Tecnoandroid





MANUALINUX


Subscribe to Tecnoandroid feed
Il sito e il forum più completo in Italia su Android. News, guide, approfondimenti, app e giochi per Android e una grande community italiana.
Updated: 16 min ago

Niente fibra o Wifi a casa: ecco le migliori offerte 4G per connettersi

Thu, 04/02/2020 - 08:10

Niente fibra o Wifi a casa: ecco le migliori offerte 4G per connettersi Tecnoandroid

Nonostante gli avanzamenti nella tecnologia e i miglioramenti nella copertura del territorio italiano da parte delle compagnie telefoniche, purtroppo ancora oggi in determinate zone risulta assente una buona connessione Internet. In molte aree, infatti, la fibra ottica non è presente, indipendentemente che si tratti di connessione a 100, 200, 500 o 1000 mega; sono molteplici dunque i comuni attualmente in attesa di cablaggio.

D’altra parte, gli operatori TIM, Vodafone e WindTre hanno creato delle alternative molto valide per poter sopperire a questa mancanza, tramite tecnologie che riescono a trasformare la rete mobile 4G in rete Wi-Fi.

Soluzioni 4G per la casa: ecco quale preferire

Esistono diverse vie che consentono di utilizzare una connessione Internet 4G a supporto di tutti dispositivi connessi all’interno di una stessa abitazione. Quella che andremo oggi ad analizzare, però, rappresenta una delle soluzioni preferibili soprattutto in questi giorni in cui si necessita un maggior numero di gigabyte nel proprio piano tariffario. Ad offrirla, in diverse declinazioni, sono le tre compagnie leader del mercato italiano, ossia TIM, Vodafone e WindTre.

Tim

L’operatore italiano mette a disposizione le seguenti offerte per poter navigare a velocità 4G su tutti dispositivi connessi in casa, garantendo la qualità della rete TIM anche in versione hotspot:

  • Supergiga 50GB: TIM offre 50 GB di internet in 4G al costo di 13,99 euro al mese;
  • Internet 100 GB: la seguente tariffa offre 100 GB di internet in 4G al costo di 49,99 euro una tantum per un periodo di 6 mesi.

Le offerte appena analizzate possono essere attivate su qualsiasi SIM dell’operatore, che può essere utilizzata dal proprio smartphone oppure essere inserita in un router portatile (una specie di “saponetta”), venduta separatamente, il cui costo corrisponde a 79,99 euro. Laddove si decidesse di acquistarla, si potrebbe beneficiare di uno sconto di 50 perché andrebbe associata ad una delle offerte su citate.

WindTre

Dalla fusione delle due compagnie è nata la Top Quality Network di WindTre, che in questo periodo offre ai clienti una vantaggiosa oppportunità, corredata di router Wi-Fi già incluso. Si tratta di Cube Large, tariffa attivabile al costo di soli 12,99 euro al mese, che offre 100 GB di internet in 4G. Nel costo mensile è incluso anche il router portatile WebCube 4G+ con il quale è possibile trasformare la rete 4G in WiFi per tutti i dispositivi della casa.

Vodafone

L’operatore rosso non poteva mancare nella schiera di gestori aventi predisposto soluzioni per la connettività 4G. La sua offerta consta di un piano, il Total Giga Digital, che al costo di 10 euro mensili offre 30 giga al mese in 4G da sfruttate in Hotspot. La seguente tariffa comprende inoltre, al costo di 1 euro una tantum, il router portatile “Mobile WiFi” che permette di trasformare la rete 4G in rete WiFi, permettendo di collegare fino a 10 dispositivi contemporaneamente.

Niente fibra o Wifi a casa: ecco le migliori offerte 4G per connettersi Tecnoandroid

Canone Rai: attenti alla nuova truffa che svuota i conti correnti

Thu, 04/02/2020 - 06:50

Canone Rai: attenti alla nuova truffa che svuota i conti correnti Tecnoandroid

La protagonista di oggi è la Rai. Di cosa sto parlando? Del canone Rai, di nuovo al centro di finti risarcimenti e inganni. Stavolta trattasi di un’email contenente un falso rimborso del Canone, con lo scopo di svuotare le tasche della povera vittima che si addentrerà in questa strada senza uscita.

La tecnica è sempre la stessa: i malfattori inviano una mail tramite posta elettronica con su scritta una comunicazione emessa dall’Agenzia delle Entrate (si fa per dire). Tramite la quale annunciano alla vittima il rimborso riguardante il pagamento del Canone Rai (il totale dei pagamenti di 5 anni). A questo punto è fatta.

La vittima andrà ovviamente a rispondere alla mail e così i ladri del web metteranno in pratica il loro piano per rubare innanzitutto i dati personali, ma anche quelli del conto corrente o delle carte di credito.

Canone Rai: come vincere contro la truffa del rimborso?

Innanzitutto, indipendentemente da ogni altra cosa, non aprire MAI una lettera ricevuta per posta elettronica dall’Agenzia delle Entrate. La stessa ha più volte dichiarato che si tratti di email truffa.

Altro elemento da evitare in ogni caso è quello di non mandare MAI i propri dati delle carte di credito e dei conti corrente tramite posta elettronica.

Voglio ricordarvi che:

  • l’Agenzia delle Entrate, generalmente, trasmette i rimborsi tramite Poste Italiane e concede 6 mesi massimo per poter effettuare la riscossione;
  • il rimborso del Canone Rai avviene entro 45 giorni dalla richiesta, sulla prima fattura utile realizzata dal fornitore dell’energia elettrica. Se tali accrediti non dovessero andare a buon fine, l’Agenzia delle Entrate provvederà al rimborso.

 

Canone Rai: attenti alla nuova truffa che svuota i conti correnti Tecnoandroid

Auto Elettriche: ecco quanto costa veramente mantenerne una

Thu, 04/02/2020 - 06:40

Auto Elettriche: ecco quanto costa veramente mantenerne una Tecnoandroid

Di auto elettriche si parla ormai da diverso tempo ed è chiaro che rappresentino il futuro del mercato automobilistico. Un mercato dove però fanno ancora fatica ad emergere, principalmente a causa degli elevati costi d’acquisto che hanno. Così, se queste auto rappresentano un vantaggio grazie al sistema ZEV (Zero Emission Vehicle) che azzera le emissioni di inquinanti, dall’altro il loro prezzo è ancora decisamente fuori mercato. Infatti se il costo delle auto parzialmente elettrificate (gli ibridi) è ancora abbordabile, non si può dire lo stesso per i modelli puramente elettrici.

Questi ultimi si contendono un listino che parte dai 20.000 euro della Smart Electric Drive, sino ad arrivare ai 428.000 euro della Mercedes SLS AMG coupè Electric Drive. Del resto ad agire sul prezzo finale delle auto elettriche è il costo ancora elevato della batteria che incide per il 25-30% sul costo d’acquisto. Tuttavia, superato l’investimento iniziale, queste auto garantiscono una serie di benefit che le rendono oltremodo vantaggiose.

Quali vantaggi economici offrono le auto elettriche?

La prima considerazione da fare è sulla batteria delle auto elettriche che non essendo di proprietà (qualora noleggiata da società terze), non incide sui costi di manutenzione. Non a caso la garanzia delle batterie parte da un minimo di 5 anni ed è normalmente comprensiva di assistenza, soccorso stradale e traino 24 ore su 24, per tutti i giorni della settimana. Per non parlare poi dell’enorme risparmio sulla loro alimentazione visto che l’impiego di energia elettrica comporta un costo del 70/80% in meno rispetto ai carburanti. Ad esempio, a parità di utilizzo, si è calcolato che un’auto elettrica che percorre 10.000 km annui consente un risparmio di 1000 euro circa rispetto ad una a benzina.

Altro vantaggio è costituito dalle tasse di possesso o bollo: le auto a zero emissioni non pagano alcun bollo per 5 anni. Tra le spese fisse c’è anche quella legata all’assicurazione RC auto che vede alcune compagnie applicare una scontistica per le auto elettriche talvolta pari al 50%. Infine i costi per il “carburante” elettrico possono risultare enormemente vantaggiosi perché alcuni gestori di energia, come Enel o Sorgenia, garantiscono delle tariffe calmierate che consentono una ricarica a basso costo.

Auto Elettriche: ecco quanto costa veramente mantenerne una Tecnoandroid

Postepay: paura tra i clienti, le truffe svuotano i conti correnti

Thu, 04/02/2020 - 06:35

Postepay: paura tra i clienti, le truffe svuotano i conti correnti Tecnoandroid

Di truffe ne conosciamo molte, e sul web ne esistono indubbiamente tantissime. Come banche, enti e aziende varie, Postepay non è esente dall’essere vittima di alcune di esse. A risentirne, in questi casi, sono proprio gli utenti che, ignari dell’inganno, cadono in certi tranelli. Ma come è possibile, allora, difendersi da cose del genere e impedire quindi agli hacker di svuotare i nostri conti correnti? Cerchiamo di spiegarvelo con semplici parole.

Postepay, tutto quello che c’è da sapere sulle truffe, come riconoscerle e impedire inganni

Molte persone possiedono una Postepay Evolution. Gli utenti in questione dovrebbero fare molta attenzione ai messaggi che ricevono sulla propria casella e-mail. Ad esempio, esiste un messaggio che gira da un po’ e avvisa gli utenti di una urgente necessità di correggere i propri dati personali sull’account del conto Postepay. Un messaggio del genere, è un inganno. Proseguendo infatti, vi condurrà a un link presente all’interno del testo, che a sua volta conduce a una pagina molto simile nelle fattezze a quella delle poste italiane. Questa pagina non è altro che un sito fake, creato volutamente da criminali del web per confondere gli utenti e fare in modo che si fidino ad apporvi i propri dati personali.

Qualora non vi accorgeste della differenza e condivideste su questo sito i vostri dati, allo scopo di cambiare la password, la truffa sarebbe riuscita e in poco tempo il conto della vostra Postepay verrebbe svuotato senza scrupolo. Al fine di evitare una cosa del genere, basta ricordarsi una semplice regola: né Poste Italiane, né nessuna altra azienda, ente o compagnia richiede mai i dati di un utente tramite un messaggio di posta elettronica. Se dovesse mai capitare, non solo evitate, ma segnalate alle autorità di riferimento il problema.

Postepay: paura tra i clienti, le truffe svuotano i conti correnti Tecnoandroid

Whatsapp down: arriva Signal, l’app che sfida anche Telegram

Thu, 04/02/2020 - 06:30

Whatsapp down: arriva Signal, l’app che sfida anche Telegram Tecnoandroid

Secondo alcune stime, in tutto il mondo vengono scambiati ogni giorno decine di milioni di messaggi fra utenti privati. E’ proprio questa grande affluenza che, negli ultimi anni, ha reso applicazioni del calibro di Whatsapp e Telegram, dei veri colossi nel settore dell’IT e, nello specifico, nel settore della messaggistica istantanea. I due servizi, disponibili su ogni tipo di Smartphone, PC e Tablet, hanno da poco raggiunto quota 5 miliardi di download su tutti i principali store di Applicazioni attestandosi quindi come due fra le app più scaricate di sempre. A quanto pare, però, la situazione sembra destinata a cambiare molto presto. Una nuova app, infatti, minaccia seriamente la leadership dei due colossi. Scopriamo di seguito maggiori dettagli a riguardo.

Signal: l’app di messaggistica più sicura di sempre

Negli ultimi tempi Whatsapp e Telegram hanno acquisito un grande potenziale ma, a quanto pare, di recente Signal, un sevizio nato nel 2013, sembrerebbe aver stravolto la situazione. L’app sviluppata da Open Whisper Systems, infatti, ha raccolto centinaia di migliaia di feedback positivi in pochissimo tempo. A quanto pare, quindi, grazie alla sua natura Open Source, Signal sembrerebbe essere l’app perfetta per chi cerca sicurezza e privacy più totale nelle proprie chat.

E’ proprio nel codice Open Source, quindi, che si basa la fama di Signal. Chiunque possieda le dovute competenze in materia, infatti, può sfruttare al massimo uno strumento molto sicuro che, come accennato precedentemente, garantisce privacy e crittografia end-to-end.

Chiunque voglia testare la nuova app Signal, può scaricarla gratuitamente attraverso il seguente link. 

Whatsapp down: arriva Signal, l’app che sfida anche Telegram Tecnoandroid

Tasse: se non paghi il Fisco entra nel conto corrente e svuota tutto

Thu, 04/02/2020 - 06:10

Tasse: se non paghi il Fisco entra nel conto corrente e svuota tutto Tecnoandroid

Se rifiuti di pagare le tasse ed hai un conto corrente aperto in una banca potresti essere nei guai. Con la nuova misura varata dal Fisco l’azione contro i cattivi pagatori si inasprisce. Sta di fatto che gli agenti potrebbero prelevare le somme richieste direttamente dai conti correnti rivalendosi così sul cliente non pagante tramite le banche.

L’Agenzia delle Entrate, infatti, si riserva il diritto di riscuotere l’ammontare dovuto per le imposte con qualsiasi mezzo. Ciò non avviene in maniera repentina ma si riceve una notifica di avvertimento che concede 60 giorni di tempo per procedere al pagamento spontaneo. Tempo trascorso il quale gli effetti Equitalia hanno valore sul cliente secondo quanto stabilito dai criteri di pignoramento del conto.

 

Le nuove normative anti – frode per chi si rifiuta di pagare le tasse

La cosiddetta procedura di rafforzamento fa riferimento alla norma anti – frode sancita a partire dal 2005. Non prevede più il ricorso al giudice prime del pignoramento dei beni ma garantisce invece l’accesso a tutta una serie di nuove informazioni. Tra queste c’è il numero di conti attivi a carico del contribuente, la giacenza media di denaro ed altri dettagli prima preclusi agli agenti del Fisco. Ora hanno facoltà di accedere ad informazioni sensibili.

Il metodo rappresenta senz’altro una soluzione estrema ma che sgomina gli evasori delle tasse che continuano a mantenere in deficit il Paese. Meglio pagare i propri debiti per tempo prima di ritrovarsi con l’acqua alla gola. Il procedimento di pignoramento non è così semplice da applicare ed offre ai clienti le tempistiche giuste per procedere al pagamento spontaneo delle imposte.

Tasse: se non paghi il Fisco entra nel conto corrente e svuota tutto Tecnoandroid

Internet lento: primo segnale di down alle reti TIM, Vodafone ed Iliad

Thu, 04/02/2020 - 06:04

Internet lento: primo segnale di down alle reti TIM, Vodafone ed Iliad Tecnoandroid

Internet è diventato il nostro solo rifugio dalla vita reale dopo l’insorgere del Coronavirus. Milioni di italiani si sono riversati online all’interno delle app di messaggistica e dei server di Fortnite e Call of Duty Warzone. Ma c’è anche chi usa la rete per gestire lo Smart Working, le lezioni scolastiche ed accademiche.

L’incremento di connessioni alla rete è stato importante nel corso di queste ultime settimane. Molti hanno utilizzato alcuni trucchi indispensabili per potenziare il segnale ma la verità è che la rete è sull’orlo di un generalizzato down di servizio che rischia di bloccare tutto nonostante i provvedimenti dall’alto.

L’azione del Decreto Cura Italia ha imposto a TIM, WindTre, Vodafone ed Iliad l’attivazione di un profilo di emergenza per la connessione Internet. Siamo però alla saturazione e si rischia di rimanere tagliati completamente fuori dal mondo. La situazione è critica ma le parole della ministra per l’innovazione digitale Paola Pisano rassicurano (per il momento).

 

Internet ce la farà? Il risultato delle ultime indagini è assurdo

La rete Internet Mobile stenta a garantire un servizio di rete ineccepibile sul piano della velocità. Gestori di servizio come Netflix, Amazon e Google hanno accolto la richiesta di un downscaling della qualità per i contenuti Video. Anche Facebook ha ultimamente ridefinito le cose per WhatsApp dopo il nuovo limite alla pubblicazione dei video nelle Storie. Tutte misure atte a garantire una connettività ragionevole a tutti gli italiani.

Nell’ultimo mese il lockdown ha generato una quantità di traffico impressionante con picchi generali del 40% ed incrementi del traffico dati da smartphone pari al +100% rispetto al mese precedente. Crescono soprattutto le video chiamate di gruppo ora gestite in modalità multi-utente con app di meeting come Skype e Zoom.

Ai microfoni di Sky TG24 la Pisano ha risposto ad una domanda che ci accomuna tutti: “Ce la farà Internet a reggere il carico di utenti connessi? Rischiamo di rimanere fuori dal mondo della rete?“. In tutta risposta è stato detto:

“Non dovrebbe accadere, è molto difficile… tecnicamente ci sono tutti i mezzi per non far collassare la rete”.

Internet lento: primo segnale di down alle reti TIM, Vodafone ed Iliad Tecnoandroid

Passa a WindTre: minuti, SMS e fino a 80 GB tramite due nuove offerte

Thu, 04/02/2020 - 06:01

Passa a WindTre: minuti, SMS e fino a 80 GB tramite due nuove offerte Tecnoandroid

I due gestori Wind e 3 Italia hanno recentemente presentato il nuovo operatore di telefonia WindTre proponendo agli utenti interessati un listino offerte decisamente vasto e sorprendente. I nuovi clienti del gestore, appunto, hanno la possibilità di scegliere tra numerose promozioni suddivise per fasce d’età e contenuti. WindTre rivolge l’attivazione delle sue nuove offerte a tutti clienti interessati, permettendo loro di procedere con l’acquisto della nuova SIM effettuando l’ordine direttamente online.

Passa a WindTre: ecco alcune promozioni dedicate ai nuovi clienti!

 

I nuovi clienti WindTre possono procedere con l’attivazione dell’offerta desiderata utilizzando il sito ufficiale www.windtre.it. In base alle proprie esigenze o alla propria età sarà possibile effettuare l’attivazione di una delle varie tariffe, tra le quali: la All Inclusive XLarge e l’offerta Student EDU con Easy Pay.

WindTre All Inclusive XLarge

 

L’offerta WindTre XLarge è dedicata a tutti i nuovi clienti dell’operatore che desiderano acquistare una SIM e ricevere delle ottime quantità di minuti, SMS e Giga. Infatti, ogni mese tramite questa è possibile ottenere: minuti illimitati verso tutti i numeri; 200 SMS verso tutti i numeri; e 60 GB di traffico dati alla massima velocità. Il costo della promozione ammonta a 16,99 euro al mese e deve essere saldato tramite: carta di credito, conto corrente o carta conto.

WindTre Student EDU

 

La promozione è dedicata esclusivamente ai clienti aventi età massima 20 anni, i quali possono ricevere: minuti illimitati verso tutti i numeri, SMS illimitati verso tutti i numeri; e 80 GB di traffico dati alla massima velocità. Il costo della tariffa è in promozione a 7,99 euro al mese, per i primi tre mesi. Dal quarto rinnovo, invece, sarà prevista una spesa di 9,99 euro al mese. Anche in questo caso, è previsto il pagamento tramite carta di credito, carta conto o conto corrente.

Passa a WindTre: minuti, SMS e fino a 80 GB tramite due nuove offerte Tecnoandroid

Whatsapp, Instagram e Facebook down: server e chat non funzionano

Thu, 04/02/2020 - 00:44

Whatsapp, Instagram e Facebook down: server e chat non funzionano Tecnoandroid

Purtroppo quello che in molti temevano sta accadendo e in questi minuti Whatsapp, Instagram e Facebook non funzionano correttamente tanto che è impossibile scaricare immagini, video e audio. Il problema con tutta probabilità è derivato dal sovraccarico dei server che in questi giorni stanno vivendo un vero e proprio stress dovuto dall’aumento incontrollato dell’utilizzo di tali servizi.

I tecnici sarebbero già a lavoro per risolvere il problema in tempi brevi anche se si attende la riduzione del traffico generato dagli utenti per tornare alla normalità. Questo down mostra come i vari servizi siano gestiti da server centralizzati sotto controllo proprio di Facebook.

Whatsapp, Instagram e Facebook: down immagini, video e audio

Il sovraccarico avrebbe causato proprio il down di Whatsapp, Instagram e Facebook rallentando l’invio di immagini, video e audio. Le chat invece sembrano funzionare correttamente e non avere problemi.

Sarà necessario attendere qualche ora per vedere i problemi risolti. Il problema secondo molti siti web che monitorano il down non interesserebbe solo l’Italia ma anche il resto dell’Europa. Il consiglio è quello di utilizzare chat come Telegram nell’attesa che il problema venga risolto dai tecnici.

Whatsapp, Instagram e Facebook down: server e chat non funzionano Tecnoandroid

Netflix annuncia la seconda stagione di Locke&Key

Wed, 04/01/2020 - 22:45

Netflix annuncia la seconda stagione di Locke&Key Tecnoandroid

La piattaforma di contenuti in streaming Netflix ha recentemente diffuso la prima immagine di presentazione della seconda stagione di Locke & Key, serie che la piattaforma ha lanciato nel mese di febbraio.

Il colosso ha infatti pubblicato un post con una nuova immagine, scatenando gli appassionati in tutto il web. Insieme all’immagine la piattaforma ha rivelato che la seconda stagione arriverà a breve. Ecco i dettagli.

 

Netflix pubblica una prima immagine di Locke & Key 2

La prima stagione di Locke & Key è stata distribuita sulla piattaforma, come anticipato precedentemente, nel mese di febbraio. Ecco la storia che viene trattata: “La Keyhouse non è solo una casa, è molto di più: custodisce segreti e chiavi magiche. La famiglia Locke voleva iniziare lì dentro una nuova vita, invece ha trovato solo nuovi misteri da risolvere“.

Si tratta di una serie TV tratta dal fumetto di Joe Hill, con Jackson Robert Scott, arriverà presto sulla piattaforma. Ecco la nuova sinossi: “Locke & Key racconta la storia di Tyler, Kinsey e Bode Locker, fratelli che si spostano a Lovecraft, Massachussets, dopo l’assassinio di loro padre. La magione in cui vivono insieme alla madre è piena di porte magiche in grado di trasformare chi le attraversa“.

Gli showrunner e produttori esecutivi Carlton Cuse e Meredith Averill hanno dichiarato: “Siamo molto emozionati all’idea di continuare il viaggio di Locke & Key insieme a tutti i nostri meravigliosi collaboratori“. Al momento non è ancora stata fissata una data per il lancio, o per lo meno non è stata comunicata. Ne sapremo sicuramente di più nei prossimi giorni, nel frattempo godiamoci gli arrivi dei primi giorni del mese di aprile 2020.

Netflix annuncia la seconda stagione di Locke&Key Tecnoandroid

Snapchat, arriva una nuova funzione per combattere Instagram

Wed, 04/01/2020 - 21:00

Snapchat, arriva una nuova funzione per combattere Instagram Tecnoandroid

Mentre altre app copiano una delle sue funzioni, Snapchat sta cercando di imporsi come l’ideatore originale di Storie. Il team di sviluppo sta cercando di offrire un’esperienza consolidata su più app. A quello scopo, la piattaforma sta introducendo “Storie di app”, una nuova funzionalità che consente ad altre app di collegarsi alle tue Storie di Snapchat e di visualizzarle nella propria interfaccia utente.

Naturalmente, le app che seguono le orme di Facebook e Instagram, probabilmente non accetteranno la proposta e opteranno per creare le loro implementazioni della funzione. Tuttavia, esistono ancora numerose app che non dispongono delle risorse o dell’interesse per lo sviluppo di tale funzionalità e ciò potrebbe potenzialmente aprire un enorme mercato per Snapchat.

Snapchat sfida i suoi rivali con una nuova funzione

Quattro di queste piattaforme – Triller, Squad, Hilly e Octi – stanno già lanciando “App Stories” nella loro app, e ognuna ha la sua caratteristica. Triller, un’app musicale, funziona in modo simile alle storie di Snapchat e ti consente di seguire storie di artisti e amici di musica. L’implementazione di Octi è simile, tranne per il fatto che si tratta di un’app AR.

Squad, un’app di chat video, tuttavia, ha un’interpretazione interessante, in base alla quale consente a gruppi di amici di guardare una storia insieme. Hilly, nel frattempo, è un’app di incontri e puoi usare Storie per rendere più piccante il tuo profilo di appuntamenti. È anche un ottimo esempio di come Snapchat potrebbe sviluppare la funzionalità con più partner in futuro. 

Tinder e Houseparty sono altre due app che Snapchat suggeriva sarebbero state incluse in questa funzione, sebbene nessuna delle app al momento supporti “Storie di app”. Non è chiaro se questo significhi che il lancio è semplicemente in ritardo o se le due società hanno cambiato idea sul lavoro con Snapchat.

Snapchat, arriva una nuova funzione per combattere Instagram Tecnoandroid

Ubisoft: arriva Rayman Legends gratuito per un tempo limitato

Wed, 04/01/2020 - 20:30

Ubisoft: arriva Rayman Legends gratuito per un tempo limitato Tecnoandroid

Ubisoft ha annunciato che rilascerà una serie di suoi giochi in maniera gratuita, aiutando a intrattenere le persone che sono attualmente in casa in quarantena. La nuova iniziativa coinvolgerà giochi gratuiti, demo e altro ancora per la durata di un mese. Il primo titolo gratuito è Rayman Legends.

Il gioco è ora gratuito da scaricare sul launcher di Ubisoft e non richiede alcun requisito. Potrai scaricarlo gratuitamente fino al 3 aprile e, molto presto, sarà affiancato da altri titoli gratuiti. L’idea alla base della nuova iniziativa di Ubisoft è che potresti aver bisogno di un po’ di intrattenimento per rendere più sopportabili le lunghe giornate a casa.

Ubisoft rilascia gratuitamente Rayman Legends

Quale tipo di intrattenimento migliore di qualcosa di gratuito? La società ha anche stilato un elenco delle suoi giochi gratuiti, demo e altre offerte per il mese successivo su un portale “gratuito” dedicato consultabile da questo sito web. Purtroppo, Ubisoft non ha dichiarato quali saranno i prossimi giochi in lista ma speriamo di conoscerli al più presto.

Rayman Legends è probabilmente il gioco più conosciuto nell’elenco gratuito e sarà presto affiancato da Might Magic Chess Royale e Rabbids Coding. Inoltre, la società ha attualmente elencato più demo di giochi, tra cui Ghost Recon Breakpoint, The Crew 2, Trial Rising, The Division e Ghost Recon Wildlands di Tom Clancy.

Ubisoft afferma che ha in programma di aggiungere ulteriori offerte gratuite e altre ancora sul suo portale gratuito nei prossimi giorni e coinvolgerà giochi come Just Dance e Assassin’s Creedi. Inoltre, la società ha dichiarato di aver donato $ 150.000 per l’emergenza COVID-19 all’Organizzazione mondiale della sanità.

Ubisoft: arriva Rayman Legends gratuito per un tempo limitato Tecnoandroid

Apocalisse e profezie: tra Coronavirus e bufale

Wed, 04/01/2020 - 20:15

Apocalisse e profezie: tra Coronavirus e bufale Tecnoandroid

Nel corso dei millenni si è più volte parlato di Apocalisse. Diversi ed illustri personaggi hanno profetizzato l’incombere dei giorni più bui per l’umanità. Non sono in pochi a credere che il recente Coronavirus sia soltanto l’inizio di un processo che ci condurrà inevitabilmente alla fine dei nostri giorni. Una serie di ipotesi sono state fatte sulla base di considerazioni di tipo sociale, culturale e religioso. Ci sarà del vero?

 

Il Coronavirus è la nostra Apocalisse: dopo le profezie arriva una nuova consapevolezza

Volevamo cambiare il mondo ma è il mondo che sta cambiando tutta l’umanità“. Una affermazione che mai risulta così vera come in questo momento. La sconfortante situazione creata dal Covid-19 sta offrendo tempo e spazio per una introspettiva valutazione di noi stessi. E se il virus pandemico fosse una sorta di segnale divino?

Le numerose ipotesi dei profeti si sono incentrati più volte sulla fine del mondo. Personaggi come i Maya e lo stesso Ezechiele riabilitano la teoria del catastrofismo. La letteratura del misticismo ha da sempre affascinato i teorici dell’occulto e posto numerosi interrogativi agli esseri umani.

La civiltà dei Maya ci ha mentalmente avvicinato al tramonto del mondo dopo le ultime profezie. Il 21 Dicembre del 2012 pare non si possa considerare come la fine di qualcosa ma bensì l’inizio della fine. L’uomo sta esacerbando la sua stessa vita conducendosi ad una sorta di Apocalisse.

Asteroidi, virus inarrestabili e destabilizzazione della natura sono soltanto la punta dell’iceberg di un processo che, secondo molti storici e teologi millenari, ci condurrà a fine certa. Antiche teorie parlano dell’inizio del Giudizio Universale in corrispondenza di inconsueti eventi naturali come il cambio delle stagioni e lo scioglimento dei ghiacciai perenni. Eventi recenti come la siccità, sciami di locuste e le elevate temperature in Antartide vengono visti come segnali premonitori di qualcosa di più grande. Argomentazioni e fatti che fanno sicuramente riflettere.

Apocalisse e profezie: tra Coronavirus e bufale Tecnoandroid

Astro Slide, lo smartphone 5G con tastiera QWERTY a scorrimento

Wed, 04/01/2020 - 19:30

Astro Slide, lo smartphone 5G con tastiera QWERTY a scorrimento Tecnoandroid

Astro Slide è il primo smartphone 5G ad essere dotato di una tastiera fisica a scorrimento, che lo trasforma in un ottimo strumento di lavoro per inviare e-mail e modificare documenti mentre si è in movimento. Insomma, grazie alla sua tastiera retroilluminata e ad un’opzione multi-boot pensata per supportare anche il sistema operativo di Linux, Astro Slide può essere considerato un vero e proprio mini laptop.

Realizzato dalla Planet Computers, Astro Slide implementa un ampio schermo da 6,53 pollici con risoluzione 2340 x 1080 pixel, che può essere spinto verso l’alto fino a rilevare la tastiera QWERTY che si nasconde sotto di esso, alla quale è possibile accedere mediante la rivoluzionaria cerniera a scorrimento RockUp brevettata dalla stessa azienda.

Lo smartphone è alimentato dal SoC MediaTek Dimensity 1000 5G, con processore octa-core (4x A77 a 2,6 GHz, 256 KB L2 + 4x A55 a 2,0 GHz, 128 KB L2 2 MB L3) e GPU ARM G77. Questa configurazione, a detta dell’azienda, Astro Slide offre il doppio delle prestazioni di altri chipset 5G con un consumo energetico significativamente ridotto, ed il modem dual-mode 5G permette di raggiungere velocità di download fino a 4,7 Gbps. Il tutto è accompagnato da almeno 6 GB di RAM e 128 GB di spazio di archiviazione interna espandibile con microSD.

Per quanto riguarda il comparto fotografico, Astro Slide è dotato di una sola fotocamera esterna da 48 MP con flash LED ed una fotocamera frontale per selfie da 5 MP. Tra le altre caratteristiche: sensore per le impronte digitali, NFC, batteria da 4.000 mAh, porta USB di tipo C, jack audio da 3,5 mm, connettività WiFi 6 (2 x 802.11ax) e Bluetooth 5.1.

Uno degli aspetti sicuramente più interessanti è che Astro Slide sia stato progettato per eseguire Android 10 ed i sistemi operativi basati su Linux, per cui è possibile utilizzare anche la suite di software PDA, tra cui l’app Agenda, l’app Note, l’app AirMail e l’app Database. Questo smartphone dovrebbe debuttare nel mercato entro Marzo del prossimo anno.

Astro Slide, lo smartphone 5G con tastiera QWERTY a scorrimento Tecnoandroid

Ospedale Spallanzani di Roma: tentato cyber attacco da parte di hacker

Wed, 04/01/2020 - 19:28

Ospedale Spallanzani di Roma: tentato cyber attacco da parte di hacker Tecnoandroid

Anche in questi giorni di emergenza a causa del Coronavirus, bisogna fare molta attenzione agli hacker. Non a caso la Polizia Postale e altri apparati di sicurezza stanno vigilando il più possibile per evitare che avvengano e presentarli in tempo. È stato questo il caso, anche per l’ospedale Spallanzani di Roma, in cui di recente ci sono stati dei tentativi di attacco cyber da parte di alcuni criminali. Ecco tutto quello che sappiamo sull’accaduto.

Attacchi cyber, Ecco cosa è successo all’ospedale Spallanzani

La confusione creatasi in questo momento di emergenza, anziché spingere tutte le persone nella stessa direzione, ovvero a sostenersi a vicenda, ha dato modo da alcuni criminali di approfittarsene. Stiamo parlando dei criminali informatici che hanno tentato di attaccare il sistema di sicurezza dell’ospedale Spallanzani. Fortunatamente, gli specialisti addetti alla sicurezza sono stati tempestivi nell’intervenire e impedire il peggio.

La sicurezza delle reti e delle infrastrutture sanitarie si è alzata grazie all’allerta lanciata dal Nucleo Sicurezza Cibernetica e dai rappresentanti delle agenzie di intelligence AISE e AISI. Va specificato che, analizzando i singoli casi registrati in Italia, molto spesso si è trattato di attacchi ransomware. Questo nome, indica gli attacchi con lo scopo di lucrare e non di rubare dati sensibili. La stessa Polizia Postale aveva allertato i cittadini ad alzare l’attenzione sul problema,  poiché durante un periodo di simile preoccupazione è più facile cadere in certi inganni. I nostri apparati di sicurezza continuano a lavorare incessantemente per impedire a qualsiasi cyberattacco di riuscire. Tuttavia, vi invitiamo anche noi a stare sempre molto attenti all’utilizzo che fate del web, come sempre, ma soprattutto in questo periodo.

Ospedale Spallanzani di Roma: tentato cyber attacco da parte di hacker Tecnoandroid

Crew Dragon: aggiunti altri due astronauti al primo volo della capsula

Wed, 04/01/2020 - 19:00

Crew Dragon: aggiunti altri due astronauti al primo volo della capsula Tecnoandroid

Altri due astronauti sono stati assegnati al primo volo operativo con equipaggio di Crew Dragon di SpaceX in missione alla Stazione Spaziale Internazionale (ISS). L’astronauta della NASA Shannon Walker e Noguchi Soichi, della Japanese Aerospace Exploration Agency (JAXA), si uniranno agli astronauti della NASA Michael Hopkins e Victor Glover Jr., assegnati alla missione nel 2018. Se tutto andrà secondo i piani, questo sarà il prima in una serie di voli regolari di Crew Dragon verso la Stazione Spaziale Internazionale (ISS), ha dichiarato la NASA in un comunicato stampa.

Glover, Hopkins, Noguchi e Walker dovrebbero lanciarsi a bordo di un Crew Dragon sul razzo Falcon 9 di SpaceX dal Kennedy Space Center entro la fine dell’anno. Trascorreranno quindi sei mesi presso la ISS.

 

Crew Dragon: la capsula è stata ultimata, ma prima ci sarà un test di prova

Anche se prima di partire ufficialmente, ci sarà il test di prova Demo-2, in programma a maggio, che dovrà avere necessariamente successo. Questo volo lancerà gli astronauti della NASA Bob Behnken e Doug Hurley nello spazio dal suolo americano per la prima volta dall’8 luglio 2011. È anche l’ultimo test che SpaceX deve superare prima che la Dragon 2 sia certificata per condurre voli operativi dell’equipaggio verso e dalla ISS.

SpaceX ha completato con successo i test del motore di Crew Dragon e ha lanciato i test del sistema di fuga. Ha avuto alcuni contrattempi, ma sembra aver superato anche quelli. E sembra che la pandemia di Coronavirus, non ritarderà il test Demo-2 o la prima missione operativa con equipaggio sull’ISS.

Crew Dragon: aggiunti altri due astronauti al primo volo della capsula Tecnoandroid

OnePlus 8, l’azienda conferma ufficialmente alcune caratteristiche chiave

Wed, 04/01/2020 - 18:45

OnePlus 8, l’azienda conferma ufficialmente alcune caratteristiche chiave Tecnoandroid

Ci separano appena quattordici giorni al debutto di OnePlus Series 8, ma Pete Lau, CEO dell’azienda, ha nelle scorse ore pubblicato sul forum OnePlus un post molto corposo in cui emergono quelle che sono le specifiche tecniche chiave che caratterizzeranno i nuovi smartphone.

OnePlus aveva già annunciato, nel mese di Gennaio, che i nuovi smartphone OnePlus della serie 8 avrebbero sfoggiato un incredibile schermo con frequenza di aggiornamento a 120 Hz, in grado di promuovere un nuovo livello di esperienza utente più fluida e coinvolgente. A ciò, Pete Lau ha aggiunto una nuova serie di informazioni. Il CEO di OnePlus, ha riferito, per esempio, che lo smartphone sarà dotato della “configurazione più potente fino ad oggi”: il SoC Qualcomm Snapdragon 865, accompagnato ad una RAM LPDDR5 ed una memoria interna di tipo UFS 3.0, che garantirà un notevole aumento delle prestazioni del sistema e ridurre al tempo stesso il consumo energetico.

OnePlus 8, le altre caratteristiche

Nello specifico, il SoC Snapdragon 865 offre un aumento del 25% delle prestazioni della CPU, un aumento del 25% nei tempi di rendering della GPU, con un risparmio energetico del 25%. La piattaforma offre, inoltre, una riduzione del 16% del consumo energetico durante le riprese video e un aumento del 40% della potenza di elaborazione dei pixel dei video.

Queste sono le informazioni confermate ufficialmente da OnePlus. Tra le caratteristiche presunte, invece, ricordiamo la tripla fotocamera posteriore questo dovrebbe comporsi di un sensore principale da 48 megapixel, un obiettivo ultra-wide da 16 megapixel e una lente macro da 2 megapixel. La fotocamera per selfie, infine, dovrebbe essere da 16 megapixel.

OnePlus 8, l’azienda conferma ufficialmente alcune caratteristiche chiave Tecnoandroid

Come trasferire file e dati da un vecchio smartphone Android ad uno nuovo

Wed, 04/01/2020 - 18:30

Come trasferire file e dati da un vecchio smartphone Android ad uno nuovo Tecnoandroid

Quel tuo vecchio smartphone ti ha accompagnato nei momenti più belli e più brutti della tua vita. Custodisce alcuni dei ricordi più importanti… la canzone che lei hai dedicato, quella del vostro primo bacio, quella che ha accompagnato i racconti malinconici di una notte di mezza estate. Le foto in spiaggia, della tua migliore amica un po’, per così dire, fuori di sé, di quel tramonto bellissimo in montagna, del muso buffo del tuo gatto, il primo giorno di scuola di tuo figlio; ma anche alcune informazioni necessarie, come strumenti e documenti di lavoro, contatti di clienti, di amici e familiari lontani, dati per accedere ai servizi online, e chi più ne ha più ne metta.

E’ tutto lì, sul tuo vecchio smartphone, e adesso che stai per passare al tuo nuovo smartphone, il tuo prossimo compagno di avventure, temi che tutto ciò possa andare perso o che sia destinato a restare per sempre sul tuo vecchio dispositivo? Assolutamente no. Dr.Fone – Phone Transfer, infatti, offre tutto ciò che è necessario per trasferire file da uno smartphone Android all’altro, in modo sicuro, facile e veloce.

Dr.Fone, il dottore del tuo smartphone. Cos’è e come funziona?

Come si può facilmente intuire dal nome, Dr.Fone è il “dottore” del tuo smartphone, una suite che offre tutti gli strumenti necessari per riparare i più comuni problemi di uno smartphone. E’ possibile, per esempio, recuperare messaggi, foto, video, contatti e dati dalla memoria interna di un dispositivo Android qualora questo dovesse essere inaccessibile (ad esempio, quando lo schermo è rotto), o recuperare file cancellati accidentalmente dalla microSD. O ancora, è possibile riparare un iPhone qualora questo non dovesse accendersi e rimane bloccato con il logo della mela di Apple, o ancora quando si riavvia ripetutamente.

La suite offre una serie di funzioni utili, come quella di Recovery (recupero dati cancellati per sbaglio o che, in un modo o nell’altro, sono andati persi), Transfer (trasferimento di file e dati da un dispositivo all’altro), Backup & Ripristino (per salvare tutti i dati sul computer e ripristinarli su un nuovo smartphone) e Delete (per cancellare definitivamente tutti i dati memorizzati sullo smartphone, diventando, così, irrecuperabili). Il tutto è accompagnato da un’interfaccia utente pulita ed intuitiva, che rende questo software di facile utilizzo anche per gli utenti meno esperti.

Uno degli strumenti più utili che Dr.Fone offre, è sicuramente Phone Transfer, grazie al quale è possibile trasferire diversi tipi di file da uno smartphone all’altro. Nello specifico, Dr.Fone – Phone Transfer permette di:

  • Trasferire undici tipi di file da smartphone Android a smartphone Android (foto, video, contatti, messaggi, cronologia chiamate, segnalibri, calendario, memo vocale, lista nera di contatti, musica e app)
  • Trasferire nove tipi di file da smartphone Android ad iPhone (foto, video, contatti, messaggi, cronologia delle chiamate, segnalibri, calendario, memo vocali e musica)
  • Trasferire quindici tipi di file da iPhone ad Android (foto, video, contatti, lista nera dei contatti, messaggi, cronologia delle chiamate, segnalibri, calendario, memo vocali, musica, sveglie, segreteria telefonica, suonerie, sfondi e note)
  • Trasferire quindici tipi di file da iPhone a iPhone (foto, video, contatti, messaggi, cronologia chiamate, segnalibri, calendario, memo vocale, musica, sveglie, segreteria telefonica, suonerie, sfondi, memo e cronologia safari).
Come trasferire file da uno smartphone Android all’altro con Dr.Fone – Phone Transfer

In questo articolo, ci occuperemo del trasferimento dei file da uno smartphone Android ad un altro. Anzitutto, occorre installare ed eseguire Dr.Fone sul computer, e cliccare sulla voce Phone Transfer dalla schermata principale. In questo modo, viene avviata la procedura per il trasferimento dei dati da uno smartphone Android all’altro.

A questo punto, dovrai collegare entrambi i tuoi dispositivi Android (sia quello vecchio dal quale si vogliono esportare i file, che quello nuovo) al computer tramite cavo USB. Una volta riconosciuti, sarai in grado di visualizzare entrambi gli smartphone sulla finestra. A sinistra, il “source”, ovvero lo smartphone dal quale dovrai esportare i file; a destra, invece, il “target”, ovvero il dispositivo sul quale si vuole trasferire i dati.

Al centro, potrai notare una finestra che raggruppa tutti i contenuti che puoi trasferire sul tuo nuovo smartphone. Puoi selezionare e deselezionare tutti i file che ti interessano. A questo punto, occorre cliccare sulla voce “Avvia trasferimento” per iniziare a trasferire tutti i contenuti da te selezionati dal tuo vecchio dispositivo a quello nuovo.

Il gioco è fatto. In appena qualche minuto, avrai trasferito tutti i tuoi file sul tuo nuovo smartphone Android. Facile, no? Prova adesso Dr.Fone – Phone Transfer per trasferire file dal tuo vecchio dispositivo ad un altro, ed usufruisci del nostro codice SENTINA01 per ricevere un fantastico sconto del 20%. L’offerta è valida fino al prossimo 30 Aprile.

Come trasferire file e dati da un vecchio smartphone Android ad uno nuovo Tecnoandroid

Facebook stanzia 100 milioni di dollari per i giornalisti

Wed, 04/01/2020 - 18:15

Facebook stanzia 100 milioni di dollari per i giornalisti Tecnoandroid

Il social network Facebook ha recentemente deciso di mettere su un piatto 100 milioni di dollari di fondi per sostenere i giornalisti, attualmente in un periodo di difficoltà.

Un focus maggiore lo avranno le notizie locali, ecco la dichiarazione di Zuckerberg: “In questo momento i giornalisti stanno lavorando in condizioni molto difficili per tenere informate le loro comunità, e molti editori sono in difficoltà a causa dell’impatto economico dell’epidemia“.

 

Facebook: 100 milioni di dollari in favore dei giornalisti

La cifra, come ha spiegato Zuckerberg, è in aggiunta ai 300 milioni di dollari, stanziati solamente qualche settimana fa, per sostenere l’informazioni, specialmente quella locale, nei prossimi anni. Solamente qualche giorno fa abbiamo parlato di altri 100 milioni di dollari che la piattaforma ha stanziato in favore delle PMI, anch’esse in un periodo molto difficile.

Ecco l’aggiunta del CEO durante la sua dichiarazione: “L’informazione locale è particolarmente colpita dalla crisi, quindi stiamo impegnando 25 milioni per dare finanziamenti d’emergenza attraverso il Facebook Journalism Project, e altri 75 milioni in spesa pubblicitaria per sostenere giornalisti ed editori“. La mossa della piattaforma ha l’obiettivo di sostenere il giornalismo di qualità in un periodo nel quale la disinformazione dilaga in tema coronavirus.

Su questo punto, il colosso ha deciso qualche settimana fa di eliminare qualsiasi pubblicità proponga gel disinfettanti, mascherine per il viso e molti altri oggetti che potrebbero creare panico agli utenti, soprattutto a quelli che non li possiedono. Il motivo è che i prodotti appena menzionati, sono principalmente proposti a prezzi esorbitanti, fino ad arrivare a 200 euro l’uno. Vi terremo aggiornati nei prossimi giorni.

Facebook stanzia 100 milioni di dollari per i giornalisti Tecnoandroid

Approvato il trapianto al cervello che trasforma i pensieri in parole

Wed, 04/01/2020 - 18:00

Approvato il trapianto al cervello che trasforma i pensieri in parole Tecnoandroid

Gli scienziati hanno sviluppato un sistema di intelligenza artificiale in grado di tradurre i pensieri in parole analizzando l’attività cerebrale. I ricercatori hanno sviluppato questo sistema per decifrare fino a 250 parole in tempo reale, in media 30-50 frasi.

L’algoritmo è stato testato utilizzando i segnali neurali di quattro donne con elettrodi impiantati nel cervello, già presenti per il monitoraggio delle crisi epilettiche. I volontari hanno ripetutamente letto frasi ad alta voce. Nel frattempo i ricercatori hanno fornito i dati dal cervello all’intelligenza artificiale per deselezionare schemi che potrebbero essere associati a singole parole. Il tasso di errore medio delle parole in un set ripetuto di frasi è stato pari al 3%.

A distanza di un decennio da quando un discorso è stato decodificato per la prima volta partendo dai segnali del cervello umano, l’accuratezza e la velocità rimangono molto al di sotto di quelle del discorso naturale“, afferma un report pubblicato questa settimana sulla rivista Nature Neuroscience.Prendendo spunto dai recenti progressi nella traduzione automatica, abbiamo formato una rete neurale ricorrente per codificare ogni sequenza di attività neuronali in una rappresentazione astratta. Quindi per decodificare questa rappresentazione, parola per parola, in una frase.”

Una nuova tipologia di trapianto al cervello permetterà di intercettare e trasformare i nostri pensieri in parole

Il decodificatore si basa sull’apprendimento della struttura di una frase e sul suo utilizzo per migliorare le sue previsioni. Ciò significa che ogni nuova parola aumenta il numero di frasi possibili, riducendo quindi l’accuratezza complessiva. Una possibilità potrebbe essere quella di combinarlo con altre tecnologie di interfaccia cervello-computer che utilizzano diversi tipi di impianti e algoritmi. L’anno scorso, un rapporto della Royal Society affermava che le interfacce neurali che collegano i cervelli umani ai computer consentiranno la vera e propria lettura della mente tra le persone.

Il report cita le tecnologie attualmente in fase di sviluppo dalla startup Neuralink di Elon Musk e Facebook, che descrivono la telepatia del cyborg come la prossima grande ondata nel computing orientato all’uomo. La Royal Society ha stimato che tali interfacce saranno un’opzione per il trattamento di malattie come l’Alzheimer entro due decenni. “Le persone potrebbero diventare telepatiche in una certa misura, in grado di conversare non solo senza parlare ma senza parole”, affermano i ricercatori. Ci saranno anche applicazioni futuristiche che permetteranno di assaggiare e annusare virtualmente senza provare fisicamente la sensazione.

Approvato il trapianto al cervello che trasforma i pensieri in parole Tecnoandroid

Pages