Feed aggregator

Condividi su:

Condividi su:



MANUALINUX


DVB-T2: come avere il decoder quasi gratis e non cambiare TV

Tecnoandroid - Thu, 09/29/2022 - 07:05

DVB-T2: come avere il decoder quasi gratis e non cambiare TV Tecnoandroid

Dopo gli annunci degli scorsi anni, in tanti avranno realizzato che effettivamente è arrivato il momento di accodarsi al cambio dello standard televisivo. Le nuove frequenze che si atterranno al nuovo DVB-T2 d’ora in avanti, hanno portato diverse persone a dover cambiare televisione. Questo significa dunque una spesa davvero alta in un periodo dove la crisi non fa altro che incalzare.

Cosa succede quindi per chi non se n’era ancora accorto? Bisognerà cambiare la televisione? A quanto pare c’è molto da sapere.

 

DVB-T2: avere un decoder che risolve il problema del cambio TV è molto meno costoso, ecco i prezzi

C’è però un metodo per evitare di cambiare la TV di casa propria, scegliendo magari un decoder digitale terrestre. Contrariamente a quello che in tanti pensano, ce ne sono alcuni che costano davvero molto poco, proprio come quelli proposti sul web. Più in particolare Amazon ne offre alcuni a prezzi molto bassi, partendo da meno di 20 euro in alcuni casi.

Basta infatti spendere 21,99 € per avere un decoder con risoluzione in full HD e sintonizzazione automatica. Seguono però anche altri modelli, i quali vengono proposti anche a 20,99 € con attacco diretto dietro la TV, e anche a 19,99 €. Non mi resta altro che capire quale di questi fa al caso vostro per acquistarlo e non avere problemi di cambio TV in seguito all’integrazione del nuovo standard DVB-T2.

Ovviamente ricordiamo che, essendo prodotti venduti da Amazon, possono godere di una garanzia di due anni e di 30 giorni in cui potrete effettuare il reso gratuito.

DVB-T2: come avere il decoder quasi gratis e non cambiare TV Tecnoandroid

Smartphone: i modelli con più radiazioni

Tecnoandroid - Thu, 09/29/2022 - 07:00

Smartphone: i modelli con più radiazioni Tecnoandroid

Gli smartphone emettono radiazioni elettromagnetiche che potrebbero causare complicanze nell’organismo umano, questa è una realtà di cui si discute da ormai diverse anni, e che pare aver trovato confermo presso la comunità medica.

Per tenere a bada il quantitativo di radiazioni effettivamente emesso dai dispositivi mobile, l’Unione Europea ha posto un limite al SAR, bloccandolo a 2 W/kg. Il SAR corrisponde più che altro al cosiddetto Tasso di Assorbimento Specifico, ovvero il quantitativo di radiazioni assorbito dal corpo (o dalla testa) per unità di chilogrammo.

Scoprite con noi le migliori offerte Amazon, e ricevete anche codici sconto gratis, iscrivendovi qui.

 

Smartphone: i modelli con il SAR più alto

Il limite è chiaro e ben definito, ed effettivamente non esistono modelli in commercio che vi si avvicinano pericolosamente. Lo smartphone al giorno d’oggi con il SAR corpo più alto è senza dubbio il Motorola Edge, fermo a 1.76 W/kg.

Scendendo sul secondo gradino del podio, ecco arrivare lo ZTE Axon 11 5G, fermo a 1.59 W/kg, seguito a ruota dal vecchissimo OnePlus 6T, il cui SAR si ferma comunque a 1.55 W/kg.

Un trio di prodotti non proprio recenti, che impongono un pensiero molto più generale, ovvero che ci porta a considerare l’ottima decisione dei produttori di puntare su smartphone sempre più volti al benessere degli utenti che li utilizzeranno. E’ indubbio infatti che i prodotti dell’ultimo periodo emettano un quantitativo inferiore di radiazioni, sebbene si raccomanda sempre la massima attenzione nell’utilizzo quotidiano, cercate di ridurre il più possibile l’esposizione alle stesse radiazioni, riducendo così i possibili effetti collaterali.

Smartphone: i modelli con più radiazioni Tecnoandroid

Whatsapp sta testando una nuova funzione per la fotocamera e i video, ecco i dettagli

Tecnoandroid - Thu, 09/29/2022 - 06:40

Whatsapp sta testando una nuova funzione per la fotocamera e i video, ecco i dettagli Tecnoandroid

WhatsApp sta lavorando a una nuova funzionalità che aiuterà gli utenti a passare facilmente da una modalità all’altra nell’app della fotocamera. WaBetaInfo, nella versione beta di Android 2.22.21.8, ha individuato una nuova funzionalità che aggiungerà due nuovi pulsanti per consentire agli utenti di cambiare la modalità della fotocamera per passare delle foto ai video e viceversa.

WhatsApp attualmente non ha pulsanti separati per le due modalità. È necessario toccare e tenere premuto il pulsante della fotocamera per registrare un video. La nuova funzionalità cambia questo rendendo possibile la registrazione video semplicemente passando alla modalità video. La funzionalità al momento è in fase di sviluppo e potrebbe essere rilasciata per tutti in un futuro aggiornamento. Tuttavia, alcuni dei beta tester che utilizzano la versione dell’app sopra menzionata possono vedere questi pulsanti.

Ecco altre cose che cambieranno

WhatsApp ha anche annunciato il lancio della funzione di collegamento alla chat che consentirà agli utenti di avviare una chiamata con un solo tocco. Per utilizzare la funzione, l’utente deve accedere alla scheda “Chiamate” nell’app. Fare clic su “Crea collegamento di chiamata”. Questi collegamenti non possono solo essere condivisi con il contatto, ma anche inoltrati a numeri che non sono sui tuoi contatti per consentire loro di partecipare alla chiamata.

Ci sono anche molti altri aggiornamenti che dovrebbero arrivare dall’app. WhatsApp sta testando per aggiungere fino a 32 partecipanti a una videochiamata di gruppo crittografata end-to-end. Attualmente consente fino a 8 partecipanti.

L’app di chat funziona anche in modalità companion e API DND per le chiamate perse per gli utenti Android. La modalità companion consente all’utente di accedere allo stesso account di chat su dispositivi diversi aggiungendo un dispositivo complementare al proprio telefono principale. La seconda funzione è l’API “Do Not Disturb” che dirà all’utente che ha perso una chiamata perché il suo DND è stato lasciato attivo. Tuttavia, la funzione non è attualmente disponibile al pubblico, quindi non ci sono novità sulla sequenza temporale di lancio.

Whatsapp sta testando una nuova funzione per la fotocamera e i video, ecco i dettagli Tecnoandroid

L’app di Whatsapp è afflitta da una vulnerabilità gravissima, ecco di cosa si tratta

Tecnoandroid - Thu, 09/29/2022 - 06:35

L’app di Whatsapp è afflitta da una vulnerabilità gravissima, ecco di cosa si tratta Tecnoandroid

WhatsApp, la piattaforma di messaggistica istantanea di proprietà di Meta, ha un’ampia base di utenti in tutto il mondo. Sebbene sia nota per il lancio di molte nuove funzionalità di volta in volta, l’app è famosa per i bug e le vulnerabilità che potrebbero portare anche a problemi di sicurezza.

CERT-In, l’agenzia indiana per la sicurezza informatica, ha emesso un avviso di alta sicurezza che avverte gli utenti delle possibilità di perdere o compromettere i dati a causa di questa nuova vulnerabilità.

Come dichiarato da WhatsApp e CERT-In, questo bug interessa le versioni Android e iOS dell’app precedenti alla v2.22.16.12.

L’agenzia governativa afferma che nell’app di messaggistica istantanea sono state segnalate più vulnerabilità. Queste vulnerabilità potrebbero essere sfruttate da un utente malintenzionato remoto per eseguire codice arbitrario sul sistema preso di mira. Secondo CERT-In, il problema si verifica a causa dell’overflow di numeri interi, il che significa che qualsiasi persona può eseguire codici remoti tramite una videochiamata.

Ecco cosa può succedere

L’attore malintenzionato può assumere il controllo del dispositivo di un utente inviando un file video appositamente predisposto, che consentirà loro di eseguire codice arbitrario. Un hacker può eseguire comandi in remoto sul dispositivo informatico di qualcun altro. Di solito, le esecuzioni di codice remoto (RCE) si verificano a causa di malware dannoso scaricato dall’host.

Può accadere indipendentemente dalla posizione geografica del dispositivo. La vulnerabilità divulgata è denominata CVE-2022-36934 con un punteggio di gravità di 9,8/10 sulla scala CVE.

La società non è la prima volta che si trova a dover affrontare simili situazioni, per questo ha già deciso di rilasciare una patch che risolva subito il problema. Gli utenti devono solo assicurarsi di aggiornare all’ultima versione dell’app per assicurarsi che non vi siano minacce alla sicurezza. In questo modo, gli utenti possono essere al sicuro dal recente problema di sicurezza segnalato da CERT-In e dalla stessa piattaforma di messaggistica.

L’app di Whatsapp è afflitta da una vulnerabilità gravissima, ecco di cosa si tratta Tecnoandroid

Incentivi auto elettriche in Europa: secondo la Francia, bisogna copiare gli americani

Tecnoandroid - Thu, 09/29/2022 - 06:30

Incentivi auto elettriche in Europa: secondo la Francia, bisogna copiare gli americani Tecnoandroid

Il ministro delle finanze francese Bruno Le Maire ha affermato che l’Unione europea dove prendere in considerazione l’applicazione di sussidi per i veicoli elettrici, dopo che gli Stati Uniti hanno limitato il loro sostegno ai veicoli di fabbricazione nordamericana.

Potrebbe essere “il momento di riservare bonus per veicoli elettrici sia per le auto prodotte sul territorio europeo per i veicoli che soddisfano i nuovi standard ambientali“, ha detto Le Maire ai giornalisti durante un briefing sul bilancio del 2023. “Dobbiamo giocare con le stesse regole se vogliamo difendere le nostre industrie, i nostri posti di lavoro e la nostra tecnologia”.

Francia e Germania, dove la rivoluzione elettrica sta rendendo obsoleti migliaia di posti di lavoro in aree come la produzione di motori e trasmissioni, e hanno guidato la spinta politica negli ultimi anni per lo sviluppo di un’industria locale di celle a batteria nel tentativo di prendere il controllo di questo nuovo mercato.

Ecco il progetto dei francesi

Il governo francese ha offerto sussidi fino a 6.000 euro per l’acquisto di veicoli elettrici che costano meno di 47.000 euro, insieme ad altri aiuti aggiuntivi nell’ambito di un programma di rottamazione per i vecchi veicoli con motore a combustione.

I veicoli elettrici hanno rappresentato il 12% delle vendite di auto nuove in Francia nei primi sette mesi del 2022.

Il bonus per i veicoli elettrici in Francia sarà ridotto a 5.000 euro dai 6.000 euro del prossimo anno, “ma resta consistente”, ha detto Le Maire durante il briefing.

Gli Stati Uniti sono stati oggetto di critiche per una nuova legge che prevede agevolazioni fiscali per i veicoli elettrici, secondo la quale le auto non potranno beneficiare di sussidi fino a $ 7.500 se i componenti critici della batteria provengono da Cina, Russia e altri “Paesi stranieri preoccupanti”.

Per aiutare i consumatori, l’amministrazione statunitense ha pubblicato un elenco di veicoli che secondo loro potrebbero soddisfare i requisiti del disegno di legge. “Penso che sia ora di portare questa idea in Europa“, ha detto Le Maire.

Incentivi auto elettriche in Europa: secondo la Francia, bisogna copiare gli americani Tecnoandroid

Le nuove Nvidia RTX potranno gestire il codec AV1 e reggere giochi in 8K a 60 FPS

Tecnoandroid - Thu, 09/29/2022 - 06:10

Le nuove Nvidia RTX potranno gestire il codec AV1 e reggere giochi in 8K a 60 FPS Tecnoandroid

La scorsa settimana, Nvidia ha presentato le schede grafiche RTX 4090 e RTX 4080 basate sull’architettura GPU Ada Lovelace.

Per questi nuovi modelli, la società ha promesso di offrire prestazioni quattro volte superiori rispetto alle GPU Ampere della serie RTX 30 di precedente generazione. Ma oltre al miglioramento delle prestazioni di gioco, un’altra sorpresa portata dalla scheda grafica RTX 40 è il supporto per la codifica multimediale AV1 (in precedenza le GPU NVIDIA potevano solo decodificare questi contenuti).

In precedenza, le schede grafiche Intel Arc Alchemist erano state le prime a fornire supporto per la codifica AV1, ma i ripetuti ritardi nelle vendite significavano che avrebbe perso questo vantaggio.

Non solo prestazioni e potenza

Ora, il team di sviluppo di Chromium ha approvato un’altra richiesta di unione per abilitare la codifica AV1 sulle GPU NVIDIA.

Ciò significa che un’ampia gamma di utenti sarà in grado di provare questa nuova funzionalità sulle prossime versioni dei browser del kernel Chromium come Google Chrome e Microsoft Edge.

È stato riferito che l’ottava generazione NVENC della scheda grafica RTX 40 fornisce il doppio supporto per l’encoder AV1 e la promessa ufficiale è di poter registrare giochi con una qualità 8K a 60 fps e quasi il doppio della velocità di esportazione.

Grazie a ciò, anche la qualità dello streaming sarà migliorata, perché l’efficienza del codec AV1 è più efficiente di quello utilizzato oggi, ovvero l’H.264 (AVC) e il VP9.

“AV1 può ridurre le dimensioni dei file caricati e allo stesso tempo garantire un livello di qualità dell’immagine e del suono superiore”, afferma il produttore. Allo stesso modo, dopo l’uscita del trailer “Racer RTX” creato su NVIDIA Omniverse, una piattaforma che consente a più artisti di lavorare su un progetto 3D contemporaneamente, è stata rivelata la potenza dell’intelligenza artificiale con DLSS.

Oltre a fornire grandi vantaggi durante l’esecuzione di videogiochi, è anche uno strumento ideale per accelerare il flusso di lavoro in programmi come Autodesk Arnold e Autodesk Maya, Blender Cycles e Redshift.

 

Le nuove Nvidia RTX potranno gestire il codec AV1 e reggere giochi in 8K a 60 FPS Tecnoandroid

Energia illimitata gratis: bollette quasi a zero con il nuovo trucco gratuito

Tecnoandroid - Thu, 09/29/2022 - 06:01

Energia illimitata gratis: bollette quasi a zero con il nuovo trucco gratuito Tecnoandroid

La crisi energetica sta mettendo in ginocchio il paese italiano, con le persone che non sanno più che pesci prendere. Sono cambiate tantissime cose rispetto allo scorso anno e purtroppo la causa di tutto questo e il conflitto che sta avendo luogo tra Ucraina e Russia nell’est dell’Europa.

Diverse problematiche stanno derivando dal conflitto in corso, il quale infatti ha determinato l’innalzamento dei prezzi del carburante, dei beni di prima necessità e quindi anche di gas, elettricità e tutte le fonti energetiche disponibili. La chiusura delle condotte da parte della Russia nei confronti dell’Europa dopo le sanzioni elevate nei suoi confronti, ha determinato ancora di più il panico generale. Sembrerebbe infatti che diverse persone abbiano deciso di fare ricorso ad alcuni strumenti molto interessanti. Questi sarebbero in grado di permettere la generazione di energia gratuita senza limiti, ovviamente con delle limitazioni oggettive.

 

Energia senza limiti: ecco come produrla comprando uno dei generatori di ultima generazione di casa Jackery

Vi è mai capitato di sentir parlare di energia illimitata? Secondo quanto riportato, le notizie sul web sarebbero tante ma quasi tutte prive di fondamento. Esatto, quasi tutte, perché alcune di queste potrebbero comportare dei benefici senza precedenti.

Basta infatti tenere in esame l’opzione di acquistare un nuovo generatore Explorer di Jackery, il quale è dotato di prese elettriche e USB. Questo significa che potrete attaccarvi anche un vostro elettrodomestico o qualsiasi altro oggetto che non richieda troppa energia. Ma come viene ricaricato senza spendere soldi? Basterà acquistare in accoppiata il pannello solare di dimensioni ridotte che vi consentirà di ricaricare il generatore con la luce del sole. Chiaramente servirà un po’ di tempo, ma alla fine del mese avrete risparmiato sensibilmente tanto dalla vostra bolletta dell’energia.

Energia illimitata gratis: bollette quasi a zero con il nuovo trucco gratuito Tecnoandroid

CI Fuzz CLI: Open-Source Tool Simplifies Fuzz Testing for C++

Linux Today - Thu, 09/29/2022 - 04:00

Fuzz testing helps developers protect their applications against a variety of problems. CI Fuzz CLI is an open-source fuzz testing tool specifically for C++. Learn more here.

The post CI Fuzz CLI: Open-Source Tool Simplifies Fuzz Testing for C++ appeared first on Linux Today.

Subfinder: Fast Passive Subdomain Enumeration Tool in Linux

Linux Today - Thu, 09/29/2022 - 02:00

Have you ever wondered what other subdomains the root site uses? With Subfinder, you can find them quickly. Learn more here.

The post Subfinder: Fast Passive Subdomain Enumeration Tool in Linux appeared first on Linux Today.

Wolfi Linux Provides Control Needed to Fix Modern Supply Chain Threats

Linux Today - Thu, 09/29/2022 - 00:00

Wolfi is the first community Linux undistribution, built with default security measures for the software supply chain. Learn more here.

The post Wolfi Linux Provides Control Needed to Fix Modern Supply Chain Threats appeared first on Linux Today.

How to Install VidCutter on Linux Mint 21

Linux Today - Wed, 09/28/2022 - 22:00

VidCutter is a free, open-source application that can be used to cut video and audio files. Learn how to install VidCutter on Linux Mint 21 here.

The post How to Install VidCutter on Linux Mint 21 appeared first on Linux Today.

Le chiamate hanno un nuovo look con Google Telefono: come abilitarlo

Android World - Wed, 09/28/2022 - 21:38

Google è particolarmente presente nel mondo smartphone non solo grazie ad Android, il sistema operativo presente su milioni di dispositivi, ma anche per le sue app e servizi.

Canale Telegram Offerte

Tra questi troviamo Google Telefono, l'app che da sempre permette la gestione di chiamate e rubrica su specifici modelli di smartphone, come i Pixel ad esempio. Nelle ultime ore proprio quest'app ha ricevuto un'interessante novità.

Gli screenshot che trovate qui sotto mostrano la prima novità: si tratta di una nuova interfaccia grafica dedicata alle chiamate in corso. Questa non è più centrata su un'interfaccia con elementi disposti centralmente a griglia, in favore di un'interfaccia più minimale, con gli elementi disposti in una barra inferiore.

Le immagini mostrano anche come tali elementi, corrispondenti ai collegamenti per accedere al tastierino e al vivavoce, siano anche di dimensioni ridotte rispetto alla versione precedente dell'interfaccia.

Oltre a questo arriva un'ulteriore novità: questa consiste nella possibilità di ridurre in una finestra più piccola l'interfaccia relativa alla chiamata in corso, come se fosse un widget all'interno della schermata home. Questa finestra viene abilitata tramite la pressione prolungata per la gesture Indietro di Android.

Tale gesture ha lo stesso effetto anche se si effettua quando ci si trova nella sezione Contatti o Preferiti dell'app Telefono. Presumiamo che lo scopo sia quello di fornire un'anteprima dell'interfaccia finché si effettua la gesture per tornare indietro. Nel momento in cui si rilascia la gesture l'app Telefono viene chiusa.

L'abilitazione di questa funzionalità è subordinata all'aver aderito al programma beta dell'app Google Telefono e all'aver aggiornato l'app alla versione 90. Per abilitarla è inoltre necessaria la seguente procedura:

  1. Abilitare le Opzioni Sviluppatore.
  2. Ricercare la voce "Animazioni predittive con indietro".
  3. Abilitare la voce appena ricercata.
  4. Confermare con OK.

Qui sotto trovate un paio di screenshot che riassumono la procedura.

L'articolo Le chiamate hanno un nuovo look con Google Telefono: come abilitarlo sembra essere il primo su Androidworld.

NZXT annuncia la scheda madre N7 Z790 ATX pensata per le CPU Intel Raptor Lake

Tecnoandroid - Wed, 09/28/2022 - 21:00

NZXT annuncia la scheda madre N7 Z790 ATX pensata per le CPU Intel Raptor Lake Tecnoandroid

In queste ore, il produttore NZXT ha annunciato il debutto della scheda madre NZXT N7 Z790. La motherbord è ottimizzata per supportare appieno le CPU Intel di ultima generazione, appartenenti alla famiglia Raptor Lake di 13a generazione oltre che tutte le componenti più recenti.

Infatti, la N7 Z790 è compatibile con PCIe gen 5 e RAM DDR5 e permette di garantire tutta la potenza necessaria per le macchine da gaming e non solo. Nella visione del brand NZXT, le serie di schede madri della serie N7 diventano centrali nella realizzazione del proprio PC dei sogni.

Le dimensioni compatte, oltre che il design elegante impreziosito da una copertura metallica dall’aspetto pulito, le rendono facili da installare. Il loro posizionamento però, diventa migliore potendo contare sui case della serie NZXT H, con porte in posizioni più favorevoli.

 

NZXT ha svelato la nuova scheda madre N7 Z790 ATX sviluppata per supportare le ultime tecnologie tra cui le CPU Intel Raptor Lake di 13a generazione

Nonostante questo, una volta installata nel case, le schede N7 Z790 possono essere collegate a ventole RGB o strisce LED da configurare a piacimento. Gli effetti possono essere personalizzati attraverso le funzionalità offerte da NZXT CAM.

Tra le caratteristiche principali offerte NZXT per la scheda madre N7 Z790 spicca la presenza di un chipset Intel Z790 Express per la gestione della connettività wireless Wi-Fi 6E e Bluetooth V5.2. Le fasi di alimentazione sono da 16 +1+2 DrMOS con circuito stampato in rame da 2 once.

La scheda madre è compatibile con processori Intel Core i9, Core i7 e Core i5 di 13a e 12a generazione. Gli appassionati del modding potranno intervenire facilmente sull’overclocking in quanto supporta fino a 6000 MHz e Intel XMP 3.0. Infine, sono presenti anche tre connettori M.2 per l’archiviazione con dissipatore di calore integrato per uno slot M.2.

La disponibilità è fissata per l’ultimo trimestre del 2022 ad un prezzo di lancio di 379,99 euro. Per maggiori informazioni è possibile consultare il sito ufficiale del produttore.

NZXT annuncia la scheda madre N7 Z790 ATX pensata per le CPU Intel Raptor Lake Tecnoandroid

Amazon presenta Kindle Scribe, i nuovi Echo Dot e molto altro

Androidiani - Wed, 09/28/2022 - 20:09
Questa sera Amazon ha presentato diversi dispositivi smart, che si apprestano ad essere lanciati sul mercato entro la fine dell’anno. Tra questi spiccano il nuovo Kindle Scribe, il nuovo ebook reader con supporto alla modalità scrittura, la nuova generazione di Echo Dot e le nuove TV con Alexa integrata. (...)Continua a leggere Amazon presenta Kindle […]

Deadpool 3, Ryan Reynolds e Hugh Jackman svelano dettagli sulla trama

Tecnoandroid - Wed, 09/28/2022 - 20:00

Deadpool 3, Ryan Reynolds e Hugh Jackman svelano dettagli sulla trama Tecnoandroid

L’annuncio a sorpresa di Deadpool 3 ha infiammato gli animi dei fan del Mercenario chiacchierone. Affidando i propri pensieri ad un video, Ryan Reynolds ha parlato di quanto sarà speciale il film prendendo in considerazione due elementi fondamentali.

Il primo è che Deadpool 3 farà finalmente parte del Marvel Cinematic Universe (MCU) in via del tutto ufficiale. Il secondo aspetto che farà contenti tutti è che Hugh Jackman tornerà ad interpretare Wolverine. L’attore australiano appare di sfuggita nel video-annuncio con un rapido cameo.

Tuttavia, sembra che Ryan Reynolds e Hugh Jackman abbiano ancora molto da dire. Infatti, a breve distanza dall’annuncio del terzo capitolo della saga, entrambi gli attori appaiono in un ulteriore video su Twitter.

 

Ryan Reynolds e Hugh Jackman hanno pubblicato un nuovo video dove “anticipano” parte della trama di Deadpool 3

Quick explainer video that tackles…
1)    Timeline questions
2)    Logan canon
3)    MCU FAQ
4)    Whether we can do this all day or not pic.twitter.com/50lBsfYS5p

— Ryan Reynolds (@VancityReynolds) September 28, 2022

Nel filmato, i due attori vogliono parlare direttamente ai fan e rispondere alle tantissime domande sorte in seguito all’annuncio del nuovo film di Deadpool. Tra tutte, la più importante riguarda la continuity del personaggio di Wolverine.

Infatti, al termine di Logan – The Wolverine, film del 2017, il personaggio si sacrifica per salvare i suoi compagni. Tuttavia, come confermato direttamente da Ryan Reynolds, le vicende di Logan – The Wolverine si svolgono nel 2029.

Questa data colloca la pellicola nel futuro del personaggio, mentre le vicende di Deadpool 3 avverranno in un periodo totalmente diverso. Ecco quindi confermato come sarà possibile vedere Wolverine nel nuovo film del Mercenario chiacchierone.

In seguito a questa informazione, inizia un simpatico siparietto con cui i due riescono a spiegare la trama di Deadpool 3 senza fare alcuno spoiler. Per scoprire come fanno, vi consigliamo di guardare il filmato.

Deadpool 3, Ryan Reynolds e Hugh Jackman svelano dettagli sulla trama Tecnoandroid

How to Install Tor Browser on Manjaro 21 Linux

Linux Today - Wed, 09/28/2022 - 20:00

Tor is open-source, free software that permits anonymous communication using online services like web surfing. Learn how to install Tor browser on Manjaro 21 Linux here.

The post How to Install Tor Browser on Manjaro 21 Linux appeared first on Linux Today.

Fedora 37 Drops the Hardware-Accelerated Video Decoding

Linux Today - Wed, 09/28/2022 - 19:30

A recent change in open-source Mesa package config file in Fedora 37 means that it has dropped hardware-accelerated video decoding. Learn more here.

The post Fedora 37 Drops the Hardware-Accelerated Video Decoding appeared first on Linux Today.

MAZDA MX-5, gli appassionati hanno stabilito un nuovo Guinness World Records

Tecnoandroid - Wed, 09/28/2022 - 19:00

MAZDA MX-5, gli appassionati hanno stabilito un nuovo Guinness World Records Tecnoandroid

La MAZDA MX-5 è certamente una macchina speciale, ma adesso è anche una vettura da Guinness World Records. Lo scorso 18 settembre, presso l’Autodromo di Modena, si è svolto il il Raduno dei Record che ha visto proprio la piccola MX-5 come protagonista.

Gli appassionati della roadster giapponese si sono incontrati per dare vita alla parata più grande del mondo dedicata alla Mazda MX-5. I giudici del Guinness World Records hanno certificato il risultato e, di conseguenza il titolo, grazie alle 707 vetture partecipanti. 

Gli organizzatori sono riusciti a battere il precedente primato stabilito in Olanda nel 2013. In quell’occasione, si sono radunate 683 vetture. Andando a ritroso, invece, nel 2010 in Germania è stato raggiunto per la prima il record con un raduno che ha contato 459 vetture.

 

La community italiana della Mazda MX-5 è una delle più importanti a livello mondale, come conferma il recente Guinness World Records

Come confermato direttamente dal produttore, i numeri per il record Italiano c’erano tutti e le alte aspettative sono state rispettate. Dal momento dell’apertura delle registrazioni, i posti disponibili sono andati sold-out in appena tre settimane. In totale si contavano oltre 900 vetture registrate per partecipare all’evento.

All’appuntamento presso l’Autodromo di Modena hanno partecipato gli appassionati di tutta Italia e non solo. Infatti, bisogna segnalare la presenza di miatisti provenienti da tutta Europa. Tra gli ospiti speciali spicca certamente il nome di Nobuhiro Yamamoto, l’ingegnere giapponese che ha curato lo sviluppo della MX-5 fin dalla prima generazione. Al suo fianco c’erano anche Loris Bicocchi, pilota e collaudatore, oltre che Davide Cironi, content creator su YouTube.

In occasione del raduno, ha visto al luce anche la NM Concept, una barchetta creata della startup Gorgona Cars, che omaggia le linee della Mazda MX-5. Lo sviluppo è curato dal dal giornalista automotive Omar Abu Eideh e dall’ingegnere David Galliano.

MAZDA MX-5, gli appassionati hanno stabilito un nuovo Guinness World Records Tecnoandroid

SpiralLinux Updated Built Upon the Stable Debian 11.5 Branch

Linux Today - Wed, 09/28/2022 - 19:00

SpiralLinux is a new Debian-based distro that focuses on simplicity and out-of-the-box usability. Learn more about changing features here.

The post SpiralLinux Updated Built Upon the Stable Debian 11.5 Branch appeared first on Linux Today.

Samsung Galaxy S23 Ultra nelle prime immagini: è caccia alle differenze con S22 Ultra

Android World - Wed, 09/28/2022 - 18:45

Manca ancora un po' di tempo al rilascio dei nuovi smartphone top di gamma di Samsung: solitamente, l'azienda coreana presenta e lancia i dispositivi della serie Galaxy S durante i primi mesi dell'anno, ma ovviamente iniziano già ad arrivare le prime indiscrezioni su Galaxy S23 e, in particolare, sono da poco trapelati dei render di Galaxy S23 Ultra.

Offerte Amazon

I render del prossimo top di gamma Samsung sono ora disponibili grazie a OnLeaks, celebre leaker che spesso parla di dispositivi in uscita e non ancora annunciati (e spesso ci vede giusto). Galaxy S23 Ultra sarà dunque decisamente simile al suo predecessore e dal punto di vista del design non ci sarà praticamente alcuna differenza.

Le dimensioni dello smartphone saranno di 163,4 x 78,1 x 8,8 mm: queste sono quasi identiche a quelle di S22 Ultra (quest'ultimo risulta più stretto e più basso, ma si parla di meno di un millimetro di differenza) e dunque con tutta probabilità Galaxy S23 Ultra monterà ancora una volta un pannello da 6,8 pollici. La parte frontale rimarrà invariata, con la fotocamera posta in un foro.

Tutti i vari pulsanti e il carrellino che accoglie la SIM saranno posti nelle stesse posizioni di Galaxy S22 Ultra, e anche le fotocamere posteriori rimarranno praticamente invariate per quanto riguarda il posizionamento. Piccola differenza nella curvatura della scocca: Galaxy S23 sarà infatti leggermente più squadrato, ma siamo certi che in pochi noteranno questo cambiamento.

Ovviamente, nonostante il design di Galaxy S23 Ultra rimarrà praticamente invariato rispetto alla passata generazione, Samsung porterà comunque qualche novità sul suo prossimo top di gamma: secondo OnLeaks, migliorerà la qualità dello schermo e delle fotocamere, oltre che al processore.

Poche le informazioni sull'hardware: probabilmente Samsung opterà per un SoC Snapdragon 8 Gen 2, ma non ci sono conferme in questo senso. Alcuni rumor parlano di ricarica rapida a 25 W per le varianti vendute in Cina e 45 W per quelle globali e un sensore principale da 200 MP, ma sicuramente qualche dettaglio in più arriverà nei prossimi mesi.

L'articolo Samsung Galaxy S23 Ultra nelle prime immagini: è caccia alle differenze con S22 Ultra sembra essere il primo su Androidworld.

Pages