Tecnoandroid

Condividi:



MANUALINUX


Subscribe to Tecnoandroid feed
Il sito e il forum più completo in Italia su Android. News, guide, approfondimenti, app e giochi per Android e una grande community italiana.
Updated: 1 hour 34 min ago

Android è alla follia: nuove app diventano GRATIS solo per oggi

Sat, 07/13/2019 - 20:15

Android è alla follia: nuove app diventano GRATIS solo per oggi Tecnoandroid

Nuovo giorno e nuove app Android da poter scaricare GRATIS  tramite la nuova lista ufficiale appena pubblicata da Google. Il weekend si infiamma a colpi di utility e giochi che fanno dimenticare addirittura le 5 app appena uscite nel Play Store. Ci si trova nella condizione di avere tutto a costo zero per applicazioni complete senza pubblicità né costi. In Italia hanno fatto il tutto esaurito. Il pulsante di download è stato consumato dalle dita di coloro che hanno cercato proposte che massimizzano l’esperienza utente. Sei pronto a cambiare modo di utilizzare il tuo smartphone? Ora è il momento giusto.

 

Android in vena di festa: regalati le nuove app Gratis ed i giochi omaggio

Nella vetrina di Google Play fioccano le occasioni imperdibili. La lista delle app più famose è omaggio per tutti coloro che utilizzano smartphone e tablet del robottino verde. Impossibile pensare di lasciarsi sfuggire occasioni simili. L’unica cosa da cui guardarsi è il tempo di validità degli sconti che decorrono da oggi ma possono scadere anche nel giro di poche ore senza preavviso. La scelta è dettata da Google in accordo con gli sviluppatori. Vi consigliamo di non indugiare oltre e scoprire tutto il meglio del Play Store di oggi.

Le promozioni Google Play si rinnovano ogni giorno diventando parte integrante delle nostre notifiche social su Facebook e Instagram. Non mancare al prossimo appuntamento. Tanta altra convenienza ci aspetta con occasioni da non perdere.

Android è alla follia: nuove app diventano GRATIS solo per oggi Tecnoandroid

Campione di eSports 12enne lascia la scuola per concentrarsi sulla carriera

Sat, 07/13/2019 - 20:00

Campione di eSports 12enne lascia la scuola per concentrarsi sulla carriera Tecnoandroid

Un ragazzo di nome Jordan Herzog è una stella nascente del gaming. Ad appena 12 anni è giù un campione di Fortnite, il battle royale più famoso degli ultimi tempi. Per vincere i tornei a cui partecipa, Jordan si allena dalle otto alle quattordici ore al giorno.

Il verbo allenare non è usato a caso. Infatti gli eSports sono discipline riconosciute e molto seguite, con un giro di affari non trascurabile. I tornei hanno un livello competitivo molto alto e partecipano veri e propri professionisti del settore. Per eccellere in questo campo servono allenamento e riflessi, cose che Jordan a quanto pare possiede.

La carriera da giocatore professionista di Jordan è supportata attivamente da suo padre Dave. Il genitore possiede un negozio di accessori legati al mondo dei videogiochi e sta investendo sulla competitività del figlio. Basti pensare che la postazione da gaming del ragazzo ha raggiunto un valore superiore ai 30 mila dollari.

In una recente intervista, Dave ha dichiarato: “L’ho cresciuto per questo”. Jordan infatti gioca ai videogiochi da quando aveva 3 anni, a 7 anni era un campione di Halo e a 10 era un giocatore migliore di tutti i suoi coetanei. A 12 anni ha vinto il suo primo torneo battendo giocatori con una esperienza maggiore.

Adesso Dave ha preso una decisione non facile da condividere. Per evitare a Jordan qualsiasi distrazione e concedergli più tempo per allenarsi sugli eSports, il ragazzo non frequenterà più la scuola. Piuttosto che seguire i corsi della scuola superiore, Jordan studierà da casa alternando allenamento e riposo.

Attualmente il monte premi vinto da Jordan ammonta a 60 mila dollari, quindi il talento del ragazzo è fuori discussione. Al momento non è chiaro come questa decisione peserà sul ragazzo, ma è certamente una decisione importante, nel bene e nel male. È certamente apprezzabile che un genitore voglia coltivare le passione e il talento del figlio, ma questa situazione farà discutere.

Fateci sapere cose ne pensate con un commento!

 

Campione di eSports 12enne lascia la scuola per concentrarsi sulla carriera Tecnoandroid

Twitter: blackout in tutto il mondo per un’ora, ecco cosa è successo

Sat, 07/13/2019 - 19:45

Twitter: blackout in tutto il mondo per un’ora, ecco cosa è successo Tecnoandroid

Possiamo ammettere che raramente ci troviamo a parlare della piattaforma Twitter a causa di qualche down o problema tecnico. Ci spiace farlo proprio oggi, probabilmente una delle poche volte nel corso dell’anno.

A differenza della piattaforma Facebook infatti, il social dell’uccellino non ha mai dato problemi di connessione, tranne nell’ultimo periodo. Più precisamente lo scorso 11 luglio 2019 la piattaforma ha subito un blackout lungo un’ora in tutto il mondo. Scopriamo insieme cosa l’ha causato.

 

Twitter down per un’ora in tutto il mondo

A partire dalle 21 di giovedì 11 luglio 2019 e per un’ora la piattaforma più amata al mondo ha subito un blackout in tutto il mondo. Tutti gli utenti sono stati impossibilitati ad accedere al proprio profilo e di conseguenza. Quest’ultimi infatti, una volta collegati all’homepage del sito, hanno trovato la scritta “abbiamo qualche problema tecnico. Grazie per la segnalazione. Risolveremo il problema e tutto tornerà presto alla normalità”.

Il malfunzionamento in questione, come anticipato precedentemente, era diffuso a livello globale, quindi negli Stati Uniti ed in Europa, sia sui Personal Computer che sugli smartphone. Gli amministratori del sito hanno spiegato che il bug è dipeso da un cambio di configurazione interna. Per i più curiosi, l’interruzione di connessione è avvenuta proprio mentre il Presidente Trump aveva convocato alla Casa Bianca duecento personalità, per la maggior parte conservatori, critiche con i social come Twitter.

Ovviamente, come anticipato precedentemente, dopo un’ora di blackout tutto è tornato alla normalità e gli utenti hanno potuto continuare a Twittare a proprio piacimento.

Twitter: blackout in tutto il mondo per un’ora, ecco cosa è successo Tecnoandroid

Xiaomi Mi A3 avvistato dal vivo con la confezione di vendita

Sat, 07/13/2019 - 19:00

Xiaomi Mi A3 avvistato dal vivo con la confezione di vendita Tecnoandroid

Pochi giorni fa, l’azienda cinese Xiaomi ha presentato ufficialmente per il mercato cinese tre nuovi smartphone appartenenti ad una nuova serie denominata Xiaomi Mi CC9. Grazie alle ultime indiscrezioni trapelate online nei giorni scorsi, sappiamo già che le versione internazionali di questi smartphone si chiameranno Xiaomi Mi A3 Lite e Xiaomi Mi A3. E proprio di quest’ultimo sono da poco apparse in rete alcune immagini dal vivo assieme alla confezione di vendita.

 

Xiaomi Mi A3: ecco la confezione di vendita del futuro smartphone di Xiaomi

Grazie a queste nuove immagini pubblicate online, possiamo quindi osservare in anteprima quella che sarà la confezione di vendita di uno dei futuri smartphone targati Xiaomi che arriverà da noi. In primis, abbiamo una conferma riguardo ad alcune delle specifiche tecniche di cui sarà dotato lo smartphone. Xiaomi Mi A3 sarà caratterizzato dalla presenza di una tripla fotocamera posteriore verticale. Il sensore fotografico principale montato a bordo sarà da 48 megapixel e sarà affiancato da un altro sensore grandangolare. Per quanto riguarda la selfie camera, invece, questa sarà caratterizzata da un sensore da 32 megapixel.

Dal punto di vista prestazionale, invece, il futuro medio di gamma di Xiaomi avrà a bordo il processore Snapdragon 665 di Qualcomm. Come i modelli precedenti, poi, anche questo Xiaomi Mi A3 farà parte del progetto Android One, quindi saranno garantiti ottimi aggiornamenti sia delle patch di sicurezza sia del software.

Guardando invece la confezione di vendita, questa ci suggerisce le colorazioni in cui verrà distribuito il terminale, che saranno sicuramente White e Blue. All’interno della confezione, poi, saranno presenti un cavetto USB Type C per la ricarica e il caricatore. Non sembra esserci, almeno ad una prima vista, una cover offerta in dotazione.

Xiaomi Mi A3 avvistato dal vivo con la confezione di vendita Tecnoandroid

Oppo: un misterioso smartphone viene certificato dalla Bluetooth SIG

Sat, 07/13/2019 - 18:30

Oppo: un misterioso smartphone viene certificato dalla Bluetooth SIG Tecnoandroid

L’azienda cinese Oppo ha da poco reso disponibile anche per il nostro mercato il nuovo smartphone medio di gamma Oppo Reno Z. Tuttavia, sembra che nei piani dell’azienda ci sia già un nuovo device del quale, però, non si conosce ancora il nome. Il terminale in questione, nello specifico, è stato da poco certificato dall’ente Bluetooth SIG.

 

Oppo CPH1931: la certificazione Bluetooth ci rivela le specifiche tecniche del device

Un nuovo smartphone targato Oppo potrebbe quindi arrivare sul mercato nel corso delle prossime settimane. Si tratta del dispositivo che è stato registrato dall’ente Bluetooth SIG con il numero di modello CPH1931. Da questa certificazione, sono emersi diversi dettagli interessanti riguardanti le specifiche tecniche di cui sarà dotato questo nuovo dispositivo.

Stando a quanto riportato dalla certificazione, il futuro smartphone di Oppo sarà un altro device medio di gamma. A bordo del terminale, infatti, ci sarà il processore SM6125, cioè il SoC Snapdragon 665 di Qualcomm. Si tratta, in sostanza, dello stesso processore che vedremo a breve su uno dei prossimi smartphone di Xiaomi (in particolare lo Xiaomi Mi A3).

Tornando alle specifiche tecniche del device, il nuovo device di Oppo sul fronte avrà un display con una diagonale da 6.5 pollici pollici con una risoluzione pari al solo HD+. Vista la risoluzione non altissima del display, possiamo immaginare che il pannello sarà un IPS LCD, ma non ne abbiamo la conferma al momento. Per quanto riguarda la connettività,  a bordo di questo terminale ci sarà il Bluetooth in versione 5.0 e il WiFi a/b/g/n. La versione del software installata sul device, invece, sarà Android 9 Pie con interfaccia utente personalizzata da Oppo, la ColorOS 6.1. La batteria, infine, avrà un’enorme capienza pari, cioè, a ben 5000 mAh.

Oppo: un misterioso smartphone viene certificato dalla Bluetooth SIG Tecnoandroid

WhatsApp, arriva una nuova grande novità per la condivisione delle immagini

Sat, 07/13/2019 - 18:15

WhatsApp, arriva una nuova grande novità per la condivisione delle immagini Tecnoandroid

WhatsApp implementerà presto un nuovo editor per le immagini: è quanto annunciato dagli sviluppatori della nota piattaforma di messaggistica istantanea. La nuova funzionalità è già disponibile per gli utenti iscritti al programma Beta Tester di WhatsApp, sia per chi è in possesso di un dispositivo Android che di un device con sistema operativo iOS, ed è dunque in questo momento in fase di sperimentazione.

La novità consiste in un nuovo strumento che viene messo a disposizione degli utenti che vogliono modificare una foto prima di inviarla ai propri contatti, proponendo loro diverse opzioni di personalizzazione.

WhatsApp: il prossimo update introdurrà un nuovo editor per le immagini

E’ vero, su WhatsApp è già presente un tool che permette di modificare un’immagine prima che questa venga recapitata al suo mittente: le modifiche includono la possibilità di ruotare o tagliare l’immagine, applicare filtri e aggiungere delle scritte.

Il nuovo Editor promette di rendere ancora più veloce e semplice il processo di modifica di un’immagine, ma non andrà a sostituire il vecchio Editor. Semplicemente sarà disponibile come una nuova funzione. Ma come funziona questa nuova opzione?

In realtà il nuovo Editor prevede un funzionamento abbastanza intuitivo: una volta ricevuta una foto da un amico o da un qualsiasi altro contatto, l’utente può procedere a personalizzarla prima di inoltrarla a qualcun altro semplicemente cliccando sull’immagine ricevuta. A questo punto, apparirà la voce “Modifica“, e dopo aver fatto clic su tale voce verrà avviato l’Editor per le immagini.

Se su iOS la voce “Modifica” apparirà sulla parte inferiore dello schermo, su Android occorre invece premere sull’icona con i tre puntini verticali posizionati in alto a destra. Com’è stato detto in precedenza, la nuova funzionalità è in questo momento in fase di test sia su dispositivi Android che iOS, e potrebbe presto essere disponibile per la versione ufficiale e definitiva di WhatsApp.

WhatsApp, arriva una nuova grande novità per la condivisione delle immagini Tecnoandroid

Google Assistant, società pagate per ascoltare le registrazioni degli utenti

Sat, 07/13/2019 - 18:00

Google Assistant, società pagate per ascoltare le registrazioni degli utenti Tecnoandroid

Google affiderebbe l’ascolto delle registrazioni di Assistant ad una società terza incaricata di trascrivere le conversazioni al fine di migliorare il riconoscimento vocale dell’assistente virtuale progettato dal colosso di Mountain View.

Lo ha scoperto VRT NWS, una TV belga, grazie alle confessioni di un dipendente impiegato presso la società incaricata da Google. Stando a quanto rivelato dalla fonte, non è vero che Google invierebbe le registrazioni audio captate da Assistant ai server in forma anonima, anzi. Non solo l’azienda si farebbe aiutare da società terze, ma le registrazioni non verrebbero neppure archiviate in forma anonima: al contrario, queste sono sempre accompagnate dai dati personali dell’utente, compreso il suo indirizzo di casa.

Caso Google Assistant, il colosso di Mountain View si difende

Un caso del genere ha coinvolto anche un altro big del settore, non molto tempo fa: Amazon. Lo scorso Aprile, infatti, grazie ad una ricerca realizzata da Bloomberg è emerso che una copia della registrazione audio acquisita da Alexa veniva inviata ad alcuni dipendenti, e da loro trascritta e annotata al fine di migliorare gli algoritmi di riconoscimento vocale dell’assistente vocale.

Dal rapporto Bloomberg è anche emerso che i dipendenti avevano a disposizione una chat interna in cui condividere le registrazioni poco chiare per discuterne insieme, ma in alcuni casi i file sono stati condivisi per puro divertimento.

Se, però, Amazon affidava la trascrizione delle registrazioni audio a dipendenti interni all’azienda, Google ha deciso invece di pagare società terze. Le registrazioni, poi, non vengono trattate in forma anonima ma vengono archiviate insieme ai dati personali dell’utente, compreso il suo indirizzo di casa. Un giornalista di VRT si è anche recato alle abitazioni di alcune persone, proprio per vedere se i dati coincidevano. E, in effetti, gli utenti hanno riconosciuto la propria voce e quella di altre persone in casa.

Come ha risposto Google alle accuse? “Lavoriamo con esperti linguistici in tutto il mondo per migliorare il riconoscimento vocale realizzando le trascrizioni da un numero limitato di clip audio. Questo è un lavoro fondamentale per lo sviluppo di prodotti come Google Assistant“. Secondo Google, poi, le registrazioni “non sono collegate a dati di identificazione personale“.

Come si spiega, dunque, che VRT NWS sia risalita agli indirizzi di casa degli utenti? “Uno di questi esperti linguistici potrebbe aver violato la nostra politica di sicurezza dei dati. Stiamo investigando attivamente sulla questione e se riscontreremo una violazione della nostra politica agiremo rapidamente, fino alla chiusura del nostro accordo con il partner“.

Google Assistant, società pagate per ascoltare le registrazioni degli utenti Tecnoandroid

Poste Mobile, incredibile offerta disponibile per tutti, ma solo per poco

Sat, 07/13/2019 - 17:45

Poste Mobile, incredibile offerta disponibile per tutti, ma solo per poco Tecnoandroid

Poste Mobile, uno degli operatori virtuali più diffusi in Italia, ha lanciato una nuova incredibile offerta disponibile solo per questo fine settimana, e dunque attivabile nei soli giorni di sabato 13 e domenica 14 Luglio.

Si tratta di una promozione già resa disponibile in passato, anche se con opzioni diverse, sempre per un periodo di tempo limitato: Creami WoW Weekend Summer Edition. Insomma, una sorta di offerta lampo da cogliere al volo, prima che sia troppo tardi.

Poste Mobile, Creami WoW Weekend Summer Edition di nuovo disponibile

Torna la Creami WoW Weekend Summer Edition, l’offerta promozionale pensata da Poste Mobile per conquistare nuovi e vecchi clienti passati ad altri gestori.

L’offerta include credit illimitati per effettuare chiamate e inviare SMS e 10.240 credits di traffico dati in 4G sotto rete Wind (che coincidono con 10 GB) al costo di 4,99 euro al mese. Com’è stato detto in precedenza, l’offerta sarà disponibile solo per questo weekend, ma può già essere acquistata telefonicamente in anteprima compilando l’apposito format online inserendo il proprio nome, cognome e numero di telefono. In questo modo, si verrà contattati da un operatore telefonico autorizzato che provvederà a fornire tutti i dettagli dell’offerta e, nel caso, procedere con l’attivazione.

Creami WoW Weekend Summer Edition non prevede alcun vincolo di attivazione, per cui i clienti sono liberi di passare ad altro operatore telefonico in qualsiasi momento, e nel costo mensile sono inclusi alcuni servizi come Ti cerco e Richiama Ora.

Infine, l’offerta non prevede alcun costo di attivazione o di spedizione della SIM, ma solo di contributo SIM. Questa potrà essere acquistata al prezzo di 15 euro che verranno però restituiti sotto forma di credito telefonico.

Poste Mobile, incredibile offerta disponibile per tutti, ma solo per poco Tecnoandroid

Apple: addio al notch su iPhone a partire dal 2020

Sat, 07/13/2019 - 17:30

Apple: addio al notch su iPhone a partire dal 2020 Tecnoandroid

L’azienda Apple, secondo le ultime indiscrezioni, avrebbe intenzione di eliminare il notch sui propri dispositivi quali iPhone, a partire dal prossimo 2020. Il notch è stato amato da molti e odiato da altrettanti utenti. Probabilmente questo il motivo che ha spinto il colosso di Cupertino a volerlo eliminare.

Nonostante siano quasi in procinto d’arrivo i prossimi iPhone 2019, non smettiamo di viaggiare con la fantasia, pensando già ai modelli che vedremo l’anno prossimo. Alcune anticipazioni le abbiamo già avute da alcuni analisti qualche giorno fa. Scopriamo ora la vicenda del notch.

 

Apple: addio notch dal 2020

Sicuramente ricorderete che iPhone X è stato il primo melafonino a montare il tanto amato ed odiato notch. Si tratta di una piccola tacca, necessaria per permettere la riduzione delle cornici dello smartphone ma allo stesso tempo fondamentale per contenere la fotocamera frontale e il microfono. Dopo il lancio di iPhone X, moltissimi altri produttori di smartphone Android hanno iniziato a copiare la tacca in questione.

Al momento sono davvero pochi gli smartphone a non averla e forse, anche per questo motivo, l’azienda di Cupertino ha intenzione di distinguersi nuovamente, eliminando la tacca a partire dal prossimo 2020. Secondo l’analista Ming-Chi Kuo nel 2020 almeno un modello di iPhone sarà prodotto senza notch e anche senza Face ID. Kuo ha affermato che l’azienda vuole integrare una fotocamera sotto-vetro e un sistema acustico per l’autenticazione a pieno schermo per il riconoscimento dell’impronta.

L’azienda in questo modo, tornerebbe al riconoscimento dell’impronta digitale e per farlo, sembra proprio che Apple stia progettando questa tecnologia in casa, senza affidarsi ad alcun produttore di terze parti. Quasi sicuramente a fine 2019 avremo un design molto simile a quello dei modelli attuali, ma dall’anno prossimo tutto potrebbe tornare come era prima, ma con una tecnologia molto più avanzata.

Apple: addio al notch su iPhone a partire dal 2020 Tecnoandroid

Netflix, i costi aumentano ma c’è anche una buona notizia per gli abbonati

Sat, 07/13/2019 - 17:15

Netflix, i costi aumentano ma c’è anche una buona notizia per gli abbonati Tecnoandroid

L’inizio dell’estate ha portato ad una grande rivoluzione – purtroppo non positiva – per tutti i clienti Netflix. Se sino a qualche settimana fa, il servizio streaming poteva vantarsi di essere popolare a tutti i livelli, con il prossimo aumento di prezzi le cose potrebbero cambiare. Seguendo una linea già tracciata in altre nazioni, Netflix sta modificando i suoi listini anche nel nostro paese.

Netflix, ci sono gli aumenti di prezzo ma c’è anche una buona notizia

Le rimodulazioni dei costi caratterizzano due piani di abbonamento su tre. Il piano Standard prevederà un ricatto di un euro con il passaggio da 10,99 euro a 11,99 euro; per il piano Premium invece il rialzo sarà di due euro con i costi che passano da 13,99 euro a 15,99 euro. Non ci saranno cambiamenti per il piano Base con un pagamento previsto di 7,99 euro ogni trenta giorni.

Tenuta presente la possibilità di condividere l’abbonamento con parenti o amici, il servizio resta molto economico. Tale considerazione però non ha di certo fermato le ire del pubblico che si sono scatenate sulle pagine social della stessa piattaforma streaming.

C’è da dire che, oltre alla pessima novità degli aumenti, vi è anche una buona notizia in estate. Per alcuni nuovi clienti, infatti, tornerà ad essere disponibili il classico periodo gratuito di inizio abbonamento. Chi ancora non ha familiarizzato con i contenuti di Netflix potrà farlo in maniera del tutto gratuita per un intero mese o per due settimane.

Netflix, i costi aumentano ma c’è anche una buona notizia per gli abbonati Tecnoandroid

Amazon Prime Day: Live Blog per trovare le migliori offerte

Sat, 07/13/2019 - 16:56

Amazon Prime Day: Live Blog per trovare le migliori offerte Tecnoandroid

Il Prime Day è letteralmente alle porte: il grande evento Amazon torna anche quest’anno per offrire agli iscritti al programma Prime due giorni di sconti esclusivi e promozioni su oltre un milione di prodotti.

Quella promossa dal colosso dell’e-commerce è rappresenta un’occasione unica per acquistare i migliori prodotti di grandi marchi a prezzi ribassati. A partire dalle ore 00.00 di lunedì 15 Luglio fino alle 23.59 di martedì 16 Luglio, infatti, tutti gli iscritti ad Amazon Prime potranno beneficiare di promozioni esclusive e offerte lampo su tantissimi prodotti di ogni genere: videogiochi, console, prodotti d’arredo, per il giardino o per il fai-da-te, attrezzatura da lavoro, accessori per auto e moto, cosmetici, abiti, dispositivi elettronici e informatici… insomma, Amazon offrirà una vasta quantità di offerte imperdibili.

Per non lasciarti scappare le occasioni migliori, ti consigliamo di tenere d’occhio questo articolo, poiché noi di TecnoAndroid seguiremo l’evento in prima linea per segnalarti in tempo reale le offerte da non perdere.

Trattandosi di una Live Blog, questo articolo verrà continuamente aggiornato dai nostri autori che nelle giornate di lunedì 15 e martedì 16 Luglio riporteranno di volta in volta le migliori offerte dell’Amazon Prime Day, ma puoi trovare delle incredibili occasioni anche sui nostri canali Telegram:

Amazon Prime Day: un mese di Prime gratuito per aderire all’iniziativa

Com’è stato detto in precedenza, il Prime Day è un’iniziativa rivolta esclusivamente agli abbonati Prime. Se non ti sei ancora iscritto al servizio, puoi farlo adesso usufruendo della prova gratuita di 30 giorni prevista da Amazon, e poi annullare la sottoscrizione all’abbonamento poco prima della scadenza del mese di prova.

Così facendo, avrai modo di sfruttare tutti i vantaggi offerti da Amazon Prime (come la spedizione gratuita in un giorno, e accesso ad alcuni servizi esclusivi come Amazon Prime Video e Twitch Prime senza aver però sostenuto alcuna spesa.

LIVE BLOG OFFERTE Amazon Prime Day


Amazon Prime Day: Live Blog per trovare le migliori offerte Tecnoandroid

Il consumo di Netflix e Amazon Prime Video inquina quanto il Cile

Sat, 07/13/2019 - 16:30

Il consumo di Netflix e Amazon Prime Video inquina quanto il Cile Tecnoandroid

Il mondo digitale emette il 4% dei gas serra a livello mondiale e il suo consumo energetico aumenta del 9% ogni anno. Lo scorso anno, la sola energia consumata per la visualizzazione di video, serie TV e film online ha generato 306 milioni di tonnellate di CO2, che corrisponde alla quantità di gas serra emessa dalla Spagna.

Oltre un terzo di queste emissioni sono state generate da servizi di video in streaming come Netflix e Amazon Prime Video. E’ quanto emerge da una ricerca condotta da The Shift Project sulle conseguenze dello streaming video sull’ambiente.

Il consumo di Netflix e Amazon Prime Video inquina quanto il Cile

Viviamo in un mondo in cui il solo consumo di video online genera il 60% dei flussi di dati su scala mondiale, producendo oltre trecento milioni di tonnellate di CO2 ogni anno. Il consumo digitale produrrebbe il 20% delle emissioni totali di gas serra, mentre lo streaming dei soli servizi Netflix e Amazon Prime Video genererebbe emissioni equivalenti a quelle del Cile.

La visualizzazione di video hot, invece (che rappresenta il 27% del traffico totale di dati video) genererebbe lo 0,2% delle emissioni globali. In altre parole, quanto tutte le famiglie della Francia.

Il The Shift Project non si scaglia contro il consumo dello streaming online, ma cerca di promuovere quella che è stata definita “moderazione digitale” al fine di evitare che “un uso considerato prezioso dalla società risenta dell’eccessivo consumo di un altro uso considerato meno essenziale”. Cosa consigliano i ricercatori? Divieto di autoplay, streaming in bassa risoluzione e stabilire criteri per la priorità d’uso.

Il consumo di Netflix e Amazon Prime Video inquina quanto il Cile Tecnoandroid

Android: le migliori applicazioni per creare divertenti video

Sat, 07/13/2019 - 16:00

Android: le migliori applicazioni per creare divertenti video Tecnoandroid

Fortunatamente siamo in possesso di smartphone all’avanguardia che garantiscono delle fantastiche risorse; foto e video sono molto importanti per numerosi consumatori soprattutto grazie a dispositivi mobili che hanno una buona fotocamera.

In commercio possiamo trovare innumerevoli applicazioni che permettono di modificare video con divertenti effetti animati e filtri ma, quali sono quelli che non possono assolutamente mancare sul proprio smartphone? Ecco le app migliori per personalizzare e rendere originali i video.

Applicazioni per creare video: ecco quali sono le migliori

Fortunatamente gli utenti possono trovare sul proprio Play Store o App Store numerose applicazioni che permettono di creare e modificare video; iniziamo partendo dall’applicazione più utilizzata e conosciuta: KineMaster.

Si tratta di un’applicazione disponibile solo su Android ed è quella più completa che si possa trovare sul Play Store; permette di modificare i video tagliandoli, aggiungendo altri video, aggiungendo musiche di sottofondo e tanto altro. Gli utenti possono scaricarla gratuitamente ma esiste anche una versione a pagamento; per quest’ultima, gli utenti dovranno sostenere un abbonamento di 3,65 Euro al mese oppure di 28,46 all’anno.

Un’altra applicazione molto utilizzata è Magisto ed è perfetta per gli utenti che hanno bisogno di creare brevi montaggi di video e foto; si tratta di un’applicazione che può essere scaricata a costo zero sia dal Play Store che dall’App Store anche se, esiste una versione a pagamento che mette a disposizioni altre funzioni.

Infine, abbiamo anche un’altra applicazione: Adobe Premiere; può essere scaricata gratuitamente dagli utenti in possesso di uno smartphone Android e/o Apple ma, esiste anche una versione per pc e MAC molto più completa; presenta un’interfaccia molto intuitiva e molti strumenti necessari per modificare video e renderli unici.

Android: le migliori applicazioni per creare divertenti video Tecnoandroid

Amazon starebbe sviluppando un gioco dedicato al Signore degli Anelli

Sat, 07/13/2019 - 15:30

Amazon starebbe sviluppando un gioco dedicato al Signore degli Anelli Tecnoandroid

Tutti noi siamo abituati a parlare dell’azienda Amazon come la piattaforma di e-commerce più grande al mondo, in cui è possibile trovare tantissimi prodotti tutto l’anno ad un prezzo sempre scontato.

Negli ultimi giorni ci siamo dedicati soprattutto al prossimo Prime Day, che si terrà lunedì 15 e martedì 16 luglio 2019. Oggi vogliamo parlarvi di un’ultima indiscrezione secondo la quale l’azienda di Seattle starebbe sviluppando un MMO dedicato alla saga de Il Signore degli Anelli. Scopriamo insieme tutti i dettagli.

 

Amazon sviluppa un MMO dedicato al Signore degli Anelli

Il colosso di Jeff Bezos sembrerebbe aver deciso di investire parte del proprio patrimonio per portare l’universo de Il Signore degli Anelli, non solo davanti alla TV, ma anche davanti ai videogiocatori. Secondo le ultime indiscrezioni infatti, l’azienda starebbe sviluppando un MMO dedicato proprio alla saga appena menzionata. Più precisamente starebbe affiancando la Athlon Games nei lavori.

Il progetto è stato annunciato anche qualche mese fa, proprio da Athlon Games, che assicurò che si sarebbe trattato di un’ambiziosa e costosa produzione, senza però nominare mai la piattaforma di e-commerce. Il gioco sarà ambientato moltissimi anni prima delle vicende narrate nella saga e consentirà a tutti gli utenti di scoprire scenari, creature e personaggi mai visti all’interno dei film. Ovviamente tutti gli utenti potranno condividere il proprio mondo online, attraverso la modalità multiplayer.

Le due compagnie saranno anche affiancate da Leyou, proprietaria del team Digital Extreme autore di Warframe. Questo indica che il progetto è davvero ambizioso e possiamo presupporre che coinvolgerà quasi tutti i fan che per anni hanno seguito la saga in questione. Le due società hanno anche confermato che il gioco arriverà gratuitamente sia su PC che su console, anche se al momento non hanno precisato quali.

Amazon starebbe sviluppando un gioco dedicato al Signore degli Anelli Tecnoandroid

Facebook Libra bloccata dal Presidente americano Trump

Sat, 07/13/2019 - 15:00

Facebook Libra bloccata dal Presidente americano Trump Tecnoandroid

Torniamo ancora una volta a parlare di Facebook e della criptovaluta Libra che dovrebbe sbarcare sul mercato nell’anno 2020. Il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump si è scagliato contro la nuova moneta creata dalla piattaforma.

Abbiamo parlato solamente qualche giorno fa del Presidente Trump, in quanto la piattaforma Twitter gli ha proibito di bloccare utenti che lasciano commenti negativi sul suo profilo. Scopriamo ora come la pensa su Libra di Facebook.

 

Trump si scaglia contro Libra di Facebook

Ecco le parole del Presidente americano: “Non sono un fan di bitcoin e altre criptovalute, che non sono soldi e il cui valore è altamente volatile e basato sul nulla. Allo stesso modo Libra, la ‘moneta virtuale’ di Facebook, avrà poco sostegno ed affidabilità. Se Facebook e altre compagnie vogliono diventare una banca devono ottenere un nuovo documento di autorizzazione bancaria ed essere soggetti a tutte le regole bancarie, come le altre banche, sia nazionali che internazionali“.

Ovviamente l’attacco è arrivato tramite un post su Twitter, piattaforma che il Presidente ama per esporre i propri pensieri. Secondo quest’ultimo “i cripto asset non regolati possono facilitare comportamenti illegali, compreso il commercio di droga ed altre attività illecite. In Usa abbiamo solo moneta reale, ed è più forte che mai, sia sicura che affidabile. E’ di gran lunga la moneta più dominante ovunque nel mondo, e sarà sempre così. E’ chiamata dollaro statunitense!“.

Anche il Presidente della Fed, Jerome Powell aveva espresso al Congresso tutta la propria preoccupazione per la nuova criptovaluta, aggiungendo che se ne parlerà la prossima settimana con i Ministri delle Finanze e i banchieri centrali dei paesi al prossimo G7 in Francia.

Facebook Libra bloccata dal Presidente americano Trump Tecnoandroid

Bluetooth, ecco perché è meglio spegnerlo quando non lo utilizzi

Sat, 07/13/2019 - 14:30

Bluetooth, ecco perché è meglio spegnerlo quando non lo utilizzi Tecnoandroid

Bluetooth… una tecnologia tanto utile quanto pericolosa, a causa di più vulnerabilità di cui soffrirebbe questo standard. Sarebbero ben otto le falle di sicurezza nel protocollo Bluetooth e che prescindono dal sistema operativo a bordo dello smartphone utilizzato.

La falla più pericolosa sarebbe BlueBorne: scoperta nel mese di Settembre dello scorso anno, questa permetterebbe ai criminali informatici di entrare in un dispositivo senza che l’utente faccia nulla, semplicemente azionando il Bluetooth, e non consentirebbe alla persona in possesso del dispositivo infetto di rendersi conto di quanto accaduto.

I ricercatori di Armis Labs Security, società di sicurezza informativa, hanno stimato che sarebbero oltre due miliardi i dispositivi a rischio, proprio perché la falla intaccherebbe un qualsiasi device in grado di stabilire una connessione Bluetooth, e che quindi integri l’apposito chip.

Smartphone, computer, Smart TV e tutti gli altri oggetti intelligenti: i criminali informatici che riuscirebbero a sfruttare la vulnerabilità BlueBorne avrebbero accesso a tutti i dati contenuti nei dispositivi infetti.

Bluetooth, ecco perché è meglio spegnerlo quando non lo utilizzi

BlueBorne è sì la vulnerabilità più pericolosa, ma negli ultimi mesi sono state scoperte molte altre vulnerabilità minori, alcune delle quali risolte con patch ed aggiornamenti. Altre, invece, sono state sottovalutate.

Uno degli ultimi aggiornamenti rilasciati sotto questo punto di vista è stato quello di Microsoft rivolto al sistema operativo Windows 10. La patch ha corretto alcune di queste falle impedendo la connessione Bluetooth tra Windows e dispositivi poco sicuri che non utilizzano delle buone chiavi di sicurezza per crittografare le connessioni.

Insomma, il Bluetooth è comunque una tecnologia molto utile per il trasferimento di dati tra un dispositivo o l’altro e per mettere in comunicazione due o più dispositivi che si trovano a breve distanza tra loro, ma potenzialmente pericolosa considerando le vulnerabilità che ancora intaccano questo standard. Si consiglia, pertanto, di disabilitare la connessione Bluetooth quando non necessaria e di installare regolarmente le patch di sicurezza rilasciate.

Bluetooth, ecco perché è meglio spegnerlo quando non lo utilizzi Tecnoandroid

Netflix ha annunciato il cast completo della nuova serie Bridgerton

Sat, 07/13/2019 - 14:00

Netflix ha annunciato il cast completo della nuova serie Bridgerton Tecnoandroid

La piattaforma di contenuti in streaming Netflix ha da poche ore annunciato il cast completo della nuova serie TV originale intitolata Bridgerton. L’azienda ha comunicato i protagonisti della serie attraverso un comunicato stampa.

La nuova serie TV è targata Shondaland e quindi creata dalla produttrice Shonda Rhimes, autrice anche di altre serie famosissime come Grey’s Anatomy e Scandal. Scopriamo i dettagli della nuova serie.

 

Nuova serie in arrivo su Netflix, ecco il cast completo di Bridgerton

La nuova serie TV Bridgerton arriverà sulla piattaforma di streaming più amata al mondo nel corso del 2020, in tutti i paesi in cui è attivo il servizio. Vi ricordo che l’azienda ha deciso di eliminare la prova gratuita di 30 giorni ma tutti gli utenti possono richiedere ora una prova della durata di due settimane.

Alcuni nomi che entreranno a far parte di questo interessantissimo progetto sono Phoebe Dynevor (Younger), Regè Jean-Page (Roots), Golda Rosheuvel (Lady MacBeth), Jonathan Baily (Broadchurch), Luke Newton (The Lodge), Claudia Jessie (Doctor Who), Nicola Coughlan (Harlots), Ruby Barker (Doctors), Sabrina Bartlett (Victoria), Ruth Gemmell (Deep State), Adjoa Andoh (Thunderbirds Are A Go), Polly Walker (Pennyworth).

Ecco la sinossi ufficiale: “Basato sulla serie di bestseller della scrittrice Julia Quinn, Bridgerton è ambientata nel mondo sexy, sontuoso e competitivo dell’alta società Regency London. Dalle scintillanti sale da ballo di Mayfair agli aristocratici palazzi di Park Lane, la serie svela un mondo seducente, ricco di regole intricate e drammatiche lotte di potere, dove nessuno è mai veramente al sicuro. Al centro delle dinamiche della serie la potente famiglia Bridgerton, composta da otto fratelli, divertente, spiritosa e audace e alla continua ricerca di avventure e amore“.

Netflix ha annunciato il cast completo della nuova serie Bridgerton Tecnoandroid

5G, le offerte ed i servizi di Vodafone e TIM a confronto

Sat, 07/13/2019 - 13:45

5G, le offerte ed i servizi di Vodafone e TIM a confronto Tecnoandroid

In alcune città d’Italia è già possibile navigare su rete 5G. Ciò grazie al lavoro compiuto da due dei principali operatori telefonici italiani, Vodafone e TIM, che hanno da qualche giorno attivato le antenne per le reti di quinta generazione e lanciato le prime offerte abilitate.

Vodafone, infatti, ha portato la sua rete 5G nelle città di Roma, Napoli, Bologna, Torino e Milano, mentre più limitata – per il momento – è la copertura della rete 5G offerta da TIM, disponibile nelle città di Roma, Torino e Napoli.

Per navigare su rete 5G, tuttavia, è necessario acquistare uno smartphone compatibile con il nuovo standard di connessione mobile. Al momento, quelli già pronti all’acquisto sono il Galaxy S10 5G di Samsung, lo Xiaomi Mi Mix 3 5G, LG V50 ThinQ 5G e a breve anche Oppo Reno 5G. A questo punto non resta altro che chiederci quali siano le offerte lanciate da Vodafone e TIM?

Il 5G arriva in Italia, ecco le prime offerte di Vodafone e TIM

Molto interessante l’iniziativa promossa da Vodafone che, con soli 5 euro in più al mese, rende l’offerta attiva sulla proprio SIM compatibile alla navigazione su rete 5G. I più giovani, invece, possono attivare l’offerta Shake It Easy, con minuti ed SMS illimitati, internet illimitato per le app di social, chat e musica e 60 GB di Internet su rete 5G al prezzo di 14,99 euro al mese. Insomma, un’offerta davvero conveniente, anche se rivolta esclusivamente agli Under 30.

In alternativa, è possibile attivare una delle offerte della gamma Vodafone Unlimited: Smart, Ultra o Black. La prima prevede minuti di chiamate ed SMS illimitati, e 20 GB su rete 5G per 24,99 euro al mese con addebito su credito residuo, o a 18,99 euro al mese con addebito su carta di credito o conto corrente. Il piano Ultra, invece, prevede minuti di chiamate ed SMS illimitati, 100 minuti verso Paesi Extra EU e 30 GB di Internet su rete 5G per 34,99 euro al mese con addebito su credito residuo, o al prezzo mensile di 24,99 euro con addebito su carta di credito o conto corrente. Il piano Black è quello più costoso. Questo per 59,99 euro al mese (39,99 se l’addebito avviene su carta di credito o conto corrente) include minuti di chiamate e SMS illimitati, 1000 minuti verso Paesi Extra EU e Internet illimitato in 5G.

TIM, invece, ha al momento due sole offerte attive per il 5G. Advance 5G, con minuti e SMS illimitati e 50 GB di Internet su rete 5G a 29,99 euro al mese; e Advance 5G Top, con minuti e SMS illimitati e ben 100 GB di Internet su rete 5G per 49,99 euro al mese.

 

5G, le offerte ed i servizi di Vodafone e TIM a confronto Tecnoandroid

Smartphone al volante: multe spaventose per chi viene sorpreso

Sat, 07/13/2019 - 13:10

Smartphone al volante: multe spaventose per chi viene sorpreso Tecnoandroid

Il semplice gesto di prendere lo smartphone mentre si è in auto può causare multe da diverse migliaia di euro. Lascia stare quella chiamata o quel messaggio su Whatsapp. Potrebbe costarti molto caro. La nuova normativa impone pene più severe per chi viene sorpreso. Meglio pensarci sopra un paio di volte prima di rispondere. Ecco cosa rischi.

 

Multe per smartphone al volante

A quanto pare i provvedimenti iniziali sono servizi a poco. Si passa da qualche centinaia di euro di ammenda amministrativa a soglie ben più alte. La Polizia Stradale non tollererà eventuali abusi per coloro sorpresi con lo smartphone in auto.

Il guidatore sorpreso con il telefono in mano o all’orecchio subisce ora una multa da 1687 euro senza possibilità di ottenere uno sconto. L’attuale comandante Santo Puccia della Polstrada ha proposto nuove riforme che includono anche il ritiro istantaneo della patente.

Ne va di conseguenze che non sarà possibile utilizzare non solo gli smartphone ma anche qualsiasi altro gadget tecnologico che causa distrazioni alla guida. Si parla quindi di tablet, PC portatili, iPod ed altri gadget elettronici di consumo. Si devono tenere gli occhi fissi sulla strada. La multa può variare da 422,00 Euro a 2.588,00 Euro. A dichiarasi favorevole a queste modifiche è stato anche il deputato della Commissione Trasporti della Camera, Alessandro Morelli,espressosi anche a favore del ritiro della patente.

Il nostro consiglio è quello di evitare di distrarsi e non giocare la carta del chi va là, poiché gli agenti di controllo sono sparsi ovunque anche in borghese a tutela della sicurezza stradale propria e degli altri utenti della strada. Seguite le regole e guidate sicuri!

Smartphone al volante: multe spaventose per chi viene sorpreso Tecnoandroid

Buco Nero: arriva una scoperta anomala direttamente dallo Spazio

Sat, 07/13/2019 - 13:00

Buco Nero: arriva una scoperta anomala direttamente dallo Spazio Tecnoandroid

C’è curiosità da parte del mondo scientifico attorno al buco nero di massa circa 250 milioni di volte quella del sole che si trova al centro della galassia NGC 3147 distante da noi 130 milioni di anni luce.

Un gruppo di ricercatori ne ha infatti analizzato il disco di materiale molto esiguo che ruota vorticosamente intorno a esso, la cui caratteristica è l’estrema vicinanza all’orizzonte degli eventi. Quello che sembra un disco sottile in realtà ha una densità molto alta al pari di quelli di accrescimento enormi che si vedono attorno a oggetti così grandi. Al contempo, un disco così ravvicinato è stato associato a un buco nero con una rotazione prossima alla velocità della luce. 

 

Buco Nero: arriva una scoperta anomala direttamente dallo Spazio

Secondo gli astronomi la presenza di un disco così vicino all’orizzonte degli eventi offrirà “un’opportunità unica per testare le teorie della relatività di Albert Einstein”, attorno a un buco nero che sembra non avere abbastanza materiale da mangiare intorno a sé. Il disco di accrescimento è dunque così sottile da subire contrazioni tridimensionali anziché essere appiattito.

Il professor Bianchi dell’Università Roma Tre ha commentato:è un tipo di disco che ci si aspettava di vedere solo in oggetti che sono 1000 o anche 100.000 volte più luminosi“. Quindi le teorie attuali riguardanti i modelli dei dischi di accrescimento attorno i buchi neri devono essere in parte riviste.

L’altra caratteristica interessante delle osservazioni effettuate con il telescopio spaziale Hubble sono relative al fatto che il gas è così direttamente fuso al pozzo gravitazionale del buco nero che la stessa sua luce ha difficoltà a diffondersi. In queste modalità, la percezione di questo disco può essere intercettata solo a lunghezze d’onda vicine al rosso intenso.

Buco Nero: arriva una scoperta anomala direttamente dallo Spazio Tecnoandroid

Pages

Share