus di 1.000 V-Bucks da spendere nel negozio (per un valore di altri 7,90 euro), oltre al pacchetto con cosmetici esclusivi. I Battle Pass  tuttavia, non escono ogni mese: finora ne sono stati rilasciati tre, e ciò renderebbe i conti un po’ più complicati.

Fortnite lancia il suo nuovo piano d’abbonamento, arriva Crew! Tecnoandroid

Samsung Galaxy Z Roll: ecco uno smartphone con display estendibile

4 hours 40 min ago

Samsung Galaxy Z Roll: ecco uno smartphone con display estendibile Tecnoandroid

Di smartphone particolari avremo presto la possibilità di conoscerne numerosi e questo è ciò che lasciano intuire i numerosi brevetti depositati dalle aziende produttrici negli ultimi mesi; oltre alle indiscrezioni trapelate in rete, che svelano device davvero interessanti e dal design innovativo. Anche Samsung si muove in quest’ottica e ne sono la prova i documenti recentemente registrati.

In questi ultimi giorni abbiamo infatti avuto modo di conoscere idee che potremmo definire rivoluzionarie: dallo smartphone trasparente con display avvolgente e fotocamera scorrevole; al pieghevole in grado di piegarsi due volte fino ad assumere la forma di una Z; per poi passare all’ultimo brevetto emerso che mostra uno smartphone con display estendibile e dotato di S Pen. 

Samsung Galaxy Z Roll potrebbe essere un nuovo smartphone con S Pen e display estendibile!

 

La notizia è stata riportata da LetsGoDigital che ci informa circa la possibilità di poter assistere in futuro alla presentazione di uno smartphone Samsung con display estendibile e dotato di S Pen. Il dispositivo potrebbe essere chiamato Samsung Galaxy Z Roll ma si tratta di un nome indicativo e non ufficiale.

Da quanto emerso è possibile notare un dispositivo con display estendibile sia a destra che a sinistra, in grado di assumere delle dimensioni non indifferenti. Recenti notizie consolidano tali indiscrezioni poiché riguardanti una delle ultime mosse del colosso che sembra voler creare dei pannelli estendibili capaci di passare dai 6 agli 8 pollici.

A suscitare particolare curiosità è inoltre la possibilità che il dispositivo sia dotato di S Pen. L’accessorio, fino ad ora esclusiva della serie Galaxy Note, potrebbe quindi caratterizzare uno dei prossimi smartphone Samsung.

 

 

Samsung Galaxy Z Roll: ecco uno smartphone con display estendibile Tecnoandroid

Red Dead Online, Rockstar Games annuncia la rivoluzione del gioco

5 hours 10 min ago

Red Dead Online, Rockstar Games annuncia la rivoluzione del gioco Tecnoandroid

È un periodo di grande fermento per Rockstar Games. Lo sviluppatore infatti ha annunciato che Red Dead Online diventerà un gioco standalone a partire dal primo dicembre. Questo significa che i giocatori che non possiedono Red Dead Redemption 2 potranno comunque giocare alla versione online e scoprire le meraviglie del Far West.

Red Dead Online sarà acquistabile al prezzo esclusivo di 4,99 euro per un periodo limitato di tempo. Lo sconto del 75% sul prezzo di listino sarà valido fino al 15 febbraio per l’acquisto su tutte le principali piattaforme. I giocatori potranno acquistare il gioco su PlayStation Store, Microsoft Store, Rockstar Games Launcher, Epic Games e Steam.

Per gli utenti console, è necessario possedere gli abbonamenti PlayStation Plus o Xbox Live Gold. Inoltre, chi possiede la versione PlayStation 4 e Xbox One del titolo potrà giocare anche su PlayStation 5 e Xbox Series X e Series S attraverso la retrocompatibilità.

Red Dead Online, in arrivo la versione standalone il nuovo DLC

Con il lancio della versione standalone della versione Online arriveranno anche alcuni cambiamenti alla struttura di gioco. Gli utenti potranno scegliere il proprio cammino tra cinque Ruoli unici: Cacciatore di taglie, Naturalista, Collezionista, Commerciante e Distillatore.

In più, Rockstar Games ha annunciato il debutto di un nuovo DLC incentrato sui Cacciatori di taglie. Ci saranno nuovi criminali da catturare e abilità uniche da sbloccare con novità del tutto inedite.

Gli utenti che si avvicineranno per la prima volta a Red Dead Online dovranno scaricare un pacchetto di installazione da 123GB. Questa quantità considerevole di dati è legata alla presenza di Red Dead Redemption 2. La modalità storia sarà bloccata fino a quando l’utente non effettuerà l’upgrade e acquisterà separatamente il titolo in single player.

Red Dead Online, Rockstar Games annuncia la rivoluzione del gioco Tecnoandroid

Samsung presenta ufficialmente i nuovi Galaxy A12 e Galaxy A02s

5 hours 25 min ago

Samsung presenta ufficialmente i nuovi Galaxy A12 e Galaxy A02s Tecnoandroid

Il colosso sudcoreano Samsung ha da poco presentato ufficialmente due nuovi smartphone della serie Galaxy A e appartenenti alla fascia medio-bassa del mercato. Stiamo parlando dei nuovi Samsung Galaxy A12 e Samsung Galaxy A02s e, dal punto di vista estetico, entrambi condividono la presenza sulla parte frontale di un display con un notch a goccia centrale.

 

Samsung Galaxy A12: quad camera posteriore e Infinity-V Display

Partiamo analizzando il nuovo Galaxy A12. Quest’ultimo presenta alcune migliorie e cambiamenti rispetto al suo predecessore Galaxy A11. In particolare, il nuovo device può contare su un comparto fotografico costituito da quattro fotocamere posteriori con sensori fotografici rispettivamente da 48+5(grandangolo)+2(macro)+2(profondità) megapixel. Sul fronte, come già accennato, è presente un Infinity-V Display con una diagonale da 6.5 pollici e con una risoluzione pari ad HD+. Il processore è un octa-core da 2.3 GHz e dovrebbe trattarsi del SoC MediaTek Helio P35. Questo smartphone sarà distribuito sul mercato mobile a partire da gennaio 2021 nelle colorazioni Black, Blue, White e Red ad un prezzo di partenza pari a 179 euro.

 

Samsung Galaxy A02s: tripla fotocamera e batteria da 5000 mAh

Il nuovo Galaxy A02s vanta anch’esso la presenza di un Infinity-V Display con una diagonale da 6.5 pollici e sempre in una risoluzione HD+. A differenza dell’altro modello, questo device monta sul retro tre fotocamere con sensori da 13+2(macro)+2(profondità) megapixel. Questa volta, le prestazioni sono affidate al processore Snapdragon 450, ovvero un octa-core da 1.8 GHz. Notevole poi la presenza di una grande batteria pari a ben 5000 mAh e con supporto alla ricarica rapida da 15W. Questo device sarà disponibile all’acquisto a partire da febbraio 2021 nelle colorazioni Black e White ad un prezzo di partenza di 150 euro.

Samsung presenta ufficialmente i nuovi Galaxy A12 e Galaxy A02s Tecnoandroid

Google si sta muovendo per creare un sistema home theatre

5 hours 40 min ago

Google si sta muovendo per creare un sistema home theatre Tecnoandroid

All’inizio di questo mese si sono diffuse in Rete delle indiscrezioni secondo cui il team di Google si preparava ad introdurre una nuova importante funzionalità in campo multimediale per i dispositivi della gamma Nest Home e per quelli abilitati a Google Assistant: ci riferiamo alla possibilità di realizzare una sorta di sistema home theatre.

Ebbene, pare che tale feature sia sempre più vicina, almeno ciò è quanto ci conferma un breve video diffuso in rete. Scopriamo insieme maggiori dettagli.

 

Google sta pensando ad un nuovo sistema di Home Theatre

La soluzione studiata da Google si basa sull’utilizzo del raggruppamento audio dinamico, ossia una feature lanciata all’inizio di quest’anno su Nest Hub e altri smart display che supportano Google Assistant e che consente di aggiungere e rimuovere dispositivi al volo dai gruppi audio senza la necessità di modificare i gruppi in anticipo. 

Tale funzionalità è stata implementata la scorsa settimana nell’app Google Home e consente agli utenti di trasmettere video ai dispositivi Chromecast mentre l’audio viene riprodotto sugli altoparlanti Nest. Nonostante la nuova interfaccia possa sembrare pensata soltanto per la riproduzione della musica, una volta creato un gruppo dinamico è possibile sfruttarlo anche in app focalizzate sui video come YouTube e Disney+.

Ancora non siamo arrivati alla tanto attesa possibilità di realizzare un vero e proprio sistema home theatre con i vari dispositivi offerti da Google ma, ad ogni modo, questa nuova feature rappresenta un importante passo in quella direzione. Non ci resta che attendere ancora un po’ di tempo per scoprire nuovi dettagli.

Google si sta muovendo per creare un sistema home theatre Tecnoandroid

Polveri Sottili: quelle dannose sono prodotte dall’uomo

5 hours 45 min ago

Polveri Sottili: quelle dannose sono prodotte dall’uomo Tecnoandroid

La qualità dell’aria che respiriamo viene ogni anno peggiorata dalle polveri sottili, dal risultato dell’attività industriale e delle sostanze nocive che il genere umano non tende a regolare. Nonostante i vari allarmi lanciati dagli ecologisti e dagli scienziati, la situazione non sembra voler migliorare e le immagini rallegranti osservate durante il lockdown di marzo e aprile non hanno che rappresentato un mera e momentanea redenzione del genere umano.

La situazione, come si può immaginare, non è delle migliori: diverse manifestazioni sono scoppiate in tutto il mondo per sensibilizzare i diversi governi in merito a tale problematica, scandendo persino gli anni che sono rimasti alla popolazione prima di toccare il punto di ritorno. D’altra parte, inoltre, anche l’Unione Europea ha preso delle decisioni per cercare di mitigare l’avanzamento dell’inquinamento e delle polveri sottili, segnalando in rosso i paesi più a rischio.

Polveri sottili: l’Italia viene condannata dalla corte dell’Unione Europea

Stando agli ultimi dati forniti dalla corte dell’UE, l’Italia è tra i paesi con un più alto livello di polveri sottili. Tra gli anni 2008 e 2017, la concentrazione di particolato in alcune realtà urbane è stata decisamente più elevata dei massimi livelli consentiti. Grazie al report, inoltre, sappiamo che tali zone riguardano il territorio Italiano nella sua generalità con un aggravamento segnalato nelle prossimità della Pianura Padana.

Alla condanna il Ministro dell’ambiente Sergio Costa ha reagito affermando che: “La sentenza della Corte di giustizia sul superamento dei limiti di PM10 non ci coglie di sorpresa, visti gli incontrovertibili dati su cui si basa. Dati che, benché si fermino al 2017, indicano un problema che purtroppo non è ancora risolto. Fin dal mio insediamento, nel 2018, ho messo in campo tutti gli strumenti possibili, in accordo con le Regioni, per affrontare il tema della qualità dell’aria. Sottolineo infatti che ogni anno sono almeno 80.000 le vittime dovute a questa problematica, che investe soprattutto il Bacino Padano, ma non soltanto.”.

 

Polveri Sottili: quelle dannose sono prodotte dall’uomo Tecnoandroid

Faglia di San Andreas, ricostruito il battito sismico, previsto 2024 shock

6 hours 11 min ago

Faglia di San Andreas, ricostruito il battito sismico, previsto 2024 shock Tecnoandroid

La faglia di San Andreas è una faglia trascorrente destra la cui lunghezza si estende per circa 1.200Km attraverso la California, essa sostanzialmente congiunge le due placche tettoniche nord americana e pacifica, essa è famosa in tutto il mondo sia poichè è uno degli spettacoli più incredibili che il pianeta ha da offrire, sia per i devastanti terremoti verificatisi nelle sue immediate vicinanze.

A quanto pare la zona geologicamente attiva è stata a lungo sotto la lente degli studiosi, i quali con numerose analisi sono riusciti a ricostruire il “Battito della faglia”, si tratta di un’analisi statistica condotto in un range di tempo di 50 anni che ha permesso di prevedere retrospettivamente il terremoto avvenuto nel 2004 e di calcolarne uno probabile di magnitudo 6 per il 2024.

I risultati emersi da questo studio sono stati pubblicati sul Journal of Ecology & Natural Resources dai ricercatori Giovanni Sebastiani, dell’Istituto per le applicazioni del calcolo ‘Mauro Picone’ del Consiglio nazionale delle ricerche e Luca Malagnini, dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia.

Lo studio

Secondo le dichiarazioni, i due ricercatori hanno scelto proprio questa zona poichè si tratta di un sistema relativamente semplice da tenere sotto controllo, infatti abbiamo al netto una spaccatura verticale isolata che negli ultimi anni ha presentato dei terremoti di magnitudo 6 con una cadenza quasi regolare, circa 22 anni, ecco dunque perchè i due scienziati hanno deciso di piazzare una rete di strumenti molto avanzati per poter raccogliere quanti più dati possibili sulla faglia.

Secondo il calcolo predittivo il prossimo terremoto avverrà intorno al 2024, l’accuratezza di questo tipo di calcolo si accresce man mano che ci si avvicina alla data emersa dalle analisi, ecco dunque perchè i due ricercatori si impegneranno a mantenere i dispositivi sempre aggiornati, in modo da calcolare una molto più precisa.

Faglia di San Andreas, ricostruito il battito sismico, previsto 2024 shock Tecnoandroid

Very Mobile: se acquisti una SIM la seconda è in regalo

6 hours 40 min ago

Very Mobile: se acquisti una SIM la seconda è in regalo Tecnoandroid

Il noto operatore virtuale di WindTre, Very Mobile, ha appena lanciato un’iniziativa molto interessante. L’iniziativa lanciata nelle scorse ore risulta essere unica nel suo genere. Ordinando una SIM a domicilio se ne ricevono, a sorpresa, ben due.

Chiunque sottoscrive una nuova promozione con spedizione della SIM a domicilio riceve, a sorpresa, una seconda SIM gratuita. Lo scopo dell’azienda è quello di invogliare gli utenti a sottoscrivere una seconda tariffa, ma non solo. La speranza è che la regalino ad amici o parenti. Scopriamo insieme tutti i dettagli.

 

Very Mobile: se acquisti una SIM la seconda te la regala l’operatore

La SIM in omaggio, la seconda, può anche essere donata ad amici e parenti che possono sfruttarla come meglio credono. Riuscirà, l’azienda, ad accaparrarsi nuovi clienti?. Very Mobile non promuove questa nuova iniziativa sul suo sito ufficiale, di conseguenza, non sono stati comunicati tutti i dettagli ufficiali.

Al momento, non è nota la data di fine promozione. Ricordiamo che questa è rivolta a tutti gli utenti che sottoscrivono una qualsiasi delle tariffe che prevedono la spedizione della SIM a casa. Restate in attesa per eventuali aggiornamenti a riguardo.

Vi ricordo nel frattempo che l’operatore in questione sta attualmente proponendo delle offerte molto interessanti. Un esempio è quella a soli 4.99 euro al mese rivolta a tutti i nuovi clienti. Per la precisione prevede minuti e SMS senza limiti verso tutti i numeri nazionali e 30 GB al prezzo mensile di 4.99 euro al mese. La velocità massima raggiungibile con questa tariffa è impostata a 30 Mbps e come tutti gli operatori virtuali non ha nessun vincolo di permanenza contrattuale. Per maggiori informazioni visitate il sito ufficiale dell’operatore.

Very Mobile: se acquisti una SIM la seconda è in regalo Tecnoandroid

Copyright: l’accordo di Google con la Francia per i diritti d’autore

6 hours 56 min ago

Copyright: l’accordo di Google con la Francia per i diritti d’autore Tecnoandroid

Le idee nate dal frutto del pensiero di un individuo hanno diritto di essere protette e rispettate. Per questo nasce il copyright, (termine di lingua inglese che letteralmente significa diritto di copia), nonché il diritto d’autore nei paesi di common law.

Al centro di tale argomento troviamo il motore di ricerca Google, il quale in seguito agli accordi presi con alcuni media francesi circa i pagamenti dei diritti d’autore, pagherà questi per l’indicizzazione degli articoli nella sezione Google News. A dichiararlo troviamo la stessa società di Mountain View, la quale ha fatto sapere di aver trovato un’intesa con Le Monde, Le Figaro, Liberation, L’Express, L’Obs e Courrier International. Il capo di Google France, Sebastien Missoffe, ha comunicato l’avvio di colloqui con altri gruppi editoriali, con l’obiettivo di raggiungere “un accordo quadro entro la fine dell’anno”.

 

Copyright: la decisione dopo l’accordo

Tale decisione è stata presa in seguito a mesi di discussioni tra Google, gli editori francesi e le agenzie di stampa su come applicare le nuove norme sul copyright dell’Ue, le quali permettono agli editori di richiedere una commissione dalle piattaforme online che mostrano alcune notizie che li riguardano.
Inizialmente Google non era intenzionato a pagare gli editori per i contenuti, in quanto i loro siti web si servivano del maggior traffico portato da questo.
Successivamente l’arrivo della decisone: un patto, che si fonda sul “contributo dell’editore all’informazione politica e generale”, il volume giornaliero di pubblicazioni, il traffico Internet mensile e l’uso dei rispettivi contenuti sulla piattaforma di Google.

Gli accordi con i giornali francesi mettono in conto l’uso di Google (con Google news showcase) in cambio del favore agli editori di notizie, in accordo con la decisione presa con le principali testate della vicina Germania.

Copyright: l’accordo di Google con la Francia per i diritti d’autore Tecnoandroid

Amazon è pazza: offerte nell’elenco segreto Black Friday quasi gratis

7 hours 10 min ago

Amazon è pazza: offerte nell’elenco segreto Black Friday quasi gratis Tecnoandroid

Ogni anno non si aspetta altro che questa settimana, la quale comporterà un grosso calo dei prezzi soprattutto su Amazon. L’azienda più famosa del mondo ha infatti lanciato già da una settimana i prezzi più bassi dell’anno, soprattutto in merito al mondo dell’elettronica.

Nell’elenco qui in basso potete trovare infatti gli articoli più interessanti ai prezzi più bassi di sempre, con tanti codici sconto. 

Per avere tutte le offerte migliori Amazon di questa settimana sul vostro smartphone, vi consigliamo di iscrivervi al nostro canale Telegram ufficiale. Clicca qui per entrare.

 

Amazon: a sorpresa ecco tutte le offerte migliori della settimana
  • CODICE SCONTO: Entweg Termometro Senza Contatto, Termometro Frontale Termometro a infrarossi con Allarme Febbre Dispositivo Portatile di misurazione della Temperatura, PREZZO: da 46 a 9,20 euro, CODICE: A4HHT48J, LINK
  • Entweg Pulsossimetro Digitale a Punta di Dito Sensore di Ossigeno nel SangueSaturazione LCD Mini SpO2 Monitor Misuratore di frequenza del Polso per Viaggi Sportivi Domestici, PREZZO: 8,99 euro, LINK
  • 25 Mascherine FFP2 Kn95 JINLU- 209 g, 25 PEZZI, PREZZO: 13,59 euro, LINK
  • Mascherine, 50 pezzi usa e getta, a 3 strati, colore: Blu, PREZZO: 3,39€, LINK
  •  Robot Aspirapolvere Mini, 6D Sensore di Collisione WiFi/App/Alexa Ricaricabile Automaticamente Scatola di Polvere 500ml, ideale per peli di animali, moquette e pavimento duro, Lefant-M201, PREZZO: da 159,99 a 89,99 euro, COUPON DA ATTIVARE NELLA PAGINA, LINK
  • FIFA 21 PlayStation 4, include upgrade per PS5, PREZZO: da 60,46 a 49,99 euro, LINK
  • CODICE SCONTO: Xiaomi POCO X3 NFC, Smartphone 6+128GB, display 6,67” FHD+, Snapdragon 732G, 64MP AI Quad-Camera, batteria 5160mAh, Grigio (Shadow Gray) (Versione ufficiale), CODICE: WQ7WVU2N, PREZZO: 229 euro, LINK
  • Aspirapolvere robot, ECOVACS DEEBOT 605, Aspira o Lava, navigazione sistematica intelligente, modalità Max, con App e Alexa, pavimenti duri, tappeti, PREZZO: da 229,98 a 159,98 euro, LINK
  • Fire TV Stick 4K Ultra HD con telecomando vocale Alexa di ultima generazione | Lettore multimediale, PREZZO: 59,99 a 39,99 euro, LINK
  • Princess Friggitrice ad Aria Calda XL 182020, 1500 W, 3.2 Litri, Plastica-BPA Free, Nero/Argento, PREZZO: da 79,99 a 55,99 euro, LINK

Amazon è pazza: offerte nell’elenco segreto Black Friday quasi gratis Tecnoandroid

Samsung: fine della produzione di display LCD rimandata a marzo 2021

7 hours 26 min ago

Samsung: fine della produzione di display LCD rimandata a marzo 2021 Tecnoandroid

Il Coronavirus, come ben sappiamo ha creato dei disagi non indifferenti in ogni settore: a partire dalla chiusura delle palestre e le conseguenti manifestazioni, per poi passare all’interruzione del lavoro, delle riprese cinematografiche e non solo. A rimetterci vi è anche il mondo della tecnologia. Samsung ha difatti rimandato lo stop alla produzione di display LCD (che doveva esserci alla fine del 2020) a marzo 2021. Circa un trimestre in più dunque. La decisione vede protagonista la fabbrica “L8” situata nel complesso industriale di Asan, in Corea del Sud, a circa 100 km di distanza da Seoul.

 

Samsung: le conseguenze della pandemia

Come già accennato in partenza, secondo ETNews la causa del rinvio è il coronavirus. L’arrivo della pandemia ha provocato un aumento imprevisto della domanda di pannelli LCD. Samsung ha così avvisato i propri partner e fornitori circa il prolungamento indefinito di tale decisione. Nel frattempo, le trattative per vendere i macchinari rimanenti non si sono fermate, anzi, alcuni sono già stati venduti mesi fa dal produttore cinese Efonlong. L’acquirente definitivo verrà deciso entro febbraio 2021, un mese prima della chiusura definitiva.

Va specificato che Samsung possiede la fabbrica di Asan per gli LCD. L’altra si trova invece a Suzhou, in Cina: ed è già stata ceduta formalmente a TCL. È ormai risaputo che l’azienda Samsung ha sempre creduto nella tecnologia OLED, su cui ha anche investito in maniera non indifferente fin dall’inizio, e ora che si trova in un crescendo è il momento di dire addio a quella LCD, ormai superata; le fabbriche infine verranno convertite allo sviluppo dei pannelli Quantum Dot.

Samsung: fine della produzione di display LCD rimandata a marzo 2021 Tecnoandroid

Arriva LG Wing: primo smartphone con lo schermo che si apre a forma di T

7 hours 40 min ago

Arriva LG Wing: primo smartphone con lo schermo che si apre a forma di T Tecnoandroid

L’azienda sud coreana LG ha voluto innovarsi ancora una volta, presentando il nuovo smartphone Wing, primo dispositivo con lo schermo che si apre a forma di T.

Un telefono a forma di T, con uno schermo “estraibile” che si ruota a 90°. Mai visto prima, qualcosa di assolutamente inedito nel campo degli smartphone. Scopriamo insieme qualche dettaglio in più.

 

LG presenta il primo smartphone con lo schermo che si apre a forma di T, Wing

Si chiama LG Wing, il nuovo device dell’azienda sudcoreana arrivato da poco sul mercato, un device per molti versi “rivoluzionario“, che ipotizza un modo completamente diverso di usare lo smartphone, cambiando le nostre abitudini. Ma allo stesso tempo anche dispositivo che ha un pubblico preciso, quello interessato alla realizzazione di video e che può sfruttare la nuova conformazione del Wing per ottenere risultati migliori di quelli ottenibili con altri smartphone.

Dovremmo dire che il Wing fa parte della famiglia degli schermi “foldable”, pieghevoli, ma in realtà di pieghevole non c’è nulla, anche se la logica resta quella di avere più schermo (o schermi) a disposizione per tutte le funzioni. Ne fa parte, comunque, perché quando è chiuso è uno smartphone “normale”, anche se le dimensioni sono notevoli, quasi 17 centimetri di lunghezza, con uno spessore di 10,9 millimetri e un peso più che discreto di 260 grammi.

Una volta aperto, con una semplice pressione del pollice, lo schermo principale (un display da 6,9 pollici POLED FullHD+, con una risoluzione 1080 x 2400 pixel), ruota di 90° e lo smartphone assume una singolarissima forma a T, mostrando una nuova porzione di display.

Il device è sostenuto da un processore Snapdragon 765G octa core da 2,4 GHz, ha 8 GB di RAM e 128 GB di memoria interna con possibilità di espansione tramite una microSD, o uso dello slot per una seconda SIM. Ovviamente supporta il 5G, ha il Wi-Fi a doppia banda e il Bluetooth 5.1, oltre ad una porta USB-C 3.1. La batteria non è potentissima e con una giornata di lavoro intenso si fa fatica a non ricaricare.

Arriva LG Wing: primo smartphone con lo schermo che si apre a forma di T Tecnoandroid

Amazon: ordinano la PlayStation 5 ma arrivano cose assurde

8 hours 37 sec ago

Amazon: ordinano la PlayStation 5 ma arrivano cose assurde Tecnoandroid

Alcuni clienti del noto store e-commerce Amazon hanno ricevuto una bruttissima sorpresa in queste ore. Questi ultimi avevano infatti ordinato dallo store online la nuova console di ultima generazione di casa Sony, cioè la nuova PlayStation 5. Una volta aperto i pacchi, però, hanno trovato delle cose davvero assurde.

 

Ordinano una PS5 su Amazon ma arrivano friggitrice, cibo per animali e altro

Purtroppo è successo di nuovo. Qualche settimana fa vi avevamo parlato in un precedente articolo di un cliente del noto colosso dell’e-commerce che aveva ricevuto al posto del suo nuovo smartphone di Xiaomi una saponetta. Ora la storia si è ripetuta ma su un numero maggiore di persone. Nello specifico, la giornalista Bex April May ha pubblicato sulla propria pagina del profilo su Twitter un video unboxing del pacco che avrebbe dovuto contenere la nuova PlayStation 5 di Sony. Tuttavia, ad aspettarla all’interno del pacco non vi era la console ma una friggitrice.

Happy #PS5 day everyone. Tried to document our one’s unveiling, but Amazon have tricked us with an unsolicited air fryer instead (after giving delivery password). Anyone else had this problem today? pic.twitter.com/99IUSzSJUU

— Bex April May (@bexlectric) November 19, 2020

La giornalista ha poi chiesto se fosse capitato anche ad altre persone e prontamente un altro cliente ha commentato raccontando la sua esperienza. Quest’ultimo, in particolare, al posto della tanto attesa PS5 ha ricevuto un kit da fitness e scotch da imballaggio. Altre persone ancora hanno poi ricevuto cibo per animali, mentre altri hanno ricevuto un pacco pressoché vuoto.

Si tratta di una situazione davvero assurda e un portavoce di Amazon ha così commentato: “Il nostro obiettivo è rendere i nostri clienti felici, perciò ci scusiamo per questo disagio e stiamo indagando per capire cosa sia successo. Stiamo contattando ogni consumatore che ha avuto dei problemi per risolverli”.

Amazon: ordinano la PlayStation 5 ma arrivano cose assurde Tecnoandroid

Amazon Echo Frames: ecco i nuovi occhiali smart dell’azienda

8 hours 10 min ago

Amazon Echo Frames: ecco i nuovi occhiali smart dell’azienda Tecnoandroid

Lo scorso anno (più precisamente a settembre 2019) la nota azienda Amazon aveva annunciato ufficialmente sul mercato i suoi primi occhiali smart. Nel corso delle ultime ore, però, è stata presentata la seconda generazione di questi dispositivi, ovvero i nuovi Amazon Echo Frames. Rispetto al precedente modello, quest’anno sono presenti notevoli migliorie e novità.

 

Ufficiali i nuovi Echo Frames targati Amazon

Il noto colosso Amazon ha dunque ufficializzato l’arrivo sul mercato dei suoi nuovi occhiali smart. Almeno per il momento, questi ultimi verranno distribuiti a tutti i clienti del mercato statunitense a partire dal prossimo 10 dicembre ad un prezzo pari a 249,99 euro. Come già accennato, rispetto al modello presentato lo scorso anno, questi nuovi occhiali smart presentato diverse migliorie.

In primis bisogna sottolineare l’implementazione dell’autonomia. L’azienda ha infatti curato molto questo aspetto e ora sarà possibile raggiungere il 40% di riproduzione in più rispetto al passato e con un volume pari al 60%. Oltre a questo, la qualità dell’audio è stata notevolmente migliorata, tramite alcuni upgrade della tecnologia audio open-ear che permette di trasmettere l’audio non alle orecchie ma alle tempie.

Rimangono poi su questi dispositivi le svariate funzioni di integrazione con l’assistente vocale Alexa e, tramite connessione Bluetooth, è possibile connetterli allo smartphone per svolgere altrettante funzioni (come ascoltare musica o rispondere alle chiamate). Per quanto riguarda i materiali e il design, troviamo materiali di pregio come titanio e fibra di carbonio e quest’anno sono inoltre disponibili tre colorazioni, ovvero Modern Tortoise, Horizon Blue e Classic Black. Vi ricordiamo che i nuovi Amazon Echo Frames sono occhiali senza lenti correttive ma, in caso di necessità, è comunque possibile applicare alcune lenti graduate.

Amazon Echo Frames: ecco i nuovi occhiali smart dell’azienda Tecnoandroid

Pages