Tecnoandroid

Condividi su:


MANUALINUX


Subscribe to Tecnoandroid feed
Il sito e il forum più completo in Italia su Android. News, guide, approfondimenti, app e giochi per Android e una grande community italiana.
Updated: 2 hours 11 min ago

Unieuro: con l’offerta “Passione Casa” avrete in omaggio un’asciugatrice

8 hours 30 min ago

Unieuro: con l’offerta “Passione Casa” avrete in omaggio un’asciugatrice Tecnoandroid

Sul noto store di elettronica Unieuro sono presenti numerose offerte e promozioni interessanti, ma ora è arrivata una novità ancora più accattivante. Con la nuova promozione denominata “Passione Casa”, infatti, con l’acquisto di un elettrodomestico tra quelli selezionati si potrà ricevere in omaggio un’asciugatrice.

 

Ecco la nuova promozione “Passione Casa” di Unieuro

La nuova iniziativa lanciata dal noto store Unieuro, come già accennato, è davvero accattivante e da non lasciarsi sfuggire. Come già accennato, con l’acquisto di un elettrodomestico verrà offerta in omaggio un’asciugatrice. In base al prodotto prescelto, verrà offerta in regalo un’asciugatrice di svariati marchi molto famosi, come Whirpool, Bosch, Candy ed Electrolux.

Ma non finisce qui. Oltre ad avere questo omaggio, infatti, alcuni tra gli elettrodomestici selezionati per la promozione possono avere uno sconto che può arrivare ad addirittura il 50%. Tra questi prodotti, ad esempio, vi segnaliamo la lavatrice Bosch Serie 6 WAT28639IT con caricamento frontale da 9 kg. Con questo prodotto sarà offerta in omaggio, in particolare, un’asciugatrice Bosch, e in totale sarà necessario spendere soltanto 899 euro.

Vi segnaliamo inoltre in offerta la lavastoviglie Whirpool WIC 3T224 PFG A di classe A++. Quest’ultima viene proposta con uno sconto pari al 51% e viene sempre offerta in omaggio in abbinata un’asciugatrice Whirpool, il tutto ad un unico prezzo pari a 699 euro. Vi ricordiamo però che, se siete intenzionati ad usufruire di questa promozione, avrete tempo soltanto fino all’8 ottobre 2020. Per consultare eventualmente tutti i prodotti selezionati con questa promozione che prevede un’asciugatrice in regalo, vi invitiamo a consultare il seguente link.

 

Unieuro: con l’offerta “Passione Casa” avrete in omaggio un’asciugatrice Tecnoandroid

Tesla Model Y: l’Acceleration Boost che vale più di 2000 dollari

8 hours 34 min ago

Tesla Model Y: l’Acceleration Boost che vale più di 2000 dollari Tecnoandroid

Tesla è un’azienda statunitense specializzata nella produzione di auto elettriche, pannelli fotovoltaici e sistemi di stoccaggio energetico. Questa ha da poco lanciato il nuovo aggiornamento software che migliora le prestazioni del suo SUV elettrico Model Y Dual Motor; Il nome è “Acceleration Boost” e lo abbiamo già incontrato sulla Model 3 Dual Motor. Elon Musk, uno degli ideatori dell’azienda, è solito stupire i suoi clienti con aggiornamenti sopra le righe e progetti che vanno oltre l’immaginario. Stavolta ha scelto di incrementare le prestazioni di Tesla Model Y migliorando lo scatto da 0 a 60 miglia orarie (96 Km/h) di mezzo secondo, ad un costo di 2.000 dollari. In questo modo il tempo scende da 4,8 a 4,3 secondi.

 

Tesla Model Y: in cosa consiste il nuovo aggiornamento

Il pacchetto è reperibile direttamente dall’app mobile di Tesla in pochi e semplici passaggi. Acceleration Boost offre cerchi più grandi ed una maggiore velocità massima. Insomma, una soluzione perfetta (nonostante il costo elevato) per chi è interessato unicamente alla capacità di accelerazione. Tutto questo però è possibile solo se si possiede già la versione 2020.36 del software dell’auto.

L’aggiornamento, in sintesi, va a sbloccare capacità già presenti nell’auto. Per questa ragione in America ci sono alcune società che si occupano di tuning che propongono la stessa cosa. Pertanto la società di Elon Musk ha deciso di iniziare un percorso verso il blocco di tutte le modifiche non autorizzate.

Forse l’aggiornamento di Tesla è ai limiti del credibile, se pensate che la nota azienda ha richiesto e richiede tutt’ora una cifra pari a 2000 dollari in cambio di un sensibile miglioramento delle capacità dell’auto. Ciò significa che da 0 a 100 km/h lo spunto sarà di soli 4,3 secondi (da 4,8). Alquanto esagerato, oseremmo dire.

 

Tesla Model Y: l’Acceleration Boost che vale più di 2000 dollari Tecnoandroid

Costi nascosti nelle offerte: questi operatori non rinunciano ai VAS

8 hours 40 min ago

Costi nascosti nelle offerte: questi operatori non rinunciano ai VAS Tecnoandroid

Molte persone hanno compreso la differenza tra offerte Standard ed MVNO. Per le ultime il contesto del low-cost e della trasparenza è applicato a macchia d’olio. L’unica eccezione fuori contesto nel campo degli operatori reali è rappresentata da Iliad che fin dal primo giorno ha promesso la più completa fluidità tariffaria senza costi nascosti o sovrapprezzo per segreteria telefonica, chiamate all’estero e servizi di richiamata.

Per TIM, Vodafone e WindTre, invece, la situazione è ben diversa a causa dei già noti VAS meglio conosciuti come servizi a valore aggiunto. Fanno ciò che promettono, ovvero offrono un surplus rispetto alle condizioni tariffarie standard definite da un contratto che però non li cita espressamente. Ultimamente lo scandalo WindTre ha risollevato la questione. Ecco cosa ha detto Adiconsum – associazione a tutela dei diritti del consumatore attiva e riconosciuta dal 1987 quale garante.

 

Servizi VAS nascosti nelle offerte: sono loro a prendere il tuo credito

Come già detto, WindTre è il primo gestore telefonico ad entrare in ottica trasparenza dopo una ridefinizione degli standard di rete che stanno valendo ottima copertura ed ottime opzioni tariffarie. Il cliente può disattivare i servizi manualmente con una procedura che ottima una condizione valida a tempo indeterminato. Le silenti condizioni a pagamento si possono eliminare richiedendo anche l’eventuale restituzione delle somme prelevate.

Mauro VergariResponsabile Ufficio Studi, Ricerche e Innovazione di Adiconsum e rappresentante del CNCU al tavolo AGCOM sui VAS, ha spiegato che:

“Questa è da sempre una battaglia di Adiconsum e delle altre associazioni consumatori. Solo escludendo in maniera automatica i c.d. servizi a sovrapprezzo che interessarono anni fa migliaia di utenti della telefonia fissa, infatti, si riuscirono a sradicare pratiche commerciali scorrette. È arrivato il momento che ciò si realizzi anche per la telefonia mobile.” 

Costi nascosti nelle offerte: questi operatori non rinunciano ai VAS Tecnoandroid

Huawei Mate 40 Pro: caratteristiche, uscita e prezzo

8 hours 45 min ago

Huawei Mate 40 Pro: caratteristiche, uscita e prezzo Tecnoandroid

Nonostante le svariate problematiche che Huawei si ritrova a dover affrontare in questo 2020, lo sviluppo e la produzione di nuovi interessantissimi modelli continua. I ban dell’amministrazione Trump nei confronti dell’azienda cinese avevano quasi portato al collasso Huawei, che però sembra continuare a lavorare a testa bassa su device estremamente interessanti.

Tra questi troviamo proprio la nuova serie Mate 40, mancata all’appello durante Ifa 2020 di settembre, ma attesa per la presentazione entro la fine dell’anno. Previsti due diversi modelli: il Mate 40 e il Mate 40 Pro, che in passato ci hanno sempre sorpreso su diversi fronti, in particolare quello della fotocamera. Ma vediamo quali sono le caratteristiche tecniche di questi due nuovi top di gamma.

 

Le caratteristiche del Mate 40 Pro

Ancora non si sa molto sulle decisioni relative al software. Dopo il ban relativo ai servizi Google da parte degli Stati Uniti, Huawei non si è data per vinta e ha deciso di sviluppare un sistema operativo proprietario, Harmony OS. Sebbene la sua presentazione sia ufficiale, così come il suo sviluppo, non sappiamo ancora se la nuova serie Mate 40 monterà una versione di Android privata dei servizi Google o se verrà presentata con Harmony OS a bordo. Senza dubbio lo sviluppo di un nuovo ecosistema Huawei potrebbe rappresentare un vero e proprio terremoto nel settore, minando la stabilità e la diffusione di Android nel mondo. Ma veniamo alle novità tecnologiche del Mate 40 Pro.

Secondo le indiscrezioni dovrebbe montare un display Full HD+, più grande del suo predecessore, tra i 6,6 e i 6,8″. Inoltre, dovrebbe essere presente anche il refresh rate a 120hz, divenuto ormai lo standard nei top di gamma di questo 2020. Sul fronte processore ci sono numerose indiscrezioni che puntano il dito sul Kirin 1020 5G, realizzato da TSMC e successore del Kirin 990. Rispetto al modello precedente presenterebbe una costruzione a 5nm e una potenza del 15% superiore. Inoltre, la ram potrebbe essere DDR5 con un modulo da 8 o da 12GB, mentre i tagli di memoria partirebbero da 128 fino a 512GB.

Ma è da sempre la fotocamera il pezzo forte della serie Mate, che in passato si è distinta per dei moduli fotografici innovativi e qualitativamente eccellenti. I rumors parlano della possibilità di avere 5 fotocamere posteriori, con due moduli da 50MP, sensore TOF e modulo grandangolare. Per quanto riguarda la parte anteriore, dovrebbero esserci ben 2 moduli da 32MP, per garantire una qualità estrema anche nei selfie e nelle videochiamate.

Sul fronte del design è ancora tutto da scoprire. I render apparsi in rete presentano fin troppe somiglianze con la serie Mate 30, con un notch fin troppo generoso per gli standard attuali e una fotocamera posteriore a oblò identica al passato, con l’aggiunta di una fotocamera in più.

 

Prezzo, disponibilità e futuro

Sul lato prezzo ancora è presto per avere delle sicurezze, ma per il modello Pro possiamo essere quasi certi di un prezzo superiore ai 1000€, magari orientato verso i 1.200€. L’uscita è sicuramente prevista entro la fine del 2020, ma secondo alcune indiscrezioni il lancio sarebbe previsto per il mese di ottobre.

Occorre pazientare ancora qualche settimana per saperne di più, per attendere finalmente l’annuncio ufficiale di Huawei. Una volta tolti i veli dai due nuovi modelli, potremmo finalmente scoprire un nuovo device eccezionale, ma soprattutto la situazione e le scelte di Huawei per il suo stesso futuro.

Huawei Mate 40 Pro: caratteristiche, uscita e prezzo Tecnoandroid

Amazon Alexa: come funziona la nuova modalità Traffic Stop

8 hours 50 min ago

Amazon Alexa: come funziona la nuova modalità Traffic Stop Tecnoandroid

La nuova dashcam per auto di Amazon supporta Alexa e può essere impostata per registrare video tramite comando vocale se la polizia decide di fermarti. La funzione chiamata Traffic Stop si attiverà al comando “Alexa, mi stanno facendo accostare“.

In seguito al comando vocale l’assistente digitale registrerà il video dell’interazione, avviserà alcuni contatti preimpostati e in seguito salverà l’evento nel cloud. “In queste occasioni avere video è importante, per dimostrare eventualmente se ci si comporta in maniera appropriata“. “Quindi, abbiamo sviluppato una funzionalità sulla base di questo.” La nuova funzionalità arriva in un momento in cui il rapporto dei prodotti targati Ring con le forze dell’ordine è messo in discussione.

Secondo quanto riferito, la società ha collaborato con oltre 400 organizzazioni di polizia negli USA, dando loro il permesso di guardare i filmati degli utenti violando la privacy. Un accordo segreto tra Ring e le agenzie di polizia ha anche confermato che per qualche motivo questa relazione debba essere mantenuta “riservata”.

Traffic Stop, la nuova funzione della dashcam  di Ring da utilizzare in auto per registrare gli incontri con la polizia

Jamie Siminoff, il fondatore di Ring, afferma che la società è stata trasparente con i clienti sul suo rapporto con le forze dell’ordine. Ha sottolineato che i proprietari della dashcam in questione possono scegliere di fornire filmati alle autorità se richiesto. “Siamo stati molto proattivi nel raccontare loro questo“, racconta Siminoff a Business Insider in merito al lancio di Ring Car Cam con Traffic Stop.

“Penso che gli utenti siano molto a loro agio, abbiamo portato la privacy al livello successivo“. Secondo quanto riferito, Amazon ha istruito gli agenti di polizia su come convincere i residenti a consegnare i filmati, attraverso un “Portale delle forze dell’ordine“. Altre caratteristiche della Car Cam includono la protezione dell’auto degli utenti quando è parcheggiata, che si accenderà e registrerà video se rileva un urto o un forte rumore.

Il proprietario può quindi guardare un video dall’interno dell’auto o attivare l’allarme. La Ring Car Cam avrà un prezzo di $ 200 negli Stati Uniti e prevede un abbonamento ad Internet per caricare video. Amazon non ha ancora annunciato i prezzi per l’abbonamento.

Amazon Alexa: come funziona la nuova modalità Traffic Stop Tecnoandroid

Boeing 747 ed Airbus A380: dopo il 737 Max è tempo di addii

8 hours 55 min ago

Boeing 747 ed Airbus A380: dopo il 737 Max è tempo di addii Tecnoandroid

 

Boeing è la compagnia aerea caduta nel baratro della disperazione dopo la perdita di fiducia avutasi con i clamorosi incidenti dei 737 Max, per i quali si è recentemente scoperta una scioccante verità dai documenti ufficiali. La società è tutt’altro che pronta per ripartire complice non solo la perdita di potere commerciale ma anche il Covid che ha costretto ad una ridefinizione della flotta con i Boeing 747 e gli Airbus A380 pronti a dire addio al cielo. Ecco le cause delle scelte.

 

Boeing 747 ed Airbus A380 in cimitero

Far volare i jumbo jet non conviene più. Sono enormi aerei che dovendo rispettare le regole del distanziamento sociale non sono in grado di garantire alla società un equilibrio economico accettabile. Le spese richieste per decollo, volo ed atterraggio sono ingenti e costringono la multinazionale a rinunciare a due dei velivoli più famosi al mondo.

A introdurre questa novità è stata Bloomberg che parla di una catastrofica situazione finanziaria per il segmento dell’aviazione passeggeri. I due giganti del cielo non solcheranno più le somme vette equatoriali e tropicali con il 97% della flotta A380 seguita dal 91% dei 747 parcheggiati negli hangar preposti al ruolo di cimitero.

Nel frattempo si sta quindi valutando l’uso di aerei più piccoli che inducano il giusto compromesso tra comodità, costi e qualità. Previsto un Boeing 747-8 che riduca al minimo le perdite altrimenti inevitabili con l’uso di questi autentici mostri. L’aggiornamento dei precedenti modelli è servito a poco con le nuove possibilità che restano l’unico spiraglio per una ripresa economica che tarda ad arrivare e sembra sempre più lontana. Ci si potrà arrivare con i nuovi aerei? Potremmo scoprirlo presto. Seguiteci per ulteriori approfondimenti.

Boeing 747 ed Airbus A380: dopo il 737 Max è tempo di addii Tecnoandroid

WhatsApp e Telegram scoperti: molti passano alla nuova app segreta

9 hours 51 sec ago

WhatsApp e Telegram scoperti: molti passano alla nuova app segreta Tecnoandroid

Potreste pensare che la presenza di un lucchetto all’interno di chat e gruppi WhatsApp possa significare immunità assoluta contro le spie. Neanche Telegram riesce ad offrire un layer di sicurezza di alto livello nonostante la presenza delle chat segrete e di una politica privacy davvero molto restrittiva nei confronti di enti, autorità e Governi. Tutto ciò che viene pubblicato o condiviso online è sempre potenzialmente online, in un modo o nell’altro.

Più volte Mark Zuckerberg è stato posto di fronte al Gran Giurì per l’utilizzo in debito dei dati personali degli utenti. Popolazione digitale che non ci sta più dopo aver scoperto l’esistenza di una nuova app segreta, divenuta tale dopo le segnalazioni fatte pervenire da esperti di IT Security del calibro di Edward Snowden. Stiamo chiaramente parlando di Signal, ad onor del vero poco usata ma rispetto alle antagoniste ma da prendere in seria considerazione per una comunicazione che vesta il mantello dell’invisibilità in ogni contesto. Scopriamo perché è così unica.

 

WhatsApp e Telegram; anni di servizio buttati al vento dopo l’arrivo della nuova app

Il CEO di Twitter la usa ogni giorno mentre Snowden è fermamente convinto del fatto che non esistei una piattaforma che meglio possa rappresentare il concetto di privacy digitale. L’app chiamata Signal è tutto questo e molto altro. Non rinuncia a messaggi arricchiti con emoji Unicode aggiornati, GIF, sticker e potenti strumenti convenzionali di condivisione per foto, video e documenti. Ogni cosa è al posto giusto con l’inclusione di un sistema di messaggistica ad alto livello di riservatezza.

La funzionalità di protezione è garantita da algoritmi logico-matematici di alto livello che vanno ben oltre l’uso del sistema di chiavi pubblico-provati con crittografia militare. Un’intelligenza artificiale è preposta al mixaggio delle cifre alfanumeriche identificative concesse dal server per l’identificazione utente. Si rimane perfettamente aononimi sia per l’uso dei semplici messaggi e dello share che per chiamate e video chiamate che tutto sommato risultano essere, nonostante quale rallentamento dovuto al processo di riconversione dei pacchetti, perfettamente funzionali.

L’app gratuita è disponibile come download dal Play Store di Google e per gli iPhone. Ma non solo. Gli utenti fedeli alla piattaforma possono continuare a chattare e condividere in sicurezza anche da PC, Linux e macOS grazie al software creato ad hoc. Ogni limite è solo un’idea. Chattare non è mai stato così piacevole e sicuro. Lontani da occhi ed orecchie indiscrete grazie anche ai messaggi a tempo che molti utenti WhatsApp stanno ancora aspettando da mesi.

WhatsApp e Telegram scoperti: molti passano alla nuova app segreta Tecnoandroid

Tasse e pignoramenti, da ottobre la stangata per milioni di italiani

9 hours 4 min ago

Tasse e pignoramenti, da ottobre la stangata per milioni di italiani Tecnoandroid

In vista dell’autunno ci sono tante novità da segnalare per quanto concerne il capitolo tasse. A seguito dello stop forzato dal Governo in occasione dei mesi per l’emergenza Covid, a partire dalla prossima metà di Ottobre, l’Agenzia delle Entrate tornerà ad essere operativa. Già programmati, quindi, invii di richieste di pagamento e di cartelle esattoriali.

 

Tasse e pignoramenti, lo sblocco a partire da metà Ottobre.

Il giorno in cui il Fisco ritornerà alle sue piene attività è quello del 15 Ottobre. Da metà del prossimo mese, saranno consegnati nelle case degli italiani ben 9 milioni di fascicoli a persone singole e partite IVA.

Si ferma quindi lo stop dei pagamenti, imposto dal Governo come misura di sostegno durante l’emergenza Covid. Oltre alla riscossione delle tasse, il Fisco potrà anche effettuare pignoramenti di beni per i contribuenti che non procedono al versamento del debito.

Ovviamente questa notizia non entusiasma i cittadini. A protestare in maniera più vigorosa sono i proprietari di attività commerciali, che denunciano una ancora non piena ripresa delle attività e dell’economia a seguito del lockdown.

Sino all’ultimo, le associazioni a difesa delle attività commerciali cercheranno di ottenere un’ulteriore proroga per i pagamenti delle tasse. Da non escludere poi l’ipotesi di un saldo e stralcio. Anche in base agli orientamenti politici del Parlamento e della maggioranza di governo, potrebbe essere approvata questa norma che prevede, per alcune circostanze e per cittadini con reddito medio/basso, una riduzione del debito verso il Fisco a patto di un immediato pagamento delle somme da versare alle casse dello Stato.

Tasse e pignoramenti, da ottobre la stangata per milioni di italiani Tecnoandroid

Internet: senza WiFi o 4G è possibile navigare ovunque ed usare app

9 hours 10 min ago

Internet: senza WiFi o 4G è possibile navigare ovunque ed usare app Tecnoandroid

Qualcuno di voi è in grado di usare Internet senza WiFI o 4G? Non stiamo parlando di sfruttare la nuova rete statale gratuita ma di accedere al network senza dover contare su servizi forniti da TIM, WindTre, Vodafone, Iliad, Fastweb, o MVNO. In modo del tutto apparente sembra che una cosa simile non sia possibile. Eppure c’è un sistema per accedere ad una nuova serie di offerte che si svincolano dai canali pubblici tradizionali. Ecco come tante persone riescono a collegarsi ovunque al Web ed alle app.

 

Internet: nasce la rete che non usa WiFi oppure offerte 4G

Chi non può contare su una rete terrestre può affrontare limitazioni e disservizi dei gestori telefonici grazie ad operatori del calibro di Konnect ed OpenSky. Per molti sono volti del tutto nuovi del panorama networking ma garantiscono una connettività always-on per l’uso di Internet via Satellite. Proprio come una rete mobile dedicata anche tali provider godono di alcuni vantaggi e svantaggi importanti.

Il primo vantaggio tangibile di una infrastruttura del genere è la persistenza intesa come la capacità di garantire un segnale anche in presenza di evidenti difficoltà tecniche. Il segnale funziona sempre anche in condizioni ambientali sfavorevoli. Vincoli architettonici ed infrastrutturali non minano il segnale. Il rovescio della medaglia sono costi e velocità.

Per i primi si parla di tariffe decisamente più care e meno bilanciate rispetto alle proposte degli ISP terrestri. Servono opportune apparecchiature ed interventi tecnici specifici per l’installazione delle stazioni riceventi. Il lag time è più ampio a causa della maggiore distanza dalla sorgente. In casi rari si superano i 10 Mbps di banda per un costo minimo di 35 Euro cui esulano le componenti VoIP (da pagare a parte) ed il P2P ora completamente assente. Per i contenuti si ottengono da 10 a 15 Giga al mese con navigazione illimitata solo di notte senza costi extra.

Si tratta, come si è potuto comprendere, di una alternativa alle reti Internet conosciute. Utile laddove il segnale dell’operatore standard non può arrivare o dove il digital divide riveste ancora un ruolo di primaria importanza.

Internet: senza WiFi o 4G è possibile navigare ovunque ed usare app Tecnoandroid

Asteroide: ciò che arriverà terrorizza, si deve deviare ad ogni costo

9 hours 15 min ago

Asteroide: ciò che arriverà terrorizza, si deve deviare ad ogni costo Tecnoandroid

Telegiornali e radio non fanno altro che parlare del nuovo asteroide in arrivo sulla Terra. Si vive un momento di incertezza per un ammasso di materiale planetario che rischia di diventare un vero pericolo. Tanto temuto da impensierire persino i capaci scienziati di NASA ed ESA che per l’occasione stanno mettendo a punto un nuovo piano per deviare ad ogni costo l’ospite indesiderato. Scopriamo quali sono state le dichiarazioni e come si intende adoperare una tecnologia tutta italiana per fare fronte al nuovo meteorite.

 

Asteroide: la minaccia alla Terra è verificata: agenzie in ansia per il potenziale impatto letale

Il contesto della missione chiamata Hera vede la partecipazione delle agenzie aerospaziali americana ed europea. L’azione si basa su un contratto da 129,4 milioni di euro atto a finalizzare un piano di difesa planetaria per il meteorite previsto entro il 2024.

L’Italia si trova tra i sette Paesi inseriti quali partner per la missione insieme a Belgio, Lussemburgo, Portogallo Repubblica Ceca, Romania e Spagna.
Franco Ongaro, direttore della Tecnologia, ingegneria e qualità dell’Esa e responsabile del centro per la scienza e la tecnologia dell’Esa (Estec), ha riferito che:

«il nuovo accordo è estremamente significativo perché corona l’idea di Andrea Milani, proposta molti anni fa».

La sottoscrizione dell’intesa consolida il rapporto tra Europa e Stati Uniti in una delle missioni più sensibili ed ambiziose che si siano mai viste. Nel corso dell’intervista, Ongaro ha continuato dicendo che:

«Sull’idea di Milani la Nasa ha organizzato una missione e ci ha chiesto di partecipare. È una missione fondamentale perché stiamo aumentando la capacità di scoprire e edere nuovi asteroidi ed è la prima volta che nella realtà si prova a deviare la traiettoria di un asteroide: vogliamo vedere se ci riusciamo e se in futuro saremo in grado di farlo».

La nostra nazione avrà il compito di finalizzare la costruzione di un trasmettitore in grado di gestire ed interpretare i segnali degli esperimenti con lo scopo di deviare l’asteroide prima che questo possa creare danni superficiali a territori e popolazione.

Per Eduardo Bellido, amministratore delegato di Thales Alenia Space in Spagna:

«la nostra tecnologia fornirà dati essenziali agli scienziati per stabilire una strategia di difesa del Pianeta».

Una soluzione che si potrà impiegare anche in vista del passaggio per 99942 Apophis, le cui caratteristiche stanno terrorizzando gli scienziati così come evidenziato nelle analisi condotte al link precedente.

Asteroide: ciò che arriverà terrorizza, si deve deviare ad ogni costo Tecnoandroid

Stop ai contanti: arrivano i bonus per favorire i pagamenti con pos

9 hours 20 min ago

Stop ai contanti: arrivano i bonus per favorire i pagamenti con pos Tecnoandroid

Il primo di luglio ha preso il via il decreto fiscale introducendo la nuova stretta ai pagamenti del tutto in contanti. Il tetto è così sceso da 3mila a 2mila euro con l’obiettivo di contrastare l’evasione fiscale, il lavoro nero e il riciclaggio di denaro. Pertanto se si superano i 2mila euro è indispensabile usare un mezzo di pagamento tracciato, dall’assegno al bonifico, a bancomat e carte di credito. In questo modo, dicendo stop ai contanti, risulta molto più semplice per il Fisco tenere il controllo del flusso di denaro, in particolar modo il fenomeno dell’evasione e dei lavori in nero.

 

Stop ai contanti: le nuove sanzioni e i bonus

Innanzitutto è indispensabile introdurre le sanzioni a cui si va incontro. Chi viola le disposizioni fino ai 250mila euro riceverà una multa che va dai 2mila ai 5mila euro. Ma per i professionisti obbligati a segnalare la soglia fissata ai fini antiriciclaggio la sanzione aumenta a 3mila-15mila euro. Per somme oltre i 250mila euro la mora va dai 15mila ai 250mila euro, mentre per i professionisti rimane a 3mila-15mila euro.

Merita di essere spiegata anche la soluzione del Governo per incentivare i pagamenti tramite pos. In una recente intervista rilasciata a La Stampa il premier Conte ha fornito dei dettagli sul progetto, a partire dall’istituzione di un supercashback, un premio di importo pari a 3.000 euro e riservato ai primi 100.000 cittadini che effettueranno nel corso dell’anno il maggior numero di pagamenti utilizzando carte di credito, debito e bancomat, bonifici bancari e postali, ed operazioni tramite app. L’aspetto ancor più interessante sta nel fatto che non ci sono dei limiti di pagamento, quindi è valido anche un caffè preso al bar.

Per giunta, a partire dal 1° gennaio 2021 sarà possibile partecipare alla Lotteria, ma non una qualsiasi. I cittadini dovranno digitare il codice fiscale in un’apposita pagina che sarà attiva entro fine anno, memorizzare il codice Lotteria e mostrarlo all’esercente al momento dell’acquisto; egli, prima di emettere lo scontrino elettronico, registrerà il codice lotteria che parteciperà infine all’estrazione dei premi.

Sempre a partire dal 1° gennaio 2021 verrà aumentato il limite di spesa per i pagamenti contactless avvenuti senza l’utilizzo del PIN. Si passerà dagli attuali 25 euro a 50 euro.

 

 

Stop ai contanti: arrivano i bonus per favorire i pagamenti con pos Tecnoandroid

Internet, rete abbandonata: una linea molto usata sta per dirci addio

9 hours 25 min ago

Internet, rete abbandonata: una linea molto usata sta per dirci addio Tecnoandroid

Non siamo arrivati ad Internet 5G da un momento all’altro. Il contesto del networking mobile è passato per vari step che negli anni hanno consacrato il punto di arrivo per la rete ad oggi più versatile al mondo. Tutto ha avuto inizio con il 3G che ha fornito lo spunto per l’avanzamento tecnico delle reti che oggi utilizziamo via smartphone, tablet ed altri dispositivi connessi.

Purtroppo, almeno per la rete di terza generazione, è arrivo il momento degli addii. Si sta decidendo per il blocco del segnale Internet vista l’età della piattaforma ed il limitato numero di servizi a disposizione. Ecco a che punto siamo.

 

Internet 3G addio: non è più quello di una volta, arriva la nuova rete unica

Entro il mese di Giugno 2022 la concorrenza nel contesto dell’infrastruttura 5G si farà serrata con la finalizzazione della messa in opera infrastrutturale delle reti ultra veloci mancanti all’appello. Al momento soltanto TIM e Vodafone sono in grado di offrire l’accesso alla rete di quinta generazione con al seguito le straordinarie offerte Unlimited con minuti, SMS e Giga Illimitati.

Ben presto arriveranno le risposte commerciali di Iliad, Fastweb e WindTre, quest’ultima già impegnata in una fase di sperimentazione locale. Permarranno unicamente le reti di tipo 2G GSM per le chiamate vocali e gli SMS evolutesi in versione 2.0 come in una sorta di WhatsApp made by Google. Insieme a queste l’immancabile 4G che per un biennio confermerà il low-cost aggressivo delle tariffe internet standard, Operator Attack e con portabilità spontanea. E successivamente, come detto, il 5G con la Gigabit Network ed una modalità always-on da applicare ai vari contesti della rete dalla semplice navigazione online all’IoT ed all’IoV.

In tutto questo il ruolo della linea 3G è decisamente superfluo. Non è veloce e sicuramente non è da preferire in nessun caso, tranne nel momento in cui è necessario apporre una pezza ai problemi della rete LTE che si possono manifestare con i sempre più sporadici down di rete.  La decisione non è stata ancora presa ma tra qualche mese tutto potrebbe subire una piega che sembra ormai inevitabile. Vi capita di usare ancora la connessione 3G dal vostro telefono? Spazio ai commenti.

Internet, rete abbandonata: una linea molto usata sta per dirci addio Tecnoandroid

Call center: letruffe continuano a colpire migliaia di persone, attenzione

9 hours 30 min ago

Call center: letruffe continuano a colpire migliaia di persone, attenzione Tecnoandroid

Numerosi consumatori continuano a segnalare casi di truffe telefoniche dopo aver ricevuto l’ennesima chiamata a scopo commerciale proveniente dai vari call center. Purtroppo continuano ad esserci operatori telefonici che pur di concludere un contratto telefonico sono disposti a tutto, anche a registrare le risposte dei loro clienti e utilizzarle per concludere il contratto.

Call center e truffe telefoniche: migliaia di consumatori colpiti

Una truffa telefonica che sta colpendo migliaia di consumatori si basa sul registrare le risposte dei clienti e utilizzarle in caso di rifiuto di quest’ultimo. Dopo aver effettuato le necessarie ricerche si è scoperto che alcuni operatori telefonici iniziano la loro chiamata con una serie di domande ai clienti con l’obiettivo di ricevere delle risposte secche “si” e “no”. Il loro scopo è quello di riceverle e registrarle in modo da utilizzarle eventualmente per concludere il contratto telefonico nel caso di rifiuto da parte del cliente.

Si tratta di una procedura decisamente pericolosa, inoltre, i consumatori si ritrovano da un momento all’altro legate ad una nuova azienda, con una tariffa attiva in corso e con un nuovo costo da sostenere. Proprio per questo motivo è molto importante prestare attenzione e soprattutto non sottovalutare la persona che c’è dall’altra parte della cornetta perché non si possono conoscere le sue reali intenzioni.

Numerosi utenti, infatti, hanno addirittura adottato delle soluzioni alternative per bloccare la ricezione di queste chiamate a scopo commerciale grazie alle varie applicazioni gratuite che sono disponibili per i dispositivi Android che per quelli Apple. Altri, invece, hanno deciso di iscriversi al registro delle opposizioni comodamente online.

Call center: letruffe continuano a colpire migliaia di persone, attenzione Tecnoandroid

Wi Fi: la rete dei vicini crea problemi? Ecco come risolverli

9 hours 35 min ago

Wi Fi: la rete dei vicini crea problemi? Ecco come risolverli Tecnoandroid

Quando si vive in una grande città gli spazi non sono sempre ottimali e questo vale sia per le persone che per le reti Wi Fi. Spesso infatti le connessioni Wi Fi di due reti vicine posso interferire tra di loro causando problemi nella connessione. Fortunatamente questo genere di problema è di facile soluzione direttamente dalle impostazioni di configurazione del router. Grazie ad alcuni semplici passaggi si può risolvere il problema delle interferenze e aumentare sostanzialmente la velocità di connessione.

Una delle possibili soluzioni può essere quella di modificare il canale di trasmissione; l’idea è particolarmente efficace per le reti con frequenze a 2,4 Ghz, tra le più colpite dalle interferenze. Una volta aperto il menu del router basterà scegliere uno degli 11 canali disponibili, ricordando che i più utilizzati sono i tre più distanti tra di loro, l’1 il 6 e l’11.

Wi Fi: modificare la potenza del segnale e i modem a 5 Ghz

 

Un’altra possibile soluzione potrebbe essere quella di modificare la potenza del segnale Wi Fi, in modo da non oltrepassare i muri della nostra abitazione. Basterà abbassare il valore relativo alla potenza di trasmissione e verificare se la connessione ne abbia tratto dei benefici.

Se quanto proposto fino ad ora non ha portato gli affetti desiderati la soluzione giusta potrebbe essere quella di affidarsi ad un router a 5 Ghz. Basterà anche in questo caso accedere al menu imposizioni del router e modificare le impostazioni passando dai 2,4 ai 5 Ghz. In fine è bene ricordare come sia sconsigliabile tenere il proprio router vicino ad oggetti come il microonde, telefoni cordless o altro dispositivi elettronici.

Wi Fi: la rete dei vicini crea problemi? Ecco come risolverli Tecnoandroid

Esselunga sbanca nell’elettronica con smartphone, PC e molto altro

9 hours 40 min ago

Esselunga sbanca nell’elettronica con smartphone, PC e molto altro Tecnoandroid

In molti classificano Esselunga come uno dei più grandi supermercati in merito appunto al mondo degli alimentari. Potrebbe anche essere così, ma non bisogna biasimare le grandi offerte nel mondo dell’elettronica che il colosso detiene all’interno dei suoi punti vendita. A dimostrarlo è ancora una volta il nuovo volantino, il quale questa volta ha messo a tacere anche la concorrenza grazie ai nuovi prezzi. Tutti potranno dunque usufruire della merce migliore ma spendendo veramente il minimo.

Nel frattempo però bisogna segnalare che dei prezzi del nuovo volantino potranno usufruire solo di esclusivamente a coloro che risultano clienti dell’azienda. Alle casse infatti per ottenere gli sconti servirà necessariamente esibire la carta Fidaty. 

Se volete le migliori offerte da parte di Amazon direttamente sul vostro smartphone, vi consigliamo di iscrivervi al nostro canale Telegram ufficiale. Clicca qui per entrare.

 

Esselunga lancia un nuovo volantino che ora batte la concorrenza senza troppi problemi

Anche questa volta Esselunga fa parlare di sé, soprattutto grazie ai prezzi promossi nel nuovo volantino di settembre. All’interno ci sono tantissimi dispositivi elettronici, come ad esempio tanti smartphone top di gamma. Uno dei più interessanti dal punto di vista del prezzo e soprattutto della qualità espressa è il nuovo Samsung Galaxy S20, il quale viene proposto ad un prezzo di 589 €.

Ci sono poi tanti altri prezzi incredibili i quali spaziano tra le varie categorie. Ad esempio nel  mondo degli elettrodomestici ci sono moltissime cose interessanti da prendere al volo. In basso ci sono tutte le foto del volantino per dare un’occhiata a tutti i prezzi.

Esselunga sbanca nell’elettronica con smartphone, PC e molto altro Tecnoandroid

IPTV e pirati del web: chi rischia di più tra abbonati e venditori

9 hours 45 min ago

IPTV e pirati del web: chi rischia di più tra abbonati e venditori Tecnoandroid

L’utilizzo dell’IPTV include nel grande pacchetto di risparmio degli utenti anche un notevole tasso di rischio.non tutti sanno che la legge ha aumentato nettamente i controlli sul territorio, proprio in modo da rendere la pirateria nulla al più presto possibile. I grandi licenziatari hanno perso infatti tantissimi soldi durante gli ultimi anni, proprio per questo motivo le forze dell’ordine sono state spinte ad aumentare la loro task force.

Per evitare qualsiasi tracciamento e per non incorrere in problemi seri, il consiglio di alcuni utenti è quello di utilizzare una VPN. Surfshark ad esempio permette soluzioni molto interessanti e soprattutto con un costo molto economico.

Per avere le migliori offerte anche da parte di Amazon, vi consigliamo di iscrivervi al nostro canale Telegram ufficiale. Clicca qui per entrare.

 

IPTV: la differenza tra i rischi che corrono gli utenti e i venditori del servizio

Sottoscrivere un abbonamento pirata può portare ad una multa da oltre 1000 € per i semplici clienti. Coloro che invece vendono il servizio possono essere tranquillamente denunciati e messi dietro le sbarre. 

“L’illecita attività – dichiara la Guardia di finanza in un comunicato ufficiale – fa riferimento alla moderna metodologia di distribuzione di vari contenuti multimediali, la cosiddetta Iptv (Internet Protocol Television), attraverso cui i “pirati del web” acquisiscono e ricodificano tutti i palinsesti televisivi delle maggiori piattaforme a pagamento per poi distribuirli sulla rete internet, sotto forma di un flusso di dati ricevibile, dagli utenti fruitori, con la sottoscrizione di un abbonamento illecito ed un semplice PC, tablet, smartphone o decoder connesso alla rete”.

IPTV e pirati del web: chi rischia di più tra abbonati e venditori Tecnoandroid

Expert e i nuovi prezzi: volantino pieno di super sconti ma per poco tempo

9 hours 50 min ago

Expert e i nuovi prezzi: volantino pieno di super sconti ma per poco tempo Tecnoandroid

Tutti i grandi magazzini sono in sana competizione tra loro ormai da diversi anni a questa parte, anche se sono sempre i soliti a spuntarla. Tra questi c’è anche Expert, vero e proprio colosso dell’elettronica che tratta però anche altri tipi di articoli. Sul nuovo volantino è possibile vederli tutti, soprattutto a prezzi scontati che mai e poi mai potreste trovare altrove.

L’obiettivo è chiaramente quello di riportare le persone all’interno dei punti vendita, soprattutto dopo quanto accaduto durante il Lockdown. Attualmente è proprio grazie al nuovo volantino molte persone si stanno recando di persona ad acquistare da Expert, anche se l’azienda mette a disposizione un servizio alternativo. Sul sito online sarà possibile acquistare la merce agli stessi prezzi visti sul volantino, ovviamente corrispondendo un costo di spedizione per fare arrivare la merce presso il proprio domicilio.

Per avere tutte le migliori offerte anche da un punto di vista di Amazon, il nostro consiglio è quello di iscrivervi al nostro canale Telegram ufficiale. Clicca qui per entrare.

 

Expert, arriva il volantino con prezzi impressionanti su tutta l’elettronica e non solo

Molti utenti hanno riferito della convenienza di Expert per quanto riguarda i top di gamma nel mondo degli smartphone.un esempio chiaro e quello del nuovo Samsung Galaxy S20+ che costa solo 799 € a fronte dei 1029 € del prezzo di listino.

Potete trovare infatti anche Xiaomi Mi 10 Lite che viene proposto ad un prezzo di soli 369 € con la nuova connettività in 5G. Ecco infine l’intero volantino qui sotto per scoprire tutti i prezzi migliori da poter prendere al volo.

Expert e i nuovi prezzi: volantino pieno di super sconti ma per poco tempo Tecnoandroid

Suburra, Peaky Blinders ed Elite: arrivano le nuove puntate su Netflix

9 hours 55 min ago

Suburra, Peaky Blinders ed Elite: arrivano le nuove puntate su Netflix Tecnoandroid

Suburra, Peaky Blinders ed Elite sono alcune serie televisive decisamente conosciute sulla piattaforma di streaming online Netflix visto il forte successo riscosso. Tutte e tre sono pronte per produrre delle nuove stagioni e renderle online nel minor tempo possibile sulla piattaforma, ma purtroppo il periodo del Coronavirus non è stato affatto facile anche per il mondo cinematografico.

Fortunatamente da diverse settimane alcune produzioni hanno deciso di riprendere il lavoro messo in pausa in totale tranquillità e soprattutto sicurezza rispettando ogni direttiva imposta. Sulla piattaforma online di Netflix, infatti, sono in arrivo le nuove stagioni.

Suburra, Peaky Blinders ed Elite in arrivo su Netflix: ecco svelate le date

La serie televisiva italiana Suburra è pronta per mandare in onda la tanto attesa terza e ultima stagione con la quale racconta le vicende di Roma in cui sono coinvolti Stato, Chiesa, Forze dell’Ordine e Criminalità Organizzata. La produzione si è ritrovata costretta a bloccare le riprese con l’arrivo del Coronavirus, ma fortunatamente le riprese sembrano essere terminate una volta per tutte. Alcune indiscrezioni rivelano che dovrebbe sbarcare sulla piattaforma questo autunno, dunque, Netflix potrebbe rivelare la data d’uscita da un momento all’altro.

Anche Peaky Blinders è una serie televisiva decisamente famosa per il forte successo riscosso. I fan non aspettano altro che la sesta stagione che sarebbe dovuta sbarcare nel corso di quest’anno, ma il Coronavirus ha rimandato tutto. A quanto pare dovrebbero essere disponibili i nuovi episodi tra la fine di quest’anno e l’inizio dell’anno prossimo.

Infine, per quanto riguarda Elite, per la nuova stagione è ancora presto. La produzione ha annunciato la terza stagione già da qualche mese, ma prima di terminare le riprese una volta per tutte è necessario ancora un po’ di tempo.

Suburra, Peaky Blinders ed Elite: arrivano le nuove puntate su Netflix Tecnoandroid

Chernobyl: sulla città radioattiva ancora scoperte incredibili, ecco quali

10 hours 20 sec ago

Chernobyl: sulla città radioattiva ancora scoperte incredibili, ecco quali Tecnoandroid

Si continua a discutere fortemente sul disastro nucleare avvenuto nel 1986 a Chernobyl, una piccola cittadina che ha subito forti danni in quel fatidico giorno. Ancora oggi, nonostante gli anni passati, numerosi ricercatori e scienziati sono incuriositi dai segreti nascosti e proprio per questo motivo che sono sempre alla ricerca di risposte per ricostruire ogni minimo dettaglio.

In particolare alcuni scienziati e ricercatori hanno effettuato delle ricerche e analisi in merito ad alcune radiazioni minime rilevate nel Nord Italia, Francia e Germania scoprendo qualcosa di veramente interessante. Ecco i dettagli.

Chernobyl: nuove indagini sulla città radioattiva, ecco cosa hanno scoperto alcuni ricercatori

Un gruppo di ricercatori ha scoperto qualcosa di interessante con le ultime indagini effettuate sulle radiazioni rilevate nelle zone descritte nel paragrafo iniziale. Esiste un fungo con delle qualità un po’ particolari che gli permettono di fare una sorte di scudo contro le radiazioni.

Questo fungo si chiama cladosporium sphaerospermum e Clay Wang proveniente dall’University southern california ha pensato di testare gli effetti positivi anche su Marte. In particolare, dichiara in una recente intervista: È già stato in grado di assorbire i dannosi raggi cosmici sulla Stazione Spaziale Internazionale. Potrebbe essere potenzialmente utilizzato per proteggere le future colonie di Marte. I progressi nell’uso dei poteri dei funghi per scopi medicinali sono stati graduali, ma sono stati potenziati negli ultimi anni da uno studio in corso che ne ha visto inviare campioni nello spazio. Coltivandolo nella Stazione Spaziale Internazionale, dove il livello di radiazione è aumentato rispetto a quello sulla Terra”.

Chernobyl: sulla città radioattiva ancora scoperte incredibili, ecco quali Tecnoandroid

Operatori trappola, ecco quelli che presto subiranno un rincaro

10 hours 5 min ago

Operatori trappola, ecco quelli che presto subiranno un rincaro Tecnoandroid

Il mondo della telefonia è sicuramente uno tra i più variegati che ci siano, esso è infatti costellato di offerte e possibilità che i vari providers mettono sul mercato per cercare di accaparrarsi la fetta di utenti più grossa, i quali si trovano così a dover scegliere tra una miriade di offerte a tratti convenienti e a tratti un po’ meno.

Ovviamente la varie offerte, di solito presentate nella classica forma dati+voce+SMS, hanno un canone mensile da dover corrispondere per poterne godere, il quale però spesso viene sfruttato proprio dalle aziende stesse per poter aumentare gli introiti, spesso infatti sentiamo parlare di rimodulazioni in arrivo, vediamo a chi e a quali stare attenti.

Rincari in arrivo per il mese di Ottobre

A quanto pare ora che è terminata la stagione stiva, numerosi providers stanno per cogliere la palla al balzo per avviare delle campagne di rincaro davvero imponenti, la prima tra tutte è sicuramente TIM, la quale ha già stilato il proprio programma di rimodulazioni e di cui vi parliamo meglio in questo articolo dedicato.

Oltre a TIM poi sta ovviamente Wind, la quale prevede un rincaro di ben 4 euro per tutte le offerte a consumo prove di canone mensile, ovvero, i consumi al minuto resteranno invariati, ma se nel confuto totale del mese, essi non supereranno o raggiungeranno i 4 euro, tale somma vi verrà comunque scalata dal credito.

A quanto pare all’appello manca Vodafone, ma non è un caso, infatti l’azienda vestita di rosso si sta impegnando in accordo con AGCOM, a non inserire aumenti di canoni agli utenti per almeno sei mesi dalla stipula del contratto, un tentativo di sanare la propria situazione dopo lo scandalo delle SIM silenti.

Operatori trappola, ecco quelli che presto subiranno un rincaro Tecnoandroid

Pages