Tecnoandroid

Condividi su:

Condividi su:



MANUALINUX


Subscribe to Tecnoandroid feed
Il sito e il forum più completo in Italia su Android. News, guide, approfondimenti, app e giochi per Android e una grande community italiana.
Updated: 2 hours 14 min ago

WhatsApp: con queste 3 feature potete avere i trucchi nascosti dell’app

Sat, 05/21/2022 - 07:05

WhatsApp: con queste 3 feature potete avere i trucchi nascosti dell’app Tecnoandroid

Tutte le funzioni che gli utenti conoscono su WhatsApp fanno parte di un disegno realizzato dall’azienda per battere ogni forma di concorrenza. L’obiettivo di consentire quante più possibilità è stato da sempre uno dei traguardi da raggiungere da parte del colosso colorato di verde. Ora come ora infatti la concorrenza non può nulla contro questa grande realtà, la quale continua a crescere in maniera smisurata.

La nota applicazione di messaggistica istantanea soprattutto in questi giorni sta fornendo un grande supporto agli utenti. Questi, essendo chiusi in casa, hanno un modo per sentirsi più vicini ai propri affetti personali, utilizzando chiamate e videochiamate ad esempio. Ovviamente non sono solo queste le funzioni dell’applicazione permette, visto che ce ne sono tante altre. Gli utenti non sanno però che al di fuori di WhatsApp esistono altre funzioni utilizzabili proprio con la nota app messaggistica.

 

WhatsApp, queste tre funzioni esterne e gratuite vi piaceranno davvero tanto

Esistono tre applicazioni di cui gli utenti ignorano completamente l’esistenza che permettono di avere a che fare con nuovi scenari. Queste sono Whats Tracker, Unseen e WAMR. Si tratta di contenuti gratuiti e legali che potete scaricare in ogni momento e che hanno a che fare proprio con WhatsApp.

La prima permette di spiare i movimenti delle persone, selezionando un utente e conoscendo ogni orario di entrata ed uscita con tanto di notifica. La seconda applicazione invece permette di intercettare i messaggi in arrivo su WhatsApp, in modo da leggerli ugualmente anche non figurando online e non aggiornando l’ultimo accesso. La terza soluzione invece permette di recuperare tutti quei messaggi che ritrovate cancellati all’interno della vostra chat. Lo farà semplicemente registrando le notifiche in arrivo con tutti i contenuti inclusi.

WhatsApp: con queste 3 feature potete avere i trucchi nascosti dell’app Tecnoandroid

Euronics, gli sconti sono shock: utenti esultano per le ottime offerte

Sat, 05/21/2022 - 07:00

Euronics, gli sconti sono shock: utenti esultano per le ottime offerte Tecnoandroid

Le ottime offerte del volantino Euronics fanno davvero esultare gli utenti, all’interno della corrente campagna promozionale, difatti, sarà possibile accedere ad un numero crescente di smartphone in promozione, oltre a svariati prodotti di tecnologia generale.

Il risparmio è importante, e finalmente gli acquisti risultano essere effettuabili praticamente ovunque in Italia, senza differenze territoriali o vincoli di alcun tipo. I prodotti sono commercializzati con la più classica garanzia della durata di 24 mesi, nonché comunque con la possibilità di approfittare della variante no brand, per quanto riguarda la telefonia mobile.

Aprite subito il nostro canale telegram ufficiale, sono disponibili in esclusiva per voi i codici sconto Amazon gratis ed anche le offerte migliori.

 

Euronics, occhio agli sconti: questi sono i migliori prezzi

Caccia agli sconti in casa di Euronics, il risparmio è assicurato su tantissimi prodotti di tecnologia, ma come al solito volgiamo la nostra attenzione verso il mondo degli smartphone, per capire fino in fondo la qualità generale degli sconti.

Avvicinarsi al volantino Euronics volendo acquistare un prodotto di fascia alta è davvero facilissimo, infatti risulta essere disponibile un incredibile Samsung galaxy Z Flip3, il cui prezzo finale si aggira attorno ai 749 euro, e dimostra ancora oggi di essere uno dei foldable più richiesti e desiderati dell’anno.

In alternativa è possibile pensare di buttarsi a capofitto su un modello più classico, ovvero il Samsung Galaxy S21 FE, il cui prezzo comunque è sceso a soli 480 euro, fermo restando una delle migliori soluzioni dell’ultimo periodo. Questo e molto altro ancora vi attende da Euronics, scoprite gli sconti più interessanti sul sito ufficiale.

Euronics, gli sconti sono shock: utenti esultano per le ottime offerte Tecnoandroid

Toyota GR86: sold-out in 90 minuti, la produzione sarà limitata, ecco le caratteristiche

Sat, 05/21/2022 - 06:45

Toyota GR86: sold-out in 90 minuti, la produzione sarà limitata, ecco le caratteristiche Tecnoandroid

Nei suoi primi 90 minuti dalla vendita nel Regno Unito, la nuova Toyota GR86 del 2022 è andata in tutto esaurito. La produzione per l’Europa è limitata a soli due anni e ci sarà la possibilità per i clienti di entrare in lista d’attesa per prendere il posto di eventuali disdette.

Ciò significa che la produzione è instabile, e Toyota è stata costretta a dichiarare “quando finiranno, non potranno più essere acquistate“.

Toyota ha mantenuto le cose semplici nella sua auto sportiva entry-level in offerta, ma non mancano gli optional. Di serie, è dotato di cerchi in lega neri da 18 pollici, fari a LED adattivi, specchietti ripiegabili automaticamente e una telecamera per la retromarcia.

All’interno si trovano sedili riscaldati, climatizzatore bi-zona, connettività per Apple CarPlay/Android Auto e rivestimenti in pelle/Ultrasuede di serie. Le caratteristiche di sicurezza montate in fabbrica includono la frenata di emergenza autonoma, il cruise control adattivo e l’assistenza al mantenimento della corsia.

Tanta potenza e trazione posteriore

Proprio come il suo predecessore, la GR86 è il frutto della partnership di Toyota con Subaru, condividendo la stessa piattaforma e motore della Subaru BRZ recentemente rinnovata.

La Toyota GR86 è alimentata da un motore aspirato da 2,4 litri a quattro cilindri “boxer”, che sostituisce l’unità da 2,0 litri della vecchia auto. Le specifiche europee devono ancora essere confermate, ma la versione giapponese dell’auto produce 232 CV e 250 Nm di coppia.

Sono 35 CV e 45 Nm in più rispetto al suo predecessore, la GT86, il che significa che il GR86 passerà da 0 a 100 km/h in 6,3 secondi, o 1,1 secondi più veloce della vecchia auto. Tuttavia, queste cifre potrebbero cambiare una volta da mercato a mercato.

Come standard, il nuovo motore sarà abbinato a un cambio manuale a sei marce, ma esiste anche la versione con cambio automatico a sei marce. Entrambi inviano la trazione alle ruote posteriori attraverso un differenziale a slittamento limitato.

La GR86 è costruita sulla stessa piattaforma di base della GT86, il che significa che mantiene le stesse proporzioni del suo predecessore. Tuttavia, Toyota desidera sottolineare che la scocca è stata aggiornata con pannelli più rinforzati e tecniche di incollaggio più forti, che migliorano la rigidità del telaio e migliorano la maneggevolezza.

Toyota GR86: sold-out in 90 minuti, la produzione sarà limitata, ecco le caratteristiche Tecnoandroid

Scoperto in Norvegia un antico sandalo Romano conservato in un passo ghiacciato

Sat, 05/21/2022 - 06:40

Scoperto in Norvegia un antico sandalo Romano conservato in un passo ghiacciato Tecnoandroid

Potrebbe essere un’affermazione controversa, ma nonostante il caos che il riscaldamento globale e il cambiamento climatico stanno provocando sulla copertura ghiacciata del mondo, c’è una comunità di persone che ne traggono vantaggio: gli storici.

Il gruppo archeologico norvegese Secrets of the Ice, impegnato al lavoro sulle montagne della Norvegia per salvare manufatti e reperti archeologici rivelati dallo scioglimento dei ghiacciai e dalle chiazze di ghiaccio, ha aggiunto un’altra scoperta al loro gattino in continua crescita: un paio di sandali di epoca romana sepolto nella neve nel mezzo di un pericoloso passo di montagna, riferisce Arkeonews.

Gli archeologi glaciali, sotto la guida di Espen Finstad, ci lavorano da 15 anni, rendendosi conto dell’immenso potenziale della combinazione dello scioglimento del ghiaccio e della conservazione degli oggetti nella neve presenti insieme.

Nelle montagne dello Jotunheim in Norvegia si trova la zona di ghiaccio di Lendbreen, 322 chilometri a nord-ovest di Oslo, un tempo passaggio vitale per il traffico dell’era vichinga, molto prima dell’era delle strade. Il passo fu ampiamente utilizzato dai Vichinghi e dai viaggiatori medievali, tra il 300 e il 1500 d.C.

Anche la sua altezza non è uno scherzo: oltre 2.000 metri. Dal 2011, l’anno del “grande scioglimento” quando è stato scoperto il famoso passo nascosto, Lendbreen è stato un tesoro storico, ha portato a galla molti reperti, tra cui centinaia di uomini preistorici, un portacandele di cera d’api, uno sci di 1.300 anni, un ferro di cavallo, una tunica di epoca altomedievale e un insediamento vichingo perduto. L’insediamento raggiunse l’apice con l’ondata del traffico più storico nel passo tra il 750 e il 1150 d.C.

Dei reperti che vanno preservati a tutti i costi

Il conservatore archeologico Vegard Vike ha studiato la scarpa che ora è conservata nel Museo di Storia Culturale di Oslo, quindi ha fornito una ricostruzione (nella foto sopra), prima che fosse rimodellata in preparazione per la liofilizzazione.

L’importanza di questi incredibili reperti non può essere sottovalutata, soprattutto perché contemporaneamente l’intero paesaggio appare come un vasto deserto, senza tracce di esseri umani. Aiutano anche a collegare i pezzi mancanti di un puzzle, rivelando la vera natura di questi passi di montagna, la loro abitazione e il numero di persone che li visitano o li utilizzano.

Scoperto in Norvegia un antico sandalo Romano conservato in un passo ghiacciato Tecnoandroid

Energia alternativa grazie al grafene: ecco cosa sono le onde Terahertz e come funzionano

Sat, 05/21/2022 - 06:35

Energia alternativa grazie al grafene: ecco cosa sono le onde Terahertz e come funzionano Tecnoandroid

Le onde terahertz sono radiazioni elettromagnetiche con una frequenza compresa tra le microonde e la luce infrarossa. Conosciuti anche come “raggi T”, sono prodotti da quasi tutto ciò che registra una temperatura, compresi i nostri corpi e gli oggetti inanimati che ci circondano.

Le onde terahertz sono pervasive nella nostra vita quotidiana e, se sfruttate, la loro potenza concentrata potrebbe potenzialmente fungere da fonte di energia alternativa. Tuttavia, fino ad oggi non c’è stato un modo pratico per catturarli e convertirli in qualsiasi forma utilizzabile.

Ora i fisici del MIT hanno escogitato un progetto per un dispositivo che credono sarebbe in grado di convertire le onde terahertz in una corrente continua, una forma di elettricità che alimenta molti dispositivi elettronici domestici.

Il loro design sfrutta il comportamento quantomeccanico o atomico del materiale in carbonio grafene. Hanno scoperto che combinando il grafene con un altro materiale, in questo caso, il nitruro di boro, gli elettroni nel grafene dovrebbero distorcere il loro movimento verso una direzione comune. Qualsiasi onda terahertz in arrivo dovrebbe “spostare” gli elettroni del grafene, come tanti piccoli controllori del traffico aereo, per fluire attraverso il materiale in un’unica direzione, come una corrente continua.

I ricercatori hanno pubblicato i loro risultati oggi sulla rivista Science Advances e stanno lavorando con sperimentatori per trasformare il loro progetto in un dispositivo fisico.

Siamo circondati da onde elettromagnetiche“, afferma l’autore principale Hiroki Isobe, un post-dottorato nel Materials Research Laboratory del MIT. “Se riusciamo a convertire quell’energia in una fonte di energia che possiamo utilizzare per la vita quotidiana, ciò aiuterebbe ad affrontare le sfide energetiche che stiamo affrontando in questo momento“.

I coautori di Isobe sono Liang Fu, Lawrence C. e Sarah W. Biedenharn Career Development Associate Professor of Physics al MIT; e Su-yang Xu, un ex post-dottorato del MIT che ora è un assistente professore di chimica all’Università di Harvard.

Rompere la simmetria del grafene

Nell’ultimo decennio, gli scienziati hanno cercato modi per raccogliere e convertire l’energia ambientale in energia elettrica utilizzabile. Lo hanno fatto principalmente attraverso raddrizzatori, dispositivi progettati per convertire le onde elettromagnetiche dalla loro corrente oscillante (alternata) alla corrente continua.

La maggior parte dei raddrizzatori sono progettati per convertire le onde a bassa frequenza come le onde radio, utilizzando un circuito elettrico con diodi per generare un campo elettrico in grado di indirizzare le onde radio attraverso il dispositivo come corrente continua. Questi raddrizzatori funzionano solo fino a una certa frequenza e non sono stati in grado di adattarsi alla gamma terahertz.

Alcune tecnologie sperimentali che sono state in grado di convertire le onde terahertz in corrente continua lo fanno solo a temperature ultrafredde, configurazioni che sarebbero difficili da implementare nelle applicazioni pratiche.

Invece di trasformare le onde elettromagnetiche in una corrente continua applicando un campo elettrico esterno a un dispositivo, Isobe si chiedeva se, a livello di meccanica quantistica, gli elettroni di un materiale potessero essere indotti a fluire in una direzione, al fine di guidare le onde terahertz in arrivo in una corrente continua.

Energia alternativa grazie al grafene: ecco cosa sono le onde Terahertz e come funzionano Tecnoandroid

MAHLE sta sviluppando un nuovo tipo di motore elettrico senza magneti: ecco i dettagli

Sat, 05/21/2022 - 06:30

MAHLE sta sviluppando un nuovo tipo di motore elettrico senza magneti: ecco i dettagli Tecnoandroid

MAHLE sta attualmente sviluppando un nuovo tipo di motore elettrico senza magneti. Ciò non solo rende la produzione più rispettosa dell’ambiente, ma porta anche vantaggi in termini di costi e sicurezza delle risorse.

La caratteristica centrale del nuovo motore è la trasmissione di potenza induttiva e quindi senza contatto, che consente al motore di funzionare senza usura ed è particolarmente efficiente a velocità elevate.

L’efficienza è superiore al 95% in quasi tutti i punti operativi, un livello che in precedenza era stato raggiunto solo dalle auto da corsa di Formula E. MAHLE è così riuscita a combinare i punti di forza di vari concetti di motori elettrici in un unico prodotto. Questo nuovo sviluppo è facilmente scalabile, quindi può essere utilizzato in qualsiasi cosa, dalle utilitarie ai veicoli commerciali.

Una rivoluzione sotto tutti i punti di vista

Con il nostro nuovo motore elettrico, siamo all’altezza della nostra responsabilità di azienda che opera in modo sostenibile“, afferma Michael Frick, presidente del consiglio di amministrazione di MAHLE (ad interim) e CFO. “L‘eliminazione dei magneti e quindi l’uso di elementi delle terre rare offre un grande potenziale non solo dal punto di vista geopolitico, ma anche per quanto riguarda l’uso responsabile della natura e delle risorse“.

“Il nostro motore senza magneti può sicuramente essere descritto come una svolta, perché offre numerosi vantaggi che non sono stati ancora combinati in un prodotto di questo tipo“, afferma il Dr. Martin Berger, Vice President Corporate Research and Advanced Engineering di MAHLE. “Di conseguenza, possiamo offrire ai nostri clienti un prodotto con un’efficienza eccezionale a un costo relativamente basso“.

Il nuovo motore di trazione MAHLE è altamente efficiente, in quasi tutti i punti operativi, e dimostra davvero questi vantaggi nei segmenti in cui i veicoli vengono utilizzati principalmente nel traffico stradale reale.

Il nuovo motore elettrico è inoltre caratterizzato da un’elevata durata nel tempo, perché la necessaria trasmissione di correnti elettriche tra le parti rotanti e stazionarie all’interno del motore avviene senza contatto ed è quindi esente da usura. Ciò rende il motore esente da manutenzione e adatto a un’ampia gamma di applicazioni.

Durante il suo sviluppo, MAHLE utilizza un processo di simulazione innovativo in cui vari modelli di motori vengono regolati in base a parametri diversi fino a trovare un livello ottimale. Questo approccio è significativamente più veloce ed economico rispetto ai processi convenzionali. In questo modo, MAHLE contribuisce a creare rapidamente le condizioni tecniche necessarie per promuovere la mobilità elettrica in modo sostenibile in tutto il mondo.

MAHLE sta sviluppando un nuovo tipo di motore elettrico senza magneti: ecco i dettagli Tecnoandroid

Arriva lo yacht ispirato alla Ferrari, ecco le caratteristiche e le foto concept

Sat, 05/21/2022 - 06:10

Arriva lo yacht ispirato alla Ferrari, ecco le caratteristiche e le foto concept Tecnoandroid

Un superyacht ispirato a una supercar non è una novità. Lazzarini ha appena lanciato un concept che prende spunto dalle quattro ruote della Ferrari.

La GranTurismo Mediterranea, o GTM in breve, è un nuovo concept che rende omaggio alle veloci auto da turismo del Cavallino Rampante. Lo scafo è dipinto con il Rosso Corsa della Ferrari, mentre la sovrastruttura è realizzata in fibra di carbonio leggera. Ha persino uno sfacciato stemma Ferrari sul davanti, anche se non è un design ufficiale.

Lazzarini non ha rivelato su quale modello esatto fosse basata la GTM, anche se l’auto che accompagna lo yacht nei render sembra abbastanza simile all’ibrida SF90 Stradale.

Abbiamo cercato di immaginare come sarebbe stata una Ferrari dei mari“, ha dichiarato lo studio di design italiano in una nota. La GTM sfoggia porte ad ali di gabbiano, ovviamente.

Gli spunti automobilistici continuano a bordo. Accessibile tramite porte ad ali di gabbiano, la cabina è dotata di un abitacolo ispirato alle corse, ed è completo di sedili e indicatori, nonché di un salone principale, due cabine ospiti doppie e alloggi per tre membri dell’equipaggio. C’è anche uno spoiler che si trova a poppa.

Nonostante le promesse, è ancora troppo lento

Il vero clou, però, è la piattaforma di poppa pieghevole. Può essere utilizzata sia come prendisole che come garage per supercar per la tua Ferrari. La piattaforma può estendersi verso l’alto e verso l’esterno mentre la barca è ormeggiata.

A parte l’estetica,”l’hyperyacht” ha un sistema di propulsione ibrido con tre motori MAN v-12, una trasmissione Arneson e un motore Hamilton Jet centrale. Lo yacht ha una velocità massima stimata di 70 nodi.

Mentre le eliche sono limitate nello sterzo, il jet fornirà spinta in accelerazione e gradi di virata alle alte velocità“, aggiunge lo studio.

Come una Ferrari, anche la GTM è dotata di una propria versione di ali aerodinamiche, note come foil, che sollevano lo scafo fuori dall’acqua quando si viaggia ad alta velocità. In quanto tale, lo yacht sorvolerà le onde con meno resistenza e più velocità rispetto a uno yacht planante tradizionale. Lo studio ha dato al GTM una velocità massima stimata di 70 nodi, che equivale a 128.8 km/h.

Arriva lo yacht ispirato alla Ferrari, ecco le caratteristiche e le foto concept Tecnoandroid

Netflix paga 55,8 milioni di euro per risolvere un contenzioso tributario in Italia

Sat, 05/21/2022 - 06:05

Netflix paga 55,8 milioni di euro per risolvere un contenzioso tributario in Italia Tecnoandroid

La procura di Milano ha rilasciato una dichiarazione in cui affermava di essersi accordata con una società multinazionale di streaming di video on-demand per un periodo compreso tra ottobre 2015 e 2019 e le aveva chiesto di pagare 55,8 milioni di euro (59,1 milioni di dollari).

Hanno fornito la cifra dell’insediamento senza nominare specificamente la società coinvolta, ma tre fonti a conoscenza della questione hanno confermato che si trattava di Netflix.

Un portavoce di Netflix ha affermato che la società è lieta di portare a termine la questione.

Abbiamo mantenuto un dialogo e una cooperazione costanti con le autorità italiane e continuiamo a credere di aver agito nel pieno rispetto delle regole italiane e internazionali“, ha affermato il portavoce.

Una situazione delicata per Netflix

I pubblici ministeri avevano aperto un’indagine su una potenziale evasione fiscale tre anni fa.

Hanno affermato che Netflix avrebbe dovuto pagare le tasse in Italia perché faceva affidamento sull’infrastruttura digitale per trasmettere contenuti in streaming a 2 milioni di utenti nel paese.

Come cornice dell’accordo di pagamento, Netflix ha ora aperto una sede in Italia, aprendo una base a Roma e assumendo più di 40 dipendenti.

L’indagine della Procura di Milano, che sosteneva che i cavi ed i server dei computer utilizzati da Netflix costituissero una presenza fisica in Italia, era stata innescata dai controlli della Polizia Tributaria italiana.

I pubblici ministeri di Milano in passato hanno sondato altri colossi tecnologici statunitensi come Apple, Amazon e Facebook per eludere le tasse, consentendo all’Italia di incassare diversi miliardi di euro in multe e pagamenti di tasse.

Netflix paga 55,8 milioni di euro per risolvere un contenzioso tributario in Italia Tecnoandroid

WindTre GO: offerte eccezionali per i clienti Iliad e MVNO

Sat, 05/21/2022 - 06:01

WindTre GO: offerte eccezionali per i clienti Iliad e MVNO Tecnoandroid

I clienti Iliad e MVNO propensi al cambio di operatore possono optare per WindTre, il gestore che permette di ricevere fino a 150 GB di traffico dati a partire da soli 7,99 euro al mese. Le offerte operator attack del pacchetto WindTre GO attualmente disponibili per i clienti dell’operatore francese e dei principali operatori virtuali sono quattro. Tutte includono una quantità illimitata di minuti per le chiamate e 200 SMS verso tutti i numeri ma cambiano le soglie di Giga previste e il costo da sostenere per il rinnovo mensile.

WindTre GO: ecco le migliori offerte per i clienti Iliad e MVNO!

 

Le due offerte operator attack più convenienti sono:

  • la WindTre GO 50 Star + Digital che, a soli 7,99 euro al mese, permette di ricevere minuti illimitati verso tutti i numeri, 200 SMS verso tutti i numeri e 50 GB di traffico dati per la navigazione.
  • la WindTre GO 101 Star + Digital con Easy Pay, al costo di 7,99 euro al mese con addebito su carta di credito, conto corrente o carta conto, permette di ottenere minuti illimitati verso tutti i numeri, 200 SMS verso tutti i numeri e 101 GB di traffico dati per la navigazione.

Un costo di rinnovo di poco più elevato è previsto per le due ulteriori offerte disponibili, cioè:

  • la WindTre GO 150 Flash + Digital con Easy Pay, che richiede una spesa mensile di 8,99 euro con addebito su carta di credito, conto corrente o carta conto e permette di ricevere minuti illimitati verso tutti i numeri, 200 SMS verso tutti i numeri e 150 GB di traffico dati per la navigazione
  • la WindTre GO 100 Special + Digital, che necessita di un costo di rinnovo di 9,99 euro e include minuti illimitati verso tutti i numeri, 200 SMS verso tutti i numeri e 100 GB di traffico dati per la navigazione.

WindTre GO: offerte eccezionali per i clienti Iliad e MVNO Tecnoandroid

Daredevil, iniziati i lavori sulla sceneggiatura di una nuova serie per Disney+

Fri, 05/20/2022 - 19:30

Daredevil, iniziati i lavori sulla sceneggiatura di una nuova serie per Disney+ Tecnoandroid

La serie sviluppata da Netflix sul personaggio di Daredevil ha riscosso un successo inaspettato. I fan si sono innamorati delle avventure del Diavolo di Hell’s Kitchen (interpretato da Charlie Cox) impegnato a combattere il crimine nel buio.

Inoltre, è stata trasposta in maniera egregia anche la sfida contro il possente Wilson Fisk/Kingpin (interpretato da Vincent D’Onofrio). Tuttavia, trattandosi di un personaggio Marvel, i diritti appartengono a Disney e non a Netflix. La casa di Topolino, una volta scaduto il termine per i diritti sul personaggio ha riportato tutto sotto il proprio controllo.

L’apparizione di Matt Murdock (alter-ego di Daredevil) e Wilson Fisk nelle più recenti produzioni MCU hanno subito acceso una scintilla negli appassionati. I fan hanno sperato in una nuova serie incentrata sul Diavolo di Hell’s Kitchen e quanto pare saranno accontentati.

 

Daredevil è pronto a tornare con una nuova serie su Disney+, i fan non vedono l’ora di rivedere Charlie Cox e Vincent D’Onofrio sfidarsi

Stando ad una indiscrezione lanciata da Variety, Matt Corman e Chris Ord sono stati incaricati di scrivere e produrre una nuova serie su Daredevil. La produzione arriverà su Disney+ e includerà sia Charlie Cox che Vincent D’Onofrio.

Al momento, Marvel sta mantenendo il più stretto riserbo sul progetto ma l’assunzione di Matt Corman e Chris Ord sta dando il via alla produzione. I due sono famosi per la realizzazione delle serie “Covert Affairs“, “The Enemy Within“, “The Brave” e “Containment“.

Al momento non è chiaro se la nuova serie ripartirà da dove si è interrotta quella prodotta da Netflix o ci sarà un reboot del personaggio. In ogni caso, non resta che attendere maggiori dettagli che certamente non tarderanno ad arrivare.

Daredevil, iniziati i lavori sulla sceneggiatura di una nuova serie per Disney+ Tecnoandroid

Arriva Boeing Cst100 rivale Space X e Crew Dragon

Fri, 05/20/2022 - 19:30

Arriva Boeing Cst100 rivale Space X e Crew Dragon Tecnoandroid

Dopo continui rinvii arriva la svolta, le capsule orbitali di Boeing, Cst100 sono pronte a sfidare le Crew Dragon di Space X

Boeing: Un duro lavoro per CST100, si cerca la perfezione

Nelle missioni spaziali nulla può essere lasciato al caso, si cerca la perfezione e questo è ciò che ha fatto Boeing con le sue nuove capsule Cst100.

I disguidi capitano a chiunque, progetti da perfezionare, test da eseguire, ma nella spazio gli astronauti non vanno in auto e soprattutto non possono chiamare il carro attrezzi in casa di guasti!
Boeing da diverso tempo aveva annunciato i nuovi moduli Cst100, ma ha dovuto affrontare una serie di imprevisti che hanno generato quasi due anni di ritardo.
Un lasso di tempo che ha permesso ad Elon Musk di spadroneggiare con la sua azienda Space X, principale partner della Nasa, che ha fornito le capsule Crew Dragon. Ad oggi infatti sono questi i principali mezzi, attraverso l’ausilio di razzi, che vengono utilizzati per i viaggi da e verso la stazione spaziale Internazionale. Il loro compito consiste principalmente nel trasporto dell’equipaggio e di tutti i beni e le strumentazioni per mantenere la ISS operativa in tutta in suo splendore.
Questa tecnologia non solo è importante per il progresso del programma aerospaziale, ma ha permesso e permetterà in futuro di mantenere l’indipendenza dalla Russia, che ha fornito supporto dopo il pensionamento dello Space shuttle.

Tecnologia futuristica per due soluzioni differenti

Entrambe le capsule, Crew Dragon e Cst100, montano all’interno strumentazione touchscreen e una tecnologia all’avanguardia. La struttura esterna di Boeing è realizzato senza saldature per un corpo più resistente ma la vera differenza sta nell’atterraggio.
La soluzione proposta da Space X culmina con un ammaraggio in mare, dove poi gli astronauti devono essere prontamente recuperati. La capsula Cst100 tuttavia propone una diversa strategia, con un atterraggio su terrà ferra attraverso paracadute, airbag e dei retrorazzi per correggere traiettoria e ammortizzatore gli ultimi istanti prima di toccare terra.

Arriva Boeing Cst100 rivale Space X e Crew Dragon Tecnoandroid

HP Spectre x360 13.5 punta sulla produttività anche in mobilità

Fri, 05/20/2022 - 19:00

HP Spectre x360 13.5 punta sulla produttività anche in mobilità Tecnoandroid

HP ha scelto di rinnovare la famiglia Spectre x360 presentando due nuovi modelli aggiornati alle esigenze del 2022. La serie si compone di due modelli che presentano design simili ma che si differenziano per la scheda tecnica e la dimensioni del display.

Se nel flagship troviamo un pannello da 16 pollici, la versione orientata sulla mobilità ferma il conteggio a 13.5 pollici. Questo modello è pensato per chi viaggia spesso e al tempo stesso ha bisogno di un laptop affidabile e prestazionale.

Infatti, HP permette maggiore scelta all’utente nella configurazione della propria macchina ideale. Lo Spectre x360 in versione 13.5 pollici può vantare due pannelli differenti tra cui scegliere.

 

HP Spectre x360 13.5 è una macchina configurabile in base alle esigenze degli utenti per essere produttivi anche in mobilità

Il primo è un display IPS dotato di risoluzione WUXGA+ (pari a 1920 x 1280 pixels), luminosità di picco da 400 nits. La seconda soluzione invece è basta su un pannello OLED con risoluzione 3K (3000 x 2000 pixels) e luminosità massima di 400 nits.

Oltre a poter scegliere la tipologia di schermo, gli utenti potranno scegliere anche la CPU da utilizzare. Le opzioni disponibili sono Intel Core i5-1235U e Core i7-1255U. Entrambe possono vantare la GPU Intel Iris Xe Graphics. La memoria RAM supportata arriva fino a 32GB di tipologia LPDDR4 mentre la memoria interna arriva fino a 2TB di SSD PCIe NVMe TLC M2.

Il sistema operativo è Windows 11 ed è presente una webcam da 5MP compatibile con Windows Hello. La batteria da 66Wh supporta la ricarica rapida a 66W per non restare mai senza energia quando necessario.

Il nuovissimo HP Spectre X360 13.5 ha un prezzo di partenza di 1.250 dollari. I colori disponibili al lancio sono Natural Silver, Nightfall Black e Nightfall Blue. Purtroppo non conosciamo ancora i prezzi e la disponibilità per il mercato Italiano.

 

HP Spectre x360 13.5 punta sulla produttività anche in mobilità Tecnoandroid

Spectre x360, HP lancia la nuova famiglia di notebook di fascia alta

Fri, 05/20/2022 - 18:30

Spectre x360, HP lancia la nuova famiglia di notebook di fascia alta Tecnoandroid

HP ha da poco presentato la nuova linea di notebook appartenenti alla famiglia Spectre x360. La serie è composta da due modelli, uno dotato di schermo da 16 pollici e l’altro invece dotato di una diagonale da 13.5 pollici.

Il flagship della famiglia è certamente HP Spectre x360 16. Come è facile intuire dal nome del device, il laptop è dotato di schermo da 16 pollici e il pannello è disponibile in due varianti diverse.

La prima offre una soluzione IPS con risoluzione 3K (pari a 3.072×1.920 pixels), luminosità massima a 400 nits e copertura 100% della gamma colore sRGB. La seconda invece è basata su un pannello OLED con risoluzione UHD+ (3,840×2,400 pixels), luminosità di picco a 500 nits e copertura al 100% della gamma colore DCI-P3.

HP Spectre x360 16 (2022) è un piccolo gioiello dotato di un display OLED da 16 pollici, CPU Intel Core i7 e 32GB di RAM

Il cuore del device è la CPU Intel Core i7 di 12a generazione affiancato dalla GPU Intel Arc A370M. La memoria RAM disponibile è di 16GB che può arrivare fino a 32GB. La memoria interna è di 512GB con una unità SSD PCIe NVMe TLC M2.

Il comparto audio è realizzato da Bang & Olufsen e offre un quadruplo speaker in abbinamento al sistema proprietario HP Audio Boost. La connettività è completa ed include Wi-Fi 6E, Bluetooth v5.2, due porte Thunderbolt 4, una SuperSpeed USB Type-A e una HDMI 2.0b. La batteria è da 83Wh con supporto alla ricarica rapida a 135W.

Il device sarà disponibile nelle colorazioni Natural Silver, Nightfall Black e Nightfall Blue. Il prezzo di lancio previsto si aggira intorno a 1.650 dollari ma non è ancora chiaro quando sarà disponibile nel nostro mercato.

Spectre x360, HP lancia la nuova famiglia di notebook di fascia alta Tecnoandroid

Google rinnova completamente il sistema e le funzionalità di Android Auto

Fri, 05/20/2022 - 18:00

Google rinnova completamente il sistema e le funzionalità di Android Auto Tecnoandroid

Google si sta preparando a rinnovare completamente Android Auto. Il sistema è pensato per facilitare l’utilizzo della tecnologia durante la guida ma, grazie alle novità in arrivo, il funzionamento diventerà ancora più intuitivo e funzionale.

Le novità annunciate dall’azienda di Mountain View faranno felici gli utenti in quanto permetteranno di migliorare l’esperienza utente. La home screen dell’interfaccia utente è stata ridisegnata per mostrare sempre gli elementi di maggiore interesse durante la guida

La sezione più grande sarà dedicata alle mappe, con comandi dedicati allo zoom e allo spostamento del cursore sia in modalità navigazione che per l’esplorazione libera. L’altra metà dello schermo invece sarà suddivisa in due ulteriori sezioni.

 

Google ha presentato il nuovo Android Auto rinnovato nelle funzionalità e nell’interfaccia utente per migliorare l’esperienza di utilizzo durante la guida

Ci sarà un’area dedicata ai contenuti multimediali in riproduzione, con la possibilità di visualizzare il brano, l’artista e i comandi di riproduzione. L’ultimo spazio cambierà in base alle esigenze dei singoli utenti e al contesto. Si potranno visualizzare le chiamate o i messaggi in arrivo, visualizzare il meteo o il tempo di percorrenza.

Inoltre, Google ha reso il nuovo Android Auto maggiormente flessibile. L’interfaccia si adatterà in maniera automatica agli schermi di tutti i tipi. Infatti, sempre più produttori stanno adottando schermi grandi, posizionati in verticale o orizzontale. L’interfaccia flessibile aggira questo problema per garantire sempre la massima libertà agli utenti.

Il nuovo Android Auto inoltre potrà contare sul design Material You per una maggiore coerenza grafica con gli smartphone dotati della versione più recente di Android. Il debutto di questa nuova versione è attesa per l’estate ma non è ancora stata comunicata una data ufficiale.

Google rinnova completamente il sistema e le funzionalità di Android Auto Tecnoandroid

iPhone 14: ecco svelata la data di lancio

Fri, 05/20/2022 - 17:30

iPhone 14: ecco svelata la data di lancio Tecnoandroid

Come ci è già stato accennato qualche mese fa da alcune voci ritenute particolarmente attendibili, il colosso di Cupertino procederà col il lancio del nuovo iPhone 14 il prossimo 13 settembre.

La nuova generazione di iPhone sarà disponibile in quattro varianti. Queste saranno accompagnate da tre nuove versioni di Apple Watch e dalla seconda generazione di AirPods  Pro.

Apple: il lancio di iPhone 14 si avvicina, ecco tutti i dettagli!

 

Il nuovo iPhone 14 sarà disponibile in quattro versioni: iPhone 14, iPhone 14 Max, iPhone 14 Pro e iPhone 14 Pro Max. La principale novità consiste nella rimozione del notch, segue l’aggiornamento del comparto fotografico, che sarà rinnovato con l’introduzione di una nuova fotocamera da 48 Megapixel. 

Le ultime indiscrezioni svelano quelli che potrebbero essere i costi di lancio dei nuovi modelli. Stando a quanto emerso in rete il modello base avrà un costo di 799 dollari e la versione Pro di 899 dollari. Le varianti Pro e Pro Max saranno disponibili rispettivamente a 1099 e 1199 dollari.

Il lancio dei nuovi melafonini sarà probabilmente accompagnato dal debutto di tre Apple Watch. La versione SE, l’inedito modello Extreme Edition ed Apple Watch Series 8 sono da tempo in cantiere e nel mese di settembre potrebbero essere pronti al lancio. L’azienda, inoltre, potrebbe annunciare la seconda generazione di AirPods Pro, che si distingueranno dal modello precedente per l’eliminazione dello stelo e la presenza di funzionalità sofisticate, tra le quali l‘audio lossless. 

La data riferita dalle notizie degli ultimi giorni non è stata ancora confermata dall’azienda. Apple rilascerà maggiori informazioni nel corso dei prossimi mesi.

 

iPhone 14: ecco svelata la data di lancio Tecnoandroid

Recensione Ford Kuga Plug-In: spaziosa, tecnologica e consuma davvero poco!

Fri, 05/20/2022 - 17:15

Recensione Ford Kuga Plug-In: spaziosa, tecnologica e consuma davvero poco! Tecnoandroid

La Ford Kuga è un SUV per famiglie in cui vi godrete davvero ogni viaggio, perché è uno spasso. È come una Ford Focus, ma con un punto di vista più alto e una maggiore praticità. La versione ibrida plug-in, introduce anche costi di gestione estremamente bassi.

L’ultima Kuga è più smart delle versioni precedenti, con una grande griglia, fari penetranti e curve dappertutto, dite addio a spigoli e linee rette delle generazioni precedenti. L’acquisto di una vettura ibrida plug-in o meno dipende dalle vostre esigenze automobilistiche quotidiane. Quindi, se fate un breve tragitto urbano, consideratelo in modo da poter beneficiare di una guida esclusivamente elettrica. Tenete presente, tuttavia, che modelli come questa Kuga, sono più efficienti se vengono collegati ogni volta che potete, quindi praticamente ogni volta che il veicolo è fermo.

Design ed esterni

Il centro stile dell’azienda ha completamente cambiato l’aspetto della Ford Kuga di terza generazione. Il SUV di casa Ford punta ora su linee più morbide rispetto al passato, con il frontale dominato dalla presenza di un’ampia griglia contornata da gruppi ottici che si sviluppano orizzontalmente. Di conseguenza, lo stile varia molto a seconda degli allestimenti scelti: la ST-Line ha infatti un look più aggressivo, mentre la Vignale è più elegante e con dettagli cromati.

Lateralmente nulla da ridire, rispetto al frontale le linee e le proporzioni qui sono più sinuose. Possiamo trovare cerchi in lega da 18, 19 o 20 pollici in base all’allestimento o optional richiesto. Tutti i disegni proposti sono comunque accattivanti, se prediligete il comfort all’estetica optate sicuramente per quelli da 18 pollici, tuttavia i 20 pollici sono sempre i più vistosi.

La parte posteriore presenta la scritta del modello al centro del portellone, mentre i gruppi ottici sono dotati di luci di posizione a LED. Come optional si può avere il sistema handsfree liftgate, che tramite il sensore posto sotto il paraurti posteriore, potete andare ad aprire il portellone elettroattuato con il solo movimento del piede, sull’allestimento Vignale è di base. Nella parte inferiore, invece, il paraurti presenta doppi terminali di scarico su tutte le versioni.

 

Interni ed infotainment

Anche la plancia e gli interni della Ford Kuga di terza generazione ricordano lo stile già visto sugli ultimi modelli di casa Ford. I materiali utilizzati per il rivestimento soddisfano sia i sensi tattili che quelli visivi, la Kuga si sente costruita secondo un buon livello, con le plastiche più economiche nascoste sulla console centrale più bassa e nella parte inferiore delle porte. Tutto quello che toccate regolarmente ha una sensazione di alta qualità e il cruscotto è disposto in modo logico.

I sedili sono abbastanza regolabili per trovare la giusta posizione di guida, ma non sembra che abbiano il giusto supporto per le cosce, il che potrebbe creare problemi nei viaggi più lunghi, ma ci si siede bene e si ha un punto di prospettiva alto per dominare sul traffico cittadino.

Sedendosi a bordo dell’ultima Ford Kuga, alcuni potrebbero sentirsi un po’ delusi dalla mancanza di stile o personalità. Altri invece, apprezzeranno il suo layout logico e i controlli del clima robusti e facili da usare. Lo schermo dell’infotainment standard da otto pollici esegue l’ultimo sistema operativo SYNC 3 di Ford che è abbastanza intuitivo e ci sono un sacco di funzionalità. Possiamo dire che è tra le interfacce più  logiche sul mercato. Ci sono alcuni fastidiosi inconvenienti, come tornare al sistema di infotainment standard dell’auto quando si utilizza Apple CarPlay o Android Auto, ma nel complesso funziona tutto bene.

Per quanto riguarda il display della strumentazione è digitale da 12,3 pollici ed è favolosamente vivace, conferisce alla Kuga un tocco molto più moderno, grazie anche alle animazioni delle varie modalità di guida.

C’è molto spazio a bordo, anche per chi è seduto nella parte posteriore. I sedili sono comodi, e anche il passeggero centrale non è eccessivamente sacrificato nonostante il pianale sia più rialzato per colpa delle batterie. Interessante i sedili posteriori che possono scorrere in avanti e inclinare leggermente lo schienale in base all’esigenze dei passeggeri.

 

Bagagliaio voluminoso anche se un po’ piccolo per la sua categoria, inoltre ha 64 litri in meno di capacità rispetto alla versione con il tradizionale motore a combustione interna. Ad ogni modo la sua capacità di carico varia dai 410 litri ai 580 litri in base alla posizione dei sedili posteriori. Se questi ultimi vengono abbattuti la capacità di carico sale fino 1480 litri circa. Molto buono il piano di carico che è perfettamente a livello.

Autonomia, ricarica, motorizzazioni e prestazioni

La Kuga plug-in ha un’autonomia solo in elettrico di circa 50 chilometri. Usando una presa domestica per la ricarica a casa, ci vorranno circa 6 – 7 ore per caricare da zero a cento, con la wallbox invece, andando a caricare a circa 6 kW, questo tempo verrà ridotto a circa tre ore. Una carica all’80% richiede solo 1,6 ore.

Nonostante il fatto che nessuna Kuga Plug-In Hybrid sia dotata di ricarica rapida, i tempi di ricarica non sono lunghi come potreste immaginare. Finché avete la possibilità di ricaricare durante la notte, dovrebbe essere facile iniziare ogni giornata con una batteria completamente carica. 

La Kuga Plug-In Hybrid viene fornita con un solo cavo per la ricarica domestica come standard. Lo sportellino per la carica si trova sull’ala anteriore, ma aprendolo rivela solo una porta AC: non c’è alcuna opzione per ricaricare la Kuga da un caricatore rapido DC.

Potete caricare la batteria usando il motore termico, ma questo non è un modo particolarmente efficiente di fare le cose: aspettatevi che il vostro risparmio di carburante medio precipiti se usate questa funzione regolarmente. A meno che voi non dobbiate entrare in una specifica zona a basse emissioni, vi consigliamo di lasciare l’auto in modalità ibrida.

Dovreste divertirvi a guidare l’ibrido plug-in Kuga. La combinazione del motore a quattro cilindri da 2,5 litri aspirato a benzina e quello elettrico, producono 225 CV (è disponibile anche una versione da 190 CV full hybrid) e questo SUV può coprire lo sprint da 0 a 100 km/h in circa 9 secondi, con una velocità massima di 200 km/h a benzina o 120 km/h solo in elettrico.

Questo sistema è molto efficiente, con una produzione ufficiale di CO2 di 32 g/km e un consumo medio di 6 litri per 100 chilometri in modalità mista benzina-elettrico. Ad ogni modo è difficile che le batterie si scarichino completamente, anche quando sono vuote potete guidare in modalità ibrida. Grazie alla frenata rigenerativa andrete a recuperare l’energia necessaria per far funzionare questo tipo di sistema.

Conclusioni e prezzi

Le auto Plug-In si rivelano ancora una volta la scelta intelligente se la vostra necessità di guida è prettamente cittadina o al massimo mista città – extraurbano. Se usate molto l’autostrada per lavoro o viaggio, vi consigliamo ancora una motorizzazione diesel.

I consumi di questo sistema Plug-In sono davvero interessanti, in città con il sistema ibrido avete una media anche superiore ai 25 chilometri con un litro di carburante. Quindi, se vi state chiedendo quale è il vantaggio di un sistema Plug-In rispetto ad uno Full-Hybrid visto che i consumi sono molto simili, vi state ponendo una buona domanda. Le Plug-In inquinano di meno, quindi a livello di ecoincentivi o zone limitate al traffico, avete più margine di risparmio con loro.

Le concorrenti sono tante e il listino dei SUV Plug-In è in continuo aumento, ve ne citiamo alcuni: Audi Q5, Volvo XC 40, Peugeot 5008, Toyota Rav-4, Cupra Formentor e così via. La Ford Kuga si posiziona a metà della lista, con prezzi che partono per l’allestimento base della ST-Line 1.5 diesel 120CV con cambio manuale da 34.350 euro arrivando alla super accessoriata Vignale 2.5 Plug-In con un prezzo che parte da 47.350 euro. 

Un optional che vi consigliamo caldamente, qualsiasi allestimento e motorizzazione voi decidiate è il co pilot pack da 1.000 euro, che include tutti i sistemi ADAS necessari per la sicurezza stradale.

Recensione Ford Kuga Plug-In: spaziosa, tecnologica e consuma davvero poco! Tecnoandroid

Pokèmon HOME 2.0 per iOS supporta tantissime novità con l’ultimo aggiornamento

Fri, 05/20/2022 - 17:00

Pokèmon HOME 2.0 per iOS supporta tantissime novità con l’ultimo aggiornamento Tecnoandroid

L’aggiornamento più significativo di Pokémon HOME dalla prima versione del gioco è attualmente in fase di lancio. Con il rilascio della versione 2.0, i giocatori avranno finalmente la possibilità di aggiungere i titoli Pokémon Legends più recenti: Arceus, Pokémon Diamante brillante e Pokémon Perla lucente all’app del servizio cloud, oltre ai vecchi giochi per Nintendo Switch.

Gli Allenatori potranno ora continuare “le loro avventure Pokémon oltre un singolo sistema di gioco e mantenere la loro collezione di Pokémon in molti dei loro giochi” grazie a un aggiornamento che è stato rilasciato per Pokémon HOME.

Pokèmon HOME 2.0 include tante novità

Le Strange Balls vengono introdotte con questa versione. Un comunicato stampa afferma che poiché Pokémon Legends: Arceus è ambientato “nel lontano passato del mondo dei Pokémon”, le specie che sono state catturate in uno qualsiasi degli altri giochi principali faranno la loro comparsa in Strange Balls. D’altra parte, i mostri catturati in Legends: Arceus appariranno in questi giochi con una Poké Ball standard in loro possesso.

Per celebrare l’occasione della compatibilità di Pokémon Brillante Diamante, Pokémon Perla Lucente e Pokémon Leggende: Arceus con Pokémon HOME, i giocatori che collegheranno ogni gioco a Pokémon HOME riceveranno un Pokémon speciale come ricompensa.

Quando un Pokémon di Legends: Arceus viene depositato nella versione per dispositivo mobile di Pokémon HOME, il giocatore riceverà un Rowlet, Cyndaquil o Oshawott con il massimo dei livelli come regalo misterioso.

Quando trasferisci un Pokémon da Diamante Brillante o Perla Lucente nella versione per dispositivo mobile di Pokémon HOME, riceverai un Turtwig, Chimchar o Piplup con abilità nascoste come regalo misterioso. Questi Pokémon avranno la capacità di imparare nuove mosse.

Se vengono soddisfatti determinati requisiti relativi alla compatibilità dei nuovi giochi con il sistema cloud, la versione iOS di Pokémon HOME fornirà anche obiettivi e adesivi aggiuntivi.

Pokèmon HOME 2.0 per iOS supporta tantissime novità con l’ultimo aggiornamento Tecnoandroid

Realme Pad: un nuovo tablet low cost potrebbe conquistare tutti

Fri, 05/20/2022 - 16:30

Realme Pad: un nuovo tablet low cost potrebbe conquistare tutti Tecnoandroid

Realme Pad X è il tablet dell’omonima azienda in arrivo nei prossimi giorni. La data di lancio del dispositivo low cost è stata annunciata: il 26 maggio Realme procederà con la presentazione ufficiale!

Le specifiche tecniche del tablet e quello che sarà il design sono state anticipati da una sostanziosa quantità di indiscrezioni secondo le quali, il dispositivo potrebbe conquistare tutti. Alcune immagini, inoltre, svelano le colorazioni disponibili.

Realme Pad X: ecco tutti i dettagli sul nuovo tablet low cost!

 

Il display del nuovo Realme Pad X 5G sarà un pannello LCD da 10,00 pollici con frequenza d’aggiornamento a 120 Hz e risoluzione QHD+. A delimitare il display vi saranno poi delle cornici dallo spessore non eccessivo. Nella parte posteriore trova posto un modulo fotografico dotato di un sensore singolo. Il tablet sarà inoltre in grado di supportare uno stilo ma non è chiaro se sarà presente un sensore di riconoscimento delle impronte digitale.

Molto probabilmente, il dispositivo sarà disponibile in due versioni differenti, una delle quali sarà dotata di un Soc Qualcomm Snapdragon 8 Gen 1 +. Il modello in arrivo avrà invece un Qualcomm Snapdragon 870. Ad alimentare il Realme Pad X 5G ci sarà anche una batteria da 8360 mAh.

Alcune voci ritengono che il dispositivo sarà disponibile a un costo di circa 280,00 euro ma non vi sono certezze a riguardo. L’azienda si è fino ad ora limitata ad annunciare la data dell’evento di lancio. Il 26 maggio, dunque, sarà possibile conoscere dal vivo il nuovo tablet che, al momento, sembra essere destinato esclusivamente al mercato cinese.

 

Realme Pad: un nuovo tablet low cost potrebbe conquistare tutti Tecnoandroid

Google Lens, svelate nuove funzionalità per tablet Android

Fri, 05/20/2022 - 16:30

Google Lens, svelate nuove funzionalità per tablet Android Tecnoandroid

Alla conferenza I/O 2022 che si è svolta una settimana fa, Google ha annunciato che avrebbe ottimizzato più di 20 delle sue app Android per smartphone con schermo grande. È uscito il primo aggiornamento per tablet e l’onore di essere il primo va a Google Lens.

Allo stesso modo in cui Assistant e Podcast sono integrati nell’app Ricerca Google su Android, anche Lens riceve i suoi aggiornamenti dall’interno dell’app. La versione beta più recente di Google Lens, la 13.19, rilasciata ieri sera, consente ai tablet di utilizzare l’app in modalità orizzontale.

Google Lens arriverà presto per più tablet

Prima di questo aggiornamento, la funzione di ricerca visiva offerta da Google si apriva solo in posizione verticale su tablet e pieghevoli allo stesso modo. È stato lanciato in quel modo, indipendentemente da come tenevi in ​​mano un device con un grande schermo.

Ora hai accesso a un’interfaccia utente widescreen con tutto distribuito correttamente a partire dalla versione 13.19. Di conseguenza, non sarà più necessario scorrere il carosello inferiore per visualizzare tutti i filtri disponibili quando si utilizza il mirino live. Questo foglio di risultati è ampio, ma ha il riempimento a sinistra e a destra, mentre la visualizzazione della galleria utilizza l’intera larghezza dello schermo.

Si tratta di un semplice aggiornamento che dimostra che esiste una quantità significativa di opportunità facilmente accessibili in tutte le applicazioni. Il resto dell’app Google è già stato ottimizzato in misura ragionevole per l’uso su tablet. Ciò include l’uso di layout a due colonne in Discover e Podcast, mentre i risultati della ricerca hanno il riempimento aggiunto per garantire che non siano eccessivamente ampi. L’interfaccia utente di Google Lens per dispositivi mobili, che ora è disponibile solo in modalità verticale, non è stata aggiornata.

L’app Google dovrebbe essere aggiornata alla versione 13.19 e rilasciata sul canale stabile entro la prossima settimana.

Google Lens, svelate nuove funzionalità per tablet Android Tecnoandroid

Realme sta per svelare un nuovo tablet quasi top di gamma

Fri, 05/20/2022 - 16:00

Realme sta per svelare un nuovo tablet quasi top di gamma Tecnoandroid

Il produttore cinese Realme sta puntando moltissimo sul settore dei tablet. Come sappiamo, fino ad ora l’azienda ha già annunciato due dispositivi. Il primo è il Realme Pad, un tablet di fascia media dotato di un ampio display da 10 pollici e alimentato dal processore MediaTek Helio G80. Il secondo è l’ultimo arrivato Realme Pad Mini, un tablet compatto e con doppio speaker stereo. Secondo quanto è emerso, però, l’azienda potrebbe annunciare a breve un altro tablet però di fascia alta.

 

 

Realme senza freni: sta per annunciare un nuovo tablet di alta

Finora Realme ha presentato sul mercato due tablet, uno di fascia media e uno di fascia bassa. Ora, però, come già accennato, l’azienda sembra intenzionata ad annunciare un altro tablet appartenente questa volta ad una fascia superiore. A rivelarlo è stata la stessa azienda tramite alcuni teaser ufficiali (dopo alcuni rumors emersi nelle scorse settimane).

In particolare, sappiamo che sotto al cofano ci sarà il processore Snapdragon 870 di casa Qualcomm. Si tratta di un soc molto potente, quasi paragonabile ai soc top di gamma. A detta del vicepresidente dell’azienda, Xu Qi, il nuovo tablet sarà “il dominatore nella sua fascia di prezzo”, e “il più economico con uno Snapdragon 870″.

Oltre a questo, sappiamo che il tablet disporrà di un display con tecnologia IPS LCD con una elevata risoluzione pari a QHD+ e con una alta frequenza di aggiornamento pari a 120Hz. Infine, sappiamo che ci sarà una batteria da 8360 mAh.

Il nuovo tablet di Realme dovrebbe debuttare inizialmente per il mercato cinese, ma immaginiamo che arriverà anche in Italia nel corso dei prossimi mesi.

Realme sta per svelare un nuovo tablet quasi top di gamma Tecnoandroid

Pages