Tecnoandroid

Condividi su:


MANUALINUX


Subscribe to Tecnoandroid feed
Il sito e il forum più completo in Italia su Android. News, guide, approfondimenti, app e giochi per Android e una grande community italiana.
Updated: 1 hour 34 min ago

Recensione TCL 10 5G: un buon smartphone 5G al di sotto dei 400 euro

Sat, 09/26/2020 - 13:45

Recensione TCL 10 5G: un buon smartphone 5G al di sotto dei 400 euro Tecnoandroid

TCL è una delle più grandi aziende di elettronica di consumo al mondo, nota in modo particolare per la produzione di televisori e che da qualche anno sta cercando di emergere anche nel mercato iper-competitivo degli smartphone.

La missione di TCL è quella di portare i vantaggi della connettività 5G ad un pubblico più ampio, portando sul mercato un nuovo medio-gamma dal prezzo più accessibile.

TCL 10 5G è il primo smartphone 5G dell’azienda, un dispositivo molto interessante e sicuramente una valida alternativa per chi è alla ricerca di uno smartphone 5G e dispone di un budget massimo di 400 euro.

Design

Ho apprezzato la scelta di TCL di voler costruire qualcosa di diverso, qualcosa che si distinguesse dalla concorrenza e dallo standard attuale, anche se – personalmente – l’estetica di questo dispositivo non mi è piaciuta molto.

Abbiamo una scocca in alluminio ed un vetro posteriore in questa colorazione scura che sfuma dal nero al grigio chiaro. Le fotocamere sono posizionate in verticale e sono completamente a filo con la scocca. Abbiamo poi un jack audio da 3,5 millimetri, un tasto per richiamare l’assistente vocale di Google ed un lettore d’impronta digitale di forma quadrata. Il sensore lavora piuttosto bene e nella maggior parte dei casi è riuscito a riconoscere la mia impronta al primo tentativo.

Non si tratta di un dual-sim, non possiamo dunque utilizzare lo slot dedicato alla microSD per inserire una seconda SIM. Non è uno smartphone leggerissimo, pesa infatti 210 grammi, e l’ho trovato un po’ scivoloso. 

Display

Il display è sicuramente il punto di forza di TCL 10 5G. Anch’esso sfrutta la tecnologia proprietaria TCL NXTVISION, che offre immagini con colori più naturali, aggiungendo nitidezza e contrasti più profondi in tempo reale. Si tratta di un display IPS LCD da 6,53 pollici con foro nell’angolo superiore sinistro, con risoluzione FullHD+ e supporto all’HDR10.

E’ un pannello molto luminoso, in grado di offrirci una visibilità ottimale anche sotto la luce diretta del sole e che ci regala immagini ben contrastate e dai colori brillanti. 

Hardware & Software

TCL 10 lavora tanto e lavora bene. E’ reattivo, fluido e veloce in qualsiasi operazione, dalle sessioni di gaming al più semplice uso Social. Lo smartphone è alimentato dal nuovo processore Qualcomm Snapdragon 765G accompagnato da 6 GB di RAM e 128 GB di memoria interna che possiamo espandere con una microSD. 

Buono anche dal punto di vista della connettività. Il modulo 5G ci offre una connettività ultra-rapida, permettendoci di sperimentare tempi di navigazione di gran lunga inferiori rispetto a quelli offerti dalla tecnologie LTE. Abbiamo poi il Bluetooth 5.0 ed il chip NFC per effettuare pagamenti direttamente con lo smartphone, semplicemente avvicinandolo ad un POS.

Dal punto di vista software, TCL 10 5G è lo smartphone perfetto per chi desidera un tipo di esperienza stock, pulita e priva di personalizzazioni. Personalmente, l’interfaccia personalizzata di TCL basata su Android 10 l’ho trovata un po’ scarna, un po’ acerba, e da amante delle personalizzazioni non l’ho particolarmente apprezzata.

Abbiamo però alcune app e funzionalità interessanti, come TCL+, uno spazio in cui è possibile accedere alle più recenti notizie che hanno a che fare con i prodotti dell’azienda, alcune attività in realtà virtuale e ad una serie di tutorial che mostrano come utilizzare e a cosa servono alcune delle funzionalità che questo smartphone offre.

Molto interessante anche l’app Smart Manager, per rilevare eventuali problemi, correggerli e migliorare le prestazioni complessive dello smartphone; e la Condivisione File, un’app che ci permette di trasferire facilmente e velocemente i file dallo smartphone al computer e viceversa.

Fotocamera

TCL 10 5G è dotato di un sistema di quattro fotocamere con un sensore principale da 64 MP, una fotocamera da 2 MP per la modalità ritratto, una fotocamera macro da 5MP per scatti ravvicinati ed una grandangolare da 8 MP. La fotocamera riesce a regalare dei buoni risultati, anche se non c’è stato nessuno scatto che mi è piaciuto in modo particolare.

C’è spesso del rumore, in alcuni casi dei dettagli sono stati un po’ sfocati, i contorni non sempre sono ben definiti ed i contrasti in certi casi mi sono sembrati un po’ eccessivi. La modalità notte è probabilmente ciò che mi ha soddisfatto di più del comparto fotografico, ed è riuscita a regalarmi scatti notturni luminosi e ben dettagliati.

Buoni anche i video in 4K, belli luminosi ma delle volte un po’ troppo contrastati. Il tutto viene però compensato da una buona stabilizzazione. La fotocamera frontale è da 16 MP ed i risultati che si ottengono sono piuttosto soddisfacenti, ma per risultati ottimali bisogna godere di buone condizioni di luce.

Batteria & conclusioni

Promosso a pieni voti dal punto di vista dell’autonomia. Ricordo che TCL 10 5G è dotato di una batteria da 4.500 mAh con supporto alla ricarica rapida a 18W. Lo smartphone riesce tranquillamente a portarci a sera nonostante un utilizzo intenso, mentre riesce a durare anche più di una giornata se lo si usa semplicemente per controllare i Social di tanto in tanto o per chattare. Per quanto riguarda la ricarica, occorre poco più di un’ora per ottenere il 100% dell’autonomia. 

TCL 10 5G è un buon medio-gamma che offre tutto ciò di cui l’utente medio ha bisogno per le attività quotidiane. Il prezzo di 399 euro lo rende sicuramente uno smartphone molto appetibile, specie se si considera che è compatibile con le Reti di quinta generazione. Mi aspetto in futuro degli aggiornamenti che migliorino il software di TCL 10 5G, ma tutto sommato è un buon telefono.

Recensione TCL 10 5G: un buon smartphone 5G al di sotto dei 400 euro Tecnoandroid

Amazon ha lanciato i nuovi Echo ed Echo Dot

Sat, 09/26/2020 - 13:30

Amazon ha lanciato i nuovi Echo ed Echo Dot Tecnoandroid

La piattaforma di e-commerce Amazon ha recentemente rinnovato la propria linea di dispositivi Echo, ovvero gli smart speaker con il supporto ai comandi dell’assistente vocale Alexa.

Il design dei nuovi Echo è davvero fighissimo e completamente rinnovato, ora sono tutti a forma di “palla”. Scopriamo insieme tutte le novità dei nuovi dispositivi presentati.

 

Amazon lancia il nuovo Echo ed Echo Dot

Partiamo dal capofamiglia, il nuovo Echo di 4ª generazione. Per questo modello il colosso di Seattle ha deciso di sostituire la classica forma a cilindro con una sfera a base piatta. Proprio sulla base è inserito un anello LED, che permette di verificare accensione e funzionamento. Buona parte della superficie è rivestita dalla finitura in tessuto, realizzata in colorazione abbinata al resto della scocca.

Le novità non finiscono però con l’estetica. Anche la parte hardware è stata rinnovata in profondità: all’interno della scocca ci sono ora un woofer da 75 mm e due tweeter da 20 mm, per un suono stereo Dolby che promette di essere molto più pulito e dinamico rispetto alla scorsa generazione. È previsto anche il riconoscimento automatico dell’acustica della stanza, in modo da ottimizzare il suono a seconda della posizione in cui si trova, ed è stata aggiunta la funzione per spegnere la sveglia con un tocco sulla parte alta di Echo.

Nei nuovi Echo è presente un modulo dedicato al riconoscimento della voce, chiamato AZ1 Neural Edge. Si tratta di un’aggiunta importante, perché questo chip permette di processare direttamente in locale, tramite algoritmi di machine learning, il suono ripreso dai microfoni, dunque i comandi vocali saranno riconosciuti in modo più veloce e preciso, migliorando l’interazione con Alexa. I nuovi dispositivi partono da un prezzo di 99.99 euro.

 

Echo Dot

Come anticipato precedentemente, anche la linea Echo Dot ha subito un rinnovamento totale del look, i Dot sono ora a forma di “palla” e presentano un’estetica praticamente identica: l’unica vera differenza sta nelle dimensioni e nella potenza dello speaker, che sono entrambe inferiori rispetto ad Echo standard. L’altoparlante di Echo Dot misura 41 mm per la precisione.

I nuovi Echo Dot hanno lo stesso hardware interno di Echo, incluso il nuovo modulo per il riconoscimento della voce. Sono però disponibili in diverse varianti: oltre al Dot base, in colorazione antracite o ceruleo, ci sono anche Echo Dot con orologio e due Kids Edition, che presentano dei simpatici motivi a forma di panda e di tigre impressi sul tessuto di copertura dello speaker. Questi partono da un prezzo di 59.99 euro.

Amazon ha lanciato i nuovi Echo ed Echo Dot Tecnoandroid

Google Maps: l’app si aggiorna per mostrare le zone colpite dal virus

Sat, 09/26/2020 - 13:10

Google Maps: l’app si aggiorna per mostrare le zone colpite dal virus Tecnoandroid

Il Coronavirus sembra esser storia passata per molte persone. Eppure la sua presenza persiste nelle settimane e colpisce sempre più elementi. In questo preciso istante, in cui tutti dovremmo rispettare le norme per evitare di tornare nella situazione di aprile, vi è ancora chi si finge ignaro dell’attuale situazione. Vi sono persone che, nonostante le mille raccomandazioni, continuano a non indossare le mascherine noncuranti dei danni che potrebbero causare. Ad ogni modo Google, il motore di ricerca per internet nato nel 1997, ha deciso di aggiungere un servizio alla famosa applicazione Google Maps. Di cosa si tratta?

 

Google Maps: il servizio internet geografico si colora di rosso

Così Google dà il via all’aggiornamento delle mappe per fornire maggiori informazioni sulla pandemia. In arrivo su iPhone e smartphone Android, l’app aggiornata mostra l’incidenza dei casi di coronavirus a livello nazionale, regionale e in diverse città, in modo tale da capire bene dove muoversi ed evitare il rischio.

Attivare la nuova funzione è molto semplice: basta selezionare la voce dedicata al Covid nelle mappe, accessibile attraverso l’icona “Livelli“, da qui sarà possibile vedere la media settimanale dei nuovi casi per 100mila abitanti nell’area interessata. Per giunta una freccia mostrerà se il numero dei nuovi contagi è in crescita o in diminuzione.

Ovviamente verranno utilizzati sei colori differenti: grigio per meno di un 1 caso su 100mila abitanti, giallo fino a 10 casi, arancione fino a 20, arancione scuro fino a 30, rosso fino a 40 e rosso scuro oltre i 40 casi.

Le fonti, spiega Google Maps, sono fornite da fonti certe come Johns Hopkins, New York Times e Wikipedia, che a loro volta traggono i dati dall’Oms e dalle autorità sanitarie locali.

Google Maps: l’app si aggiorna per mostrare le zone colpite dal virus Tecnoandroid

L’app ufficiale di DAZN sbarca sugli smartphone Huawei con AppGallery

Sat, 09/26/2020 - 13:05

L’app ufficiale di DAZN sbarca sugli smartphone Huawei con AppGallery Tecnoandroid

 

DAZN è una nota piattaforma di streaming online che da qualche anno permette a tutti gli appassionati di calcio di guardare svariati eventi sportivi, tra i quali tre partite del campionato italiano della Serie A. Esiste attualmente l’applicazione ufficiale di questa piattaforma sia su dispositivi con a bordo Android sia su dispositivi con a bordo IOS. Tuttavia, fino ad ora l’app non era disponibile presso lo store ufficiale presente sugli ultimi smartphone Huawei senza servizi Google, ovvero AppGallery. Ora, però, l’app di streaming è finalmente arrivata anche su questi dispositivi.

 

Su AppGallery è ora disponibile l’applicazione di DAZN

In seguito alle incomprensioni con il governo statunitense e a causa del successivo ban, come ben sappiamo la nota azienda cinese Huawei è stata costretta a portare sul mercato i suoi nuovi dispositivi senza però il supporto dei servizi di Google. Questo ha comportato diverse conseguenze, prima fra tutte l’impossibilità di utilizzare il Play Store per scaricare e installare le applicazioni sui propri dispositivi.

Per questo motivo l’azienda ha creato tutta una serie di servizi proprietari, denominati Huawei Mobile Services, e tra questi vi è lo store ufficiale AppGallery, con il quale è possibile scaricare diverse applicazioni. Come già accennato, l’app ufficiale di DAZN fino ad ora era disponibile soltanto sugli ormai pochi device dell’azienda con i servizi di Big G, come ad esempio il Huawei P30 Pro New Edition.

Ora, però, l’azienda ha intenzione di permettere di godere appieno dei contenuti di DAZN anche sugli altri device con a bordo i Huawei Mobile Services e l’AppGallery. Per l’azienda, infatti, è una priorità andare incontro alle esigenze dei propri utenti, proprio come ha dichiarato la direttrice marketing di Huawei CBG Italia, ovvero Isabella Lazzini: “Lo sport appassiona, unisce, crea squadre e sostenitori. Per noi rendere l’offerta DAZN disponibile per tutti i device Huawei vuol dire offrire a tutti i nostri utenti la possibilità di ritrovarsi, tifare e seguire i propri sport preferiti anche in mobilità. Venire incontro alle esigenze dei consumatori è per noi una priorità”.

L’app ufficiale di DAZN sbarca sugli smartphone Huawei con AppGallery Tecnoandroid

PlayStation 5: ecco le 23 cose da sapere su questa nuova console

Sat, 09/26/2020 - 13:00

PlayStation 5: ecco le 23 cose da sapere su questa nuova console Tecnoandroid

La nota azienda giapponese Sony ha già rivelato numerosi dettagli riguardanti la sua nuova console di ultima generazione, cioè la PlayStation 5. Sappiamo infatti praticamente tutto su quest’ultima ma, in attesa del suo effettivo arrivo ufficiale sul mercato, l’azienda ha deciso di pubblicare un video sul canale YouTube PlayStation Access in cui vengono ricapitolate le 23 cose da sapere sulla console.

 

23 cose da sapere sulla nuova console di Sony

La nuova console di ultima generazione di casa Sony, ovvero la PlayStation 5, si appresta a fare il botto e a conquistare numerosi utenti. Come già accennato, fino ad ora abbiamo avuto un’infinità di informazioni che la riguardano, ma ora l’azienda ha deciso di riassumere le 23 cose più importanti da sapere in un video riassuntivo pubblicato sul canale YouTube PlayStation Access.

Innanzitutto, viene mostrato ancora una volta il design della nuova console e viene sottolineato come quest’ultima verrà distribuita in due versioni, una standard e una Edizione Digitale. La data di uscita ufficiale, invece, sarà il 12 novembre 2020 in Nord America e il 19 novembre 2020 in Europa. I prezzi di vendita, invece, saranno rispettivamente pari a 399,99 euro per l’edizione digitale e 499,99 euro per la versione standard.

Il video pubblicato sul canale prosegue poi illustrando alcuni dei titoli che saranno disponibili per la nuova console, da Marvel’s Spider-Man Miles Morales, a Watch Dogs Legion, a Call of Duty Black Ops Cold War e tanti altri titoli in esclusiva. Successivamente, vengono descritte le nuove peculiarità della PS5, come ad esempio il nuovo Dual Sense, e tutte le altre caratteristiche più tecniche che faranno di questa console una delle più potenti mai create. Vi lasciamo di seguito il video completo.

PlayStation 5: ecco le 23 cose da sapere su questa nuova console Tecnoandroid

Peaky Blinders: Rowan Atkinson potrebbe interpretare un ruolo unico

Sat, 09/26/2020 - 13:00

Peaky Blinders: Rowan Atkinson potrebbe interpretare un ruolo unico Tecnoandroid

Fan di Peaky Blinders all’ascolto: siamo tutti in attesa di novità e notizie esclusive su una delle serie più seguite di sempre e finalmente qualcosa si sta muovendo. Grazie ad un utente di Reddit sono emerse nuove teorie e possibilità sulla sesta stagione. Il protagonista in questo caso sarebbe Rowan Atkinson, famosissimo interprete di Mr. Bean, che secondo le recenti rumors potrebbe interpretare un ruolo veramente unico all’interno della serie. Ma prima di svelarvi il ruolo occorre ripercorrere in qualche modo le ultime vicende della banda di criminali più famosa al mondo.

 

Nel vivo della seconda guerra mondiale con i Peaky Blinders

La cronologia storica della serie tv in questione è molto precisa e storicamente accurata. Abbiamo lasciato Tommy Shelby nel corso dell’ultima stagione indaffarato nella preparazione dell’attentato contro Oswald Mosley, che va in fumo proprio nei minuti conclusivi dell’ultimo episodio. Si tratta di un personaggio realmente esistito, che è stato anche capo del partito nazifascista inglese.

Di conseguenza storicamente ci troviamo negli anni immediatamente precedenti allo scoppio della seconda guerra mondiale. Ci si potrebbe aspettare che la sesta stagione sia ambientata a tutti gli effetti nel periodo dello scoppio della guerra, e Rowan Atkinson potrebbe interpretare e vestire i panni di Adolph Hitler. Una notizia, che se si confermasse come autentica, porterebbe l’hype per l’attesa della nuova stagione alle stelle.

E voi cosa ne pensate? Vi piacerebbe vedere l’attore interprete di Mr. Bean in questa nuova veste nella nostra serie tv preferita? Fatecelo sapere nei commenti e continuate a seguirci per non perdervi nessuna novità in merito.

Peaky Blinders: Rowan Atkinson potrebbe interpretare un ruolo unico Tecnoandroid

LycaMobile modifica i prezzi di alcune sue offerte

Sat, 09/26/2020 - 12:40

LycaMobile modifica i prezzi di alcune sue offerte Tecnoandroid

L’operatore virtuale LycaMobile ha recentemente deciso di adottare, per le nuove sottoscrizioni a partire dallo scorso 24 settembre 2020, un nuovo prezzo mensile per alcune delle sue offerte.

Lycamobile ha dunque aggiornato in data odierna il suo sito web ufficiale, modificando in particolare il prezzo per le offerte denominate Italy White, Italy Blue, Lyca Globe, Europe Gold e le offerte con solo traffico dati denominate rispettivamente Data S, Data M, Data L e Data X. Scopriamo insieme altri dettagli.

 

LycaMobile modifica il prezzo di alcune sue offerte per le nuove attivazioni

I nuovi prezzi, come si legge nei dettagli delle offerte, sono validi “per gli acquisti effettuati dal giorno 24 settembre 2020”. Grazie a questa modifica il costo mensile previsto per le nuove attivazioni di ognuna di queste offerte si è abbassato di 1 centesimo di euro. Una delle principali offerte ad essere stata modificata è Lycamobile Italy White, che solo qualche giorno fa aveva ottenuto un aumento dei Giga inclusi.

Quest’ultima vi ricordo che comprende minuti illimitati verso tutti i numeri fissi e mobili nazionali, SMS illimitati verso tutti e 100 Giga di traffico internet fino in 4G, il tutto per le sottoscrizioni a partire da oggi al nuovo prezzo di 11.99 euro al mese invece che 12 euro. Altra offerta della gamma Italy di Lycamobile ad essere modificata è Italy Blue, che comprende 200 minuti verso tutti i numeri nazionali, 100 SMS verso tutti i numeri nazionali, minuti ed SMS illimitati verso tutti i numeri Lycamobile in Italia, e 1 Giga di traffico dati, da oggi al nuovo costo mensile di 5.99 euro invece che 6 euro.

Fra le offerte Italy rimane invece invariato il prezzo dell’offerta Lycamobile Italy Gold, che è pari a 10 euro al mese. Lycamobile ha modificato anche alcune offerte che includono bundle di minuti verso alcune destinazioni internazionali. Una di queste è Lyca Globe che comprende 500 minuti di chiamate verso tutti i numeri nazionali, 300 minuti di chiamate internazionali verso i Paesi del Gruppo 1, 40 minuti verso i Paesi del Gruppo 2, minuti illimitati verso tutti i numeri Lycamobile in Italia e in Romania, SMS illimitati verso tutti i numeri Lycamobile in Italia e 15 Giga di traffico dati, adesso al nuovo costo di 9.99 euro al mese invece di 10 euro. Per scoprire tutte le altre modifiche nel dettaglio visitate il sito ufficiale dell’operatore.

LycaMobile modifica i prezzi di alcune sue offerte Tecnoandroid

Drone da guardia: addio telecamere, ecco il segugio perfetto a prezzo top

Sat, 09/26/2020 - 12:35

Drone da guardia: addio telecamere, ecco il segugio perfetto a prezzo top Tecnoandroid

Il settore della videosorveglianza si è evoluto parecchio negli anni con l’inclusione delle telecamere nel settore mainstream. Fino ad oggi delegato, come visto in quarantena, alla perlustrazione del territorio da parte delle autorità il drone può diventare il perfetto alleato della sicurezza anche nel privato. In luogo di una nuova linea d prodotti che nasce per colmare anche l’esigenza del cliente privato o dell’azienda che ne fa richiesta arriva una soluzione del tutto nuova.

Amazon ha appena convenuto sulla finalizzazione di un progetto che prende il nome di Always Home Cam, un drone di ricognizione che può essere usato al posto dei tradizionali sistemi di controllo audio-visivi a distanza. Grazie a Ring, azienda finanziata per l’appunto dal colosso dell’e-commerce, dal 2021 potremo avere una soluzione di controllo mobile per la casa. Ecco le novità che stanno per arrivare ed il prezzo di vendita per questa soluzione di ultima generazione.

 

Drone AHC: come funziona e quanto costa il sorvegliante H24

Cosa potrebbe esserci di meglio di un “drone spia” amico della cyber security. Lo ha realizzato la sopra citata Ring per andare in contro alla domanda di tantissime persone che cercano un unico prodotto per la supervisione dei propri spazi. Gira per casa e non ha angoli ciechi. A prova di ladro grazie ad un prodotto vero e proprio ben lontano da ciò che potrebbe sembrare solo un concept o un prototipo. Si potrà acquistare a partire dal prossimo anno al costo di 249$.

Il suo funzionamento è davvero semplice. Crea una mappa delle stanze usando la computer vision per evitare gli ostacoli. Funziona come un moderno robot aspirapolvere seguendo rotte prefissate ma anche grande libertà di scelta dei percorsi in volo. Se rileva un rumore o suona l’allarme il drone decolla dalla base ed avvisa il padrone con una notifica sul telefono che lancia lo streaming in tempo reale della situazione ripresa dal modulo camera. Si può procedere automaticamente oppure manualmente guidando il drone come una sorta di moderna IPTV camera PTZ.

In volo il rumore è percepibile soprattutto nel momento in cui fa ritorno in base per la ricarica. La registrazione è garantita fino ad un flusso in qualità Full HD @1080p. Le eliche sono protette contro eventuali collisioni ed il video parte solo quando il quadricottero si trova in volo. La base di ricarica, infatti, blocca le riprese.

Drone da guardia: addio telecamere, ecco il segugio perfetto a prezzo top Tecnoandroid

Google Maps, arriva la nuova feature covid-19 attesa con l’aggiornamento

Sat, 09/26/2020 - 12:30

Google Maps, arriva la nuova feature covid-19 attesa con l’aggiornamento Tecnoandroid

Google Maps la conosciamo tutti, si tratta della piattaforma di navigazione di casa Google che racchiude al suo interno le mappe aggiornatissime di ogni luogo sul globo e che viene in aiuto di tutti gli automobilisti che ogni giorno si trovano ad affrontare tratte magari anche poco conosciute.

Ovviamente l’app racchiude al suo interno numerosissime funzionalità che la rendono molto apprezzata dagli utenti, dalla semplice navigazione fino ad arrivare ai segnalatori che indicano limiti di velocità, ingorghi e autovelox.

Come se non bastasse, l’app della casa di Mountain View, gode anche della politica di Google, ed è infatti sempre in aggiornamento in modo da offrire sempre il massimo dal punto di vista delle funzioni.

Arriva l’aggiornamento covid-19

A quanto pare Google vuole portare seriamente avanti la sua campagna di lotta in prima linea contro il Coronavirus, ecco dunque perchè, nel prossimo aggiornamento che verrà rilasciato per Maps, verrà introdotta una nuova modalità di esplorazione che consentirà di ottenere delle info sulla zona cercata in merito il numero di casi di covid.

Sostanzialmente tramite una scala a colori, verranno mostrati il numero di casi medio di quella specifica zona cercata, in modo ovviamente da poter capire se si tratta di un focolaio o meno.

La scala colorimetrica avrà ovviamente una legenda: in questo caso avremo:

  • Grigio, zero casi
  • Giallo, da 1 a 10 casi
  • Arancione, da 10 a 20 casi
  • Arancione scuro, da 20 a 30 casi
  • Rosso, da 30 a 40 casi
  • Rosso scuro, oltre i 40 casi.

I dati utilizzati sono gli stessi dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Google Maps, arriva la nuova feature covid-19 attesa con l’aggiornamento Tecnoandroid

Keep, come utilizzare l’app di default per prendere appunti con Assistant

Sat, 09/26/2020 - 12:10

Keep, come utilizzare l’app di default per prendere appunti con Assistant Tecnoandroid

Google Keep è una delle app per appunti più popolari al mondo. Nonostante sia di proprietà di Google, questa non è l’app predefinita utilizzata da Google Assistant quando gli si chiede di prendere appunti o creare una lista.

In questa semplice guida, dunque, spiegheremo passo per passo come utilizzare Keep come app di default per prendere appunti con l’assistente vocale di Google.

Keep, come utilizzare l’app di default per prendere appunti con Assistant

Anzitutto, occorre aprire l’app Keep e cliccare sulla voce Altro nella parte inferiore dell’interfaccia. Questo aprirà un menù e a questo punto occorre cliccare sulla voce Impostazioni.

Si aprirà un nuovo menù con diverse opzioni disponibili. A noi interessa quella dedicata a Google Assistant. Cliccare dunque sulla voce dedicata, poi su Servizi e infine su Note ed elenchi. Ps: in questa schermata potrai anche controllare altre informazioni importanti e capire l’uso che l’assistente fa dei tuoi dati.

A questo punto, occorre selezionare Google Keep come app per prendere appunti ed elenchi per l’Assistente Google. In questo articolo ci siamo concentrati esclusivamente su Keep, ma a dire il vero puoi anche scegliere altri servizi, come Any.do, AnyList o Bring Shopping Lists.

Al contrario, puoi anche impostare Google Keep in modo che non si sincronizzi con altri servizi e non venga utilizzato automaticamente come applicazione per scrivere note ed appunti.

Adesso puoi chiedere a Google Assistant di aggiungere qualcosa alla tua lista della spesa, o di iniziare a prendere appunti, e ciò avverrà in automatico con Keep… o con l’app che hai impostato. Facile, no?

Keep, come utilizzare l’app di default per prendere appunti con Assistant Tecnoandroid

Microsoft Flight Simulator: l’ultimo aggiornamento ci porta in Giappone

Sat, 09/26/2020 - 12:05

Microsoft Flight Simulator: l’ultimo aggiornamento ci porta in Giappone Tecnoandroid

Continuano gli aggiornamenti per Microsoft Flight Simulator, il gioco in cui si può pilotare gli aerei seguendo tutte le procedure reali. Il gioco è però diventato famoso grazie alla possibilità che offre di volare nei cieli di tantissime zone diverse del mondo; Flight Simulator offre la possibilità di ammirare dall’alto, se pur in modo digitale, moltissime zone reali del nostro pianeta.

Inoltre gli sviluppatori del gioco, negli ultimi periodi, si sono concentrati anche sullo studio dei grandi fenomeni atmosferici e naturali del nostro pianeta. Ecco quindi che nei cieli di Microsoft Flight Simulator può essere sorto l’uragano Laura, offrendo la possibilità di tuffarsi nell’occhio del ciclone. Ancora, un altro aggiornamento di qualche settimana fa aveva introdotto anche gli incendi che stanno imperversando nello stato della California brucando migliaia e migliaia di lettera di vegetazione.

Microsoft Flight Simulator: la terra del Sol levante

 

L’ultimo aggiornamento del simulatore di volo riguarda invece il Giappone. Propio in occasione del Tokyo Game Show Microsoft ha annunciato un aggiornato gratuito che introdurrà nel mondo di gioco alcune delle zone più iconiche del Giappone. Non poteva mancare all’appello di sicuro il monte Fuji; ma oltre al famoso vulcano presenti anche il castello di Himeji e il santuario di Itsukushima.

La data di lancio del nuovo aggiornamento sarà il 29 settembre. Oltre alle ambientazioni orientali il nuovo aggiramento di Microsoft Flight Simulator dovrebbe introdurre anche altre novità come suggerito dal trailer; sono infatti chiaramente distinguibili nuovi aeroporti, ma anche città e paesaggi meravigliosi. A questo punto non resta che avere ancora un po di pazienza e attendere il lancio ufficiale dell’aggiornamento di Microsoft Flight Simulator.

Microsoft Flight Simulator: l’ultimo aggiornamento ci porta in Giappone Tecnoandroid

Passa a Vodafone con una nuova offerta da 7 euro al mese

Sat, 09/26/2020 - 12:00

Passa a Vodafone con una nuova offerta da 7 euro al mese Tecnoandroid

L’operatore Vodafone Italia ha deciso di continuare a proporre delle offerte Special ad alcuni clienti, attualmente di altri operatori, che effettuano la portabilità del proprio numero.

Le offerte proposte variano nei costi e nei contenuti in base all’operatore di provenienza. La pagina dedicata, a differenza delle scorse volte, ora è raggiungibile solamente dal sito ufficiale dell’operatore. Scopriamo insieme maggiori dettagli.

 

Vodafone Italia propone le offerte Special ai nuovi clienti

Come già raccontato, fino ad ora questo tipo di offerte Operator Attack online di Vodafone venivano solitamente proposte tramite apposite campagne pubblicitarie sul web, nelle ultime ore invece abbiamo scoperto che è possibile arrivare alle pagine dedicate direttamente dalla homepage del sito ufficiale. In alcuni casi infatti, la slide solitamente occupata in questo periodo dall’offerta Shake it Fun in scadenza il 30 Settembre 2020 viene sostituita con una che riguarda proprio le offerte Vodafone Special attivabili online.

Non tutti gli utenti riescono a vedere la slide in questione, quelli che riescono a visualizzarla possono cliccare sull’apposito tasto che aprirà la pagina dedicata all’offerta. Se si proviene da Iliad, Fastweb, PosteMobile e altri Operatori Virtuali vengono attualmente proposte le offerte denominate Special 50 Digital Edition e Special Giga. Sia Special Giga che Special 50 Digital Edition sono inserite nella stessa pagina dato che sono valide per gli stessi operatori di provenienza.

Dunque, nonostante in altri canali di vendita, come nei negozi, Vodafone proponga già da alcuni giorni la nuova Special Giga 70+30, al momento online continua ad essere disponibile ancora Special Giga con 70 Giga a 9.99 euro al mese. Vodafone Special Giga comprende minuti illimitati verso tutti i numeri nazionali, 1000 SMS verso tutti, 70 Giga di traffico dati e Happy Black incluso senza costi aggiuntivi, il tutto al prezzo di 9.99 euro al mese. Con l’attivazione online il costo di attivazione è gratuito. Per maggiori dettagli visitate il sito ufficiale dell’operatore.

Passa a Vodafone con una nuova offerta da 7 euro al mese Tecnoandroid

Passa a Vodafone, ecco le migliore offerte se decidi di cambiare

Sat, 09/26/2020 - 11:55

Passa a Vodafone, ecco le migliore offerte se decidi di cambiare Tecnoandroid

Il mondo della telefonia è sicuramente uno tra i più variegati che ci siano, esso è infatti costellato di offerte diverse tra loro e create appositamente per attrarre clienti e rendere l’immagine del provider sempre più accattivante.

Generalmente le offerte sono impostate nella modalità voce+dati+sms, in modo da offrire un pacchetto completo e soddisfacente, tra le quali risultano ovviamente come più convenienti quelle legate alla portabilità, dal momento che stimolano un cliente a lasciare un operatore per accasarsi presso un altro competitor.

Ovviamente a questa gara a suon di offerte partecipa anche Vodafone, il colosso italiano mantiene sempre aggiornata la propria lista di offerte in modo garantire sempre un certo tasso di attrattività.

Offerte di portabilità di Settembre

La lista di offerte legate alla portabilità consta certamente di possibilità molto più succulente rispetto alle altre, vediamole insieme:

Vodafone Infinito 5G: Si tratta di una promo per chi sceglie di passare a vodafone da altro operatore e risulta conveniente ed economica, essa infatti, ad un canone di soli 24,99 euro al mese, garantisce SMS e minuti illimitati con anche 1.000 minuti per chiamare verso l’estero, 1 Giga in Roaming Extra UE.

Vodafone Infinito Gold Edition 5G: Si tratta di una promozione pensata sopratutto agli utenti sempre in movimento, essa infatti, corrispondendo un canone di 29,99 euro al mese, ci permette di portare a casa ben 2 Giga per navigare in Extra UE più 300 minuti per chiamare, in più in Italia, sono incluse chiamate ed SMS illimitati.

Vodafone Infinito Black Edition 5G: Questa promozione altro non è che l’evoluzione della precedente, essa infatti incrementa il tutto a 5 Giga per navigare in Extra Ue e 500 minuti per chiamare, con un canone che si innalza fino 39,99 euro al mese, ovviamente sono inclusi validi per l’Italia, giga+minuti+sms illimitati.

Passa a Vodafone, ecco le migliore offerte se decidi di cambiare Tecnoandroid

Apocalisse e fine del mondo: tornano di moda le profezie

Sat, 09/26/2020 - 11:50

Apocalisse e fine del mondo: tornano di moda le profezie Tecnoandroid

ApocalisseFine del Mondo sono concetti che da sempre incuriosiscono l’uomo e lo portano a porsi sempre nuove domande. La ragione di questa ricerca continua, anche negli ultimi anni, in ogni parte del mondo, sono le decine e decine profezie e teorie che girano da anni. Ne esistono di più o meno interessanti.

Si sente spesso parlare di profezie teorizzate già da diverse centinaia di anni, specialmente sul web. Tra le più conosciute, troviamo quella dei Maya, noti per il famosissimo 12/12/2012. Inoltre, contenuta all’interno del libro della Genesi, è presente la profezia di Ezechiele.

Queste profezie hanno fatto un notevole clamore nelle ultime settimane, in seguito a tutti gli sfortunati eventi che stanno gradualmente distruggendo il nostro pianeta. Tra scioglimento dei ghiacciai, la foresta amazzonica che brucia e tutti gli altri accadimenti, infatti, si è subito pensato ad un’imminente apocalisse.

Fine del Mondo e Apocalisse: ecco perché non bisogna credere a queste profezie

Il solo scopo delle profezie, proprio come funziona per le fake news, è di diffondere ansia e panico tra i cittadini di tutto il mondo. Per ciò che riguarda la profezia dei Maya, infatti, si stava parlando di una seconda fine del mondo nel mese di Giugno. In seguito però, è stato chiarito che la questione è partita del tweet di uno studente filippino che aveva semplicemente fatto i conti sbagliati.

Per quanto riguarda la profezia di Ezechiele, invece, la teoria sarebbe che, avvistare dei pesci nel Mar Morto, significherebbe che la fine del mondo è vicina. Lo scatto che lo testimonia, è stato attribuito a un reporter israeliano, Noam Bedein. Considerato il luogo, però, è difficile credere ad un’immagine che si presenta molto sgranata.

Apocalisse e fine del mondo: tornano di moda le profezie Tecnoandroid

Chernobyl: scoperta un’incredibile notizia sulla catastrofe

Sat, 09/26/2020 - 11:45

Chernobyl: scoperta un’incredibile notizia sulla catastrofe Tecnoandroid

Una catastrofe grave quanto quella accaduta a Chernobyl nell’aprile del 1986 (mese in cui il reattore 4 implose rilasciando nell’aria enormi quantità di radiazioni tossiche) avrebbe dovuto seminare nell’ambiente ingenti quantità di materiale radioattivo. Ciò invece, per quanto possibile “si è limitato” più del necessario. Ad oggi la situazione è in netto miglioramento nonostante qualche traccia rimasta di sostanze radioattive. Secondo alcuni esperti “si tratta di concentrazioni che non hanno alcun effetto dannoso su ambiente e popolazione, ma è importante conoscerle”. Anche la ricercatrice Katrin Meusburger ha voluto tranquillizzare la popolazione dichiarando: “Sapere come varia sulla crosta terrestre il livello di radioattività è sempre importante anche per vedere differenze dovute a eventuali incidenti nucleari. Bisogna sapere quali sono le zone dove ci sono più elevate concentrazioni di radionuclidi. È importante per gli effetti sul ciclo vitale degli esseri umani. In quelle aree potremmo non coltivare o non far pascolare, ma questo problema riguarda solo l’area di Chernobyl”.

 

Chernobyl: tutto merito del fungo speciale

La verità è che molte persone sono sopravvissute grazie ad un fungo innocuo e sconosciuto nato tra Ucraina e Bielorussia e denominato Cladosporium sphaerospermum. Tale organismo spettacolare è dotato di proprietà auto-riparanti ed auto-rigenerative in grado di proteggere l’ambiente dagli effetti nocivi del disastro Chernobyl.

Clay Wang dell’Università della California del Sud ha infine affermato: “I progressi nell’uso dei poteri dei funghi per scopi medicinali sono stati graduali. Essi sono stati potenziati negli ultimi anni da uno studio in corso che ne ha visto inviare campioni nello spazio. Coltivandolo nella Stazione Spaziale Internazionale, dove il livello di radiazione è aumentato rispetto a quello sulla Terra”.

Chernobyl: scoperta un’incredibile notizia sulla catastrofe Tecnoandroid

Boeing 747 addio: cosa ci riserva il futuro, nel volo

Sat, 09/26/2020 - 11:40

Boeing 747 addio: cosa ci riserva il futuro, nel volo Tecnoandroid

La pandemia globale dovuta al Covid-19, non ha fatto che accelerare un esito al quale si sarebbe giunti nel corso dei prossimi anni. Il periodo dei voli intercontinentali su aerei grandi e imponenti, fatti appositamente per contenere un ingente numero di passeggeri, è ormai giunto ala sua fine. Stiamo parlando di Boeing 747 e Airbus A380, i due colossi per il trasporto in alta quota, dei passeggeri. Il Boeing esiste ormai da 50 anni e in questo arco di tempo si è evoluto. Diverse sono state le sue versioni, ma non ha mai abbanabbandonato l’iconica silhouette. Airbus A380 è più recente e vola da poco più di 10 anni. È in grado di ospitare  un minimo di 500 passeggeri.

Addio al Jumbo Jet, ecco tutti i dettagli

Nel caso dell’Airbus A380, era prevedibile: troppo costoso da far volare, a meno di non avere tutti i passeggeri a bordo. Ha perso nel corso degli ultimi anni l’interesse di molte compagnie aeree che hanno fortemente ridotto la richiesta.

Al Boeing 747, è toccato un destino simile. Negli ultimi 5 anni ha incamerato numerosi ordini per nuovi modelli. Nel 2019 tuttavia, la produzione si è interrotta e non è previsto che ricominci in futuro. Solo a metà decennio, infatti, che il traffico aereo potrà tornare a essere lo stesso di prima.

I tempi dei grandi Jumbo Jet sono terminati. Utilizzare aerei più piccoli, sarebbe stata una decisione che, anche senza pandemia, prima o dopo sarebbe arrivata. Nei prossimi anni voleremo ancora su 747 e A380, ma questa esperienza diventerà sempre più rara anche per i viaggiatori frequenti, in volo da un continente all’altro.

Boeing 747 addio: cosa ci riserva il futuro, nel volo Tecnoandroid

18 mesi senza Internet: villaggio vittima di una vecchia TV

Sat, 09/26/2020 - 11:35

18 mesi senza Internet: villaggio vittima di una vecchia TV Tecnoandroid

Una vecchia televisione in un villaggio del Galles ha causato ai residenti dei problemi di banda larga per 18 mesi. Gli ingegneri hanno scoperto che le interferenze elettriche emesse da una vecchia TV causavano il rallentamento della connessione Internet ad Aberhosan, Powys ogni mattina.

Il villaggio protagonista della vicenda ha una densità di popolazione significativamente bassa, con circa 132.000 persone su un’area di circa 5.200 chilometri quadrati. Il proprietario del televisore non era a conoscenza del problema. Pare sia stato “mortificato” quando si è scoperto che fosse il suo televisore l’origine del problema.

Un intero villaggio senza connessione Internet veloce a causa di una singola TV di uno dei residenti

Gli ingegneri inizialmente credevano che i problemi di connessione fossero causati da vecchi cavi. In seguito alla sostituzione dei cavi il problema persisteva. “Dopo aver esaurito tutte le altre strade, volevamo vedere se il guasto fosse dovuto ad un noto fenomeno che prende il nome di SHINE (Single High-level Impulse Noise) in cui l’interferenza elettrica è omessa da un apparecchio che può quindi avere un impatto sulla connessione a banda larga”. SHINE di solito si verifica quando un dispositivo si accende o si spegne.

“Come potete immaginare, quando l’abbiamo fatto notare ai residenti, erano mortificati dal fatto che la loro vecchia TV di seconda mano fosse la causa dei problemi di banda larga di un intero villaggio. Hanno immediatamente accettato di spegnerla e non usarla più”. La fibra ottica è più efficiente in casi come questo, poiché i segnali elettrici non sono inviati tramite cavi elettrici e un sistema dunque più obsoleto spesso non funzionante.

18 mesi senza Internet: villaggio vittima di una vecchia TV Tecnoandroid

Sorgenia propone un buono Amazon da 150 euro

Sat, 09/26/2020 - 11:30

Sorgenia propone un buono Amazon da 150 euro Tecnoandroid

Proprio ieri, venerdì 25 settembre 2020, l’operatore di luce e gas Sorgenia ha deciso di regalare un buono Amazon da 150 euro a tutti coloro che decidono di attivare l’offerta di rete fissa, Next Fiber, in combo con un contratto di luce e gas.

Torna dunque l’operazione a premi giornaliera dell’operatore, che questo mese ha reso disponibile più volte il buono da 150 euro, in particolare il lunedì, il mercoledì e il venerdì. Molto probabile che venga riproposta anche per la prossima settimana. Intanto vi spieghiamo come funziona.

 

Sorgenia offre un buono Amazon da 150 euro

Il fornitore di luce e gas, attivo anche nella rete fissa grazie alla fibra FTTH di Open Fiber, mette a disposizione, dunque, Next Fiber, l’offerta di rete fissa sottoscrivibile tramite la Promo Back to School dai già clienti Sorgenia o da chiunque volesse attivare una fornitura luce e gas direttamente online.

Next Fiber prevede, in dettaglio, internet illimitato, con velocità massima di navigazione fino a 1 Gbps in download e 300 Mbps in upload, e nessun costo di attivazione. Incluso nell’offerta, il modem Sorgenia in comodato d’uso gratuito e senza alcun obbligo di utilizzo da parte dei clienti, che potranno usufruire, in caso, di un modem alternativo. Solitamente il costo dell’offerta è pari a 29.99 euro al mese.

Grazie alla promozione Back to School, però, se il cliente ha già attivato o decide di sottoscrivere un contratto luce o gas, avrà uno sconto di 3 euro ogni mese, per un totale di 26.90 euro al mese. Se invece si è già in possesso o si sottoscrive un contratto sia di luce che di gas, grazie alla promo, si riceverà un doppio sconto ricorrente di 3 euro al mese, per un costo mensile pari a 23.90 euro. Sorgenia Next Fiber prevede la domiciliazione del pagamento in fattura su conto corrente o carta di credito. In caso di recesso, è previsto un costo di disattivazione della linea pari a 29.90 euro.

Il buono Amazon in regalo, comunque, può avere valore variabile, in base alle condizioni contrattuali scelte e al giorno di sottoscrizione del contratto. Se si opta, infatti, per la sottoscrizione di un contratto “Trial“, che comprende Luce, Gas e Fibra Sorgenia in un’unica soluzione, si può ottenere un buono Amazon del valore di 150 euro. Se si sottoscrive, invece, un contratto “Dual“, che comprende Luce e Gas senza fibra, si può ottenere un buono regalo Amazon di 100 euro.

Sorgenia propone un buono Amazon da 150 euro Tecnoandroid

Come mandare messaggi anonimi

Sat, 09/26/2020 - 11:25

Come mandare messaggi anonimi Tecnoandroid

I messaggi anonimi sono un ricorrente nelle ricerche su Google in quanto c’è sempre qualche utente che vuole divertirsi nel realizzare uno scherzo simpatico ai suoi amici. Ci sono anche persone che ne fanno un utilizzo illegale e pericoloso (e noi ci sentiamo di dissentire da quell’uso, anzi vi consigliamo di non farlo mai), ma non tutti sanno che esiste una possibilità per inviare SMS privati senza l’ausilio di una rete dati o wireless. Basta infatti la semplice App preinstallata sui telefoni, “Messaggi“.

Se non si vuole comunicare il proprio numero telefonico bisogna quindi passare dalla classica opzione degli SMS. Con una serie di codici speciali da inserire prima del testo del messaggio si potranno inviare le tante agognate comunicazioni segrete. Vi indicheremo i metodi per farlo, i costi e le procedure con i diversi provider italiani: Tim, Wind, 3 Italia, Vodafone.

Ecco i trucchi per inviare messaggi anonimi con le diverse compagnie telefoniche

Partendo dai clienti Wind, questi ultimi dovranno semplicemente scrivere il seguente codice: *k_k#s_testo prima dell’invio del messaggio, e compiere in seguito tutte le classiche procedure. Se desiderate che il mittente di tutta risposta non possa replicare dovrete utilizzare *k_s_testo . Il costo? 15 centesimi di Euro.

Per gli utenti Tim, basterà inserire invece ANON_NUMERODELDESTINATARIO_ prima del testo dell’SMS al numero 44933 e il gioco sarà fatto.

Molto simile invece risulta essere la procedura per gli utilizzatori della rete di 3 Italia: inviando al numero 48383 il seguente NUMERODELDESTINATARIO_ seguito dal testo della comunicazione, si potrà godere del messaggio anonimo.

Arriviamo adesso alla procedura con l’operatore telefonico in rosso, Vodafone. Anche qui il metodo risulta essere molto simile, con la differenza che si deve scrivere S_NUMERODELDESTINATARIO_ al numero 4895894 prima di poter inviare il messaggio. Ricordate che il simbolo “_” (ovvero underscore) viene utilizzato per indicare lo spazio vuoto.

Come mandare messaggi anonimi Tecnoandroid

Arriva l’app dei Carabinieri, ecco in cosa consiste e a cosa serve

Sat, 09/26/2020 - 11:20

Arriva l’app dei Carabinieri, ecco in cosa consiste e a cosa serve Tecnoandroid

Ognuno di noi ha sicuramente sentito nella propria vita la parola Carabinieri, anzi sicuramente ci ha avuto anche a che fare direttamente, magari nell’esporre un documento a seguito di un controllo presso un posto di blocco o perchè anche durante il rilascio di alcune dichiarazioni.

Ovviamente i carabinieri non sono solo multe e domande, infatti sono prima di tutto una forza armata italiana che si occupa di garantire la sicurezza e la libertà con onore entro le norme della costituzione italiana, a volte anche a costo della loro stessa vita, cosa assolutamente onorevole e rispettabile.

A quanto pare però i carabinieri ora hanno voluto far parlare di se in un modo forse inaspettato, l’Arma ha infatti rilasciato un’app per smartphone, suona strano ma è tutto vero, l’applicazione si chiama iCarabinieri ed è ora disponibile sia per Android che per iOS, vediamola insieme.

La nuova app dei Carabinieri

Ovviamente i Carabinieri, in quanto forza armata a diretto contatto con quello che è il tessuto sociale, tiene conto anche della sua evoluzione, rendendosi quindi conto di essere nell’epoca della digital technology, ha deciso di rilasciare la propria app ad hoc, con tante nuove potenzialità, dalla sezione “Dove siamo”, per trovare le stazioni più vicine, a quella “Concorsi” per restare sempre aggiornati su bandi per poter accedere all’arma.

Funzioni principali del “Dove Siamo”:

– Ricerca e triangolazione della posizione tramite GPS e rete dati GSM/Wifi, in modo da trovare la nostra esatta posizione.
– Visualizzazione della propria posizione sulla mappa direttamente in app.
– Visualizzazione del percorso sulla mappa per poter raggiungere il comando più vicino.
– È possibile avviare e una chiamata telefonica dall’app.
– Scheda con info in merito al Comando, compresi gli orari di apertura.

Arriva l’app dei Carabinieri, ecco in cosa consiste e a cosa serve Tecnoandroid

Pages